venerdì 16 settembre 2016

Domani alle Piazze dei Sapori, l'Amatriciana benefica per la ricostruzione

Comunicato Stampa Confesercenti Vicenza


“Un’Amatriciana per Amatrice”: domani alle Piazze dei Sapori

un primo piatto per aiutare le imprese nelle zone colpite dal sisma

 

L’iniziativa di solidarietà Confesercenti e di Associazione Città del Vino.

Domani, sabato 17 settembre dalle 19 alle 22 a "Le Piazze dei Sapori 2016", mostra mercato dei prodotti della tradizione italiana ed europea proposta da Confesercenti Vicenza in Piazza dei Signori e Piazza Biade, sarà possibile contribuire alla raccolta fondi per Amatrice e le zone colpite dal terremoto, gustando presso lo stand gastronomico un piatto di pasta all’Amatriciana. L’offerta che si chiederà è di 5 euro, somma che sarà interamente devoluta alla ricostruzione delle zone colpite dal sisma, sostenendo così il Fondo di Solidarietà per le imprese commerciali e della ristorazione e aiutando concretamente la ripresa lavorativa di quei territori.

L’iniziativa verrà realizzata grazie alla partecipazione dell’Istituto Alberghiero Almerico da Schio di Vicenza e a un gruppo di studenti delle classi quarte e quinte che si sono resi disponibili per la preparazione del piatto e la distribuzione. Li accompagneranno alcuni docenti ma saranno i ragazzi a concretizzare questa bellissima azione di solidarietà, utilizzando strumenti e ingredienti messi a disposizione da Confesercenti Vicenza.

 “Siamo contenti di essere riusciti a far partire questa iniziativa, non è stato semplice ma è per noi un impegno importantissimo. Ora speriamo che la città di Vicenza risponda a questo invito, gustare la Pasta all’Amatriciana ha un valore duplice, in primis, domani vuol dire aiutare i territori colpiti dal sisma ma significa anche ripartire dalla grande tradizione, dalla storia e dalla cultura che quelle città e quei luoghi racchiudono in sé” spiega Vincenzo Tamborra Presidente di Confesercenti Vicenza

Questa iniziativa trova forma proprio nella settimana tra il 12 e il 18 settembre, in cui in tutta Italia molti ristoratori offriranno nel loro menu, una amatriciana per la ricostruzione. Tutti i clienti che in quella giornata ordineranno il piatto, contribuiranno a sostenere la ripartenza delle imprese delle zone colpite: l’importo pagato, infatti, verrà devoluto interamente dai ristoratori in un fondo (IBAN IT 23A 03127 03200 000000015000) finalizzato alla ricostruzione e al sostegno delle attività della ristorazione, del commercio e della ricettività dei comuni di Amatrice, Accumuli, Arquata del Tronto e Pescara del Tronto. E’ questo l’obiettivo di “Un’Amatriciana per Amatrice” (#UnAmatricianaPerAmatrice), il progetto di solidarietà messo in campo dagli imprenditori di Confesercenti in collaborazione con l’Associazione Nazionale Città del Vino, che riunisce i 450 comuni a vocazione enogastronomica del nostro Paese, per dare un contributo concreto alla ripartenza delle attività del territorio colpito dal sisma, dalle cui tradizioni è nato uno dei piatti più noti e rappresentativi della cultura e sapienza enogastronomica italiana. L’auspicio è di arrivare a servire oltre 100mila amatriciane. L’iniziativa è aperta a tutti i ristoratori, non solo italiani. Per aderire sarà sufficiente registrarsi online su www.unamatricianaperamatrice.it per ottenere le locandine ed il materiale informativo relativo alla procedura da adottare, in italiano e anche inglese.

L’Amatriciana. Simbolo di Amatrice e una delle ricette italiane più conosciute al mondo, è un piatto fortemente identitario, quasi un “vino” per la sua forte espressione territoriale. Ricetta dalle origini contadine a base di guanciale Amatriciano e formaggio pecorino, nel tempo l’Amatriciana si è identificata anche come primo piatto tipico della cucina romana e in generale laziale, in particolare nell’800 con la migrazione verso la città. Il condimento era preparato dai pastori con ingredienti a loro disposizione durante la transumanza: guanciale e pecorino, ancora prodotti ad Amatrice. Anticamente l'Amatriciana era bianca ma dopo la scoperta del pomodoro, arrivato dall’America, nacque la versione in rosso.

Confesercenti. La Confesercenti è un'associazione di imprese che riunisce le piccole e medie imprese italiane del commercio, del turismo e dei servizi. Associa oltre 350 mila imprese italiane, per una occupazione di circa 1 milione di addetti. È articolata in 70 federazioni professionali, 20 sedi regionali, 120 sedi provinciali ed oltre 1000 fra sedi locali e sportelli. È firmataria, per parte datoriale, di diversi contratti collettivi nazionali, fra i quali quello del comparto Terziario, Distribuzione e Servizi e del comparto Turismo.

Città del Vino. L'Associazione Nazionale Città del Vino, fondata a Siena il 21 marzo 1987, riunisce circa 450 Comuni italiani a forte vocazione vitivinicola. Presente in tutte le regioni italiane opera per la promozione e la valorizzazione dei territori del vino attraverso progetti di marketing territoriale, enoturismo, qualità ambientale e urbanistica. L’Associazione è anche membro di Recevin, la Rete delle Città del Vino Europee.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota