venerdì 24 marzo 2017

Mostra d'apertura | Atelier d'art GC | 25 marzo 2017 | Morciano di Romagna

Roma, 24  marzo 2017

COMUNICATO STAMPA      



Apertura Atelier d'Arte GC di Giuliano Cardellini

-Nuovo spazio per le Arti -



Domani, sabato 25 marzo 2017 a Morciano di Romagna si inaugura con una Mostra d'arte l'Atelier d'Arte GC,  un nuovo ampio spazio espositivo, in parte Studio d'Arte professionale di Giuliano Cardellini e contemporaneamente luogo espositivo, in cui l'artista presenta il suo lavoro e propone ad altri colleghi e artisti una innovativa forma di ospitalità creativa.



L'atelier

Atelier d'Arte GC nasce con l'intento di creare, in un luogo allo stesso tempo intimo e di respiro internazionale, una profonda condivisione del lavoro e dell'arte. In questi termini, l'Atelier sarà luogo di contaminazione dove ogni artista potrà esprimersi liberamente. Nelle parole della Curatrice, Sveva Manfredi Zavaglia, lo spazio: "è un luogo condiviso che vuole costituirsi come connessione in cui la produzione artistica di Cardellini interagisce con il territorio e con artisti, soprattutto internazionali in modo da generare attraverso i loro personali contributi, una serie di connessioni con il contemporaneo in un contesto di cultura globale e multidisciplinare". Perché uno degli obiettivi è tracciare uno spettro di potenzialità in cui convergano tutte le discipline e le ricerche artistiche più attuali, pertanto si passerà dalla pittura e la scultura, alla fotografia e le installazioni nonché agli interventi di arte pubblica e di poesia.



La mostra

Versatile, preciso ed altamente esigente, il procedere artistico di Giuliano Cardellini si articola in una ricerca continua di significato espressivo. Composta da una serie di inediti e opere già esposte in Italia e all'Estero, la mostra, con oltre 30 opere pittoriche di tecnica mista e scultoree, ma anche a muro e istallazioni. Il percorso espositivo quindi è un viaggio sulle tracce delle più intime introspezioni attraverso cui l'artista persegue la sua ricerca di autenticità positiva a dispetto del proliferare a livello mondiale dei vizi dell'uomo. Cardellini così esplora innovative linee creative rese sempre palpitanti dal suo tocco originale e allo stesso tempo indaga, con consapevolezza e la sua consueta attenzione, al dato esistenziale e alla ricerca di un significato più autentico della vita.



L'artista

Giuliano Cardellini vive a Morciano di Romagna, dove lavora come Artista e Poeta. Ha partecipato a numerose mostre personali e collettive in Italia e all'Estero. Ha esposto a Cattolica, Rimini, Verona, Gubbio, Osaka, Rio de Janeiro, Londra e a Monte Carlo. L'incontro, diversi anni fa, con le opere del conterraneo Raffaello Sanzio lo iniziano alla pittura. Negli ultimi anni ha realizzato oltre 80 opere importanti, tra le quali: "Crude tenebre", "Madonna col Bambino", "Gialli serpenti", "Nero silenzio",  "Petalo di rugiada", "Vive fiamme". Ha pubblicato su youtube oltre 35 video sulla sua variegata attività artistica. Inoltre ha prodotto diversi spettacoli di teatro. Ha vinto 9 Premi Nazionali in Concorsi Internazionali di Poesia tra cui: "Emozioni" a Roma, "Parco Maiella" di Pescara, "Il libro d'Oro" a Modica, e "Premio alla Cultura" a Parigi.  





INFO

Atelier d'Arte GC in Via Don Domenico Masi n. 2, a Morciano di Romagna (RN)        

Vernissage Sabato 25 marzo 2017 ore 17.00 - 20.00

con performance artistica, presentazione spazio e aperitivo.

Visita Guidata Domenica 26 Marzo dalle17.00 alle 20.00.

Curatore: Sveva Manfredi Zavaglia

Ufficio Stampa: Artpressagency  di Anna de Fazio Siciliano: annasicilianodefazio@gmail.com

Atelier d'Arte GC dal 27 marzo 2017  visitabile solo su appuntamento

Contatti : gcatelierdarte@gmail.com  - Tel: +39 335  6117015

 www. giulianocardellini.com

NO alla nuova cava di Monte Maiurro: il TAR accoglie il ricorso del Comune di Cori


Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio di Roma ha annullato la determinazione con la quale il Dipartimento Programmazione Economica e Sociale della Regione Lazio aveva autorizzato la Società Cave Lepine Spa ad aprire un nuovo sito estrattivo di calcare sul territorio comunale di Cori. Per il Sindaco Tommaso Conti: "È la vittoria del Comune di Cori contro la burocrazia regionale e i deturpatori del paesaggio".

Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio di Roma ha accolto il ricorso presentato dal Comune di Cori contro la Regione Lazio e la Società Cave Lepine Spa per l'annullamento della determinazione con la quale il Dipartimento Programmazione Economica e Sociale della Pisana aveva autorizzato la ditta ad aprire una nuova cava di calcare nei pressi del Monte Maiurro, a pochi metri da quella attiva di Contrada Perunio e da quella dismessa di Colle Medico.

Due le principali motivazioni alla base dell'accoglimento dell'impugnativa presentata dal Comune di Cori al Giudice Amministrativo: esistenza del vincolo idrogeologico nell'area individuata per l'escavazione, dato che il parere regionale sul vincolo di durata triennale era decaduto per decorso del tempo, ed infondatezza dell'interesse sovracomunale della Regione a rilasciare l'autorizzazione.

"Davide sconfigge Golia – commenta il Sindaco Tommaso Conti la sentenza del TAR che annulla la procedura di concessione per l'apertura del nuovo sito estrattivo – è la vittoria del Comune di Cori contro la burocrazia regionale e i deturpatori del paesaggio, l'ennesima di questa Amministrazione che da 10 anni si batte per la tutela dell'ambiente e del territorio. Il testamento morale per la nuova Amministrazione che verrà".

Giunge così al termine una vicenda iniziata nel 2008 quando Cave Lepine presentò il progetto agli uffici regionali, ottenendo la loro autorizzazione nel 2012. Nel 2013 il Comune di Cori ha impugnato l'atto al TAR di Roma per chiederne l'annullamento sulla base di una serie di violazioni di legge per eccesso di potere. In primis l'autorizzazione era stata concessa nonostante il mancato inizio dei lavori entro il termine previsto di 3 anni dal rilascio del nulla osta idrogeologico (2009).

L'ente lepino inoltre ha rivendicato la sua competenza decisionale, in assenza di un interesse sovracomunale che potesse attribuirla alla Regione. La potestà programmatoria in questo settore spetta esclusivamente ai Comuni, nell'ambito del Piano Regionale delle Attività Estrattive. Demandare ai burocrati regionali scelte così rilevanti, senza controllo politico, avrebbe potuto spianare la strada alla costituzione di un polo estrattivo, che avrebbe significato poter continuare a scavare ad oltranza.

Marco Castaldi

Addetto Stampa & OLMR


--


Marco Castaldi
Ufficio Stampa & OLMR

M. +39 328 020 7278
ufficiostampamarcocastaldi@gmail.com

castaldimarco@gmail.com

Sito web | Blog 

Twitter |Google Plus |LinkedIn

 

Arresto funzionario Ue, Terremoto, Scrittura di Pirandello, Liceo Artistico San Leucio, Valentina Fratini, Gli Ipocriti e Nobel a Deledda su Cinquew News

Da leggere su Cinquew News


Falso funzionario dell'Ue arrestato dalla Guardia di finanza, prometteva erogazione di finanziamenti

Terremoto in Grecia 24 marzo 2017, scossa di magnitudo 4.7 della scala Richter

I nomi dei personaggi nella scrittura di Luigi Pirandello sono espressione antropologica

Ora della Terra a Caserta: Insieme è possibile. Serata di spettacolo del Liceo Artistico "San Leucio"

Valentina Fratini scrive "Drema e il segreto dei sogni", libro con illustrazioni di Alexandra Colombo

A Caserta Anonimo Napoletano, di Patrizio Ranieri Ciu, con Gli Ipocriti e regia di Ernesto Lama

Grazia Deledda, donna e scrittrice, a 90 anni dal Nobel per la letteratura. Progetti dagli studenti


Gli altri titoli, con le notizie, li trovate su Cinquew News


Vi chiediamo di potere essere inseriti nel vostro indirizzario per le comunicazioni alla stampa a questo indirizzo email: redazione@cinquew.it Ai sensi del D.Lgs 196/2003 informiamo che il Suo indirizzo e-mail è stato reperito attraverso fonti di pubblico dominio o attraverso e-mail o adesioni da noi ricevute. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (D.Lgs196/2003). Qualora il messaggio pervenga anche a persona non interessata, preghiamo volercelo cortesemente segnalare rispondendo Cancellami all'indirizzo redazione@cinquew.it precisando l'indirizzo che si desidera sia immediatamente rimosso dalla mailing list. Tendiamo ad evitare fastidiosi Multipli Invii, ma laddove ciò avvenisse preghiamo di segnalarcelo e ce ne scusiamo sin d'ora. Grazie.

I Ransomware ora minacciano Smart TV e Smartwatch: i consigli degli esperti di ESET




Roma, 24 marzo 2017 - I ransomware, dopo aver colpito milioni di computer e smartphone nel mondo, ora sono pronti a sbarcare anche nel cosiddetto Internet delle Cose (in inglese, Internet of Things o in breve IoT) prendendo di mira le TV connesse alla rete, gli smartwatch e i braccialetti biometrici per il fitness.
A lanciare l’allarme sui famigerati malware in grado di codificare i documenti di un dispositivo per poi chiedere all’utente un riscatto sono state alcune agenzie di sicurezza britanniche, tra cui la National Crime Agency, che in questi giorni hanno pubblicato un rapporto sulla sicurezza informatica globale, in cui si analizzano le attuali minacce e se ne delineano i futuri sviluppi.
Nel documento viene dato risalto proprio alle future evoluzioni di minacce come il Cryptolocker, che sembrano ormai prossime a interessare anche quegli oggetti di uso comune sempre più connessi a Internet.
Questa notizia si colloca in un momento storico contraddistinto da attacchi informatici che hanno sfruttato proprio l’IoT (tra cui anche i baby monitor) grazie alla botnet Mirai e dall’ultimo scandalo legato alla CIA che, secondo Wikileaks, potrebbe violare la privacy dei cittadini e acquisire informazioni personali sfruttando le vulnerabilità insite nei sistemi operativi installati su smart tv e dispositivi mobili.
Su questo tema si è espresso anche Gabriele Faggioli, presidente dell’associazione italiana per la sicurezza informatica, il Clusit, secondo il quale nel nostro paese attualmente non ci sono particolari allarmi o segnalazioni che riguardino questa tipologia di malware, ma che indubbiamente non tarderà a colpire anche gli utenti italiani.
“Se blocco un milione di televisori e ogni famiglia paga 100 euro per sbloccarlo, i ricavi ci sono” afferma Faggioli, dandoci un’idea immediata di quanto possa essere appetibile per i cyber criminali questa nuova generazione di dispositivi connessi a Internet; con lo sviluppo di ransomware si è trovata una via facile per toccare da vicino le finanze degli utenti privati.
ESET Italia, da sempre in prima linea nella lotta a questi cryptomalware, ha già previsto un aumento esponenziale di tali minacce in ambiente Android, e a Febbraio di quest’anno aveva già identificato delle varianti di “jackware” in grado di infettare l’Internet delle Cose.
A fronte di questa minaccia riteniamo utile riproporre le seguenti indicazioni degli esperti ESET per proteggersi adeguatamente dai ransomware.
Usare un’utenza priva di diritti da amministratore
Installare un antivirus e mantenerlo costantemente aggiornato
Lasciare il firewall attivo
Verificare e installare le patch di sicurezza di Windows rilasciate ogni mese
Mai scaricare allegati o installare programmi freeware dei quali non sia assolutamente affidabile la provenienza e l’autenticità
 Mantenere aggiornati tutti i programmi che si interfacciano con il web; ad esempio, il browser di navigazione, Acrobat Adobe (se si usa), Windows Media Player, Java, ecc. L’elenco può essere molto lungo e dipende da quali programmi si usano.
Infine, forse il più importante di tutti: effettuare periodicamente il backup dei propri sistemi su una risorsa esterna e non collegata costantemente alla rete.

Per ulteriori informazioni sull’argomento visitare il blog di ESET Italia al seguente link: https://blog.eset.it/2017/03/i-ransomware-ora-minacciano-smart-tv-e-smartwatch/








ESET, fondata nel 1992, è uno dei fornitori globali di software per la sicurezza informatica di pubbliche amministrazioni, aziende e utenti privati. Il software ESET NOD32 Antivirus fornisce una protezione in tempo reale da virus, worm, spyware e altri pericoli, conosciuti e non, offrendo il più elevato livello di protezione disponibile alla massima velocità e con il minimo impiego di risorse di sistema. NOD32 è l’antivirus che ha vinto il maggior numero di certificazioni Virus Bulletin 100% e dal 1998 non ha mai mancato l’individuazione di un virus ItW (in fase di diffusione). ESET NOD32 Antivirus, ESET Smart Security e ESET Cybersecurity per Mac rappresentano le soluzioni per la sicurezza informatica più raccomandate a livello mondiale, avendo ottenuto la fiducia di oltre 100 milioni di utenti. L’azienda, presente in 180 Paesi, ha il suo quartier generale a Bratislava e uffici e centri di ricerca a San Diego, Buenos Aires, Singapore, Praga, Cracovia, Montreal, Mosca. Per quattro anni di seguito ESET è stata inclusa fra le aziende Technology Fast 500 EMEA da Deloitte e per dieci anni consecutivi fra le aziende Technology Fast 50 Central Europe. Per maggiori info: www.eset.it 

FUTURE TIME è il distributore esclusivo dei prodotti ESET per l’Italia, nonché suo partner tecnologico. Fondata a Roma nel 2001, Future Time nasce dalla sinergia di due preesistenti aziende attive da anni nel campo della sicurezza informatica. Future Time, con Paolo Monti e Luca Sambucci, fa parte della WildList Organization International, ente no profit a livello mondiale composto da esperti e aziende antivirus che hanno il compito di riportare mensilmente tipologia e numero dei virus diffusi in ogni Paese. Per maggiori info: www.eset.it

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota