Cerca nel blog

sabato 27 ottobre 2018

TAP, DIT/NCI AL M5S: NON BASTA UN POST SU FB PER LAVARVI LA COSCIENZA, SIETE PEGGIO DELLA ‘VECCHIA POLITICA’

TAP, DIT/NCI AL  M5S: NON BASTA UN POST SU FB PER LAVARVI LA COSCIENZA, SIETE PEGGIO DELLA 'VECCHIA POLITICA'

I consiglieri regionali del gruppo Direzione Italia/Noi con l'Italia (Ignazio Zullo, Francesco Ventola, Luigi Manca e Renato Perrini) chiedono ai colleghi, consiglieri regionali grillini, di fare una riflessione sul loro Movimento e sui giudizi dai alla "vecchia politica"

 

 

"Cari colleghi consiglieri del Movimento 5 Stelle più che stracciarvi le vesti su Facebook sul TAP che si fa, dovreste fare una seria riflessione su ciò che voi condannate:  la "vecchia politica", ma anche  su ciò che voi siete.

"Perché la 'vecchia politica' fa quello che propone ai cittadini e  promette cose che poi realmente riesce a mantenere. Voi siete peggio, propagandate, prendete voti ingannando la gente e poi fate le stesse cose che avrebbe fatto la 'vecchia politica'. Noi abbiamo perso elezioni, ma non abbiamo mai preso in giro gli elettori. Alle ultime Politiche avremmo potuto anche noi ribattere: se andiamo al Governo non in due ma in una settimana blocchiamo il TAP, chiudiamo l'ILVA e strappiamo il contratto con Acelor Mittal…

"Non lo abbiamo fatto per coscienza e responsabilità. Voi sì. E in Puglia avete stravinto e chi veniva sulla spiaggia di Melendugno ad aizzare le folle è diventato Ministro, Vicepremier e parlamentare. E oggi LORO e non altri hanno deciso che il TAP è "opera legittima".

"Per molto meno avete chiesto le dimissioni di chiunque… oggi non potete uscirne con un siamo "delusi e arrabbiati ma restiamo NO TAP". Sembra l'ennesima presa in giro ai pugliesi. Oggi da un Movimento come il vostro, quello del Cambiamento della Politica contro la 'vecchia politica' ci aspettiamo che chiediate le dimissioni di chi ha preso in giro anche voi perché lavarvi la coscienza con un post sui social non basta!"

 

Bari, 27 ottobre 2018



--
www.CorrieredelWeb.it

TAP, FITTO: ATTENDIAMO FIDUCIOSI CHE LA LEZZI E I PARLAMENTARI DEL M5S ELETTI IN SALENTO DICANO QUALCOSA


TAP, FITTO: ATTENDIAMO FIDUCIOSI CHE LA LEZZI E I PARLAMENTARI DEL M5S ELETTI IN SALENTO DICANO QUALCOSA

 

Dichiarazione del presidente di Noi con l'Italia, on. Raffaele Fitto

 

 

La Ministra  Lezzi ed i parlamentari del Movimento 5 Stelle salentini eletti in tutti i collegi della provincia non hanno nulla da dire sulla vicenda TAP?  

                                                              

La comunità salentina ha il diritto di sapere cosa pensano i loro rappresentanti in Parlamento ed al Governo? Dopo fiumi di parole, le urla e gli impegni assunti solennemente ora nemmeno una dichiarazione striminzita?  Attendiamo fiduciosi ...

 

Roma, 27 ottobre 2018



--
www.CorrieredelWeb.it

COMUNICATO STAMPA - Intesa tra Club alpino italiano e Federazione italiana escursionismo per promozione e sviluppo di escursionismo e sentieri | Brivio (LC), 26 ottobre


COMUNICATO STAMPA

INTESA TRA CLUB ALPINO ITALIANO E FEDERAZIONE ITALIANA ESCURSIONISMO
PER PROMOZIONE E SVILUPPO DI ESCURSIONISMO E SENTIERI

 

I rispettivi presidenti, Vincenzo Torti e Domenico Pandolfo, hanno firmato
ieri a Brivio (LC) un protocollo di collaborazione triennale.
Attenzione al completamento del Catasto Nazionale dei Sentieri
e dei tracciati europei "E-paths".
 
 
Milano, 27  ottobre 2018

L'escursionismo è una pratica di conoscenza e fruizione dolce e sostenibile del territorio, nel rispetto di paesaggio, ambiente, storia, cultura e tradizioni locali. Il turismo escursionistico e naturalistico, il cicloescursionismo e le attività di didattiche in natura devono poi conformarsi ai valori e agli obiettivi dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile sottoscritta all'Onu da 193 Paesi, tra i quali si trovano la conservazione e la conoscenza della biodiversità e l'equa gestione delle risorse naturali e culturali.

Con queste premesse i presidenti del Club alpino italiano e della Federazione italiana escursionismo, rispettivamente Vincenzo Torti e Domenico Pandolfo, hanno firmato, ieri a Brivio (LC), ospiti del Sindaco Federico Airoldi, un protocollo d'intesa triennale tra le due associazioni. La collaborazione ha come oggetto le attività connesse all'escursionismo e alle reti di sentieri, il perseguimento dell'uniformità della segnaletica e lo scambio di informazioni, attività e iniziative inerenti alla sostenibilità ambientale.

Entrando nel dettaglio Cai e Fie collaboreranno per completare in Italia la rete dei sentieri europei "E-paths", ideati dall'European Ramblers Association, e per completare e mantenere i tracciati che costituiscono il Catasto Nazionale dei Sentieri, della cui realizzazione il Ministero dei Beni Culturali e del Turismo ha incaricato il Club alpino a fine 2015.

Le due associazioni poi convengono sull'utilizzo degli standard Cai per la segnaletica dei sentieri (segnavia rosso-bianco-rosso), adottati ormai in molte regioni nelle rispettive normative, e sull'aggiunta di un segnavia europeo per l'identificazione dei sentieri internazionali a lunga percorrenza.

Per quanto riguarda la promozione dell'escursionismo è prevista, a livello locale, l'organizzazione di incontri presso gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, con lezioni in aula e successiva attività in ambiente.

Cai e Fie intendono infine recuperare e valorizzare itinerari storico-culturali minori, per consentire una loro fruizione sicura e responsabile.

Domenico Pandolfo e Vincenzo Torti hanno unanimemente sottolineato la valenza del protocollo: "FIE e CAI si stringono finalmente la mano come punto di partenza di una comune volontà di operare, valorizzando le capacità dei rispettivi volontari. Il tuttoin una prospettiva in cui l'andare per monti rappresenti un'occasione di conoscere e far conoscere, per una cultura di attenzione all'ambiente e a tutti coloro che vi si avventurano". 




--
www.CorrieredelWeb.it

RIFIUTI, ZULLO: IL DIRETTORE MAGISTA’ RISOLVE I PROBLEMI PIU’ DELLA REGIONE E DELLA CITTA’ METROPOLITANA


RIFIUTI, ZULLO: IL DIRETTORE MAGISTA' RISOLVE I PROBLEMI PIU' DELLA REGIONE E DELLA CITTA' METROPOLITANA

 

Dichiarazione del presidente del gruppo regionale di Direzione Italia/Noi con l'Italia, Ignazio Zullo

 

I cigli della strada trasformate in discarica: quante volte lo abbiamo denunciato! Rifiuti buttati e accatastati che fanno da cartolina di benvenuto a tanti centri urbani e abbiamo sempre pensato che per risolvere il problema dovessimo chiamare in causa il Presidente o l'Assessore all'Ambiente della Regione o l'Agenzia ai Rifiuti… Sbagliavamo! Non dovevamo chiedere a loro, ma al direttore del TgNorba, Enzo Magistà, al quale non un cittadino qualunque ma il presidente del Consiglio regionale, Mario Loizzo, si è rivolto per far togliere i rifiuti dalla Provinciale Sannicandro-Adelfia.

Detto, fatto… la denuncia alla tv è servita più di tante nostre interrogazioni al Governo regionale.

Morale: i Governi Regionale o della Città Metropolitana di Bari, entrambi guidati da PD, non sono in grado di risolvere i problemi dei cittadini. Magistà sì.

 

Bari, 27 ottobre 2018



--
www.CorrieredelWeb.it

NOTA STAMPA - DIMISSIONI DEL DIRETTORE GENERALE AGENZIA ICE

NOTA STAMPA

DIMISSIONI DEL DIRETTORE GENERALE AGENZIA ICE


 

Il Consiglio di Amministrazione di ICE - Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, nella seduta di oggi 26 ottobre 2018 ha preso atto delle dimissioni volontarie di Piergiorgio Borgogelli dalla carica di Direttore Generale dell'Agenzia. Con le sue dimissioni, che seguono quelle del Presidente Michele Scannavini del settembre scorso, Borgogelli ha inteso consentire all'Esecutivo il rinnovo dell'intera squadra di vertice dell'ICE per favorire la piena attuazione dei programmi e delle strategie del Governo circa le politiche riguardanti l'export di beni e servizi e l'attrazione degli investimenti esteri in Italia.

Il Consiglio di Amministrazione dell'ICE ha espresso a Piergiorgio Borgogelli i suoi più vivi ringraziamenti per l'ottimo lavoro svolto nel periodo del suo mandato, durante il quale l'Agenzia ha raggiunto notevoli risultati in termini di efficientamento ed aumento della produttività, registrando una crescita del numero delle imprese esportatrici e di quelle servite.



--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 26 ottobre 2018

Architetti e Ingegneri, diffida degli Ordini per prestazioni gratuite a Paternò

Richiesta revoca della determina sindacale n. 30/2018 del Comune di Paternò

 

ARCHITETTI E INGEGNERI: DIFFIDA DEGLI ORDINI ALLE AMMINISTRAZIONI

COMUNALI PER AFFIDAMENTO DI PRESTAZIONI GRATUITE

 

«Un corrispettivo non conforme infrange l'equo compenso e la deontologia professionale»

 

CATANIA – Gli Ordini professionali non ci stanno: la determina sindacale n.30/2018 emanata dal Comune di Paternò mina la dignità deontologica degli architetti e degli ingegneri iscritti all'Albo. Per questa ragione i presidenti delle due categorie – rispettivamente Alessandro Amaro e Giuseppe Platania – hanno inviato al sindaco Antonino Naso una nota di diffida, con esplicita richiesta di revocare in autotutela il provvedimento pubblicato lo scorso 18 ottobre.

La determina nomina due professionisti «consulenti e collaboratori per la materia riguardante le problematiche di protezione civile e redazione del piano comunale di protezione civile», riportando che i due tecnici «hanno dato la propria disponibilità ad essere incaricati e svolgere opera di collaborazione e/o consulenza a titolo gratuito».

«Specificando che l'ingegnere nominato ha tempestivamente comunicato al sindaco di non aver mai dato la propria disponibilità per prestazioni gratuite – affermano i presidenti Amaro e Platania – la determina vìola la normativa vigente sull'equo compenso e i codici deontologici degli Architetti e degli Ingegneri. Inoltre, nel Codice civile si che "la misura del compenso deve essere adeguata all'importanza dell'opera e al decoro della professione».

Un monito che nell'ultimo anno i due Ordini etnei hanno più volte ribadito a tutti i Comuni del territorio attraverso comunicazioni ufficiali, diffidando le amministrazioni dall'agire contrariamente alle direttive vigenti o dall'applicare una determinazione del corrispettivo non conforme.

«Confidiamo – concludono i presidenti – nella collaborazione di tutti gli iscritti per tutelare il decoro delle nostre professioni, rispettando e facendo rispettare le norme deontologiche, nella diversificazione dei ruoli e delle funzioni esercitate come liberi professionisti, dirigenti e dipendenti della pubblica amministrazione».



--
www.CorrieredelWeb.it

Oro Saiwa lancia insieme a Bitmama la prima colazione davvero social


Oro Saiwa lancia insieme a Bitmama la prima colazione davvero social
 
Ogni giorno migliaia di persone postano sui propri canali social foto dei propri momenti a tavola, e in particolare della propria colazione. Partendo da questo comportamento spontaneo diffusissimo, Bitmama ha ideato una campagna social particolare, in controtendenza rispetto alle classiche activation digitali: non si tratta infatti di un concorso, ma di un'operazione di beneficienza.
Grazie alla collaborazione tra Oro Saiwa e il Banco Alimentare oggi è possibile donare una colazione semplicemente con un post su Instagram: per partecipare basta scattare una foto della propria colazione con Oro Saiwa, pubblicarla con l'hashtag #orosaiwa e taggare il profilo ufficiale del brand @orosaiwait. Ad ogni colazione pubblicata in questo modo dagli utenti, corrisponderà una colazione donata da parte del brand. Un'occasione per trasformare una semplice azione sui social in un gesto concreto di condivisione e generosità, e ridare all'aggettivo "social" un valore più profondo.
 
L'operazione digital lavora in sinergia con il messaggio dello spot istituzionale on air in TV nello stesso periodo ed è stata pensata proprio per rendere concreta la mission del brand: esserci per tutte le famiglie italiane e promuovere i valori dell'inclusione e dell'accoglienza.
 
Il lancio della "colazione social" coincide inoltre con l'apertura del canale Instagram ufficiale Oro Saiwa, dove verranno raccolti i migliori contributi degli utenti, e vede il coinvolgimento di diversi influencer (grazie ad un lavoro congiunto con l'agenzia IDA) per dare il via al passaparola, elemento fondamentale per una campagna che vuole coinvolgere e unire la community intorno a un obiettivo comune.
 
Crediti:
Agenzia: Bitmama
Chief Creative Officer: Fabio Padoan
Head of Brand Experience & Copywriter: Julie Carpinelli
Senior Art Director & Illustrator: Alessandro Blengino
Social Media Manager: Elena Loro, Cecilia Sponza
Client Service Director: Ethiopia Abiye
 
Influencer Digital Agency: IDA
Media Agency: Carat
 

Milano, 26 ottobre 2018



--
www.CorrieredelWeb.it

PROVINCIA LECCE, FITTO: GABELLONE, UN UOMO DELLE ISTITUZIONI. SERIO E COMPETENTE, UNA RARITA’ OGGI IN POLITICA…


PROVINCIA LECCE, FITTO: GABELLONE, UN UOMO DELLE ISTITUZIONI. SERIO E COMPETENTE, UNA RARITA' OGGI IN POLITICA…

Così il presidente di Noi con l'Italia, on. Raffaele Fitto

 

Prima di essere un uomo di partito, Antonio Gabellone è un uomo delle Istituzioni.

Un ruolo che per nove anni ha interpretato alla guida della Provincia di Lecce in maniera seria e competente. In un'epoca nella quale è più facile guadagnare i titoloni e il consenso strillando, protestando, parlando alla pancia Gabellone ha preferito mettersi al servizio. Non ha gridato, neppure nel suo ruolo di presidente UPI,  con l'allora Ministro Delrio che toglieva risorse al suo Ente, ma non funzioni. Nella convinzione che la politica è prima di tutto servizio ai cittadini e poi visibilità e onori per se stesso. Lascia aziende sanate, ha investito tutto ciò che ha potuto nella sicurezza delle scuole e delle strade di competenza provinciale, ha gestito il personale in una fase delicatissima che ha reso le Province una sorta di Istituzioni fantasma.

La politica ha bisogno di uomini come lui, ha bisogno di serietà e competenza.

 

Lecce, 26 ottobre 2018



--
www.CorrieredelWeb.it

RATING PUBBLICO, ZULLO: PEGGIO DELLA PUGLIA SOLO IL MOLISE, SIAMO LA REGIONE PEGGIORE PER QUALITA’ DELLA PA


RATING PUBBLICO, ZULLO: PEGGIO DELLA PUGLIA SOLO IL MOLISE, SIAMO LA REGIONE PEGGIORE PER QUALITA' DELLA PA

 

Dichiarazione del presidente del gruppo regionale di Direzione Italia/Noi con l'Italia, Ignazio Zullo

 

 

Altro che Bilancio solido! I conti possono anche tornare ma per qualità dei servizi offerti dalla Regione siamo ultimi, peggio della Puglia solo il Molise. Fanalino di coda della classifica del Rating Pubblico  che misura la trasparenza, l'integrità e la performance delle Amministrazioni pubbliche, in questo caso delle Regioni, non con i dati forniti da queste, ma proprio con il coinvolgimento dei cittadini e degli stakeholders. Sono questi che danno le pagelle ai servizi, specie sanitari, che vengono offerti e la Puglia sta decisamente messa male: un penultimo posto con 43 punti totalizzati rispetto all'Emilia Romagna (regione per altro con la stessa popolazione) che si piazza al primo posto con 85 punti. Il valore medio è di 60. Vale a dire che gli abitanti dell'Emilia Romagna hanno giudicato la propria Regione molto al di sopra della media nazionale, mentre i pugliesi l'hanno bocciata clamorosamente.

Non ci meraviglia, dalla Sanità all'Agricoltura il disastro è totale, la qualità della Pubblica Amministrazione fra le peggiori d'Italia.

 

Bari, 26 ottobre 2018

 



--
www.CorrieredelWeb.it

COMUNALI BARI, ZULLO A DECARO: CONDIVIDIAMO E CONSERVEREMO LE TUE BELLE E DIGNITOSE DICHIARAZIONI, MA IL DESTINATARIO E’ SOLO UNO, EMILIANO!


COMUNALI BARI, ZULLO A DECARO: CONDIVIDIAMO E CONSERVEREMO LE TUE BELLE E DIGNITOSE DICHIARAZIONI, MA IL DESTINATARIO E' SOLO UNO, EMILIANO!

Dichiarazione del presidente del gruppo regionale di Direzione Italia/Noi con l'Italia, Ignazio Zullo

 

Antonio Decaro, sindaco di Bari e della Città Metropolitana, non avrà mai il nostro sostegno politico. Non faremo mai parte della sua coalizione perché abbiamo un'altra idea di Bari, siamo convinti che per il capoluogo non sia stato un buon primo cittadino e il pensiero che possa essere alla guida della città per altri cinque anni ci preoccupa.

Ma le sue dichiarazioni politiche meritano non solo rispetto ma anche condivisione:- 'non sono disposto a vendermi l'anima per qualche voto in più' -  perché interpretano esattamente un modo di fare politica che sentiamo anche nostro e che è distante anni luce da quello del presidente della Regione Michele Emiliano. Perciò Decaro dovrebbe indirizzare proprio al suo predecessore quelle dichiarazioni: perché il sindaco di Bari non può non sapere che quel guazzabuglio di liste civiche - che per la stragrande maggioranza proviene dal centrodestra; alcuni firmatari di quel documento fino a qualche giorno fa seduti erano seduti al tavolo della nostra coalizione – ha proprio la regia di Emiliano! Non una regia disinteressata, non per far vincere il centrosinistra al Comune di Bari, ma per preparare un Piano B per sé alle Regionali del 2020.

A Decaro diciamo che conserveremo gelosamente queste dichiarazioni, perché confidiamo che non si lascerà convincere da Emiliano a imbarcare tutti sulla nuova Arca di Noè, dove non vorremmo che tolti i simboli, candidati moglie-figli-amici, possa rimangiarsi ciò che oggi gli ha dato l'immagine di un politico con una grande dignità!

 

Bari, 26 ottobre 2018



--
www.CorrieredelWeb.it

INAUGURAZIONE SCUOLA DI LIBERALISMO ROMA - 13 NOVEMBRE - FONDAZIONE SORGENTE GROUP



"L'Italia è riformabile?"

Cisnetto, De Filippi, Orsina e Petroni inaugurano la Scuola di Liberalismo di Roma

 

 

Martedì 13 novembre parte la Scuola di Liberalismo di Roma con una tavola rotonda dal titolo L'Italia è riformabile? Al dibattito, che si terrà presso lo Spazio Espositivo della Fondazione Sorgente Group (Via del Tritone, 132) e che sarà moderato da Giuseppe De Filippi, prenderanno parte Enrico Cisnetto, Giovanni Orsina e Angelo Maria Petroni.

 

La Scuola di Liberalismo è un corso di formazione politica diretto da Enrico Morbelli, in programma a Roma dal 13 novembre 2018 al 31 gennaio 2019, suddiviso in 18 lezioni, a una o più voci, tenute da: Ernesto Belisario, Rosamaria Bitetti, Andrea Carteny, Franco Chiarenza, Enrico Cisnetto, Giuseppe De Filippi, Veronica De Romanis, Beppe Facchetti, Piercamillo Falasca, Andrea Gilli, Andrea Giuricin, Guido Lenzi, Beatrice Lorenzin, Andrea Merlo, Roberta Modugno, Giovanni Orsina, Pietro Paganini, Angelo Maria Petroni, Carlo Stagnaro, Marco Taradash, Giovanni Vetritto e Guido Vitiello

 

La Scuola è sorta a Roma nel 1988 ed ha finora svolto la sua attività in quindici città d'Italia. Questo corso è il 28esimo nella Capitale, il 114esimo dalla fondazione, ed è organizzato dall'associazione SdL Scuola di Liberalismo con la collaborazione di Competere e con il patrocinio dell'ISPLI Istituto storico per il pensiero liberale.

 

Le iscrizioni si ricevono per posta elettronica scrivendo a scuoladiliberalismo@teletu.it e formalizzando (€ 35) alla prima lezione utile. Chi seguirà due terzi delle lezioni riceverà l'attestato di frequenza.

 

Gli iscritti d'età inferiore ai 30 anni potranno concorrere con un elaborato a tre borse premio: una da € 600 offerta da Adriano Teso, una da € 500 messa in palio da Competere e una da € 400 donata da vecchi liberali ed ex allievi della Scuola. Un estratto della tesi migliore sarà pubblicato su Libro Aperto, la rivista diretta da Antonio Patuelli.

 

Gli allievi migliori verranno segnalati a IES The Institute for Economic Studies di Parigi per essere accolti nei loro corsi estivi gratuiti.

 

Le lezioni - trasmesse da Radio Radicale e coordinate da Elvira Cerritelli e Saro Freni (laboratorioliberale@gmail.com e sarofreni@tiscali.it 349.1066065) - si svolgeranno di regola il lunedì e il giovedì dalle 18 alle 20.




--
www.CorrieredelWeb.it

Campania. EMERGENZA ROGHI, MORONESE (M5S): REGIONE FRENI RILASCI AUTORIZZAZIONI AMBIENTALI PER NUOVI IMPIANTI

EMERGENZA ROGHI, MORONESE (M5S): REGIONE FRENI RILASCI AUTORIZZAZIONI AMBIENTALI PER NUOVI IMPIANTI



ROMA, 26 OTTOBRE - "Siamo sotto attacco. Oggi un altro impianto di trattamento dei rifiuti è andato a fuoco a Marcianise, nel casertano, e i cittadini sono intossicati e allo stremo".

A dichiararlo è la senatrice e presidente della Commissione Ambiente, Vilma Moronese.

"Qui nella Terra dei Fuochi siamo divisi: da un lato tutti quelli che lottano ogni giorno chiedendo bonifiche per i territori e per le discariche abusive e vogliono vivere respirando aria pulita; dall'altro c'è chi fa parte di un sistema di gestione dei rifiuti apparentemente funzionante e silente ma che in realtà mostra il suo volto criminale quando vede i suoi profitti diminuire e arriva anche ad incendiare gli impianti o per far nuovo spazio utile al business, o per ritorsione".

"È giusto invocare lo Stato che deve svolgere assolutamente il suo ruolo, ma è importantissimo che in una situazione del genere la Regione Campania, soggetto istituzionale che per legge ha la competenza in materia, si attivi per fare i dovuti controlli, e metta un freno al rilascio di autorizzazioni ambientali per nuovi impianti di cui il territorio non ha bisogno".
"Senza garanzie, senza controlli, e su territori già fortemente compromessi da disastri ambientali e dove non passa giorno senza che un nostro caro o un conoscente si ammali di tumore, dove c'è la presenza elevatissima di stabilimenti per il trattamento dei rifiuti, non devono essere rilasciate più autorizzazioni per impianti che mettono a rischio la salute dei cittadini e devastano l'ambiente!"
"È il momento di scegliere da che parte stare, io la mia scelta l'ho fatta, da sempre sono con i cittadini contro i signori della munnezza, ora tocca alla Regione Campania, l'assessore all'ambiente e il Presidente da che parte stanno?"

26 OTTOBRE - "Siamo sotto attacco. Oggi un altro impianto di trattamento dei rifiuti è andato a fuoco a Marcianise, nel casertano, e i cittadini sono intossicati e allo stremo".

A dichiararlo è la senatrice e presidente della Commissione Ambiente, Vilma Moronese.

"Qui nella Terra dei Fuochi siamo divisi: da un lato tutti quelli che lottano ogni giorno chiedendo bonifiche per i territori e per le discariche abusive e vogliono vivere respirando aria pulita; dall'altro c'è chi fa parte di un sistema di gestione dei rifiuti apparentemente funzionante e silente ma che in realtà mostra il suo volto criminale quando vede i suoi profitti diminuire e arriva anche ad incendiare gli impianti o per far nuovo spazio utile al business, o per ritorsione".

"È giusto invocare lo Stato che deve svolgere assolutamente il suo ruolo, ma è importantissimo che in una situazione del genere la Regione Campania, soggetto istituzionale che per legge ha la competenza in materia, si attivi per fare i dovuti controlli, e metta un freno al rilascio di autorizzazioni ambientali per nuovi impianti di cui il territorio non ha bisogno".

"Senza garanzie, senza controlli, e su territori già fortemente compromessi da disastri ambientali e dove non passa giorno senza che un nostro caro o un conoscente si ammali di tumore, dove c'è la presenza elevatissima di stabilimenti per il trattamento dei rifiuti, non devono essere rilasciate più autorizzazioni per impianti che mettono a rischio la salute dei cittadini e devastano l'ambiente! È il momento di scegliere da che parte stare, io la mia scelta l'ho fatta, da sempre sono con i cittadini contro i signori della munnezza, ora tocca alla Regione Campania, l'assessore all'ambiente e il Presidente da che parte stanno?"



--
www.CorrieredelWeb.it

TAP, FITTO: OPERA LEGITTIMA. LO SAPEVAMO, LO SAPEVANO ANCHE I GRILLINI CHE HANNO PRESO IN GIRO GLI ELETTORI

TAP, FITTO: OPERA LEGITTIMA. LO SAPEVAMO, LO SAPEVANO I GRILLINI CHE HANNO PRESO IN GIRO GLI ELETTORI

Dichiarazione del presidente di Noi con l'Italia, on. Raffaele Fitto

 

Il Ministro all'Ambiente, il generale  Costa, ci comunica che il Tap è legittimo.

Lo sapevamo, ma soprattutto lo sapevano anche  gli esponenti del Movimento 5 Stelle che, in quanto parlamentari, avevano avuto tutto il tempo di leggere le carte e le sentenze, specie quella del Consiglio di Stato del marzo 2017 ( esattamente 1 anno prima delle elezioni politiche) , ma hanno preferito prendere in giro gli elettori in campagna elettorale promettendo che l'opera sarebbe stata bloccata in due settimane. I cittadini hanno creduto in loro  votandoli e oggi sono loro sono proprio quei Ministri che, con quei voti, chiudono l'iter approvativo dell'opera.

Speriamo che oggi sia l'ultimo atto di una commedia squallida portata avanti demagogicamente carpendo la buona fede della popolazione e lo stesso Costa oggi avrebbe fatto bene a limitarsi a dire che il Tap è legittimo, se questo sia o meno il suo pensiero o se ritenga giusta o meno l'opera sono opinioni che attengono ad un elettore  non a un Ministro dell'Ambiente…

 

Roma, 26 ottobre 2018



--
www.CorrieredelWeb.it

Energia: 'truffa del fotovoltaico', è arrivata l'assoluzione

Roma, 25 ott. (AdnKronos)

(Red/AdnKronos)

Dopo 8 anni di sequestri e procedimenti penali culminati nel 2013 con una misura cautelare preventiva ordinata dall'allora Gip di Brindisi Paola Liace, su richiesta dell'allora sostituto procuratore Nicolangelo Ghizzardi, che portò in carcere 16 professionisti con l'accusa di aver truffato oltre 300 milioni di euro, percependo incentivi di Stato, frutto di un presunto aggiramento della normativa urbanistica, per i cosiddetti 'furbetti del fotovoltaico', è arrivata l'assoluzione.

Ieri, infatti, nell'aula del Tribunale di Roma, dove il procedimento era approdato per ragioni di competenza giurisdizionale, il Giudice dell'udienza preliminare della Procura di Roma, Giulia Proto, su richiesta del Pm Alberto Galanti, che ha chiesto il non luogo a procedere per tutti gli imputati, ha assolto tutti gli imputati con formula piena in quanto per l'accusa di associazione a delinquere: "il fatto non sussiste", per l'illecita percezione degli incentivi "non è stato commesso il reato" e per l'abuso edilizio "il fatto non sussiste". In buona sostanza il giudice ha stabilito che era tutto regolare e che nessun processo verrà portato avanti.

Protagonisti della vicenda sono i vecchi manager di Global Solar Fund e quelli di Energetica -il cino-spagnolo Javier Romero e l'italiano Gaetano Buglisi- che avevano messo in piedi, già nel 2007, la realizzazione di quello che sarebbe stato il progetto più grande d'Europa nel fotovoltaico, con la previsione di investimento in Puglia di oltre 900 milioni di euro, finanziati quasi interamente dal governo cinese attraverso la China Development Bank.


Fonte: 
(Red/AdnKronos)
ISSN 2465 - 1222
25-OTT-18 18:38

RvB ARTS - ACCESSIBLE ART - mostre personali di EVITA ANDÚJAR Stolen Selfies e DALILA BELATO Butterfly - Inaugurazione giovedì 8 e venerdì 9 novembre 2018 - Roma






Con cortese richiesta di pubblicazione e diffusione,
cordiali saluti,
Caterina Falomo

In allegato:
- comunicato stampa
- invito
- 3 immagini delle opere per ciascuna artista (le immagini in alta risoluzione possono essere richieste a me); nel nome del file è indicato il titolo dell'opera, tecnica e misure





RvB ARTS inaugura a Roma in via delle Zoccolette e in via Giulia

 

le mostre personali di

 

EVITA ANDÚJAR

Stolen Selfies

 

 

DALILA BELATO

Butterfly

 

Vernissage e cocktail: giovedì 8 e venerdì 9 novembre 2018

dalle 18:00 alle 22:00

 

RvB Arts - Via delle Zoccolette 28, 00186 Roma

Antiquariato Valligiano - Via Giulia 193, 00186 Roma

 

la mostra resterà aperta fino a martedì 4 dicembre

orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso

 

Curatrice e organizzazione: Michele von Büren di RvB Arts

Testo critico: Luisa Grigoletto

info 3351633518  |  www.rvbarts.com

 

RvB Arts è lieta di presentare STOLEN SELFIES, la mostra personale dell'artista spagnola EVITA ANDÚJAR, e BUTTERFLY, la mostra personale della scultrice siciliana DALILA BELATO, in un ipotetico arco che unisce due sponde del Mediterraneo, ricche di suggestioni e modalità espressive volte al recupero del genere figurativo.


Stolen Selfies è dedicata agli ultimi quadri di Evita Andújar che intende continuare a riflettere su come la rete pervade la nostra vita personale e su come la comunicazione sovrasta l'identità, con il suo flusso continuo e incessante di dati e la sua dinamica anarchica. Andújar ora si appropria di alcune immagini - postate su Instagram - vuote di contenuto, le porta alla sua dimensione 'liquida' e le carica con il proprio vissuto personale. Il suo intento è quello di mettere in discussione l'importanza dell'apparire e non dell'essere. L'immediatezza della tecnica e la ruvidità della tela di juta le permettono di creare opere in cui le figure si formano attraverso audaci passaggi di colore. In tal modo l'artista porta in superficie una realtà all'apparenza sfavillante e multicolore, dove tutto è giocato sul piano dell'instabilità. L'immagine che ne risulta appare doppia e traslata, come in continua ridefinizione. La ritualità ed intimità dei momenti rappresentati vengono registrati con una gestualità decisa e frenetica, lucida e tagliente.

Andújar nasce ad Écija in Spagna nel 1974, si laurea presso la Facoltà di Belle Arti di Siviglia nel 1997 e nel 2000 vince la prestigiosa borsa di studio dell'Accademia di Spagna a Roma. È vincitrice di premi noti come il Premio Adrenalina, il Premio G. Casciaro, il Premio Fragmenta Curae, il Premio Il Volo di Pegaso e il Premio Speciale in Arteam Cup, mentre era finalista nel 2016 nel Premio Arte Laguna. Le sue opere sono collocate in collezioni permanenti come la Fondazione Roma, la Fondazione Luciano Benetton, il Museo SAC di Ortigia, il Museo Diocesano e il BoCs Art Museum di Cosenza e il museo dell'arte contemporanea di Latina MADXI.

  

Butterfly presenta le nuove sculture di Dalila Belato. La scultrice siciliana si dedica allo studio dell'anatomia umana, realizzando opere raffiguranti parti del corpo – come visi, piedi e mani – reinventando un linguaggio universale in modo personale, innovativo e ironico. Per certi aspetti, le sue opere si assestano nel filone del realismo, nel senso che, pur nella brillantezza e candore del materiale, si spingono a riprodurre anche le più minute particolarità della pelle, arrivando nei volti a catturare, come un'istantanea, espressioni di grande vitalità. Allo stesso tempo, sovrappone all'umano il mondo degli insetti, in particolare le farfalle…Ocra, terra bruciata, turchesi, a dozzine ricoprono il capo di una donna, colta in un sorriso appena abbozzato; la loro presenza soave e delicata allude tanto al processo stesso di trasformazione, sia fisica che, per traslato, spirituale, quanto ad un mondo altro. Le sue opere coniugano e avvicinano questi due universi, sottolineando in particolare la complessità e perfezione formale di quello animale, caratterizzato da colori brillanti e accesi.

 

Belato è nata a Palermo nel 1982, consegue il diploma presso l'Istituto d'Arte e successivamente dedica i suoi studi al restauro lapideo, continuando però a mantenere vivo l'interesse per la scultura e il modellato. Le sue sculture sono realizzate attraverso tecniche miste e materiali ibridi, con l'uso di patine finali che, a seconda dei casi, le rendono simili al bronzo, al marmo e al ferro. Nel 2015, Belato vince il Premio sezione scultura di Expo ArteItaliana curata da Vittorio Sgarbi a Varedo (MI). Vive e lavora a Palermo.

 

Creata da Michele von Büren, RvB Arts promuove l'Accessible Art. Scova talenti emergenti e organizza mostre ed eventi con lo scopo di far conoscere l'arte contemporanea in maniera divertente ed informale, rendendola anche 'abbordabile' da un punto di vista economico.

 

Michele von Büren: creatrice di RvB Arts; www.rvbarts.com | info@rvbarts.com

Luisa Grigoletto: critica d'arte | luisa.grigoletto@gmail.com

Ufficio stampa: Caterina Falomo | +39 346 8513723 | caterina@pennarossapresslab.it



______________

Caterina Falomo
Ufficio Stampa / Comunicazione
cell. 346.8513723 - Roma
E-mail: caterina@pennarossapresslab.it
www.pennarossapresslab.it

Facebook:
Caterina Falomo
Caterina Falomo - libri 


Truffe online – i consigli ESET per non cadere nella rete dei criminali

Ottobre è il mese dedicato alla sicurezza informatica e per aiutare gli utenti a difendersi dalle truffe quotidianamente diffuse su Internet, gli esperti ESET hanno deciso di compilare un piccolo, ma fondamentale, elenco di consigli per individuare le minacce phishing.

Che si tratti di messaggi SMS, WhatsApp o email lo scopo dei criminali è sempre quello, indurre l'utente a cliccare su un contenuto pericoloso che permetterà di sottrarre ai malcapitati informazioni riservate come i dati personali o quelli finanziari.

Inoltre però le nuove campagne di phishing sono sempre più sofisticate e rese plausibili per gli utenti che quotidianamente sono bersagliati da messaggi che sembrano provenire dalla loro banca, da famose catene di negozi o addirittura dalla Polizia Postale stessa.

Proprio per questo ESET consiglia a tutti gli utenti di considerare questi 5 punti prima di ritenere affidabile il contenuto di un messaggio:

1. Massima prudenza durante la navigazione online

Il primo consiglio potrebbe sembrare banale, ma non lo è affatto; il fattore umano è considerato infatti a ragione l'anello debole del processo di sicurezza ed è quindi sempre estremamente importante   usare attenzione e prudenza durante la navigazione on-line e nel leggere le email. Ad esempio, mai cliccare in automatico su link (anche sui social media), scaricare file o aprire allegati e-mail, anche se sembrano provenire da una fonte nota e attendibile.

2. Attenzione ai link abbreviati

E' importante fare attenzione ai collegamenti abbreviati, in particolare sui social media. I criminali informatici spesso utilizzano questo tipo di stratagemma per ingannare l'utente, facendogli credere che sta cliccando su un link legittimo, quando in realtà è stato pericolosamente dirottato verso un sito fasullo.

Gli esperti di ESET consigliano di posizionare sempre il mouse sul link per vedere se questo effettivamente punta al sito di interesse o se al contrario potrebbe indirizzare verso altre destinazioni pericolose.

I criminali informatici possono usare questi siti 'falsi' per rubare i dati personali inseriti o per effettuare un attacco drive-by-download, infettando il dispositivo con dei malware.

3. Dubbi su un messaggio di posta? Leggerlo di nuovo!

Le email di phishing sono spesso evidenti e identificarle è abbastanza facile. Nella maggior parte dei casi presentano infatti molti errori di battitura e punteggiatura, parole interamente scritte in maiuscole e vari punti esclamativi inseriti a caso nel testo. Inoltre hanno spesso un tono impersonale e saluti di carattere generico, tipo ' Gentile Cliente ', seguiti da contenuto non plausibile o fuori contesto.

I cybercriminali spesso commettono errori in queste e-mail, a volte anche intenzionalmente per superare i filtri anti-spam dei provider.

4. Diffidare dalle minacce e dagli avvisi di scadenze imminenti

Molto raramente gli enti pubblici o le aziende importanti richiedono agli utenti un intervento urgente; di solito le minacce e l'urgenza – soprattutto se provenienti da aziende estremamente famose – sono un segno di phishing.

Alcune di queste minacce possono includere le comunicazioni su una multa, o il consiglio a bloccare il proprio conto. Bisogna ignorare queste tattiche intimidatorie e contattare il mittente privatamente attraverso altri canali.

5. Navigare sicuri sul protocollo HTTPS

Si dovrebbe sempre, ove possibile, usare un sito web sicuro per navigare (indicato da https: // contraddistinto dall'icona a "lucchetto" nella barra degli indirizzi del browser), soprattutto quando si trasmettono delle informazioni sensibili online come ad esempio i dati della carta di credito.

Non si dovrebbe mai usare una rete WiFi pubblica per accedere al proprio conto bancario, per acquistare o immettere informazioni personali online. In caso di dubbio, utilizzare la connessione 3/4G o LTE del vostro dispositivo. In futuro sarà sempre più facile individuare i siti non sicuri, infatti la stessa Google ha iniziato a segnalare ai suoi utenti i siti che non offrono una protezione adeguata.

 

Per ulteriori informazioni su ESET Italia visitare il sito www.eset.it




Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota