Cerca nel blog

giovedì 16 giugno 2011

Scapagnini: ora l'Alzheimer si può prevedere e prevenire

Comunicato stampa

Ora l'Alzheimer si può prevedere e prevenire
Scapagnini: "Potenziare e inquadrare la medicina preventiva e predittiva per combattere l'Alzheimer e le altre malattie neurologiche"

Si è svolto presso il Sanit (Forum Internazionale della Salute, 14-17 giugno) la Tavola Rotonda dal titolo 'Neuroscienze Nutrizionali nella Prevenzione dell'Invecchiamento Cerebrale Patologico'.
Il Convegno, organizzato da FB Health e dalla Fondazione Istituto Neurologico Nazionale C. Mondino di Pavia, oltre ad illustrare il ruolo delle nuove tecnologie diagnostiche e delle nuove molecole per la prevenzione e la possibile cura dell'Alzheimer, si è focalizzato su una proposta di Legge dell'Onorevole Umberto Scapagnini, il ricercatore e medico di Neurofarmacologia, sulle nuove prospettive per la definizione e la regolamentazione della medicina Preventiva e Predittiva, in particolare, in
ambito neurologico.

Sono intervenuti tra gli altri: Giovanni Scapagnini, Professore Associato di Biochimica Clinica, Università degli studi del Molise, Campobasso; il Prof. Carlo Caltagirone, IRCSS Santa Lucia, Roma; il Dott.re Bruno Scarpa, Ministero della Salute; Marco Trabucchi, Presidente Associazione Italiana Psicogeriatria, Direttore Scientifico GRG, Brescia.

"Potenziare e inquadrare la medicina preventiva e predittiva per combattere l'Alzheimer e le altre malattie neurologiche" - ha dichiarato Umberto Scapagnini, durante il suo intervento - Questa malattia neurodegenerativa, in costante aumento fra la popolazione, rappresenta un grave problema sociale, ma anche economico, basti pensare che sui bilanci regionali la degenza prolungata di questi pazienti influisce sul 60% dei costi. Per questo motivo stiamo lavorando su un'idea di legge che abbatta
notevolmente i costi. La soluzione sta nell'associare la medicina preventiva, orientata alla messa in opera di strategie collegabili allo stile di vita e all'alimentazione, a quella predittiva che si riferisce al patrimonio genetico di ogni individuo e ne stabilisce il profilo di rischio per determinate patologie. Individuare l'eventuale tendenza del paziente a contrarre determinate patologie, contribuirebbe a ritardare di molto l'entrata del paziente in ospedale, con un risparmio di 600/700
euro al giorno".

"Ogni anno sono 80.000 i nuovi malati di Alzheimer, stiamo parlando di un problema molto ampio, per questo l'attuale orientamento spiega il Prof. Caltagirone - è rappresentato dalla volontà di individuare precocemente pazienti con un alto rischio di ammalarsi, che ancora non sono giunti ad uno stato di demenza, ma che presentano disturbi cognitivi lievi - Mild Cognitive Impairment (MCI). La diagnosi preclinica dovrebbe poi consentire di ridurre e modificare i fattori di rischio, ad esempio è
sicuramente necessaria un'adeguata alimentazione associata ad uno stile di vita sano".

"Esistono poi dei prodotti, i cosidetti Nutraceutici, che vanno otre la semplice nutrizione e rivendicano un beneficio per la salute,. Tali alimenti - spiega il Dott.re Bruno Scarpa - quando supportati da studi scientifici rigorosi, possono senz'altro rivendicare un'azione su specifici fattori di rischio associati alle malattie dell'invecchiamento."

"Si prevede che il numero di pazienti affetti dall'Alzheimer raggiunga i 14 milioni in Europa entro il 2050. Da questi numeri si capisce quanto sia 'rivoluzionario' avere la possibilità di intervenire per ridurre il fattore di rischio - ha dichiarato il Prof. Giovanni Scapagnini - in laboratorio abbiamo scoperto che l'omotaurina, composto solfonato, che si trova in natura nelle alghe rosse, inibisce l'aggregazione di polimeri di beta amiloide. L'omotaurina si è dimostrata in grado di ridurre in
maniera significativa la perdita del volume dell'ippocampo e in tutti i pazienti è stato osservato un migliore andamento dello stato cognitivo, inoltre è stato osservata la capacità del composto di proteggere i pazienti dalla progressiva perdita della memoria".

"La sfida per il prossimo futuro consisterà dunque nel predisporre piani adeguati per essere in grado di rendere applicabili i nuovi strumenti diagnostici che si stanno rendendo disponibili per una diagnosi precoce dell'Alzheimer" conclude il Prof. Marco Trabucchi "in modo da inquadrare in maniera più razionale i programmi di prevenzione per le patologie neurologiche"

FB Health è una nuova società che nasce con una mission specifica e focalizzata: ricerca, sviluppo e commercializzazione di molecole innovative per la prevenzione e il trattamento delle patologie in ambito Neurologico e Geriatrico, con una particolare attenzione verso i pazienti anziani e i meccanismi dell'invecchiamento.

La Fondazione "Istituto Neurologico Nazionale Casimiro Mondino", è una istituzione di eccellenza nazionale, configurata giuridicamente come Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di diritto privato, nel solco della sua secolare tradizione di polo scientifico dedicato all'insegnamento, cure e ricerche nel settore delle Malattie del Sistema Nervoso, area Neuroscienze-Neuroriabilitazione.

Su richiesta le interviste ai Relatori del convegno


Ufficio Stampa
In Media Res Comunicazione srl
www.inmediarescomunicazione.it

Alessandro Maola Tel: 339.233.55.98
Arianna Fioravanti Tel: 338.999.33.73

Nessun commento:

Posta un commento

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota