Cerca nel blog

mercoledì 7 maggio 2014

L’avv. Eugenio Gargiulo evidenzia le ragioni giuridiche per le quali l’IMU andrebbe considerata come un’imposta illegittima!

Da: avv. Eugenio Gargiulo (eucariota@tiscali.it)

 

L'avv. Eugenio Gargiulo evidenzia le ragioni giuridiche per le quali l'IMU andrebbe considerata come un'imposta illegittima!

 

Da più parti, è già stato detto e ribadito che l'IMU è un'imposta che contrasta con l'art. 53 della Costituzione, secondo cui tutte le imposte debbono essere "progressive" e  proporzionate alla "capacità contributiva" del cittadino contribuente.

 

Di fatto però l'IMU non è in alcun modo progressiva, in quanto considera e colpisce dei singoli beni immobili, applicando percentuali fisse prestabilite che - come tali - non tengono conto della dimensione, caso per caso, dello specifico coacervo dei redditi individuali. Parimenti, essa non è correlata alla capacità contributiva, bensì è rapportata ad un bene che può anche non produrre reddito.

 

In altri termini, essa non viene computata - come dispone la Costituzione - in base al flusso di reddito ("capacità contributiva") di cui dispone il contribuente, bensì al valore (del tutto ipotetico perché stabilito sulla base di indicatori teorici come i valori catastali) di un immobile che, in molti casi, non produce alcun flusso di reddito in quanto direttamente abitato dallo stesso contribuente.

 

La vecchia ed ormai desueta teoria secondo cui usufruire di un appartamento equivale a godere di un reddito è fuori dalla realtà perché questo reddito è solo teorico ed è il frutto di un passato risparmio (sul quale sono già state pagate le imposte). Tale risparmio inoltre serve a compensare una spesa potenziale (la locazione): in sostanza è la fruizione dilazionata di un reddito non speso. In campo fiscale, inoltre, i redditi figurativi non dovrebbero trovare spazio.

 

Ciò che maggiormente sconcerta è l'indifferenza che il legislatore mostra nei confronti di un dettato costituzionale, che dovrebbe costituire invece un limite invalicabile. Come può il mondo politico invocare un maggiore "senso dello Stato" quando sono proprio i politici ad averlo dimenticato portando l'Italia, dopo anni di sprechi e di corruzione, a livelli di tassazione insostenibili?

 

L'imposta in discorso viola, a mio avviso, anche il principio costituzionale dell'eguaglianza e della ragionevolezza (art.3: "tutti i cittadini sono...eguali davanti alla legge") in ragione del fatto che i proprietari di immobili vengono tassati di più rispetto ad altre categorie di contribuenti che tutt'ora possiedono - legittimamente - redditi considerati esenti. L'art.53 della Costituzione, già citato, non è che la proiezione, nel campo dei tributi, del principio di eguaglianza enunciato all'art. 3.

 

La legge istitutiva dell'IMU (e, prima di questa, dell'ICI),inoltre, crea un caso palese di duplicazione d'imposta.

Infatti l'immobile, di per sé stesso, viene tassato in funzione di un reddito ipotetico presunto, che gli viene assegnato d'autorità, con esiti talvolta clamorosamente iniqui allorché ad interi stabili nei pregiatissimi centri storici viene attribuito un valore inferiore a quelli, più recenti, delle lontane periferie.

 

Tale "reddito", va comunque ad aggiungersi al reddito IRPEF. L'ulteriore imposta, va così a colpire lo stesso bene già tassato (ed ancora, sulla base di un altro reddito presunto!): si verifica così che un identico bene viene sottoposto due volte a tassazione, con due imposte diverse solo nel nome, ma in realtà coincidono nell'oggetto colpito.

 

Va infine evidenziato un altro aspetto dell'imposta che la rende fortemente iniqua.

Quando - come accade di frequente - l'immobile è gravato da un mutuo ipotecario, il titolare non può dirsi "proprietario" in modo "completo" del bene. Né si può sostenere che egli fruisca del reddito "ipotetico" costruito sull'intero valore catastale. Difatti, se egli vendesse il bene, incasserebbe una somma non corrispondente al "valore" catastale, perché verrebbe comunque ridotta dell'importo residuo del mutuo. Ciò significa che il bene è frutto del reddito, non fonte di questo.

 

Per concludere, quindi, sono diversi e molteplici i profili di illegittimità e di iniquità sostanziali di questa imposta!

Foggia, 7 maggio 2014                                               Avv. Eugenio Gargiulo

 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota