Cerca nel blog

lunedì 20 gennaio 2020

Cs: Il Gruppo Playgolf54 gestirà il Golf dell'Isola di Albarella, sinergia per promuovere sport, turismo e ambiente

Alla cortese attenzione della Redazione

 

Comunicato Stampa

Il Gruppo Playgolf54 gestirà il Golf dell’Isola di Albarella,
sinergia per promuovere sport, turismo e ambiente

 

Con il nuovo anno ha inizio anche la nuova sinergia fra il Gruppo PlayGolf54 e il Golf di Albarella.

Alle 54 buche del Golf della Montecchia, del Golf Frassanelle e del Galzignano Terme Golf Course di Padova si aggiungeranno quindi le 18 del golf interno all’Isola di Albarella, un affascinante percorso tra mare, spiaggia e laguna, progettato nel 1972 dall’architetto inglese John Harris.

Si ufficializza così la collaborazione tra il gruppo guidato dalla direzione del Golf della Montecchia e il Gruppo Marcegaglia, che ad Albarella ha realizzato il suo primo grande investimento turistico.

Il circuito veneto si afferma tra i maggiori di tutto il nord Italia, non solo per le opportunità e i servizi offerti a soci, ospiti e turisti, ma anche per i valori che continuerà a promuovere, in primis l’attenzione all’ambiente e a una gestione dei percorsi e delle strutture all’insegna dell’ecosostenibilità, impegno che negli anni è stato più volte premiato e riconosciuto a livello internazionale.

“Le sinergie e le relazioni che matureranno grazie a questa operazione, permetteranno al golf dell’isola e al turismo, che attorno ad esso gravita, di acquisire un peso sempre maggiore sul piano nazionale e internazionale - commenta Paolo Casati Presidente di PlayGolf54 - I soci avranno accesso a un ventaglio sempre più ampio di opportunità per godere del loro sport preferito nelle quattro meravigliose location tra Colli Euganei e Isola di Albarella. Elemento comunque principale della nostra iniziativa sarà di impostare tutte le azioni ai moderni dettami dell’eco-compatibilità, i nostri professionisti sono esperti del settore, come anche il nuovo direttore Stefano Boni’.

Altro aspetto fondamentale per PlayGolf54 è la sua Montecchia Golf Academy formata da maestri esperti e coinvolgenti anche con i ragazzi. Il gruppo infatti promuove il golf fra i giovani, con grandi soddisfazioni legate a una attivissima junior team con oltre 150 atleti dai 6 ai 20 anni, protagonista dell’International U.S. Kids Venice Open e dalla quale hanno preso il via nuovi campioni Pro, portavoce per tutti l’esordiente all’European Tour, vincitore del Magical Kenya Open, Guido Migliozzi.  L’MGA sarà attiva con tutto il suo programma anche ad Albarella.

Tutte le novità sono state presentate in un incontro che si è svolto al ristorante La Barca di Albarella ufficializzando che dal 31 gennaio quindi, i soci del Golf Club Albarella diventeranno soci di PlayGolf54. Nulla cambia, invece, per quanto riguarda la gestione del Golf Hotel **** e del ristorante della struttura, che continuano a rimanere in capo ad Albarella srl.

“Una decisione che dimostra la grande attenzione e la volontà di continuare a investire sull’Isola di Albarella - commenta Mauro Rosatti, direttore generale di Albarella Srl - Il gruppo Marcegaglia crede nello sviluppo di questa realtà e nella sua crescita attraverso l’eccellenza in ambito sportivo e la sua valorizzazione grazie alla collaborazione con partner di alto prestigio come il Gruppo PlayGolf54, una rete territoriale importante”.

Le attività cominceranno subito, già nei prossimi mesi il Golf di Albarella sarà protagonista di gare e clinique  internazionali.

 

 

Play Golf 54 | Montecchia Golf Academy  Via Montecchia, 12 | Selvazzano Padova Tel. 049.8055550

Ufficio Stampa Studio MeMo Monya Meneghini dir. 338.8166555 ufficiostampa@studiomemo.net

 

 

 

REMIND CS: CONCERTO DEL 26 GENNAIO ORE19.30 "FRANZ SCHUBERT: DIE SCHONE MULLERIN" A CURA DELLA CAMERA MUSICALE ROMANA



GENTILISSIMI,

Sono ad invitarVi al concerto che si svolgerà all'interno della X Stagione Concertistica di Musica a cura della Camera Musicale Romana e sotto la Direzione artistica del Soprano Elvira Maria Iannuzzi.

Da quest'anno la stagione concertistica 2019-2020 si è spostata in centro presso la Cripta della chiesa di Santa Lucia del Gonfalone.

 

Pertanto faccio gentile richiesta di pubblicazione e diffusione tramite i vostri mezzi d'informazione e comunicazione del concerto "Franz Schubert:  Die Schöne Müllerin", musiche di Musiche di Franz Schubert.

Eseguono:

 

Blagoj Nacoski, tenore

Alessandro Agostini, pianoforte

 

Nuovamente a Roma, ospite della Camera Musicale Romana, il Duo composto da Blagoj Nacoski e Alessandro d'Agostini, che a tre anni di distanza dall'esecuzione del "Winterreise" di F. Schubert  propone quest'anno il primo grande ciclo del compositore austriaco:  Die Schöne Müllerin.

Un viaggio lungo un fiume per conoscere il mondo, l'incontro con la figlia del mugnaio e il nascere dell'amore, l'arrivo di un cacciatore e la gelosia, la scelta della ragazza a favore del rivale, la morte in quello stesso fiume che lo aveva condotto prima all'amore. Questa è la parabola narrativa di un ciclo di Lieder che resta uno dei maggiori monumenti tributati a questo genere musicale, intimo, privato ma nello stesso tempo universale, perché parla dell'animo umano: delle sue estasi di gioia, dei suoi dubbi irrisolti, delle sue ansie e dei suoi tormenti.
Tanto "umane" sono infatti le luci e le ombre della musica di Schubert, capace di esplorare ogni angolo dell'anima.

Il suono delle ruote del mulino, onomatopea ricorrente di questo viaggio, è di volta in volta sinonimo di gioia, di spensieratezza, di turbamento, di inquietudine e perfino di morte. La metafora del viandante, che fin dal primo dei Lieder della serie fa la sua prepotente comparsa, ci racconta assieme allo scorrere del ruscello del tempo che fugge, dell'effimero della nostra esistenza, ma anche della enorme fortuna di chi può vivere la vita con una intensità pari a quella di mille altre vite.
La musica di Schubert è capace di parlarci di vita, di amore, di morte con un linguaggio di una raffinatezza e acutezza estreme pur nella sua semplicità, ma allo stesso tempo con una sincerità che non può che commuovere e coinvolgere, perfino l'uomo di oggi.

 


Il concerto che avrà luogo domenica 26 gennaio 19.30, si svolgerà presso la Cripta della chiesa di Santa Lucia del Gonfalone.

Inoltre colgo occasione per invitarvi a presenziare accreditandovi subito scrivendo a alessandro.decadi@gmail.com, vi aspetto.

Per ogni ulteriore chiarimento resto a Vostra completa disposizione.

 

Chiedo possibilmente un gentile riscontro alla Vs. pubblicazione.

 

Grazie

Cordialmente

Ufficio Stampa e comunicazione Camera Musicale Romana

Alessandro Decadi cell. 334 8321395

 

Per accrediti stampa: alessandro.decadi@gmail.com

 

Camera Musicale Romana Via delle Carceri, 8 – Cripta della chiesa di Santa Lucia del Gonfalone.

www.cameramusicaleromana.it

 

 

  

CAMERA MUSICALE ROMANA

Cripta della Chiesa di Santa Lucia del Gonfalone

Domenica 26 gennaio ore 19:30

"Franz Schubert:  Die Schöne Müllerin"

Musiche di Franz Schubert

 

 

Nuovamente a Roma, ospite della Camera Musicale Romana, il Duo composto da Blagoj Nacoski e Alessandro d'Agostini, che a tre anni di distanza dall'esecuzione del "Winterreise" di F. Schubert  propone quest'anno il primo grande ciclo del compositore austriaco:  Die Schöne Müllerin.

Un viaggio lungo un fiume per conoscere il mondo, l'incontro con la figlia del mugnaio e il nascere dell'amore, l'arrivo di un cacciatore e la gelosia, la scelta della ragazza a favore del rivale, la morte in quello stesso fiume che lo aveva condotto prima all'amore. Questa è la parabola narrativa di un ciclo di Lieder che resta uno dei maggiori monumenti tributati a questo genere musicale, intimo, privato ma nello stesso tempo universale, perché parla dell'animo umano: delle sue estasi di gioia, dei suoi dubbi irrisolti, delle sue ansie e dei suoi tormenti.
Tanto "umane" sono infatti le luci e le ombre della musica di Schubert, capace di esplorare ogni angolo dell'anima.

Il suono delle ruote del mulino, onomatopea ricorrente di questo viaggio, è di volta in volta sinonimo di gioia, di spensieratezza, di turbamento, di inquietudine e perfino di morte. La metafora del viandante, che fin dal primo dei Lieder della serie fa la sua prepotente comparsa, ci racconta assieme allo scorrere del ruscello del tempo che fugge, dell'effimero della nostra esistenza, ma anche della enorme fortuna di chi può vivere la vita con una intensità pari a quella di mille altre vite.
La musica di Schubert è capace di parlarci di vita, di amore, di morte con un linguaggio di una raffinatezza e acutezza estreme pur nella sua semplicità, ma allo stesso tempo con una sincerità che non può che commuovere e coinvolgere, perfino l'uomo di oggi

 

Programma

Franz Schubert

Die Schöne Müllerin

 

 

 

Eseguono:

 

Blagoj Nacoski, tenore

Alessandro Agostini, pianoforte

 

 

 

 

 

CRIPTA DELLA CHIESA DI SANTA LUCIA DEL GONFALONE

Via delle Carceri, 8 - Roma

 

 

 

Ingresso / Ticket € 15,00 - ridotto € 10,00 ( riservato ai soci, ai minori di anni 18, agli over 65 e agli studenti universitari e di conservatorio purché muniti di libretto)

 

Nuova sede:

Cripta della Chiesa di Santa Lucia del Gonfalone

via delle Carceri, 8 -  Roma 

 

 

Servizio gratuito di prenotazione (vivamente consigliata)

 

Info e prenotazioni:

cameramusicaleromana@gmail.com

www.cameramusicaleromana.it

Tel.: +39 333 45 71 245/ 3498256457

 


sabato 18 gennaio 2020

Politica- IlTavolo blu dei Siciliani inizia a delineare il profilo politico-organizzativo delcostituendo partito “sicilianista”

COMUNICATO STAMPA

Politica- Il Tavolo blu dei Siciliani inizia a delineare il profilo politico-organizzativo del costituendo partito "sicilianista"

Parte da un solido codice di autoregolamentazione la nascita del partito sicilianista che celebrerà  tra qualche settimana il congresso fondativo.
 Il "Tavolo blu" riunito a Favara con i rappresentanti dei ventisette Movimenti e Associazioni ha infatti approvato in maniera preliminare un codice che tende a sottrarre il futuro Movimento da ogni infiltrazione malavitosa. 
Sono previste norme rigorosissime che renderanno incompatibile l'appartenenza a qualsiasi soggetto coinvolto in vicende non solo penali, ma anche amministrative, da reati quali associazione a delinquere  e associazione di stampo mafioso, a estorsione, usura, traffico di sostanze stupefacenti, traffico di rifiuti, reati contro minori, delitti  consumati o tentati di  concussione, corruzione, passando per scambio  elettorale, fraudolento trasferimento  di valori  e altri elencati all'interno del codice di autoregolamentazione.
Il "Tavolo blu" inoltre ha ribadito  la scelta di campo a favore del rispetto dei diritti dell'uomo, della lotta ad ogni discriminazione e della difesa della Dichiarazione Universale dei diritti umani e della Organizzazione Internazionale del Lavoro.

venerdì 17 gennaio 2020

CONCERTO DEL 26 GENNAIO ORE19.30 "FRANZ SCHUBERT: DIE SCHONE MULLERIN" A CURA DELLA CAMERA MUSICALE ROMANA

Il concerto si svolgerà all'interno della X Stagione Concertistica di Musica a cura della Camera Musicale Romana e sotto la Direzione artistica del Soprano Elvira Maria Iannuzzi.

Da quest'anno la stagione concertistica 2019-2020 si è spostata in centro presso la Cripta della chiesa di Santa Lucia del Gonfalone.

Pertanto faccio gentile richiesta di pubblicazione e diffusione tramite i vostri mezzi d'informazione e comunicazione del concerto "Franz Schubert:  Die Schöne Müllerin", musiche di Musiche di Franz Schubert.
Eseguono:

Blagoj Nacoski, tenore
Alessandro Agostini, pianoforte

Nuovamente a Roma, ospite della Camera Musicale Romana, il Duo composto da Blagoj Nacoski e Alessandro d'Agostini, che a tre anni di distanza dall'esecuzione del "Winterreise" di F. Schubert  propone quest'anno il primo grande ciclo del compositore austriaco:  Die Schöne Müllerin.
Un viaggio lungo un fiume per conoscere il mondo, l'incontro con la figlia del mugnaio e il nascere dell'amore, l'arrivo di un cacciatore e la gelosia, la scelta della ragazza a favore del rivale, la morte in quello stesso fiume che lo aveva condotto prima all'amore. Questa è la parabola narrativa di un ciclo di Lieder che resta uno dei maggiori monumenti tributati a questo genere musicale, intimo, privato ma nello stesso tempo universale, perché parla dell'animo umano: delle sue estasi di gioia, dei suoi dubbi irrisolti, delle sue ansie e dei suoi tormenti.
Tanto "umane" sono infatti le luci e le ombre della musica di Schubert, capace di esplorare ogni angolo dell'anima.


Il suono delle ruote del mulino, onomatopea ricorrente di questo viaggio, è di volta in volta sinonimo di gioia, di spensieratezza, di turbamento, di inquietudine e perfino di morte. La metafora del viandante, che fin dal primo dei Lieder della serie fa la sua prepotente comparsa, ci racconta assieme allo scorrere del ruscello del tempo che fugge, dell'effimero della nostra esistenza, ma anche della enorme fortuna di chi può vivere la vita con una intensità pari a quella di mille altre vite.
La musica di Schubert è capace di parlarci di vita, di amore, di morte con un linguaggio di una raffinatezza e acutezza estreme pur nella sua semplicità, ma allo stesso tempo con una sincerità che non può che commuovere e coinvolgere, perfino l'uomo di oggi.


Il concerto che avrà luogo domenica 26 gennaio 19.30, si svolgerà presso la Cripta della chiesa di Santa Lucia del Gonfalone.


Camera Musicale Romana Via delle Carceri, 8 – Cripta della chiesa di Santa Lucia del Gonfalone.

CAMERA MUSICALE ROMANA
Cripta della Chiesa di Santa Lucia del Gonfalone
Domenica 26 gennaio ore 19:30
"Franz Schubert:  Die Schöne Müllerin"
Musiche di Franz Schubert

Nuovamente a Roma, ospite della Camera Musicale Romana, il Duo composto da Blagoj Nacoski e Alessandro d'Agostini, che a tre anni di distanza dall'esecuzione del "Winterreise" di F. Schubert  propone quest'anno il primo grande ciclo del compositore austriaco:  Die Schöne Müllerin.
Un viaggio lungo un fiume per conoscere il mondo, l'incontro con la figlia del mugnaio e il nascere dell'amore, l'arrivo di un cacciatore e la gelosia, la scelta della ragazza a favore del rivale, la morte in quello stesso fiume che lo aveva condotto prima all'amore. Questa è la parabola narrativa di un ciclo di Lieder che resta uno dei maggiori monumenti tributati a questo genere musicale, intimo, privato ma nello stesso tempo universale, perché parla dell'animo umano: delle sue estasi di gioia, dei suoi dubbi irrisolti, delle sue ansie e dei suoi tormenti.
Tanto "umane" sono infatti le luci e le ombre della musica di Schubert, capace di esplorare ogni angolo dell'anima.

Il suono delle ruote del mulino, onomatopea ricorrente di questo viaggio, è di volta in volta sinonimo di gioia, di spensieratezza, di turbamento, di inquietudine e perfino di morte. La metafora del viandante, che fin dal primo dei Lieder della serie fa la sua prepotente comparsa, ci racconta assieme allo scorrere del ruscello del tempo che fugge, dell'effimero della nostra esistenza, ma anche della enorme fortuna di chi può vivere la vita con una intensità pari a quella di mille altre vite.
La musica di Schubert è capace di parlarci di vita, di amore, di morte con un linguaggio di una raffinatezza e acutezza estreme pur nella sua semplicità, ma allo stesso tempo con una sincerità che non può che commuovere e coinvolgere, perfino l'uomo di oggi


Programma
Franz Schubert
Die Schöne Müllerin
  
Eseguono:
Blagoj Nacoski, tenore
Alessandro Agostini, pianoforte
 
CRIPTA DELLA CHIESA DI SANTA LUCIA DEL GONFALONE
Via delle Carceri, 8 - Roma

Ingresso / Ticket € 15,00 - ridotto € 10,00 ( riservato ai soci, ai minori di anni 18, agli over 65 e agli studenti universitari e di conservatorio purché muniti di libretto)

Nuova sede:
Cripta della Chiesa di Santa Lucia del Gonfalone
via delle Carceri, 8 -  Roma 
 
Servizio gratuito di prenotazione (vivamente consigliata)

Info e prenotazioni:
cameramusicaleromana@gmail.com
www.cameramusicaleromana.it
Tel.: +39 333 45 71 245/ 3498256457

Un libro su Carmelo Di Bartolo, pioniere della Bionica e Design. Lo IED celebra i 40 anni di carriera del designer ricercatore

"Bionica e Design. Carmelo Di Bartolo e il Centro Ricerche IED. Esperienze memorabili da 30 protagonisti", l'omaggio di 30 affermati designer e accademici

Mercoledì 22 gennaio alle 18, a Milano, presso la sede dell'Istituto di via Pietrasanta, 14

Analizzare le forme, le geometrie e i modelli della natura ricavandone principi e regole per una progettazione umana, consapevole e innovativa. Tutto questo è Bionica e Design, un mondo in cui da 40 anni si muove la ricerca di Carmelo Di Bartolo, pioniere del settore e a cui 30 protagonisti Designer e Accademici di oggi rendono omaggio con personali contributi all'interno del libro "Bionica e Design. Carmelo Di Bartolo e il Centro Ricerche IED. Esperienze memorabili da 30 protagonisti".

Un volume dettagliato che verrà presentato mercoledì 22 gennaio, alle ore 18, allo IED di Milano di via Pietrasanta 14, in un momento celebrativo moderato dal Professor Amilton Arruda, Professore all'Università di Pernambuco, Brasile, direttore di LAB Biodesign ed Editor del libro.

Il volume racconta il valore dell'incrocio tra Bionica e Design, la scienza che partendo dall'osservazione della natura mira ad analizzare e costruire modelli analogici, trasferibili nel progetto.
Con questa metodologia sono nati nel tempo importanti progetti. Dal concept di Fiat Multipla, alle Ricerche sulla Mobilità Urbana per Centro Ricerche Fiat. La struttura delle fragole è stata invece trasferita nei Pavimenti di sicurezza per la Metropolitana di Milano, sviluppato con Unione Italiana Ciechi, ATM di Milano e Pirelli Artigo. La respirazione del dromedario analizzata per creare un packaging capace di mantenere freschi gli alimenti; imballaggi di "lunga vita" premiati dall'Istituto Italiano dell'Imballaggio. Oppure studiando le radici delle piante con il progetto di contenimento dei pendii autostradali per Italcementi.

Questi sono solo alcuni esempi di bionica applicata ai processi di design.
Carmelo Di Bartolo, all'inizio degli anni '70, è infatti stato uno dei primi alumni IED, in cui ha vestito anche i panni di docente e Direttore; inoltre nel 1982 ha fondato il CRIED – Centro Ricerche Istituto Europeo Design, dal quale sono passate generazioni di allievi e collaboratori dello stesso designer, e nel 1986 ha istituito il Master Internazionale in Bionica e Design.

"La Bionica applicata al Design, lo studio delle strutture naturali attraverso modelli analogici, ci ha permesso di vivere momenti di fertilizzazione incrociata, un modo nuovo di relazionarsi al progetto, di creare una grammatica comune, trasversale alle discipline, determinato una vera 'scuola' nel modo di approcciare il progetto e affrontarne i passaggi in modo credibile e sostenibile. La mia formazione non convenzionale, mi ha permesso di iniziare percorsi non ortodossi, dando la priorità all'approccio intuitivo e sperimentale – commenta Di Bartolo stesso -. Devo ringraziare i molti collaboratori e colleghi di prima istanza che hanno avuto la determinazione, costanza e capacità di mettere in ordine le tante 'schegge', tentando la sistematicità e il metodo".

"Di Bartolo è un grande visionario che ha insegnato a tutti noi studenti a guardare il mondo nelle sue più naturali manifestazioni per capire il funzionamento vero delle cose – afferma nella prefazione al libro Emanuele Soldini, Direttore IED Italia e allievo in prima persona di Di Bartolo -. Questo libro rende omaggio a una persona, un ricercatore, un designer che ha dato tanto alla nostra Istituzione contribuendo alla formazione di intere generazioni di designer innamorati del proprio mestiere".

Fonte: Centro Ricerche IED

Promozione Prink Rakuten: Prink porta il cinema a casa tua

I regali nei negozi Prink non sono ancora finiti: fino al 29 febbraio con l'acquisto di due prodotti da Prink riceverai in omaggio fino a tre coupon per vedere film in streaming su Rakuten TV, il famoso servizio di streaming visibile su smart TV, computer, smartphone e console.

Il Natale è passato, ma i regali nei negozi Prink non sono ancora finiti. Infatti fino al 29 febbraio da Prink con l'acquisto di due prodotti riceverai in omaggio fino a tre coupon per vedere film in streaming su Rakuten TV. Rakuten TV è il famoso servizio di contenuti video in streaming on demand, visibile su smart TV, computer, smartphone e console. Grazie ai coupon offerti da Prink potrai scoprire in modo gratuito i vantaggi e la comodità di questo servizio di streaming: i migliori film del momento saranno disponibili on demand su tutti i tuoi dispositivi, quando vuoi.

Come funziona la promozione Prink per i film streaming in omaggio su Rakuten? Ci sono tantissimi prodotti che aderiscono: cartucce inkjet originali e Prink, toner originali e Prink, rotoli a trasferimento termico originali e Prink, nastri originali e Prink per stampanti ad impatto, carta di qualsiasi tipologia, accessori, timbri e stampanti. Si riceve un coupon omaggio acquistando due prodotti di qualsiasi tipologia e valore tra questi appena elencati. I coupon diventano due se i due prodotti acquistati sono per la stessa stampante (esclusi carta, accessori, timbri e stampanti). Riceveranno tre coupon coloro i quali acquisteranno due prodotti Prink di qualsiasi tipologia e valore tra toner a marchio Prink, rotoli a trasferimento termico a marchio Prink e nastri a marchio Prink per stampanti ad impatto.

Utilizzare i coupon regalati da Prink è facilissimo: basterà collegarsi al sito indicato sul retro del coupon e cliccare sul bottone "Utilizza il tuo il coupon". Dopo aver inserito il codice scritto sul coupon, il film sarà disponibile per la visione su tutti i dispositivi compatibili. Tutti i dettagli della promozione Prink per Rakuten sono disponibili sul nostro sito.

Fino al 29 febbraio c'è un motivo in più per acquistare cartucce e toner per stampanti nei negozi Prink! Da Prink ogni cliente trova una vasta selezione di prodotti per scegliere quello più adatto per le proprie esigenze di stampa: abbiamo cartucce e toner originali dei marchi più utilizzati, come HP, Epson e Canon. Per chi è più attento al risparmio ma vuole ottenere comunque una stampa di qualità, i nostri esperti consigliano cartucce e toner a marchio Prink: perfettamente compatibili e meno costose delle originali. Prezzi competitivi, vasta scelta di prodotti e coupon per film streaming in omaggio: cosa desiderare di più? Per acquistare Vai subito nel negozio Prink più vicino, sono oltre 600 in tutta Italia.


Fonte: marketinginformatico.it

I rumori più difficili da sopportare per l'essere umano identificati da Starkey


Gli esperti di Starkey Hearing Technologies, azienda leader a livello globale nel settore delle protesi acustiche di alta qualità, spiegano quali sono i rumori più odiati dal nostro cervello
Milano, gennaio 2020 – L'udito umano è spesso messo a dura prova, anche quando si è ancora nell'utero materno. Tra inquinamento acustico delle città, concerti, strumenti meccanici e tanto altro ancora, restare sotto la soglia degli 85 decibel suggeriti per non stressare troppo il nostro apparato uditivo risulta davvero difficile. Lo sanno bene anche gli esperti di Starkey Hearing Technologies, leader mondiale nella produzione e nella distribuzione di protesi acustiche di alta qualità e azienda impegnata da sempre anche in attività di informazione e sensibilizzazione sul tema della salute uditiva: l'obiettivo dell'azienda è quello di aiutare le persone a prendersi cura del proprio udito al meglio, evitando di esporsi a rumori e situazioni che potrebbero danneggiarlo, anche in modo permanente. 
Nonostante l'orecchio umano possa sopportare rumori anche violenti, a detta degli esperti di Starkey ve ne sono alcuni che il nostro cervello odia particolarmente. Lo conferma anche uno studio condotto presso la Newcastle University e pubblicato sul Journal of Neuroscience, che dimostra come alcuni suoni siano particolarmente molesti per il nostro sistema neurologico. In cima alla classifica: il rumore di una lama di coltello passata su una bottiglia, seguita dai rebbi della forchetta fatti scorrere su una superficie di vetro. Non mancano poi i classici, come il gesso o le unghie che stridono sulla lavagna, il trapano elettrico e i freni di una moto che stridono. Mal sopportati sono anche suoni provenienti dallo stesso corpo umano, tra cui in primis le urla femminili e il pianto dei neonati. 
Principale responsabile dell'avversione a questi rumori sarebbe l'amigdala, l'area del cervello che controlla le emozioni e che ha anche il compito di elaborare i suoni provenienti dalla corteccia uditiva. Nel momento in cui uno stimolo sonoro viene percepito, quindi, l'amigdala suscita le reazioni comportamentali adeguate. 
Lo studio dell'Università di Newcastle, come confermano anche da Starkey, a dispetto dell'apparente leggerezza dell'argomento, potrà costituire un importante punto di partenza non solo per nuove indagini sul ruolo dell'amigdala ma anche per cercare le cause (e le relative cure) di disturbi come iperacusia, misofonia e autismo. 

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota