Cerca nel blog

venerdì 6 luglio 2018

Energo, online la nuova campagna pubblicitaria. Francesco Pavolucci presenta Qualified Home Delivery

'We deliver your reality' leit-motiv del nuovo spot Energo Logistic Qualified Home Delivery. Il CEO Francesco Pavolucci presenta la nuova campagna.

"We deliver your reality" questo il claim della nuova campagna di comunicazione di Energo Logistic che dà l'avvio al secondo capitolo di Qualified Home Delivery. Il Pay Off con cui l'azienda intende ribadire il proprio posizionamento di leader nel settore della consegna a domicilio qualificata di elettrodomestici, mobili, arredo da giardino e attrezzature fitness.

Al centro del nuovo format l'approccio rivoluzionario dell'azienda alle crescenti esigenze dei consumatori in ambito after sales. Puntualità della consegna, montaggio mobili, installazione attrezzature fitness e prodotti hi-tech, collaudo e ritiro usato.

Come spiega Francesco Pavolucci CEO Energo Logistic SPA "Il settore della Home Delivery sta crescendo a doppia cifra in Italia, in quanto il trade vuole fidelizzare il suo consumatore non solo con il prodotto venduto, ma soprattutto con servizi di after sales e fra questi ci sono la delivery, il montaggio ed il ritiro usato. Energo punta sui 4 settori Electronic, Furniture, Garden, Home Fitness presenti nel video, che avranno sempre di più come comune minimo denominatore l'utilizzo della tecnologia e l'interconnessione di beni."

Online da oggi, il nuovo spot Energo Logistic ideato da Axioma e prodotto dal Video Maker Marco Benisi, sarà diffuso esclusivamente attraverso i principali social network aziendali e il sito internet di Energo Logistic.


Redazione
Ufficio Stampa Laura Ravasio – Nuova Comunicazione 
cell. 348 9330574


#CRESCEREINSIEME L’hashtag che indicizza la crescita dell’accoglienza nel Lazio - Parte il progetto #crescereinsieme, per combattere la povertà educativa nel Lazio




Questo progetto, che coinvolge 14 organizzazioni, trasformerà il panorama dell'assistenza ai nuclei familiari mamma-bambino, a Roma e nel Lazio. 

Il progetto ha una durata di tre anni e sarà presentato ufficialmente in una conferenza stampa che si terrà a Roma a fine settembre. 

Maggiori dettagli vi saranno comunicati per tempo.

Martino Rebonato, della cooperativa sociale Kairos e Salvatore Carbone, de la Nuova Arca e Portavoce della Rete delle strutture e dei servizi per nuclei vulnerabili mamme-bambino, sono a disposizione per interviste.



Con cortese richiesta di pubblicazione e diffusione,
cordiali saluti,
Caterina Falomo

In allegato:
- comunicato stampa
- locandina





#CRESCEREINSIEME

L'hashtag che indicizza la crescita dell'accoglienza nel Lazio

Parte il progetto #crescereinsieme, per combattere la povertà educativa nel Lazio attraverso percorsi di prevenzione e di supporto all'autonomia per nuclei mamma-bambino in difficoltà.

 

Il Lazio è la regione con la più alta percentuale di nuclei familiari costituiti da mamme sole, 250.000 (Istat - Censimento 2011). Tra queste, diverse migliaia vivono in condizioni di povertà assoluta e di forte disagio per violenze subite, patologie psichiatriche e altri problemi. Mamme sole, con i loro figli, senza un lavoro, né una casa. Molte sono straniere, in fuga da situazioni di sfruttamento, prive di riferimenti e di reti parentali.

Secondo una recente ricerca (Oasi, 2016), nella regione si contano circa 50 strutture preposte all'accoglienza delle mamme con i loro bambini. Annualmente vengono accolte circa 550 donne e 700 bambini. Moltissimi altri nuclei ricevono supporto dai servizi sociali e dalle organizzazioni benefiche in diversi modi, dall'assistenza domiciliare al sostegno scolastico, fino all'aiuto materiale. Ma questo crescente impegno non basta. Uno dei problemi è il ritardo con cui questi nuclei sono individuati e presi in carico dai servizi territoriali, il che impedisce l'attivazione di interventi tempestivi per far fronte al disagio. Ciò ha conseguenze drammatiche sullo sviluppo del bambino, che assorbe anche inconsapevolmente i disagi della madre.

È questo il contesto da cui nasce il progetto #crescereinsieme, che unisce 14 organizzazioni con un'esperienza pluriennale sul campo, per migliorare l'efficacia e l'efficienza degli interventi a sostegno dei nuclei fragili mamma/bambino e contrastare la povertà educativa. Il progetto, finanziato dell'Impresa Sociale "Con i Bambini", è partito lo scorso mese di maggio e ha una durata di tre anni.

«Le difficoltà economiche, le difficili condizioni abitative, l'assenza di un lavoro e altri fattori personali e relazionali – spiega il responsabile del progetto Martino Rebonato, della cooperativa sociale Kairos, organizzazione capofila – possono ostacolare l'accesso ai servizi educativi per le mamme e per il loro piccoli. Il nostro progetto affronta i problemi della povertà educativa in un'ottica integrata e multidimensionale, favorendo il lavoro in rete tra i servizi sociali, le agenzie educative e le organizzazioni del terzo settore».

Il progetto intende soprattutto favorire l'autonomia delle mamme, offrendo loro nuove opportunità attraverso una serie di azioni tra loro strettamente collegate: un'agenzia per la ricerca della casa e del lavoro; interventi di sostegno alla genitorialità (visite domiciliari, supporto psicologico, promozione dell'allattamento materno, gruppi di mutuo-aiuto); attivazione di reti di famiglie solidali, che accompagnino le mamme nella loro quotidianità; consolidamento della Rete delle strutture e dei servizi per i nuclei vulnerabili mamma-bambino.

«Il modello di intervento che proponiamo mira alla costituzione di una comunità educante, in cui ciascuno faccia bene la sua parte. Dobbiamo essere consapevoli che il problema della monogenitorialità e della vulnerabilità sociale sono spesso interconnessi – sottolinea Salvatore Carbone, Portavoce della Rete delle strutture e dei servizi per nuclei vulnerabili mamme-bambino – e che il fenomeno delle mamme sole in condizioni di forte disagio sociale ha assunto una dimensione che non può più essere sottovalutata».

Comunitario è quindi l'approccio proposto dai promotori del progetto, 14 organizzazioni che hanno unito le forze e messo a disposizione le competenze ed esperienze maturate in anni di impegno: la cooperativa sociale Kairos, l'associazione OASI, Il Melograno Centro Informazione Maternità e Nascita, MYTANDEM Snc di Chiù Sara e Melandri Sabina, il Centro Italiano di Solidarietà don Mario Picchi, la cooperativa sociale Zoe, l'associazione Tutela Minori e Sostegno Adulti Fragili, il Consorzio Universitario Humanitas, l'Istituto Comprensivo Statale Via dei Sesami, l'associazione Ecococcole, l'Università LUMSA, l'associazione Romana Pro Juventute Tetto, l'associazione Rimettere le Ali, la cooperativa sociale La Nuova Arca.

Un partenariato forte e variegato, che sta già operando per costruire un sistema integrato di servizi innovativi e coordinati con i presidi socio educativi del territorio.


 

 

Organizzazioni Promotrici

Kairos società cooperativa sociale a r.l. Onlus, Associazione Rimettere le Ali Onlus, La Nuova Arca Società cooperativa sociale, OASI, Il Melograno Centro Informazione Maternità e Nascita,  Associazione Centro Italiano di Solidarietà don Mario Picchi Onlus, Cooperativa Sociale Zoe, TU.MI.S.A.F. Tutela Minori e Sostegno Adulti Fragili, Consorzio Universitario Humanitas, Istituto Comprensivo Statale Via dei Sesami, Associazione di promozione sociale Ecococcole, Libera Università Maria Santissima Assunta – LUMSA, Associazione Romana Pro Juventute Tetto Onlus, Mytandem Snc di Chiù Sara e Melandri Sabina

percorsiconibambini.it/crescereinsieme/facebook.com/Crescereinsieme.Progetto

 

Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell'ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un'intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l'impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. www.conibambini.org

 



Per informazioni:

percorsiconibambini.it/crescereinsieme/facebook.com/Crescereinsieme.Progetto/

 

Ufficio stampa: SuLLeali Comunicazione Responsabile

Caterina Falomo - 346 8513723 - caterina.falomo@sulleali.it



Su TCS-TeleCapriSport (canale 87) "Tutto il ritiro del Napoli minuto per minuto" condotto da Paolo Del Genio



COMUNICATO STAMPA

TUTTO IL RITIRO DEL NAPOLI MINUTO PER MINUTO

TUTTI I GIORNI ALLE ORE 14:00 E ALLE ORE 20:00 CON PAOLO DEL GENIO   

E' ancora il grande calcio legato al Napoli il protagonista su TCS-TeleCapriSport.  L'emittente televisiva campana di solo sport seguirà, a partire dal 10 luglio, tutte le fasi di  preparazione della squadra partenopea presso il ritiro di Dimaro. Tutti i giorni Paolo Del Genio condurrà "Tutto il ritiro del Napoli minuto per minuto" strutturato in un doppio appuntamento: il primo alle ore 14:00 dove racconterà tutto quello che è successo al mattino, dagli allenamenti alle notizie fino alle piccole curiosità.   

Il secondo appuntamento, invece, in onda alle ore 20:00, farà vivere a tutti i tifosi il particolare clima del ritiro pre-campionato della formazione azzurra. Si ascolteranno le voci dei protagonisti, dai tecnici agli opinionisti più autorevoli, ai giocatori, i dirigenti del Napoli, non tralasciando l'immancabile partecipazione dei tantissimi supporters, sempre molto numerosi, al seguito della squadra partenopea. Fino alle 24:00 sarà un susseguirsi di news e molto altro.

"Non potevamo non essere presenti in questa nuova avventura del Napoli - sottolinea Costantino Federico editore di TCS-TeleCapriSport -. Con questa trasmissione confermiamo il nostro impegno a sostegno dei tanti tifosi napoletani che continuerà anche durante il campionato per portare nelle case degli appassionati della Campania le imprese degli azzurri".

TCS-TeleCapriSport è stata la prima emittente in assoluto che, con l'enorme successo riscontrato con programmi che hanno fatto scuola, ed anche grazie al proprio sito web, ha garantito a tutti gli sportivi della nostra regione la possibilità di seguire la propria squadra di calcio.

             Capri, 6 Luglio 2018                                                             Info: 081 838 3111 - www.telecaprisport.it              -               Ufficio Stampa: press@capri.tv

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA IN .PDF


Mercoledì 8 agosto alle 21,00 concerto del Mirada de Tango Quartet al Parco 2 Agosto a San Lazzaro di Savena

Mercoledì 8 agosto alle 21,00 concerto del Mirada de Tango Quartet al Parco 2 Agosto a San Lazzaro di Savena
Mirada de tango nasce a Bologna dall'incontro di quattro musicisti di formazione prevalentemente classica animati dal desiderio di riscoprire, studiare ed offrire all'ascolto brani di Astor Piazzolla, in omaggio all'idea, maturata dallo stesso Maestro, che il tango sia una musica da suonare ancor più che da ballare.

Il repertorio per quartetto, esempio grandioso del nuevo tango inaugurato dal compositore argentino, esprime meravigliosamente la dimensione originale ed innovativa conferita al tango da Piazzolla, attraverso influenze jazz, molteplici contaminazioni e sperimentazioni musicali.
I brani proposti, fra cui si evidenziano il celeberrimo Libertango e l'eccezionale Las cuatro estasciones porteñas, sono eseguite dalla fisarmonica di Manuela Turrini, dal violino di Alessandro Bonetti, da Claudia D'Ippolito al pianoforte e Roberto Salario al contrabbasso. Gli interpreti svolgono nell'ambito professionale privato attività didattica e concertistica che spazia dal repertorio classico a generi diversi, dal rock al jazz, dalla musica popolare alla contemporanea.

formazione:
Violino: Alessandro Bonetti
Fisarmonica: Manuela Turrini
Pianoforte: Claudia D'Ippolito
Contrabbasso: Roberto Salario

giovedì 5 luglio 2018

Seminario “Educare alle emozioni” - Milano

Seminario "Educare alle emozioni": Un seminario incentrato sulle emozioni, rivolto a educatori, insegnanti, genitori.
Dopo Roma e Firenze, arriviamo a Milano!

Un incontro per analizzare insieme l'importanza di una sana alfabetizzazione emotiva: esplorando le ricerche di Gardner e Goleman, il ruolo del cervello nello sviluppo delle emozioni, la possibilità di utilizzare i linguaggi espressivi per affrontare le emozioni con i bambini, faremo un punto della situazione e ci confronteremo su un tema così complesso e importante.
Nel seminario la teoria si alternerà alla pratica attraverso la proposta di attività espressive da sviluppare con i bambini.

Come creare a scuola, dal nido alla scuola primaria, un "laboratorio emozioni"? Proposte operative, fiabe interattive e libri illustrati, proposte di attività espressive ci permetteranno di costruire un percorso di alfabetizzazione emotiva da sviluppare con i bambini. Esplorare rabbia e tristezza, paura e gioia attraverso il gioco teatrale, la narrazione, i linguaggi espressivi per permettere ai bambini di nominare, riconoscere, esternare le emozioni, sviluppando così l'intelligenza emotiva.

Il seminario è ideato e condotto da Helga Dentale, esperta di pedagogia teatrale e linguaggi espressivi, ideatrice del Metodo Teatro in Gioco®, docente per la formazione, autrice di libri per bambini e libri didattici.

La quota del seminario è di 30 euro (comprensiva di materiale didattico e dell'attestato di frequenza).

Sede del seminario: Libreria Il Trittico, via San Vittore 3, Milano

Prenotazione obbligatoria.

Per iscriversi è necessario inviare una mail a girasoliamoci@tiscali.it indicando il proprio nominativo ed un recapito telefonico ed attendere mail con i riferimenti per versare la quota di partecipazione.
Le iscrizioni procederanno seguendo l'ordine di arrivo delle mail e verranno automaticamente chiuse al raggiungimento del numero massimo di partecipanti.



fb  Teatro in GIOCO

----------------------------

Eventuali dati personali in nostro possesso NON saranno divulgati né  trattati per fini commericiali o diversi dalla semplice informativa relativa UNICAMENTE alla nostra attività teatrale. Questo messaggio non può essere considerato SPAM poiché include la possibilità di essere rimosso da invii ulteriori. Gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio ci sono stati comunicati espressamente o provengono da richieste di iscrizioni o da elenchi e servizi di pubblico dominio pubblicati in Internet, da dove sono stati prelevati, o da messaggi e-mail a noi pervenuti in conformità alla Legge 196/2003, nel rispetto del trattamento di dati personali. Ci scusi se Lei ha ricevuto il messaggio accidentalmente. Se non vvuole ricevere altri  messaggi da parte nostra la  preghiamo di rispodere con una e-mail con scritto "CANCELLAMI" all'indirizzo: girasoliamoci@tiscali.it Una non risposta varrà come consenso alla spedizione dei nostri inviti. Grazie

Cessione frequenze TV - RETECAPRI ricorre al Tar e chiede risarcimento pari a 31 milioni di Euro




 Logo ReteCapri

CESSIONE FREQUENZA A FRONTE DI CAPACITA' TRASMISSIVA RIDOTTA

RETECAPRI NON CI STA E RICORRE AL TAR

CHIESTO UN RISARCIMENTO DANNI PARI A 31 MILIONI DI EURO

E' di pochi giorni fa l'approvazione da parte dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni del nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze in ambito nazionale nel digitale terrestre, una tappa obbligata in vista del riordino dello spettro a favore delle telecomunicazioni, in particolare per il lancio della banda veloce 5G.

Gli Operatori di rete si aspettavano la batosta, che puntualmente è avvenuta: riduzione della risorsa, (10 reti in banda UHF) che inevitabilmente non è sufficiente per tutti gli Operatori nazionali. Sulla base, quindi, della delibera AGCOm N. 137/18/Cons che prevedeva l'avvio del procedimento per il nuovo piano frequenze con la cessione della banda 700MHz, ad avere la peggio sono stati i soggetti concessionari di un solo multiplex, come ReteCapri con l'Operatore di rete Premiata Ditta Borghini & Stocchetti di Torino. E' per questo che si è reso necessario il ricorso al Tar del Lazio contro la suddetta delibera - così come già fatto da Mediaset e Cairo Network – al fine di chiedere il rilascio di una nuova concessione di capacità trasmissiva per lo meno uguale a quella precedentemente assegnata come Operatore di Rete in ambito nazionale.

L'abbandono dell'attuale canale 57 UHF e l'eventuale sostituzione con capacità trasmissiva ridotta rispetto a quella odierna, consentirà a ReteCapri di formulare una richiesta di risarcimento danni che fin d'ora si preannunciano non inferiori a 31 milioni di euro, vale a dire l'equivalente al corrispettivo richiesto in precedenza per l'assegnazione della licenza di Operatore di Rete in ambito nazionale su frequenza UHF.

Occorre ricordare che già nella precedente assegnazione ReteCapri è stata oggetto di forte discriminazione, in quanto la frequenza assegnatagli era di qualità inferiore (trasmissione in KFN che abbisogna di più canali per raggiungere la copertura nazionale) rispetto a quelle assegnate a Rai, Mediaset e Persidera (trasmissione in SFN-Single Frequency Network che consiste invece in un solo canale), e ulteriormente compromessa dalle limitazioni subite per interferenze provenienti da Stati della ex Jugoslavia, Svizzera e Francia. Senza contare la mancata assegnazione di un secondo multiplex pur avendo ReteCapri, al pari di un altro operatore, titoli per analoga autorizzazione.

I risultati, commercialmente devastanti, non possono ora essere ulteriormente aggravati da questa nuova, ennesima, sottrazione di risorsa frequenziale.

 

             Capri, 5 luglio 2018                                                                                            www.retecapri.it 

            Ufficio Stampa: press@capri.tv                                                                           e-mail: info@retecapri.it

Per scaricare il comunicato stampa in formato PDF clicca qui


Il Romanziere, il nuovo libro di Domenico J. Esposito

È uscito il nuovo libro dello scrittore cervinarese Domenico J. Esposito, edito da Eretica Edizioni.

Donato Bratti, uno scrittore in crisi e di scarso successo, si accorge che a volte si verificano avvenimenti narrati nei suoi romanzi, fino a insospettirsi di avere un potere soprannaturale, nonostante sia sempre stato scettico e razionale. Quando accadrà un grave incidente, pensando che sia colpa sua, proverà a rimediare revisionando un suo racconto. Il presunto potere sembra avere effetto sulla vittima, che si riprenderà dopo pochi giorni. Inizierà quindi ad aiutare alcune persone salvando loro la vita. In seguito comincerà invece ha utilizzarlo per scopi personali. Il presunto potere non sempre funziona e Donato Bratti avrà di nuovo dei dubbi sulla sua esistenza, pensando si sia trattato solo di coincidenze. Oscillerà di continuo tra scetticismo razionale e credulità: elementi che lo confondono fino a condurlo alla follia, oltre a fare profonde riflessioni su fede e ragione, e soprattutto a ispirargli una nuova opera. Il Romanziere, infatti, non è soltanto un romanzo psicologico, ma anche un metaromanzo sulle difficoltà di uno scrittore che segue il suo sogno, magari di diventare un famoso autore di best-seller.

Domenico J. Esposito è autore dei romanzi La Città dei Matti (Mon&editori, 2009) e di Sia fatta la mia volontà – Qui nel mondo (Tempesta Editore, 2011). Ha collaborato con giornali locali e gestisce un blog che prende il nome del suo primo libro. Nel 2016 pubblica il romanzo Il Mondo Malato con Eretica Edizioni, dal quale è stata tratta l'omonima canzone interpretata dal cantautore Ivan Romano e reperibile su Youtube. Il Romanziere è la sua quarta opera.


Comunicato Stampa AiFOS: il Safety BarCamp e il futuro della formazione

Comunicato Stampa

Safety BarCamp: il presente e il futuro della formazione

 

I risultati del Safety BarCamp AiFOS che si è tenuto il 13 giugno 2018 e le informazioni sul Safety BarCamp del 2019: come fare formazione alla sicurezza in modo efficace e innovativo.

 

Il mondo della formazione e della consulenza in materia di salute e sicurezza sul lavoro è un mondo vasto, che spesso, proprio per la sua vastità, non si conosce fino in fondo.

Per conoscerlo sono necessari incontri di formazione partecipata, in cui siano gli stessi partecipanti a mettere a disposizione il proprio sapere e saper fare, a entrare in mondi diversi da esplorare in base al proprio grado di interesse e propensione.

Sono necessari eventi come il Safety BarCamp AiFOS, che si è tenuto il 13 giugno 2018 a Padenghe sul Garda (Brescia), in cui la formazione, l'aggiornamento, l'ampliamento delle proprie conoscenze sono momenti attivi di apprendimento condiviso.

 

Il Safety BarCamp AiFOS del 2018

I risultati del Safety BarCamp 2018 parlano chiaro: 100 formatori/partecipanti, 27 workshop, 5 sessioni formative. Questi sono i numeri del primo Safety BarCamp organizzato dall'Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (AiFOS). E la presenza e l'entusiasmo dei partecipanti hanno senza dubbio superato le più rosee aspettative della Direzione Nazionale AiFOS. È stata apprezzata da tutti l'organizzazione precisa e puntuale, la possibilità di conoscere persone, di entrare in contatto con metodologie diverse e strumenti nuovi.

 

Ricordiamo che il Safety BarCamp - progettato secondo l'Open Space Technology, una metodologia che prevede la continua interazione tra i partecipanti – aveva l'obiettivo, ampiamente raggiunto, di creare una cornice di lavoro favorevole al dialogo, al confronto e alla diffusione di conoscenze sul tema della sicurezza. Facilitando, in questo modo, il libero pensiero, la curiosità, la divulgazione e la diffusione di nuovi contenuti e metodologie.

 

Nell'evento del 13 giugno 2018, che ha attirato anche un grande percentuale di professionisti esterni all'associazione, i 27 workshop proposti hanno coperto tutte 3 le aree tematiche - normativa/giuridica/organizzativa; rischi tecnici/igienico-sanitari; relazioni/comunicazione – connesse al mondo della formazione alla sicurezza.

 

I vantaggi del Safety BarCamp

Il Safety BarCamp – ricorda Rocco Vitale, Presidente di AiFOS – è stato "un vero laboratorio di partecipazione sociale, organizzato sulla base delle idee, delle competenze e delle professionalità di tutti coloro che hanno scelto di prendervi parte sia nelle vesti di facilitatori che nel ruolo di partecipanti. Un modo alternativo per conseguire l'aggiornamento professionale, ma soprattutto uno strumento di crescita e di formazione utile per sviluppare le 'competenze trasversali' di formatori, consulenti e RSPP: come abilità relazionali, comunicative e progettuali, decisive per l'esercizio di ogni professione nell'ambito di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro".

 

Quello che rimane ben impresso ai partecipanti del Safety BarCamp 2018 è il clima positivo e disteso. È stata lasciata, infatti, a ciascun partecipante ampia libertà di conoscere e far conoscere le varie competenze in materia di sicurezza, di seguire e proporre incontri di approfondimento, di condividere e verificare le proprie esperienze lavorative. Quello che è emerso in ciascuno, alla fine della giornata formativa, è stato il desiderio di raccogliere tutte le idee viste, ascoltate e sperimentate.

 

Il Safety BarCamp AiFOS del 2019

Di fronte a questo entusiasmo e riscontro, la richiesta dei partecipanti è stata quella di far diventare il Safety BarCamp un appuntamento annuale, in cui potersi conoscere, scambiare conoscenze e punti di vista.

 

L'evento di AiFOS è stato – conclude Francesco Naviglio, Segretario Generale di AiFOS – "un grande momento di formazione partecipata. Un evento formativo dove docente e discente sedevano allo stesso tavolo, allo stesso livello, in una continua alternanza dei ruoli e scambio delle posizioni. E se l'esperimento del Safety BarCamp AiFOS può dirsi riuscito, la sfida è già lanciata: nel mese di maggio 2019 riproporremo questa iniziativa certi che la porta che abbiamo aperto non potrà essere richiusa".

 

E poiché c'è la volontà di ripetere l'evento l'anno prossimo, si invita chiunque sia interessato a collaborare all'organizzazione e la promozione del prossimo Safety BarCamp 2019 a contattare la segreteria AiFOS.

 

 

Per informazioni:

Sede nazionale AiFOS: via Branze, 45 - 25123 Brescia c/o CSMT, Università degli Studi di Brescia - tel.030.6595031 - fax 030.6595040 www.aifos.it - barcamp@aifos.it

 

 

05 luglio 2018

 

Ufficio Stampa di AiFOS

ufficiostampa@aifos.it

http://www.aifos.it/

Se non vedi la newsletter, clicca qui

Sabrina Figuccia: "Amat novello Titanic, il valzer delle poltrone mentre la barca affonda"


Città di Palermo

Consiglio Comunale

 

COMUNICATO STAMPA

 

SABRINA FIGUCCIA: "AMAT NOVELLO TITATIC, IL VALZER DELLE POLTRONE MENTRE LA BARCA AFFONDA"

 

 

"Mentre ormai l'Amat è ad un passo, forse anche meno, dal baratro, mentre l'ex presidente Gristina manda una lettera ai dipendenti per dire che soldi per gli stipendi non ce ne sono (invece di scusarsi per tutti i suoi errori), mentre i palermitani sono costretti alle fermate ad attese eterne sotto il caldo prima di poter prendere il bus, il sindaco Orlando cosa fa? Gioca con le figurine dei candidati a presidenti con l'unico scopo di accontentare un po' i partiti di "destra" (Sicilia Futura, in maggioranza con Orlando e che all'Ars vota Miccichè presidente) e un po' quelli di sinistra, per cercare di tenere a galla la sua maggioranza". Lo afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo, che prosegue: "La sensazione è quella che prima di competenza e professionalità vengono sempre fedeltà e appartenenza ad una parte politica e a farne le spese sono però sempre cittadini e lavoratori.

Insomma, a Palazzo delle Aquile va in scena la solita divisione delle poltrone, mentre quasi tutte le aziende comunali sono piene di debiti e i palermitani costretti a fare i conti con servizi indegni di una delle principali città europee (e meno male che siamo capitale della cultura!!!).

Caro Orlando, Palermo e i palermitani meritano sicuramente di meglio che ritrovarsi con emeriti incompetenti al vertice delle aziende comunali. Cerchi, il sindaco, una volta tanto, di premiare il merito e il lavoro di chi deve gestire migliaia di dipendenti e centinaia di milioni di euro. Le aziende sono un bene troppo prezioso per lasciarle alla mercè del solito politicante o dell'ennesimo trombato alle elezioni da accontentare".

 

 

Palermo, 4 luglio 2018



--
www.CorrieredelWeb.it

[cs] PIANO REGOLATORE PALERMO, ASSENTE ARCURI E IN AULA SOLO 4 CONSIGLIERI DELLA MAGGIORANZA. IL M5S PALERMO: "COMPORTAMENTO IRRESPONSABILE"


COMUNICATO STAMPA


PIANO REGOLATORE PALERMO, ASSENTE ARCURI E IN AULA SOLO 4 CONSIGLIERI DELLA MAGGIORANZA. IL M5S PALERMO: "COMPORTAMENTO IRRESPONSABILE"

 

PALERMO, 4 luglio 2018 - "Oggi in Aula era finalmente prevista la presenza dell'assessore Arcuri e degli uffici, per fare il punto della situazione sul Piano Regolatore Generale, cioè su quello che rappresenta una delle questioni più delicate su cui questo Consiglio comunale è chiamato a lavorare. La maggioranza di Orlando ha snobbato l'argomento e si è presentata in aula con soli quattro consiglieri. Gli altri 20 erano a occuparsi di cose evidentemente più importanti". Lo dichiarano i consiglieri comunali del MoVimento 5 Stelle di Palermo, Ugo Forello, Giulia Argiroffi, Concetta Amella, Viviana Lo Monaco e Antonino Randazzo.

"Il gruppo consiliare del M5S denuncia con sdegno il comportamento irresponsabile e irrispettoso dei consiglieri comunali della maggioranza e li invita a dimettersi dal loro incarico politico visto che è evidente che non hanno capito il significato del loro ruolo a rappresentanza e tutela dei cittadini. I ritardi e la mancata chiarezza con cui l'amministrazione Orlando gestisce l'iter di questo importantissimo e delicato documento, il Piano da cui dipende il futuro della città e di tutti i suoi cittadini, avrebbero meritato oggi alcuni preziosi chiarimenti. È la città a chiederlo, e la risposta dei consiglieri della maggioranza, in difficoltà dal primo giorno nel tenere il numero legale a causa delle loro assenze sempre più frequenti e imbarazzanti, riempie tutto il consiglio di vergogna".




L'addetto stampa
William Anselmo





--
www.CorrieredelWeb.it

RAP, M5S PALERMO: "CENTRI COMUNALI DI RACCOLTA E ISPETTORI AMBIENTALI ANNUNCIATI DAL 2014. NORATA NON FACCIA COME SINDACO ORLANDO"


COMUNICATO STAMPA


RAP, M5S PALERMO: "CENTRI COMUNALI DI RACCOLTA E ISPETTORI AMBIENTALI ANNUNCIATI DAL 2014. NORATA NON FACCIA COME SINDACO ORLANDO"

 

PALERMO, 4 luglio 2018 - La nota congiunta del deputato alla Camera e componente della commissione Ambiente, Adriano Varrica, del deputato all'Ars e componente della commissione Ambiente, Giampiero Trizzino, e dei consiglierei comunali di Palermo, Concetta AmellaAntonino Randazzo, sulle dichiarazioni del nuovo presidente della Rap, Giuseppe Norata.

Abbiamo letto con interesse le prime dichiarazioni del nuovo Presidente della RAP, Giuseppe Norata, ma non possiamo non notare che non si discostano molto dagli annunci del Sindaco che, a parole, già dal 2014, promette alla città otto centri comunali di raccolta o l'istituzione dell'importante figura degli ispettori ambientali. Ad oggi, a Palermo, non è stato fatto nulla di quanto annunciato da Orlando, per questo non possiamo fare altro che attendere gli atti concreti che verranno posti in essere. Una volta insediato, chiederemo un incontro a Norata per garantire il massimo supporto istituzionale affinché porti l'azienda partecipata ai livelli che ci si attende. Rispetto alla sua posizione su termovalorizzatore o bruciatori di rifiuti a Bellolampo, e alla possibile abolizione degli incentivi TARI per i cittadini virtuosi - peraltro argomenti non di competenza della RAP e dunque che interpretiamo come considerazioni personali - il MoVimento 5 Stelle tiene a ricordare che le complessità di una metropoli come Palermo non possono essere paragonate a comuni come Trabia e Caccamo, facendo presente all'ex presidente di Ecologia e Ambiente le grandissime difficoltà nel gestire la differenziata in paesi di medie dimensioni come Termini Imerese e Cefalù. Resta significativo il fatto che ancora una volta sia stata una diffida del M5S a sbloccare una nomina importante come quella dell'organo amministrativo di RAP dopo ben 9 mesi.




L'addetto stampa
William Anselmo





--
www.CorrieredelWeb.it

mercoledì 4 luglio 2018

comunicato stampa Contest Facebook CHIARINI BOLOGNA

Buongiorno,
siamo a segnalarvi in anteprima attività del nostro cliente Chiarini Bologna, sui social network.

Si tratta di un'operazione give away che coinvolgerà tutti gli utenti in data 12 luglio 2018.

Alleghiamo comunicato stampa e vi riportiamo qui sotto il testo del comunicato.

Nella speranza di vostro interesse e pubblicazione,

porgiamo i nostri più cordiali saluti,


TESTO:

Comunicato stampa "CONTEST FACEBOOK"

CHIARINI BOLOGNA, da oltre 50 anni sinonimo di artigianalità, stile e creatività nel mondo delle
calzature femminili, celebra la fine stagione spring/summer 2018 con un evento unico nel suo
genere.

In occasione dei 37.000 modelli venduti quest'anno ha deciso di offrire la possibilità a 4 utenti
 del proprio canale Facebook, di ricevere uno dei modelli taglia 37 della stagione appena passata in regalo.

Il giorno 12 luglio 2018 infatti sulla pagina Facebook di CHIARINI BOLOGNA ( link ) verrà
pubblicato un post - in orario a sorpresa - che indicherà le istruzioni per potersi aggiudicare uno
dei 4 modelli a disposizione.

I 4 utenti più veloci che avranno anche cliccato MI PIACE sulla pagina del brand, potranno così
ricevere direttamente a casa un esclusivo paio di CHIARINI BOLOGNA: un segno per festeggiare
insieme un nuovo successo che l'azienda ha deciso di condividere con i suoi utenti.








Le piadine di Casa Maioli arrivano in Veneto

Gentilissimi,

 

siamo lieti di segnalare che le piadine di Casa Maioli arrivano in Veneto. Ad accogliere i sapori di una ricetta frutto di passione culinaria e tradizione, la città di Conegliano (TV) e il centro commerciale Conè. L’apertura è fissata per il prossimo 6 luglio.

In allegato il comunicato stampa completo e due immagini rappresentative.

Ringraziamo per la gentile attenzione e restiamo a disposizione per ogni eventuale informazione.

Cordiali saluti,

 

Valentina Finotti

 

 

Cantiere di Comunicazione

Via Emanuele Filiberto, 7A - 20149 Milano

Tel. 02 87383.180

www.cantieredicomunicazione.com

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Prima di stampare questa mail, pensaci!

 

ANTARES SRL: ASSISTENZA E CONSULENZA LEGALE ALLE IMPRESE

Antares Srl offre assistenza personalizzata, da oltre 14 anni, sia in ambito giudiziale che stragiudiziale, per tutte le materie inerenti al Diritto Bancario.

Il target specifico di operatività riguarda l’azienda, l’impresa e la società di piccole, medie e grandi dimensioni, a cui Antares è in grado di fornire supporto in ogni tipo di problematica, alla luce della crescente complessità normativa che caratterizza il mondo delle imprese, in particolare dalla consulenza ed assistenza in relazione alla gestione dei rapporti bancari e finanziari.

 

Antares offre molteplici servizi su tutto il territorio Italiano, tra cui l’analisi dei conti correnti bancari, degli strumenti finanziari derivati (in particolare Interest Rate Swap), dei mutui, dei leasing e delle posizioni in Centrale dei Rischi, al fine di accertare vizi o anomalie che possono portare ad un risarcimento o a un rimborso per i propri clienti.

Nello specifico, Antares segue il cliente passo per passo nell’iter procedurale di restituzione degli interessi applicati in maniera illecita in caso di contratti di mutuo, leasing e conti correnti.

Al fine di garantire una consulenza puntuale, tempestiva ed efficiente si avvale di Consulenti e collaboratori esterni altamente specializzati, in grado di far fronte ad ogni necessità aziendale.

L’assistenza è volta all’individuazione della soluzione più idonea allo scopo e agli interessi perseguiti dal Cliente.

 

Alla data del 30 giugno 2018, oltre 2000 clienti hanno usufruito con soddisfazione dei nostri servizi che hanno condotto all’ottenimento di rimborsi per complessivi Euro 45.044.689,56. Sono in corso 1.167 azioni contro Istituti di credito con domande di rimborso per Euro 100.572.924,00. In totale 326 clienti hanno utilizzato il nostro servizio di consulenza per i contratti in strumenti finanziari derivati e numerose azioni hanno già condotto a risultati positivi: dichiarazioni di nullità o di risoluzione di contratti con relativa condanna alla restituzione o al risarcimento dei danni (a seguito di cause giudiziarie o di lodi arbitrali), oppure, in gran parte, transazioni concluse con soddisfazione.

 

Per info e dettagli:

www.antares-como.it

 

_____________________________________________________________________________________

Per informazioni:

Ramona Valsecchi – Responsabile Comunicazione 

{ramona.valsecchi@antares-como.it}

 

 

 

Antares S.r.l.

Via Albertolli, 9/22

22100 Como

Tel. 031/240145

Fax 031/240917

www.antares-como.it

 

Seguici sui nostri canali Social!

   

 

Carlo Spinelli IDD denuncia ancora il mancato pagamento degli stipendi da parte di Onorati

Roma 04 Luglio 2018: Ci risiamo, i lavoratori della Ago uno e Autolinee Onorati si ritrovano nuovamente senza stipendi. Sono infatti in ritardo di due mesi le retribuzioni da parte delle società che fanno capo a Roberto Onorati che si occupano del TPL e degli scuolabus in vari comuni della provincia romana e del frusinate. Sulla vicenda interviene nuovamente il movimento Italia dei Diritti tramite il responsabile provinciale romano Carlo Spinelli:"  A qualche mese di distanza dalle promesse e rassicurazioni dell'' amministratore delegato di Autolinee Onorati ed Ago uno Roberto Onorati ci troviamo di nuovo di fronte alla mancata retribuzione salariale da parte delle aziende stesse ai danni dei lavoratori che svolgono il servizio di trasporto pubblico locale e scuolabus. Onorati ci aveva dato la sua parola nel mese di Marzo durante uno sciopero indetto dal sindacato autonomo faisa-cisal al quale ho partecipato insieme al presidente del movimento Antonello De Pierro – continua Spinelli -  che gli stipendi dal quel momento in poi sarebbero stati saldati regolarmente ma probabilmente per Onorati non esistono parole d'onore. Così come non esiste nel suo petto un cuore se  continua  ad infischiarsene  dei propri lavoratori, dei loro figli, della dignità dei padri e delle madri di famiglia che ha alle proprie dipendenze lasciandoli continuamente senza stipendio, senza di che sostenere la famiglia, senza poter far fronte alle spese giornaliere, alle scadenze mensili, ritrovandosi a dover elemosinare continuamente quanto  dovuto per le proprie prestazioni lavorative. Onorati continua a trincerarsi dietro la solita scusa del mancato pagamento da parte degli enti per i quali le proprie aziende erogano il servizio ma una ditta che ha appalti di una certa importanza e un discreto numero di lavoratori alle proprie dipendenze dovrebbe essere autonoma ed essere in grado di poter far fronte alle scadenze mensili che ha con i propri dipendenti al di là della puntuale riscossione o meno di quanto dovuto per il servizio, soldi che poi comunque entreranno nelle proprie casse. Qualche tempo fa il sig. Onorati – prosegue il responsabile provinciale IDD – mi fece chiamare dal suo avvocato  con la promessa di un incontro che poi di fatto non c'è mai stato; ma noi andiamo comunque avanti lo stesso a difesa dei diritti dei lavoratori  senza farci intimidire, senza aver paura di intraprendere iniziative di qualunque genere, sempre rimanendo nel lecito, affinché Onorati regolarizzi la propria posizione retributiva nei confronti dei lavoratori delle aziende da lui gestite e mantenga fede agli impegni presi con noi, e soprattutto coi propri dipendenti già nel mese di Marzo. Un ultima annotazione -  prosegue ancora Spinelli -  me la riservo verso gli enti che hanno affidato il servizio di tpl e scuolabus alla Ago uno e Autolinee Onorati, e mi rivolgo ai sindaci dei comuni di Albano Laziale, Ariccia, Genzano, Aprilia, Fiuggi, Anagni e Trevi nel Lazio  che restano ancora silenti di fronte al problema che colpisce circa duecento famiglie e non intervengono in nessun modo per la risoluzione dello stesso e alla regione Lazio in particolar modo al presidente Nicola Zingaretti che sbandiera la sua sensibilità ai problemi che affliggono le classi sociali più deboli ma che, come i sindaci dei comuni menzionati sopra, non muove un dito per richiamare il signor Onorati alle proprie responsabilità e ad ottemperare al pagamento del salario ai propri dipendenti. A mio avviso – prosegue Spinelli – il mancato pagamento degli stipendi agli operai da parte delle aziende che erogano servizi in appalto per conto di enti pubblici o privati dovrebbe essere causa di rescissione contrattuale e quindi di decadenza dell'appalto in quanto l'azienda viene meno a quanto sancisce la costituzione italiana negli articoli 4 ( il diritto per ogni cittadino italiano al lavoro ) e 36 ( diritto ad una retribuzione salariale adeguata al proprio servizio, diritto che in questo caso viene leso). E Italia dei Diritti si farà presto promotrice di una legge regionale che vada in questo senso, che garantisca ai dipendenti delle aziende appaltatrici la puntualità nel percepire gli stipendi, pena appunto la decadenza dell'appalto, senza naturalmente mettere a rischio il posto di lavoro che deve essere garantito dal passaggio diretto dei lavoratori dall'azienda uscente a quella subentrante. Ritornando al caso Onorati – conclude Spinelli – Italia dei Diritti aderirà ad ogni forma di protesta lecita che i lavoratori intraprenderanno per vedere riconosciuto il diritto salariale e se necessario saremo noi stessi a prendere iniziative e stavolta non saremo teneri visto che già una volta il signor Onorati ci ha gabbato non tenendo fede alla parola data.

Ufficio stampa Italia dei Diritti provincia di Roma

e-mail idd.provinciaroma@gmail.com


LE FERRE e il Futuro dell’ Olio Extravergine d’ Oliva

La Puglia dell' Olio NON è SOLO XYLELLA e Taranto NON è solo Ilva

Il futuro del comparto oleario passa attraverso professionalità, tecnologia, cultura. Occorre accogliere fisicamente ed emotivamente i consumatori e far loro vivere una esperienza sensoriale. L'azienda olearia LE FERRE da Castellaneta ha ultimato la ristrutturazione e ampliamento degli immobili aziendali lungo la SS 7, per migliorare occasioni e spazi del proprio lavoro e della accoglienza dei clienti per diffondere la cultura dell'Extravergine d'oliva (siamo davvero sicuri di conoscerlo?) e del Territorio, parte integrante del prodotto stesso.

LE FERRE, che produce e vende in tutto il mondo oli extravergine d'oliva e oli aromatizzati, opera all'insegna della migliore tecnologia (quella che non snatura cultura e valori ma, anzi, li esalta) applicata alla produzione di un prodotto millenario e di strategia, studio e integrazione culturale nello sviluppo del business. Non a caso LE FERRE è tra le 300 aziende italiane "Campioni della crescita" del Paese avendo realizzato il più alto tasso di espansione e incremento del fatturato nel triennio 2013-2016, contribuendo quindi alla crescita economica dell' Italia (La Repubblica Affari&Finanza, n° 4 Gennaio 2018, indagine a cura de Istituto Tedesco Qualità e Finanza, leader europeo nelle analisi di mercato).

Tutela del prodotto nel processo produttivo; dedizione al cliente nella spiegazione delle diversità sensoriali; condivisione di processi ed esperienze con clienti, scuole, importatori di tutto il mondo caratterizzano il nostro lavoro, oggi su 2500 mq dedicati a uffici, sala degustazione, cucina, showroom, frantoio e confezionamento immersi nel verde, lungo una delle arterie stradali principali che collegano Puglia e Basilicata.

"""Non vendiamo solo un prodotto ma tutto il mondo che lo circonda e caratterizza"""(territorio, microclima, cultura, maestranze, storia). Anche per questo la tecnica dell'assaggio è momento prezioso dell'incontro col pubblico, anche i più piccoli: il consumatore deve poter riconoscere, distinguere e, infine, scegliere con consapevolezza, fiducia e serenità.

Cosa non semplice visto che nell'immaginario collettivo l'olio da olive è per lo più frodi alimentari e, con riferimento alla Puglia, Xylella. Eppure la Puglia, che da sola detiene oltre il 50% della produzione nazionale, non merita tale mortificazione. E l' affaire Xylella -occorre ammetterlo- è un problema mal gestito da pochi, per pochi (oggi, a danno di tutti). LE FERRE è patrimonio del suo territorio e della vicina Taranto, città cui riconoscere rispetto per le sue tante risorse e virtù. E non la amara e ingiusta convinzione che, con il suo interland, siano solo l' Ilva dell' inquinamento.

Siamo #lapugliadellolio che ci piace rappresentare e raccontare. Anche grazie a Visite organizzate in azienda o appuntamenti riservati a clienti ed organi di stampa e comunicazione (come quello di giovedì 5 Luglio 2018 alle ore 10,30 a LE FERRE, Castellaneta, TA lungo la SS 7 km 610+125 -GoogleMaps: OLIOLEFERRE).
Grazie

Sara Tanzarella
LE FERRE
Resto a Vs disposizione al (+39) 335 57 82 246 oppure sara@leferre.it per conferme e/o approfondimenti




  

The contents of this Email are private and confidential and intended for the named recipient(s) only.
Furthermore, the contents may be protected by legal privilege. It's not permited the sharing, except for agreement. If you are not the intended recipient,
Please notify us by replying to this Email as soon as possible and then delete this Email from your computer. 
If you are not the intended recipient of this Email any use by you of its contents is prohibited.

Il contenuto di questa Email è privato e confidenziale e destinato solo ai destinatari indicati.
Inoltre, il contenuto potrebbe essere legalmente protetto. Non ne è consentitala divulgazione, salvo diverse intese tra le parti.
Se non fate parte dei destinatari indicati,
per favore comunicatelo rispondendo a questa Email il più presto possibile e cancellate questa Email.
Se non siete un destinatario di questa Email ogni utilizzo dei suoi contenuti da parte vostra è proibito.

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota