Cerca nel blog

sabato 26 marzo 2016

I DIRITTI DA NON DIMENTICARE - DIRITTO DI ASSEMBLEA NEI LUOGHI DI LAVORO ARTICOLO 20 LEGGE 300/1970

DIRITTO DI ASSEMBLEA NEI LUOGHI DI LAVORO - ARTICOLO 20 LEGGE 300/1970

 

Lo Statuto dei Lavoratori, Legge 300/197 art. 20, sancisce quale diritto per tutti i lavoratori, pubblici e privati, a riunirsi in assemblea nel loro luogo di lavoro.

Il diritto a riunirsi in assemblea si esercita (vedi art. 35 L. 300/1970): nella aziende che occupano più di quindici lavoratori; aziende agricole con più di 5 lavoratori; nel settore pubblico.

I lavoratori hanno diritto a partecipare all’assemblea indipendentemente dall’iscrizione ad un sindacato per discutere materie di interesse sindacale e del lavoro.

L’assemblea si può organizzare in orario di lavoro (assemblea retribuita) e fuori orario di lavoro (sempre nel luogo di lavoro – assemblea non retribuita).

La Statuto dei Lavoratori stabilisce che ad ogni lavoratore siano riconosciute dieci ore/anno retribuita per partecipare all’assemblea. I Contratti Collettivi Nazionali o gli accordi aziendali possono disciplinare un numero di ore superiore a dieci.

ORGANIZZATI NEL SINDACATO GENERALE DI BASE SGB

SGB - MONZA BRIANZA 3470162717

 





Questa e-mail è stata inviata da un computer privo di virus protetto da Avast.
www.avast.com

“Una storia di Azzurro e Amicizia”, a Cori il ricordo dell’Ing. Alessandro Marchetti

Venerdì 1 Aprile, alle ore 09:30, il Complesso Monumentale di Sant'Oliva ospiterà una conferenza in memoria dell'Ingegner Alessandro Marchetti nell'anno del Cinquantesimo anniversario della sua morte. L'incontro, organizzato dalla 4ª Brigata Telecomunicazioni e Sistemi per la Difesa Aerea e l'Assistenza al Volo di Borgo Piave e dal Comune di Cori, rientra nell'ambito dell'evento "Una storia di Azzurro e di Amicizia".

Sarà un importante momento per raccontare il forte legame storico-culturale esistente tra il territorio pontino e l'Aeronautica Militare. Una storia iniziata nel 1927 con la presenza di tre campi di volo a Cisterna, Sezze Romano e Terracina, che garantirono sicurezza a tutti quei piloti che sorvolarono i cieli laziali, fino ad arrivare ai giorni odierni dove sono presenti la 4ª Brigata e il 70° Stormo, due reparti d'eccellenza della Forza Armata. Una storia che racconta come lo stesso agro pontino sia stato importante per l'Arma Azzurra con personaggi che si sono contraddistinti per abnegazione e coraggio, come Giorgio Rossi, Publio Magini (Comandante e pilota istruttore della scuola di volo senza visibilità) o Alessandro Marchetti, noto progettista e costruttore pontino entrato nella storia dell'Aeronautica Militare.

L'Ingegner Alessandro Marchetti (Cori, 18 Giugno1884 – Sesto Calende, 5 Dicembre 1966) è una figura di spicco nel settore aeronautico mondiale, che si distinse per la sua alacre inventiva e capacità tecnica nella costruzione dei primi velivoli. Il convegno sarà presieduto dal Generale di Brigata Aerea Giuseppe Sgamba, Comandante della 4ª B.T.S. D.A./A.V. Sarà presente il Prefetto di Latina, Pierluigi Faloni e il Sindaco di Cori, Tommaso Conti. Tra i relatori il Gen. (R) Euro Rossi (ex Com.te del 70° Stormo ed autore del libro "Nido d'Aquile"), Alessandro Caucci Molara (rappresentante della famiglia Marchetti), Gregory Allegi (storico e giornalista aeronautico) e il Tenente Colonnello Paolo Nurcis (rappresentante dell'Ufficio Storico dello Stato Maggiore Aeronautico).

venerdì 25 marzo 2016

VIA FRANCIGENA, IL CAMMINO STORICO DIVENTA ACCESSIBILE

L’iniziativa di Free Wheels presentata assieme all’intergruppo parlamentare Via Francigena.

Il 28 marzo parte il viaggio di Free Wheels onlus:

obiettivo creare un itinerario e accoglienze per una Francigena aperta “per tutti

Ottocentotrenta chilometri, in quattordici tappe, in due settimane. E’ questo il primo traguardo che Pietro Scidurlo con la sua hand-bike e i suoi compagni di viaggio senza automezzi di supporto si apprestano a raggiungere pedalando lungo la Via Francigena per fare una fotografia della situazione attuale vista attraverso gli occhi di una persona con esigenze speciali. Un progetto che non poteva trovare cornice migliore dell’anno del Giubileo della Misericordia e nell’Anno dei Cammini annunciato dal ministro Franceschini, per rendere uno degli itinerari storici più importanti d’Europa un vero e proprio cammino dell’accoglienza aperto a tutti. L’iniziativa è stata presentata oggi alla Camera dei Deputati, ospitata dai parlamentari dell’intergruppo “Via Francigena” che faranno un po’ da sostenitori e un po’ da testimonial nei vari territori attraversati dal cammino di Free Wheels.

Alla conferenza stampa che si è tenuta stamattina a Montecitorio sono intervenuti Stella Bianchi membro dell’Intergruppo “Via Francigena”, Pietro Scidurlo e Giancarlo Cotta Ramusino di Free Wheels, oltre agli altri membri dell’Intergruppo Chiara Scuvera, Marco Bergonzi, Raffaella Mariani, Susanna Cenni e Alessandra Terrosi.

“Siamo particolarmente lieti di promuovere l’iniziativa di Free Wheels”, spiega Stella Bianchi, “perché crediamo che i cammini, e la Via Francigena prima fra tutti, siano un’occasione di sviluppo per il Paese. Sono questi i turismi di cui ha bisogno l’Italia, sostenibili per l’ambiente, aperti e accessibili a tutti, inclusivi. La crescita economica e culturale del nostro paese passa anche da qui, attraverso lo sviluppo di strutture ricettive adeguate e la mappatura dei percorsi. L’Italia diventerà più ricca e non solo in termini economici se saprà accogliere quanti vogliono fare un’esperienza sui cammini storici, come forma di turismo consapevole e occasione di sviluppo anche per i nostri splendidi borghi storici, anche quelli ancora lontani dal turismo di massa. Un valore che aumenta quanto più i cammini sono davvero aperti a tutti, occasione per ognuno di bellezza e di esperienza e crescita personale”.

Forte dell’esperienza già condotta con la guida “Santiago per tutti” di Terre di Mezzo Editore, studiata per rendere il Cammino di Santiago di Compostela accessibile a tutti, Pietro Scidurlo con la sua associazione Free Wheels studierà il percorso della Francigena – un cammino che secondo le stime dell’Associazione Europea Vie Francigena nel 2015 è stato percorso da oltre 40 mila persone per più giorni con oltre 350 mila pernottamenti - per suggerire valide soluzioni, anche tecnologiche, alle varie difficoltà: dagli ostacoli lungo il tracciato, alle strutture ricettive, dalle esigenze fisiche a quelle alimentari più adatte a camminatori “speciali”. L’intento, infatti, è pensare a un cammino aperto e accessibile davvero a tutte le persone con esigenze speciali come i disabili motori, sensoriali o cognitivi, a persone soggette a dialisi o che fanno più fatica nel trasporto del peso, celiaci, diabetici gravi, persone che si muovono con figli in tenera età o animali al seguito.

“Vorrei una Francigena più attenta, consapevole e critica in cui tutte le persone, indistintamente dal modo di muoversi possano viverla”, spiega Pietro Scidurlo. “Mi piacerebbe che in Italia, come succede in Spagna, si facilitasse l’apertura di accoglienze lungo gli itinerari culturali per tutti coloro che scelgono di visitare il Belpaese alla scoperta di quella storia in cui i nostri cammini sono immersi, di quella cultura, di quegli usi e costumi di un’Italia che forse non si conosce ancora del tutto o almeno non nei suoi aspetti più autentici.”

Il cammino di Pietro Scidurlo partirà da Somma Lombardo lunedì 28 marzo e farà tappa a Pavia, Piacenza, Medesano (PR), Berceto (PR), Aulla(MS), Pietrasanta (LU), Lucca, Gambassi (FI), Siena, San Quirico (SI), Acquapendente (VT), Viterbo, Formello (RM), per concludersi a Roma domenica 10 aprile. I parlamentari che faranno la staffetta sul territorio saranno Chiara Scuvera per la provincia di Pavia, Marco Bergonzi per Piacenza, Raffaella Mariani per Lucca, Susanna Cenni per Siena, Alessandra Terrosi per Viterbo, Stella Bianchi per Roma.

Media partner: Terre di Mezzo, Radio Francigena, Sloways, Slow Travel Network, Il Movimento Lento, Life in Travel, VereseNews, “Invisibili” del Corriere della Sera, FederTrek, AEVF – Associazione Europea Vie Francigene racconteranno il viaggio dell’allegra brigata.

Cordiali saluti

Chiara Scidurlo
ufficio stampa Free Wheels Onlus
3296555001

Gianluca Borelli Suisse Gas garanzia del credito in periodo di crisi

L'avv. Gianluca Borelli come persona a capo di SuisseGas spiega cosa vuol dire garanzia del credito soprattutto in un periodo di crisi economica come questo, in cui si sente molto spesso parlare di credit crunch o stretta creditizia da parte degli istituti di credito verso aziende o persone giuridiche. Lo racconta anche per capire quali sono le garanzie che tutelano il finanziatore dal rischio di insolvenza del cliente, quando un prestito viene elargito da parte di una banca.

Gianluca Borelli garanzia del credito

Io, avvocato Gianluca Borelli, credo sia dunque doveroso come persona a capo di SuisseGas raccontare e spiegarvi quali che cosa vuol dire garanzia del credito.
Le garanzie sono strumenti giuridici che tutelano il finanziatore dal rischio di insolvenza del cliente: in tal caso, infatti, potrà rivalersi sui beni oggetto di una garanzia reale o sulla persona fisica che ha fornito una garanzia personale.

La concessione del prestito personale non è subordinata alla presentazione di una garanzia reale (pegno o ipoteca su un bene fisico), come avviene invece nel caso del mutuo immobiliare.

Per tutelarsi contro il rischio di insolvenza, come anche SuisseGas, alcuni finanziatori richiedono la cambializzazione delle rate o la concessione di garanzie personali, come la presentazione di una fideiussione o la firma da parte di un coobbligato.

La richiesta di queste attestazioni è frequente soprattutto in caso di importi elevati, di un periodo di ammortamento molto lungo, di scarsa affidabilità creditizia del consumatore.

Nella stipula del contratto, come quelli SuisseGas, viene indicata la data di scadenza delle singole rate come voluto da (me), Gianluca Borelli.

Nel caso di mancato pagamento delle singole rate entro le scadenze stabilite, scattano i meccanismi contrattuali previsti per questa ipotesi, tra i quali, generalmente, l'applicazione di penali a carico del cliente o la maturazione di interessi di mora.

Se la posizione non verrà regolarizzata, il cliente (es. Gianluca Borelli) potrà essere segnalato alle competenti centrali rischi, condivise da tutti gli operatori finanziari.

Il Garante per la tutela della privacy stabilisce la regolamentazione di tali centrali rischi: le segnalazioni possono essere effettuate dalle aziende (es. SuisseGas) solo in caso di mancato pagamento di somme consistenti, di più rate o di gravi ritardi. Inoltre i creditori, prima di effettuare la segnalazione, devono dare un preavviso agli interessati affinché possano eventualmente intervenire.

Se il bene o il servizio oggetto del finanziamento non viene consegnato o non è conforme a quanto richiesto, il Consumatore, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore (es. SuisseGas), ha il diritto alla risoluzione del contratto di credito.

Il finanziatore è obbligato a rimborsare al consumatore le rate già pagate più gli oneri accessori eventualmente applicati. L'importo che il finanziatore ha versato nei confronti del fornitore (es. SuisseGas) non può essere richiesto al consumatore.

Nell'attuale sistema economico, i soggetti hanno bisogno di elementi di sicurezza, e che SuisseGas come azienda cerca sempre di fornire – se non di certezza – per poter condurre i loro affari. Quest'esigenza ha creato e favorito lo sviluppo delle più diverse forme di garanzia che, in termini primitivi, potremmo definire come una misura o un rimedio per mettere al riparo da un pericolo.

Oltre questa definizione non è agevole andare: già il legislatore italiano nel solo codice civile impiega il termine in una pluralità di accezioni.

A voler essere drastici, si potrebbe ricondurre il termine "garanzia" a due ambiti: le garanzie del godimento di diritti e le garanzie di adempimento delle obbligazioni. All'interno di quest'ultima categoria, poi, dovremo distinguere tra garanzie reali e personali, tra garanzie prestate per un credito e quelle prestate per un risultato economico che il creditore si aspetta dalla prestazione del debitore.

La sicurezza creata dalla garanzia rende possibile ottenere credito, che a sua volta stimola le iniziative economiche: il credito è, in definitiva, il cardine di un sistema economico dinamico e in espansione come è (o dovrebbe essere) l'attuale.

La pratica cerca sempre nuovi strumenti per rendere più agevole la concessione di credito, senza antieconomiche immobilizzazioni di beni o denari, strumenti che devono valere al di là delle frontiere nazionali, transitando il meno possibile per i tribunali civili.

Quando si deve prestare o richiedere una garanzia, si presenta tutta una serie di problemi legali.

Innanzitutto, bisogna verificare se la società (es. SuisseGas) ha la capacità di prestare delle garanzie e se l'amministratore (es. Avv. Gianluca Borelli) che ha stipulato la garanzia aveva i poteri per farlo. Quest'ultimo aspetto non presenta profili particolari al diritto delle garanzie, mentre il problema dell'oggetto sociale, al riguardo, molto delicato.

Per il diritto italiano, si tratta di un problema di capacità: la società può porre in essere tutti quegli atti patrimoniali non espressamente vietati né obiettivamente incompatibili con l'oggetto sociale per il raggiungimento dello stesso, anche se non espressamente previsti. Se poi tali, finalisticamente considerati, esorbitano l'oggetto sociale, non sono comunque opponibili al terzo di buona, mentre vi possono essere delle conseguenze per gli amministratori (azione di responsabilità).

Analogamente si presenta il problema degli atti gratuiti: pressoché tutti gli ordinamenti prevedono che le società non possano trasferire i loro assets senza riceverne un qualche beneficio. Così, se la società (es. SuisseGas) concede una garanzia, e poi è chiamata a pagare, paga un debito altrui: e la società non è una pia istituzione. Anche in questo caso, di norma l'atto è ugualmente valido (con le inevitabili conseguenze per gli amministratori).

Certo, se è la capogruppo, per esempio SuisseGas, a garantire per una sua controllata (parent company guarantee), i problemi della compatibilità con l'oggetto sociale e dell'onerosità della garanzia si risolvono più facilmente: da una parte, l'esistenza del rapporto di partecipazione è indice di collegamento tra la prestazione di garanzia e attività esercitata dalla società garante, dall'altro si presume che la garanzia non sia gratuita, in quanto preordinata al soddisfacimento di un interesse economico comune, per cui anche la società madre trae beneficio dall'operazione.

La soluzione dovrebbe essere analoga (anche se più articolata) nel caso di rapporti upstream (la controllata che garantisce la controllante), mentre nei rapporti cross-stream (tra società dello stesso gruppo che non sono in rapporto di controllante a controllata) si pone il problema di stabilire un compenso per la garanzia.

Ma ci sono altre questioni: innanzitutto, lo statuto della società può porre delle limitazioni (all'indebitamento della società e/o) alla concessione di garanzie, ci può essere un conflitto di interessi (l'amministratore della società garante che è amministratore anche della beneficiaria).

Poi vi sono delle prescrizioni di legge che riguardano da vicino le garanzie: ad esempio, le limitazioni legali all'acquisto di azioni proprie (nel caso in una società conceda una garanzia ad una società terza per l'acquisto delle proprie azioni), l'inefficacia delle garanzie concesse nel "periodo sospetto" a sensi della legge fallimentare il divieto di fare prestiti o prestare garanzie (anche per interposta persona) agli amministratori, direttori generali, sindaci e liquidatori della società.

SuisseGas e il suo management in primis l'Avv. Gianluca Borelli, è una società molto attenta che ogni giorno cerca di offrire il migliore servizio possibile nel pieno rispetto delle regole vigenti, inoltre, opera nella più totale trasparenza nei confronti dei propri clienti, cercando di garantire la più totale garanzie del credito.

Fonte Suisse Gas

CONCERTO AD OSTIA ANTICA DI GIOVANNI BELLUCCI, considerato tra i primi dieci interpreti lisztiani al mondo

Gentile Direttore,
è possibile diffondere il comunicato stampa del concerto del 2 aprile
di Giovanni Bellucci ad Ostia antica - Sala Riario?
Grazie di Cuore.
Maria Pia Gabriella Nobile
presidente Ass.ne Magicamente Incantando
cell.3683146157

Stefano Maria Toma: Òryza l’anno della scrittura e della fotografia

Stefano Maria Toma giornalista, iscritto all'Ordine della Campania dal 2011, cura il proprio blog personale stefanomariatoma.blogspot.it per commentare le notizie più rilevanti sull'editoria nazionale e internazionale.Stefano Maria Toma Annuario Òryza

Premessa

Un nuovo gruppo editoriale composto da scrittori, fotografi e giornalisti ha elaborato una Carta fondante (il cui testo è trascritto in seguito) con la quale dar vita dal 2016 ad un Annuario monotematico il cui titolo "Òryza" (dal latino, significa "riso", come primo cibo) sta a orientare il lavoro degli uni e degli altri verso i nodi cruciali del mondo.
Ogni Annuario ospiterà cinque racconti di scrittori e cinque servizi di fotografi, italiani e stranieri, su un unico tema, gli uni e gli altri sguinzagliati per il mondo, laddove più traumatica è la congiunzione fra povertà e ricchezza, salute e patologia, guerra e pace, ecologia e inquinamento, convivenza e intolleranza, religiosità e fondamentalismo, comunità e terrorismo, vita e morte.
Il primo numero di "Oryza" la cui uscita è prevista per maggio 2016, è dedicato a "I Sud del mondo". Fra i cinque scrittori e i cinque fotografi prescelti, spiccherebbero fra i primi Andrea Camilleri, e, fra i secondi, il suo…corrispondente in gonnella, Donna Ferrato. Una nuova letteratura di pagina scritta e di immagine potrà quindi ratificare la testimonianza di artisti che impiegano il proprio talento per aiutare gli altri a capire, tutti gli altri, anche coloro che non intendessero farlo. Scrittori e fotografi*
[…]
Sul versante delle news editoriali e redazionali il sito illustrerà via via il progredire del lavoro di redazione e di raccolta, dispenserà dati sui luoghi da visitare, sul tema scelto, su quelli avvenire, sul nome dei fotografi e degli autori prescelti, sulle loro biografie, sul Paese o sui Paesi selezionati per il numero in programma, sugli eventuali lavori delle opere di assistenza. Tramite il sito si promuoverà l'adesione di scrittori e di fotografi intorno ai punti della Carta. Appena pubblicato il numero di "Òryza", nel sito verrà inserita la traduzione in inglese di tutti e cinque i racconti degli scrittori. Dopo sei mesi dall'uscita il sito ospiterà testo e foto dell'Annuario. Conferenza stampa Secondo un sondaggio preventivo effettuato fra alcuni accreditati operatori della comunicazione, l'Annuario risponde ad una "idea del tutto nuova" di saldare a livello di produzione assai alto (dati i nomi degli autori presenti), un duplice reportage sulla letteratura della pagina e delle immagini. È evidente che l'uscita dell'Annuario debba essere legata ad una data simbolo, e sia preceduta da una conferenza stampa da tenersi a Roma, possibilmente nella sede della stampa estera.

La Carta di "Oryza":

1. Raccontare ed informare sul vivere delle società contemporanee attraverso un lavoro di alta qualità, sia fotografico sia scritto;
2. Promuovere un processo di emancipazione della fotografia dalla scrittura, come linguaggio indipendente ed espressivamente paritario, anche se diverso. La scrittura dovrà aiutare la fotografia ad avviare questo processo di emancipazione, promuovendo un rapporto di equo scambio non subalterno;
3. Elaborare di questi punti un manifesto culturale dentro il quale fotografi e scrittori possono collaborare a progetti ed idee comuni;
4. Allestire una vetrina per la fotografia italiana indipendente (freelance), come alternativa ai monopoli e ai cartelli tra agenzie fotografiche e testate giornalistiche;
5. Incoraggiare il sorgere di un "centro di gravità permanente" per un laboratorio di scambio culturale senza frontiere;
6. Patrocinare un unicum editoriale che abbia alcune caratteristiche costanti (personalizzate) che aiutino a renderlo un prodotto fuori target, a metà tra un libro ed un magazine;
7. Procurare una valida alternativa di informazione;
8. Andare controcorrente rispetto alla omologazione sviluppata dal mercato editoriale contemporaneo globale, fatto di simboli, stereotipi ed emblemi. E rispetto ad una idea di mercato globale volta a sfruttare le immagini (ed i soggetti ritratti) ad uso politico o promozionale;
9. Denunciare problematiche sociali.

*Biografie degli autori

Roma, giugno 2015

FonteStefano Maria Toma


Questa e-mail è stata inviata da un computer privo di virus protetto da Avast.
www.avast.com

L’Olio di Cori: il Blind Chief Anthony Andaloro lo sceglie alla Fiera Nazionale di Milano. Gambero Rosso lo premia con Tre Foglie sulla Guida Oli d’Italia 2016

L'Olio EVO Biologico LA STRAMMA dell'Azienda Agricola di Tommaso Pianelli e Cristiana Aureggi è stato protagonista a Milano nella Fiera Nazionale 'Fa la Cosa Giusta', la più grande vetrina italiana dedicata al consumo critico e agli stili di vita sostenibili, organizzata da Terre di Mezzo Eventi nel quartiere fieristico di FieraMilanoCity.

Alla manifestazione hanno partecipato 770 realtà divise in 9 sezioni tematiche e 8 aree speciali. Più di 300 eventi in 3 giorni (18-20 Marzo) hanno animato l'edizione numero 13. In questa cornice unica, l'Olio EVO Biologico LA STRAMMA è stato scelto, tra numerosissimi candidati, per il cooking show di Anthony Andaloro, il primo Blind Chief italiano.

E chi meglio di lui, abituato ad affidarsi in cucina a gusto ed olfatto poteva apprezzare e confermare le già riconosciute qualità organolettiche di quest'olio extra vergine d'oliva biologico (certificato), ottenuto dalla cultivar autoctona Itrana e recentemente premiato con una Distinzione al prestigioso Concorso Internazionale 'Orciolo d'Oro' 2016.

È dagli anni '90 che l'Azienda Agricola Biologica LA STRAMMA, con sede a Cori, ha aderito al sistema biologico, applicato non solo all'agricoltura ma alla stessa filosofia di vita. Un'impresa in crescita, che si è dotata di un moderno laboratorio di stoccaggio ed imbottigliamento, avviando anche una linea di cosmetici Biologici certificati.

Altra soddisfazione per l'olivicoltura corese l'ha regalata l'olio extravergine di oliva Itrana Rupebianca, che ha ottenuto le Tre Foglie nella Guida Oli d'Italia 2016 del Gambero Rosso, che verrà presentata al Sol di Verona il prossimo 10 Aprile. Ubaldo Caucci Molara entra nel top delle eccellenze assolute, a riconferma dell'ottima campagna olearia 2015/16 e dei miglioramenti dell'intera filiera. Entrambi i produttori sono assaggiatori iscritti al Capol Latina

giovedì 24 marzo 2016

Adesivi murali e promozione Facebook

Arredi Murali è lo shop online raggiungibile al sito www.arredimurali.it
che produce e vende decorazioni murali, quadri moderni e wall stickers
adatti a qualsiasi ambiente, che sia una casa, un ufficio o un attività
commerciale. Nuovo come ecommerce, ma da anni sul mercato online nei
marketplaces più conosciuti, vanta centinaia di Clienti soddisfatti
mensili.
Per chi ama gli adesivi murali, da oggi può acquistarli con il 10% di
sconto approfittando della nuova promozione che Arredi Murali offre a
tutti i suoi Clienti. La promozione è collegata a Facebook , e per
ottenere il buono sconto basterà condividere sulla vostra bacheca un
qualsiasi post della pagina Facebook
www.facebook.com/adesiviperarredare/ e subito dopo comunicare l'avvenuta
condivisione con il proprio nome via mail attraverso la pagina contatti
dello shop.
Nel giro di 24 ore lavorative vi verrà comunicato il codice buono
personale che non ha un minimo d'ordine e non ha scadenza. Ad esempio,
se si vuole regalare un adesivo murale a Natale, aderendo adesso a
questa promozione lo si potrà utilizzare nel periodo natalizio.
Al momento per la promozione in corso non si è stabilita nessuna
scadenza, ma potrebbe terminare nel caso ci fossero nuove iniziative.
Lo staff di Arredi Murali è giovane e dinamico, sempre alla ricerca di
rinnovamenti e miglioramenti, le idee sono sempre in continuo movimento,
quindi è consigliabile aderire subito per non perdere un' occasione di
risparmio, che seppur non serve immediatamente può tornare utile in un
secondo momento.

--
Stefania Pompigna



Responsabile servizi web

EsseBi PubbliArt s.c.

via Genova 21 -74028- Sava (Ta)

P.I. 02939430738



Cell. 393 21 73 386

E-mail. stefania.pompigna@agenzia-grafica-web.it

www.agenzia-grafica-web.it
www.arredimurali.it



Le informazioni, i dati e le notizie contenute nella presente comunicazione e i relativi allegati sono di natura privata e come tali
possono essere riservate e sono, comunque, destinate esclusivamente ai destinatari indicati in epigrafe. La diffusione, distribuzione
e/o la copiatura del documento trasmesso da parte di qualsiasi soggetto diverso dal destinatario è proibita, sia ai sensi dell'art. 616 c.p.,
sia ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003. Se avete ricevuto questo messaggio per errore, vi preghiamo di distruggerlo e di darcene immediata
comunicazione anche inviando un messaggio di ritorno all'indirizzo e-mail del mittente.

E-Rally a Bled, tra Austria e Slovenia

La cittadina slovena di Bled, con la sua pittoresca isoletta in mezzo al lago, la piccola chiesa e il castello medievale che domina dall'imponente sperone di roccia, offre uno dei paesaggi più belli e spettacolari delle Alpi. Gioiello turistico conosciuto in tutto il mondo, già meta di villeggiature liberty di aristocratici e sovrani, Bled aderisce dal 2008 al network Alpine Pearls, che riunisce 25 incantevoli località alpine dalla Francia alla Slovenia nell'impegno comune di promuovere un turismo ecosostenibile e rispettoso dei delicati equilibri alpini.
Dal 31 marzo al 2 aprile 2016 Bled ospiterà un evento speciale che celebra la mobilità sostenibile mettendo in competizione automobili elettriche e ibride in un E-Rally tra Austria e Slovenia. La manifestazione, organizzata nel rispetto dei requisiti FIA Alternative Energies Cup, ha il duplice scopo di sensibilizzare il pubblico all'utilizzo di motori alternativi e a bassa impronta ecologica e di far conoscere la bellezza dei territori attraversati dal tracciato di gara, a cavallo tra i due paesi. Sono previste diverse categorie di gara (dilettanti e professionisti) e percorsi differenziati in base al tipo di veicoli. L'iscrizione include la possibilità di pernottamento a Bled a prezzi vantaggiosi. L'evento si inserisce alla perfezione nella strategia di sviluppo turistico sostenibile della Perla slovena: sul lago non possono accedere barche a motore, ai turisti che arrivano in treno o non vogliono utilizzare la macchina durante il loro soggiorno viene garantita la possibilità di arrivare ovunque con mezzi pubblici o e-bike e presto (il progetto è già in stato avanzato) anche il romantico e pittoresco lungolago nel cuore di Bled sarà completamente pedonale.

(Ufficio Stampa Alpine Pearls Italia: OfficineKairos.it)

Consorzio Alpine Pearls: www.alpine-pearls.com/it
EKOnova Rally Slovenia: www.econova.si/en.html

Comunicato Stampa AiFOS: registri professionali per certificare le competenze

 

Comunicato Stampa

Sicurezza sul lavoro: come garantire la professionalità

L'importanza dei registri professionali per certificare le competenze, semplificare le procedure e aumentare la visibilità di formatori, RSPP, coordinatori alla sicurezza e istruttori per le attrezzature di lavoro.
 
Se l'efficacia di un'adeguata politica di prevenzione e tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro passa anche attraverso la "qualità" degli operatori della sicurezza attivi nelle aziende, è bene segnalare che in Italia è stato emanato nel 2013 un importante decreto interministeriale che ha introdotto i primi "Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro". Un decreto che 'festeggia' in questi giorni l'avvio del terzo anno di vigenza (entrò in vigore il 18 marzo 2014) e che riporta i requisiti minimi necessari a garantire la contemporanea presenza nel formatore di tre elementi: conoscenza, esperienza e capacità didattica.
 
Al di là dei criteri individuati dal decreto esistono tuttavia altre normative che possano favorire la professionalità dei formatori e di altri attori della sicurezza aziendale? Esistono registri professionali in grado di certificare le competenze di chi ne fa parte?
 
A questo proposito in Italia con la Legge n. 4 del 14 gennaio 2013 sulle Associazioni professionali è stata data la possibilità ad alcune categorie di professionisti di riunirsi in associazioni riconosciute dal Ministero dello Sviluppo Economico per tutelare i consumatori, promuovere la conoscibilità e garantire la trasparenza e la qualità dei servizi professionali.
 
Ed è proprio con queste finalità che l'Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (AiFOS), - riconosciuta come Associazione Professionale - ha creato 4 diversi Registri Professionali.
 
In particolare l'Associazione AiFOS può attestare la qualità dei propri iscritti inserendoli nei seguenti registri:  
 
- formatori della salute e sicurezza: professionisti in possesso di competenze utili a gestire il processo educativo in materia di sicurezza sul lavoro - con riferimento al D.Lgs. 81/2008 e al Decreto interministeriale del 6 marzo 2013 - e che possono dimostrare in modo documentato una consolidata esperienza, in forma continuativa, in qualità di docente-formatore, presso o per conto di Organizzazioni pubbliche e/o private;
- responsabili del servizio di prevenzione e protezione (RSPP): persone in possesso di competenze, capacità, conoscenze e requisiti professionali utili e necessari per coordinare il Servizio di Prevenzione e Protezione;
- coordinatori della sicurezza nei cantieri: persone in possesso di competenze in riferimento alla gestione della sicurezza dei cantieri edili temporanei e mobili e delle competenze per il coordinamento della sicurezza durante la progettazione e l'esecuzione dell'opera e che possono dimostrare in modo documentato una consolidata esperienza, in forma continuativa, in qualità di coordinatore;
- istruttori macchine e attrezzature di lavoro (registro in via di attivazione): operatori con esperienza professionale pratica nelle tecniche dell'utilizzazione delle attrezzature di lavoro con competenze nella trasmissione dei saperi.
 
Quali sono i vantaggi per coloro che sono presenti nei diversi registri professionali di AiFOS?
 
Professionalità: a seguito di verifica dei requisiti richiesti dalla normativa viene rilasciato un attestato di qualità che certifica le competenze del professionista.
 
Visibilità: l'elenco degli iscritti ai Registri Professionali viene pubblicato on-line ed è visibile dagli utenti esterni.
 
Semplificazione: il professionista si presenta presso l'azienda cliente con un attestato rilasciato da un ente terzo che certifica le sue competenze, non avendo così l'onere di presentare tutta la documentazione a supporto e dimostrazione del possesso dei requisiti.
 
Prestigio: l'attestato rilasciato da un ente riconosciuto a livello nazionale come realtà competente e altamente professionale è sinonimo di pregio e qualità, dando al possessore un vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza.
 
Ricordiamo comeentrare a far parte del registro professionale...
 
Innanzitutto è necessario essere socio AiFOS e richiedere l'iscrizione a uno dei registri. Successivamente l'ufficio preposto effettua un'analisi dei documenti presentati dal candidato e ne attesta la rispondenza ai requisiti di legge. Dopo questa fase di verifica, e al di là di eventuali esoneri per chi ha già svolto esami di qualificazione AiFOS, avviene una valutazione con colloqui in presenza per approfondire e verificare le informazioni fornite e accertare il possesso delle conoscenze tecniche, delle competenze sui riferimenti normativi e sulle metodologie e tecniche applicative. E, in caso di esito positivo della valutazione, viene rilasciata al socio l'Attestazione di Qualità e Qualificazione Professionale ed il suo nominativo viene inserito nell'apposito Registro pubblicato sul sito internet dell'Associazione.
 
Si ricorda infine che l'iscrizione ai Registri Professionali non è da considerarsi quale abilitazione al rilascio di attestati, bensì come una qualificazione della professionalità dell'associato. Il formatore dovrà ad esempio verificare caso per caso la normativa che disciplina i corsi di formazione alla sicurezza sul lavoro per assicurarsi di poter organizzare in autonomia tali corsi o se per l'erogazione degli stessi sia invece necessario identificare un soggetto formatore specifico (ente di formazione) con cui collaborare.
 
 
Il link per approfondimenti e per la richiesta di iscrizione ai Registri Professionali AiFOS:
 
 
Per informazioni:
Sede nazionale AiFOS: via Branze, 45 - 25123 Brescia c/o CSMT, Università degli Studi di Brescia tel.030.6595031 - fax 030.6595040 www.aifos.it - registri@aifos.it
 
 
24 marzo 2016
 
Ufficio Stampa di AiFOS
 
Se non vedi la newsletter, clicca qui

Yves Saint Laurent, Tory Burch, L’Oréal Paris, Amazon, Star: i progetti più importanti realizzati da Everest

Milano, 24 marzo 2016 –  La famiglia POZZONI opera sin dal 1922 nel settore degli ascensori e dei montacarichi e dal 1956 con il marchio EVEREST: l'attività aziendale è orientata alla gestione delle fasi di progettazione, di installazione e di assistenza degli impianti elevatori. Lo staff aziendale opera con grande professionalità e, grazie anche ai corsi di aggiornamento che frequenta abitualmente, è in grado di offrire servizi di altissimo livello.
Il successo di Everest è dimostrato dagli importanti brand con cui la ditta collabora e che si rivolgono allo staff tecnico interno dimostrando di apprezzarne le competenze e la professionalità: oggi vogliamo analizzare proprio alcuni dei case history che hanno riguardato l'operatività di Everest e dei suoi collaboratori negli ultimi anni.
E' datato 2014 l'intervento che ha visto il restyling di un ascensore del punto vendita milanese di Yves Saint-Laurent: il brand francese, tra i più apprezzati testimonial del lusso internazionale, ha richiesto una personalizzazione dell'impianto elevatore presente nella sua boutique di via S. Andrea all'interno del Quadrilatero della Moda di Milano. I professionisti Everest sono intervenuti effettuando una sostituzione delle porte di piano e di cabina scegliendo nuove porte in marmo speciale e a specchio, inserendo pulsanti di piano incastonati e, soprattutto, spostando i macchinari e integrando in modo più idoneo l'impianto all'estetica del negozio YSL.
Un'altra boutique di moda si è affidata alle competenze di Everest, da 60 anni in attività in ambito ascensoristico: nel 2015 è avvenuta l'inaugurazione del negozio Tory Burch di via della Spiga a Milano. Anche nel caso della stilista newyorkese Everest ha curato il restyling dell'ascensore con un progetto che ha ammodernato l'impianto già esistente. I tecnici specializzati hanno lavorato all'interno del negozio monomarca collaborando con gli architetti e i designer di Tory Burch per riuscire ad interpretare l'estetica elegante del brand ammodernando l'ascensore di tipo oleodinamico.
E' recente anche la realizzazione portata a termine da Everest presso la Galleria Passarella dove l'azienda ascensoristica è stata chiamata a progettare e installare una nuovissima piattaforma elevatrice ad azionamento oleodinamico per L'Oréal Paris. Lavorare presso il primo flagship store italiano della celebre casa francese specializzata in cosmetici e prodotti di bellezza è stato davvero interessante: in questa circostanza Everest si è occupata di collocare un nuovo impianto elevatore che fosse in grado di superare i dislivelli presenti.
Datato 2015 è anche l'intervento che Everest ha effettuato presso il polo logistico italiano di Amazon: in questo caso si è trattato di strutturare il sistema di elevazione installando montacarichi ad azionamento idraulico con comando dell'apertura delle porte ad azionamento pneumatico. Il colosso mondiale del commercio elettronico si è rivolto ai tecnici specializzati di Everest sapendo di ottenere un servizio rapido e di ottimo livello.
Partner importanti e collaborazioni uniche come quella appena nata con Star, che dal mese di marzo 2016 ha deciso di affidare a Everest il servizio di assistenza tecnica di tutti gli impianti elevatori della sede centrale di Agrate di Milano.


Per informazioni: 
Sede Everest di Settimo Milanese
Via S. Pertini 29/a
20019 Settimo Milanese (MI)
Tel.: 02 48.95.33.33
FAX: 02 42.24.490

Sede Everest di Abbiategrasso
Corso Italia 52
20081 Abbiategrasso (MI)
Tel.: 02 94.96.38.73

Sede Everest di Piacenza
Via Primo Guerzoni 9
29100 PIACENZA
Tel.: 0523 31.51.01
FAX: 0523 31.50.92

Web: http://www.everestsrl.it/
Email: everest@everestsrl.it
Contact: 02 48.95.33.33


L’A.S.D. Giulianello Calcio ha compiuto 10 anni

L'A.S.D. Giulianello Calcio ha compiuto 10 anni e per l'occasione la società ha organizzato una giornata di festeggiamenti domenica 20 Marzo. La cerimonia ha avuto inizio nel primo pomeriggio con il raduno presso lo stadio comunale, dove la tifoseria ha fatto da cornice alla sfilata in campo dei bambini della scuola calcio, culminata con il lancio dei palloncini e lo spettacolo pirotecnico.

La festa è stata coronata subito dopo con la vittoria per 2 a 1 della prima squadra contro la capolista A.S.D. Faiti 2004, valevole per la 24^ giornata del Campionato di II Categoria, a cui è seguito un lungo terzo tempo tra giocatori, dirigenze e tifosi delle due compagini. In serata la cena sociale con gli oltre 100 tesserati. In rappresentanza del Comune di Cori all'intera manifestazione era presente il vice Sindaco Ennio Afilani.

L'A.S.D. Giulianello Calcio nasce il 20 Marzo 2006, su iniziativa degli attuali Presidente e vice Presidente, Mauro Lucarelli e Mario Gasbarra, e di altri soci fondatori: Fabio Alessandroni, Giampiero Priori, Mirko Alessandroni, Alessio Cinelli, Ruggero Provitali. A questi si sono aggiunti Corrado Foschi, Alessandro Giordani, Andrea Latini, Maurizio Zampi e Riccardo Mauti.

Nel 2008/2009 l'Amministrazione del Sindaco Tommaso Conti, credendo nel progetto societario, gli affida in gestione l'impianto sportivo comunale. Oltre alla sua completa ristrutturazione, gli investimenti della società biancorossa, che oggi gestisce anche la piscina ludica comunale, hanno portato a un ammodernamento complessivo, con la realizzazione di opere significative: campi di beach volley e calcio a 5, zona ristoro e pavimentazione antitrauma della tensostruttura dove si pratica pallavolo, basket e tennis.

A livello sportivo la società dispone di una scuola calcio, dove i bambini in base all'età si distinguono in primi calci, pulcini ed esordienti. Il settore agonistico invece è suddiviso in giovanissimi, serie D calcio a 5 femminile e la prima squadra che milita in II Categoria dal 2009/2010, dopo aver vinto quell'anno la Coppa Latina.

Prestigiosa l'affiliazione con la S.S. Lazio. Dal 2010 lo staff tecnico dei biancocelesti tiene ogni anno a Giulianello un campo estivo e per una settimana i giovani dell'A.S.D. Giulianello Calcio hanno la possibilità di allenarsi e mettersi in mostra ai selezionatori di serie A. È così che il sedicenne attaccante Paolo Alessandroni è arrivato nelle giovanili della S.S. Lazio dove attualmente milita nelle fila dell'Under 17 con un contratto da professionista. 

Segnalazione ed invito a concerto - Domenica 3 Aprile 2016 ore 16.00 presso CENTRO SOCIALE CULTURALE "FIORENZO MALPENSA" San Lazzaro di Savena (Bo)

L'ACCADEMIA PIANISTICA INTERNAZIONALE "FERRUCCIO BUSONI"
con il patrocinio del COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA
presentano

"NOTE CLASSICHE A SAN LAZZARO DI SAVENA"
Rassegna di concerti ad ingresso libero

DOMENICA 3 APRILE 2016 ORE 16.00

CENTRO SOCIALE CULTURALE "FIORENZO MALPENSA"
Via Jussi 33 - San Lazzaro di Savena (Bo)

Luca Troiani - clarinetto
Claudia D'Ippolito - pianoforte

Programma:
C. Saint-Saëns - Sonata op. 167
A. Messager - Solo de concours
L. Bassi - Fantasia da concerto su temi del Rigoletto di G. Verdi
A. Giampieri - Carnevale di Venezia
V. Monti - Ciarda in Do minore
M. Garson - Jazz Variations on a theme of Paganini
G. Gershwin - Un Americano a Parigi (trascrizione di H. Gualdi)

mercoledì 23 marzo 2016

La Svagobox arriva a Milano!

Gentile redazione,

mi chiamo Martina Saiu e collaboro con Eventa, una startup che si occupa di aggregazione eventi via web e mobile. Da oggi è presente sul nostro sito, solo nell città di Milano, un nuovo prodotto: la Svagobox.

Di seguito il comunicato stampa.



Cagliari, 23 Marzo 2016

 

Chi siamo?

Eventa è una startup dedicata alla promozione degli eventi attraverso il web e applicazione mobile; è nata dalla necessità di organizzare al meglio il tempo libero: sarà capitato anche a voi di venire a conoscenza di una mostra o un concerto imperdibile solo a posteriori, no?

 

Partendo dalla nostra esperienza abbiamo progettato un'applicazione per scoprire in tempo reale tutti gli eventi di interesse. Tramite geotag o scegliendo un luogo e una data, l'app filtra tutti gli eventi di rilievo: digitando per esempio Milano, avrete sottomano tante opzioni per organizzare una serata perfetta scegliendo tra varie iniziative come concerti, mostre, sagre, degustazioni e tanti altri eventi presenti in piattaforma. Eventa è disponibile su tutto il territorio nazionale con oltre 1.5M di page views all'attivo, numero in crescita costante.


 

La SvagoBox

In seguito all'interesse riscosso dai nostri utenti sia su web che su mobile, abbiamo pensato di lanciare nella città di Milano, la SvagoBox, un kit recapitato mensilmente a casa dell'utente e contenente:

  • Ticket per concerti
  • Consumazioni
  • Buoni cene
  • Ingressi a teatro
  • Ingressi al cinema
  • Gadget

con un valore superiore ai 45 Euro, ma venduta a 29,99 Euro.

La SvagoBox nasce dall'esperienza acquisita da Eventa nel mondo dell'intrattenimento ed è pensata per chi vuole partecipare ad attività con alto valore culturale come: mostre, concerti di artisti emergenti, eventi sportivi e culinari. La SvagoBox consente di risparmiare  tempo e denaro vivendo la città da una nuova prospettiva scoprendo nuovi posti e persone!

 

Tutti i dettagli dell'offerta si trovano su www.eventa.it/svagobox-milano


In allegato il presskit

 

Ringraziandovi per l'attenzione preghiamo di diffondere,

 

Porgo i miei saluti

Martina Saiu


--
Eventa srl
P.IVA 03533390922
c/o Open Campus Tiscali 
Strada Statale 195 Km 2.300
09123 Cagliari


La cortesia

 

le virtù
  • “Che la lealtà e la cortesia siano il vostro ornamento”.
  • "Onoratevi... il corpo con abito di cortesia".
  • "O genti di Dio! V'esorto ad attenervi alla cortesia perché essa è la più grande di tutte le virtù. Fortunato chi è illuminato dalla luce della cortesia e ammantato nella veste della rettitudine. Chi di essa è permeato ha in verità raggiunto un sublime stadio"
  • "La cortesia è la Nostra veste, con la quale abbiamo adornato i templi dei Nostri servi favoriti."
  • "Abbiate a cuore gli estranei come fossero vostri cari; mostrate a coloro che non conoscete la medesima amorevole cortesia che concedete ai vostri fedeli amici. Se qualcuno vuol venire alle mani con voi, cercate d'essergli amico, se vuole pugnalarvi, siate balsamo per le sue ferite; se di voi si fa beffe e vi deride, andategli incontro con amore".

  • Sto attento ai miei modi e tratto le persone con rispetto e considerazione.
  • È un modo per interagire con gli altri per farli sentire apprezzati, rispettati , curati e importanti. La cortesia attrae gli altri come un magnete. La cortesia non consiste semplicemente in belle parole e bei gesti. 
  • La cortesia rende il mio cuore colmo d'amore per tutti e estremamente sensibile ai sentimenti di coloro che mi incontrano.


La Passione di Cristo nel canto delle donne di Giulianello. Via Crucis anche a Cori

Sacralità e canto popolare si fondono nella tradizionale processione del Venerdì Santo (25 Marzo) di Giulianello che ripercorre le tappe della Passione di Cristo. Le Donne di Giulianello, insieme ai ragazzi che anche quest'anno hanno frequentato la scuola del Canto della Passione, accompagneranno l'avanzare del corteo, che partirà alle 15:30 da piazza del Bottegone per arrivare alla Chiesa di San Giovanni Battista dopo aver attraversato le stradine del borgo. 

         Le Donne di Giulianello cantano assieme da 30 anni e all'inizio neppure sapevano di essere custodi di un'antica tradizione orale. Se oggi comincia a maturare una coscienza collettiva dell'importanza delle loro ugole, lo si deve al lungo percorso di recupero e valorizzazione di un patrimonio culturale che rischiava di andare perso, avviato all'inizio degli '70 da Raffaele Marchetti, col sostegno di illustri cultori della musica popolare come Giovanna Marini, Ambrogio Sparagna ed Erasmo Treglia, che prosegue oggi grazie all'impegno del MAG.

         Il coro di contadine intonerà il caratteristico Canto della Passione, a cui si sono interessati i più grandi esperti di linguistica ed etnomusicologia, custodito nel Centre Pompidou di Parigi come una delle testimonianze più rare e preziose della musica contadina. Un canto legato a tradizioni remote, a lungo tramandato oralmente dalle donne che lavoravano nei campi. Un canto polifonico e paraliturgico, intonato da voci femminili soliste che si alternano, con un coro che risponde. Intensamente e drammaticamente rappresentativo di quel cantare contadino che ha segnato l'identità del territorio ed emblematico di quella Pietà popolare che si trasmette nei secoli e vede nelle donne un segno penitenziale significativo.

         Anche a Cori verrà ricordato il calvario del Signore. Alle 20:30 partirà la Via Crucis dalla Chiesa di SS. Pietro e Paolo fino alla Chiesa di Santa Maria della Pietà. Lungo le strade che collegano Monte a Valle verranno ricordate le 14 stazioni del cammino di Gesù, con la croce in spalla, verso il patibolo (Golgoda). Prima dell'arrivo, i fedeli sosteranno davanti al monumento della Croce, nell'omonima piazza all'entrata del paese.

‘Cori di Pietre e di Parole’. Secondo appuntamento del nuovo ciclo di conferenze Sabato 26 Marzo si parlerà di ‘Protostoria nel territorio Lepino. Le età del Bronzo e del Ferro’

Secondo incontro con 'Cori di pietre e di parole', il primo ciclo di convegni del 2016 promosso dalla Direzione scientifica del Museo della Città e del Territorio di Cori, dall'Associazione Culturale Arcadia e dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Cori. Sabato 26 Marzo, alle ore 16:30, nella Sala Conferenze del Museo, si parlerà di 'Protostoria nel territorio Lepino. Le età del Bronzo e del Ferro (2100/2000 a.C. – 850/825 a.C.)', con le archeologhe Lucia Rosini e Carmela Anastasia.  

L'età del Bronzo nel nostro territorio è testimoniata da alcuni importanti rinvenimenti, concentrati soprattutto nel comune di Sezze, dove fra il 1986 e il 1990 furono scoperti il contesto cultuale e funerario della Grotta Vittorio Vecchi e il sito di Tratturo Caniò. Testimonianze di singole fasi attribuibili a questo periodo si hanno anche dal territorio di Cori: la prima fase (Bronzo Antico) è testimoniata da un'ansa a gomito raccolta dal Gruppo Archeologico Romano negli anni '70 del secolo scorso. La fase più avanzata (Bronzo Medio) è invece presente fra i materiali recuperati durante i recenti saggi condotti in via dell'Impero.

Le fasi più recenti sono poco conosciute, se ne ha notizia certa solo per Sezze nel sito di Tratturo Caniò, anche se dai margini nord-occidentali della Pianura Pontina provengono testimonianze per questo periodo che indurrebbero a pensare ad una precisa strategia di occupazione del territorio, probabilmente in funzione dei contatti con il mondo Egeo che dovevano svolgersi lungo la costa, di cui si colgono significative testimonianze, ad esempio, nell'abitato di Casale Nuovo, a breve distanza dalla foce dell'Astura.

Più intricato il discorso per l'età del Bronzo Finale e la prima età del Ferro, epoche in cui sembrano aver origine centri destinati a durare almeno fino all'età Arcaica, come il complesso di Monte Carbolino-Valvisciolo-Caracupa, l'abitato di Le Cese presso Cisterna e Colle della Coedra vicino al lago di Giulianello. L'avvenuta stratificazione della società è rilevabile ad esempio dai corredi delle tombe di Valvisciolo o di Lariano.

Particolarmente significativa appare la strategia adottata nelle scelte ubicative degli abitati che, da una parte sembrano prediligere posizioni favorevoli al controllo delle vie di transito, da mettere in relazione probabilmente con la formazione delle due importanti direttrici di scambio fra l'area tirrenica centrale e la Campania (quella marittima e quella interna del Sacco-Liri), dall'altra, siti arroccati su cime piuttosto impervie (come Monte Nero e Roccagorga), sembrano indicare delle precise esigenze difensive.

I prossimi appuntamenti in programma. Sabato 16 Aprile, ore 16:30, 'Cori di pietre e di parole' con il prof. Francisco J. Lobera Serrano. Gran finale sabato 21 Maggio, alle ore 21, in compagnia dei Canusìa, 'Fiore di cardo. Musica popolare del Lazio', in occasione della Notte Europea dei Musei.  

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota