Cerca nel blog

mercoledì 30 aprile 2014

L’avv. Eugenio Gargiulo spiega cosa sono i patti prematrimoniali e se essi sono validi in Italia!

Da: avv. Eugenio Gargiulo (eucariota@tiscali.it)

 

L'avv. Eugenio Gargiulo spiega cosa sono i patti prematrimoniali e se essi sono validi in Italia!

 

I patti prematrimoniali sono veri e propri contratti con i quali i futuri sposi si accordano – prima di salire sull'altare – tanto sulle questioni relative ai reciproci obblighi connessi al matrimonio, tanto su quelle nel caso di eventuale e successivo scioglimento per separazione e divorzio.

 

In Italia i "patti prematrimoniali" sono considerati nulli perché la nostra legge ritiene che i diritti dei coniugi siano "indisponibili", ossia non possono essere limitati o ceduti in deroga a quanto previsto dalla legge.

 

In particolare, la legge sul divorzio, per tutelare il coniuge più debole, prevede che tutte le questioni economiche (come l'ammontare dell'assegno di divorzio, affidamento dei minori, ecc.) siano decise unicamente dal tribunale e non da altri soggetti (come mediatori, arbitri, ecc.).

 

Inoltre, la Cassazione e la dottrina maggioritaria hanno affermato che i patti prematrimoniali violerebbero la Costituzione (Art. 24 Cost.), perché, permettendo ai coniugi di determinare, con un accordo siglato in precedenza, l'entità e la stessa esistenza del diritto all'assegno di separazione o a quello divorzile si violerebbe il precetto costituzionale che garantisce a tutti la difesa processuale dei propri diritti.

 

Di recente, però, la Cassazione ha iniziato ad aprire (leggermente) la porta alla validità degli accordi prematrimoniali. In un recente caso, la Suprema Corte ha ritenuto legittimo un accordo intervenuto tra futuri sposi con il quale si prevedeva, in caso di separazione, l'obbligo di un coniuge di cedere all'altro un immobile di sua proprietà come corrispettivo delle spese sostenute dall'altro per la ristrutturazione della casa coniugale. ( in tal senso Cass. sent. n. 23713/12.)

 

Partendo da queste premesse, la Cassazione, nella nuova sentenza, sembra aprirsi alla possibilità di accordi prematrimoniali nella misura in cui gli stessi siano collegati alle spese affrontate da uno dei due coniugi per la sistemazione di immobile adibito a casa coniugale.

 

La differenza, in questi casi, è che il fallimento del matrimonio viene visto solo come un evento al verificarsi del quale scatta il regolamento negoziale. Esso, in pratica, è solo una condizione (cosiddetta "condizione sospensiva") inserita in un normalissimo e comune contratto.

 

In un'altra occasione, la Cassazione ha ritenuto legittima la clausola con la quale i coniugi avevano previsto l'obbligo della restituzione di un mutuo, tra loro intercorso, se fosse intervenuta una separazione personale. ( così Cass. sent. n. 19304/13)

 

Quindi, le coppie che vogliano, prima di sposarsi, accordarsi per l'eventuale restituzione – in caso di separazione – delle somme da uno dei due impegnate per la casa possono ben farlo con un accordo scritto. In esso si prevedrà l'impegno alla restituzione di quel prestito, determinato nell'ammontare, nel momento in cui dovesse fallire il matrimonio con il cessare della convivenza!

Foggia, 30 aprile 2014                                                Avv. Eugenio Gargiulo

 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota