giovedì 22 dicembre 2016

Fermarono i Cieli. A Cori il Concerto di Natale con Mimmo Epifani

Appuntamento lunedì 26 Dicembre, alle ore 18:00, nella Chiesa di Sant'Oliva. Ingresso gratuito. Il noto musicista ed etnomusicologo Mimmo Epifani presenterà una serie di canti e musiche di Natale suonati in acustico con gli strumenti a plettro tradizionali che accompagnavano in passato le novene nel periodo natalizio: mandole, mandolini, mandoloncello, ciaramelle e zampogne, con l'intermezzo di storie e aneddoti legati alle tradizioni popolari del Natale nel mondo.

A Santo Stefano la città di Cori accoglierà ancora una volta Mimmo Epifani che porterà nella Chiesa di Sant'Oliva il suo Concerto di Natale 'Fermarono i Cieli', organizzato dalle associazioni culturali 'Tres Lusores' e 'Festival della Collina', con il contributo della Banca di Credito Cooperativo di Roma – Agenzia di Cori - e DEL PRETE Servizi Ambientali, patrocinato dal Comune di Cori e dalla Pro Loco Cori. L'appuntamento è per lunedì 26 Dicembre, alle ore 18:00. Ingresso gratuito.

Il noto musicista ed etnomusicologo Mimmo Epifani presenterà una serie di canti e musiche di Natale suonati in acustico con gli strumenti a plettro tradizionali che accompagnavano in passato le novene nel periodo natalizio: mandole, mandolini, mandoloncello, ciaramelle e zampogne, con l'intermezzo di storie e aneddoti legati alle tradizioni popolari del Natale nel mondo. Con Mimmo Epifani (mandolino), ci saranno Giuseppino Grassi (mandola e voce), Antonio Tomei (chitarra battente, mandola), Marilena Gragnaniello (voce recitante, percussioni), Tiziana D'Angelo (voce recitante, percussioni).

Parte del repertorio proposto affonda le sue radici intorno alla metà del Settecento quando Alfonso Maria de' Liguori, fondatore dell'ordine dei Padri Redentoristi, cominciò ad accompagnare il suo lavoro pastorale fra i poveri del Regno di Napoli, con la pratica di alcune 'canzoncine' spirituali composte sia in dialetto che in italiano. Si trattava di canti dall'impianto semplice che traevano spunto da temi popolari con cui il missionario insegnava ai 'lazzari' i fondamenti del cristianesimo, facendoli diventare protagonisti di cerimoniali liturgici mediante la creazione di appositi gruppi di preghiera.

Molte di queste 'canzoncine' erano legate al ciclo delle festività natalizie; fra queste alcune divennero famosissime come 'Tu scendi dalle stelle', 'Quanne nascette ninno' e 'Fermarono i cieli'. In particolare 'Tu scendi dalle stelle', composta intorno al 1754, riscosse un successo straordinario tanto che nel 1769 venne pubblicata e diffusa sul tutto il territorio nazionale diventando così il primo esempio di canzone italiana. Il successo editoriale favorì la formazione di un genere musicale specifico assai originale ed innovativo in quanto introduceva in ambito popolare l'uso di strofe, ritornelli e interludi strumentali.

In breve tempo questo repertorio tipico delle canzoncine spirituali, accompagnato dalla zampogna gigante (alta quasi due metri) diffusasi nel Regno di Napoli a partire dalla fine del Settecento proprio per tale scopo, si diffuse in ogni regione italiana diventando protagonista dei tanti rituali del ciclo dell'Avvento, caratterizzandosi per la presenza di ninna nanne, pastorali per zampogne, canti agiografici, filastrocche, canti di questua. Gran parte di questa produzione di musica sacra popolare è andata perduta. Fa eccezione il repertorio di canti per zampogna che rappresentano, nei casi in cui hanno conservato il tratto originario autentico, uno straordinario esempio di misticismo musicale popolare.

Marco Castaldi

Addetto Stampa & OLMR

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota