Cerca nel blog

sabato 12 maggio 2018

I Mirada de tango quartet al teatro di Argenta-Omaggio ad Astor Piazzolla

Domenica 27 maggio 2018 si terrà il secondo concerto della XV edizione della Rassegna "Concerti Aperitivo" dell'  Circolo Amici della Musica "F.G. Zagagnoni" .
Alle ore 17.30, presso il Foyer del Teatro dei Fluttuanti di Argenta i Mirada de tango quartet porteranno un programmaa dedicato ad Astor Piazzolla.
Mirada de tango nasce a Bologna dall'incontro di quattro musicisti di formazione prevalentemente classica animati dal desiderio di riscoprire, studiare ed offrire all'ascolto brani di Astor Piazzolla, in omaggio all'idea, maturata dallo stesso Maestro, che il tango sia una musica da suonare ancor più che da ballare. Il repertorio per quartetto, esempio grandioso del nuevo tango inaugurato dal compositore argentino, esprime meravigliosamente la dimensione originale ed innovativa conferita al tango da Piazzolla, attraverso influenze jazz, molteplici contaminazioni e sperimentazioni musicali. I brani proposti, fra cui si evidenziano il celeberrimo Libertango e l'eccezionale Las cuatro estasciones porteñas, sono eseguite dalla fisarmonica di Manuela Turrini, dal violino di Alessandro Bonetti, da Claudia D'Ippolito al pianoforte e Roberto Salario al contrabbasso. Gli interpreti svolgono nell'ambito professionale privato attività didattica e concertistica che spazia dal repertorio classico a generi diversi, dal rock al jazz, dalla musica popolare alla contemporanea.

COMUNICATO STAMPA: INTERSOS24 E SUSAN G. KOMEN ITALIA A TORRE SPACCATA PER UNA GIORNATA DEDICATA ALLA PREVENZIONE MEDICA

COMUNICATO STAMPA

INTERSOS24 E SUSAN G. KOMEN ITALIA A TORRE SPACCATA PER UNA GIORNATA DEDICATA ALLA PREVENZIONE MEDICA

Lunedì 14 maggio INTERSOS24, il centro di accoglienza e cure di INTERSOS nel quartiere romano di Torre Spaccata, apre le porte alla Carovana della Prevenzione di Komen Italia. Nelle cliniche mobili e nell'ambulatorio, dalle 10 alle 17.30, visite mediche ed esami gratuiti di prevenzione dei tumori del seno, prevenzione ginecologica, prevenzione delle patologie della tiroide, consulenze nutrizionali, visite pediatriche in collaborazione con l'associazione medica Sulla Strada.
Dalle 15 musica, spazi per le associazioni del quartiere e animazione per i bambini. 
Ex scuola in disuso, da ottobre scorso il Centro rappresenta un punto di riferimento per il quartiere, un servizio sociale inclusivo, aperto al territorio, che tiene insieme accoglienza delle fragilità e cure sanitarie.
INTERSOS24 ospita ogni giorno minori stranieri in transito e madri con bambini e ha al suo interno un ambulatorio medico le cui porte sono aperte anche ai romani in difficoltà, per contribuire ad una integrazione reale con gli abitanti della zona. Nell'ambulatorio sono presenti specialisti in ginecologia, pediatria e malattie infettive, che effettuano sia prestazioni inerenti alla propria specializzazione clinica che assistenza medica di base e orientamento ai servizi socio-sanitari.

Oltre all'ambulatorio le principali attività di accoglienza diurna cui gli ospiti in transito di INTERSOS24, minori e madri di minori, hanno accesso consistono in consulenza legale e supporto psicologico. A breve saranno disponibili anche i servizi di informazione e di inserimento in percorsi formativi e lavorativi. Le attività di accoglienza notturna comprendono: cena, posto letto, doccia, servizio di lavanderia.

"Con la Carovana della Prevenzione offriamo opportunità a donne in difficoltà o a rischio oncologico aumentato di avvicinarsi alla prevenzione e beneficiare di esami gratuiti per proteggere la propria salute." – afferma il Prof. Riccardo Masetti, Presidente di Komen Italia. "Grazie alla collaborazione con INTERSOS24 possiamo portare la Prevenzione a chi ne ha più bisogno. Accorgersi presto di un tumore, quando è negli stadi più precoci, vuol dire avere maggiori possibilità di guarigione (oltre il 90% in caso di tumore del seno), con cure meno invasive. Ma molte donne non effettuano con regolarità quei semplici esami di prevenzione secondaria che aiutano a proteggere la salute. E questo è particolarmente vero nelle donne che vivono in condizioni di maggiore difficoltà".


Siamo molto felici di offrire un'opportunità di prevenzione alle donne protagoniste di questa iniziativa promossa da INTERSOS24, soprattutto a quelle che per necessità hanno dovuto tagliare la propria spesa sanitaria – ha ganizzazione basata sul volontariato, in prima linea nella lotta ai tumori del seno e promotrice della celebre "Race for the Cure" – Lo facciamo con grande orgoglio presentando la Carovana della Prevenzione, attraverso la quale offriamo visite gratuite di diagnosi del tumore del seno, del collo dell'utero e altre patologie femminili. Insieme renderemo più forte il messaggio comune sull'importanza vitale della prevenzione".
"Con INTERSOS24 vogliamo sperimentare un nuovo modello di collaborazione pubblico-privato che metta al centro la persona ed i suoi bisogni, creando un valore positivo per la struttura sociale che lo accoglie e per tutta la città di Roma" afferma Valentina Murino, Child Protection Specialist di INTERSOS e Coordinatrice del Centro. "Grazie alla collaborazione con Komen Italia, per tutta la giornata di lunedì 14 maggio, saremo in grado di offrire ulteriori consulenze e visite mediche specialistiche alla cittadinanza aprendo il Centro a una nuova collaborazione e dando l'opportunità a chi ancora non ci conosce di entrare in contatto con un luogo dove l'integrazione la si costruisce insieme, giorno dopo giorno."

Per maggiori informazioni:
Stefania Donaera – Ufficio Stampa INTERSOS
cell. 3474881330


Il progetto INTERSOS24 è sostenuto da 8 per mille, Auser, Chiesa Valdese, Medicus Mundi, Fondazione Johnson & Johnson, Fondazione Nando ed Elsa Peretti; Fondazione Prosolidar, Fondazione Edmond J. Safra, Ikea, Lds Charities.
Susan G. Komen Italia è un'organizzazione basata sul volontariato, in prima linea nella lotta ai tumori del seno, che opera dal 2000 con programmi concreti. Grazie ai fondi raccolti, ad oggi, Komen Italia ha potuto investire oltre 15 milioni di euro per dare avvio a più di 800 nuovi progetti di promozione della Prevenzione e supporto alle donne operate, su tutto il territorio nazionale. Komen Italia è presente in 4 regioni italiane (Lazio, Puglia, Emilia Romagna e Lombardia) e opera in collaborazione con una vasta rete di associazioni "amiche" in oltre 100 città in tutta Italia. Una rete di 3000 volontari e numerosi testimonial ci supportano con impegno e passione fra questi Maria Grazia Cucinotta e Rosanna Banfi madrine della Race for the Cure e delle Donne in Rosa.
La Race for the Cure è l'evento simbolo della Susan G. Komen Italia ed ogni anno coinvolge oltre 100 mila persone in tutta Italia. Tre giorni di salute, sport e benessere che prendono vita nelle città di Roma, Bari, Bologna e Brescia. È l'evento di sensibilizzazione più partecipato nella lotta ai tumori del seno.

INTERSOS è l'organizzazione umanitaria italiana in prima linea nelle emergenze umanitarie che soccorre e aiuta persone vittime di guerre, violenze e disastri naturali.
Grazie ai nostri operatori portiamo soccorso in contesti di emergenza alle popolazioni colpite, con particolare attenzione ai gruppi più vulnerabili, come donne e bambini. Forniamo loro assistenza sanitaria, generi di prima necessità e rifugi contribuendo a soddisfare bisogni primari come il diritto al cibo, all'acqua, alla salute e all'educazione.
Fondata nel 1992, INTERSOS è un'organizzazione umanitaria indipendente, partner delle principali istituzioni e agenzie europee e internazionali. Fa parte di ICVA, VOICE, LINK2007, Coalizione Italiana Stop all'Uso dei Bambini Soldato, Campagna Italiana contro le Mine e gode dello status consultivo nel Consiglio Economico e Sociale delle Nazion

Stefania Donaera
Press Officer

--

DIPARTIMENTO COMUNICAZIONE


Phone. +39 06 8537431

Sostieni INTERSOS con il 5x1000
Codice fiscale 97091470589
5x1000.intersos.org

venerdì 11 maggio 2018

EMILIANO, CALENDA – CALENDA MINISTRO SVILUPPO ECONOMICO, A FOCUS ECONOMIA SU RADIO 24 RISPONDE AL GOVERNATORE EMILIANO: ““SI, SONO ANDATO A SBATTERE CONTRO IL MURO”"

EMILIANO, CALENDA – CALENDA,  MINISTRO SVILUPPO ECONOMICO, A FOCUS ECONOMIA SU RADIO 24 RISPONDE AL GOVERNATORE EMILIANO: "SI, SONO ANDATO A SBATTERE CONTRO IL MURO"

"Certo, è vero sono andato a sbattere contro un muro perché chi prova a risolvere i problemi, ogni tanto va anche a sbattere contro il muro. Il problema è capire se è il muro è stato costruito per difendere i lavoratori o invece per non risolvere il problema. Ho provato a risolvere la situazione e quando si cerca di risolvere le situazioni si può andare anche a sbattere contro un muro. Siamo pagati, sia io, sia Emiliano, per risolvere le situazioni e quando si cerca di risolvere le situazioni ogni tanto ci si riesce e altre volte non ci si riesce. Se uno fa solo ostruzionismo non va mai sbattere contro il muro. L'importante è provarci. Tra l'altro anche a Emiliano capita di sbattere contro un muro perché ogni volta che fa ricorso, lo perde". Lo afferma Carlo Calenda, Ministro dello Sviluppo economico, a Focus Economia di Sebastiano Barisoni su Radio 24 rispondendo alle parole del Governatore della Puglia Emiliano ("Ieri non ho detto nulla: volevo che tutta l'Italia capisse che Calenda è andato a sbattere contro un muro di cemento armato senza che nessuno lo aiutasse a fallire. Ha fallito perché non ha una percezione esatta di quello che succede all'Ilva, come probabilmente non ce l'ha anche di altre vertenze che non ha risolto". Così il governatore della Puglia, Michele Emiliano, ndr). Sull'accordo con i sindacati, il ministro conclude a Radio 24. "La mia idea è che i sindacati in questa situazione hanno paura di confrontarsi con un accordo e preferiscono lasciare la situazione com'è,  sperando che il nuovo governo trovi delle formule differenti"


--
www.CorrieredelWeb.it

SodaStream fa il regalo ambientalista per il matrimonio di Harry e Meghan

SodaStream Royal Edition, un'edizione limitata a prova di cappello dedicata a Harry e Meghan

Il marchio leader nel mondo per la preparazione domestica di acqua frizzante crea un regalo di nozze ispirato ai cappelli icona della famiglia reale.

Il ricavato delle vendite andrà all'organizzazione ambientalista non profit Surfers Against Sewage.

 

Londra/Milano, 11 maggio 2018 - Il matrimonio dell'anno è ormai alle porte: il 19 maggio il principe Harry e l'attrice statunitense Meghan Markle convoleranno a nozze nella cappella di St. George al castello di Windsor.

Tra indiscrezioni e anticipazioni, c'è la richiesta da parte della coppia reale ai propri ospiti di scegliere un regalo di nozze solidale con una donazione in beneficenza.   Quando SodaStream l'ha saputo, si è tolta tanto di cappello – o meglio, l'ha messo alle sue bottiglie, realizzando la Royal Edition, un'edizione limitata di bottiglie ispirate ai cappelli più iconici indossati dalla famiglia reale inglese da acquistare online in occasione delle nozze reali. Il set di cappelli in miniatura, tutti 100% riciclabili, è stato realizzato con stampante 3D di ultima generazione.

Come richiesto dalla Harry e Meghan, tutti i ricavi delle vendite verranno donati a Surfers Against Sewage, organizzazione ambientalista non profit con base nel Regno Unito che si batte per la protezione di mari, spiagge e fauna selvatica.

Il marchio leader nel mondo per la preparazione domestica di acqua frizzante e bevande gasate è infatti da sempre impegnato nella lotta all'inquinamento da plastica dei mari: nessun dubbio quindi sul regalo SodaStream più adatto per dimostrare alla coppia reale tutta la propria simpatia. 

La Royal Edition sarà acquistabile tramite un'asta online su royalsodastream.com da tutti i fan della famiglia reale nel mondo.

"Affrontare l'inquinamento da plastica nei mari dovrebbe essere una priorità per governi, brand e persone", ha commentato Hugo Tagholm, Amministratore Delegato di Surfers Against Sewage, cha ha aggiunto: "L'impegno di SodaStream nell'eliminare la plastica e promuovere le bottiglie riutilizzabili è un grande passo nella giusta direzione verso le linee costiere senza plastica e invia un messaggio forte all'industria    delle bevande. Questo originale progetto per celebrare le nozze reali sottolinea ulteriormente l'importanza di fermare l'epidemia di plastica monouso".

"Tanto di cappello alla coppia reale, alla quale faccio i miei più sinceri auguri" ha commentato Daniel Birnbaum, Amministratore delegato di SodaStream, che ha concluso: "Mi congratulo con loro per aver abbracciato la causa della creazione di un mondo senza bottiglie di plastica, scegliendo Surfers Against Sewage come una delle loro organizzazioni di beneficenza ufficiali. Spero che altri saranno ispirati e si uniranno alla causa". 

 

Su Sodastream

Sodastream Italia, sede italiana di Sodastream International B.V, è leader mondiale nella produzione e distribuzione di sistemi di gasatura domestica di bevande, che permettono ai consumatori di trasformare in modo semplice e istantaneo la normale acqua di rubinetto in bibite gasate e acqua frizzante. I gasatori SodaStream offrono una soluzione altamente differenziata e innovativa per i consumatori di bibite gassate e acqua frizzante, in bottiglia o in lattina. I prodotti SodaStream sono ecologici, economici, promuovono salute e benessere, sono personalizzabili, divertenti e facili da usare. Inoltre offrono convenienza e vantaggi, eliminando la necessità di trasportare le bottiglie dal supermercato a casa, di sistemarle in casa e di smistarle regolarmente una volta vuote. I prodotti Sodastream sono disponibili in oltre 70.000 punti vendita in 45 paesi in tutto il mondo, tra cui oltre 17.000 negozi al dettaglio negli Stati Uniti.



--
www.CorrieredelWeb.it

SALENTO ALL STARS, MICHELE RIONDINO&REVOLVING BRIDGE, MAMA MARJAS: “QUI NON PASSA” è il singolo del collettivo salentino realizzato in collaborazione dell’attore tarantino e della regina della black music



La voce del popolo salentino prende forma e vita attraverso un pezzo che mescola atmosfere gipsy e metropolitane lanciando un messaggio di forte impatto sociale. Dal 19 aprile il pezzo sarà in radio accompagnato dalla pubblicazione del video ufficiale.


Il forte carico emotivo di "Qui non passa" e la sua tematica così coinvolgente sono stati collante e detonatore di una grande collaborazione fra tre importanti realtà musicali "made in Salento": Salento All Stars, Michele Riondino & Revolving Bridge, Mama Marjas. 

Calde atmosfere, chitarre e fisarmoniche come una carovana gipsy sulle quali ondeggia la sinuosa melodia che abbraccia come il torrido sole salentino. Le atmosfere rarefatte della canzone sulle quali viaggiano le voci di Alfredo Quaranta e Mama Marjas, lasciano il posto nel finale alla personalità di Michele Riondino che, in maniera decisa, si fa largo nel brano insieme ai Revolving Bridge, attribuendo al sound sfumature più rock e metropolitane.

Il testo trasuda amore e passione per la propria terra: è la voce di un popolo che da Taranto a San Foca lotta per i suoi diritti contro Ilva e Tap, multinazionali che pesantemente stanno incidendo sul territorio sulla salute e sulla qualità della vita in quell'angolo di paradiso che viene identificato come tacco d'Italia. 

Hanno partecipato alla realizzazione del brano: Alfredo Quaranta (voce), Michele Riondino (voce), Mama Marjas (voce), Davide Qba Apollonio (basso, elettronica), Peppe Levanto (Rodhes, tastiere, elettronica), Angelo Fumarola (chitarra classica), Aldo Natali (chitarra elettrica), Enrico Conte (Fisarmonica), Walter Pulpito (basso), Tonio Intermite (batteria), Vincenzo De Giorgio (chitarra elettrica). 

Il singolo "Qui Non Passa" esce accompagnato dal videoclip, la cui regia è di Mauro Russo Calibro9. 


Guarda il video su youtube



La copertina è un'illustrazione di F.COSANTI dal titolo Ilvarum Yaga


Michele Riondino&Revolving Bridge, band tarantina capitanata da Michele Riondino, attore di professione (il giovane Montalbano, La ragazza del mondo…ecc..ecc…) ma musicista fin dall'adolescenza, da quando inizia a formare le sue prime band. I Revolving Bridge e Michele sono da sempre impegnati sulle questioni ambientali legati alla loro Taranto, martoriata dall'Ilva, infatti sono attivisti del Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti che organizza l'Uno Maggio di Taranto e di cui Michele Riondino è il direttore artistico dal 2012. L'esordio dei Revolving Bridge è nel 2013 proprio sul palco dell'Uno Maggio e da allora portano il loro rock'n'roll, rockabilly in giro per l'Italia.  

 

Mama Marja è la regina della black music in Italia, da semprevicina alle lotte per difendere la propria terra partecipando attivamente ai movimenti e scrivendo negli anni canzoni come "La Gente" o "Rovine", in collaborazione con Clementino, che sono divenute patrimonio dei movimenti che difendono le terre salentine. 

Al progetto ha collaborato anchel'etichetta Love University Records, diretta da Don Ciccio,che da 15 anni lavora per fare emergere i talenti del sud italia.

 

Radio date: 19 aprile 2018

Etichetta: GATE 19 


BIO


Il progetto SALENTO ALL STARS nasce nel 2014 da un'idea di Davide Qba Apollonio, già fondatore di Après la Classe e Granma, per festeggiare i 20 anni della canzone "Salentulu sule lu mare, lu jentu" di cui è autore e che è diventata l'inno del Salento. Per questa ricorrenza ha deciso di reincidere "Salentu" in una nuova versione e creando una vera e propria All Stars di artisti salentini. Così nella nuova versione di Salentu ci sono Enza Pagliara, Treble, Cesare dell'Anna, Mylious Johnson, Miss Mykela e tanti altri 

Felice dell'esperimento avvenuto con Salentu, Davide Qba nel 2015 dà vita al primo album dei Salento All Stars, "Made in Salento"; 9 tracce tra rivisitazioni di canzoni della tradizione popolare e inediti, e più di 40 musicisti salentini che partecipano alla registrazione del disco. 

Importanti le collaborazioni in "Italy" con Mario Riso e Olly Riva e su "Una Grande Anima" con il cantante brasiliano Fabio Allman. 

Dopo 2 anni di concerti, nel 2018 Salento All Stars esce con il nuovo singolo "Qui Non Passa" che vanta la collaborazione dell'attore Michele Riondino e i suoi Revolving Bridge e la regina della black music Mama Marjas 



Contatti e social


Youtube www.youtube.com/salentoallstars

Facebook www.facebook.com/salentoallstars

Instagram www.instagram.com/salentoallstars/






Cyber Defence: di scena la Locked Shields 2018 – il resoconto di ESET

 
 
Roma, 11 maggio 2018 - 30 le Nazioni partecipanti, oltre 1.000 gli esperti coinvolti e più di 2.500 gli attacchi virtuali. Questi i numeri della più estesa ed avanzata esercitazione mondiale contro gli attacchi informatici tenutasi a Tallin, in Estonia.
Lo scopo è quello di allenare gli esperti della sicurezza informatica dei vari paesi a contrastare eventuali attacchi alle reti informatiche di una base militare, che potrebbero colpire qualsiasi ambito, dagli aeromobili pilotati da remoto, al sistema elettrico, fino al servizio di comando e controllo della struttura.
Il nostro paese ha aderito inviando un team di esperti delle forze armate che ha potuto collaborare con i gruppi degli altri paesi provenienti da diversi settori come istruzione, industria e ricerca i quali, nell'eventualità di un attacco, sarebbero chiamati a intervenire.
La tecnologia è in costante evoluzione e questo oltre a rendere il mondo sempre più interconnesso, lo rende anche più vulnerabile alle minacce informatiche che sfruttano ogni falla possibile nei software, ad ogni livello.
Il settore che sfrutta maggiormente le tecnologie più avanzate è quello della Difesa e la impiega in circa il 60% delle proprie attività, ciò rende necessario adottare delle contromisure all'altezza delle nuove minacce informatiche e proprio per questo in Italia è stato istituito il Comando Interforze per le Operazioni Cibernetiche (CIOC), volto alla protezione delle infrastrutture e in linea con gli obiettivi definiti sia in ambito europeo che NATO. Il CIOC è già operativo e raggiungerà la sua piena attività nel 2019.
Per ulteriori informazioni su ESET visitare il sito www.eset.it
 
Elisabetta Giuliano
Communication Consultant
Mobile: + 39 3289092482

VIVIANA CASSANELLI: “VORREI” è il nuovo singolo della giovanissima cantautrice pugliese


Un pop fresco e dinamico sorregge un messaggio che spazia dal concetto di desiderio a quello di paura ponendosi come incentivo a non lasciarsi mai abbattere da quegli ostacoli che possono frenare gli obiettivi che ci si prefissa.


Il nuovo brano della cantautrice Viviana Cassanelli è "Vorrei", pezzo dal ritmo ballabile avvolgente. Il ritornello è tutto giocato sull'ironia che si può fare di una ipotetica "lista dei desideri":


«Poiché il più delle volte ciascuno di noi ha dei desideri nascosti che ha paura di esternare in quanto potrebbero essere giudicati o essere visti come "matti, pazzi e tristi". Il messaggio vuole essere quasi universale, è un invito a non aver paura di dar forma a tutti i nostri "Vorrei" che siano essi nuovi o remoti, possibili o impossibili. La voglia di fare e di perseguire un obiettivo nell'esistenza di ciascuno è proprio la forza motrice di tutto e, nel caso musicale, è stata proprio la forza che ha dato vita a questo brano». Viviana Cassanelli



Guarda il video su YouTube




Positività e voglia di riscatto sono il filo conduttore che lega i brani dell'artista, il cui modo di fare musica è strettamente collegato alla sfera emotiva.

La scelta è quella di affrontare tematiche di spessore, difficili o problematiche sia a livello individuale sia a livello generazionale, senza però cadere nel drammatico sul piano melodico come quello concettuale.



Etichetta: MOOV

Radio date: 30 marzo 2018



BIO


Viviana Cassanelli nasce a Trani, il 16 Luglio del 1996 e vive a Bisceglie (BT). Primogenita di due figli, all'età di cinque anni partecipa alla 44esima edizione dello Zecchino D'Oro con la canzone "Goccia dopo goccia", arrivando semifinalista. Dall'età di sei anni fino ai quindici studia danza classica e moderna, raggiungendo i livelli di Intermediate con i metodi ISTD e Royal Academy of Dance. All'età di sette anni comincia privatamente gli studi in pianoforte, e sette anni dopo viene ammessa al Conservatorio di Musica N.Piccinni di Bari. Durante il secondo anno del liceo comincia a studiare canto presso l'Accademia Orfeo di Bisceglie e prende parte al Video Festival Live nello stesso anno, arrivando finalista con il brano inedito "Solo come tu sai fare".

Con la passione per il pianoforte nasce anche la passione per il cantautorato, e Viviana comincia a scrivere i suoi brani solo un anno dopo aver cominciato lo studio canoro e nel corso degli anni con i suoi inediti partecipa ad importanti concorsi regionali e nazionali. Dall'estate del 2012 si esibisce in molti live con il gruppo vocale The Fabulous, concorrenti di X-Factor dello stesso anno; nell'ottobre 2016 viene pubblicato il videoclip dell'inedito "Pioggia su di te". Pochi mesi dopo conclude il suo percorso pre-accademico presso il Conservatorio. Il 24 agosto del 2017 sono stati pubblicati i due singoli "Straniera" e "Conta ciò che resta" su tutte le principali piattaforme digitali. Oggi, con un progetto di brani inediti all'attivo, Viviana frequenta l'ultimo anno dell'università.



Contatti e social


Facebook www.facebook.com/viviana.cassanelli.page/

Instagram viviana996





Daiichi Sankyo Cancer Enterprise: Novità per la cura della Leucemia Mieloide Acuta recidivante/refrattaria

Il quizartinib prolunga la sopravvivenza complessiva rispetto alla chemioterapia nei pazienti con LMA recidivante/refrattaria con mutazioni di FLT3-ITD 

Il quizartinib è il primo inibitore di FLT3 ad aver dimostrato un miglioramento della sopravvivenza globale, rispetto alla chemioterapia citotossica, in uno studio randomizzato di fase III nei pazienti con leucemia mieloide acuta recidivante/refrattaria con mutazioni FLT3-ITD. Un paziente su 4 con LMA presenta mutazioni FLT3-ITD, una forma molto aggressiva della malattia, associata a un aumentata frequenza di recidiva, a ridotta sopravvivenza complessiva, e con limitate opzioni di trattamento. Attualmente non esistono, infatti, terapie specifiche per questa patologia. 

Roma, 9 maggio 2017 -  Il quizartinib in monoterapia prolunga significativamente la sopravvivenza complessiva rispetto alla chemioterapia di salvataggio, nei pazienti con leucemia mieloide acuta (LMA) recidivante o refrattaria con mutazioni FLT3-ITD, dopo il trattamento di prima linea, con o senza trapianto di cellule staminali ematopoietiche.  La nuova molecola di Daiichi Sankyo ha infatti raggiunto l'endpoint primario dello studio pilota di fase 3 QuANTUM-R, i cui risultati saranno alla base delle prossime sottomissioni regolatorie alle autorità sanitarie di tutto il mondo. I dati sulla sicurezza, inoltre, sono coerenti con i risultati osservati per dosi simili nel programma quizartinib.

"Il quizartinib è il primo inibitore di FLT3 ad aver dimostrato, in uno studio randomizzato di fase 3 in monoterapia, un miglioramento nella sopravvivenza globale rispetto alla chemioterapia citotossica,  nei pazienti con leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria con mutazioni FLT3-ITD, una forma molto aggressiva della malattia, che ha limitate opzioni di trattamento" ha spiegato il dott. Antoine Yver, Vicepresidente esecutivo e Direttore globale del Dipartimento di ricerca e sviluppo oncologici di Daiichi Sankyo. "Ringraziamo sinceramente tutti i ricercatori e i pazienti che hanno partecipato allo studio QuANTUM-R e ne condivideranno i risultati in occasione del prossimo meeting medico. Saremo lieti di lavorare con le autorità regolatorie di tutto il mondo per cercare di portare il quizartinib il più velocemente possibile ai pazienti." 

QuANTUM-R è uno studio pilota, globale, di fase 3, randomizzato, in aperto, che in 19 Paesi ha arruolato 367 pazienti con LMA recidivante/refrattaria con mutazioni FLT3-ITD. I soggetti sono stati randomizzati in rapporto di 2:1 per ricevere quizartinib in monoterapia oppure chemioterapia di salvataggio. L'endpoint primario dello studio era quello di determinare se quizartinib in monoterapia avrebbe prolungato la sopravvivenza globale rispetto alla chemioterapia di salvataggio, dopo la somministrazione della terapia di prima linea. L'endpoint secondario era la sopravvivenza libera da eventi. 
I risultati dello studio QuANTUM-R, che saranno presentati nell'ambito di una prossima conferenza scientifica, supportano l'attuale programma di sviluppo per il quizartinib, che include anche lo studio clinico QuANTUM-First e diversi studi di combinazione.

Sulla base di questi risultati, Daiichi Sankyo intende iniziare l'iter registrativo per il quizartinib presso le autorità sanitarie in tutto il mondo. 


La leucemia mieloide acuta con mutazioni FLT3-ITD
 La LMA è una neoplasia maligna aggressiva del sangue e del midollo osseo, che causa la crescita e l'accumulo incontrollati di globuli bianchi maligni che non funzionano regolarmente e interferiscono con la produzione delle cellule normali del sangue.1 La sopravvivenza a cinque anni della LMA, tra il 2005 e il 2011, era all'incirca del 26%, la più bassa di tutte le leucemie.1

Le mutazioni del gene FLT3 costituiscono una delle più comuni anomalie genetiche della Leucemia Mieloide Acuta.2  La mutazione FLT3-ITD è la più comune mutazione dell' FLT3 e colpisce all'incirca 1 paziente su 4 con LMA.3,4,5,6 I pazienti affetti da LMA con mutazioni FLT3-ITD hanno una prognosi complessiva peggiore, che comprende un aumento dell'incidenza di recidiva con un rischio di morte circa due volte maggiore dopo la segnalazione della recidiva stessa, nonché una maggiore probabilità di recidiva dopo trapianto di cellule staminali, rispetto ai pazienti senza questa mutazione.7,8 

Informazioni su quizartinib 
Il Quizartinib è il prodotto di punta del franchise sperimentale sulla Leucemia Mieloide Acuta di Daiichi Sankyo Cancer Enterprise. E' un inibitore selettivo orale dell' FLT3, attualmente in fase III di sperimentazione a livello globale per la LMA recidivante/refrattaria (studio QuANTUM-R) e di nuova diagnosi (studio QuANTUM-First) con mutazioni FLT3-ITD, e in fase II di sviluppo in Giappone per la LMA recidivante/refrattaria con mutazioni FLT3-ITD. 

Il quizartinib ha ottenuto, dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense, la designazione di "Fast Track" (procedura accelerata) per il trattamento della LMA recidivante/refrattaria, e la denominazione di farmaco orfano dalla stessa FDA e dall'Agenzia europea dei medicinali (EMA) per il trattamento della LMA. Il quizartinib è una molecola in fase di sperimentazione non approvata per alcuna indicazione in alcun paese. La sicurezza e l'efficacia non sono state ancora determinate. 


Daiichi Sankyo Cancer Enterprise 
La vision di Daiichi Sankyo Cancer Enterprise consiste nell'applicazione di conoscenze e capacità innovative guidate da un pensiero non convenzionale per sviluppare trattamenti significativi per i pazienti affetti da cancro. L'azienda è impegnata a trasformare la scienza in valore per il paziente, e questo impegno è presente in tutte le sue attività. 
L' obiettivo è quello di mettere a disposizione dei pazienti sette nuove molecole nei prossimi otto anni, dal 2018 al 2025, avvalendosi dei risultati dei suoi tre pilastri: il Franchise Anticorpo Farmaco Coniugato, quello dedicato alla Leucemia Mieloide Acuta e quello di ricerca focalizzato sullo sviluppo delle nuove molecole (Fase I).
I Centri di ricerca della Daiichi Sankyo Cancer Enterprise includono due laboratori di bio/immuno-oncologia e "small molecules" in Giappone e Plexxikon Inc. a Berkeley (California), e il centro di R&S sulla struttura delle "small molecules". Tra i composti che si trovano nella fase cruciale di sviluppo figurano: DS-8201, un coniugato anticorpo-farmaco (ADC) per i carcinomi HER2-positivi della mammella, dello stomaco ed altri, il quizartinib, un inibitore orale selettivo di FLT3 per la leucemia mieloide acuta (AML) con mutazioni di FLT3-ITD di nuova diagnosi e recidivante/refrattaria, e il pexidartinib, un inibitore orale di CSF-1R per il tumore tenosinoviale a cellule giganti (TGCT). Per maggiori informazioni, consultare www.DSCancerEnterprise.com


Bibliografia
1. Leukemia & Lymphoma Society. Facts 2015-2016. 2016.
2. Small D. Am Soc Hematol Educ Program. 2006;178-84. 
3. Schneider F, et al., Ann Hematol. 2012;91:9-18.
4. Santos FPS, et al. Cancer. 2011;117(10):2145-2155.
5. Kainz B, et al. Hematol J. 2002;3:283-289.
6. Kottaridis PD, et al. Blood. 2001;98(6):1752-1759.
7. Wagner, et al. Haematol. 2011;96(5): 681-686.
8. Brunet, et al. J Clin Onc. 2012;30(7):735-741.

Fonte: Daiichi Sankyo
————————————–

Contatti

Daiichi Sankyo
Elisa Porchetti
Tel.+39 0685255-202

Valeria Carbone Basile
Tel: +39 339 1704748

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota