sabato 9 luglio 2016

CONFERENZA CON UQUALLA - UOMO MEDICINA HAVASUPAI

Torna a Brescia UQUALLA - Sciamano della Tribù Havasupai - con una conferenza alla quale seguirà un corso di due giornate, dal titolo SPIRITUAL JOURNEY (Viaggio Spirituale)

Versione media immagineSPIRITUAL JOURNEY (VIAGGIO SPIRITUALE)
CONFERENZA CON UQUALLA
Medicine Man Havasupai

GIOVEDI' 21 LUGLIO 2016
ORE 20,30

INGRESSO LIBERO SU PRENOTAZIONE

«Sono un membro della Havasupai Tribe (popolo delle acque blu-verdi). Mio nonno era il Medicine Man Arthur Kaska; mia madre ha ricevuto la conoscenza delle tradizioni tribali: caccia, preparazione delle pelli e degli strumenti rituali, canti, danze … Ed ha passato tutti questi doni ai suoi figli. In generale, tutti gli eventi della vita sono il riflesso dei mondi personali. Il punto cruciale è quello di riuscire ad interpretarne i significati in modo adeguato ai tempi e alle età. Come consigliere spirituale ed entità cerimoniale riconosciuta sono chiamato a officiare benedizioni e guarigioni, matrimoni e nascite. Mi assistono nelle sessioni di guarigione, trasformazione e risveglio spirituale gli strumenti degli spiriti: piume d'aquila, ossa, piante medicinali, tamburi, zucche, fuoco, acqua. Alcuni mi chiamano uomo di medicina, saggio, narratore, guardiano delle tradizioni, sacerdote».



L'incontro si svolgerà presso la
LIBRERIA IL VELO DI MAYA
Via Rodi, 73 - BRESCIA
INFO E PRENOTAZIONI: 030-220352 - infoilvelodimaya@gmail.com

Letizia Navarro 
Ilvelodimaya

(Fonte: Fonte articolo)


venerdì 8 luglio 2016

ELEFANTI “NEL VORTICE (NON È FACILE)” È IL NUOVO SINGOLO IN ROTAZIONE RADIOFONICA DEL POWER DUO


 
Un pezzo semplice ma diretto, intellegibile e fruibile che si fa metafora di un’esperienza del quotidiano.
 
Nel Vortice (Non è facile)” è una canzone in cui la lingua italiana si sposa perfettamente con delle sonorità internazionali di forte impatto scenico. Tutto ruota intorno ad un perfetto equilibrio reso dalla commistione bilanciata di chitarra, basso e batteria.
 
«Il testo del brano nasce dal mio vissuto, una storia che mi ha toccato da vicino. Osservo molto ciò che mi circonda, la realtà è la migliore fonte di ispirazione, sempre». Francesco “Shamble” Arciprete (voce, chitarra e basso).
 
 
 
La canzone è accompagnata da un videoclip girato in un’area industriale ai margini di Bergamo, città dov’è iniziato il percorso artistico del gruppo. Il clip è stato diretto da Ivica Caglioni. Fulcro della storia è un misterioso rapimento, tra panoramiche suggestive e una narrazione davvero avvincente.
 
 
Il singolo rappresenta il preludio del primo lavoro in studio degli ELEFANTI dal titolo “Noi siamo elefanti”, prodotto da Francesco “James” Dini (The Last Fight, James and The Butcher) e Teo Cremaschi presso il 1901. Studio.
Il disco vuole essere una rappresentazione snella e fruibile di un concetto che rappresenti appieno i gusti musicali e il modo di scrivere e fare musica della band.
 
 
ELEANTI sono: Francesco “Shamble” Arciprete (voce, chitarra e basso) e Matteo “Teo” Belloli (batterista e seconde voci).
 
BIO
Il progetto ELEFANTI nasce dall’incontro tra Francesco “Shamble” Arciprete e Matteo “Teo” Belloli.
Il gruppo si forma a tutti gli effetti nell’autunno 2015, anche se l’idea di suonare insieme era nell’aria già dall’estate dello stesso anno.
Entrambi bergamaschi, i due musicisti hanno alle spalle precedenti esperienze prima di intraprendere la nuova avventura con il nome ELEFANTI.
Francesco “Shamble” Arciprete avvia la sua carriera come bassista dei Cheap Mondays, band nella quale suona dal 2006 a 2010 per poi approdare al gruppo Glass Cosmos, sempre al basso, fino agli inizi del 2015. In entrambi i gruppi canta anche come seconda voce.
Matteo “Teo” Belloli dal settembre del 2008 inizia a suonare la batteria all’interno della sua prima band. Conseguentemente viene scelto dai Glass Cosmos, dove incontra Francesco, fino allo scioglimento della band.
Arciprete e Belloli trovano, durante la loro ultima esperienza musicale, un affiatamento, una comunanza di ideali, valori, ambizioni, sogni ed una grande stima reciproca che fa decidere loro di intraprendere una nuova avventura. Da una prima formazione con più componenti, Francesco e Matteo scelgono di credere nella forza e nella potenza di suoni diretti e taglienti, ma soprattutto vogliono credere nelle loro forze. Nasce così il power duo ELEFANTI.
La band ha in cantiere un disco, prodotto da Francesco “James” Dini (frontman dei The Last Fight e del progetto James And The Butcher) e Matteo Cremaschi, presso il 1901. Disco, la cui uscita è prevista nei prossimi mesi. L’album è anticipato dal singolo “Nel Vortice (Non è facile)”, accompagnato da un suggestivo e adrenalinico videoclip diretto da Ivica Caglioni uscito, in esclusiva per Impatto Sonoro, il 1 marzo 2016.
 
 
 
 
Contatti e social:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Emozioni d'estate a Limone Piemonte

Limone Piemonte è la più meridionale tra le località che aderiscono al network Alpine Pearls, una collana di incantevoli Perle distribuite lungo l'intero arco alpino la cui la ricca offerta turistica si sposa con il rispetto dell'ambiente e la filosofia "slow" della mobilità dolce in vacanza. Seppur distante solo una sessantina di chilometri dal mare, Limone è una cittadina montana a tutti gli effetti, con il suo centro storico pedonale impreziosito dalle caratteristiche architetture alpine e una vocazione sciistica ed escursionistica di antica tradizione. Con l'arrivo dell'estate, Limone si trasforma in un'animata meta di villeggiatura in grado di soddisfare i gusti di tutti, dagli sportivi ai contemplativi, con un ricco calendario di iniziative da gustare nella cornice unica delle Alpi Marittime.

Pedalare a un passo dal cielo
Limone Piemonte sorge nel cuore di una regione storicamente interessata da intensi traffici militari e commerciali. La vicinanza della Liguria ha fatto sì che su queste montagne transitassero i preziosi carichi di sale destinati alle città francesi e italiane, lungo la millenaria Via del Sale. In quanto terre di confine, Limone e i suoi dintorni ospitano inoltre numerose postazioni e opere militari a testimonianza dei conflitti che hanno opposto l'Italia alla Francia negli ultimi due secoli. Questo ricco passato ha lasciato in eredità una fittissima rete di strade e mulattiere che si snodano in alta quota attraverso paesaggi incontaminati e quasi lunari, tra ponti, gallerie e ricoveri abbandonati i cui profili si fondono con la roccia delle montagne. I fondi ben mantenuti, le pendenze dolci e le lunghe distanze si prestano ottimamente ad essere affrontati in mountain bike, con numerosissime possibilità e varianti adatte a tutti i livelli di preparazione, e dislivelli che in poche decine di chilometri spaziano dai 2500 metri degli ultimi rifugi al mare. Da quest'anno è inoltre riaperta al pubblico la strada militare Limone-Monesi: 40 km di pura estasi a un passo dal cielo, completamente chiusi al traffico veicolare ogni lunedì e martedì della settimana. Presso l'attrezzato Bike Park gestito dalla Riserva Bianca alcuni dei numerosi impianti di risalita del comprensorio sciistico resteranno aperti anche in estate per gli amanti del downhill e del freeride.

Una palestra all'aria aperta
In estate i dintorni di Limone Piemonte e il vasto territorio tutelato del Parco naturale delle Alpi Marittime si trasformano in un'immensa palestra naturale all'aria aperta dove ritemprare i muscoli e lo spirito. I sentieri intorno al paese si sviluppano lungo i pendii erbosi con dislivelli dolci e panorami sempre differenti. Adatti a tutte le tipologie di escursionista - dalla famiglia con bambini al trekker piu' avventuroso - sono curati, ben segnalati e si percorrono in assoluta sicurezza dalla primavera all'autunno inoltrato. Anche gli amanti degli sport più "estremi" troveranno soddisfazione nel variegato e maestoso ambiente alpino che circonda la Perla piemontese: dalle vie ferrate all'arrampicata su roccia, dal canyoning alla canoa fino all'hydrospeed, le possibilità per gli appassionati sono innumerevoli e segnalate da apposite pubblicazioni. Numerose associazioni sportive operano a Limone e nei comuni limitrofi per accompagnare neofiti ed esperti alla scoperta delle opportunità offerte dal territorio.

Il treno delle meraviglie
Limone Piemonte è una delle pochissime località alpine italiane direttamente raggiunte dalla ferrovia. La linea Ventimiglia-Limone, il cui progetto fu avviato per volontà del conte Camillo Benso di Cavour a metà del XIX sec., è un tracciato di poco meno di 100 km che dal mare sale velocemente agli oltre 1.000 m del Col di Tenda, sul confine italo-francese, per poi entrare nel paese di Limone e da lì proseguire fino a Cuneo. Oltre a essere un'opera di rara perizia tecnica, il "treno delle meraviglie" percorre una delle valli più suggestive, selvagge e ricche di storia in Europa: la Val Roia, che per millenni ha rappresentato lo sbocco naturale tra il Piemonte e il mare. Raggiungere Limone in treno significa immergersi in un paesaggio incantato in modo sostenibile e rispettandone i delicati equilibri.

Musica sull'acqua
Salendo da Limone Piemonte con la telecabina Bottero, in soli 20 minuti di cammino si raggiungono le acque smeraldine del lago Terrasole, immerso in un anfiteatro naturale a 1750 m di quota. Durante il mese di agosto il laghetto si trasforma in un suggestivo palcoscenico dove natura e musica si fondono, con una serie di concerti all'aperto che vedranno alternarsi artisti di diversi generi. Il primo appuntamento, sabato 31 luglio, è dedicato alla musica country e bluegrass. Seguiranno, nei sabati successivi, il jazz di Sandy Patton, la musica occitana di Lou Dalfin con balli tradizionali in riva al lago e, per finire, i canti della tradizione alpina nell'interpretazione del tenore Michelangelo Pepino. Nei mesi di luglio e agosto si susseguiranno appuntamenti e rassegne musicali anche per le strade del paese: concerti d'organo presso la chiesa parrocchiale, aperitivi musicali con esibizioni dal vivo, ensemble vocali e gruppi di ottoni.

(Ufficio Stampa Alpine Pearls Italia: OfficineKairos.it)

giovedì 7 luglio 2016

MISERO SPETTACOLO “MWM” é IL NUOVO SINGOLO ESTRATTO DALL’ALBUM “PORCI, PECORE E PIRATI” PATROCINATO DALLA FONDAZIONE CENTRO STUDI – ARCHIVIO PIER PAOLO PASOLINI

 
La canzone parte dall’idea di raccontare una storia d’amore annichilita da un lutto, e con un’imprevedibile ironia, inizia ad indagare sul concetto di verità che segna in maniera indelebile la vita dell’essere umano.
 
Nella parte finale, la canzone, nella ricerca disperata della verità, si affianca alla parallela mutazione antropologica letta come una inevitabile conseguenza culturale. (cfr. “Lo storico discorsetto di Castelgandolfo” – Scritti Corsari).
 
 
 
 
 
Il singolo fa parte del disco “Porci, pecore e pirati” (un concept album per la precisione), patrocinato dalla Fondazione Centro Studi - Archivio Pier Paolo Pasolini che ha proclamato in anteprima il progetto di Interesse Culturale in quanto “opera interessante e originale per come fonde ironia e satira e critica della società edonistica dei consumi, con sincerità e vivacità” (R.Chiesi – Centro Studi – Archivio P.P.Pasolini), è un’opera di musica popolare moderna e cantautorale interamente ispirata al pensiero pasoliniano, ricca di omaggi e riferimenti ad uno dei più grandi intellettuali e artisti che l’Italia possa vantare.
 
Un bel lavoro che non è per niente scontato né facile. Di sicuro un ascolto per chi dalla canzone d’autore cerca il gusto letterario e sociale invece di fermarsi al mero estetismo sonoro”. Paolo Tocco – RAROPIU’
Album denso, attualissimo, intelligente,(…) vestito però di un abito musicale fresco e molto accattivante, per un prodotto di alto livello, in grado di soddisfare sia il pubblico più affezionato a sonorità ed impostazioni classiche che coloro che sono più attratti da un sound moderno, senza tralasciare però i contenuti”. Denis Caffarel – Riforma.it
La canzone d’autore veste di nuovo panni partigiani e, grazie alla pungente penna del Misero Spettacolo, si fa musica per le orecchie di tutti”. Marco Vittoria – Ventonuovo
Disco monumentale e caratteristico per la musica d’autore, che si propone di far conoscere in chiave musicale il pensiero di Pierpaolo Pasolini, un disco ambizioso, ma riformatore per certi versi del cantautorato così come lo conosciamo oggi, che butta uno sguardo ai grandi del passato e che sapientemente consegna al futuro un concetto, un’essenzialità di fondo che va ben oltre tutte le parole del conoscibile”. IndieperCui
La bella canzone d’autore dei Misero Spettacolo non è una canzone radiofonica da consumare nel giro di qualche ritornello facile; invece c’è teatro, musica, parole. Canzone d’autore come il vero senso di questa espressione vorrebbe che sia”. Luca Marsi – Fullsong
Il mondo circense, quello rock indie, quello pop leggero italiano. Quello che scivola via se non lo fermiamo a sottolinearne testi e momenti. Pratica ormai diventata assai rara…”. Alessio Primio – 100decibel
Una canzone impegnata socialmente e non politicamente, testi pregni di parole importanti che, come ambizione, hanno solo quella di trasporre in musica concetti profusi a volontà dalla letteratura Pasoliniana”. BlogdellaMusica
Una bellissima prova autorale in un’era che forse avrebbe più bisogno di concept album di questo tipo che di mercificazioni radiofoniche per i grandi media”. LoudVision
E se lasciamo perdere la forma canzone formattata per il consumismo radiofonico, scopriremmo quanto peso c’è dietro ogni singola parola. Si chiama musica gente…”. RadioTweetItalia
Un album che non è affatto destinato a un consumo di sottofondo, ma che va ascoltato, assorbito e in qualche modo vissuto e studiato. Come a dire, bambini, fate attenzione, questo è un disco che scotta”. Alessandro Riva – Musicletter
Ottime sonorità vintage, jazz e cantautorato condito dalla salsa agrodolce dell’ironia e della satira italiana sul nostro stesso Paese a forma di stivale (stivale che sembra prenderci a calci). (…) Considero l’album di “fantozziana memoria” e lo consiglio caldamente”. Vanni Versini – Onda Musicale
E’ un’opera certamente molto ispirata: il tentativo ambizioso di entrare nei meandri del pensiero pasoliniano è perfettamente riuscito e il disco, che si lascia ascoltare senza grosse difficoltà, trova il suo punto di forza nei testi, da leggere e comprendere con attenzione”. Piergiuseppe Lippolis- MusicMap
Un lavoro di accattivanti metriche, dall’interessante rock epico. L’ironia pungente e di ingegnoso intelletto, percorre l’intera composizione di Porci, pecore, pirati”. Rosa di Girolamo – MyDreams.it
 
BIO
Misero Spettacolo è un progetto del cantautore Beppe Tranquillino (Giuseppe Tranquillino Minerva), già compositore, arrangiatore e produttore di altri progetti e colonne sonore. Formato da 5 musicisti e numerose collaborazioni, il progetto esplora il cantautorato tra musica, teatro, poesia e filosofia. Dopo aver calcato i palchi dei migliori festival musicali, vengono contattati dal produttore artistico Gabriele Rustichelli della Zeta Promotion. Prodotto dallo Zeta Factory e distribuito dalla Venus Distribuzione, nel 2007 vede la luce il loro disco d'esordio "Tutto è un'opinione" (concept album che ruota attorno alla "Teoria della Relatività"), accolto come uno tra i migliori esordi del 2007 e che porta il progetto ad esibirsi in in circa 250 concerti.
Nel 2010 pubblicano, sempre per Zeta Factory e Venus Distribuzione, il loro secondo concept album di 15 brani inediti "L'Inconcepibile" (concept album che stavolta ruota attorno al "Secondo Principio della Termodinamica") considerato dalla critica specializzata un autentico capolavoro, un bagno di energia e intelligenza, un'opera originale e profonda.
Il disco viene anticipato dall'uscita del videoclip "La maculata di Laura" scritto, diretto e prodotto dai Manetti Bros e dall'apparizione televisiva su Rai2 per la terza stagione della serie tv L'ispettore Coliandro, per la quale i Misero Spettacolo compongono anche parte della colonna sonora e scrivono la canzone originale "La druda e il soldato" cantata con l'attrice Raffaella Rea.
Nel 2010 musicano la poesia "Primo Settembre di Noie" del poeta Mario Moroni tratta dalla raccolta "Il primo passo" (edizioni Memoria del Mondo).
Nel 2011 musicano i contenuti speciali e backstage della terza stagione de L'ispettore Coliandro pubblicata in un cofanetto DVD da RaiTrade.
Nel febbraio 2012 Beppe Tranquillino scrive ed inizia a presentare una trasmissione radio su Ok Radio intitolata "L'Italia dei Pensatori", scritta e ideata per i Misero Spettacolo ed ispirata al pensiero pasoliniano. Nasce così, diventando sigla della trasmissione, la prima canzone del disco intitolata “L'Italia dei Pensatori”.
Nel 2013 vince il Premio Speciale "Inedito" al Salone del Libro di Torino per il testo de "L'Italia dei pensatori".
Lo stesso anno esce in anteprima per XL REPUBBLICA il nuovo singolo "Il prezzo da pagare" accompagnato da un fortunato videoclip in stop-motion.
Da anni Beppe Tranquillino con la collaborazione dei Misero Spettacolo compone e realizza colonne sonore tra le quali ricordiamo le musiche composte per il documentario "Tonino Guerra - Poeta del cinema" (insieme ad Andrea Guerra) e la serie televisiva Rai "Community".
 
 
Contatti e Social:

Triumph Group International con Ducati per un WDW2016 da record

Si è conclusa con un'affluenza record la nona edizione del World Ducati Week, il lungo weekend di moto, musica e adrenalina che, dall’1 al 3 luglio 2016, ha tinto di rosso il Misano World Circuit “Marco Simoncelli”. La Community dei Ducatisti, proveniente da tutto il mondo e chiamata a raccolta dalla Casa di Borgo Panigale, ha celebrato e condiviso la passione e l’entusiasmo per Ducati facendo registrare numeri da brivido: oltre 81.000 presenze.

 

Dietro questo grande successo c’è il contributo di Triumph Group International, sempre più attiva nell’organizzazione di eventi legati al mondo dello sport e dei motori. Il gruppo guidato da Maria Criscuolo, attraverso il lavoro di un intero staff dedicato, ha contribuito alla riuscita del WDW2016 – impreziosito, tra le altre cose, dalla celebrazione del novantesimo compleanno di Ducati - gestendo gli allestimenti e una parte delle attività di intrattenimento del villaggio costruito all’interno del Circuito di Misano.

 

Decisamente significative anche le cifre relative agli spazi: Triumph Group International ha contribuito alla realizzazione delle strutture del paddock principale del circuito di Misano, dove hanno preso vita un numero significativo di attività e iniziative per i partecipanti al raduno. In particolare, Triumph Group International ha curato la progettazione e l’allestimento della speciale “Closed Room” dedicata all’anteprima mondiale della nuova Supersport Ducati, la realizzazione dello stand Lamborghini e, all’interno di tutta l’area del villaggio, l’ideazione e la realizzazione della prima edizione degli ”International Biker Games”, una serie di giochi che hanno coinvolto i dipendenti Ducati e i D.O.C. (Ducati Owners Club) appassionando il pubblico per l’intera durata della manifestazione.

 

Il WDW si conferma un evento unico anche per il grande coinvolgimento aziendale: tutti i dipendenti Ducati hanno partecipato attivamente alla sua riuscita, sia in fase di preparazione che durante i tre giorni. Non solo partecipazione, ma anche sostenibilità: il raduno ha infatti ricevuto la certificazione ISO 20121 per il Sistema di Gestione Sostenibile degli Eventi e, oggi, rappresenta il primo esempio di evento sostenibile certificato nell’ambito delle due ruote.

 

Questi i numeri principali registrati dal WDW2016: oltre 81.000 partecipanti provenienti da 66 Nazioni, 159 Ducati Owners Club provenienti da 38 Nazioni, oltre 7.000 persone coinvolte all’interno dell’International Village, 5.000 visite all’interno della “Closed Room”, 310 giornalisti presenti (170 italiani e 140 stranieri). Infine, grande successo per lo “Scrambler Party”, serata organizzata da Triumph Group International insieme a Ducati all’interno dello storico Aquafan di Riccione.

 

Accumulo Virtuale, con Invent dimezzati i tempi di rientro dell'investimento

Grazie a "RicaricaLuce", Invent diventa fornitore anche di energia, oltre che di impianti fotovoltaici.
Realizzata una card che di fatto permette ai proprietari di fotovoltaico domestico di avere una sorta di "accumulo" virtuale, dimezzando i tempi di rientro dell'investimento

L'autoconsumo e la generazione offgrid hanno da oggi un alleato in più. Nell'era post Conto Energia, c'è un'azienda che ha saputo cogliere la sfida dettata dalla fine degli incentivi al fotovoltaico, come un'occasione per reinventarsi e offrire ai consumatori una nuova via per tagliare il caro bolletta. Parliamo di Invent srl, marchio leader per la produzione di pannelli fotovoltaici, divenuta da gennaio 2015 anche fornitore di luce e gas per le utenze domestiche. Unico player nel mercato energetico italiano ad avere questa doppia natura, Invent è entrato nel settore con un'iniziativa all'insegna dell'innovazione: Energygate.
L'idea è quella di abbinare i moduli fotovoltaici a delle "Ricariche Energetiche" per la bolletta.

Cosa sono le "Ricariche Energetiche" Invent?
Se la prima cosa che viene in mente è l'assonanza con le ricariche della telefonia mobile, è perché il concetto non è troppo dissimile. Invent, attraverso l'operazione EnergyGate, propone delle card che costituiscono delle vere e proprie riserve di energia (come kWh per "Ricarica Luce" o in metri cubi di gas per "Ricarica Gas" – solo materia prima) pronte all'utilizzo.

Nel dettaglio attraverso RicaricaLuce viene aumentata l'energia disponibile di ogni modulo fotovoltaico Invent dotandolo di un accumulo virtuale di 1.500 kWh (solo materia prima) suddivisi in:

  • 10 anni (150 kWh/anno per modulo) in caso di utenze domestiche (modulo serie Q e QHP)
  • 20 anni (75 kWh/anno per modulo) in caso di utenze business (modulo serie Q-B e QHP-B)*

Questa energia, a differenza di quella prodotta direttamente dal modulo, può essere utilizzata in qualunque momento, senza obbligare dunque l'utente a pagare alla rete l'elettricità (materia prima) di cui ha bisogno quando l'impianto fotovoltaico non produce.
Con il sistema delle ricariche energetiche, infatti l'utente autoconsumerà, come prima, l'energia prodotta, guadagnerà dalla vendita di quella in esubero immessa in rete e non pagherà più l'energia acquistata dalla rete fino a esaurimento della "Ricarica" massimizzando i profitti e dimezzando i tempi di rientro dell'investimento.

Ad esempio in un impianto da 3 kWp con moduli Invent vengono messi a disposizione dell'utente, sotto forma di ricarica, ben 18.000 kWh (1.500 kWh/modulo x 12 moduli in 10 anni, di materia prima) e tutto questo senza alcun incremento di costo dell'impianto. Unico requisito: attivare le forniture con Invent.
Un modulo da 250 Wp ben orientato produce, al Nord Italia, circa 300 kWh/anno. Aumentare la disponibilità di energia attraverso la RicaricaLuce equivale a un incremento complessivo del 50%.

* le serie Q-B e QHP-B godono di una tolleranza sulla potenza 0/+10% e la potenza viene garantita almeno al 70% al 30° anno di vita del modulo.

Per informazioni:  www.inventsrl.it 

Invent fotovoltaico numero verde

Invito - comunicato stampa

 

INFO

 

Artista: Magdalena Correa

 

Genere: arte contemporanea. Mostra personale.

 

A Cura: Marianne Wild

 

Coordinamento Enzo De Leonibus

 

Sede: MuseoLaboratorio-ex manifattura tabacchi

Vico Lupinato 1, 65013 - Citta' Sant'Angelo (PE)

 

Inaugurazione: venerdi 15 luglio 2016 ore 19,30

Durata della mostra: 15 luglio / 10 settembre 2016

Apertura: tutti i giorni dalle 19,00 alle 23,00 – chiuso lunedì e martedì

 

 

 

 

 

 

Magdalena Correa (Cile, 1968) è un'artista visiva che predilige la fotografia e la video installazione, si è formata tra Santiago del Cile e Barcellona (Spagna).

Nella sua personale in Italia presso il Museolaboratorio –exmanifattura Tabacchi l'artista presenterà le foto del progetto La Riconada e cinque videoinstallazioni: "Patagonia" (2006), Fanfarria (2009),

 

Marianne Wild

 

Marianne Wild Arte Contemporanea UnicA

 

I-66010 – Ripa Teatina

CH-8001 - Zürich

 

 

 

La galleria Marianne Wild Arte Contemporanea Unica, ha il piacere di invitarti alla mostra dell'artista chilena Magdalena Correa

Artista: Magdalena Correa

 

Genere: arte contemporanea. Mostra personale.

 

A Cura: Marianne Wild

 

Coordinamento Enzo De Leonibus

 

Sede: MuseoLaboratorio-ex manifattura tabacchi

 

Inaugurazione: venerdi 15 luglio 2016 ore 19,30

Durata della mostra: 15 luglio / 10 settembre 2016

Apertura: tutti i giorni dalle 19,00 alle 23,00 – chiuso lunedì e martedì

 

info: galleria.unica@gmail.com

 

Comunicato Stampa AiFOS: workshop a Bergamo su formazione e sicurezza

Comunicato Stampa

Sicurezza sul lavoro: workshop per una formazione più efficace

A Safety Expo 2016 a Bergamo dal 21 al 22 settembre AiFOS organizza sei workshop per rendere più efficace la formazione alla sicurezza: le competenze del formatore, la gestione emozionale, l'age management e le tecniche e metodologie di formazione.

 

Gli ultimi dati sulla sicurezza sul lavoro mostrano come in Italia si assista ad un aumento degli infortuni mortali (94 in più nel 2015 rispetto al 2014) e delle malattie professionali. Ed è dunque evidente come sia necessario che si moltiplichino in Italia i momenti, le occasioni, i luoghi in cui si possa riflettere sulle strategie e tecniche di prevenzione nel nostro paese.

 

E sicuramente un luogo idoneo per farlo è la manifestazione "Safety Expo 2016", una manifestazione che si tiene a Bergamo dal 21 al 22 settembre 2016 e che affronta insieme gli aspetti della prevenzione incendi e dell'igiene e sicurezza sul lavoro.

 

In questi due giorni di confronto tra professionisti, aziende e istituzioni, si affronterà un altro aspetto essenziale per il miglioramento della prevenzione: la qualità e l'efficacia della formazione alla sicurezza.

 

Quali sono le competenze necessarie al formatore qualificato? Come acquisirle? Quali sono le metodologie e le tecniche più innovative ed efficaci per il formatore? Come formare in relazione al tema delle emergenze e all'età dei lavoratori?

 

Per rispondere a queste domande l'Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (AiFOS) ha organizzato a "Safety Expo 2016" una serie di workshop tematici dedicati al mondo della formazione e un convegno per i formatori AiFOS (il convegno si terrà il 22 settembre, dalle 15.30 alle 16.30, presso la Sala A).

 

In questi workshop l'Associazione AiFOS raccoglie e presenta i frutti dell'ingente investimento, in termini di ricerca, risorse, idee, competenze, messo in campo in questi anni per migliorare la formazione alla sicurezza nei luoghi di lavoro. Gli incontri saranno anche l'occasione per sperimentare nuove tecniche e metodologie che possono facilitare e rendere più efficaci i percorsi formativi.

 

Presentiamo i sei workshop:

 

La prevenzione soggettiva e le competenze del formatore qualificato

La prevenzione alla sicurezza si sta sempre più spostando da "oggettiva", inerente quindi l'utilizzo dei dispositivi di protezione e l'applicazione di procedure di lavoro, alla prevenzione "soggettiva", che mira ad innalzare la cultura e il senso di responsabilizzazione di tutti i soggetti della sicurezza.

Per far ciò è indispensabile che il formatore sia qualificato ed in grado di incidere sul modo di pensare del lavoratore, che agisca, cioè, sulla percezione del rischio e sull'educazione.

Il formatore efficace deve essere quindi un "motivatore di cambiamenti".

A cura di: Adele De Prisco, Consigliere Nazionale AiFOS e formatrice qualificata

Mercoledì 21 settembre 2016 -  dalle 09.15 alle 11.15 - Sala corsi 1

 

Il debriefing come tecnica di formAzione degli operatori

Al termine di un avvenimento traumatico è importante fare un debriefing di ciò che è accaduto.

Con il termine debriefing, si intende un momento di riflessione e di analisi di fatti, di pensieri ed emozioni allo scopo di eliminare o alleviare le conseguenze emotive generate da queste tipologie di situazioni.

A cura di: Rossella Torretta, psicologa, psicoterapeuta e psicoanalista; Stefania Ambrosio, psicologa e psicoterapeuta

Mercoledì 21 settembre 2016 -  dalle 11.30 alle 13.30 - Sala corsi 1

 

La formAzione per la gestione emozionale delle emergenze. Un caso di studio

Nelle situazioni d'emergenza vengono attivati da parte delle persone coinvolte diversi meccanismi che possono scaturire in situazioni negative o positive.

È necessario dunque prestare attenzione alle reazioni individuali e collettive che si possono verificare di fronte a situazioni di pericolo.

Un' idonea preparazione della squadra d'emergenze aziendale ed una formazione mirata di tutti i soggetti coinvolti permette di gestire al meglio questi interventi.

A cura di: Massimiliano Longhi, disaster manager e formatore qualificato AiFOS ; Rossella Torretta, psicologa, psicoterapeuta e psicoanalista; Stefania Ambrosio, psicologa e psicoterapeuta

Mercoledì 21 settembre 2016 -  dalle 14.45 alle 16.45 - Sala corsi 1

 

Dire, fare, ispirare la sicurezza

Gli interventi di tipo organizzativo agiscono direttamente sui fattori di rischio relativi al contenuto e al contesto del lavoro. Gli interventi a livello individuale mirano a promuovere efficaci strategie di coping e di resilienza individuale.

Il workshop mira a presentare nuove pratiche di prevenzione, partendo dal concetto di "prevenzione soggettiva" (fattore umano, comportamenti sicuri, cultura della sicurezza, dinamiche di gruppo) e introducendo alcune tecniche del training teatrale, presentando case history, esercitazioni esperienziali.

A cura di: Elisabetta Maier, Responsabile Nazionale AiFOS settore Formazione Formatori, Psicologa del lavoro e delle organizzazioni

Giovedì 22 settembre 2016 -  dalle 09.15 alle 11.15 - Sala corsi 1

 

Metodologie di formAzione

Il workshop è rivolto ai formatori che intendono sviluppare le capacità necessarie per una corretta conduzione dell'aula ed acquisire strumenti utili per la facilitazione dell'apprendimento.

Un secondo obiettivo è incrementare la capacità di analisi dei bisogni formativi, per la progettazione di interventi sempre più orientati alle esigenze del cliente e dell'aula, fatto salvo il rispetto della normativa di riferimento.

A cura di: Alessandra Marconato, Coach e Trainer nell'area del comportamento organizzativo

Giovedì 22 settembre 2016 -  dalle 11.30 alle 13.30 - Sala corsi 1

 

Formazione ed age management: prospettive per il futuro

La popolazione lavorativa in Italia ed in Europa sta invecchiando e chi si occupa di salute e sicurezza sul lavoro deve considerare questo aspetto nello svolgimento delle attività di valutazione dei rischi.

Nell'ambito della Campagna Europea della sicurezza 2016-2017 "Ambienti di lavoro sani e sicuri ad ogni età" il workshop si propone di fornire cenni per effettuare la valutazione di rischi che tenga conto del fattore età in relazione ai pericoli presenti sul luogo di lavoro e per sperimentare tecniche di formazione progettate per lavoratori giovani ed ageing.

A cura di: Nicola Corsano, Consigliere Nazionale AiFOS e formatore qualificato

Giovedì 22 settembre 2016 -  dalle 14.30 alle 16.30 - Sala corsi 1

 

Questo è il link per avere ulteriori informazioni:

http://aifos.org/home/eventi/fiere/fiere/safety-expo-2016

 

Tutti gli eventi sono validi come aggiornamenti per RSPP e ASPP di tutti i macrosettori Ateco, per RLS e per Formatori. La partecipazione è libera e gratuita fino al raggiungimento del numero massimo di partecipanti (30 unità).

 

 

Per informazioni:

Sede nazionale AiFOS: via Branze, 45 - 25123 Brescia c/o CSMT, Università degli Studi di Brescia tel.030.6595031 - fax 030.6595040 www.aifos.it   - info@aifos.it  - convegni@aifos.it

 

 

07 luglio 2016

 

 

Ufficio Stampa di AiFOS

ufficiostampa@aifos.it

http://www.aifos.it/

Se non vedi la newsletter, clicca qui

KRIZIA ALÌ: "PARTE TUTTO DA QUI" È L’ALBUM D’ESORDIO PRODOTTO DA VINN CAMPOREALE IN USCITA IL 17 MAGGIO

Un progetto che nasce come preludio artistico di un percorso musicale in ascesa.
 
 
Parte tutto da qui” è il progetto musicale di Krizia Alì, giovane cantante emergente di grande talento, prodotto da Vinn Camporeale per Stay Record, testi di Aystarr.
 
 
TRACK BY TRACK
 
1. Tra le righe - Brano che parla della musica, della passione di chi desidera cantare e raccontare, per incitare gli altri.
 
2. Occhi al cielo - Sentirsi liberi di muoversi sopra un groove funky per celebrare l’amore per la musica.
 
3. Non sei tu – Un incentivo a non arrendersi e credere nell’amore senza limiti e paure nonostante le delusioni che possono arrivare.
 
4. Fuori dalla città – La perfetta colonna sonora per i viaggi più spensierati.
 
5. La pioggia non cancella mai – La canzone più dolce dell’album che mette in luce le sfumature sensibili più nascoste dell’artista.
 
6. Libertà - Siamo tanti e dispersi tra mille strade che dovrebbero unirci ed invece ci dividono. Persi e senza una guida cerchiamo la libertà “ma basterebbe alzare lo sguardo e guardare un cielo fuori città per capire che se lo vogliamo possiamo essere davvero liberi”.
 
7. Io vagabondo – La cover di una grande canzone del passato, un omaggio al proprio paese di origine.
 
8. Via dei ciclamini – Un’altra reinterpretazione, questa volta di un brano che nasconde un tema molto discusso ed importante in Italia, la riapertura delle case chiuse.
 
9. I know you wanna dance - Questa è la versione inglese di "Occhi Al Cielo".
 
10. Not this love - La versione inglese di "Non Sei Tu".
 
 
BIO
Krizia Procopio in arte "KRIZIA ALì" ha 21 anni e nasce a Catanzaro. Attualmente studia Interpretariato e comunicazione presso l'università IULM di Milano, dove vive da 3 anni.
Sempre a Milano incide un pezzo inedito seguita dal produttore Vinn Camporeale presso la StayRecord con cui gira anche il primo videoclip "Non sei tu", e subito dopo quello di “Fuori dalla città”.
Parte tutto da qui” è il primo progetto discografico. 
 
Ascolta e acquista su i-tunes l’album in digitale:
 
 
Etichetta: Stay Record
Distribuzione: Pirames International srl.
 
 
 
CONTATTI E SOCIAL
 

 

Shop.vitaflorbio.it, le gemme Vitaflor sbocciano sull’online

B2X-Gruppo ISED S.p.A. porta nell'ecommerce l'esclusiva linea di gemmoderivati madre biologici Vitaflorbio, brand di Nutrition&Santé. Da oggi infatti, all'indirizzo shop.vitaflorbio.it sarà possibile acquistare i prodotti biologici per la gemmoterapia, pratici da usare e adatti a tutti, anche ai bambini e alle donne in gravidanza (per maggiori chiarimenti, potete chiedere consiglio al vostro naturopata o al vostro farmacista).
La gemmoterapia è una branca della fitoterapia, che utilizza specifiche parti della pianta: le gemme, che rappresentano un vero e proprio concentrato di tutte le proprietà della pianta.
I gemmoderivati sono ottenuti dalla macerazione delle gemme in una soluzione di acqua, alcol e glicerina.
La composizione biochimica delle gemme, più ricca rispetto ad altre parti della pianta, fornisce un ventaglio di azioni più ampio, e per questo l'efficacia fisiologica dei gemmoderivati è ritenuta significativa rispetto ad altri estratti fitoterapici.

La miniguida alla gemmoterapia, consultabile e scaricabile dallo shop, conduce alla scoperta delle proprietà delle piante (tratta dalla Guida alla gemmoterapia, ed. Riza)e illustra l'ABC delle patologie e i relativi rimedi, da utilizzare nel contesto di un regime di automedicamentazione ragionevole e da considerare non sostituibile con un parere medico.


Su shop.vitaflorbio.it è inoltre presente una sezione "gemmoterapia" che permette di scoprire quale gemma sia possibile associare alle principali problematiche fisiologiche.
Tante e piacevoli le sorprese che Vitaflor ha riservato ai propri clienti:
● con il primo acquisto, a coloro che si registreranno al sito, sarà dato in omaggio il libro La forza curativa di gemme e germogli (ed. Riza)
●l'iscrizione alla newsletter dà diritto a un buono sconto di 5 euro da utilizzare sul primo acquisto
●le spedizioni sono gratuite per acquisti a partire da 30,00 euro.

Cosa aspetti? Scopri i benefici naturali di Vitaflorbio su Shop.vitaflorbio.it!


Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota