Cerca nel blog

sabato 13 agosto 2016

Codacons su allagamenti in Via Melchiorre Gioia

COMUNICATO STAMPA

Cronaca

VIA MELCHIORRE GIOIA SOTT'ACQUA

STRADA ALLAGATA A CAUSA DI UN GUASTO ALL'ACQUEDOTTO

IL CODACONS DIFFIDA MM SPA A RISARCIRE I DANNI PROVOCATI AI CITTADINI

 

Sole in cielo. Acqua, tanta acqua, sull'asfalto. Mattinata di disagi, quella di giovedì, in via Melchiorre Gioia, completamente allagata a causa di un guasto all'acquedotto.

Di nuovo la stessa storia, appena un mese fa l'11 luglio scorso, scene simili - e ben più gravi - si erano viste in via Lombroso, dove una grave lesione a un tubo dell'acquedotto aveva causato allagamenti e disagi. Molti condomini erano rimasti senza acqua per diverse ore e parte di via Lombroso era stata chiusa al traffico perché allagata"

Così il Presidente del Codacons, Marco Maria Donzelli: "Necessario un controllo del Comune per tutte le opere MM  a Milano. Non è possibile che una forte pioggia o guasti continui provochino tutti questi disagi alla circolazione ed ai cittadini."

Il Codacons diffida la società  MM Spa a risarcire tutti i cittadini danneggiati dagli allagamenti.




--
www.CorrieredelWeb.it

Una nuova casa per Jerry

Da Cori (LT) a Milano, passando per Minerbio (BO). Il setter inglese salvato in un dirupo 5 mesi e mezzo fa si è rimesso in gran forma ed ha trovato una splendida famiglia che si prenderà cura di lui nel capoluogo lombardo

Ricordate Jerry? L'anziano setter inglese da caccia gettato in un fosso e salvato da un'avvincente staffetta di solidarietà, dopo aver resistito almeno due giorni ferito, al freddo e senza cibo? Non solo si è rimesso in piedi e in gran forma, ma ha trovato anche una nuova casa a Milano, grazie alla generosità della signora Ilaria Franchina che ha deciso di adottarlo.  

Era il 18 Febbraio quando intorno alle ore 17 il Comandante della Polizia Locale di Cori, Cap. Alessandro Cartelli, e il signor Costantino Paniccia, su segnalazione della signora Patrizia Turco, si calarono dentro il Fosso Smerdino, un dirupo alto una decina di metri al confine tra Cori e Cisterna, sul cui fondo era accasciato Jerry, visibilmente denutrito e con un femore rotto.

Dopo le prime cure della dott.ssa Margherita Milanini presso l'ambulatorio veterinario di Cori 'Duovet', Jerry era stato trasferito nella clinica veterinaria di Cisterna dalla ASL di Latina, prima di trovare ospitalità nella Tenuta del Mito di Minerbio, nel bolognese, tramite la Presidente dell'Italian Setter Rescue ONLUS, Flavia Guagnelli.

48 ore dopo lo stesso Cap. Cartelli aveva accompagnato Jerry in auto per 800 km fino al rifugio per cani abbandonati, accolto dalla titolare Francesca Trebbi. Qui Jerry è rimasto per oltre 5 mesi, ricevendo tutte le attenzioni necessarie a riprendersi. Il suo primo padrone, che lo aveva regolarmente ceduto ad un altro cacciatore, ha contribuito alle spese.

Questa bella storia a lieto fine non è l'unica che la Municipale di Cori ha scritto o ha contribuito a scrivere, a conferma del suo efficace impegno anche nelle attività di polizia veterinaria. Solo negli ultimi tre anni il Comando della Polizia Locale di Cori ha concorso all'adozione di una quarantina di cani abbandonati, spesso sottratti ad un crudele destino. 

L'ultimo salvataggio nemmeno un mese fa. Gli agenti di Cori hanno partecipato alla liberazione di Gaia, giovane meticcia chiusa in casa a Giulianello da oltre una settimana, al caldo torrido, con una bacinella d'acqua sporca e in pessime condizioni igieniche. Ora è in custodia a Latina, in attesa che anche per lei si possa concretizzare lo stesso gioioso finale. 

Marco Castaldi

Addetto Stampa & OLMR

venerdì 12 agosto 2016

"Morivamo di freddo" di Rosalia Messina (comunicato stampa)

COMUNICATO STAMPA

 

La Durango Edizioni è lieta di annunciare

la pubblicazione, per la collana R.I.D., di Morivamo di freddo,

un romanzo di Rosalia Messina

 

 

Rosalia Messina

Morivamo di freddo

Durango Edizioni, collana R.I.D. (Romance in Durango)

Ebook

4,99 €

 

Mauro e Sandra, Guido e Loredana. Quattro amici, due coppie.

Attraverso due tragedie e con il passare del tempo scopriranno che nessuno di loro conosceva davvero gli altri. Enrico, il figlio di Mauro e Sandra, si è costruito una vita al riparo da scosse emotive. Gli attacchi di panico e la necessità di prendersene cura metteranno a dura prova le sue solide protezioni.

Rosalia Messina racconta le vicissitudini del dolore lungo due generazioni sotto il cielo color ardesia di Catania.

Videosorveglianza urbana: il progetto del Comune di Cori è in graduatoria per il cofinanziamento della Regione Lazio

La Pisana contribuirà con 90mila euro all'installazione sul territorio comunale di telecamere per la vigilanza di 16 punti sensibili dislocati tra i centri storici e le periferie di Cori e Giulianello.
Il progetto per la realizzazione del sistema di videosorveglianza urbana elaborato dall'Assessorato alla Sicurezza e dal Comando di Polizia Locale di Cori, è stato ammesso al cofinanziamento regionale, per un importo pari a 90mila euro. Lo rende noto il vice Sindaco Ennio Afilani, ricevuta conferma scritta dalla Pisana dell'approvato contributo accordato all'ente lepino, giunto 4° in graduatoria regionale su 300, di cui solo 52 finanziati. 
"Queste risorse serviranno per l'installazione delle prime telecamere necessarie all'ampliamento e al potenziamento del controllo e della vigilanza sul territorio comunale, garantendo un presidio costante delle zone più a rischio sia a Cori che a Giulianello – spiega Afilani – con la finalità di tutelare l'incolumità pubblica, cercando di prevenire atti di criminalità e di inciviltà, e contrastare i fenomeni di devianza e di degrado urbano."
Tra Cori monte, Cori valle e Giulianello sono stati individuati 16 siti ritenuti sensibili, sia nei centri storici che nelle periferie. Qui verranno posizionate le videocamere, distribuite in modo tale da assicurare la più ampia copertura spaziale, ben oltre i punti di ingresso ed uscita dalla città, dove da alcuni mesi è in atto la produttiva sperimentazione del targa system, che consente di fermare e segnalare veicoli rubati, privi di assicurazione e non in regola con la revisione.
Come previsto nel Regolamento di videosorveglianza approvato dal Consiglio comunale, la gestione del sistema di videosorveglianza sarà affidata al Centro di Controllo ubicato presso la sede della Polizia Locale dove convergeranno tutte le immagini. Queste potranno essere visualizzate in tempo reale, disponibili anche per le Forze dell'Ordine, e/o archiviate in formato digitale per una loro successiva consultazione.
"Seguiranno ora ulteriori passaggi burocratici prima di poter avviare il sistema di videosorveglianza del paese - precisa il Vice Sindaco Ennio Afilani – intanto però è stata riconosciuta la bontà del lavoro svolto dall'Amministrazione e dal Comando di Polizia Locale in fase progettuale sul tema della sicurezza urbana, particolarmente sentito dai cittadini, alle cui istanze stiamo cercando di dare concreta risposta, anche dotandoci di strumentazioni efficaci."

PATTO PER LA PUGLIA, COR: BASTA CAPRICCI SUBITO LA FIRMA!

Patto per la Puglia, COR: "Basta capricci. Renzi ed Emiliano sottoscrivino al più presto il programma"

Dichiarazione del gruppo regionale dei Conservatori e Riformisti (Zullo, Congedo, Manca, Perrini e Ventola)

 

 

La sceneggiata napoletana tra Renzi ed Emiliano costa cara ai pugliesi. Se i due presidenti non risolvono immediatamente la loro vertenza personale i cittadini di questa regione rischiano di pagarne drammatiche conseguenze. Ci sono oltre due miliardi di euro destinati alla Puglia e disponibili in cassa che attendono "solo" la firma del Patto per la Puglia tra il presidente del Consiglio e quello della Regione. Purtroppo la contrapposizione ostinata e continuata tra i due pregiudica il via libera al provvedimento, e a nulla è servito il patto del panzerotto organizzato dal sindaco di Bari, Decaro, il 17 maggio scorso. Tre mesi persi per la nostra regione!

Per rappresentare l'urgenza della materia, anche noi abbiamo provveduto a fornire un bel vassoio di panzerotti in Consiglio regionale al presidente Emiliano, ma il risultato non è stato quello auspicato. La loro personale e reciproca intolleranza, evidentemente, è più forte degli interessi della Puglia e del benessere dei pugliesi.

Ora si parla dell'inaugurazione della Fiera del Levante come possibile occasione per la tanto agognata sottoscrizione del Patto. Se servisse ad agevolare questo finale da idillio siamo pronti a preparare una maxi panzerottata nella speranza che si metta fine ai loro capricci da ragazzini. 

 

Bari, 12 agosto 2016





--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 11 agosto 2016

Zoccatelli Vittoria Srl, Etica, Sostenibilità e Diversificazione del business

Etica, sostenibilità e diversificazione del business le chiavi del successo di Vittoria Srl. "Il Gruppo gestisce prodotti che spaziano dalle commodity, quali l'energia elettrica e il gas, ai servizi assicurativi che hanno un'incidenza importante sulla quotidianità delle persone anche da un punto di vista economico – sottolinea il Presidente Gaetano Zoccatelli – per questo abbiamo deciso di mettere a disposizione di tutti i nostri collaboratori condizioni vantaggiose per gli acquisti". Ecco V-Card, la benefit card del gruppo Vittoria. Articolo de L'Arena, tratto da Verona Speciale 1000 Imprese.

Energia ed efficienza energetica, finanza ed assicurazione, ospitalità, ristorazione e produzioni alimentari d'eccellenza: è ampia l'azione imprenditoriale delle società del Gruppo Vittoria che si appresta a chiudere il 2015 con fatturati in crescita, aprendo un ciclo di consolidamento e sviluppo dei propri prodotti e servizi. La forte diversificazione delle linee di business che caratterizza la compagine societaria ha consentito a Vittoria S.r.l. di posizionarsi come polo economico in grado di offrire prodotti e servizi che soddisfano esigenze molteplici di un'ampia platea di utenti: Enti, Aziende, Persone. "Oggi Vittoria S.r.l. gestisce un'attività commerciale molto importante – afferma Gaetano Zoccatelli, Presidente del Gruppo – la nostra offerta punta principalmente a consolidare il rapporto di fiducia con la vasta e variegata platea di utenti che scelgono le nostre società. La nostra operatività è improntata alla trasparenza e alla costante ricerca di soluzioni innovative, che consentano di abbattere i costi e di profilare ed elevare la qualità dei nostri servizi e prodotti".

Etica, sostenibilità e condivisione, infatti, sono i valori su cui il Gruppo Vittoria ha costruito una realtà che ha al centro del proprio modello di business la persona, i suoi bisogni e le sue interazioni con l'ambiente. Valori che riguardano anche l'organizzazione interna del Gruppo e che si sono tradotti in opportunità anche per chi contribuisce quotidianamente al successo delle attività. "Il Gruppo gestisce prodotti che spaziano dalle commodity, quali l'energia elettrica e il gas, ai servizi assicurativi che hanno un'incidenza importante sulla quotidianità delle persone anche da un punto di vista economico – sottolinea Zoccatelli – per questo abbiamo deciso di mettere a disposizione di tutti i nostri collaboratori condizioni vantaggiose per gli acquisti".

L'idea si è concretizzata con V-Card, la benefit card del Gruppo Vittoria destinata ai collaboratori delle aziende, che dal 2016 sarà estesa anche a tutti gli oltre 20 mila clienti del Gruppo che potranno beneficiare di sconti, convenzioni e servizi speciali. Con V-card è possibile, ad esempio, acquistare le forniture di energia elettrica e gas di Global Power S.p.A. con una riduzione rispetto al prezzo di vendita applicato e disporre di un consulente personale presente sul territorio per gestire ogni problematica, dai servizi sul contatore al monitoraggio dei costi per individuare la struttura di prezzo più conveniente.

Se poi si desidera intervenire sui consumi la E.S.Co. certificata del Gruppo, Global Power Service S.p.A., offre l'opportunità di effettuare la diagnosi energetica di edifici e impianti sia di privati che di piccole e medie aziende, razionalizzando i consumi di energia anche di processi produttivi nell'industria e nell'agroalimentare. Inoltre propone la consulenza e la progettualità per riqualificare impianti di illuminazione, generazione di calore e di raffrescamento, oppure impianti di produzione d'energia come fotovoltaico o solare termico, con la gestione dei relativi titoli di efficienza energetica.

E ancora in V-card sono disponibili opportunità nei settori coperti dalle altre società del Gruppo: la Zoccatelli Assicurazioni con il marchio Allianz per la protezione dell'auto, della casa e della persona; l'Hotel Expo con i servizi congressuali, l'ospitalità e la nuova SPA "Divinae" e il Ristorante Vittoria con i servizi di ristorazione e catering. "V-card sarà assegnata a tutti i clienti del Gruppo che abbiano attivato almeno due tipologie di acquisti diverse – conclude Zoccatelli – Ad esempio, chi ha già sottoscritto un contratto di energia e intende acquistare un prodotto assicurativo, avrà condizioni di favore che resteranno costanti nel tempo sia sul premio della polizza che sulla fornitura di energia o gas".

FONTEL'arena – Verona Speciale 1000 imprese 2015

MON COEUR, storia d'amore e di poesia che "move il sole e l’altre stelle".

Ieri sera poco prima della fine di uno degli spettacoli più belli che abbia mai visto l'autore/interprete Andrea Brusa - immerso nel magnifico scenario del paesaggio montano valdostano tra testimonianze preistoriche, romaniche e medievali - ha chiesto al suo pubblico di non dimenticarsi mai di lui e di seguito ha cantato piangendo "Chiara" di Alessandro Mara; credetemi è stato un attimo molto commovente.

Le sue doti di cantore del tempo e dei gradi temi della vita sono state a lungo soffocate, eppure c'è amore in tutto questo, affetto come motore del mondo, quello che gli fa dire: «uno poi inventa l'amore, ma per me l'amore, l'amicizia, tutto ciò che riguarda la relazione tra uomini e donne, o amici, è stata la cosa più stimolante che mi sia accaduta». Di lui si ricorda la passione sconfinata per la moglie Chiara, ma anche e soprattutto il forte legame che e' riuscito a creare con il pubblico, che durante le conferenze e le sue performance lo ascolta estasiato. Un tale calore dovrà pur avere una ragione; ebbene, solo dopo aver letto i suoi libri INVALIDO D'AMORE, nella riedizione integrata ed illustrata, e LA VIA DEI MIRACOLI si può realmente comprendere il segreto del suo successo. È la semplicità a rendere la sua voce semplice e diretta, quella che tutti riescono a sentire nelle proprie corde. Durante "l'esilio", a chilometri di distanza dalla sua famiglia, lo scrittore continua a comunicare e, dietro quel sorriso amaro, ha saputo far fronte alle tante ingiustizie subite, trasfigurandole su carta come ricordi di un tempo lontano ma ancora presente e vivo, pezzi di cuore lasciati a casa in attesa di un ritorno... quello della moglie. Dichiara lo scrittore: "Il Mio Cuore arde d'amore per mia moglie Chiara per la quale dono la mia esistenza. La immagino come il pittore della mia anima che corre sempre davanti a me e si infila dove tutto è buio e quando poi la mia principessa arriva in questo tunnel oscuro che mi sta davanti, io la precedo, lei prende il pennello, lo intinge nella tavolozza dei colori brillanti e forti che più le piacciono e in fretta e furia dipinge tutto ciò che trova davanti. Di colpo il vuoto e il buio svaniscono e il cuore della mia principessa si colora d'arcobaleno... lei che per me e' l'altra meta' del cielo".

Un grande artista e poeta dell'anima, una persona per noi indimenticabile.

Intercultura a Cori: attestati di fine corso per l’apprendimento della lingua italiana

Grazie all'iniziativa gratuita dell'ente lepino 11 ragazzi stranieri hanno potuto prepararsi al superamento della prova finale per il conseguimento delle certificazioni linguistiche previste dalla normativa europea, tra cui il riconoscimento del livello A2 necessario per richiedere il permesso di soggiorno di lungo periodo.

Al termine dei corsi gratuiti per l'apprendimento della lingua italiana, pochi giorni fa 11 ragazzi stranieri hanno partecipato presso il CPIA 11 di Latina all'esame finale per il conseguimento dell'attestato che certifica il raggiungimento dei vari livelli linguistici previsti dalla normativa europea, tra cui il livello A2, tra i requisiti di legge necessari per richiedere il permesso di soggiorno di lungo periodo CE. 6 di loro hanno ottenuto la certificazione A2, 1 la B1 e 4 l'A1.

Il progetto è stato realizzato dai Servizi Sociali del Comune di Cori, in collaborazione l'ANOLF Latina, su iniziativa dell'Assessore alle Politiche Sociali Chiara Cochi che ha voluto riproporre anche quest'anno un servizio dimostratosi finora utilissimo, in un paese in cui la componente immigrata rappresenta ormai più del 10% della popolazione. Le lezioni tenute nella Biblioteca Civica 'Elio Filippo Accrocca' sono state affidate agli operatori qualificati dell'Associazione Culturale Arcadia, Chiara Teodori, Eugenio Marchetti e Simona De Lillis.

I principianti hanno seguito il corso di livello base, mentre chi possedeva già buone competenze comunicative ha potuto usufruire del potenziamento linguistico. Entrambi si sono svolti 2 volte a settimane per 2 ore ciascuna, a partire dal mese di Novembre del 2015. Da Aprile a Giugno 2016 gli studenti del livello linguistico superiore sono stati accompagnati in un percorso di tutoraggio per la preparazione delle recenti prove di comprensione orale e scritta e di interazione orale per il riconoscimento del livello A2.

Ancora una volta l'offerta formativa è andata ben oltre la mera alfabetizzazione, cercando di favorire il più possibile l'utilizzo della lingua parlata. Laddove fattibile si è tentato anche di valorizzare il bagaglio di competenze pregresse di ognuno. Il tutto come sempre con tecniche d'insegnamento innovative ed efficaci, e soprattutto in un clima di scambio reciproco delle diverse esperienze culturali.

Marco Castaldi

Addetto Stampa & OLMR

mercoledì 10 agosto 2016

Gaetano Zoccatelli, ecco la Riforma tariffe di rete per utenze residenziali

Dal 1 gennaio 2016 è entrata in vigore la riforma delle tariffe di rete per le utenze residenziali, introdotta dalla direttiva europea 27/2012 sull'efficienza energetica e resa possibile dalla Delibera 582/2015/R/EEL dell'Autorità per l'Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico (AEEGSI) in attuazione di quanto previsto dall'articolo 11, comma 3, del decreto legislativo 102/2014. Il punto di Global Power, azienda presieduta da Gaetano Zoccatelli e fornitore leader di aziende, Enti e Amministrazioni Pubbliche italiane

Gradualmente, nell'arco di tre anni, si dovrà superare l'attuale struttura progressiva delle tariffe di rete e per gli oneri generali di sistema, in cui il costo unitario del kWh cresce all'aumentare dello scaglione di consumo di riferimento. Una volta a regime, a partire dal 1 gennaio 2018, la tariffa di rete (i costi pagati per la trasmissione, distribuzione e misura dell'energia elettrica) e la tariffa per gli oneri di sistema (i costi per sostenere attività di interesse generale per il sistema elettrico), che attualmente rappresentano oltre il 40% della bolletta, saranno uguali per tutti e per ogni livello di consumo.

L'utente, quindi, pagherà in modo equo per i servizi che utilizza e per l'energia che effettivamente consuma. Il provvedimento interesserà circa 30 milioni di utenti elettrici residenti, indipendentemente dal fatto che abbiano scelto il regime di maggior tutela o il mercato libero. Resterà invariata, invece, la tariffazione per i non residenti.

I possibili effetti negativi che potrebbero colpire le famiglie in difficoltà a seguito della riforma verranno annullati dal bonus sociale di sconto, che l'Autorità ha già comunicato di voler aumentare dal 20% al 35%, ampliando anche la platea di chi ne ha diritto.

Con il superamento del vecchio sistema di scaglioni a costi differenziati anche le bollette risulteranno semplificate e più trasparenti.La riforma, inoltre, intende sostenere la diffusione di comportamenti all'insegna del risparmio energetico promuovendo l'impiego di apparecchiature elettriche come pompe di calore, auto elettriche o piastre a induzione, che potrebbero sostituire altre fonti energetiche molto meno rinnovabili (ad es., gas o gpl), generando un possibile ulteriore risparmio complessivo. Fino ad oggi, invece, l'utilizzo di queste apparecchiature, che richiedono consumi maggiori ed aumenti della potenza installata, è stato penalizzato proprio degli eccessivi costi legati alla tariffazione progressiva.

FONTEGlobal Power

Tournée ungherese per gli Sbandieratori dei Rioni di Cori

Dal 9 al 14 Agosto i maestri nell'arte del maneggiar l'insegna partecipano al XVI Gyöngy International Folk-Dance Festival di Gyöngyös; dal 15 al 21 Agosto sono a Debrecen per il Virágkarnevál o Carnevale dei Fiori.

È iniziata la tournée ungherese degli Sbandieratori dei Rioni di Cori. I maestri nell'arte del maneggiar l'insegna rappresenteranno l'Italia e il folklore corese della bandiera alla XVI edizione del Gyöngy International Folk-Dance Festival di Gyöngyös (9-14 Agosto), kermesse mondiale che si tiene ogni due anni ai piedi dei Monti Mátra, insieme agli altri gruppi internazionali provenienti da Argentina, Repubblica Ceca, Montenegro, Russia, Spagna, Taiwan e Turchia, oltre alle compagnie locali.

La manifestazione, tra le più prestigiose del Paese, ha origine dalla lunga tradizione folkloristica di questa città, a 80 km da Budapest, incarnata dal Folk-dance Vidróczki Group, primo organizzatore del festival nel 1969, e col passare degli anni, non solo è diventato il primo evento cittadino, ma ha acquisito una popolarità tale da ricevere il costante supporto delle istituzioni e di numerosi volontari. Lo status CIOFF, la perfetta organizzazione ed il programma attraente lo rendono uno dei più autorevoli festival dell'Europa orientale.

A Ferragosto i Rioni raggiungeranno Debrecen, dove saranno protagonisti del Virágkarnevál, il Carnevale dei Fiori, il più importante carnevale ungherese. Fino al 21 Agosto le principali strade della seconda città dell'Ungheria saranno animate ogni giorno, mattina e sera, dalle suggestive sfilate dei carri infiorati, colorate e profumate e giganti decorazioni floreali alle quali faranno da cornice i cortei e le esibizioni di numerosi artisti di ogni genere che regaleranno al pubblico spettacoli indimenticabili.

L'iniziativa, unica in tutto il vecchio continente, trova il suo momento saliente il 20 Agosto, in coincidenza con la festa nazionale, il giorno di Santo Stefano, primo Re dello Stato ungherese, e Festa del Pane Nuovo, celebrata con il pane che viene prodotto con l'ultimo grano raccolto. Per gli Sbandieratori dei Rioni di Cori si tratta di un gradito ritorno in terra magiara, nell'anno del loro 50° anniversario di fondazione. A Gyöngyös gli Alfieri di Cori erano già stati nel 2012, mentre Debrecen aveva avuto modo di apprezzarli nel 2004.

Marco Castaldi

Addetto Stampa & OLMR

Il senso dello scopo/del tempo

http://levirtu.blogspot.it/2007/11/senso-dello-scopo.html

martedì 9 agosto 2016

Park Wine Party: l’eccellenza del food&wine sloveno

"Terroir", la parola che meglio descrive l'importanza del territorio, della tradizione vinicola, della terra, del clima e dei personaggi che si fondono per creare inconfondibili vini di alta qualità. Grazie a questi fattori particolari i vini sloveni negli ultimi anni vengono scoperti da tantissimi critici e amanti per tutto il mondo.

In occasione dell'inizio del periodo della vendemmia, che quest'anno si preannuncia ottima, l'eccellenza della produzione vitivinicola slovena torna in mostra al Park Casinò & Hotel di Nova Gorica, nell'ambito dell'attesissimo Park Wine Party, venerdì 26 agosto alle 20:00. 

All'evento parteciperanno 13 produttori, per un totale di 39 etichette, provenienti dalle regioni della Valle del Vipava, del Brda (Collio Sloveno), del Carso e dell'Istria Slovena. Tra le cantine più note, saranno presenti il Collio Sloveno Vina Movia, che la rivista americana Wine&Spirits ha segnalato tra le 100 migliori al mondo, e la Marjan Simčič, nota per la linea di vini Opoka, riconosciuta dai critici mondiali con grandi apprezzamenti. Da segnalare anche le etichette della Valle di Vipava  Vina Sutor e Vina Lisjak, storica cantina titolare di un vigneto centenario, a cui si affiancheranno diversi produttori che si stanno affacciando sulla scena internazionale come Jakončič, fresco vincitore della medaglia di platino al "Decanter World Wine Awards", prestigioso concorso mondiale di vini.

Durante la degustazione i rappresentanti delle cantine indicheranno ad appassionati ed intenditori i segreti della produzione locale, che si distingue in tutto il mondo per la capacità di sposare il recupero della tradizione con l'agricoltura biologica e biodinamica. 
Per l'occasione, i migliori chef della Slovenia, tra cui Marino Furlan, Maitre de Cuisine del ristorante Tiffany di Nova Gorica, prepareranno diverse specialità gastronomiche, secondo un preciso gioco di abbinamenti volto a creare esperienze sensoriali inedite e ricercate, tutte da provare!

Il Park Wine Party rappresenta un'occasione unica per incontrare in un colpo solo tutta l'eccellenza dell'enogastronomia slovena, in un contesto piacevole e divertente: la serata si svolgerà all'aperto, nel giardino del Park Casinò & Hotel, con la musica scelta dal DJ Paolo Barbato e le performance del gruppo di ballo Go Breakers. Accanto alle etichette selezionate, si potranno provare anche inediti cocktail a base di vino, preparati dai bravissimi barman. 

Per i giornalisti è prevista la possibilità di richiedere accrediti stampa a:
Lavra Peršolja – Management Board Office
Tel. +386 5 336 41 27; Cell.+386 31 336 814; Lavra.Persolja@hit.si
SEGUE: ELENCO CANTINE E CHEF PARTECIPANTI AL PARK WINE PARTY

CANTINE

· Vina Movia (etichette Puro 2006 secco, Lunar 2013 secco, Veliko Rdeče 2007 secco)
· Marjan Simčič (etichette Sauvignon Blanc Opoka 2013 secco, Chardonnay Opoka 2012 secco, Sivi pinot 2015 secco)
· Vinska Klet Goriška Brda (etichette Merlot Baqueri 2012 secco, Krasno cuve beli 2014 secco, Penina Bagueri Zero Brut Nature)
· Vina Ščurek - Stojan Ščurek (etichette Jakot 2015 secco, Dugo 2009 secco, Stara Brajda Rdeča 2012 secco)
· Vina Koper (etichette Malvazija Capris 2015 secco, Rex Fuscus Refošk 2015 secco, Sladki Muškat 2015 dolce)
· CV Colja Vina (etichette Vitovska Grganja 2008 secco, Izbrani Teran 2011 secco, QV Rdeče 2011 secco)
· Vina Jakončič Kozana (etichette Mozaik Brut Penina brut, Sivi Pinot 2015 secco, Karolina Bela 2012 secco)
· Vina Štokelj (etichette Penina Pinela 2014 brut, Rose 2015 secco, Planta Rdeča 2013 secco)
· Vina Lisjak (etichette Vitovska Grganja 2014 secco, Sara Rdeče  2007 secco, Izbrani Teran 2015 secco)
· Vina Sutor (etichette Malvazija 2012 secco, Sauvignon 2012 secco, Sutor White 2012 secco)
· Vina Korenika Muškon (etichette Malvazija 2015 secco, Cabernet Sauvignon 2007 secco, Selekcija Malvazija 2013 secco)
· Vina Santomas (etichette Malvazija 2015 secco, Mezzo Forte 2013 secco,  Grande Cuvee 2009 secco)
· Belica (etichette Rebula 2015 secco, Izbrano belo 2009 secco, Rose 2015 secco)


RISTORANTI

· Ristorante Dam, Nova Gorica
· Trattoria Gostilna Ruj, Se zana
· Trattoria Gostilna Kobjeglava Q Komel, Štanjel
· Ristorante Domačija Belica, Collio Sloveno
· Ristorante Mama, Nova Gorica
· Ristorante Tiffany c/o Park, Nova Gorica

 Le informazioni contenute nella presente comunicazione, come i relativi allegati, possono essere riservate e sono, comunque, destinate esclusivamente alle persone o alla società sopraindicati. La diffusione, e/o copia del documento trasmesso da parte di qualsiasi soggetto diverso dal destinatario è proibita, sia ai sensi dell'art. 616 c.p. che ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003. Se avete ricevuto questo messaggio per errore, vi preghiamo di distruggerlo e di informare immediatamente il mittente o la nostra sede al numero +39-0243981646. 
http://www.twitter.com/MCSMarketing1 http://www.facebook.com/mcs.adv

m&cs - Ufficio Stampa
Tel. 02 43981646

Codacons su contrabbando di sigarette

CONTRABBANDO DI SIGARETTE: SUBITO TASK FORCE PER CONTRASTARE LA PROLIFERAZIONE.  NON SI TORNA INDIETRO. 
NO ALLA VENDITA DELLE SIGARETTE DI CONTRABBANDO PER STRADA, IN METRO O AL MERCATO  COME NEGLI ANNI '80. 
IL CODACON PRESENTA RICHIESTA DI SENSIBILIZZAZIONE AL CAPO DELLA POLIZIA ALESSANDRO PANSA. 

 

A Milano è molto florido il mercato delle sigarette di contrabbando. Stando alle stime delle autorità è la seconda piazza per i trafficanti di tabacco a livello nazionale, dopo Napoli. Il mercato in nero di sigarette toglie allo Stato italiano quasi un miliardo di euro annui.

Per comprendere il surplus per ogni pacchetto di sigarette basti pensare che in Ucraina un pacchetto di Malboro rosse costa cinquantotto centesimi. In città le sigarette vengono vendute la sera nelle zone della movida, tra i Navigli e le Colonne di San Lorenzo. I venditori sono perlopiù bengalesi e pakistani che cercano di venderle insieme a rose e accendini. 

Il Codacons presenta richiesta al Capo della Polizia di Stato, Dott. Alessandro Pansa, di intervenire immediatamente affinché si interrompa immediatamente la diffusione illecita di sigarette.



--
www.CorrieredelWeb.it

Contributi alloggiativi, Cor: La Regione ha compreso le nostre preoccupazioni. Concessa la proroga

Soddisfazione da parte del gruppo dei Conservatori e Riformisti (Zullo, Congedo, Manca, Perrini e Ventola)

Apprendiamo con indubbia soddisfazione la notizia che la Giunta regionale ha in animo di adottare un provvedimento di proroga dei contributi alloggiativi, raccogliendo una nostra sollecitazione che si inquadra nell'ambito delle attività di sostegno delle fasce economicamente più deboli che il Gruppo CoR alla Regione Puglia porta avanti come elemento cardine della propria azione politica. Si tratta di un eventuale risultato raggiungibile anche grazie all'aiuto e all'impegno di alcuni consiglieri comunali di Bari e in particolare del vice presidente del Consiglio comunale Pasquale Finocchio al quale va l'apprezzamento per il lavoro svolto in tal senso. Ci auguriamo che tale indirizzo che la Giunta regionale assumerà potrà rivelarsi utile a lenire, almeno in parte, il disagio di non poche famiglie. 

Bari, 9 agosto 2016



--
www.CorrieredelWeb.it

Cori: completamento della ristrutturazione del teatro comunale e sistemazione della strada Doganale di Giulianello i principali obiettivi dell’assestamento di bilancio


Il documento presentato in aula dall'Assessore al Bilancio Mauro De Lillis e approvato dal Consiglio comunale punta a dare ulteriore impulso alle misure di sviluppo infrastrutturale, sociale e culturale del territorio già inserite nel previsionale 2016/2018.

Nell'assestamento generale del bilancio di previsione 2016/2018 sono previste risorse aggiuntive per il completamento della ristrutturazione del teatro comunale e per la sistemazione della strada Doganale di Giulianello. È questo il dato più rilevante del documento approvato dall'ultimo Consiglio comunale di Cori (14 sì e 3 no: Bianchi, Canale, Silvi), come evidenziato in aula dall'Assessore al Bilancio Mauro De Lillis.

Poco meno di 100mila euro per ultimare entrambi i lavori. "Un mutuo di 70mila euro per portare a termine la ristrutturazione del teatro comunale, un cantiere già avviato con un precedente cofinanziamento Regione/Comune – ha spiegato il titolare delle finanze dell'ente lepino – 25mila euro invece è la quota parte del Comune per sistemare la Doganale di Giulianello con la compartecipazione della Società Eples che contribuirà alla realizzazione del progetto dal valore complessivo di circa 50mila euro".

Si tratta di due interventi rilevanti. L'ammodernamento del teatro comunale, luogo d'arte e cultura fondamentale per il paese, permetterà di assicurare a tutta l'utenza le necessarie condizioni di confort, sicurezza ed accessibilità, senza snaturarne la struttura preesistente e con particolare riguardo alla salvaguardia delle antiche mura poligonali che ne costituiscono l'originaria ossatura.

La sistemazione dell'antica strada Doganale, via di comunicazione preromana usata anche per la transumanza, consentirà un più agevole ingresso al Monumento Naturale Lago di Giulianello, senza mezzi motorizzati, il cui transito continuerà ad essere vietato dalla sbarra, salvi i casi particolari. Unitamente alla prossima entrata in vigore del Regolamento di Gestione del Lago, l'opera contribuirà alla valorizzazione dell'oasi, migliorandone la fruizione.

"In questo modo diamo ulteriore impulso alle misure di sviluppo infrastrutturale, sociale e culturale del territorio già inserite nel previsionale 2016/2018 – conclude De Lillis – dove abbiamo iscritto, tra le altre cose, i fondi necessari al ripristino della funzionalità della piscina comunale di Stoza, al rifacimento del selciato in vari punti dei centri storici e del manto delle principali strade della città, al piano di rientro per la restituzione degli usi civici alla comunità di Giulianello, alla gestione del complesso museo/biblioteca, al finanziamento delle colonie estive e dei principali eventi cittadini (Carosello Storico, Latium Festival e Pe ì Ndò)".

Marco Castaldi

Addetto Stampa & OLMR

La Casa delle religioni per aiutare il dialogo contro i radicalismi



http://www.lastampa.it/2016/08/08/cronaca/la-casa-delle-religioni-per-aiutare-il-dialogo-contro-i-radicalismi-VS7YfcJrtqzmfxC39woNtK/pagina.html

lunedì 8 agosto 2016

«Chi semina nelle lacrime mieterà con giubilo» ed aggiunge Andrea Brusa "e l'aria bussera' di notte alla mia finestra portandomi la tua voce amore mio..". Una commovente conferenza spettacolo dell'autore di MON COEUR.

La partecipazione, l'amore dello spettatore sono totali: tutto alla fine si risolve, o sembra risolversi, spazzando via tutto il dolore precedente, delle scelte e dei rimpianti, con un sorriso agrodolce. È la storia di ciascuno di noi, condensata in un'immagine efficace: da una parte l'incertezza, la trepidazione del seminatore che affida alla terra il seme (sarà buona la stagione? Spunterà il frumento?) dall'altra la gioia della raccolta della mèsse sospirata.

"Non ricordo chi diceva che per fare Teatro c'e' bisogno almeno di uno spettatore. Non mentiamo a noi stessi, possiamo anche fare cose fine a loro stesse e personali, ma senza una condvisione non si puo' dire siano complete. Tu esci, vomiti, ti esprimi, lanci il tuo messaggio a chiunque possa, e voglia, farne qualcosa e ti senti soddisfatto. Punto. Credo non ci sia niente di piu' bello, ma allora come puo' essere difendibile chi che cerca la bellezza interiore in un negozio di cosmetici. Qui cogli un aspetto molto particolare. Un conto è scrivere una musica: non esiste che tu la scriva se non per te stesso, fine. Un altro è cantare senza la recitazione, mera esecuzione: esiste il pubblico sicuramente, ma al massimo serve per guardarsi dentro meglio, scandagliare meglio il percorso emotivo/tecnico/pulsionale. Un altro ancora è il recitare dove spesso, effettivamente, la narrazione di una vicenda è PER un pubblico, tu non sei che un meccasnismo di questa narrazione. In questo posso sentirmi burattino, geisha d'alto borgo, escort, prostituta. Si; e allora, anche se fosse? Faccio ciò che voglio, accettandone le conseguenze in questi casi (di solito di insoddisfazione a sipario chiuso). Se notate nel mio scritto ho parlato di scrivere musica e "cantare" tutte azioni che SPESSO partono da esigenza interiore; quando scrivevo LE STAGIONI DELL'AMORE e MON COEUR non pensavo certo a quando mi sarebbe capitato di interpretarli. Tu esci, vomiti, ti esprimi, lanci il tuo messaggio a chiunque possa, e voglia, farne qualcosa e ti senti soddisfatto. No. Altrimenti sarebbe una rincorsa sul pubblico e un accartocciarsi su se stessi. Non è bulimia il vomitare, è esigenza. Se non lo senti, esci, lavori di mestiere, ti inebri degli applausi e sai già, mentre te li fanno, che in tutto questo non c'è niente di bello, perché niente è stato veramente vero. Sensazioni che, intendiamoci, non sono universali. Sono le MIE! Non voglio pretendere di estendere il mio particolare. In breve, quindi, non sono mai contento? Più o meno l'idea è quella. Quindi perché lo si fa?! Cioè mi volete chiedere perché A VOLTE sento l'esigenza di RESPIRARE? Perche' sono sempre qua a scrivere di lei, di mia moglie e di noi con il cuore aperto e palpitante ad un ritmo più accelerato del solito volendo dirle che non ho più bisogno né del cielo, né tantomeno delle stelle se c'e' lei accanto a me. Tutto ha riacquistato colore; ora quando vado in giro sorrido, di nuovo, ed è grazie a lei. Per questo scrivo... per dirle che e' tremendamente meravigliosa con quegli occhi chiusi dalla luce del sole, con gli zigomi all'insú e quella lieve smorfia di fastidio. Dirle che mi accorgo di quanto sia stanca, o triste, o annoiata, e mi accorgo anche di quanto sia sollevante essere, ancora una volta, la soluzione a quasi tutti i suoi problemi. Scrivo per dirle che dopo tutto questo tempo non smetto di guardarla con gli stessi occhi che mi hanno inginocchiato tempo fa, gli stessi occhi inginocchiati tutt'ora, ai suoi".

Wow, che bella conferenza!!!

Il Mondo a Tavola a Cori: la cucina come fonte di scoperta e integrazione tra popoli e culture

Il progetto di intercultura dell'Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Cori è stato riproposto in occasione del Latium Festival. Grande partecipazione della comunità indiana locale, che oltre a curare i laboratori gastronomici ha accolto con i piatti tipici della sua terra l'Indian Revival Group di Nuova Delhi e il Console indiano per l'educazione e la cultura a Roma Amit Varma.

È giunto a conclusione insieme al Latium World Folkloric Festival - CIOFF® 2016 il progetto di intercultura 'Il Mondo a Tavola', ideato dall'Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Cori Chiara Cochi e realizzato dai Servizi Sociali, in collaborazione con le associazioni Arcadia, Il Circo della Farfalla Onlus, ANOLF Latina e Festival della Collina, con il supporto dei due centri anziani di Cori e Giulianello e della Pro Loco Cori.

Dopo le riuscite esperienze dei mesi scorsi, questo originale percorso di promozione del dialogo interculturale e di valorizzazione del patrimonio delle Comunità etniche presenti sul territorio attraverso la gastronomia, è stato riproposto dal 3 al 7 Agosto nell'ambito della kermesse del folklore mondiale proveniente da Brasile, Georgia, India, Isole Marchesi, Polonia, Spagna, Sud Africa e Uruguay.

Ancora una volta l'iniziativa ha riscosso una straordinaria partecipazione presso entrambi i centri socio culturali e ricreativi 'Argento Vivo' di Cori e 'Il Ponte' di Giulianello. Alla fase teorica di conoscenza delle ricette interetniche e alla fase pratica di amalgama degli ingredienti, è seguita la fase conviviale in cui si è mangiato tutti assieme quanto preparato.

A condurre i workshop sono stati i migranti stessi che hanno condiviso i propri saperi e sapori gastronomici con i tanti presenti. Oltre alla rappresentanza rumena, un significativo contributo è stato dato dalla comunità indiana locale che si è aperta al paese e mobilitata con grandissimo impegno.

Non solo si è occupata dei laboratori culinari, ma ha accolto con i piatti tradizionali della sua terra anche l'Indian Revival Group di Nuova Delhi, tra i protagonisti del Latium Festival, e il Console indiano per l'educazione e la cultura a Roma Amit Varma, ricevuto dal Sindaco Tommaso Conti e dal Presidente del Latium Festival Tommaso Ducci nella serata di gala della compagnia indiana.

La cucina come fonte di scoperta e integrazione tra popoli e culture è uno degli aspetti salienti anche del Latium Festival, che con Intercultura in Festa ha offerto al pubblico la possibilità di degustare vini di eccellenza autoctoni Cincinnato e Marco Carpineti e prodotti tipici abbinati alle pietanze preparate dai gruppi internazionali e dalle comunità straniere locali, come quelle siriane proposte dallo chef Zaher Eliass Sabhah.

Marco Castaldi

Addetto Stampa & OLMR

domenica 7 agosto 2016

“Dio mio, perchè mi hai abbandonato? Ridammi la mia famiglia!!!"

Le lacrime di un Autore/Clown: Andrea Brusa, scrittore, maestro di Commedia dell'Arte e dell'arte della Clownerie... , regista ed interprete di se stesso e nel contempo osservatore acuto ed implacabile della realtà, sembra ormai guardarsi nel riflesso di uno specchio, poiche' essi non mentono... Ed e' cosi'che vede un vecchio pagliaccio triste esposto all'aria che lo fissa... Ma dov'e' andato l'uomo di un tempo?

"Signore ti supplico anche se peccatore, stammi vicino, non lasciarmi solo e se è Volontà del Tuo Padre Celeste, chiedo il ritorno della mia famiglia, per il Tuo Santo Nome, per il Cuore Immacolato di Maria e il Santo Cuore di Giuseppe, Ti ringrazio, amen". Con questa preghiera ha inizio l'intervista allo scrittore. Ma quante volte il grido stesso dello scrittore è il nostro grido? E' il momento in cui ci sentiamo traditi proprio in ciò che abbiamo sempre considerato di più prezioso ed esclusivo: il nostro amore. Delusi e ingannati da chi dovrebbe essere l'Amore, siamo stati abbandonati a noi stessi! Siamo arrivati al fondo della nostra fede e laggiù sperimentiamo una distanza tanto grande dall'Amore da sembrare ormai incolmabile. E' il momento in cui viviamo l'abbandono insieme a Gesù. L'autore inoltre lamenta il fatto di non essere creduto pur comprendendone razionalmente le cause. Mi piace allargare la riflessione suscitata dallo scrittore con le parole del teologo Joseph Ratzinger, mosso dalla stessa necessità: parlare della fede a coloro che non hanno familiarità «col pensiero e col linguaggio ecclesiale». La storiella narra di un circo viaggiante in Danimarca, colpito da un incendio. Il direttore mandò subito il clown, già abbigliato per la recita, a chiamare aiuto nel villaggio vicino, oltretutto perché c'era pericolo che il fuoco, propagandosi attraverso i campi da poco mietuti e quindi secchi, s'appiccasse anche al villaggio. Il clown corse affannato al villaggio, supplicando gli abitanti ad accorrere al circo in fiamme, per dare una mano a spegnere l'incendio. Ma essi presero le grida del pagliaccio unicamente per un astutissimo trucco del mestiere; tendente ad attirare il maggior numero possibile di persone alla rappresentazione; per cui lo applaudivano, ridendo sino alle lacrime. Il povero clown aveva più voglia di piangere che di ridere e tentava inutilmente di scongiurare gli uomini ad andare, spiegando loro che non si trattava affatto di una finzione, d'un trucco, bensì di una amara realtà, giacché il circo stava bruciando per davvero. Il suo pianto non faceva altro che intensificare le risate: si trovava che egli recitava la sua parte in maniera stupenda…  La commedia continuò così finché il fuoco s'appiccò realmente al villaggio e ogni aiuto giunse troppo tardi: villaggio e circo finirono entrambi distrutti dalle fiamme. Narro questo apologo a titolo esemplificativo, per delineare la situazione in cui versa l'autore al giorno d'oggi, e nel clown, che non riesce a far si che il suo messaggio sia veramente ascoltato dagli uomini, vede l'immagine del suo stesso essere. Anch'egli, infatti, paludato com'è nei suoi abiti da pagliaccio tramandatigli dal Medioevo o da chissà quale passato, non viene mai preso sul serio. Può dire quello che vuole, ma è come se avesse appiccicata addosso un'etichetta, come se fosse imprigionato nel suo ruolo. Comunque si comporti, qualsiasi tentativo faccia per presentare la serietà del caso, tutti sanno già in partenza che egli è appunto solo un clown. Si sa già di che cosa parli, si sa che offre solo una rappresentazione che ha poco o nulla da spartire con la realtà.
Eppure il grido di aiuto dell'autore e' piu' che sincero, cosi' come il suo immenso amore per sua moglie e sua figlia. "Se solo trovassi qualcuno che mi crede!", conclude sconsolato l'autore. Noi glielo auguriamo di CUORE... e da parte nostra ha tutto il nostro appoggio. Ripensaci CHIARA!

PIER CARLO LAVA
Consulente Editoriale

Cori e Artena: suggellato il Gemellaggio della Bandiera

I presidenti degli Sbandieratori dei Rioni di Cori e degli Sbandieratori e Musici Alfieri del Cardinal Borghese di Artena hanno firmato il Patto di Gemellaggio sabato pomeriggio all'apertura del Palio delle Contrade.

Nell'anno del 50° anniversario della loro fondazione, gli Sbandieratori dei Rioni di Cori (LT) si sono gemellati con gli Sbandieratori e Musici Alfieri del Cardinal Borghese di Artena (RM). La cerimonia ufficiale si è svolta sabato 6 Agosto ad Artena, nel parco di Villa Borghese, a margine del Giuramento dei Capitani, atto iniziale del Palio delle Contrade, giunto alla sua 25^ edizione. Il Patto di Gemellaggio è stato firmato dai Presidenti delle due associazioni, Angelo Pianelli e Vito Notarfonso. Erano presenti, tra gli altri, il Sindaco di Artena Felicetto Angelini e per il Comune di Cori l'Assessore Luca Zampi.

Il gemellaggio suggella un consolidato rapporto di stima, amicizia e collaborazione che lega da tempo i due gruppi di sbandieratori, da sempre impegnati nella promozione in Italia e nel mondo dell'antica arte del maneggiar l'insegna, costantemente innovata nel rigoroso rispetto della tradizione. Oltre ad essere stati protagonisti di eventi e scambi culturali comuni, le due compagini di Alfieri sono le uniche rappresentanze del Lazio associate alla F.I.SB. Federazione Italiana Sbandieratori – Antichi Giuochi e Sports della Bandiera, di cui i Rioni di Cori furono tra i cofondatori nel 1966.

L'ufficializzazione del gemellaggio è stata preceduta nel mese i Marzo dalle due giornate di accoglienza ad Artena e poi a Cori, che sono servite per approfondire la conoscenza tra le due scuole di bandiera, differenti tra loro. Guidati dai Direttori Artistici, Andrea Pistilli e Matteo Riccelli, in quell'occasione i ragazzi hanno appreso e sperimentato le reciproche peculiarità. Tipicità, storiche e tecniche, che in buona sostanza scaturiscono dal materiale dell'asta, che determina il maneggio della bandiera. In legno quella corese, con drappo dipinto e cucito a mano, unica in Italia; in fibra di carbonio, piombata e con drappo stampato l'altra.

Marco Castaldi

Addetto Stampa & OLMR

Massimo Paracchini espone a Santo Stefano Belbo un'opera dedicata a Cesare Pavese

 MASSIMO PARACCHINI ESPONE A SANTO STEFANO BELBO UN'OPERA DEDICATA A CESARE PAVESE


Titolo dell'opera:  Free sprinkling Overflowing e Sparkling  su Cesare Pavese  nei movimenti  iperellittici e  iperdimensionali dell'anima e dell'Universo                                       

Olio su cartone telato  40x40

"Ogni immagine, ogni figura deve essere trasformata dall'artista in pura visione atemporale tramite un processo alchemico di krometamorfosi dinamica e può essere transatomizzata attraverso quella sapiente e magica aspersione di colore che è il Free Sprinkling Overflowing e Sparkling, ma viene anche proiettata nelle geometrie iperellittiche e iperdimensionali dell'Universo e trasfigurata dai moti convulsi dell'anima che è viva e palpita di forti sensazioni e di emozioni infinite in uno spazio e in un tempo universali."

 

 Da "Eidetica Trascendentale dell'arte"

 di  Massimo  Paracchini

        

Premio Cesare Pavese 2016

Il CEPAM  (Centro Pavesiano Museo Casa Natale), in accordo con la Fondazione Cesare Pavese, la collaborazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo ed il Patrocinio di Regione Piemonte, Provincia di Cuneo e Comune  di Santo Stefano Belbo, indice la XXVII edizione del Premio di Pittura Cesare Pavese, con il seguente tema "Luoghi, Personaggi e Miti Pavesiani".

Il Premio Cesare Pavese nasce per rendere omaggio a un autore divenuto un classico della letteratura italiana e internazionale, pur mantenendo un forte legame con le sue radici piemontesi. Viene assegnato agli scrittori, agli artisti e agli intellettuali che meglio hanno saputo trasmettere il legame con il territorio, il valore dell'impegno civile o fornire punti di vista stimolanti su tematiche attuali. La Mostra aprirà domenica 7 agosto e si concluderà domenica 25 settembre 2016 a Santo Stefano Belbo (CN).

                                             

 

 

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota