sabato 28 giugno 2008

Comunicato Stampa: SAN CATALDO (CALTANISSETTA). UN ANNO DI GIUNTA DI FORTI, IL BILANCIO DI BONFANTI

C o m u n i c a t o   S t a m p a    2 7  g i u g n o   2 0 0 8 :

SAN CATALDO. UN ANNO DI GIUNTA DI FORTI, IL BILANCIO DI BONFANTI:
"LE PROMESSE DEL SINDACO? CROLLATE COME IL CINEMA MARCONI"

Promesse non mantenute, aumento delle tasse,  una politica vecchio stile con logiche clientelari ed un'inadeguatezza culturale e politica di fondo sono alla base del pessimo risultato del primo anno di governo del Sindaco Giuseppe Di Forti e della sua Giunta

 

"Le promesse del Sindaco Di Forti? Crollate come i pilastri dell'ex cinema Marconi". Con questa battuta Ennio Bonfanti, ambientalista locale ed esponente del mondo del volontariato, sintetizza il bilancio – pubblicato sul nuovo sito http://www.enniobonfanti.it/ - del primo anno di governo del Sindaco di San Cataldo Giuseppe Di Forti, insediatosi proprio nel giugno 2007. "Un bilancio oltremodo deludente, fatto di promesse non mantenute, di aumenti delle tasse, di una politica vecchio stile con logiche clientelari e un'inadeguatezza culturale e politica di fondo, che smentiscono e contraddicono quel cambiamento e quel rinnovamento nella gestione della città che tanto fu sbandierato in campagna elettorale, un anno fa, dall'on. Pagano e da Forza Italia per convincere i sancataldesi a votare un illustre sconosciuto alla carica di Sindaco" commenta Bonfanti.

"Si disse che Di Forti era un "tecnico" espressione della società civile, mentre si è rivelato perfetto esecutore di comandi partitocratrici e di lottizzazione, sfruttando appieno le troppe occasioni che la politica offre per assegnare posti, incarichi e "sottogoverno" ai più diligenti appartenenti al "partito-famiglia". Si disse – prosegue Bonfanti - che Di Forti era un manager prestato alla politica, invece si è rivelato un formidabile e generoso "spargitore" di fondi pubblici per qualche spesa inutile (31mila euro per il "Nucleo di Valutazione", istituito appositamente con a capo "casualmente" l'ex sindaco Torregrossa; 19mila euro ad un giornalista nominato come addetto stampa – incarico rifiutato solo dopo che il comitato Riprendiamoci la Città ne denunciò l'esistenza -; 2700 euro per un contestatissimo convegno "in difesa di Benedetto XVI" ecc.). Insomma, soldi pubblici usati spesso per "rimborsare" lealtà politiche o per spartire regalie fra gli "amici".

"Per gli anziani Di Forti prometteva (nero su bianco sul suo programma elettorale) servizi di telesoccorso, potenziamento dell'assistenza domiciliare, maggiori fondi per la Casa di Ospitalità Pagano (i cui dipendenti – senza stipendio da oltre un anno! - subiscono una ormai intollerabile latitanza e menefreghismo del Comune), il servizio pasti a domicilio... Nulla di tutto ciò – avverte Bonfanti - è stato fatto: promesse da marinaio! Altri servizi sociali promessi e caduti nel dimenticatoio: attività motorie per le persone non autosufficienti, supporto alle famiglie, attività extrascolastiche per i bambini, riunione trimestrale della commissione sul disagio giovanile (mai fatta!), servizi di inserimento al lavoro (evitando le raccomandazioni...) ecc.".

Ennio Bonfanti rileva come anche nel settore della sanità pubblica il Sindaco Di Forti abbia sonoramente sconfessato gli impegni presi: "Scomparso nel nulla l'annunciato incentivo per dismettere i serbatoi in amianto, così come non è stato nemmeno ideato nessun progetto di controllo del randagismo, rendendo sempre più grave la già totale violazione della legge regionale in materia che San Cataldo non applica sin dalla prima giunta Torregrossa". "Di Forti aveva promesso una rete di servizi per la prima infanzia, ma l'ha cancellata dalle priorità della sua amministrazione – denuncia ancora Bonfanti -; nel programma prometteva di "potenziare" l'Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune (obbligatorio da anni!): ebbene, l'ufficio non è ancora mai entrato in funzione, altro che potenziare... E che dire degli "spazi della cultura" che dovevano nascere in ogni quartiere (ci saremmo accontentati anche di uno solo in un anno di amministrazione!) o del potenziamento dei comitati di quartiere (realtà che sopravvive solo grazie al volontariato di cittadini sensibili)? Promesse dissoltesi come bolle di sapone. Come Berlusconi, inoltre, anche Di Forti in campagna elettorale promise "meno tasse per tutti": peccato che recentemente il Sindaco se ne sia dimenticato, prevedendo l'aumento dell'ICI sulla seconda casa, dell'addizionale IRPEF e della TARSU (maggiorata fino al 430%!)".

Quello ambientale e del territorio, poi, è il settore dove Bonfanti rileva i maggiori impegni "traditi" dalla Giunta comunale: "Questa amministrazione aveva chiesto il voto ai cittadini per attuare una serie di interventi concreti (ripiantumazione del verde mancante; "coloriamo di verde la città"; energie alternative; villette di quartiere; sistemazione degli ingressi cittadini, pavimentazione strade extraurbane ecc.) che dal giorno dopo l'elezione avrebbero dovuto ottenere l'attenzione quotidiana del Sindaco e dei suoi assessori. Invece il degrado urbano ed ambientale di San Cataldo dimostra che anche in questo caso si è trattato di pura propaganda e di tradimento degli elettori".

"Ma è sul problema rifiuti – rimarca Bonfanti – che i Sancataldesi hanno potuto misurare con mano (oltre che tramite l'olfatto) il totale fallimento di ogni politica di buonsenso, di risparmio economico e di correttezza della pubblica amministrazione: tutti ricordano che per mesi Di Forti ha trascinato la città nell'emergenza sanitaria con le strade trasformate in discariche e facendo raddoppiare i costi per smaltire successivamente le montagne di immondizia. Tutto questo solo per irresponsabili capricci politici del Sindaco e del suo onorevole di riferimento, maldestramente coperti con originalissime e personalissime teorie giuridiche (che nessuno degli altri 14 Sindaci - anche di centrodestra - dell'ambito territoriale nisseno ha mai minimamente condiviso e che, allo stato, nemmeno il TAR pare apprezzare), tesi ad attaccare l'ATO rifiuti (terribilmente inefficiente già di per sé) pur essendo il sistema degli ATO una creatura ideata ed istituita da quello stesso centrodestra cui fanno riferimento il Sindaco e i due deputati cittadini. Dopo mesi da quella crisi voluta dal primo cittadino, con l'attuale gestione dei rifiuti passata direttamente dall'ATO nelle mani di Di Forti al costo giornaliero di 5mila euro, San Cataldo resta sporca – denuncia ancora Ennio Bonfanti - e la legge che impone di riciclare almeno il 40% dei rifiuti è totalmente violata. La stessa legge che prevede – ma questo il sindaco fa finta di non saperlo – che per tale mancato raggiungimento delle quote di riciclaggio per i prossimi anni sarà applicata l'addizionale del 20% al tributo di conferimento dei rifiuti in discarica a carico dei comuni inadempienti".

"La nostra città – conclude Bonfanti – merita amministratori più capaci e più corretti: i limiti del Sindaco sono anche i limiti della sua squadra di assessori, il cui profilo politico ed amministrativo non è all'altezza delle moderne esigenze di una città complessa come San Cataldo e della sua comunità. Diversi assessori sono in giunta da molti anni, ricoprendo tale incarico già con l'ex sindaco Torregrossa: questo da una parte dimostra che il rinnovamento nella politica sancataldese è ancora una pia illusione, prevalendo sempre gli interessi personali e le carriere politiche private a danno della collettività. Dall'altra, è un elemento che appesantisce ancor di più le responsabilità di chi in tutti questi anni non ha voluto o saputo amministrare bene la città. D'altronde, con la cacciata dell'assessore Adriano Nicosia – che sulle tematiche ambientali sicuramente stava lavorando in una direzione molto apprezzabile - Di Forti ha dimostrato che, quando c'è da scegliere tra interessi di bassa politica interni al centrodestra ed il lavoro di un assessore evidentemente troppo "attivo", a prevalere sono le solite logiche del "qui comando io"... Nell'interesse di San Cataldo, mi auguro che Di Forti ammetta tali gravi errori e patenti incapacità, traendone le conseguenti decisioni".

_____________________________________

Info: www.enniobonfanti.it




Villa Petriolo - Concorso letterario "I giorni del vino e delle rose"

al rush finale il concorso di Villa Petriolo "I giorni del vino e delle rose"

Sono stati mesi intensi per Villa Petriolo, questi appena trascorsi...Lunedì 30 giugno si chiuderà la seconda edizione del concorso letterario “I giorni del vino e delle rose”
, nel quale ho infuso la mia energia più viva, la mia passione.

Dal 17 marzo, giorno in cui è uscito il bando – la data non è casuale, poiché in antichità questo era il giorno deputato ai festeggiamenti del dio Liber, il Bacco latino – è stata una bella galoppata per assicurarci che il concorso avesse la più larga diffusione possibile, cosìcché chiunque fosse interessato potesse partecipare. Locandine sono sparse per tutta Italia: enoteche, trattorie, bar, grandi librerie e piccole edicole di paese, circoli ARCI, biblioteche, macellerie e gastronomie, Case del Popolo e oratori, copisterie, aeroporti, book shop di musei, uffici turistici, agriturismi, università, testate giornalistiche, associazioni culturali, manifestazioni, Informagiovani, Comuni, negozi, teatri, enolibrerie, pasticcerie e persino vivai e distributori di carburante. Ristoranti e osterie sono stati raggiunti dai nostri agenti commerciali, ambasciatori del concorso di Villa Petriolo, un pò ovunque. In tanti ci hanno ospitato nelle loro bacheche, reali o virtuali. Un grande supporto ci è stato offerto, infatti, da tutto il mondo del web. Redazioni on line, del settore enogastronomico e letterario ma non solo, food bloggers, social network, giornalisti free lance, e appassionati di letteratura&vino su vari forum hanno pubblicato costantemente aggiornamenti sullo sviluppo del concorso, seguendoci con sensibile attenzione. Li ringraziamo tutti. Anche gli Enti Patrocinatori ci hanno aiutato un bel pò: dall’Associazione Nazionale Città del vino con il suo blog, ai nuovi partners AIS Toscana, con il Presidente Osvaldo Baroncelli e il delegato di zona AIS Val d'Elsa Luigi Pizzolato, all'Istituto Statale Superiore Enriques di Castelfiorentino con il Preside Giacomo D'Agostino, al Comitato Dama di Bacco di Vinci con il Presidente Nicola Baronti e all' Associazione Strada dell’olio e del vino del Montalbano, che si è unita al gruppo dei promotori in corso d’opera, offrendo, grazie all'iniziativa del Presidente Aldo Morelli e del referente operativo Luciano Pallini, nuovi premi a tutti i concorrenti. Un grazie speciale a chi ha confermato il Patrocinio della scorsa edizione, rinnovando la fiducia al nostro progetto: Regione Toscana, Circondario Empolese Valdelsa con il Direttore Alfiero Ciampolini, Comune di Cerreto Guidi nella persona del Sindaco Carlo Tempesti, Associazioni Le terre del Rinascimento e Dimore Storiche Toscana, Fondazione Città Italia con il Segretario generale Ledo Prato. I nostri giurati, poi, oltre a conferire particolare prestigio all’iniziativa, hanno contribuito essi stessi a diffondere il bando, affiancati in questo dalla casa editrice ETS di Pisa che, anche per quest'anno, curerà la pubblicazione dei racconti vincitori. Un grande lavoro di gruppo, insomma. A conferma del fatto che iniziative condivise, nella quali ognuno mette un pò di sè, non possono che riscuotere successo, vi annuncio che, ad oggi, abbiamo già raddoppiato il numero dei racconti pervenuti rispetto al 2007. Vecchi e nuovi amici del concorso letterario di Villa Petriolo hanno comunicato in tutti questi mesi con il nostro ufficio stampa oppure su questo blog, Divinando, su cui mi riprometto di aggiornarvi strada facendo. Graditi omaggi di scrittori e poeti fuori concorso sono arrivati come inaspettati doni e parole d'incoraggiamento per questo concorso giovane giovane. Non vi neghiamo che sono giunte pure alcune critiche, o suggerimenti, relativi, alcuni, alle modalità fiscali di invio in cartaceo degli elaborati: li terremo presenti per migliorare la prossima edizione che, speriamo davvero, possa maturare come il liquore dell’uva!Un doveroso ringraziamento a tutti! A presto per ulteriori novità che, prometto, non mancheranno...Continuate a seguirci.

Silvia Maestrelli

Azienda agricola Villa Petriolo
tel. +39 0571 55284 / fax. +39 0571 55081


Comnunicato stampa Strage di Ciaculli

 

 

 

 

 

 

Associazione Italiana Familiari Antimafia

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

Lunedì 30 giugno, alle ore 09.00, presso la stele monumentale di Ciaculli, avrà luogo la commemorazione del 45° anniversario della strage di Ciaculli, nella quale sette servitori dello Stato persero la vita in seguito all'esplosione di una "Giulietta Alfa Romeo", che fu la prima autobomba utilizzata dalla mafia nella sua strategia stragista.

Nell'occasione verranno ricordati il Maresciallo dell'Esercito Pasquale Nuccio, il Tenente  dei Carabinieri Mario Malausa, i Marescialli Silvio Corrao e Calogero Vaccaro,  gli Appuntati Eugenio Altomare e Mario Farbelli, il soldato Giorgio Ciacci.

L'AIFAM (Associazione Italiana Familiari Antimafia), nel prendere parte alla manifestazione, esprime la propria vicinanza e solidarietà ai familiari delle vittime dell'eccidio ed auspica la numerosa e sentita partecipazione dei cittadini, a testimonianza del diffondersi di una autentica coscienza morale e civile antimafia.

 

 

 

Il Presidente

Prof.ssa Lucia Ievolella

 

PR

Prof. Giuseppe Di Vita

3483820452

 

MATERA-TEMPAROSSA:UN CARTONE ANIMATO PER RACCONTARE PARCO RUPESTRE

Un cartone animato per raccontare una leggenda del Parco della Murgia,
quella di un pseudo vulcano dal nome altisonante, attraverso il sogno
rivelatore di "Milla", la simpatica pianta di camomilla dell'habitat
rupestre.
E' il tema del corto "Tempa Rossa" realizzato da docenti e corsisti DEL
ctp Eda di Matera, presieduto da Vito Fedele Lenge per il progetto Pon
"Cinema computer" di Matera duratyo 80 ore e presentato ieri sera.
Il lavoro, della durata di quattro minuti è stato diretto da da Rocco
Colandriello, che si è
avvalso di esperti del Parco, sarà proposto tra le attività didattiche
del Centro di educazione ambientale e, probabilmente, nelle scuole
cittadine.

PER CHI DESIDERA UNA COPIA DEL CARTONE SONO A DISPOSIZIONE


buon lavoro

Maria Anna Flumero
339-5725772

Intervista a Mirco Ragni, responsabile commerciale dell'Antica Tenuta Il Casalino

Intervista a Mirco Ragni, responsabile commerciale dell'Antica Tenuta Il Casalino

 
Localizzata nelle rigogliose e incontaminate colline assisane, l'azienda umbra Antica Tenuta Il Casalino produce olio extravergine di oliva da agricoltura biologica. Ispirata alle più antiche tradizioni proprie della genuinità alimentare, argomento sempre attuale e che suscita una crescente attenzione da parte dei consumatori italiani, l'Antica Tenuta Il Casalino rappresenta un vero e proprio esempio di eccellenza nella qualità del prodotto. Ne parliamo con Mirco Ragni, titolare e responsabile commerciale dell'azienda olearia umbra.       
 
- Come è nata l'idea di investire nel settore dell'olio biologico?
 
"L'idea di investire nel settore dell'olio biologico scaturisce dal fatto che la coltivazione degli ulivi, per un umbro, è un qualcosa a livello cromosomico: io sono nato e cresciuto godendo dei panorami di questa splendida regione, formati per la maggiore da colline brulicanti di ulivi, godendo del senso di pace e di tranquillità che trasmettono queste antichissime piante con i loro colori tenui e delicati, oltre al ricordo degli odori e soprattutto sapori dell'olio di oliva che hanno accompagnato la mia infanzia e che mi accompagnano tuttora". 
 
- Ci parli della zona di coltivazione...
 
"La zona di coltivazione è costituita da un terreno calcareo tipico della zona, esposto a sud/ovest, a circa 7 chilometri dal centro storico di Assisi. L'uliveto si sviluppa su circa 7 ettari di terreno collinare da cui si gode una bellissima visuale sulla pianura umbra fino a Perugia, visibile con il suo caratteristico profilo. Inoltre, si tratta di un terreno ottimo per la coltivazione degli ulivi".
 
- L'olio biologico della Tenuta Il Casalino ha ottenuto certificazioni particolari?
 
"L'olio biologico il casalino è certificato ICEA Cod. op: IT ICA LA74 per la produzione secondo il metodo dell'agricoltura biologica Reg. CEE 2090/91. L'azienda inoltre è iscritta  all'A.I.A.B. umbra, Associazione Italiana Agricoltura Biologica".
 
- Quali sono le caratteristiche più importanti della vostra produzione?
 
"L'olio biologico Il Casalino ha un sapore fruttato e decisamente armonico, il colore è limpido e abbastanza denso di colore verde smeraldo. La coltivazione è costituita principalmente da ulivi di qualità moraiolo, leccino e frantoio. L'incidenza del moraiolo supera il 60% delle piante presenti, dato necessario per il riconoscimento del DOP, altra importante certificazione che l'azienda si appresta ad ottenere".
 
- Quali sono le tipologie dei vostri clienti?
 
"Al momento, i nostri clienti sono di diversa tipologia. Oltre a piccoli negozi locali, vendiamo ad agriturismi, ristoranti e aziende che utilizzano il nostro olio per regali di rappresentanza e a privati che hanno conosciuto e apprezzato il nostro prodotto".
 
- Perché olio biologico e non olio non biologico?
 
"La scelta di produrre olio biologico è nata per un'idea di genuinità che è sempre stata nel mio modo di pensare da quando ho iniziato ad avvicinarmi all'agricoltura in genere e in particolare alla produzione di olio extravergine di oliva. Inoltre, già il prodotto in sé fa pensare a qualcosa che non potrebbe essere altro se non sano, puro, genuino e, quindi, biologico".
 
- Quali sono i vostri programmi per il futuro?
 
"Principalmente, i nostri programmi consistono sia nell'ampliamento della produzione che nella commercializzazione del nostro olio anche al di fuori della nostra regione. Inoltre, intendiamo produrre anche frutti biologici diversi: infatti, sono già stati impiantati 100 noci biologici che saranno produttivi dal 2010 in poi e un frutteto di circa 50 piante di diverse qualità di frutti".
 
Intervista a cura di
Marco Mancinelli
 
 

Comunicato - Self publishing

Comunicato n°1 - Self Publishing, la rivoluzione dell'editoria.

TjOblomov - Ceccanti press
Via Cairoli 4 Bologna 40121

-- Dada.net: fai nuove amicizie e ... guadagna con loro grazie a friend$! --

venerdì 27 giugno 2008

03/07: Catrina Davies presenta la sua compilation "Summer Collection" (Pride Records) al Santana Privèe di Milano, dalle 18 e 30

03/07: Catrina Davies presenta la sua compilation "Summer Collection" (Pride Records) al Santana Privèe di Milano, dalle 18 e 30

Giovedì 03/07 Catrina Davies presenta la sua compilation "Summer Collection" (Pride Records) al Santana Club, ore 18 e 30. La serata coincide con l'opening dello spazio Santana Privè, un club che funziona dall'aperitivo fino a tarda notte.  Presenti diversi artisti e personaggi dello spettacolo gestiti dall'agenzia Santoro Management. Dovrebbe essere presente tra gli altri anche Ludmilla Radchenko, star tv notissima. Sicuri invece Franklyn Santana, proprietario del locale, percussionista ed ex de La Talpa, Milton Morales, Michael Kenta, Carla Velli (ex Tronista Uomini e Donne), Martin Amondarain, Pasquale Laricchia, etc. La compilation "Summer Collection" contiene alcune delle più belle canzoni dell'estate '08. Tra tutti i brani citiamo almeno "Toca's Miracle" dei Fragma, qui presente nel remix di Alex Elle (Sad Simphony mix), "C'est la Vie" di Martin Solveig e "Pjanoo" di Eric Prydz, eccetera

Santana Club è in via Francesco Crispi 2, Milano. Info stampa 3393433962

FOTO CATRINA DAVIES: 

FOTO HI RES SU www.lorenzotiezzi.it sezione DOWNLOAD cartella dj Catrina Davies
Se non riesci a scaricare, seleziona l'icona Download, poi tasto destro e seleziona Salva Oggetto Con Nome

Ogni martedì Catrina Davies è resident al party Fidelio al Beach Club di via Corelli (in inverno al The Club)

Il Myspace di Catrina Davies conta centinaia e centinaia di accessi giornalieri ed è www.myspace.com/catdeejay e su  www.m2o.it/interviste/catrinadavies appena pubblicata una sua lunga intervista. E' un personaggio ben conosciuto dal grande pubblico, soprattutto da quello televisivo: giovane (classe 1981), gallese di Cardiff e lanciata qui da noi da un noto reality... Ma Catrina,  da scatenata urlatrice del GF 5 era, si sta imponendo come Dj dopo anni di esperienza non solo in Italia. E' resident dello storico martedì notte di Milano Fidelio e suona nei top club italiani, dal Pineta di Milano Marittima al Sesto Senso di Desenzano del Garda.  "In Gran Bretagna suonavo hip & r'n'b in piccoli locali, come hobby, la mia vera carriera l'ho iniziata in Italia con la house music. Un po' per caso e un po' per fortuna, devo dirlo. Dopo il Gf avevo le conoscenze giuste per iniziare questa professione e l'ho fatto… Ma è anche vero che una passione fortissima per la musica l'ho sempre avuta...", racconta (...).



ALCUNE DELLE PROSSIME SERATE DI CATRINA DAVIES IN SARDEGNA

19/7
Nastro Azzurro Party dj guest Catrina Davies. 
Location: Scoglio Lungo, Porto Torres

01/08
Nastro Azzurro Party dj guest Catrina Davies 
Location: Sandalion Cup Cagliari www.sandalioncagliaricup.it, ore 22

02/08
Nastro Azzurro Party dj guest Catrina Davies
 Bono (Sassari), Sardegna

06/08
Nastro Azzurro Party dj guest Catrina Davies 
Location: Perla di Porto Cervo, Olbia

07/08
Nastro Azzurro Party dj guest Catrina Davies 
Location:  G Club, Costa Rey

-

"CpC" in radio - TORNEO delle REGIONI

Comunicato Stampa
 
 
TEMPO D'ESTATE, UNA BICI, IL MARE o... BATTI E CORRI !
 
Nuovo appuntamento in radio con "Ciclisti per Caso".
In questa tappa estiva il ciclo-nauta Marco Banchelli
sarà a Bologna ad incontrare il più importante torneo giovanile di due sport molto "estivi":
il BASEBALL ed il SOFTBALL.
 
Il "Torneo delle Regioni" raccoglie infatti ogni anno le migliori selezioni delle regioni d'Italia
che oltre a sfidarsi per l'assegnazione dei trofei,
si giocano la possibilità di accedere alle finali europee da cui poi scaturiranno le squadre
che disputeranno le World Series negli Stati Uniti.
 
La Toscana è presente con quattro squadre:
nel BASEBALL categorie ragazzi, allievi e cadetti,
nel SOFTBALL nella categoria cadette.
 
Grosseto, Arezzo e Livorno le città che forniscono il maggior numero di atleti,
ma a Bologna a difendere i colori della Toscana ci saranno anche fiorentini e sestesi.
La Sestese Softball è infatti presente, oltre che con il coach Sauro Locci,
con le giovani speranze del "batti e corri" al femminile:
Martina Calosi, Valentina Neri e Claudia Banchelli,
che al momento pare proprio preferire le attività di squadra alle avventure in bicicletta
in "stile" paterno...!!!
 
Ma a Bologna Marco Banchelli ha anche alcuni grandi amici,
così, quasi "per caso" (?) e dato che giusto il 5 luglio ci sarà un grande
raduno nazionale degli amici di TURISTIperCASO.it,
non è del tutto da escludere la sorpresa di un rapido "batti e corri"
con lo stesso Patrizio Roversi.
 
Insomma dallo studio il lavoro per Mauro Susini non dovrebbe mancare!
Come del resto la curiosità e l'interesse di entrare in sintonia con "TuttoRADIO"
e questo nuovo appuntamento con CICLISTIperCASO...
 
 
 
- sabato 28 giugno / ore 11,15
  CICLISTI per CASO - "TuttoRADIO" fm 95,700
 
 
 
 
 
 

giovedì 26 giugno 2008

SANIT: DEPRESSIONE POST PARTUM: UNA MADRE SU MILLE PERICOLOSA PER SE' E PER IL FIGLIO

POST PARTUM: UNA MADRE SU 1000 PROVOCA LESIONI

A SE STESSA O CONTRO SUO FIGLIO

 

PIU' DEL 70% DELLE NEO MAMME E' COLPITA DA BABY BLUES

 

IL 13% E' COLPITA DA DEPRESSIONE POST PARTUM

 

 

 

 

 

 

 

Nel corso dell'ultima giornata di lavori al Sanit – Forum Internazionale della Salute, si è parlato di depressione post partum nel contesto del Convegno "Si guarisce dalla depressione post partum : il vero pericolo è non parlarne. Insieme per costruire una cultura della maternità".

"La depressione post partum è una forma di disturbo psichico che colpisce le donne durante la gravidanza o dal 3°/4° giorno dopo il parto – ha spiegato la Prof. Rosanna Cerbo, Neuropsichiatria Università Sapienza di Roma – Resp. Scientifico de "I diritti civili nel 2000- Salvabebè/Salvamamme" -. Esistono diversi tipi di depressione: il baby blues (pianto incontrollato – senso di colpa – ansia – irritabilità) che colpisce più del 70% delle neo mamme. Il 13% delle donne è colpita da depressione post partum. Una percentuale che aumenta fino al 30% se la donna ha avuto patologie analoghe nei parti precedenti. Per fortuna sono molto rari i casi di autolesionismo o di atti di violenza contro il figlio: le statistiche parlano di una donna su 1000. Solo il 20% delle donne non dimostra alcun tipo di sintomo depressivo né durante la gravidanza né nel periodo successivo".

 

Tra i pericoli maggiori il silenzio.

"E' anche il leit motiv della nostra Associazione "Diritti Civili nel 2000 Salvabebè / Salvamamme": il vero pericolo è non parlarne. La depressione non comunicata e quindi non curata può avere ripercussioni sul percorso cognitivo del bambino. Fondamentale, dunque, la vicinanza dei familiari e del marito. Come Associazione ci preoccupiamo di informare i familiari e il personale medico e paramedico. Operiamo soprattutto su Roma, ma speriamo di diventare presto una rete che coinvolga tutta l'Italia".

 

Sia fisiche che psicologiche le cause della depressione post partum.

"La neo mamma si sente vuota, sola, stanca, ha paura di deludere i familiari, di far del male al bambino, di non essere in grado di proteggerlo, di non riuscire a tornare in forma".

 

 

 

 

 

 

Il Professor Giancarlo Oliva, Prof. Ass. Dip. Tutela della salute della Donna e della Vita nascente dell'Università Cattolica A. Gemelli delle strategie di prevenzione e di come la depressione post partum si sia accentuata negli ultimi anni per una serie di fattori concomitanti: "Per capire la depressione post partum è importante anche considerare come la società moderna sia cambiata e come siano aumentati i motivi di stress. Ormai una donna italiana non partorisce prima dei 31 anni; sono sicuramente più istruite; sempre più donne si sottopongono al parto cesareo (+ 35%); desiderano a tutti i costi un figlio sano perché guidate dall'immagine di una medicina onnipotente e rifiutano mentalmente il rischio, cosa inverosimile: i rischio nel parto, come nelle patologie in genere, non può essere mai pari allo 0%. Tutta una serie di elementi, dunque, che non può che caricare di tensione la donna predisponendola alla depressione. E non c'è una tipologia di donna più predisposta: la depressione colpisce a prescindere dall'età, dall'istruzione, dalla vicinanza dei familiari".

 

Nell'ambito del Convegno è stata anche presentata la prima bozza per una Carta dei Diritti della Madre e del Bambino fortemente voluta dall'associazione "I diritti civili nel 2000 – Salvabebè / Salvamamme" per non lasciare le donne sole e prive di sostegno in uno dei momenti più complessi della loro esistenza.

Presenti la Dott.ssa Elisabetta Maturi per le associazioni proponenti (Apeiron-S.I.PS.-Coirag, ATINA Onlus, Essere Donna, I diritti civili nel 2000-Salvabebè/Salvamamme, Il Melograno) e Grazia Passeri, Presidente dell'associazione I diritti civili nel 2000-Salvabebè/Salvamamme.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ufficio Stampa

Angela Iantosca

3381065420

Ibiza Essential Selection

You don't see? Click here

    IBIZA ESSENTIAL SELECTION Compilation
Date: 06/26 Beatport // 07/25 others stores
Genre: electro house 
It's included:
{Electrology
{Orbit Guys
{Northern Renx
{Spam Brothers
{Dome and Dome
{Francisco Ramirez
and many more...}

 .................................................................................................................

    SPAM BROTHERS 'Feel The Heat'
Date: 06/16 Beatport // 07/21 others stores
Genre: deep house 


 .................................................................................................................

    FRANCISCO RAMIREZ 'File System'
Date: 06/02 Beatport // 07/07 others stores
Genre: techno 




 .................................................................................................................

    K SELECTION 'Lunch' Compilation
Out now in all the stores 
Genre: electro house 

It's included: Dome and Dome, Francisco Ramirez, Paul Pool, Orbit Guys, CROniNO, and many more...


 

DISCLAIMER: 
This e-mail including any attachments is confidential and may be legally privileged. If you have received it in error please advise the sender immediately by send an email at info (at) kronerecords.com with subject remove and then delete it from your system. The unauthorised use, distribution, copying or alteration of this email is strictly forbidden.

 

Organi collegiali della scuola: Da Firenze una proposta condivisa

 

           FORUM PROVINCIALE

          DELLE ASSOCIAZIONI DEI

           GENITORI NELLA SCUOLA

                       DI FIRENZE

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

ORGANI COLLEGIALI DELLA SCUOLA

 

DA FIRENZE UNA PROPOSTA CONDIVISA

Rappresentanti di classe e formazione per una partecipazione attiva nella scuola

 

 

È per molti versi sorprendente la proposta di riforma degli Organi collegiali della scuola che parte da Firenze.  In primo luogo per il metodo: l'incontro sistematico di tutte le componenti scolastiche  in ogni zona della provincia per iniziativa della dirigente dell'Ufficio Scolastico Provinciale, Rosa De Pasquale, e delle tre Associazioni di genitori riconosciute nella scuola (A.Ge.-Associazione Italiana Genitori, A.Ge.S.C.- Associazione Genitori Scuole Cattoliche e C.G.D.-Coordinamento Genitori Democratici).

 

Ma ciò che sorprende veramente sono i contenuti della proposta, una miscela di normativa vigente e strategie di coinvolgimento alla partecipazione che non ha precedenti. Rappresentanti di classe valorizzati anziché eliminati, formazione per tutti gli eletti, fatta a cura di chi ha maturato esperienza negli Organi collegiali, in primo luogo le associazioni dei genitori e professionali della scuola. E poi molta della normativa vigente ("A che pro cambiare?" hanno chiesto i partecipanti agli incontri) e la novità della Consulta dei genitori, mentre gli Enti locali restano in panchina.

 

"Siamo veramente soddisfatti –commenta Giovanni Vischi, coordinatore del Forum provinciale delle associazioni dei genitori di Firenze- Tutti insieme, genitori e docenti, studenti, dirigenti scolastici e personale ATA hanno dato vita a una proposta organica che parla con il buon senso di chi la scuola la vive dal di dentro e ne conosce i punti di forza da diffondere e valorizzare, e anche gli aspetti su cui occorre aggiustare il tiro. Poche idee di qualità possono rivitalizzare un decreto legge, quello sugli Organi collegiali della scuola, che stenta a decollare da più di trent'anni, come hanno dimostrato numerose esperienze attuate sul territorio fiorentino".

 

Studiata la normativa vigente e le 15 proposte di legge avanzate nelle ultime tre legislature, i partecipanti agli incontri hanno affermato che il rappresentante di classe è lo snodo fondamentale per un corretto rapporto scuola-famiglia e hanno avviato una raccolta di firme a tutela di questo ruolo, che ad oggi ha già raccolto centinaia di firme. Hanno individuato poi nella Consulta dei genitori (formata da rappresentanti di classe e di Istituto, a differenza dell'attuale Comitato dei genitori) il luogo deputato allo scambio di idee e alla proposta di strategie, segnalando che c'è urgente necessità di mettere a fuoco le strategie di comunicazione interna e di investire in termini di strumenti e di relazioni.

 

Riconferme a sorpresa per molti degli istituti vigenti: dal nome, Consiglio di Circolo e di Istituto, "perché la Scuola non può essere un'azienda", al numero dei partecipanti ("sono una risorsa per la scuola, a che pro ridurli?"), passando per la presidenza a un genitore e alla pariteticità fra genitori e insegnanti.

Bocciata invece la presenza di esperti e rappresentanti degli Enti locali in Consiglio: meglio un dialogo all'interno della Consulta, per timore di strumentalizzazioni.

Fra le richieste, il ritorno della Giunta esecutiva a più ampie competenze e i permessi lavorativi per partecipare alle sedute dei consigli di classe e di istituto.

 

 

 

Addetto Stampa:

Rita Manzani Di Goro

328 8424375 – fopagsfi@yahoo.it 

mercoledì 25 giugno 2008

SANIT: IL 38% DEI DETENUTI ITALIANI PRESENTA L'EPATITE C (LA MEDIA NAZIONALE E' DEL 3%)

IL 38% DEI DETENUTI ITALIANI PRESENTA PREVALENZA DI EPATITE C

(LA MEDIA NAZIONALE E' DEL 3%)

NEL MONDO CI SONO 350MILIONI DI PERSONE CON IL VIRUS DELL'EPATITE B

7 VOLTE IN PIU' RISPETTO AL NUMERO DEI COLPITI DA HIV


Nel mondo 350milioni di persone hanno il virus dell'Epatite B: un numero 7 volte maggiore rispetto a quello delle persone colpite da HIV. E' questo il dato emerso nel corso del Convegno svoltosi mercoledì 25: "Le due facce della medaglia: lotta alla povertà e prevenzione e cura delle malattie infettive in una sfida translazionale".

Tre i gruppi nei quali si registra un aumento del virus dell'Epatite B e C: gli immigrati, i tossicodipendenti e i detenuti.

"Si tratta di tre gruppi "deboli", più esposti alla contrazione di malattie. Per quanto riguarda gli immigrati, tuttavia, i dati che abbiamo rappresentano una sottostima rispetto alla realtà dei fatti - ha spiegato il Dottor Lorenzo Nosotti dell'INMP di Roma –. In Italia, ad oggi, ci sono 3milioni 800mila migrati regolari. A questi vanno aggiunti gli irregolari di cui non possiamo fare una stima precisa. Possiamo dire che il 4,2% degli immigrati ospedalizzati in Italia ha presentato il virus dell'Epatite C. Un dato che è superiore alla media nazionale. Il virus dell'Epatite B in Italia ha una prevalenza dell'1%. Il virus dell'Epatite C ha una prevalenza del 3%".

Una media ampiamente superata dai detenuti.

"La causa è da imputare a diversi fattori: il sovraffollamento delle carceri (i detenuti allo stato attuale sono 46.118 rispetto ad una capienza massima di poco più di 43.000 posti), l'uso di strumenti non adeguatamente sterilizzati, i rapporti sessuali senza l'uso di profilattici, lo scambio di oggetti per l'igiene personale. Il 37% dei detenuti in Italia è costituito da stranieri. Nel Lazio questo numero sale al 44%. Sulla base di un'indagine condotta presso 12 Istituti Penitenziari italiani il 38% dei detenuti ha presentato una prevalenza di Epatite C. Ricordiamo sempre che la media nazionale è del 3%. Nel 6,7% si è evidenziata l'Epatite B in forma manifesta. Nel 52,6% dei casi si presentava un'infezione occulta da HBV".

Per ovviare al problema delle carceri l'idea è di ridurre la pressione della popolazione stipata nelle carceri, di vaccinare il personale medico e paramedico che opera nei penitenziari, distribuire materiale informativo mistilingue: "Un progetto quest'ultimo – ha proseguito il Dottor Nosotti – avviato a Roma presso il Sandro Pertini ed anche a Viterbo. In questi due nosocomi, inoltre, ci sono strutture ad hoc per i pazienti ex detenuti".

Altro caso limite quello dei tossicodipendenti.

"Il 75% dei tossicodipendenti presenta il virus dell'Epatite C. Solo il 50% dei tossicodipendenti dei Sert è stato sottoposto ad uno screening".

Info: www.sanit.org
Ufficio Stampa
Angela Iantosca
3381065420

Follonica DiscoVillage Airline e Baluba> Sabato 28.06 Dj Prezioso > Sabato 12.07: Fabri-Fibra Live...

BettyFlowers: promozione "SMS & VINCI"

BettyFlowers: promozione “SMS & VINCI”

Ancora pochi giorni per partecipare al concorso “SMS e VINCI”, organizzato da Digital Preziosi per BettyFlowers, nota marca di calzature, in collaborazione con Futureland.it, che si concludera' il 29 Giugno. Con “SMS e VINCI” BettyFlowers permette a chiunque, tramite l'invio di un semplice SMS, di vincere un buono acquisto da 100€ a settimana da spendere nei propri punti vendita.

BettyFlowers, marchio di calzature da donna della Easy Shoes & Wear S.p.A., ha lanciato, insieme a digitalpreziosi.com e Futureland.it, la promozione “SMS e VINCI”: concorso instant win che fino al 29 Giugno mette in palio un buono da 100€ alla settimana, da spendere in uno dei negozi Bettyflowers che partecipano all'iniziativa. La partecipazione al concorso, che si basa sul semplice invio di un SMS, non e' subordinata a nessun obbligo di acquisto.

Insieme con l’AD di BettyFlowers abbiamo deciso di ripetere l’operazione”, sottolinea Andrea Vitrotti responsabile Marketing e Comunicazione digitalpreziosi.com, “sulla base dell’incredibile successo della prima che ha visto un tasso di conversione tra SMS ricevuti e partecipanti effettivi del 60%, per un totale di partecipanti di oltre 6.000 giocatori unici”.

Futureland.it, azienda leader nella comunicazione strategica e nella fornitura di servizi internet e mobile interattivi, come partner dell'iniziativa, ha messo a disposizione le tecnologie comunicative alla base del concorso, predisponendo un numero dedicato e gestendo tutti gli apparati e le procedure che permettono la ricezione e l'invio degli SMS su cui si fonda l'iniziativa.

Gli utenti che intendono partecipare al concorso inviano un SMS con scritto il proprio nome al numero dedicato. In tempo reale ricevono un SMS che li invita a visitare il sito www.bettyflowers.it e completare la registrazione per conoscere l'esito della propria giocata. In caso di vincita, all'utente viene inoltrato un ulteriore SMS contenente un codice univoco con il quale, recandosi nel punto vendita piu' vicino, potra' usufruire del buono acquisto del valore di € 100,00.

Per maggiori informazioni, dettagli e immagini dell'iniziativa visita il sito www.futureland.it/concorsobettyflowers

Per ulteriori informazioni visita il sito http://www.futureland.it/

Contatti
Dott. Lorenzo Benzoni
Futureland.it
Via Artigiani, 3
20031 Cesano Maderno (MI)
www.futureland.it
Telefono: 0362 526898
Fax: 0362 641805

martedì 24 giugno 2008

Sono Solo Un Marinaio

Mi chiamo Patrizia Ines Roggero ed ho da poco pubblicato il mio primo libro Sono Solo Un Marinaio.

 

Mi dedico alla stesura di poesie e brevi romanzi, fin dall'età di tredici anni, ma è solo nel 2007, dopo aver letto un testo riguardante la storia della pirateria che ho deciso di cimentarmi in un nuovo progetto con l'intenzione di pubblicarlo e  dal quale è nato Sono Solo Un Marinaio. Il mio libro, infatti, è ambientato nei Caraibi seicenteschi, epoca in cui i pirati infestavano questa zona del Nuovo Mondo e  narra la travagliata storia d'amore tra il pirata Jack Ryden e Sophie Weiss, a far da sfondo c'è un poco di riferimenti alla pirateria, alla vita a bordo e nelle isole caraibiche dell'epoca.

Naturalmente ho lavorato di fantasia, plasmando i personaggi secondo le esigenze della storia da me narrata e dotando il protagonista Jack Ryden di un carattere piuttosto intrigante. Il risultato sembra aver riscosso parecchio successo tra chi ha letto il libro ed io, come spesso mi accade con le figure da me create, ogni volta che rileggo qualche breve pezzo di Sono solo un Marinaio, non posso fare a meno di rimanere stregata da questo pirata dal carattere così poliedrico e dall'aspetto strambo ma curato.

Sul mio sito http://www.beepworld.it/members/patriziainesroggero/ è possibile leggere il primo capitolo ed alcuni estratti del libro.

 

Titolo: Sono Solo Un Marinaio

Editore: Boopen

Pagine: 260

Prezzo: 12 €

ISBN:978-88-6223-210-4  

Animazioni GRATUITE per le tue e-mail - da IncrediMail! Fai clic qui!

SANIT: 25 giugno presente il Sottosegretario Fazio



Comunicato stampa

 

SANIT: domani il Sottosegretario Fazio e la presentazione del dossier sul bullismo

 

Ore 13 Conferenza Stampa Campagna del Sottosegretario del Ministero Lavoro, Salute e Politiche Sociali Fazio: "Sei un tipo 2", due giornate per conoscere il diabete.

 

Ore 14 Fazio interviene al Convegno "Costo Sociale degli stili di vita"

 

Ore 9,30 il Prof. Vincenzo Mastronardi e l'On. Roberta Angelilli presentano il dossier sulle nuove forme di bullismo in Italia e a Roma

 

 

 

Al SANIT – Forum Internazionale della Salute (Roma Palazzo dei Congressi - Eur) mercoledì 25 giugno si parla delle nuove forme di bullismo e costo sociale degli stili di vita.

 

Alle ore 9,30, nella Sala 8, si terrà il workshop "Bullismo: sos strategie preventive ed intervento sul territorio" promosso dall'Istituto internazionale di Scienze Criminologiche e Psicopatologiche Forensi e sotto l'egida del Master Internazionale in Scienze Criminologico- Forensi  dell'Università La Sapienza.

 

A coordinare l'incontro, importante occasione per fare il punto sul fenomeno, il Prof. Vincenzo Mastronardi, psichiatra e direttore della cattedra di psicopatologia forense e dell'Osservatorio dei comportamenti e della devianza della Sapienza, università di Roma.

 

Nel corso del workshop saranno presentati alcuni dati allarmanti, sia sulla diffusione del bullismo e le sue nuove forme, sia sulle cause psichiatriche e sui danni psicologici; fenomeni che rischiano di essere sempre meno controllabili socialmente.

 

 

 

 

 

Alle ore 13, nella Sala 7, il Sottosegretario Fazio sarà presente alla Conferenza Stampa Campagna "Sei un tipo 2", due giornate per conoscere il diabete.

Il Sottosegretario aprirà alle ore 14 il Convegno sul Costo Sociale degli stili di vita.

 

 



Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota