venerdì 26 agosto 2016

Gaetano Zoccatelli analisi del rapporto “Stato dell’Unione energetica 2015”

È stato presentato a Bruxelles lo scorso 18 novembre il rapporto "Stato dell'Unione energetica 2015", che analizza i progressi compiuti in questi primi nove mesi dal piano europeo varato a febbraio, identifica le principali aree di intervento per il 2016 e, soprattutto, definisce un pacchetto di strategie da adottare per realizzare un'Unione dell'energia resiliente coniugata a una politica per il clima lungimirante. Il punto di Global Power, azienda presieduta da Gaetano Zoccatelli e fornitore leader di aziende, Enti e Amministrazioni Pubbliche italiane

Sono state proposte le Linee Guida per i Piani energia-clima al 2030 che gli Stati membri dovranno mettere a punto entro il 2017 e rendere operativi prima del 2020, una metodologia per monitorare i progressi verso il raggiungimento degli obiettivi dell'Unione energetica e le Linee Guida per il rafforzamento della cooperazione con i Paesi vicini.

Sul fronte dell'efficienza energetica, la comunicazione contiene una proiezione sul raggiungimento del target del 20% al 2020, che non sarà ottenuto senza ulteriori sforzi (ci si fermerà al 17,6% se non si introdurranno misure aggiuntive). La Commissione cercherà di stimolare gli investimenti nell'efficienza, che dovranno quintuplicare al fine di raggiungere una diminuzione dei consumi del 27% al 2030, proponendo tra l'altro un sistema di aggregazione dei piccoli progetti.

Nel 2016 sono previste numerose iniziative anche per l'integrazione del mercato: sarà presentata una comunicazione sulle misure necessarie al raggiungimento dell'obiettivo del 15% di interconnessioni elettriche al 2030 e la Commissione si adopererà per far rispettare le regole della concorrenza, soprattutto per eliminare le restrizioni territoriali contenute nei contratti e la ripartizione artificiale dei mercati.

Per la difesa di consumatori (sia domestici che industriali), Bruxelles pubblicherà nel 2016 un rapporto sui prezzi e i costi dell'energia, che mostrerà chiaramente il peso di tasse, accise e sussidi.

Venendo alla decarbonizzazione dell'economia, nella prima metà del 2016 saranno proposte una serie di azioni per centrare il target di riduzione delle emissioni dei settori non-Ets del 30% rispetto al 2005, mentre per il settore trasporti arriverà una comunicazione contenente interventi ad hoc (soprattutto per il trasporto su strada) seguite da proposte per nuovi standard per le emissione di CO2 delle automobili, per il monitoraggio dei veicoli pesanti e per il settore aereo.

Il rapporto sullo stato dell'Unione energetica è accompagnato da 28 schede che valutano lo scenario per ogni Stato membro. La fotografia dell'Italia è quella di un paese dove l'energia costa più della media europea, mentre la percentuale di impiegati nel settore energetico è inferiore rispetto agli altri Stati, e l'interconnessione va implementata. Rispetto ai dati del 1995, petrolio e prodotti petroliferi sono scesi dal 58% al 37% del consumo interno lordo di energia, mentre la quota di combustibili solidi e di energie rinnovabili è cresciuta. Anche il gas è in ascesa, dal 28 al 36% del mix energetico contro il 23% dell'Unione europea. In merito al taglio delle emissioni, il nostro Paese è considerato sulla buona strada per raggiungere i traguardi fissati per il 2020.

FONTEGlobal Power

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota