giovedì 4 maggio 2017

Comunicato stampa GMA: La (strana) corsa alle aste immobiliari: 3 motivi per dubitare




COMUNICATO STAMPA:

La (strana) corsa alle aste immobiliari: 3 motivi per dubitare

Gli addetti ai lavori avranno certamente notato negli ultimi 12 mesi un aumento 
dell'affluenza alle aste immobiliari. Si sta probabilmente realizzando la visione 
dei più lungimiranti del settore, che da qualche anno lavorano per portare alle aste
i privati cittadini e per provare a equiparare le vendite giudiziarie alle vendite 
su libero mercato.

Sembrano lontani i tempi in cui la vendita alle aste era considerata un affare per pochi, 
e si dava per scontata l'esistenza di loschi affari dietro questo ambiente. 
In questo senso, il risultato ottenuto è certamente molto positivo.

I recenti adeguamenti normativi (cfr. dl 83/2015 e dl 59/2016) hanno fatto il resto, 
accelerando i tempi del processo e proponendo prezzi più appetibili per gli asset.

Ma è davvero tutto in discesa? È possibile che questo sia un trend positivo di lungo 
periodo? 

Noi abbiamo qualche dubbio. Secondo noi la corsa alle aste immobiliari è "strana", 
per almeno tre motivi:

1. Il numero di asset venduti è pressoché invariato: 
Chi pensa che la maggiore affluenza alle aste sarà la panacea di tutti i mali, si sbaglia. 
Se è vero che più persone determinano prezzi più alti e (forse) maggiore velocità 
nella vendita, ci fa riflettere il fatto che a fronte del 25% di incremento delle buste 
depositate, si ha avuto un incremento del 5% degli asset venduti rispetto al totale 
delle vendite. Ovvero molti cani alla ricerca dello stesso osso, che non significa molti 
ossi venduti.

2. I prezzi di vendita in alcuni casi superano i valori del libero mercato:
Qualche settimana fa un agente immobiliare ci ha detto: "Ora come ora, ha più senso 
vendere un immobile all'asta che metterlo nella mia vetrina".
La "moda" delle aste e il meccanismo irrazionale che le contraddistingue (effetto casinò) 
porta il prezzo di vendita di alcuni asset a superare il prezzo di vendita a libero mercato. 
Questa cosa non può avere una logica né può essere considerata un trend: la vendita 
all'asta comporta rischi e compromessi che fisiologicamente devono scontare un prezzo 
rispetto alla vendita libera. Prima o poi questo effetto finirà, è certo.

3. Non abbiamo evidenza di segnali di ripresa dell'economia: 
il mercato immobiliare segue da sempre e con proporzionalità diretta l'economia del paese. 
Tràina ed è trainato. Negli ultimi 12 mesi non ci sono stati segnali né evidenze di dati tali 
da far prevedere un aumento del prezzo degli immobili. I salari sono rimasti invariati 
e la capacità di indebitamento pro-capite è diminuita. In questo scenario un aumento 
dei prezzi va considerato solamente come episodico e connesso alla nicchia di mercato.


Per questi e per altri motivi collegati riteniamo che questo trend vada interpretato come 
ricollocazione della liquidità e non come un trend duraturo. 
La nostra valutazione degli asset  continuerà a basarsi su assumptions più durature
e prevedibili (http://www.gma.it/it/npl-best-practice-la-valutazione/)

A prescindere da questo è comunque innegabile che la crescente attenzione verso il 
mercato degli NPLs ha portato maggiore liquidità in questo microcosmo; in questo modo
si rischia però di creare una situazione paradossale nella quale metà del mercato è florida
e l'altra metà è in crisi! (vedi anche http://www.gma.it/it/npls-rischio-bolla-in-tempi-di-crisi/


Non facciamoci abbagliare, altrimenti i nostri NPLs torneranno ad essere NPLs!


GMA: comunicato stampa…scarica il pdf

GMA: presentazione aziendale…scarica il pdf

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota