Cerca nel blog

lunedì 14 aprile 2014

Se uno dei coniugi ha il vizio del gioco d’azzardo , può scattare nei suoi confronti l’addebito della separazione !

Da: avv. Eugenio Gargiulo (eucariota@tiscali.it)

 

Se uno dei coniugi ha il vizio del gioco d'azzardo , può scattare nei suoi confronti l'addebito della separazione !

 

Tentare la sorte ogni tanto non fa male a nessuno, ma diventare dei perdigiorno, nelle sale giochi o bar, non solo fa male alle finanze, ma costituisce un grosso danno per l'equilibrio economico della famiglia.

 

Infatti, come è risaputo, con il matrimonio i coniugi sono tenuti a rispettare una serie di obblighi: uno di questi è garantire all'altro assistenza morale e materiale. Ciò significa che bisogna stare accanto al coniuge, preoccuparsi del suo benessere fisico, garantendo assistenza nel caso di malattia. Ma è necessario anche provvedere al sostentamento economico se il coniuge – quasi sempre la moglie – non ha redditi propri.

 

Dunque, il coniuge che dedica il proprio tempo libero in cattive abitudini come il gioco d'azzardo oppure consuma continue relazioni extraconiugali non solo viola dei precisi obblighi coniugali, ma si rende responsabile del fallimento matrimoniale.

 

Proprio con riferimento a ciò, la Cassazione, con una recentissima sentenza , ha confermato l'addebito della separazione a carico del marito assiduo frequentatore di case da gioco nonché "fedifrago seriale" perché aveva avuto molte relazioni extraconiugali. ( in tal senso Cass. sent. n. 5395 del 07.03.2014.)

 

La moglie, per molto tempo, aveva tollerato il comportamento del marito sperando in un suo cambiamento di vita. Ma il coniuge si era talmente assuefatto al gioco e alla vita libertina al punto tale da aver determinato inevitabilmente una intollerabilità della convivenza. Proprio a causa di ciò la moglie si era vista costretta a chiedere la separazione.

 

In sintesi, l'addebito della separazione può essere richiesto al giudice tutte le volte in cui uno dei coniugi, a causa di un proprio comportamento, renda intollerabile la convivenza al punto tale da determinare il fallimento matrimoniale.

 

Le principali cause di addebito sono:

1. l'infedeltà;

2. la violenza del coniuge;

3. l'omessa assistenza morale e materiale

4. l'abbandono del tetto coniugale

5. lo shopping compulsivo

6. Il carattere dispotico

7. il mobbing familiare

8. il vizio del gioco d'azzardo.

 

Questi sono solo alcuni motivi per poter chiedere l'addebito della separazione. Va ricordato che ogni matrimonio ha una storia a sé; dunque, in sede di separazione è possibile porre alla base dell'addebito anche motivi diversi da quelli sopramenzionati: l'importante è che il coniuge che avanza la richiesta di addebito fornisca prove sufficienti per il convincimento del giudice!

Foggia, 14 aprile 2014                                                Avv. Eugenio Gargiulo

 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota