Cerca nel blog

venerdì 3 aprile 2015

Casa.it: quando la crisi fa guadagnare spazio. Rispetto al 2005, sale dal 25 al 53% la metratura acquistabile a parità di budget nelle principali città italiane

Milano, 1 aprile 2015 - Potremmo definirla l’altra faccia della lunga crisi del mercato immobiliare residenziale. Ovverosia chi ci ha guadagnato dal ridimensionamento dei prezzi di acquisto delle case dopo il lungo ciclo di crisi che ha colpito le abitazioni indipendentemente dalla loro età di costruzione, dal loro stato di fatto e, soprattutto, dalla loro localizzazione.

Il portale immobiliare Casa.it, il più longevo in Italia con oltre 18 anni di vita, ha voluto mettere a confronto i prezzi di vendita che si registravano nel 2005, in pieno boom immobiliare, con i valori attuali proprio allo scopo di valutare l’impatto della crisi sulle metrature acquistabili nelle principali città italiane.

Per dare logicità e fondatezza all’analisi, Casa.it ha effettuato il raffronto su prodotti simili sia per tipologia, metratura e localizzazione. La domanda di partenza è stata semplicissima: avendo a disposizione un budget di X Euro, quanti metri quadri si potevano acquistare nel 2005 e quanti oggi?

Date le premesse, era prevedibile che nel 100% dei casi il numero dei mq. acquistabili sia risultato aumentato in modo più o meno cospicuo a seconda dei budget ipotizzati (da 200.000 a un massimo di 500.000 Euro). Ciò che sorprende, semmai, è la misura di questa metratura “guadagnata”.

In termini percentuali, infatti, l’aumento degli spazi varia dal +25% al +53%. In altre parole, con il medesimo investimento oggi si può arrivare a comprare un appartamento 1/4 più grande di quello che ci si poteva permettere nel 2005.

Si tratta del primo caso dall’introduzione dell’Euro in cui il potere di acquisto immobiliare per famiglia risulta cresciuto in modo tanto vistoso. Dal 2001 sino al 2010, infatti, le possibilità di comprare più metri quadri per la medesima tipologia di abitazione erano molto basse, limitate a città non capoluogo e dalla bassa densità abitativa.

Oggi, invece, è possibile concludere acquisti nelle principali città persino in zone urbane che prima della crisi offrivano poco o nulla a determinati budget. In capo a 10 anni, pertanto, i prezzi medi delle abitazioni non di nuova costruzione, ma abitabili senza dover effettuare importanti lavori di ristrutturazione, sono scesi in termini nominali - inflazione compresa - in tutte le grandi città.

Questi sono i tassi di discesa rilevati a marzo 2015 rispetto a marzo 2005.

 

Torino

-16%

Milano

-19%

Roma

-20%

Napoli

-20,7%

Venezia

-21,2%

Bologna

-15,9%

Firenze

-15,4%

Genova

-20,3%

 

 

Il guadagno in termini di spazio per chi acquista è tanto più vistoso quanto maggiore è la disponibilità di spesa. Ad esempio, nel caso in cui si abbiano 500.000 Euro da investire si va dai 23 mq. in più acquistabili a Firenze ai 45 mq. in più a disposizione a Napoli.

A un budget intermedio (300.000 euro) corrisponde, ovviamente, una riduzione degli spazi. Tuttavia a Napoli si possono acquistare 27 mq. in più rispetto al 2005, mentre a Milano il guadagno si riduce a circa la metà (15 mq.). Infine, con una disponibilità di spesa di 200.000 Euro a Venezia è possibile ottenere 10 metri quadri in più rispetto al 2005, mentre a Genova i metri quadri diventano 14.

In sintesi, Napoli è la città italiana dove la differenza nella metratura acquistabile rispetto a 10 anni fa è più consistente, mentre a Milano e Roma la media dello spazio guadagnato è rispettivamente di 17 e 19 mq.

 

 

CITTÀ

Incremento medio dei mq.

    2005/2015

Torino

25

Milano

17

Roma

19

Napoli

30

Venezia

17

Bologna

18

Firenze

16

Genova

23

 

 

 

A proposito di Casa.it  

www.casa.it - Casa.it, lanciato nel 1996, è il portale immobiliare N.1 in Italia con oltre 6.200.000 Utenti Unici (Unique Visitors 6.205.751, Page Views 120.445.778  Fonte: Adobe Omnitur SiteCatalyst, Settembre 2014),che raccoglie l’offerta di più di 14.000 agenzie immobiliari affiliate, e di circa 5.000 tra inserzionisti privati e costruttori edili. Dal 2007, Casa.it è ufficialmente entrata a far parte di REA Group Ltd (www.rea-group.com) che fa capo al gruppo News Corp di Rupert Murdoch. Il Gruppo REA, nato a Melbourne nel 1995 e quotato alla Borsa Australiana, è divenuto in breve tempo uno dei più grandi portali immobiliari a livello internazionale.

 

Per ulteriori informazioni:

Aida Partners Ogilvy PR - Ufficio stampa Casa.it

Gabriele Ciullo            Tel. 02 89504650            Email gabriele.ciullo@aidapartners.com

Francesca Ferradini    Tel. 02 89504650            Email francesca.ferradini@aidapartners.com

 

Casa.it

Alessandro Ghisolfi          Tel. 02 87216412    Email alessandro.ghisolfi@casa.it

 

Giusy Palmiero
Corporate Communication

Junior Account Executive

 

Aida Partners Ogilvy PR 
Socio Sostenitore "Symbola" - Fondazione per le Qualità Italiane 
via Pomponazzi, 9 - 20141 - Milano - Italy / tel. +39.02.89504650 - fax +39.02.89511499
Seguici su Facebook e Twitter

E.mail giusy.palmiero@aidapartners.com  Website www.aidapartners.com

 

Ogilvy Public Relations  CANNES LIONS 2012/13, NETWORK OF THE YEAR  and EFFIE AWARDS 2012/13, MOST EFFECTIVE AGENCY NETWORK

This message may contain confidential information. If you are not the designated recipient, please notify the sender immediately, and delete the original and any copies. Any use of the message by you is prohibited. E-mail transmission cannot be guaranteed to be secure or error free, as messages can be intercepted, corrupted, contain viruses, or arrive late or incomplete.

Please consider your environmental responsibility before printing this email

 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota