Cerca nel blog

venerdì 19 luglio 2019

Il Perù riceve quattro premi ai World Travel Awards Sudamerica 2019

Comunicato Stampa

Il Perù riceve quattro premi ai World Travel Awards Sudamerica 2019
PromPerù è stato premiato agli "Oscar del turismo" come il miglior ufficio turistico della regione per il quarto anno consecutivo. Il Perù si conferma come la migliore destinazione culinaria e culturale dell’area e Machu Picchu come migliore attrazione turistica.



Luglio 2019 – La Commissione peruviana per l'esportazione e la promozione del turismo (PROMPERÚ) è stata premiata come miglior ufficio del turismo del Sud America per il quarto anno consecutivo ai World Travel Awards (WTA), in occasione della serata di gala tenutasi a La Paz, in Bolivia.

"Questi successi sostengono l'intenso lavoro di promozione condotto da PROMPERÚ, MINCETUR e dal settore turistico, e dimostrano un impegno sinergico tra pubblico e privato. Tutti questi sforzi valorizzano il Perù davanti agli occhi del mondo, affermandosi come destinazione ricca di storia, cultura, natura e una deliziosa gastronomia riconosciuta a livello globale" ha dichiarato Luis Torres Paz, Presidente Esecutivo di PROMPERÚ.

Inoltre, gli “Oscar del turismo" hanno premiato il Perù nelle categorie di migliore destinazione culinaria e migliore destinazione culturale del Sud America, nonché migliore attrazione turistica in America Latina: Machu Picchu. Questi riconoscimenti dimostrano, ancora una volta, l'alta qualità raggiunta dal Perù nel settore turistico.

Questi risultati supportano le molteplici azioni promozionali che PROMPERÚ svolge nei propri mercati di riferimento turistico come campagne, partecipazione a fiere specializzate, roadshow, corsi di formazione, e molto altro, grazie alle quali si promuove lo sviluppo del settore in Perù a beneficio dell'ampia catena produttiva.

A questi ultimi premi si aggiungono anche i recenti riconoscimenti ricevuti dalla rivista americana Travel and Leisure, che ha collocato le città di Cusco e Lima tra le città preferite dell’America Latina dai propri lettori, e ha inserito alcuni hotel peruviani tra i migliori al mondo. Inoltre, la classifica di Country RepTrack 2019, ha inserito il Perù ai vertici, tra i Paesi dell’area, della lista dei 55 paesi nel mondo.

WORLD TRAVEL AWARDS
ll WTA South America è uno degli eventi più prestigiosi dell'industria turistica del Sudamerica e ha visto la partecipazione dei maggiori esperti del settore. A rappresentare il Perù è stato Pedro Guevara, Consulente Economico e Commerciale dell'Ufficio Commerciale del Perù all'Estero (OCEX) in Bolivia. I vincitori dell'edizione sudamericana si sfideranno il 28 novembre, in Oman, durante l'edizione mondiale, che nel 2018, ha premiato il Perù come migliore destinazione culturale, come migliore destinazione culinaria del mondo per il settimo anno consecutivo e Machu Picchu come migliore attrazione turistica

A PROPOSITO DEI WTA
I World Travel Awards sono considerati gli "Oscar del Turismo", secondo il prestigioso quotidiano statunitense The Wall Street Journal e contano su 26 anni di esperienza nel saper riconoscere l'eccellenza dell’industria turistica. I vincitori vengono eletti tramite le votazioni online del pubblico, sulla piattaforma dell’organizzazione, che coinvolge professionisti del turismo, imprenditori e viaggiatori provenienti da tutto il mondo.

PROMPERÚ - La Commissione Peruviana per la Promozione delle Esportazioni e del Turismo l'organismo ufficiale specializzato in promozione turistica e marketing, collegato al Ministero del Commercio Estero e del Turismo del Perù.

Per ulteriori informazioni:
http://www.peru.travel

giovedì 18 luglio 2019

Comunicato stampa - Omaggio alla Madre Terra per i primi 25 anni del Film Festival della Lessinia. Alla Casa del Cinema di Roma prime anticipazioni dell'edizione 2019

Gentili colleghi,

in allegato il comunicato stampa relativo alla presentazione del Film Festival della Lessinia, ospitata oggi alla Casa del Cinema di Roma.

A questo link è possibile scaricare materiale fotografico e video della conferenza stampa.

Buon lavoro.



Comunicato stampa


Omaggio alla Madre Terra per i primi 25 anni del Film Festival della Lessinia

Anticipazione alla Casa del Cinema di Roma dell'edizione 2019 della rassegna cinematografica internazionale dedicata a vita, storia e tradizioni in montagna in programma a Bosco Chiesanuova (Verona) dal 23 agosto al 1° settembre. Dopo l'Alto Patrocinio del Parlamento Europeo la manifestazione scaligera ottiene anche quelli del Ministero dell'Ambiente e di WWF Italia Onlus


Roma, 18 luglio 2019


Un omaggio alla Madre Terra e alla sua maestra di vita: la montagna. Riporta l'attenzione sulla salvaguardia ambientale, sui cambiamenti climatici e sulle sfide che attendono l'uomo il Film Festival della Lessinia: la più ampia vetrina cinematografica internazionale di cortometraggi, documentari, lungometraggi e film d'animazione dedicati esclusivamente al tema della vita, della storia e delle tradizioni in montagna, arrivata al traguardo della venticinquesima edizione.

Le anticipazioni dell'edizione 2019 del concorso cinematografico in programma a Bosco Chiesanuova (Verona) dal 23 agosto al 1° settembre sono state illustrate oggi presso la Sala Gian Maria Volonté della Casa del Cinema di Roma. La presentazione del programma completo si svolgerà a Verona, il 1° agosto.


«Da venticinque il Festival dice che siamo figli della Madre Terra e che le montagne sono "il polmone del pianeta", il laboratorio in cui si sperimenta la convivenza possibile tra Uomo e Natura e dove si può dare risposta alle sfide che attendono il pianeta», ha sottolineato Alessandro Anderloni, direttore artistico della rassegna cinematografica. «I mille film che in questo quarto di secolo abbiamo presentato in Lessinia per raccontare la vita in montagna sono un patrimonio di studio e di documentazione dal valore inestimabile – ha aggiunto –. Un percorso iniziato quando le tematiche ambientali non erano di drammatica attualità, come oggi. Da Bosco Chiesanuova anche quest'anno lanceremo forte il nostro grido di dolore e di speranza per la nostra unica madre, la Madre Terra».


Nato nel 1995 su iniziativa dell'associazione Curatorium Cimbricum Veronense, il Film Festival della Lessinia presenta ogni anno, alla fine di agosto, una selezione di film da tutti i continenti. Sono 67 le opere presentate quest'anno, da 32 Paesi, con 20 anteprime italiane. Fiction, documentari e animazioni in concorso, una programmazione per bambini e adolescenti; la retrospettiva tematica Omaggio alla Madre Terra che ripercorre la storia delle pellicole dedicate al pianeta, da Il pianeta selvaggio del 1973, al nuovo Antropocene: l'epoca umana. Ospite d'onore sarà il documentarista Franco Piavoli che aprirà e chiuderà il Festival con i suoi due capolavori: Nostos – Il ritorno e Il pianeta azzurro. Il ciclo di incontri culturali "Parole Alte" avrà tra i suoi protagonisti il climatologo Luca Mercalli con un conferenza dal titolo emblematico: Non c'è più tempo.

Arricchiscono il programma cinematografico, declinato in dieci giorni, incontri con l'autore, tavole rotonde e dibattiti, workshop fotografici, mostre e laboratori, concerti e spettacoli teatrali, escursioni guidate e laboratori per bambini, proposte eno-gastronomiche con i prodotti della montagna nell'animatissima Piazza del Festival.


Nel tempo la rassegna ha allargato l'interesse alle terre alte di ogni angolo del mondo e a cinematografie emergenti come quelle di Bhutan, Nepal, Taiwan o Kirghizistan, ottenendo nel 2019 l'Alto Patrocinio del Parlamento Europeo per la capacità di «rappresentare, valorizzare e favorire la conoscenza delle realtà sociali, linguistiche, umane, economiche, ambientali, naturalistiche, storiche e artistiche della montagna». Ma non è l'unico prestigioso riconoscimento che suggella il cammino di ricerca intrapreso dal Film Festival della Lessinia: da quest'anno la manifestazione veronese si fregia anche del Patrocinio del Ministero dell'Ambiente e del Patrocinio del WWF Italia Onlus.


A sottolineare l'attenzione nei confronti dell'ambiente è il palmares della manifestazione che oltre ai premi della giuria internazionale, la Lessinia d'Oro al miglior film e la Lessinia d'Argento alla miglior regia, attribuisce, nell'ambito del programma "Stop Climate Change", il Premio Log To Green Movie Award assegnato alla miglior opera attenta ai temi dell'eco-sostenibilità da una giuria composta, Gabriella Carlucci, Mariagrazia Midulla, Barbara Carfagna, Maria Marzotto, Federico Testa, Massimo Tomagnini.

«Il mondo del cinema ha una forte capacità di coinvolgimento di pubblico e quindi è in grado di sensibilizzare e promuovere comportamenti orientati verso un maggior rispetto per l'ambiente e modelli di sviluppo sociale più responsabili e sostenibili», ha evidenziato il presidente del Premio, Renato Cremonesi. «Da questa considerazione – ha concluso – è nata l'idea di Log to Green Movie Award che, da cinque anni, coinvolge oltre al Film Festival della Lessinia importanti rassegne quali il Terre di Siena Film Festival, il Festival del Cinema Italo-serbo, il Mallorca International Film&Media Festival».


Main sponsor del Film Festival della Lessinia sono: Cassa Rurale Vallagarina, Gruppo Fimauto BMW e Cantine Bertani. La rassegna è sostenuta da: Comune di Bosco Chiesanuova, Comunità Montana e Parco della Lessinia, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Veneto, Provincia di Verona, Fondazione Cariverona, Università degli Studi di Verona e Consorzio BIM Adige. 


Info: www.ffdl.it


--


Piazza Borgo, 52
37021 Bosco Chiesanuova
Verona - Italy

Marta Bicego
Press officer


SPS stringe una partnership con ASSIRM a supporto delle ricerche di mercato

Gli associati Assirm avranno  accesso privilegiato alle soluzioni SPSS Statistics for Data Analysis

 

 

Bologna, 18 luglio 2019 - SPS, storico player del mondo delle Analytics, ha stretto un importante accordo commerciale con ASSIRM, l’Associazione che riunisce le maggiori aziende italiane che svolgono Ricerche di Mercato, Sondaggi di opinione e Ricerca Sociale. ASSIRM è il punto di riferimento delle ricerche di mercato in Italia, un settore che nel 2018 è cresciuto del 3,4%, raggiungendo un valore di 492,6 milioni di euro. 

 

Tale accordo quadro è volto a supportare le aziende di ricerche di mercato appartenenti all’Associazione, presentando SPSS Statistics, soluzione dedicata all’analisi statistica dei dati e gli appuntamenti di formazione.

 

Oggetto dell’accordo lato software è Statistics for Data Analysis personalizzabile secondo le modalità:

  1. Pacchetti Software specifici per settore lavorativo, con particolare riferimento alle aree Ambientale, Sociale ed Economico, Sanitario o Turistico
  2. Singoli Moduli di interesse, personalizzando così la soluzione secondo le proprie esigenze
  3. Bundle di IBM SPSS Statistics Standard, Professional o Premium

 

SPS supporta già con la propria soluzione Statistics for Data Analysis e servizi molte realtà operative nel mondo delle ricerche di mercato, come Nielsen, Sita Ricerca, Via! part of Bilendi e molte altre ancora, e confida che questa partnership porti a una collaborazione ancora più feconda.

 

 

Per informazioni: marketing@spss.it o 051 252573.

 

 

SPS Srl

SPS da oltre vent’anni supporta i Clienti nella definizione delle soluzioni utili per soddisfare le esigenze di analisi dati. Con questo principio cardine, SPS ha sempre teso all’evoluzione:


 

Statistics for Data Analysis è una soluzione di sua proprietà, che integra al core IBM SPSS Statistics funzionalità aggiuntive che ne esaltano le potenzialità; lato servizi ha ampliato l’offerta in termini di supporto, formazione e consulenza, con una professionalità riconosciuta.

SPS ha maturato rapporti con clienti come: Università, Ospedali, Enti Territoriali e Pubbliche Amministrazioni in generale, ma anche con Enti di Ricerca e Aziende, arrivando a gestire oggi oltre 500 contratti.

SPS è nata nel 1994 come SPSS Italia, distributore autorizzato da SPSS Inc . per la vendita in esclusiva sul territorio italiano della suite di prodotti SPSS. Nel 2009 SPSS Inc . viene acquisita da IBM e SPSS Italia cambia nome in SPS, divenendo Gold Business Partner IBM, Support Provider e Expert Level in Data Science & Business Analytics.

Per un contatto quotidiano, segui SPS sulla sua pagina LinkedIn!

Per informazioni istituzionali visita www.spss.it

 

 

Il contenuto di questo messaggio e-mail e di ogni eventuale allegato è strettamente confidenziale e indirizzato esclusivamente al destinatario indicato. Tutte le informazioni contenute sono soggette ad obbligo di riservatezza ai sensi del Regolamento UE 2016/679 GDPR e del D.Lgs 196/2003 e sm. Il trattamento non autorizzato del contenuto trasmesso e/o allegato dal mittente è vietato. In caso di erronea ricezione il destinatario è pregato di contattare immediatamente il mittente e cancellare al più presto il messaggio.

 

Le letture in proposta a Luglio

View this email in your browser

 

Libri in proposta a Luglio

https://www.instagram.com/il.taccuino.ufficio.stampa/


Teologia del dominio di J. L. Bryan
(Thriller Distopico) URBANA EDIZIONI

Schiavi di Paolo Ostorero
(Narrativa contemporanea) SELF - PUBLISHING

Stupro. La ragazza sporca di Stefania De Girolamo
(Narrativa contemporanea) EDIZIONI DL POGGIO

"La vera storia del cristianesimo che i credenti ..." di G. Cingolani
(Saggistica) - EUROPA EDIZIONI

Con il casco azzurro verniciato a spruzzo di Alessandra Giorgi
(Narrativa contemporanea) PUBME

 
Teologia del dominio di J. L. Bryan
J. L. Bryan presenta "Teologia del dominio", un thriller distopico ambientato in un futuro non troppo lontano nella Nuova America. In un mondo trincerato dietro muri di cemento, in una società caratterizzata dall'invadente controllo del governo e dalle persecuzioni ai danni di chiunque eserciti il libero pensiero, il protagonista Daniel Ruppert si trova a fare i conti con un complotto su larga scala che sconvolgerà la sua esistenza. Edito in America con il titolo "Dominion", il romanzo è stato tradotto e pubblicato in Italia da Urban Apnea Edizioni, come primo titolo in catalogo della casa editrice. Sarà scaricabile gratuitamente a partire dall' 11 Settembre 2019.

 
Titolo: Teologia del dominio
Autore: J. L. Bryan
Genere: Thriller Distopico
Casa Editrice: Urban Apnea Edizioni
Pagine: 316
Prezzo: 15,00€
Codice ISBN: 978-88-9441-062-4
 
«– … Evoluzione, come dicevo, è guerra. Tra i batteri, tra le formiche, tra gli alberi che succhiano le sostanze dal terreno, tra gli anticorpi che ci proteggono dagli agenti patogeni… vengono sempre applicate le stesse regole, gli stessi schemi. Chi si impone, domina il contesto evoluzionistico. Ma la vittoria è temporanea, perché dietro l'angolo è già pronta un'altra battaglia. La guerra è santa, perché è il mezzo con cui un gruppo diventa coeso e si rinforza per proteggere i propri membri. La stessa religione mondiale ci insegna a stringerci, a unirci, mi segui Daniel?
 
– Certo, sfruttare gli istinti primordiali della gente per il vostro profitto.                     
 – Sbagliato! – rispose Crane sbattendo il pugno sul tavolo e mandando in frantumi la proiezione olografica di Roma. – La guerra ci ha elevato dal brodo primordiale a creature che costruiscono città e nazioni, la guerra eleva ogni forma di vita del pianeta, ci rende più forti, ci migliora, ci unisce, la guerra è… – Crane si sporse in avanti con gli occhi azzurri spiritati e le labbra contratte – la guerra è Dio – sussurrò – e Dio è guerra […]».
 

TRAMA. Un attacco nucleare alla città di Columbus (Ohio) impone negli Stati Uniti un regime totalitaristico basato sulle dottrine della Chiesa Dominionista, secondo cui le democrazie sono guidate dal demonio e i Cristiani caucasici hanno il dovere di controllare le sette aree che regolano la vita umana: economia, politica, media, arte, educazione, famiglia e religione. Mentre l'America è impegnata in una guerra mondialista contro Cina, Venezuela, Egitto e altri Stati del Medio Oriente (per reclutare discepoli secondo il comandamento di Gesù?), il nuovo Dipartimento del Terrore sopprime i movimenti di resistenza interni e gli squadristi delle Brigate della Libertà perseguitano le minoranze etniche. Daniel Ruppert, mezzobusto del notiziario di Los Angeles, riporta pedissequamente le notizie, spesso inattendibili, che gli vengono imposte. Immerso nel lusso di Bel Air e nei suoi circoli esclusivi insieme alla moglie, viene strappato via dalle sue certezze in un precipitare di eventi che lo portano a scoprire uno sconvolgente segreto governativo.
 
 
Schiavi di Paolo Ostorero
Paolo Ostorero presenta "Schiavi", un romanzo basato su una storia vera, quella di due ragazzi costretti a lasciare la loro terra, l'Africa, per inseguire il sogno di una condizione che possa essere chiamata vita, e cancellare un passato di miseria e disperazione. Felix partirà dal Camerun e Peter dal Sud Sudan, due paesi dalle diverse culture e in cui si parlano lingue differenti, e alla fine le loro rotte distanti ma parallele convergeranno nello stesso luogo, che potranno finalmente chiamare casa. Una storia dolorosa e commovente, scritta da un autore che spera che in futuro ci saranno sempre più ponti, e soprattutto meno muri.

 
Titolo: Schiavi
Autore: Paolo Ostorero
Genere: Narrativa contemporanea
Casa Editrice: Self-publishing
Pagine: 212
Prezzo: 15,00 €
Codice ISBN: 978-10-7050-356-1
 
«Iniziò dalle lettere dell'alfabeto arabo che si divertiva a tracciare sulla sabbia. Dopo le lettere fu la volta delle parole intere. Apprese anche i numeri, ma la sua predilezione era per la scrittura. Tracciava i morbidi segni dell'arabo sulla sabbia vicino al fiume e nel tracciarli gli pareva di essere il vento che modellava a suo piacimento le nuvole nel cielo. La scrittura esercitava su di lui un fascino irresistibile. Scrivere una cosa era per Peter come possederla, carpirne l'essenza, capirla in profondità: un conto era dire una parola, altro era scriverla […]».
 
TRAMA. Le storie di Felix e Peter somigliano a quelle di altri mille ragazzi: un'infanzia finita troppo presto, la violenza dentro e fuori la propria casa, il sogno di fuggire per costruirsi una nuova vita in un Paese migliore. Felix perde suo padre quando è ancora un bambino, Peter invece suo padre lo conosce quel poco che basta a temerlo: è un uomo duro e violento, incattivito dalla vita militare. Le loro esistenze non sono facili, non c'è spazio per i giochi, la scuola o le amicizie. La fame non fa sconti e l'unica soluzione è il lavoro, umiliante, faticoso e sottopagato. Per chi come loro nasce sotto i cieli infiniti dell'Africa, la vita sembra non possa essere migliore di così. Felix e Peter sognano l'Europa, quell'Europa dove si vive e si lavora onestamente, dove c'è sempre da mangiare, dove la parola "schiavo" si legge solo sui libri di storia. Senza conoscersi e senza saperlo, Felix e Peter iniziano il loro viaggio in parallelo, alla ricerca della vita che sognano; un viaggio fatto di città sconosciute, periferie immense, lavori umili e dolorose delusioni. Il costo della felicità è alto e bisogna rinunciare all'orgoglio, alla paura e persino all'amore. Ma quando non si possiede niente, i sogni diventano l'unico tesoro da difendere. Questa non è solo la storia di Felix e Peter. È la storia di chi lascia il proprio cuore in una casa vuota per intraprendere un viaggio spaventoso e necessario come solo la vita sa essere.
 


Stupro. La ragazza sporca di Stefania De Girolamo
Stefania De Girolamo presenta "Stupro. La ragazza sporca", un romanzo intenso e introspettivo, che riesce a trattare del delicato tema della violenza sessuale con la lucidità e il rispetto necessari a indagare tutto il dolore e le domande che questo trauma si porta dietro. Un'opera dalla parte delle donne ma anche di tutta l'umanità, che semina pensieri profondi sull'essere vivente e sui gesti di bontà e cattiveria che, piccoli o grandi, possono influire sull'energia universale, avere echi che si propagano in eterno e condizionare il tempo futuro, come la giovane e sfortunata protagonista Monica dovrà imparare sulla sua pelle.

 
Titolo: Stupro. La ragazza sporca
Autore: Stefania De Girolamo
Genere: Narrativa contemporanea
Casa Editrice: Edizioni del Poggio
Pagine: 232
Prezzo: 12,00 €
Codice ISBN: 978-8897409793
 
«Lei cantava pura e violata, danzava in quell'immane sforzo di trovare uno squarcio verso il futuro, per dovere verso la propria anima, per l'altrui volontà spezzata e irrimediabilmente sepolta laggiù sotto quell'albero, lungo quella strada, quell'anno, quel giorno, quell'ora, quei pochi istanti […]».
 
TRAMA. Una ragazza di sedici anni, Monica, viene aggredita e violentata da un gruppo di ragazzi. La giovane sarà costretta dalla madre a nascondere l'accaduto, in ragione di una paura recondita e radicata in seno da generazioni di gettare la famiglia nell'ignominia. Monica si chiuderà in sé stessa e troverà l'unico sfogo al suo dolore nella musica, esibendosi in sensuali danze in un locale notturno, senza mai permettere a nessuno di avvicinarla. Sarà lì che incontrerà un giovane, Marco, bello e con gli occhi dolcissimi e un tormento nel cuore. Nascerà un amore casto e sincero che aiuterà entrambi a riscattarsi da un passato di sofferenza, fino a quando la dura realtà non busserà alla loro porta.
 


La vera storia del cristianesimo che i credenti forse non conoscono. Insostenibili contraddizioni tra storia e religione
di Gianfranco Cingolani
Gianfranco Cingolani presenta "La vera storia del cristianesimo che i credenti forse non conoscono", un'ispirata trattazione sulle contraddizioni probabilmente insanabili tra storia e religione, tra razionalità e fede. Il discorso lucido e coraggioso di un autore che vuole arrivare il più vicino possibile alla verità, che desidera comprendere l'origine dell'uomo e delle credenze religiose che l'hanno condizionato sin dall'alba dei tempi. Una ricerca storica aperta all'analisi di tutte le religioni, da quelle primitive fino alle tre grandi monoteiste, con un occhio di riguardo per il cristianesimo e per le sue controverse e discordanti linee di condotta. 


Titolo: La vera storia del cristianesimo che i credenti forse non conoscono
Autore: Gianfranco Cingolani
Genere: Saggio
Casa Editrice: Europa Edizioni
Collana: Edificare universi
Pagine: 458
Prezzo: 18,90€
Codice ISBN: 978-88-9384-923-4
 
«L'uomo è l'unico essere vivente che sa di morire. Questa certezza, soprattutto nell'uomo primitivo, ha suscitato un senso di paura e di impotenza che ha dato origine al desiderio di riuscire a prolungare in qualche modo la vita oltre la morte. Leggendo attentamente la storia della genesi dell'umanità si vede chiaramente che sono state le sofferenze, le paure e i desideri degli uomini a generare il bisogno delle divinità e di un mondo ultraterreno […]».
 
TRAMA. Un credente ben difficilmente sente la necessità di mettere in discussione gli insegnamenti che ha ricevuto, cercando di risalire alla genesi delle sue convinzioni attraverso la verifica storica dei fatti accaduti. Molti cristiani non conoscono realmente la Bibbia con i suoi incredibili miti, e non sanno quale dio antropomorfo e crudele vi sia descritto. Se analizzassero poi la vera storia dei vangeli si accorgerebbero che gli autori non sono quelli noti, e che la loro descrizione è manipolata e troppo lontana dai fatti per poterne accertare l'autenticità e la credibilità. Anche la figura e la storicità di Gesù potrebbero assumere aspetti ben diversi e imprevisti. Quando la Chiesa di Roma, con Costantino e Teodosio, è diventata chiesa di stato, da perseguitata è diventata persecutrice e ha iniziato a scalare un potere temporale in netto contrasto con l'insegnamento evangelico. Si sono susseguiti una miriade di papi corrotti, simoniaci, depravati, assetati di ricchezza e potere, crudeli fino allo sterminio di milioni di innocenti. Alcuni perfino atei dichiarati. La Sacra Inquisizione, per cinquecento anni, ha fatto sterminare un centinaio di milioni di persone accusate di eresia, stregoneria, ebraismo o solo perché poveri indigeni americani. Il culto della Madonna, sconosciuto nei primi secoli, ha avuto uno sviluppo incredibile, probabilmente per allineare il cristianesimo al culto pagano di dee protettrici, vergini e madri. Le sue tantissime apparizioni, prodighe di speranze mirabolanti, di fatto garantiscono solo grossi affari per gli organizzatori ed i furbi che vi orbitano attorno. Vengono magnificati fenomeni poco credibili come la Sindone, oppure personaggi assai discussi come Padre Pio. Proliferano veggenti e stigmatizzati che attraggono milioni di speranzosi fedeli, così come accade per le tantissime e fantasiose reliquie sparse in tutta Europa. Analizzando i comportamenti degli ultimi papi santificati a furor di popolo e quanto sta tutt'ora accadendo all'interno della Chiesa, crescono i dubbi sulla sua credibilità e sulla sua discendenza divina. In questo libro l'autore ha voluto evidenziare le macroscopiche difformità dei fatti accaduti dagli insegnamenti predicati. In ogni tempo e in ogni luogo quasi tutte le religioni hanno sempre cercato di imporre il loro potere, sfruttando la credulità di persone facilmente fidelizzabili con fantasmagoriche promesse o minacce riservate magari in una seconda, improbabile vita.
 
 
Con il casco azzurro verniciato a spruzzo
 di Alessandra Giorgi
Alessandra Giorgi presenta "Con il casco azzurro verniciato a spruzzo", un romanzo intimo ed emozionante, una delicata riflessione sul tema del fine vita condotta mostrando la potenza e la bellezza dell'esistenza. Il racconto del rapporto di un padre con sua figlia che, con amore, rispetto e comprensibile timore, accompagna il genitore oltre il confine più importante; una donna che a tratti torna bambina, ma che alla fine accetta la grande responsabilità di stare accanto a chi ha scelto una morte dignitosa. Una nuova, toccante riflessione sull'umanità per la collana "Policromia" della casa editrice PubMe.

 
Titolo: Con il casco azzurro verniciato a spruzzo
Autore: Alessandra Giorgi
Genere: Narrativa contemporanea
Casa Editrice: PubMe
Collana: Policromia
Pagine: 80
Prezzo: 12,00 €
Codice ISBN: 978-8833661964
 
«Ho detto "bel tempo". Penso a quando si parla con qualcuno e si chiede del tempo, sempre e solo quello atmosferico. "Come è il tempo?" Vorrei invece chiedere: "Come è il tuo tempo?" Il tempo vero, quello scandito dall'orologio: dimmi tu come vivi il tempo che passa, ti dico come lo sento io, e quanto è difficile vivere, mediare, relazionarsi […]».
 
TRAMA. Con il casco azzurro verniciato a spruzzo è la storia di un uomo, un padre e un marito, con un carattere non comune, non sempre facile, ma curioso del perché di ogni cosa, forse anche per quella deformazione professionale di un chimico di laboratorio: egli vive intensamente la sua vita tra moglie, figlie, nipoti, lavoro e la passione per le motociclette. Malato da qualche decennio, dentro e fuori dagli ospedali, più e più volte con la vita appesa a un filo, il protagonista consuma pian piano le sue nove vite, come le nove vite di quei gatti che ammira e che non a caso fanno parte del suo quotidiano; intanto porta avanti una sua riflessione personale sul senso della vita, e sul modo di affrontare l'arrivo inevitabile della morte. Per anni pensa e medita, "impara a vivere", fin quando sente che è arrivato il momento in cui può accettare di morire.

Per richiedere maggiori informazioni sulla nostra struttura ed i nostri servizi potete scriverci all'indirizzo: iltaccuinoufficiostampa@gmail.com
INFO LINE: 339 60 38 451

https://www.instagram.com/il.taccuino.ufficio.stampa/

Copyright © 2019 Ufficio stampa per scrittori ed editori, All rights reserved.
Ricevi questa mail a causa della tua attività giornalista o di pubblicista o in qualità di blogger o in relazione ad un tuo precedente contatto o richiesta (mail o telefonico) nei confronti della nostra redazione

Our mailing address is:
Ufficio stampa per scrittori ed editori
Piazza Fontana 7
Dozza, Bo 40060
Italy

Add us to your address book


Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list.

NOTA STAMPA ESET: Il malware non va in vacanza: gli adware si confermano come principale minaccia online per gli Italiani anche in estate



 

I consigli degli esperti di ESET per rimanere sicuri anche sotto l'ombrellone

 

Roma, 18 luglio 2019 – Estate, periodo di relax per gran parte degli Italiani, che staccano la spina e si concedono un po' di meritato riposo. Sotto l'ombrellone, distratti dalla crema solare e dai giochi d'acqua o in montagna seduti ad ammirare il paesaggio, si fa meno attenzione a cosa si clicca, facilitando il lavoro dei cybercriminali. Secondo i ricercatori di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell'Unione europea, la principale minaccia informatica per gli Italiani nel periodo estivo continua a essere rappresentata dagli adware, software che durante la navigazione in Internet raccolgono informazioni sulle operazioni effettuate dall'utente, per poi bombardarlo di annunci pubblicitari che si aprono come un'invasione tra le finestre del browser. Non a caso svetta al primo posto della classifica delle minacce informatiche più diffuse in Italia, con il 6% delle rilevazioni (fonte Live Grid® di ESET, periodo compreso tra il 15 giugno e il 15 luglio 2019) JS/Adware.Agent.AA, che una volta installato sul sistema causa la visualizzazione di contenuti promozionali tra cui pop-up, banner, link di testo e annunci commerciali, che vengono utilizzati per aumentare la popolarità di siti di terze parti. Adware.Agent.AA è inoltre in grado di raccogliere dati sensibili, come le credenziali di accesso all'Internet Banking, che vengono poi usati per finalità fraudolente. 
Gli adware rappresentano una minaccia ben nota agli internauti italiani, posizionandosi al primo posto della classifica dei malware più diffusi in Italia in maniera pressoché continua già dal luglio 2018.
Proprio per aiutare gli utenti a difendersi dagli adware e dalle altre minacce informatiche anche nel periodo estivo, ESET ripropone alcuni semplici suggerimenti per aumentare il livello di protezione dei dispositivi:

1.  Installare e mantenere aggiornato un software antimalware

I malware, come i virus informatici, non sono altro che programmi con la capacità di diffondersi automaticamente e, una volta installati nel sistema, di effettuare una serie di attività più o meno pericolose.

Considerato che ogni giorno vengono creati nuovi virus che grazie a Internet si diffondono con eccezionale rapidità, è fondamentale installare sul proprio PC un antivirus efficace e costantemente aggiornato.

Infatti, un software antivirus non aggiornato con regolarità, ci potrebbe far correre rischi maggiori rispetto al non averlo affatto poiché porterebbe a un falso senso di sicurezza che potrebbe spingerci a trascurare anche le più elementari norme di sicurezza informatica.

2.  Controllare gli allegati delle email prima di aprirli

Il vettore di diffusione principale dei malware è storicamente la posta elettronica. In particolare i file allegati alle email. Nella maggior parte dei casi, un virus può trasmettersi esclusivamente tramite file eseguibili (con estensione exe,com,drv e dll) o che contengano una parte di codice pericoloso, come succede per i documenti Office in cui sono inserite macro infette. Per questo in linea generale è consigliabile evitare di aprire gli allegati alle mail ricevute da mittenti sconosciuti. Negli ultimi anni però il fenomeno dello spoofing degli indirizzi email ha reso pericolosa anche l'apertura di file allegati provenienti anche dei contatti affidabili; questa tecnica criminale permette infatti di impostare come mittente un qualsiasi indirizzo che potrebbe far parte della rubrica del destinatario, con la conseguenza di indurre gli utenti ad aprire allegati infetti con maggiore fiducia. Quindi per evitare di cancellare a prescindere qualsiasi email con file allegati è buona norma verificarli con una soluzione antivirus e in caso di ulteriori dubbi chiedere conferma al mittente.

3. Effettuare periodicamente il backup dei dati

La strategia di base ed essenziale per difendersi dai malware è avere un backup costantemente aggiornato. Occorre ricordare che per esempio un ransomware codificherà anche i file sui dischi di rete a cui si è assegnata una lettera e a volte anche quelli a cui non è stata assegnata. Ciò include qualsiasi drive come quelli USB, come anche ogni archivio di rete o nel Cloud. Quindi è fondamentale un regime di backup periodico che sia basato su dispositivi che non siano costantemente connessi alla rete.

4.  Non fornire i propri dati personali

Non fornire a utenti sconosciuti informazioni personali o addirittura confidenziali durante le conversazioni online (chat) e non pubblicarle sui social network. Questo per due ragioni fondamentali: in primis perché non possiamo conoscere l'identità dell'altra persona e non possiamo sapere chi utilizzerà quelle informazioni e poi perché i nostri dati potrebbero essere utilizzati come punto di partenza per ricavare le nostre password o per altri scopi illegali.

5. Creare password complesse e non riutilizzarle

E' vero che è difficile ricordare password complesse per ogni servizio a cui accediamo quotidianamente, ma utilizzare la stessa password per la banca, i social media e per altri tipi di account potrebbe avere conseguenze disastrose nel caso venga compromesso uno qualsiasi di questi sistemi. Un'alternativa utile e facile è la passphrase. Inoltre potete usare un password manager che registrerà tutte le vostre password e vi permetterà di utilizzarle semplicemente ricordando quella master.

6.  Aggiornare sempre il sistema operativo del proprio dispositivo e i programmi installati

Mantenete costantemente aggiornato il sistema operativo e i vostri software. In questo modo verranno colmate quelle vulnerabilità che i criminali tentano di sfruttare per infettare il vostro dispositivo. Per farvi risparmiare tempo e ottimizzare la vostra protezione, molti programmi offrono gli aggiornamenti automatici e possono verificare la disponibilità di patch o di nuove versioni, senza che sia necessario il vostro intervento.

 

Per ulteriori informazioni su ESET è possibile visitare il sito al link www.eset.it




Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota