Cerca nel blog

sabato 3 novembre 2018

Amat, M5S Palermo: “Se Parole Presidente Confermate, Crisi Complessa E Difficile Con Rating Prossimo Al Default”

COMUNICATO STAMPA


Amat, M5S Palermo: "Se Parole Presidente Confermate, Crisi Complessa E Difficile Con Rating Prossimo Al Default"

 

PALERMO, 1 novembre 2018 - Di seguito la nota del gruppo consiliare del MoVimento 5 Stelle di Palermo, composto dai consiglieri comunali Ugo Forello, Giulia Argiroffi, Concetta Amella, Viviana Lo Monaco e Antonino Randazzo, dopo l'ultima seduta del Consiglio Comunale.

"Di fronte a una maggioranza svogliata e poco attenta, il M5S di Palermo sta portando avanti un'accurata disamina sul rendiconto 2017, con particolare attenzione al fenomeno dei disallineamenti, a causa dei quali il Collegio dei revisori ha espresso un parere negativo sull'atto. Proprio per questo, in attesa di un definitivo responso da parte dell'Amat, abbiamo ritenuto opportuno rinviare la votazione del provvedimento a sabato o domenica, quando il quadro delle società partecipate sarà completato. Certo, se fosse confermato quanto detto dal Presidente Cimino, il Comune di Palermo si appresta ad affrontare una delle crisi più complesse e difficili dell'Amat, che, a causa dello stralcio dei crediti, avrebbe un rating prossimo al default. Operazione, questa, voluta  dall'Amministrazione per mettere in momentanea sicurezza le casse comunali. La Rap, inoltre, ieri ha chiaramente fatto intendere che con il nuovo PEF 2019 e piano industriale 2019-2021, richiederà un decisivo aumento della tariffe Tari (per oltre 5 milioni di euro) che dovrebbe gravare su tutti i cittadini palermitani, ma anche su questo il M5S farà una decisa e intransigente opposizione".




L'addetto stampa
William Anselmo

Banca Popolare di Bari: secondo il Ministro Tria è tutto ok, secondo Aduc è scritto tutto il contrario

Banca Popolare di Bari: secondo il Ministro Tria è tutto ok, secondo Aduc è scritto tutto il contrario

Firenze, 2 Novembre 2018. Oramai è chiaro a tutti: ai piani alti nessuno ha compreso, o nessuno vuole mostrare di avere compreso, la reale situazione in cui versa la Banca Popolare di Bari.
Mercoledi scorso, 31 ottobre, durante le interrogazioni a risposta immediata in Aula, il cosiddetto "question time", il Ministro dell'Economia e delle Finanze, Giovanni Tria, ha risposto ad un'interrogazione presentata dalla deputata Francesca Ruggiero del M5S.
La deputata ha sprecato una grande occasione, concentrandosi sull'impossibilità di vendere le azioni e domandando al Ministro Tria una cosa impossibile, vale a dire l'intervento del Fondo Interbancario di Tutela di Depositi per pagare i pronunciamenti del Collegio dell'Arbitro per le Controversie Finanziarie contro la Popolare di Bari, pronunciamenti cui la banca non sta adempiendo.
L'on. Francesca Ruggiero, insomma, non ha letto il nostro "avviso ai navigati" in cui spieghiamo chiaro e tondo che a Bari mancano pochi mesi all'avverarsi dell'ennesima tragedia non solo per gli azionisti, oramai azzerati dal mercato prima ancora che dai prossimi eventi, ma anche per le migliaia di portatori di obbligazioni subordinate.(1)
 
Il Ministro Tria, anche a causa di domande che non si sono concentrate sulla vera essenza del problema, ossia una banca sull'orlo del dissesto, ha replicato: "Il nostro sistema bancario sta progressivamente acquistando stabilità e non si ravvisano ipotesi di intervento nel settore. Il governo sta vigilando perché il settore non venga messo in difficoltà", Per Banca Popolare di Bari (e per Carige) non possono essere utilizzate misure preventive di schemi di garanzia dei depositi perché esse sono finalizzate a superare uno stato di dissesto o di rischio di dissesto, che non ricorre. Questo tipo di interventi è inoltre ritenuto dalla Commissione europea alla stregua di aiuti di Stato e quindi sottoposto alla condivisione dei rischi da parte dei possessori di bond e azionisti.
Le affermazioni del Ministro Tria sono corrette, tranne la premessa secondo cui non ci sarebbero al momento banche in difficoltà. Il rumor di Bloomberg dello scorso maggio, secondo cui alla Popolare Bari occorrono 250-350 milioni di nuovo capitale, non è stato smentito da nessuno e, in assenza di interventi, si nota la coincidenza tra l'importo del fabbisogno di capitale della Popolare di Bari e i 300 milioni dei suoi bond subordinati. Interventi che, come giustamente fatto notare dal Ministro Tria, non possono avvenire da parte dello Stato ma, se dovessero ancora tardare, non potranno salvare non soltanto gli azionisti, oramai già spacciati, ma nemmeno i bond subordinati che stanno scambiando con una valutazione da default. Al prezzo di 60, infatti, il rendimento netto annuo dell'obbligazione è pari al 23,57%.(2)
A meno che qualche altro "navigato" se ne accorga in tempo (è rimasta solo la Banca d'Italia), il futuro è scritto: tra alcuni mesi la Banca Popolare di Bari sarà oggetto di interessamento da parte del Governo (e non solo), ma non nel senso inteso dal Ministro Tria. Anche la Popolare Bari sarà andata, insomma.


(1) https://investire.aduc.it/editoriale/banca+popolare+bari+avviso+ai+navigati+altra+banca_28482.php
(2) https://investire.aduc.it/bancheincrisi/banca+popolare+bari+consiglio+stato+rinvia+ancora_28468.php

Giuseppe D'Orta
Reponsabile Aduc per la tutela del Risparmio

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori

M5S Palermo: “Vinta importante battaglia. Fatta chiarezza su stato salute conti Comune e partecipate”

COMUNICATO STAMPA


M5S Palermo: "Vinta importante battaglia. Fatta chiarezza su stato salute conti Comune e partecipate"

 

PALERMO, 1 novembre 2018 - Di seguito la nota del gruppo consiliare del MoVimento 5 Stelle di Palermo, composto dai consiglieri comunali Ugo Forello, Giulia Argiroffi, Concetta Amella, Viviana Lo Monaco e Antonino Randazzo, dopo l'ultima seduta del Consiglio Comunale.

"L'opposizione, e il M5S in particolare, ha vinto un'importante battaglia che ha permesso di fare finalmente chiarezza e trasparenza sullo stato di salute dei conti del Comune e delle partecipate. Inoltre, grazie all'azione che abbiamo portato avanti da mesi con l'approvazione delle modifiche agli statuti delle partecipate e con un più efficace e concreto controllo analogo (tre emendamenti presentati dal M5S sono stati approvati dal Consiglio prevedendo più stringenti poteri del comune sulle sue società), il fenomeno del disallineamento sembra che stia tornando ai livelli più contenuti del 2014. È però necessario evidenziare che questo rendiconto, rispetto al percorso fatto dalle partecipate, presenta dati ormai superati e in netto contrasto rispetto al rendiconto Rap 2016 e allo schema di rendiconto Amat  2017. I profili di irregolarità sono stati evidenziati in più occasioni e costituiranno oggetto di apposito rilievo da parte della Corte dei Conti, sez. controllo. Il quadro che emerge dalla proposta al bilancio 2017 e dalla relazione al terzo trimestre Amat, però, non può che preoccupare seriamente e attestare la responsabilità di questa amministrazione per lo stato deficitario e di crisi che si è creato. Un capitale sociale depauperato (da € 98 a € 35 mln) a causa della direttiva del Sindaco, una perdita di esercizio di oltre € 50 milioni, un'ulteriore perdita per i primi tre trimestri 2018 di quasi 6 mln €. Di fronte a questo nefasto quadro, manca il piano industriale e il piano di risanamento, mentre non si sa come dovrà essere rimodulato il contratto di servizio. I nodi sono venuti al pettine e il M5S in Consiglio Comunale sarà sempre presente per tutelare gli interessi dei cittadini, le prerogative dei lavoratori comunale e la continuità aziendale e dei servizi delle partecipate"




L'addetto stampa
William Anselmo

Revoca del divieto di caccia per maltempo. Zanoni (PD), Bartelle (M5S) e Guarda (AMP): Abbiamo un Governatore senza spina dorsale che cede ai ricatti

Comunicato stampa

Revoca del divieto di caccia per maltempo.  Zanoni (PD), Bartelle (M5S) e Guarda (AMP): "Abbiamo un Governatore senza spina dorsale che cede ai ricatti e alle minacce, agisce sotto dettatura della lobby più estremista del mondo venatorio e condanna gli animali selvatici."

 

Venezia 3 novembre 2018 - "Ci chiediamo come un Presidente di Regione possa rimangiarsi con tanta leggerezza una decisione come quella del divieto di caccia emanato fino a domenica compresa perché motivato per decreto dalle gravissime attuali situazioni ambientali in emergenza, peraltro quindi un atto dovuto per legge, e lo fa, guarda caso, dopo aver ricevuto una serie di pesantissime offese e ricatti sventolati con spavalderia alla luce del sole proprio da chi rappresenta la lobby venatoria più estremista". E' questa la reazione dei Consiglieri Andrea Zanoni (PD), Patrizia Bartelle (M5S) e Cristina Guarda (AMP) dell'Intergruppo per il benessere e la conservazione degli animali, dopo l'annuncio di Zaia di aver revocato il divieto di caccia con la sola esclusione dell'alto vicentino e del bellunese.

"Questa repentina irragionevole retromarcia alla Don Abbondio sembra puzzare di bruciato – continuano i Consiglieri - dato che il Governatore, dopo che gli sono state indirizzate pesanti e chiare minacce da Berlato, ha subito ceduto alla richieste di costui come se si trattasse di un governatore che legifera sotto dettatura della lobby venatoria più estremista, quindi un governatore impaurito e debole, senza spina dorsale e pertanto indegno di rappresentare i cittadini del Veneto.

Due settimane di pioggia intensa, venti a 200 chilometri orari, centinaia di migliaia di alberi rasi al suolo in tutta la regione, campagne allagate da Belluno a Rovigo, da Padova a Venezia, da Treviso sino a Verona, centinaia di strade bloccate, dipingono una gravissima realtà in stato di gravosissima emergenza dove oltre ai cittadini anche gli animali selvatici sono stati messi a durissima prova, morti a decine di migliaia per non parlare dei feriti. Perciò il divieto di caccia doveva essere prolungato almeno per un'altra settimana per mettere in salvo gli animali da questi fanatici della doppietta che si dimostrano senza un minimo di sensibilità, coscienza e umanità, che vogliono sparare a tutti i costi contro animali stremati da settimane di maltempo, e invece disgraziatamente Zaia lo revoca."

"Abbiamo un Governatore senza spina dorsale che cede ai ricatti e alle minacce, agisce sotto dettatura della lobby più estremista del mondo venatorio e condanna gli animali selvatici – concludono i Consiglieri Zanoni, Bartelle e Guarda, che aggiungono - Zaia non ne fa una di giusta e quando la fa, si sorprende talmente tanto di sé stesso, che la revoca! Così mentre la macchina dei soccorsi, dei volontari e della brava gente si mette in moto per dare aiuto agli alluvionati, c'è pure il rischio che qualcuno sia impallinato e che i soccorsi debbano occuparsi dei cacciatori impantanati coi loro fuoristrada. Che non sia il caso di vergognarsi e pure tanto?"

DAMA 2018: a Conversation with Giorgio Galotti, Domenico de Chirico and Martha Kirszenbaum

My Art Guides, 3 Nov 2018



DAMA 2018: a Conversation with Domenico de Chirico, Giorgio Galotti and Martha Kirszenbaum

dama

For the occasion of the third edition of DAMA at Palazzo Saluzzo Paesana in Turin we had a conversation with Giorgio Galotti (founder of DAMA and gallerist), Domenico de Chirico (DAMA artistic director and independent curator) and Martha Kirszenbaum (DAMA Live Programme curator).


Mara Sartore: Let's start from the beginning. How did the idea of DAMA come about?

Giorgio Galotti: When we started DAMA, three years ago, it was a reaction to a system of art fairs that galleries like mine can't stand, due to issues of position, objectives and expense. With DAMA we are able to present a new generation of artists in direct dialogue with the history of the city, and for an emerging artist or a young gallery it means a lot because this kind of surrounding is not easy to deal with alone, in this way we are creating a kind of collaboration that could help all of us to be little bit more powerful in a complex system like that of the art world. Furthermore the focused selection at DAMA helps collectors to focus their attention on just one artist per gallery, with less than 20 artists in total, also in my opinion it helps a novice collector to understand better the vision of an artist today. Domenico oversees the selection of the artists, developing an exhibition project that is primarily made up of site-specific interventions. Over the years, DAMA has changed in terms of production. The first year there were works that had been formerly exhibited elsewhere and that were showcased at DAMA for their strength and thanks to Domenico's curatorial work, but things have gradually changed.

Domenico de Chirico: Yes, this year we have given a more experimental and site-specific edge to the exhibition. We wanted to create a contrast, featuring works that are usually conceived for very different types of spaces, those "white cube" exhibition spaces. From this year, the selection criteria has allowed us to bring together artworks created specifically for this context.

Mara Sartore: This year DAMA has arrived at its 3rd edition. What's new for 2018? Tell us about Corte.

Giorgio Galotti: Year by year we are trying to satisfy the needs and requests from the galleries or from the visitors, so this year we've introduced some new features, three of which are important for the growth of DAMA. First is the support from Camera di Commercio di Torino that from next year will give us the availability of some of their beautiful rooms at Palazzo Birago, where we hosted the press conference this past Wednesday. The second is the support of a group of Italian Collectors named 'Collection of Collections', they will start a partnership with DAMA supporting the production of one artist's book year by year. The third is the introduction of 'Corte' as you mentioned. It is a new section dedicated to open air installations. Starting this year in the courtyard of Palazzo Saluzzo di Paesana with a project by Nick Oberthaler presented by Furiosa, a brand-new independent space based in Monte Carlo.

Mara Sartore: Why DAMA? Can you explain the origin and meaning of this name?

Giorgio Galotti: The playful idea we had was to put aside the "court ladies". Dama is the chessboard, whose free spots are metaphorically occupied by the participating galleries. Above all this name works internationally, and is easy to remember.

Domenico de Chirico: In addition, when the galleries are reconfirmed for the next edition- and this happens for a maximum of two years – there is a move typical to the game, the galleries shift from one room to another. The reconfirmation therefore also implies a location shift and metaphorically the gallery moves to a new square on the chessboard.


Image on top: Martha Kirszenbaum © Deborah Farnault, Giorgio Galotti © A.Ruth, Domenico de Chirico © Tassili Calatroni


Read the full interview on My Art Guides.


This email was sent to comunicato.comunicato@blogger.com
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
Lightbox · Cannaregio, 3527 · Venice, VE 30121 · Italy

venerdì 2 novembre 2018

My Art Guide Turin – Day 3

My Art Guides, 2 Nov 2018

hk

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

The exhibition season kicks off with works by Monster Chetwynd, Andra Ursuta, Rachel Rose and Lynette Yadiom-Boakye.

fully
Still from Wil-o-Wisp (Moiré Installation) 2018, by Rachel Rose

FLAT Fiera Libro Arte Torino

This year's fair, "Dieter Roth. Le Pagine", takes place at Nuvola Lavazza.

fully
Dieter Roth, "Diary – Diario", 1967

"The World's Your Oyster"

Artuner celebrates its 5th anniversary with a collective exhibition at Palazzo Capris.

fully
Josh Kline, "Keep The Change", 2018

Nesxt Festival

The third edition of the festival, involving nine institutions, brings together artists, curators, researchers, with the central hub at Docks Dora.

fully
"Borderlight. Scolpire la notte"

This email was sent to comunicato.comunicato@blogger.com
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
Lightbox · Cannaregio, 3527 · Venice, VE 30121 · Italy

giovedì 1 novembre 2018

Consapevolezza: Il primo passo verso il cambiamento

Consapevolezza:
Il primo passo verso il cambiamento
Awareness:
The first step towards change

Entropia gratis
a cura di Anna d'Ambrosio

Acquario di Genova 25 oct_04 nov
Galleria Atlantide Ponte Spinola, 16128 Ge

Per la 16^ edizione del Festival della Scienza di Genova, AMY D arte spazio Milano presenta un progetto-pilota multidisciplinare, trasportabile dal titolo "Awareness" sull'inquinamento dei mari da macro e micro plastiche.
Nato in collaborazione con Kubo Effetti Speciali, economART, Dipartimento Smart Materials dell'I.I.T di Ge, FAI Sondrio e gli artisti Alessio Barchitta, Franco Borgogno, Emanuele Dainotti, Giuseppe La Spada, Awareness si struttura di varie proposte espositive
che ruotano intorno ai concetti di tecnologa biospirata e a quello di futuro-primitivo.

Le ampie sale espositive ospiteranno:
"Turning Point @433_2050" video di Franco Borgogno
"In a changing sea" esposizione fotografica di Giuseppe La Spada
"Nozoki-BBW" stampa 3d di bioplastiche dell'I.I.T di Ge ad opera di Daniele Franzi
"Km 0" bioplastiche vegetali del Dipartimento Smart Materials I.I.T di Ge
"Futuro_Primitivo" site specific. Opera collettiva e multicodice creata da Daniele
Franzi, Anna d'Ambrosio, Alessio Barchitta.

Grazie a:
Athanassia Athanassiou responsabile dello Smart Materials Group dell'I.I.T di Ge per la fornitura di scarti di bio-plastiche per "Futuro_Primitivo", Ida Oppici del FAI di Sondrio per le stampe di "In a changing sea" di Giuseppe
La Spada, Caparol nella persona di Massimiliano Piazzolla per aver reso più bello lo spazio espositivo di una città unica che chiede attenzione e cura come Genova.

CONCEPT
Tutto ruota intorno alla parola cambiamento che, essendo una variabile dipendente
"diventare diverso" non è positivo per definizione, da qui la nostra scelta di parlare di
consapevolezza.

Info: info@amyd.it

Press e Comunicazione
Vittorio Schieroni
info.vittorioschieroni@gmail.com

CUBA trionfa all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite!!!

CUBA trionfa all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite!!!

189 voti a favore e 2 Contrari (Stati Uniti e Israele) 0 Astenuti per la cessazione del Blocco. 
Schiacciante vittoria di Cuba e del popolo cubano contro il bloqueoche è stato condannato da 189 Paesi nonostante la manovra degli emendamenti da parte degli USA. 
Cuba, il suo governo e il suo popolo hanno il diritto di scegliere il proprio cammino! 
Abbasso il bloqueo!!!
Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

MADE4EXPO: la nuova galleria d’arte online

MADE4EXPO - www.made4expo.it è il nuovo sito Internet dedicato all'arte contemporanea a cura dello spazio MADE4ART di Milano, una vetrina online per opere di pittura, fotografia fine art e scultura: l'arte di qualità per la tua collezione o per un regalo esclusivo.

Scopri su MADE4EXPO le opere d'arte pensate per te, la tua casa, il tuo luogo di lavoro. Scopri gli artisti di MADE4EXPO e lasciati conquistare dal fascino e dall'eleganza dei colori, delle forme e dei materiali che rendono unica un'opera d'arte: dipinti su tela, opere su carta, disegni, sculture, fotografie d'arte, multipli e grafiche di artisti emergenti o già affermati a firma MADE4ART.

Qualità e originalità per ogni tipo di investimento: a richiesta MADE4ART ti potrà fornire gratuitamente informazioni e consulenza personalizzata per assisterti nella scelta con la cura e la professionalità che ci contraddistinguono.

MADE4EXPO verrà presentato al pubblico presso la sede di MADE4ART in Via Voghera 14 a Milano dal 15 al 26 novembre 2018 con una selezione di opere di Alessandra Angelini, Guido Alimento, Sergio Armaroli, Paolo Bongianino, Iure Cormic, Michele di Palo, Andrea Liverani, Marco Lodola, Shuhei Matsuyama, Gianni Oliva, Tommaso Stilla, Stefano Tubaro.

Ti aspettiamo alla nostra Preview, che si terrà mercoledì 14 novembre alle ore 18.30, un'occasione unica per farti scoprire dal vivo e in anteprima alcune tra le nostre migliori proposte.

MADE4EXPO: la nuova galleria d'arte online
www.made4expo.it

La presentazione si terrà presso
MADE4ART | Via Voghera 14, 20144 Milano
Dal 15 al 26 novembre 2018 | orari: lunedì ore 15 - 19, martedì - venerdì ore 10 - 13 e 15 - 19
Preview: mercoledì 14 novembre, ore 18.30 | R.S.V.P.
info@made4expo.it

Per informazioni: info@made4expo.it

Un progetto
MADE4ART
Spazio, comunicazione e servizi per l'arte e la cultura | Milano

di Vittorio Schieroni, Elena Amodeo


OGGI ALLE NAZIONI UNITE LA VOTAZIONE SUL BLOCCO USA contro Cuba

ORDINE DEL GIORNO CONTRO IL BLOCCO A CUBA
APPROVATO DAL CONGRESSO NAZIONALE

A tutti i cittadini del mondo

Quasi 60 anni fa, il governo degli Stati Uniti ha imposto un blocco economico, commerciale e finanziario a Cuba. Questa politica ostile e disumana costituisce una violazione massiccia, flagrante e sistematica dei diritti umani del popolo cubano.

Il blocco nordamericano costituisce il principale ostacolo allo sviluppo economico e sociale di questa piccola nazione caraibica, causando un effetto negativo sulla qualità della vita della popolazione. Il blocco rappresenta quindi un atto di genocidio.

Il popolo cubano subisce gli effetti dannosi di questa politica crudele e disumana. È il sistema di sanzioni unilaterali più ingiuste, severe e prolungate che sia stato applicato contro qualsiasi paese nella storia. Ma il blocco non riguarda solo il popolo cubano, a causa del suo marcato carattere extraterritoriale, ma anche altri popoli del mondo, per i quali Cuba costituisce un faro di luce e di speranza.

Il blocco è una misura unilaterale e ignora completamente la richiesta schiacciante della comunità internazionale, che chiede l'immediata cessazione di questa politica basata sulla retorica aggressiva per distruggere la Rivoluzione cubana.

Dai primi anni del trionfo della Rivoluzione, Cuba è diventata un esempio per l'America Latina e per il mondo. A sole 90 miglia dal grande impero, ha costruito un progetto sociale diverso, basato su ideali di sovranità, uguaglianza sociale e il pieno sviluppo dell'uomo.

Nonostante le limitazioni in tutti i settori dovute al blocco, medici e insegnanti cubani si trovano in zone montuose e intricate di paesi fratelli in tutti i continenti, fornendo collaborazione e aiuti umanitari, insegnando a leggere e scrivere, restituendo la vista a migliaia di persone e aumentando l'aspettativa di vita a bambini e anziani.


I cittadini europei devono essere consapevoli del fatto che le misure unilaterali extraterritoriali derivanti dal blocco riguardano in primo luogo gli enti europei, misure che incidono sullo sviluppo dei legami economici, commerciali, di investimento e finanziari di questa regione con Cuba.

L'Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba condanna fermamente questa politica. Chiediamo alla comunità internazionale di intensificare la nostra lotta affinché la sofferenza del popolo cubano sia conosciuta in ogni angolo del pianeta.

Il popolo cubano ha il diritto di scegliere il proprio futuro. Continueremo a sostenere il governo e il popolo cubano nella loro lotta per costruire un socialismo più prospero.


Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Marzo 2018


SMOG: APPELLO MEDICI M5S, OGNI ANNO UNA STRAGE GRANDE COME SAN SIRO , AGIRE SUBITO

SMOG: APPELLO  MEDICI M5S, OGNI ANNO UNA STRAGE GRANDE COME SAN SIRO, AGIRE SUBITO 

Quindi parlamentari M5S medici chiedono misure immediate: 85.000 morti premature l'anno, non c'è più tempo da perdere, attuare subito 'Contratto Governo'
 
ROMA 30 OTTOBRE -  "Quella causata dall'inquinamento è una strage, non c'è più tempo da perdere. Ottantacinquemila morti premature ogni anno in Italia in prevalenza nel Nord Italia, è uno stadio pieno come San Siro a Milano di persone che ci lascia per colpa dell'inquinamento. E' ora che tutti prendano consapevolezza del problema e si agisca senza esitazione" lo dichiarano in un appello un gruppo di parlamentari del Movimento 5 Stelle di Camera e Senato che prima di essere eletti svolgevano la professione di medici. L'appello è firmato da Giorgio Trizzino, Alberto Zolezzi, Rosa Menga, Fabiola Bologna, Mario Misiti, Nicola Provenza, Silvana Nappi, Leda Volpi per la Camera, Francesco Mollane, Pino Pisani, Pierpaolo Sileri, Rino Mariello del gruppo del Senato. "I dati dell'OMS non lasciano dubbi. I primi a rischio sono gli abitanti delle regioni del Nord Italia e delle metropoli e tra loro i più esposti sono i bambini" spiegano Trizzino e gli altri firmatari.  "Vanno messe in campo tutte le misure necessarie previste nel 'Contratto di Governo'  per una riconversione industriale innovativa basata sulla sostenibilità ambientale e per incentivare il  cambio necessario degli stili di vita. Tutelare la salute significa anche tutelare una crescita culturale ed economica sostenibile del Paese"  spiegano. "La Commissione Europea che giustamente ha richiamato più volte l'Italia su questo tema, dovrebbe comunque concedere la flessibilità economica necessaria per investimenti espansivi che servono per cambiare il modello e combattere l'inquinamento e tutelare la salute" concludono i deputati e senatori pentastellati.


---
MoVimento 5 Stelle Camera dei Deputati
Ufficio Comunicazione


AMBIENTE, L'ABBATE (M5S): BISOGNA LAVORARE PER ISTITUIRE UNA CABINA DI REGIA PARITETICA SULL'ECONOMIA CIRCOLARE

AMBIENTE, L'ABBATE(M5S): BISOGNA LAVORARE PER ISTITUIRE UNA CABINA DI REGIA PARITETICA SULL'ECONOMIA CIRCOLARE

Roma, 30 ottobre 2018 - "Bisogna lavorare per istituire una cabina di regia paritetica che tenga conto delle varie filiere produttive, considerando non solo i produttori ma anche i consumatori e i distributori/raccoglitori. Se vogliamo che sia reale la transizione da un modello economico lineare ad uno circolare, dobbiamo valutare con gli stakeholders tutti i punti critici della strategia circolare, e questo può avvenire solo ascoltando le federazioni e le associazioni di imprenditori sia di servizi che di prodotti"

Lo dichiara la senatrice del M5s Patty L'Abbate, intervenuta durante il convegno "Il mercato del futuro. Il settore dei servizi volano della ripresa economica ed occupazionale", organizzato dalla Fise (Federazione imprese e servizi).

__________________
Movimento 5 Stelle
Ufficio Comunicazione Senato 

A PAESTUM APPRODA IL RICCO PATRIMONIO ARCHEOLOGICO DELLA REGIONE SLOVENA DELLA DOLENJSKA

 

 

Dal 15 al 18 novembre l’Ente per la promozione di Novo mesto e il Museo della Dolenjska saranno a Salerno per partecipare alla XXI edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico. Qui illustreranno la vasta collezione di reperti archeologici, rinvenuti proprio nella città e nei suoi dintorni. Durante l’età del ferro, infatti, l’attuale Novo mesto era già un fiorente centro abitato: grazie alla rinomata perizia dei suoi fabbri e all’abbondante produzione di perline di vetro, i suoi abitanti poterono commerciare con altre popolazioni. Ottenendo in cambio manufatti e prodotti, come le raffinate ceramiche greche o la preziosa ambra del nord.

 

Conosciuta per i suoi magnifici paesaggi, e per la sua ricca tradizione enogastronomica, la regione slovena della Dolenjska custodisce anche tesori antichissimi. Nella città di Novo mesto e dintorni, infatti, sono stati rinvenuti abbondanti reperti archeologici, custoditi al Dolenjski Muzej, il Museo della Dolenjska. Si tratta soprattutto di resti risalenti alla prima e alla tarda età del ferro, quando l’attuale Novo mesto era già un fiorente centro abitato. 

 Grazie alla disponibilità immediata di ferro, che ancora oggi si può raccogliere direttamente da terra, senza bisogno di miniere, verso la fine dell’VIII secolo a.C. gli abitanti del luogo avevano già sviluppato competenze molto avanzate nella sua lavorazione. Un know-how di non poco conto, che rese la città molto ricca: il talento dei suoi fabbri divenne noto anche in luoghi molto lontani, e permise alla popolazione di Novo mesto di commerciare con il resto del continente europeo. 

 Ma i prodotti in ferro, per quanto raffinati, non erano gli unici a rendere celebre l’antica Novo mesto. Nei siti archeologici scoperti nei pressi della città sono state rinvenute migliaia di perline di vetro colorate, che la città poté scambiare con altre merci pregiate: elmetti e ceramiche dalla Grecia, manufatti etruschi, e naturalmente l’ambra. Non a caso, infatti, la zona di Novo mesto si trovava sul percorso dell’antichissima Via dell’Ambra, che dalle spiagge del Baltico portava il materiale prezioso fino a quelle dell’Adriatico. 

 All’epoca l’ambra non era una merce qualunque: molto apprezzata già in epoca neolitica, gli esperti ritengono che nel periodo della cultura di Hallstatt (un’importante cultura centro-europea della prima età del Ferro) valesse quanto l’oro oggi. E infatti, oltre ai manufatti in ferro e ai prodotti giunti da lontano, il Museo della Dolenjska custodisce anche gioielli e oggetti pregiati realizzati proprio in ambra, e rinvenuti nelle sepolture delle persone più ricche dell’epoca.

 La necropoli Kapiteljska njiva, in particolare, è un sito archeologico importantissimo: si tratta di un’area di circa 50mila metri quadrati che fu utilizzata per oltre mille anni, sin dal primo millennio a.C. E che, secondo gli archeologi, contiene sepolture che vanno dalla tarda età del

bronzo sino alla tarda età del ferro. Un patrimonio ricchissimo di cui resta ancora molto da scoprire, e che senz’altro vale la pena di conoscere. E la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di novembre è di certo un’ottima occasione per farlo. 

 

Per ulteriori informazioni:

Sito del Museo della Dolenjska: http://www.dolenjskimuzej.si/en/ 

Sito del Visit Novo mesto: http://www.visitnovomesto.si/en/

Sito della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico: http://www.borsaturismoarcheologico.it/ 




Avast logo

Ta e-pošta je bila pregledana z Avast protivirusnim programom.
www.avast.com


ILVA: M5S, SEQUESTRI ODIERNI DIMOSTRANO CHE GOVERNI PASSATI CHIUDEVANO OCCHI DI FRONTE AI RIVA

ILVA: M5S, SEQUESTRI ODIERNI DIMOSTRANO CHE GOVERNI PASSATI CHIUDEVANO OCCHI DI FRONTE AI RIVA  (CHE FINANZIAVANO PD E FORZA ITALIA)

ROMA 30 SETTEMBRE - "Il sequestro odierno di discariche abusive in aree gestite da Ilva durante la gestione Riva, dimostra come i governi passati abbiano totalmente ignorato quello che avveniva all'interno dello stabilimento gestito dai Riva, che intanto finanziavano (regolarmente) Pd e Forza Italia. Con questo governo deve iniziare la riconversione economica di Taranto iniziando dalle bonifiche delle aree escluse dell'accordo e pianificando una riconversione economica a medio-lungo termine. Sappiamo che i Ministeri interessati sono al lavoro su questo e presto ci saranno novità" lo dichiarano in una nota i parlamentari del Movimento 5 Stelle tarantini Giovanni Vianello, Gian Paolo Cassesse, Rosalba De Giorgi, Alessandra Ermellino.



---
MoVimento 5 Stelle Camera dei Deputati

My Art Guide Turin – Day 2

My Art Guides, 1 Nov 2018

hk

Artissima

Titled "Time Is On Our Side", the fair celebrates its 25 year anniversary with new projects and initiatives.

fully
Artissima at Oval Lingotto

Francesco Vezzoli: "C-CUT Homo Ab Homine Natus"

For his third show with Franco Noero, the artist, in collaboration with Filippo Bisagni, stages an installation which involves the entire gallery space in Piazza Carignano.

fully
Courtesy of Galleria Franco Noero and the artist

Giuseppe Chiari: "La Luce"

A new and site-specific audiovisual installation by Tempo Reale hosted at Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli.

fully
Giuseppe Chiari, "La Luce", © Giulia Sarno

Faust Fest

A curated cultural programme which wouldn't look out of place in a large museum, hosted in a small nocturnal bookshop in Via Della Rocca.

fully
Faust bookshop

Anna Franceschini: "Cartaburro"

Inspired by the practice of famous Italian architect Carlo Mollino, the artist showcases a new body of work at Almanac Inn.

fully
© Anna Franceschini

This email was sent to comunicato.comunicato@blogger.com
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
Lightbox · Cannaregio, 3527 · Venice, VE 30121 · Italy

mercoledì 31 ottobre 2018

Gragnano: Una cartolina da collezione a tiratura limitata, commemorativa di San Pio da Pietrelcina

XII Memorial Correale
10/11 novembre 2018
(Gragnano - Napoli)
Una cartolina da collezione a tiratura limitata, commemorativa di San Pio da Pietrelcina
L'evento

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota