venerdì 5 gennaio 2007

Si è spento il fotografo romano ALFREDO LIBERO FERRETTI

ALFREDO LIBERO FERRETTI
Una vita per la Fotografia

Roma, 1919-2007

– COMUNICATO STAMPA –


Giovedì 4 Gennaio 2007 nelle prime ore del mattino è venuto a mancare il fotografo romano Alfredo Libero Ferretti, uno dei più significativi esponenti del panorama artistico italiano dell'ultimo dopoguerra.
Ferretti era nato a Roma nel 1919. Negli anni Trenta aveva svolto le sue iniziali esperienze da fotografo presso lo studio Luxardo. Dopo un primo periodo in cui si era dedicato alla fotografia di moda e poi più in generale a quella documentaria – a questo proposito va ricordata la sua attività di ritrattista dei principali artisti romani degli anni Cinquanta e di intellettuali attivi nella capitale in quello stesso periodo –, la sua ricerca si era concentrata sulla fotografia creativa. Le bromografie e le fotobromografie rimangono le sue produzioni più originali: rappresentazioni stratigrafiche delle esperienze visive e delle elaborazioni intellettuali e spesso ironiche dell'autore, sedimentatesi nel tempo. Tutte denunciano un forte legame con Roma le cui icone archeologiche e architettoniche ritrovano nelle opere di Ferretti un nuovo senso e una nuova estetica. Accanto all'attività artistica Ferretti si è sempre dedicato anche a quella didattica prima negli Istituti d'Arte e
poi nelle Accademie di Belle Arti di L'Aquila e di Roma.
Hanno scritto di lui – tra gli altri – Enrico Crispolti, Giorgio di Genova, Guido Montana, Murilo Mendes, Lorenza Trucchi, Luciano Marziano e Federica di Castro.
Il 5 Gennaio 2007 alle ore 10.00 presso la Cappella Funeraria dell'Ospedale S. Giovanni Addolorata di Roma, si sono svolte le esequie funebri.


US-Interno 1, Roma
e-mail: mri@katamail.com
tel.: 3334889177

________________________________________________________________________
SERVIZIO VOICE: TELEFONA e INVIA SMS dal tuo computer a tariffe vantaggiose!
Scopri come telefonare e videochiamare gratis da pc a pc.
http://voice.repubblica.it

nuovo libro NOI Storia d'amore di anime gemelle

 

Comunicato LAV CALTANISSETTA - "BEFANA ANIMALISTA" ASSEGNA CARBONE A DUE SINDACI ED AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA NISSENA: TROPPO "CATTIVI" CON ANIMALI E AMBIENTE

 

Comunicato Stampa:

 

ORIGINALE INIZIATIVA DELLA LAV IN PROVINCIA DI CALTANISSETTA

CHE "BACCHETTA" TRE AMMINISTRATORI LOCALI

 

 

"BEFANA ANIMALISTA" ASSEGNA CARBONE A DUE SINDACI

ED AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA NISSENA:

TROPPO "CATTIVI" CON ANIMALI E AMBIENTE

 

 

 

 

Tre sacchi pieni di carbone per tre amministratori nisseni: il Presidente della Provincia, Filippo Collura, il Sindaco di Serradifalco Michele Ricotta ed il Sindaco di San Cataldo Raimondo Torregrossa. E' questo il dono della Befana "animalista" per i tre politici più "eco-cattivi" del 2006 a giudizio della LAV (Lega Anti Vivisezione), che ha promosso questa originale iniziativa. "Un anti-premio per censurare comportamenti ed omissioni contro animali ed ambiente dichiara Ennio Bonfanti, responsabile provinciale della LAVdopo un anno di impegno della nostra Associazione a difesa della natura e dei diritti degli animali nella provincia di Caltanissetta. Temi che, evidentemente, sono ancora snobbati o addirittura apertamente osteggiati da alcuni pubblici amministratori e dalla loro arretratezza culturale".

 

Ecco le motivazioni per la classifica dei "cattivi" amministratori:

 

- Presidente della Provincia Filippo Collura: per il costante e deprecabile disinteresse verso la Riserva Naturale del Lago Cuba, affidata in gestione sin dal 2001 alla Provincia, mai decollata ma abbandonata a se stessa. La Provincia è gravemente omissiva perché non ha effettuato nessuno dei compiti affidatigli dalla Regione (individuazione dei confini della riserva, tabellazione, vigilanza, ripristino degli ecosistemi ecc.) ed ha lasciato che il Lago continui ad essere terra di nessuno, tra discariche, reati ambientali, opere abusive ecc. Inoltre la Provincia di Caltanissetta ha avviato una selvaggia campagna di distruzione di alberi lungo strade ed aree demaniali, tagliando migliaia di piante - col pretesto della sicurezza pubblica - che poi diventano prezioso legname per la ditta cui è stata affidata la "strage verde".

 

- Sindaco di Serradifalco Michele Ricotta: per la pubblica ed inaccettabile crociata contro i suoi stessi concittadini animalisti, rei di "dare da mangiare a dei cani randagi" consentendo, a suo dire, l'incremento del randagismo. Il Sindaco ignora che persino il Consiglio di Stato ha stabilito come "nessuna norma di legge, né statale, né regionale, faccia divieto di alimentare randagi nel loro habitat" e che il Pretore di Siracusa ha annullato una multa ad una gattara, sostenendo che aiutare i randagi col cibo è "un fatto oggi particolarmente sentito ed espressione di un grado di civiltà evoluta". Viceversa, il Sindaco non ha avviato nessuna campagna di sterilizzazione, come gli impongono le norme nazionali e regionali sul randagismo, ed è omissivo rispetto a numerosi altri obblighi in materia. Come se non bastasse, durante un consiglio comunale il Sindaco ha anche dichiarato, in maniera sibillina, che per "risolvere il problema dei colombi ci sarebbe un altro sistema che non sto qui a dire". Sconosciamo questi metodi occulti che il Sindaco non ha mai chiarito, ma abbiamo il fortissimo timore che qualche sconsiderato passi dalle parole (irresponsabili) ai fatti delittuosi: poche settimane fa sono stati trovati proprio a Serradifalco alcuni randagi avvelenati…

 

- Sindaco di San Cataldo Raimondo Torregrossa: per aver costantemente e caparbiamente ignorato gli appelli e le richieste della LAV in materia di protezione degli animali ed applicazione delle norme contro il randagismo. Anche il Sindaco sancataldese, infatti, in tutti questi anni non ha mai avviato la campagna di sterilizzazione obbligatoria secondo le leggi sul randagismo, ed è omissivo rispetto a numerosi altri obblighi in materia; recentemente la LAV lo ha diffidato per un appalto illegittimo che affida ad un mega-canile privato il servizio di cattura e custodia dei cani. Non ha mai risposto agli appelli della LAV che si è dovuta far carico di diversi animali feriti o abbandonati sostenendone le spese veterinarie. Non è intervenuto per frenare i maltrattamenti dei cigni della villa comunale e, fatto più grave, non ha accolto l'invito a trasferire un cigno preso a bastonate, che quindi è morto successivamente! Non ha mantenuto la promessa di liberare dal canile Nerina, cane di quartiere di Pizzo Carano catturata per errore.

 

La LAV si augura che i tre amministratori sappiano cogliere questa occasione per invertire totalmente la rotta delle loro scelte: "nei prossimi giorni – conclude Ennio Bonfanti – facciano una buona azione per gli animali e la natura per porre rimedio almeno ad una sola delle loro mancanze e farsi così "perdonare".

 

 

05.01.2007

 

 

Ufficio Stampa LAV: segr.tel/fax 178.2256188 – lav.caltanissetta@email.it - www.lav.it

 
 

La Comunicazione Digitale per massimizzare il ROI

Padova, 5 Gennaio 2007

Oggi, nel pieno Boom dell'Advertising on Line (+50% vs. 2005 ed un investimento medio di € 72.000), le imprese si muovono verso strategie commerciali e di sviluppo innovative.

 

Le aziende hanno intuito la necessità di aumentare la propria visibilità senza nessuna limitazione spazio-temporale dandosi la possibilità di incrementare la presenza in un ambiente multi-dimensionale.

 

Abbattere tali barriere è l'odierna sfida delle aziende, per allargare il proprio margine competitivo.

 

La Comunicazione Digitale sembra oggi essere un efficace mezzo per migliorare le performance commerciali e massimizzare i ritorni economici.

 

E-Business Consulting, società leader nella consulenza Marketing, aiuta le imprese ad aumentare la visibilità attraverso la gestione completa di Campagne di Comunicazione Digitale.

 

La garanzia del servizio offerto è il costante Monitoraggio dei risultati, condizione essenziale per l'ottimizzazione della propria strategia competitiva e la massimizzazione del R.O.I.

 

Gli Accounts completamente dedicati offrono un supporto giornaliero nella raccolta dei dati della campagna e nell'analisi delle performance generate al fine di dar vita ad un miglioramento continuo del rapporto con gli editori on line e la soddisfazione finale del cliente.

 

E-Business Consulting: La Comunicazione Digitale per massimizzare il ROI

 

E-Business Consulting S.r.l. è una società di consulenza aziendale e marketing con obiettivo di trasferire nuovi modelli strategici ed organizzativi al mondo delle imprese in sinergia con l'Università di Padova.

 

 

Per maggiori Informazioni

 

E-Business Consulting S.r.l.

Via della Croce Rossa, 112

35129 Padova

Telefono +39 049 8697521

Fax +39 049 8697511

www.e-businessconsulting.it

giovedì 4 gennaio 2007

Comunicato Stampa LAV - Comune Caltanissetta: GIORNATA DEL CUCCIOLO, STRAORDINARIO SUCCESSO:, ADOTTATI IN POCHE ORE 10 CAGNOLINI!

Comunicato Stampa:

GIORNATA DEL CUCCIOLO, STRAORDINARIO SUCCESSO:
ADOTTATI IN POCHE ORE 10 CAGNOLINI
!

LA LAV: “DAI NISSENI DIMOSTRAZIONE DI SENSIBILITA’ ANIMALISTA E RISPETTO”. L’ASSESSORE LICARI ANNUNCIA: “NEL 2007 RIPROPORREMO L’INIZIATIVA PER FRENARE IL RANDAGISMO E PROPORRE MESSAGGI ALTAMENTE EDUCATIVI”.


Il 2006 non poteva concludersi in maniera migliore per gli animali: nel corso della “Giornata del Cucciolo” del 30 dicembre scorso, infatti, sono stati adottati ben 9 cuccioli da altrettante famiglie nissene ed uno da un turista romano in città per le feste natalizie. Uno strepitoso successo, insomma, che ha permesso di trovare casa a 10 animali abbandonati, il cui destino era quello di patire fame, freddo e maltrattamenti in una vita randagia.

Lo stand allestito in corso Vittorio Emanuele è stato affollato per tutto il giorno da centinaia di persone, tra cui molti bambini, che volevano dare una carezza ai cuccioli e chiedere informazioni sull’istituto delle adozioni “ dichiara Ennio Bonfanti, responsabile provinciale della LAV. “Un successo straordinario al di la delle nostre aspettative, che testimonia anche la sensibilità dei Nisseni verso i temi del rispetto degli animali. La maggioranza della cittadinanza ama e rispetta i randagi e si preoccupa degli animali abbandonati, al di là di qualche accento intollerante che però trova spesso spazio sui media. Anche per questo desideriamo ringraziare l’Amministrazione comunale – prosegue Bonfanti – che ha finanziato un’azione concreta per la tutela degli animali e di rilevante valore sociale”.

L’Assessore comunale all’ambiente e tutela degli animali Silvano Licari – che ha fatto da “padrino” per tutte le adozioni – ha già annunciato che “Anche nel 2007, forte di questo primo successo, l’Amministrazione comunale intende riproporre l’iniziativa, con lo scopo di contribuire a frenare il randagismo e proporre messaggi altamente educativi per migliorare il rapporto uomo-animali. Le ‘Giornate del Cucciolo’ rappresenteranno uno dei vari momenti dell’azione amministrativa tesa ad affrontare il randagismo e l’abbandono dei cani: incentivare le adozioni; promuovere le sterilizzazioni ed arrestare l’incremento demografico delle popolazioni randagie; dare piena attuazione all’anagrafe canina. Intanto – prosegue l’Assessore Licari – qualsiasi cittadino interessato potrà recarsi nei canili convenzionati con il Comune per adottare un amico a quattro zampe: presso l’Ufficio Tutela Animale di via Kennedy è disponibile un vademecum che illustra le modalità per adottare gratuitamente un cane già vaccinato, sterilizzato e provvisto di microchip“.

Con l’occasione l’Assessore Licari ha ricordato che il progetto “Giornata del Cucciolo” nasce dal proficuo lavoro del “Tavolo tecnico sulla Tutela degli Animali”: il Comune di Caltanissetta, al fine di consolidare i rapporti di collaborazione con le Associazioni ambientaliste ed animaliste ed il mondo veterinario, ha istituito questo organismo che si occupa  delle politiche per i diritti degli animali nell’ambito cittadino. Attualmente è formato da rappresentanti dell’Ordine dei Veterinari, dell’ASL n. 2, del WWF, di Legambiente, di Italia Nostra e della LAV. Per il 2007 il Tavolo definirà azioni condivise che tengano presente il giusto rapporto tra uomo e cane e che consentano di pervenire alla riduzione del fenomeno del randagismo in città e dei costi di gestione che l’Amministrazione comunale deve sostenere per assicurare la permanenza dei cani randagi nei canili.

 
 
4.1.2007

***********************************************************************************
Info: LAV Caltanissetta lav.caltanissetta@email.it - www.lav.it
Comune di Caltanissetta, Uff. stampa tel. 0934.74111 - www.comune.caltanissetta.it     
 

martedì 2 gennaio 2007

Comunicato: GODRANO (PALERMO):INCIDENTE DI CACCIA, UN MORTO.LAV:TROPPI MORTI E FERITI, SUBITO MORATORIA DELLA CACCIA

Comunicato Stampa:
 

Comunicato Stampa LAV Sicilia                                                                                           

 

 

GODRANO (PALERMO): INCIDENTE DI CACCIA, 59ENNE UCCISO DA UNA FUCILATA

 

CACCIA IN SICILIA, ANCORA UN MORTO: ORA BASTA!

 

LA LAV: "OGNI ANNO TROPPI MORTI E FERITI PER LA STAGIONE VENATORIA". APPELLO ALL'ASSESSORE ALL'AGRICOLTURA LA VIA: "LA CACCIA E' UN PROBLEMA DI PUBBLICA SICUREZZA, SUBITO MORATORIA DELLE DOPPIETTE".

 

 

La stagione venatoria in Sicilia registra ancora una volta una tragedia, con una nuova vittima della scellerata frenesia di chi imbraccia una doppietta: lo scorso 31 dicembre è morto un cacciatore di Godrano (Palermo) colpito per errore dal nipote durante una battuta di caccia al cinghiale. In Sicilia ogni stagione venatoria è ormai un bollettino di guerra, non solo per gli animali: dall'apertura di settembre, anche stavolta la stagione di caccia registra un morto e 4 feriti, fino ad oggi. Nella stagione 2005/2006 si contarono 2 morti e 5 feriti, nella stagione 2004/2005 1 morto e 6 feriti… "E' terribile affermarlo, ma si tratta di tragedie che potevano essere evitate visto che si presentano ad ogni stagione di caccia. – dichiara Ennio Bonfanti della LAV SiciliaOccorre un immediato intervento dell'Assessore regionale all'Agricoltura, on. Giovanni La Via, che sospenda la caccia per evidenti e gravissimi rischi di pubblica e privata incolumità".

 

La caccia al cinghiale, poi, è la forma di caccia più pericolosa in assoluto e perciò andrebbe vietata da subito. Questa caccia, infatti, prevede l'uso di carabine (fucili molto potenti dalla gittata che supera il chilometro) caricati con micidiali munizioni singole (c.d. "palla unica") anziché i tradizionali pallini di piombo, e si svolge in ambienti boscati dove la visibilità è scarsissima. Inoltre la caccia al cinghiale – diffusissima in Toscana, Umbria ed altre aree appenniniche - in Sicilia non era mai stata praticata prima del 1997, quando inopinatamente la Regione l'ha autorizzata nonostante la totale impreparazione dei cacciatori locali. Da notare, infine, che nel giorno dell'incidente di Godrano che ha causato la morte del cacciatore il vigente calendario venatorio vieta espressamente le battute al cinghiale, che possono svolgersi solo nei giorni di lunedì o di mercoledì o di giovedì.

 

Secondo la LAV  i tanti morti e feriti che la caccia causa in Sicilia rappresentano anche la micidiale conseguenza della legge venatoria regionale n. 33 del 1997 e del decreto dell'Assessore all'agricoltura che ogni anno emana il "calendario venatorio": norme troppo permissive che consentono di sparare sempre e ovunque. Per legge almeno il 60% del territorio agro-silvo-pastorale di ogni provincia deve essere obbligatoriamente destinato alla libera caccia ed ogni cacciatore può entrare nei fondi privati anche contro il volere del proprietario (art. 842 del codice civile). In Sicilia si può sparare 5 giorni a settimana da un'ora prima del sorgere del sole fino al tramonto (addirittura un'ora dopo per il cinghiale!), quindi in condizioni di visibilità precarie. Insomma, la caccia è un problema di pubblica e privata incolumità che le norme regionali - fatte apposta per incoraggiare una caccia sfrenata, distruttiva e pericolosa - ignorano colpevolmente pur di non far mancare il consenso elettorale delle doppiette verso i politici.

 

02.01.2007

_________________________________________________________

 

Ufficio Stampa LAV Nazionale: 06.4461325 www.lav.it

 

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota