Cerca nel blog

lunedì 23 settembre 2019

Ersilio Petronzi nuovo responsabile IDD per i Monti Prenestini

Il direttivo provinciale romano del movimento Italia dei Diritti nomina il nuovo responsabile per la zona dei Monti Prenestini che sarà Ersilio Petronzi.

Roma 23 Settembre 2019 : Si è riunito il direttivo provinciale romano dell'Italia dei Diritti presieduto dal responsabile Carlo Spinelli che, tra gli ordini del giorno, aveva anche la nomina del nuovo responsabile per la zona dei Monti Prenestini. La scelta è caduta su Ersilio Petronzi  uomo di provata esperienza politica che si è detto entusiasta di questa nuova avventura. Carlo Spinelli commenta così la nuova carica: " Prosegue, con la nomina di Ersilio Petronzi a responsabile per i Monti Prenestini, il cammino di crescita e di rafforzamento del nostro movimento, Petronzi sarà un valore aggiunto che saprà dare all'Italia dei Diritti un' ulteriore spinta per raggiungere i traguardi che il movimento si è prefissato per il prossimo futuro in vista delle elezioni amministrative del 2020 che vedrà chiamati alle urne anche diversi cittadini della citta metropolitana di Roma capitale, in attesa – prosegue Spinelli -  di nuovi sviluppi politici che, vista l'attuale situazione, potrebbero riservare ancora delle sorprese. Auguro a Petronzi – conclude Spinelli – un buon lavoro". Dal canto suo Ersilio Petronzi si è detto entusiasta di affrontare questo nuovo percorso politico e si è messo subito a lavoro per individuare e dare risalto ai problemi che affliggono la zona dei Monti Prenestini e per cercare di trovare una soluzione agli stessi.

Ufficio stampa Italia dei Diritti provincia di Roma

E mail idd.provinciaroma@gmail.com


Mail priva di virus. www.avg.com

domenica 22 settembre 2019

Fisco \ Castelli, “Con lotta a grandi evasori si riduce pressione fiscale”

Nota Stampa 
Fisco \ Castelli, "Con lotta a grandi evasori si riduce pressione fiscale"

Roma - "Ogni tanto qualcuno prova a insinuare che abbiamo cambiato idea sui grandi evasori! No, per nulla.
Abbiamo lavorato duro questi mesi per poter definire norme sui grandi evasori e sulle grandi frodi. Da quelle sui carburanti si stima un possibile recupero fino a 6 miliardi. Le frodi carosello esistono, in diversi settori, e le combattiamo. Con ciò che si recupera si riduce la pressione fiscale. Noi siamo pronti!".

Lo ha scritto, su Facebook, il Vice Ministro dell'Economia e delle Finanze, Laura Castelli, condividendo una dichiarazione del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.



--
www.CorrieredelWeb.it

sabato 21 settembre 2019

Fall in Marketing: il primo manuale per innamorarsi perdutamente del marketing

Per la prima volta un libro sul marketing scritto per appassionare prima che formare. Un primo appuntamento per cominciare quella che può essere una bella storia d’amore, partendo dalla fase di conoscenza fino agli approfondimenti, raccontati con la leggerezza di un romanzo.
Fall in Marketing, il primo manuale per innamorarsi del marketing è prenotabile da oggi in tutte le librerie italiane e disponibile in tutti gli store online (IBS, Feltrinelli, Libreria Universitaria, Amazon). Il libro, edito dalla casa editrice “Il Seme Bianco”, accompagna il lettore in un viaggio appassionante attraverso tutti i concetti fondamentali del marketing, ricco di esempi pratici e denso di nozioni importanti, espresse con semplicità.
L’idea di scrivere un libro sul marketing” dichiara l’autore, Francesco Pastoressa, “è nata dai continui confronti con professionisti e con studenti sulla materia, confronti nei quali ci siamo accorti che troppo spesso oggigiorno il pubblico tende a confondere marketing con singole specialità: la comunicazione, il social marketing, il posizionamento. Da questa considerazione è scaturita l’idea di scrivere un libro sul marketing che sia semplice ma allo stesso tempo completo, tecnico ma divertente, insomma che faccia appassionare”.    
Da questa passione tipica dell’innamoramento nasce il titolo dell’opera, che ricalca il comune verbo inglese “fall in love”..
Francesco Pastoressa, laureato in comunicazione con una tesi sulle Smart cities, da diversi anni si occupa di marketing aiutando professionisti e imprenditori a trarre il massimo da questa disciplina. Attualmente coordina i progetti di marketing digitale di un’importante agenzia specializzata in B2B e scrive per diverse testate online di riferimento.

STRADE PROVINCIALI IN MALORA, ORSOLA (IDD) SI APPELLA A CITTA’ METROPOLITANA E RAGGI

Il responsabile dell'Italia dei Diritti per la Valle dell'Aniene: "Da anni denuncio l'urgenza di dotare il personale di mezzi adeguati a garantire una manutenzione stradale che tuteli e non esponga gli automobilisti ai rischi dell'incuria"

Roma,  – "Città metropolitana di Roma Capitale, abbiamo strade provinciali in condizioni pietose, metti in condizione il tuo personale operativo di lavorare, o continueremo a pagarne le conseguenze".  
Si appella alle istituzioni locali Marco Orsola, responsabile del movimento Italia dei Diritti per la Valle dell'Aniene, sindaco di Saracinesco e presidente dell'Unione dei Comuni Valle dei Giovenzano. "Sono anni che denuncio le pessime condizioni del manto stradale di queste strade – afferma Orsola che ricorda come "la SP 102 che passa per il nostro Comune è insidiata dalla caduta di materiale pietroso. Diversi – prosegue – sono stati nel tempo gli incidenti stradali, anche gravi, occorsi in quel tratto, dove lo stato di abbandono dei versanti e del fondo creano un grave pericolo per l'integrità di chi vi transita". 
L'esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro si rivolge direttamente alla Città Metropolitana: "Il personale non è messo in condizione di operare per carenze tecniche e logistiche che impediscono una buona conservazione del manto stradale. In altri casi - incalza Orsola - gli interventi non vengono proprio realizzati. Finanche le erbe infestanti non vengono tagliate. La competenza di quanto descritto – si avvia a concludere Orsola – è del settore Viabilità, a cui mi appello affinché, alla buona volontà dei lavoratori, faccia seguito un intervento sanante l'attuale stato della manutenzione, in termini sia qualitativi che quantitativi. Non bastano le strade di Roma a dover destare le preoccupazioni della sindaca Raggi - conclude -  anche quelle del territorio provinciale chiedono un cambio di rotta. Se continuiamo così, a cambiarla saranno gli automobilisti, sempre più insicuri della propria incolumità quando si trovano a passare per le strade della nostra provincia".

Mail priva di virus. www.avg.com

venerdì 20 settembre 2019

PAOLO BATTAGLIA LA TERRA BORGESE

L'occhio del critico d'arte Paolo Battaglia La Terra Borgese sull'ultimo saggio di  M. Donato Cosco, Alda Merini - Da Gerico a Dio, Ursini Edizioni.

 

Mentre Pordenonelegge, e un bagno di folla accoglie Pippo Baudo, Paolo Battaglia La Terra Borgese scrive del libro di Mario Donato Cosco, tra armonia e follia.

«Quando ho incontrato il dolore, anziché farmene annientare, ho deciso di cantarlo. Con queste profonde parole della Poetessa, che per certi versi sono un verso che provoca un'intensa eccitazione, Mario Donato Cosco riecheggia sentitamente dal vero centro dei motivi meriniani e con intenso sforzo intellettuale avvia questa seria fatica letteraria offrendo nuovi quesiti per la società: ciò che il vero scrittore è chiamato a fare.

Un lavoro, quello di Cosco, che certamente è necessario a placare dubbi, a superare incredulità, a vincere ignoranze, a soddisfare ansia di conoscenze; un impegno al quale potrà assegnarsi un altro merito ancora: quello di sgorgare limpido dall'animo, espressione - non alterata da addomesticature interessate - di convinzioni maturate in un fermento di fede non maculata da transazioni o da compromessi.

Sarebbe incosciente, imprudenza offrirsi a Mario Donato Cosco interpretando "Alda Merini - Da Gerico a Dio" ove il lettore non si proponesse un ben modesto intento: creare la propria opinione ed aprire la strada a coloro che meglio e più possano illuminarla.

Nei punti centrali dell'opera Cosco sembra suggerire che l'Io può raggiungere la fede anche con la purezza del suo libero ragionamento? Nella galleria di poesie meriniane selezionate da Cosco c'è tutta l'esperienza manicomiale della 'pazza' della porta accanto, quella signora così malamente apostrofata che, sola, trova un punto di equilibrio esclusivamente dentro si sé, nei propri versi letterari intrisi di spiritualità pura ma non scevra - c'è da aggiungere - di trascurata religiosità dogmatica se pur bene ragionata dalla poetessa ed egregiamente definita nella sostanza da Cosco che con precisione chirurgica coglie in ogni espressione della Merini la vera significazione astratta, simbolica e laica, oltre l'autrice stessa.

È comunque posta con particolare risalto in questo libro la tolleranza per gli altrui difetti, spicca il rispetto più sincero e totale per tutte le religioni con una speciale reverenza per quella cristiana. Evidente viene da dire che in tutta la sua storia l'uomo ha ampiamente dimostrato di non conoscere, come deve, le leggi naturali, perciò non può lui, sicuro, dare del pazzo a un suo simile, giacché nessuno conosce il vero senso della vita.

Torna in mente Basaglia. E, lenona, la grande legge dell'Amore». 

Le mostre dell'autunno al CAMeC La Spezia - Preview stampa 8 ottobre, ore 11.30

Se non riesci a visualizzare questo messaggio clicca qui


OVERSIZE. Grandi capolavori dalle collezioni del CAMeC, a cura di Eleonora Acerbi
ARIA 2009 - 2019 dieci anni di Factory, a cura di Cinzia Compalati
LA STANZA DELLE MERAVIGLIE, a cura di Cristiana Maucci
CAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea, La Spezia
Conferenza e preview stampa: martedì 8 ottobre, ore 11.30
Inaugurazione: sabato 12 ottobre, ore 18.00



Gentili colleghi,

La stagione espositiva autunnale del
CAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia si apre sabato 12 ottobre 2019, in occasione della XV Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI, con un doppio vernissage: "Oversize. Grandi capolavori dalle collezioni del CAMeC", a cura di Eleonora Acerbi, progetto espositivo dedicato alle collezioni permanenti, e "ARIA. 2009 - 2019 dieci anni di Factory", a cura di Cinzia Compalati, approfondimento rivolto alla Factory, una comunità artistica attiva sul territorio spezzino, ma conosciuta e apprezzata a livello nazionale. Alla stessa ora la presentazione della "Stanza delle meraviglie", a cura di Cristiana Maucci, un ambiente dedicato nel quale il visitatore potrà vivere un'esperienza multisensoriale, concepito per l'attività didattica ma rivolto a tutti.
"Oversize. Grandi capolavori dalle collezioni del CAMeC", visitabile per un anno al secondo piano del museo, si offre quale ideale contrappunto all'esposizione "Small Size. Piccoli capolavori dalle collezioni del CAMeC", realizzata nel 2017/18 nello stesso ambiente. In mostra una quarantina di lavori di grande formato, alcuni dei quali mai esposti prima, che dialogano fra loro e si presentano allo spettatore nel loro potente impatto visivo. Imposto e contraddistinto dalla dimensione, il florilegio si articola in un tracciato che associa alla cronologia l'accostamento linguistico, la consonanza estetica, l'accordo tematico. La silloge è attinta da tutti i diversi fondi conservati al CAMeC; il nucleo 'storico', ossia la pregevolissima raccolta di dipinti acquisiti nell'ambito del Premio Nazionale di Pittura intitolato al Golfo della Spezia, le collezioni-donazioni Cozzani e Battolini, le nuove acquisizioni. Il percorso espositivo comprenderà opere di Carlo Alfano, Shusaku Arakawa, Ugo Attardi, Jacopo Benassi, Aldo Bergolli, Renato Birolli, Ennio Calabria, Giuseppe Capogrossi, Bruno Cassinari, Vittorio Cavicchioni, Mario Ceroli, Mario Davico, Anita D'Orazio, Franco Francese, Renato Guttuso, Raymond Hains, Julia Jansen, Vassilis Kalantzis, Joseph Kosuth, Jason Martin, Luca Matti, Mattia Moreni, Gualtiero Nativi, Bruce Nauman, Kenneth Noland, Cristiano Pintaldi, Heimrad Prem, Bruno Pulga, Bruno Saetti, Giuseppe Santomaso, Sergio Saroni, Emilio Scanavino, Salvatore Scarpitta, Thomas Schütte, Danilo Sergiampietri, Vittorio Sopracase, Ettore Sottsass jr, Helmut Sturm, Emilio Vedova, Maja Vukoje, Hans Peter Zimmer, Edwin Zwackman.
La mostra "ARIA. 2009 - 2019 dieci anni di Factory", visitabile fino al 19 gennaio 2020 al piano zero del museo, è dedicata al tema dell'aria, intesa quale leggerezza, spazio ludico, creatività, gioco, meraviglia. I sette artisti che compongono la Factory - Cristina Balsotti, Paolo Fiorellini, Claudia Guastini, Sandro del Pistoia, Stefano Lanzardo, Francesco Ricci con Giuliano Tomaino - che lavorano insieme, sostenendosi e supportandosi vicendevolmente e condividendo lo spazio messo a disposizione dal Maestro Tomaino presso un vecchio biscottificio di Sarzana, al CAMeC realizzano una sorta di Wunderkammer, luna park delle meraviglie. L'esposizione, che si apre simbolicamente con l'opera Luci di Giuliano Tomaino, corredata da un video-racconto della storia del gruppo, si articola attraverso sette installazioni inedite, una per ciascun artista, e un nucleo di lavori che ben evidenziano e raccontano la cifra stilistica di ciascun autore. La Factory nasce a Sarzana nel 2009 per dare identità a un gruppo di artisti creatosi spontaneamente intorno alla figura di Giuliano Tomaino. Occasione per la formazione del gruppo fu la mostra "Tomaino. Le acciughe fanno la palla", allestita nel 2009 al Galata Museo del Mare di Genova, dove per la prima volta tutti gli artisti collaborarono, a diverso titolo, alla realizzazione del progetto del Maestro. Nel marzo 2011 il gruppo si è formalmente costituito in associazione culturale, presieduta dall'architetto Umberto Sauvaigne.
Entrando nella "Stanza delle meraviglie", la Wunderkammer del CAMeC, circondato da naturalia - oggetti provenienti dalla natura che presentano qualcosa di eccezionale per forma, dimensioni o rarità - e artificialia - manufatti particolari per la loro originalità e unicità -, il pubblico scoprirà meraviglie e curiosità in un percorso in cui opere appartenenti alle collezioni del Centro dialogano con prestiti dei musei civici Archeologico, Etnografico e del Sigillo.
L'inaugurazione si svolgerà sabato 12 ottobre alle ore 18.00. Il CAMeC è aperto al pubblico da martedì a domenica dalle 11.00 alle 18.00, chiuso il lunedì, Natale, Capodanno. Ingresso intero euro 5, ridotto euro 4, ridotto speciale euro 3,50. Per informazioni: tel. +39 0187 727530, camec@comune.sp.it, http://camec.museilaspezia.it.

Si allegano il comunicato stampa e alcune immagini per ogni mostra con le relative didascalie.

Grazie e buon lavoro,
Chiara Serri
M. +39 348 7025100
chiara.serri@csart.it 

CSArt - Comunicazione per l'Arte
Via Emilia Santo Stefano, 54
42121 Reggio Emilia
T. +39 0522 1715142
info@csart.it 
www.csart.it


CSArt - Comunicazione per l'Arte
Via Emilia Santo Stefano 54, 42121 Reggio Emilia
T. +39 0522 1715142
info@csart.it - www.csart.it

Cancellami [»]



-
Visualizza il messaggio in formato PDF
Antherica - web solutions

giovedì 19 settembre 2019

Borsa Scambio Catania - 28 Settembre 2019

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota