Cerca nel blog

giovedì 5 marzo 2020

SAVE THE DATE | Stoner. Landing pages | Gambassi Terme (FI), 8 maggio - 14 giugno 2020

Se non riesci a visualizzare questo messaggio clicca qui


STONER. LANDING PAGES
Mostra liberamente ispirata al romanzo Stoner di John Williams
Bagnato, Fiorese, Lanzardo, Montaruli, Roaro, Simoncini, Tomaino, Zino
A cura di Cinzia Compalati ed Andrea Zanetti
Inaugurazione: venerdì 8 maggio, ore 18.30
Fondi sfitti sulla via Francigena del centro storico di Gambassi Terme (FI)

Nell'ambito di:
CI SONO SEMPRE PAROLE. [non] FESTIVAL delle NARRAZIONI POPOLARI (e IMPOPOLARI)
Gambassi Terme (FI), 8, 9, 10 maggio 2020


Stefano Lanzardo, In me tu vedi, stampa ai pigmenti, p.a., 2016 - alias Stoner

Nell'ambito di "Ci sono sempre parole. [non]Festival delle narrazioni popolari (e impopolari)", manifestazione che mette al centro le persone e i loro racconti di vita quotidiana, in programma dall'8 al 10 maggio 2020 a Gambassi Terme (FI), sarà allestita la mostra d'arte contemporanea "Stoner. Landing pages", liberamente ispirata al romanzo "Stoner" di John Williams.

L'esposizione, curata da Cinzia Compalati ed Andrea Zanetti con opere di Emiliano Bagnato, Mauro Fiorese, Stefano Lanzardo, Roberta Montaruli, Eleonora Roaro, Jacopo Simoncini, Giuliano Tomaino e Zino, sarà inaugurata venerdì 8 maggio, alle ore 18.30, all'interno dei fondi sfitti lungo la Via Francigena, ovvero garage e cantine coinvolti in un inedito progetto di rigenerazione urbana.

Dopo l'anteprima tenutasi a Pescara nel 2016, a seguito di una campagna di crowdfunding che ha coinvolto appassionati d'arte e bibliofili, mobilitando lo spontaneismo e creando una vera condivisione emotiva, il progetto si presenta per la prima volta a Gambassi Terme nella sua completezza, con l'aggiunta di un lavoro inedito di Emiliano Bagnato e la rimodulazione delle opere in base al contesto, valorizzato da interventi site-specific.

La mostra "Stoner. Landing pages" trae origine dal noto romanzo di John Williams, un caso letterario che ha appassionato migliaia di lettori nel mondo: la biografia di un anonimo professore universitario che a cavallo tra la prima e la seconda guerra mondiale affronta i drammi e le passioni di una vita normale. Ad otto autori contemporanei, diversi per poetica e formazione, è stato chiesto di far vivere i personaggi e le atmosfere del romanzo attraverso il proprio linguaggio: fotografia, istallazioni, musica, performance e video. Non solo la riproduzione espressiva delle pagine di "Stoner", bensì l'appropriarsi dei protagonisti per scavarne le profondità, per esternarne il non-detto e il non-scritto, per incanalare la narrazione nelle suggestioni della forza visiva.

Emiliano Bagnato (La Spezia, 1993) - compositore e sound designer - interpreta Grace, la figlia di Stoner. In una rilettura musicale e interattiva, tutto il dramma di un personaggio che ha subito le storie dei genitori, senza colpe. Si salverà dal suo passato?

Mauro Fiorese (Verona, 1970-2016) è stato uno dei cento fotografi più quotati al mondo. Sono esposte, dopo la sua morte prematura, alcune opere tratte da www.libraincancer.it, il blog in cui ha raccontato la sua personale battaglia contro il cancro. Tenendo fede all'impostazione letteraria dell'esposizione, l'autore ha composto dodici dittici fotografici che si sviluppano nell'immagine pura e nel suo, arbitrario, rimando testuale. In mostra interpreta Gordon Finch, l'amico fraterno di Stoner e filtra attraverso i suoi occhi - e quindi attraverso il grande tema dell'amicizia - la vita del  protagonista.

Stefano Lanzardo (La Spezia, 1960) è Stoner. Con quattro scatti fotografici sono descritti altrettanti momenti simbolo dell'esistenza del protagonista: dalla terra che lo ha generato, e alla quale torna, ai corridoi dell'università in cui passeggia come un fantasma, allo studio di casa, dove poteva dedicarsi alle amate letture, fino alla relazione con le donne del romanzo. Un viaggio dal forte impiano anti-eroico e anti-epico che trasforma la vita di un uomo dimenticato da tutti in un racconto collettivo.

Roberta Montaruli (Torino, 1978) è Katherine, l'amante di Stoner. L'artista torinese racconta la loro storia d'amore in un video di animazione in cui - mancando la presenza antropica - sono gli oggetti a narrare le loro vite, fatte di respiri e sospiri, gioie e dolori, fatica e tensione verso la felicità. Un video che si crea e si cancella attraverso l'uso del carboncino e della gomma, in bilico tra eterno ed effimero.

Eleonora Roaro (Varese, 1989) ha realizzato per la mostra una video installazione dedicata ad Edith, la moglie di Stoner, in cui porta alla luce tutte le fobie del personaggio, una donna distante, anaffettiva, che non si fa "toccare" in tutti i sensi. Attraverso una sineddoche - Edith è rappresentata solo dal suo occhio ceruleo - diventa la "telecamera di sorveglianza" delle vite di chi la circonda. In esposizione anche il video-documento di una performance in cui ha interpretato Edith in uno dei momenti topici del romanzo dipingendo, in preda a una sorta di controllata follia,  la scrivania e tutti gli oggetti di Stoner di rosa pallido.

Jacopo Simoncini (Carrara, 1979) ha composto per l'esposizione un pezzo inedito per viola - eseguito da Ignazio Alayza - che racconta attraverso sussulti lo stridore dell'esistenza. Le corde, come le vite dei personaggi del romanzo, sono quasi portate a rompersi, lo vorrebbero, ma non ci riescono. Una tensione continua che accompagna lo sguardo sulla mostra. La stessa tensione che attraversa tutta la musica di Simoncini, una musica che vuole evocare paesaggi interiori, teatrale nel suo continuo mettere in scena emozioni contrastanti e stati d'animo.

Giuliano Tomaino (La Spezia, 1945) - l'artista che tutti hanno potuto vedere con le sue sculture nel decumano di Expo 2015 - interpreta il padre di Stoner, portando avanti la storica serie dei "Santi" con una cruda installazione che ferma il momento della sua morte. Solo una frase, ad evocare la caducità delle azioni compiute e dell'esistenza, la sua e quella di tutti. Anche il segreto della morte svela il peso dell'assenza e riconduce alla semplicità della terra. Attorno solo il silenzio e la sua musica.

Zino (Teramo, 1973) - noto per le opere realizzate con i lego e la realtà aumentata - qui interpreta l'antagonista di Stoner e lo immortala nel momento in cui fa la sua prima apparizione nel romanzo: fisicamente menomato, Lomax ha un viso da attore del cinema sul quale l'artista riporta le parole della sua presentazione all'interno del testo. Tra le righe, una frase metalinguistica attraverso la quale l'artista dà forma a quello che sarebbe stato il pensiero di Lomax nei confronti del romanzo stesso: "Stoner è un libro del cazzo".

La seconda edizione di "Ci sono sempre parole. [non]Festival delle narrazioni popolari (e impopolari)", promossa dall'Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdesa e dal Sistema museale "Museo diffuso Empolese Valdelsa" (MUDeV) e prodotta da YAB Young Artists Bay, si terrà dall'8 al 10 maggio 2020 in diversi luoghi di interesse storico-artistico, selezionati per il forte valore simbolico e aggregativo, nel Comune di Gambassi Terme (FI): dalla Piazzetta della cisterna all'incrocio dei Lecci, attraverso le piazze e i vicoli del centro storico, fino ai fondi sfitti, garage e cantine situate lungo la via Francigena, coinvolti in un progetto di rigenerazione urbana, e alla Pieve di Santa Maria a Chianni, uno dei più importanti esempi di architettura romanica in Toscana.

Ideato da Andrea Zanetti, direttore artistico insieme a Cinzia Compalati sin dalla prima edizione, il festival si inserisce in una progettualità più ampia, tesa ad incentivare la partecipazione delle comunità nella ridefinizione della missione culturale del territorio.

Oltre alla mostra, che porta in scena la seconda parte del nome del Festival - (e impopolari) -, cioè quelle storie che fanno parte del vissuto di tutti ma che nessuno vorrebbe ascoltare, la manifestazione prevederà due ulteriori azioni: i racconti dei cittadini, storie di vita vissuta messe in scena direttamente dai cittadini grazie al supporto drammaturgico di attori professionisti individuati tramite call pubblica, e parole e musica del cantautore Bobo Rondelli, uno degli ultimi "maledetti" della canzone e della poesia italiana, che sarà presente il 10 maggio alle ore 19.00 presso il Giardino comunale (la pista) con lo spettacolo "Cos'hai da guardare?".

L'edizione 2020 del festival è realizzata con il contributo di Fondazione CR Firenze; media partner Segnonline. La mostra "Stoner. Landing pages" sarà aperta al pubblico fino al 15 giugno 2020, tutti i giorni con orario 17.00-20.00 per accogliere i pellegrini della Via Francigena che fanno tappa a Gambassi Terme. Per informazioni ed approfondimenti: info@museiempolesevaldelsa.it, www.museiempolesevaldelsa.it.
 
Il MuDEV Museo diffuso Empolese Valdelsa è un progetto di rete culturale degli 11 Comuni dell'Unione dei Comuni Circondario dell'Empolese Valdelsa, area di 753 kmq nella Toscana centrale con 167.000 residenti, oltre 1 milione di pernottamenti turistici e 300.000 ingressi annui nei musei del territorio. Sono 21 i musei che tramite i Comuni fanno parte ad oggi del MuDEV, con l'obiettivo di allineare tutti i musei dell'area ai requisiti dei Piani Integrati Cultura (PIC) della Regione Toscana, rendendo reale e concreta la collaborazione scientifica, gestionale e promozionale dei musei stessi. Il MuDEV è visitabile con biglietti per i singoli musei o con il biglietto unico denominato Credenziale del pellegrino dell'arte - Art piligrim passport, un 'libretto' che, sul modello del pellegrinaggio lungo la Francigena, consente di accedere una volta a ciascuno dei 21 musei nell'arco di un anno di tempo e tenerne memoria con i timbri raccolti a ogni ingresso. Sistema Museale Museo Diffuso Empolese Valdelsa: Comune di Capraia e Limite (Mu.Re. Museo Remiero), Comune di Castelfiorentino (Museo di Santa Verdiana, BeGo Museo Benozzo Gozzoli), Comune di Cerreto Guidi (MuMeLoc Museo della Memoria Locale), Comune di Certaldo (Casa di Boccaccio, Palazzo Pretorio, Museo del chiodo), Comune di Empoli (Museo della Collegiata, Casa del Pontormo, MUVE Museo del Vetro), Comune di Fucecchio (Museo civico e diocesano), Comune di Gambassi Terme (Mostra permanente del vetro), Comune di Montaione (Gerusalemme di San Vivaldo, Museo Civico), Comune di Montelupo Fiorentino (Museo della Ceramica, Museo Archeologico), Comune di Montespertoli (Museo di Arte Sacra, Museo Amedeo Bassi, Museo della Vite e del Vino), Comune di Vinci (Museo Leonardiano, Casa Natale di Leonardo).

***
 
Il Press Kit contiene il comunicato stampa in formato doc e pdf ed alcune opere con le relative didascalie. La cartella stampa completa relativa a "Ci sono sempre parole. [non]Festival delle narrazioni popolari (e impopolari)" è scaricabile al seguente indirizzo: http://bit.ly/CiSonoSempreParole 
 
Grazie per l'attenzione e buon lavoro,
Chiara Serri
M. +39 348 7025100
 
CSArt - Comunicazione per l'Arte
Via Emilia Santo Stefano, 54
42121 Reggio Emilia
T. +39 0522 1715142
 


PRESS KIT:

Comunicato stampa Stoner. Landing pages - DOC
Comunicato stampa Stoner. Landing pages - PDF
Emiliano Bagnato, Scenario Sonoro per improvvisazione collettiva, 2018, istallazione musicale, ogetti vari. Ph. Stefano Lanzardo
Mauro Fiorese, dal progetto Libra in Cancer, stampa ai pigmenti, open edition, 2014-2016 - alias Finch. Ph. Stefano Lanzardo
Stefano Lanzardo, In me tu vedi, stampa ai pigmenti, p.a., 2016 - alias Stoner
Roberta Montaruli, K.D., video animazione, 4'18'', 2016 - alias Kathrine. Ph. Stefano Lanzardo
Eleonora Roaro, Forever Yours, performance, video e installazione, 2016 - alias Edith. Ph. Stefano Lanzardo
Jacopo Simoncini, Infine nel silenzio, per nastro, 3'10'', 2016. Ph. Stefano Lanzardo
Giuliano Tomaino, Booneville, installazione, 2016 - alias il padre di Stoner. Ph. Stefano Lanzardo
Zino, Sono Lomax, stampa digitale su tela sintetica, pennarello, realtà aumentata, 2016 - alias Lomax. Ph. Stefano Lanzardo
Logo Ci sono sempre parole. [non]Festival delle narrazioni popolari (e impopolari)

CSArt - Comunicazione per l'Arte
Via Emilia Santo Stefano 54, 42121 Reggio Emilia
T. +39 0522 1715142
info@csart.it - www.csart.it

Cancellami [»]



-
Visualizza il messaggio in formato PDF
Antherica - web solutions

Nessun commento:

Posta un commento

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota