venerdì 13 novembre 2015

Ictus Fibrillazione Atriale, “Battiti-La musica col Cuore” 14 novembre a Roma

"Battiti, La Musica col Cuore" Cardiologi e Neurologi insieme per uno spettacolo di musica e informazione contro ictus e fibrillazione atriale

Battiti la Musica col Cuore

In Italia l'ictus cerebrale rappresenta la prima causa assoluta d'invalidità e la seconda forma più comune di demenza con perdita di autosufficienza ed è responsabile del 12% di tutti i decessi. La fibrillazione atriale causa circa 40.000 ictus l'anno nel nostro Paese, ma con una costante prevenzione ed una diagnosi precoce si possono evitare 3 ictus su 4. E per sensibilizzare gli italiani sulla prevenzione, A.L.I.Ce Lazio Onlus e Daiichi Sankyo portano sul palco cardiologi e neurologi per una serata all'insegna di musica, teatro e informazione.

Roma, 13 novembre 2015 –In Italia l'ictus rappresenta la prima causa d'invalidità, con circa 200.000 nuovi casi ogni anno e 930.000 persone che ne subiscono le conseguenze. Una delle principali cause scatenanti è la fibrillazione atriale, la più comune aritmia cardiaca responsabile di circa 40.000 ictus l'anno solo nel nostro Paese. Ma le stime dimostrano che una costante prevenzione e la diagnosi precoce potrebbero evitare 3 casi su 4, salvando 30.000 vite ogni anno. Ed è per sensibilizzare la popolazione sui rischi della fibrillazione atriale e la prevenzione dell'ictus cardioembolico che, l'Associazione per la Lotta all'Ictus Cerebrale A.L.I.Ce. Lazio presenta a Roma lo spettacolo "Battiti- La Musica col Cuore", con il contributo incondizionato di Daiichi Sankyo Italia.

La serata benefica si terrà sabato 14 novembre alle 20.30 presso il Teatro Fellini/Roma Eventi in Piazza di Spagna (Via Alibert, 5/a) e avrà come protagonisti rinomati cardiologi e neurologi dei nosocomi capitolini, nell'inedita veste di musicisti e attori. "Grazie a questo spettacolo il pubblico non solo potrà ricevere tutte le informazioni su fibrillazione atriale ed ictus, ma anche scoprire con quanto entusiasmo alcuni medici ed altri operatori sanitari sanno trasformarsi in musicisti per una giusta causa. E questo ci ha sorpresi positivamente! Si battono con il cuore e con la mente per la salute dei loro pazienti, attraverso musica e recitazione: insomma, si avvicinano ad un vasto pubblico per veicolare le giuste informazioni, favorire un tempestivo riconoscimento dei primi sintomi dell'ictus così come delle condizioni che ne favoriscono l'insorgenza– ha spiegato l'Ing. Roberto Campitelli, portavoce di A.L.I.Ce. Lazio – Perché l'ictus è un'emergenza, deve essere riconosciuto tempestivamente, deve essere chiamato subito il 118 e chi ne è colpito deve immediatamente essere ricoverato in una Stroke Unit, dove sarà seguito da un team di professionisti che conoscono il problema e sono in grado di trattarlo adeguatamente. Non bisogna infatti dimenticare che l'ictus si può prevenire e curare e "Battiti" ci aiuterà a farlo sapere!"

Ad allietare il pubblico dal palco del Teatro Fellini saranno le band formate da cardiologi e professionisti dei vari ospedali romani: i QRS capitanati da Antonio Ciccaglioni (Responsabile CESC) e Giuseppe Placanica(Responsabile delle consulenze cardiologiche all'Ospedale Policlinico Umberto I, già tastierista nei gruppi di Franco Battiato e Mimmo Politanò), i Vintage People di Camillo Autore (Professore presso la Sapienza e responsabile della UTIC dell'Ospedale Sant'Andrea) e un gruppo nato grazie a questo progetto, i Sangue Blu, con la chitarra flamenca di Marco Rebecchi (Cardiologo del Policlinico Casilino). Ad impreziosire ulteriormente la serata saranno il sax di Federico Turreni (Cardiologo dell'Ospedale Sandro Pertini), musicista all'Umbria Jazz Festival che vanta diverse incisioni in Italia e all'estero con jazzisti del calibro di John Abercrombie e Raymond Levier e la direzione musicale del tenore lirico Francesco Giannelli, Maestro del Teatro dell'Opera di Roma, noto anche per la sua collaborazione alla trasmissione radiofonica di Radio2 "Il ruggito del coniglio".

La prevenzione e la cura delle due patologie rappresentano il filo conduttore di questo spettacolo che è interamente costruito su performance musicali intervallate da piccole rappresentazioni teatrali, quali ad esempio quella proposta dal Prof. Paolo Stanzione, Neurologo del Policlinico di Tor Vergata, che reciterà nel ruolo di sé stesso.

"Daiichi Sankyo Italia è stata felicissima di sostenere A.L.I.Ce. Lazio Onlus in questo originale progetto che vede per la prima volta i medici uscire dal loro ruolo istituzionale per comunicare con pubblico e pazienti fuori dall'ambiente asettico di un ospedale, attraverso un mezzo potente come la musica, con il suo valore terapeutico e universale. Una ulteriore dimostrazione che la cura dei malati è più efficace se non inizia e si esaurisce con il solo trattamento farmacologico, ma riesce ad impegnare tutti gli attori e gli ambiti in essa coinvolti" ha commentato Antonino Reale, Amministratore delegato di Daiichi Sankyo Italia.

Il ricavato della serata di beneficenza, che sarà realizzato grazie alle donazioni liberali del pubblico presente in sala, sarà interamente devoluto ad A.L.I.Ce. Lazio Onlus e contribuirà a sostenerne le attività educative e lamission.Per conoscere i protagonisti dell'iniziativa "Battiti – La musica col cuore" si veda il video spot sul canale YouTube di Daiichi Sankyo Italia.

FonteDaiichi Sankyo Italia

Concerto del Duo Chitarristico Figoni-Ravasio in Attorno alla "Fuga" - Ingresso Libero

L'Accademia Pianistica Internazionale "Ferruccio Busoni"

Presenta  presso il

SALONE DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE "LA TERRAZZA"
via del Colle 1 Ponticella di San Lazzaro (Bologna)

VENERDI 20 NOVEMBRE 2015 - ORE 21.00 

DUO CHITARRISTICO FIGONI - RAVASIO
ATTORNO ALLA "FUGA" 

Chitarre: Stephen Richard Figoni - Raffaello Ravasio

Stephen Richard Figoni, nato in California nel 1981, si è laureato in chitarra classica "With Distinction" in 2004 presso l'University of Missouri – Kansas City (USA) sotto la guida dei Maestri Jim McCutcheon e Douglas Neidt. In Italia, ha proseguito gli studi col M° Piero Bonaguri diplomandosi con il massimo dei voti presso il Conservatorio "G.B. Martini" di Bologna. Collabora regolarmente con musicisti, artisti, poeti, religiosi, attori, associazioni, ospedali, università e scuole in Italia e negli Stati Uniti. La ricerca personale sulla musica e l'arte contemporanea, lo ha portato al concerto: Identità e Orizzonti, dove quadri e citazioni accompagnano i brani scelti per indagare la condizione dell'uomo contemporaneo. Insegna attualmente chitarra e musica a Kinder College, l'Istituto S. Alberto Magno e, in qualità di socio, nei corsi organizzati dall'associazione MusicaPer a Bologna, dove vive con sua moglie e tre bambini. Hanno scritto di lui: "…unisce trasporto emotivo delle musiche, scelta ambiziosa di pezzi e maestrìa dell'esecuzione". 

Raffaello Ravasio, classe 1984, ha iniziato lo studio della musica privatamente con Abramo Comandini a Rimini vincendo giovanissimo il Primo Premio alla Rassegna Musicale Internazionale di Urbino (1994 e 1996), il Primo Premio al Trofeo Internazionale Città di Casarza Ligure (1997) ed altri secondi e terzi posti. Dal 2000 continua gli studi musicali con Maurizio Cerqua all'Istituto Musicale Pareggiato G.Lettimi di Rimini, dal 2006 studia con Piero Bonaguri diplomandosi col massimo dei voti al Conservatorio di musica G.B.Martini di Bologna nel 2007. Nel 2008 si laurea in Discipline Arti Musica e Spettacolo all'Università di Bologna. Nell'aprile 2009, selezionato dal Conservatorio di Bologna insieme ad altri studenti, incide brani di Villa-Lobos per il programma radiofonico Diapason di Radio Vaticana. Nello stesso anno si è abilitato all'insegnamento dello strumento nelle scuole medie ad indirizzo musicale. Nel 2010 consegue con lode il Diploma Accademico di II Livello (chitarra) presso l'Istituto Musicale Pareggiato "G.Lettimi" di Rimini. Nel frattempo partecipa a masterclasses di chitarristi di chiara fama: i maestri Piero Bonaguri, Alfonso Borghese, Aldo Vianello, Leo Witoszynskyj. Ha collaborato in ampi gruppi di chitarre (musiche di Steve Reich, Leo Brouwer, Marco Montaguti ecc), in duo con la flautista Rossana Fani ha frequentato un corso annuale di alto perfezionamento tenuto da Alfonso Borghese presso la Scuola di Musica di Fiesole e si è esibito anche al Principato di Montecarlo davanti agli ambasciatori francesi. E' stato solista di alcune orchestre. Nel 2013 è stato collaboratore nominato dall'Istituto Musicale "Lettimi" di Rimini per presiedere gli esami preaccademici presso il Philarmonic Music Center di Dubai convenzionato con l'IMP di Rimini. Ha scritto un articolo per la rivista specializzata Pedagogia e Didattica diretta dal professore Franco Frabboni. E' docente di ruolo presso l'IC "Masaccio" di S.Giovanni Valdarno in provincia di Arezzo. Insegna chitarra al Liceo Musicale "Petrarca" di Arezzo e svolge attività concertistica in Italia ed all'estero

L'Istituto italiano per gli studi filosofici all'asta Comunicato stampa

Rischia di scomparire un altro pezzo dell'Italia più bella e ricca di storia. Allo stesso modo in cui crolla la parete di una casa pompeiana o un dipinto prende il volo verso esclusivi salotti privati all'estero, alcuni preziosi volumi provenienti dalla prestigiosa biblioteca dell'Istituto italiano per gli Studi Filosofici potrebbero andare persi per sempre a seguito della vendita giudiziaria di cui saranno oggetto il 13 novembre su ordine del Tribunale di Napoli.

L'allarme era stato già lanciato qualche giorno fa dalla deputata e vicepresidente del gruppo Sinistra italiana – Sinistra ecologia libertà Annalisa Pannarale che oggi, al termine del "question time" in Commissione cultura, denuncia la sostanziale indifferenza e il rimpallo di responsabilità da parte del Ministro per i beni culturali in risposta all'interrogazione della stessa deputata sulle iniziative urgenti da intraprendere per scongiurare la dispersione del patrimonio librario dell'Istituto. Istituzione culturale d'eccellenza che secondo l'UNESCO "non trova termini di paragone nel mondo e contribuisce a fare di Napoli una vera capitale culturale", l'Istituto italiano per gli Studi Filosofici, malgrado vanti crediti nei confronti del MIUR, confermati anche da una recente sentenza del Consiglio di Stato, non riesce a far fronte alla condizione debitoria che rischia di comprometterne per sempre la fruizione pubblica e la stessa esistenza.

E' paradossale – denuncia l'on. Pannarale - che lo stesso governo che in tutta fretta decreta l'apertura del luoghi della cultura come "servizio pubblico essenziale" consenta con disinvoltura la dispersione, se non la scomparsa, di un bene finora fruito liberamente da migliaia di studiosi e ricercatori da tutto il mondo. Ancora una volta l'offesa dell'indifferenza è la causa principale del degrado del patrimonio di bellezza e di storia del nostro Paese, ancora più triste se arrecata da chi, come il Mibact e il Miur, ha la primaria responsabilità di tutelarne l'integrità e difenderne la natura di bene comune che ne consente la fruizione pubblica.

Per fermare questo ennesimo attacco alla cultura e alla produzione di sapere pubblico –ha concluso la deputata di Sinistra Italiana, Sel – intendo intraprendere da subito ogni possibile iniziativa parlamentare, a partire dalla presentazione di una risoluzione in commissione cultura che richiami il governo alle proprie responsabilità, perché ricerchi una soluzione urgente e definitiva per impedire che si infligga un'ulteriore una grave ferita alla comunità scientifica e al Paese.

Il Bab, la Porta

giovedì 12 novembre 2015

Blasevich Verona Fiere: premiazione giovani per la Coppa delle Regioni

La presenza di Barbara Blasevich, consigliere di amministrazione di Veronafiere, alle premiazioni della Coppa delle Regioni nell'ambito di Fieracavalli è indice dell'attenzione dell'ente alla crescita dei giovani che si impegnano nelle attività ippiche e sportive.

blasevich_fieracavallo

Fieracavalli sempre più spazio allo sport giovanile e ai cavalieri di domani. Dal salto ostacoli al Western le competizioni in programma dedicate alle categorie Juniores sono in grande aumento: il padiglione 5 (pala Fixdesign) ha visto sfilare i giovani vincitori della 40ª edizioneCoppa delle Regioni Under 21 dove ha trionfato il Veneto, seguito da Lombardia e Sicilia, e del Progetto Giovani targato FISE.

«Con Fieracavalli siamo molto attenti alla crescita dei giovani che si impegnano nelle attività ippiche e promuoviamo occasioni di confronto e crescita, umana e sportiva, con iniziative pensate e realizzate appositamente per loro, congiuntamente con le federazioni sportive di settore», sottolinea Barbara Blasevich, consigliere di amministrazione di Veronafiere, che ha premiato le giovani squadre che si sono sfidate nella Coppa delle Regioni.

Gare sul filo dei secondi anche al western show che dalla mattina del 6 Novembre scorso ha visto bimbi e ragazzi, dagli 8 ai 16 anni, cimentarsi nelle principali discipline western: Barrel, Racing e Pole banding. Ma i giovani cowboy sono montati in sella anche domenica 8 per le finalissime dei campionati Europei di Pole Bending e Barrel Racing Junior e Youth.

All'insegna dei giovani anche la finale di Coppa del Mondo: domenica i riflettori sono stati puntati sul ring d'onore del Pala BMW, dove già l'anno scorso è stato il 19enne irlandese Bertram Allen a conquistarsi il Gran Premio valevole per la Longines FEI World CupTM, guadagnandosi il titolo di più giovane vincitore di una tappa di coppa del mondo.

Barbara Blasevich è fondatrice, presidente e amministratore delegato di Euroconsulting, società di consulenza specializzata nell'assistenza tecnica e nella gestione dei rapporti tra Enti pubblici, Amministrazioni locali, aziende operanti nell'ambito agricolo ed agroindustriale e le istituzioni comunitarie.
Dal 2011 è consigliere di amministrazione e membro del Comitato Esecutivo di Cattolica Assicurazioni e siede nel CdA di Vinitaly Wine Club e di Fata Assicurazioni, rispettivamente dal 2013 e da giugno 2014. Lo scorso ottobre è stata riconfermata consigliere di amministrazione dell'ente Veronafiere per il triennio 2015-2018.

FONTEEuroconsulting

Ransomware: pagare o non pagare il riscatto? Il parere degli esperti di ESET

L'importanza della prevenzione nel settore della sicurezza informatica


Roma, 12 Novembre 2015 - I ricercatori di ESET®, il più grande produttore di software per la
sicurezza digitale dell'Unione Europea, hanno di recente analizzato la piaga dei ransomware ed i rischi correlati al pagamento di un riscatto. Si tratta di una minaccia in forte ascesa, per molti addirittura del futuro del cyber crimine e i dati lo dimostrano: l'FBI ha affermato di aver ricevuto nell'arco temporale tra Aprile 2014 e Giugno 2015 circa 1000 denunce relative al CryptoWall, una delle forme più diffuse di ransomware, con un totale di perdite di circa 18 milioni di euro.

Joseph Bonavolonta, un agente speciale dell'FBI, intervenendo al vertice di Cyber ​​Security 2015 a Boston ha sorpreso il pubblico durante la sua presentazione affermando: "Per essere onesti, spesso consigliamo alle persone di pagare il riscatto, perché nel caso dei ransomware si rivela un buon suggerimento". La raccomandazione da parte dell'FBI alle vittime di ransomware di pagare per poter decriptare i propri file ha generato un certo brusio nel mondo IT. È tempo di chiedersi: pagare il riscatto può essere davvero considerata un'opzione? La raccomandazione dell'FBI sembra essere in netto contrasto con la posizione del settore della sicurezza informatica, che crede che pagare il riscatto non dovrebbe essere considerata come possibile opzione.

Secondo gli esperti di ESET è importante evitare di considerare il pagamento del riscatto come alternativa alla prevenzione. Trattare con dei ricattatori è diverso rispetto a trattare con, per esempio, la polizia stradale. Potrebbe venir in mente che sia possibile risparmiare tempo, accelerando e accettando il rischio di pagare una multa come una valida alternativa all'essere in ritardo per un colloquio di lavoro. In tal caso si può essere sicuri che pagare l'ammenda risolva il problema. Ma quando si paga un riscatto, si può facilmente finire a mani vuote, con i propri bitcoin persi e i propri file ancora criptati.
Un altro motivo in più per favorire la prevenzione rispetto al pagamento del riscatto è che nella maggior parte dei casi il primo non richiede sforzi significativi. Prevenzione in questo caso significa rispettare i principi base per un comportamento sicuro, come ad esempio installare sui computer l'ultima versione aggiornata dei sistemi, e implementare una soluzione di backup e di ripristino dei dati perfettamente funzionante.

Attenersi a questo tipo di comportamento non solo aiuta a evitare di cadere vittima di attacchi ransomware, ma contribuisce anche a tenere a bada le altre minacce informatiche, passando per comportamenti irresponsabili dei dipendenti fino alle calamità naturali.



ESET, fondata nel 1992, è uno dei fornitori globali di software per la sicurezza informatica di pubbliche amministrazioni, aziende e utenti privati. Il software ESET NOD32 Antivirus fornisce una protezione in tempo reale da virus, worm, spyware e altri pericoli, conosciuti e non, offrendo il più elevato livello di protezione disponibile alla massima velocità e con il minimo impiego di risorse di sistema. NOD32 è l'antivirus che ha vinto il maggior numero di certificazioni Virus Bulletin 100% e dal 1998 non ha mai mancato l'individuazione di un virus ItW (in fase di diffusione). ESET NOD32 Antivirus, ESET Smart Security e ESET Cybersecurity per Mac rappresentano le soluzioni per la sicurezza informatica più raccomandate a livello mondiale, avendo ottenuto la fiducia di oltre 100 milioni di utenti. L'azienda, presente in 180 Paesi, ha il suo quartier generale a Bratislava e uffici e centri di ricerca a San Diego, Buenos Aires, Singapore, Praga, Cracovia, Montreal, Mosca. Per quattro anni di seguito ESET è stata inclusa fra le aziende Technology Fast 500 EMEA da Deloitte e per dieci anni consecutivi fra le aziende Technology Fast 50 Central Europe. Per maggiori info: www.eset.it

FUTURE TIME è il distributore esclusivo dei prodotti ESET per l'Italia, nonché suo partner tecnologico. Fondata a Roma nel 2001, Future Time nasce dalla sinergia di due preesistenti aziende attive da anni nel campo della sicurezza informatica. Future Time, con Paolo Monti e Luca Sambucci, fa parte della WildList Organization International, ente no profit a livello mondiale composto da esperti e aziende antivirus che hanno il compito di riportare mensilmente tipologia e numero dei virus diffusi in ogni Paese. Per maggiori info: www.eset.it

Cori: Cantine Aperte a San Martino Domenica 15 Novembre la Tenuta Pietra Pinta accoglie gli enonauti col suo Novello

'Cantine Aperte a San Martino' anche a Cori. Domenica 15 Novembre l'Azienda Agricola Pietra Pinta partecipa all'appuntamento autunnale del Movimento Turismo del Vino, ispirato all'antico detto popolare "Nell'estate di San Martino si spilla la botte e si assaggia il vino". Protagonista dell'iniziativa infatti è il vino Novello, che entra in commercio i primi di Novembre dello stesso anno di vendemmia e va bevuto al massimo entro la primavera successiva. È un vino fresco fruttato, pronto dopo poche settimane dalla raccolta dell'uva, ottenuto con la tecnica della macerazione carbonica.

L'intento è quello di condividere con gli appassionati il piacere di assaggiare i vini dell'ultima vendemmia, e non solo, in abbinamento a prodotti tipici locali di stagione, lungo percorsi sensoriali guidati dall'esperto produttoreÈ con questo spirito che la Tenuta Pietra Pinta di Cori si prepara ad accogliere gli enonauti. Nell'Angolo dei Sapori, le tipicità e il territorio, racconteranno agli enoturisti la vendemmia appena passata, le storie che legano la cucina al vino e la cultura millenaria dei prodotti della ruralità.

         Il momento poi, la Festa di San Martino, rievoca una delle più importanti tradizioni italiche della vita contadina e di campagna. "A San Martino ogni mosto diventa vino", è il proverbio che da nord a sud accompagna ovunque la degustazione del vino novello. A San Martino si rivolge anche il Ringraziamento al termine delle stagione agricola. "Andar per cantine" in questo periodo di particolare fermento è l'ideale per trascorrere piacevolmente la giornata, in un'atmosfera calda, si spera, grazie anche alla tradizionale tregua del freddo che caratterizza la cosiddetta Estate di San Martino.  

Contatti Tenuta Pietra Pinta: Via provinciale Le Pastine km.20,200 Cori (LT) – Tel. 06.9678001 – email: pietrapinta@pietrapinta.com – sito: www.pietrapinta.com – pagina Fb: https://www.facebook.com/agriturismo.pinta?fref=ts

Federica “Kicca” Cipolla si riconferma Eccellenza Italiana al Cake International


Ancora una volta le opere in pasta di zucchero realizzate da Federica Cipolla, in arte Le Delizie di Kicca, hanno stupito il pubblico e la giuria inglesi del Cake International (la più importante kermesse europea dedicata al mondo della pasticceria artistica). 


Federica porta a casa due medaglie d'oro,  il secondo posto assoluto nella categoria "International Class"  e un grandissimo successo per le dimostrazioni pubbliche al Theatre del NEC di Birmingham. 

L'opera  con cui Federica ha vinto il secondo posto assoluto si chiama "Roman Empire" e rappresenta in maniera caricaturale gli stereotipi di come noi italiani siamo visti nel mondo: la mamma e il mammone, la donna procace che corteggia il potente di turno, l'uomo geloso e tradito.   

 

La seconda opera, medaglia d'oro nella sua categoria, è una piccola e delicatissima Sirena alta solo 35 cm, realizzata in pasta di zucchero e dipinta con tecniche di aerografia e pittura a mano.  


Queste vittorie sono il coronamento di un anno ricco di successi iniziato a gennaio 2015 al Sigep di Rimini dove, con la sua compagna di squadra Elena Boscaha vinto ben tre riconoscimenti alla "Coppa Italia della Pasticceria Artistica", tra cui il premio speciale dell'azienda Satin Ice (conosciuta ai più grazie al "Cake Boss" Buddy Valastro). E' poi proseguito con moltissimi appuntamenti in tutta Italia, dove è stata invitata ad insegnare lsue tecniche di modellaggio della pasta di zucchero, fino alla nomination ai Cake Festival Awards come uno dei cinque migliori cake designer d'Italia per la categoria modelling.  


Ed ora il nome di Federica è diventato famoso anche all'estero: da gennaio infatti partirà per un tour in alcune grandi città europee. 

Il primo in ordine di tempo la porterà in Portogallo, dove sarà docente per tre masterclass con alcuni dei suoi progetti più amati. 

Subito dopo l'aspetta l'Irlanda, dove  sarà uno degli ospiti d'onore  di Cake Crusade, il più grande evento irlandese legato al mondo del cake design.  


"Non posso svelare ancora le altre tappe del mio tour, ma confesso di essere molto felice di poter portare l'arte italiana in tanti posti: il resto d'Europa ci guarda con ammirazione, e la prova è stata il podio tutto italiano proprio al Cake International  nonostante fossero ben 60 le composizioni  in concorso provenienti da tutto il mondo." 


Ma anche se il suo calendario è ricco di appuntamenti, Federica non smetterà di creare nuove opere d'arte in pasta di zucchero "Scolpire e modellare la pasta di zucchero fa parte del mio mondo… a volte assisto ad una scena buffa, o colgo un'espressione particolare sul viso di qualcuno, e non posso fare a meno di cercare di raccontarla attraverso le mie mani". 



_____________


Per info e contatti: press@ledeliziedikicca.it 

'Le Delizie di Kicca' è un marchio di Federica Cipolla.
www.ledeliziedikicca.it / www.facebook.com/ledelizie.dikicca 

mercoledì 11 novembre 2015

Tarcisio Bertone, intervista al Corriere della Sera si difende dalle accuse

"È una vergogna, non so come difendermi, difendersi dalle calunnie è quasi impossibile. Le vittime sono impotenti". Così Tarcisio Bertone in una intervista al Corriere della Sera si difende dalle accuse di essersi fatto ristrutturare il proprio appartamento con i soldi della Fondazione Bambin Gesù per i bimbi malati.

LE VERITA' DEI LIBRI, TRA SOLDI, APPARTAMENTI E SPRECHI

"È offensivo – replica – un'altra delle tante accuse ingiuste e menzognere che ho ricevuto in questi anni".

Dell'appartamento dice: "Sono 296 metri quadrati, non ci vivo da solo. Per i lavori ho usato 300 mila euro di risparmi miei. I 200 mila versati dalla Fondazione Bambin Gesù? Così dicono, ma io non ho autorizzato nulla". Annuncia di aver dato mandato al suo avvocato "di svolgere indagini per verificare cosa sia realmente accaduto. Nel caso venisse accertato che sono state effettuate azioni fraudolente a mio danno – spiega Bertone – è chiaro, non esiterò a reagire. Vorrei vedere cosa è stato pagato e quanto, il verbale che lo testimonierebbe".

Delle calunnie ricevute dice di ritenersi "una vittima di questi anni. Ho lavorato al servizio dei Papi con fedeltà e dedizione, e anche al servizio del Bambin Gesù. Ho fatto tanto e ora mi ritrovo queste accuse infamanti. Non so, ormai sono nel mirino. Il nome Bertone richiama subito l'attenzione".

FONTEhuffingtonpost.it

Le bici elettriche Wayel al TechDay della mobilità elettrica in Emilia Romagna

Bici elettriche Wayel da raccontare e da provare.

Nella giornata del TechDay che si terrà domani, giovedì 12 novembre a partire dalle 9, a Bologna nel palazzo della Regione,  si potranno conoscere tutte le realtà dell’Emilia Romagna specializzate nella mobilità elettrica.

È questo l’obiettivo del TechDay organizzato da E-RMES, l’associazione nata per favorire la realizzazione di attività legate allo sviluppo dei mezzi e sistemi per la mobilità elettrica. Il workshop si rivolge alle amministrazioni pubbliche, le società dei trasporti pubblici e altre imprese potenziali associate a E-RMES.

 

Luca Destro, AD FIVE, Fabbrica Italiana Veicoli Elettrici, del Gruppo Termal di Bologna, interverrà alle ore 10 sul tema “Le due ruote leggere Made in Emilia Romagna”, raccontando la rilocalizzazione della produzione di veicoli elettrici da Shanghai a Bologna, dettata dalla scelta di realizzare un prodotto innovativo, di design ed esclusivamente made in italy.


L’iniziativa è supportata dalla Regione Emilia Romagna e coordinata da ASTER, la società consortile che, in partnership con le associazioni imprenditoriali, promuove l’innovazione del sistema produttivo attraverso la collaborazione tra ricerca e impresa, lo sviluppo di strutture e servizi per la ricerca industriale e strategica e la valorizzazione del capitale umano impegnato in questi ambiti.

Il workshop è stato concepito, infatti, per incentivare l’incontro tra realtà presenti sul territorio che vantano competenze nel campo della mobilità sostenibile, sia dal punto di vista della ricerca che dell’industria.

L’auspicio è quello di condividere esperienze e competenze sul tema della Mobilità Sostenibile e tracciare la strada verso un trasporto, pubblico e privato, che rispetti l’ambiente e non produca emissioni nocive con l’utilizzo di combustibili inquinanti come il petrolio.

 

Dalle ore 10.30 è previsto anche un test ride: i partecipanti potranno testare i veicoli elettrici messi a disposizione dalle aziende presenti tra cui le bici elettriche Wayel e Solingo il ciclomotore alimentato anche a energia solare.

 

INFORMAZIONI SUL TECHDAY
12 novembre 2015, ore 9.00 – 14.00
Sale B e C Terza Torre
Regione Emilia Romagna
Viale della Fiera 8, Bologna

 

È possibile scaricare qui la locandina con il programma ufficiale e tutti i partecipanti.

Per partecipare all’evento è necessario registrarsi sul modulo on line.

 

 

Ertilia Patrizii

Marketing e comunicazione

Termal Servizi s.r.l.

via della Salute, 14 - 40132 Bologna

Tel. +39 051 41 33 111 | Fax +39 051 41 33 112

Visita il sito Termal Group

Seguici su LinkedIn

 

 

Giorgio Fraccastoro, Studio Legale assistenza di elevata specializzazione

Nel Febbraio 2014, a Roma, l'avvocato Giorgio Fraccastoro fonda lo Studio Legale "Studio Fraccastoro", in grado di offrire una assistenza di elevata specializzazione in tutti i settori principali del diritto amministrativo tra cui gli Appalti pubblici e concessioni e i Servizi Pubblici.

Studio Legale Fraccastoro Roma

APPALTI PUBBLICI E CONCESSIONI
In questo settore, che tradizionalmente costituisce uno dei core business, lo Studio Legale Fraccastoro garantisce una consulenza tailor made ai propri clienti privati durante lo svolgimento dell'intera procedura ad evidenza pubblica, ossia dallo studio della lex specialis per la predisposizione dei documenti per la partecipazione alla gara, all'affiancamento durante le sedute di gara, fino alla consulenza per la sottoscrizione del contratto, oltre che per tutta la durata della fase esecutiva. Inoltre, alcuni professionisti dello Studio hanno maturato un importante track record anche nell'assistenza giudiziale, principalmente a favore di Società private, nei contenziosi amministrativi innanzi al TAR ed al Consiglio di Stato, nonché nei contenziosi davanti al giudice civile per questioni insorte nella fase di esecuzione dell'appalto, ed infine nell'ambito dei procedimenti amministrativi dinanzi alle autorità indipendenti e nei giudizi arbitrali.

SERVIZI PUBBLICI
I professionisti dello Studio hanno maturato una significativa esperienza in materia di regolamentazione dei servizi di pubblica utilità, con particolare riguardo alle problematiche inerenti alla loro tariffazione e organizzazione, anche in forma di public-private patnership (PPP) e in house providing. Lo Studio presta la propria assistenza a favore di soggetti pubblici e privati nel settore dei servizi pubblici locali (in particolare, nei settori dei servizi idrici, dei rifiuti e dei servizi di trasporto pubblico) e dei servizi strumentali, principalmente in merito: alle procedure di affidamento dei servizi stessi; alla riconfigurazione dell'assetto dei servizi alla luce dell'evoluzione normativa; alla strutturazione di operazioni di costituzione di società miste mediante gare a doppio oggetto; alla trasformazione o privatizzazione, delle società pubbliche, nonché al finanziamento dei servizi, incluso il profilo degli aiuti di Stato, sotto forma di compensazioni degli obblighi di servizio pubblico. I professionisti dello Studio prestano altresì assistenza a società pubbliche o private nei contenziosi amministrativi o dinnanzi al Tribunale delle Acque Pubbliche, nonché nei connessi procedimenti sanzionatori avviati dalle autorità regolatorie di settore.

FonteStudiofraccastoro.it

martedì 10 novembre 2015

ROMA - Incontro Aran e sindacati su direttiva europea orario di lavoro, riposi e lavoro notturno del personale degli ospedali italiani. A. Bonazzi (FSI-USAE): “Non siamo disponibili ad alcuna deroga in bianco, non si può chiedere la disponibilità di chi vi



 http://www.cidecturismo.it/file/news/230/LOGO-USAE-2006.jpg

Unione Sindacati Autonomi Europei  

Segreteria Generale

00155 Roma Viale E. Franceschini n. 73 Tel. 06 42013957  Fax 06 4200367 www.usae.itinfo@usae.it

 

COMUNICATO STAMPA

Bonazzi (FSI-USAE): vogliamo una sanità senza padrini e senza padroni; gli ospedali non vanno avanti con gli atti unilaterali delle amministrazioni. Non si può chiedere la disponibilità di chi viene trattato a pesci in faccia.

Oggi in ARAN è andata in onda l'ennesima puntata di quella che ormai sembra diventata una telenovela. Il Governo e Regioni chiedono alle 00.SS., tramite ARAN, di sottoscrivere ancora una deroga all'applicazione della normativa applicativa della direttiva europea sud' orario di lavoro, riposi e lavoro notturno (D. Lgs. 8 aprile 2003, n. 66 e Direttiva 2003/88/CE del 4 novembre 2003) che si ripercuoterebbe sui lavoratori, ma non vogliono minimamente finanziare le assunzioni necessarie né tanto meno loro contratto di lavoro.

Il Segretario generale FSI (Federazione Sindacati Indipendenti), Adamo Bonazzi è Intervenuto sull'argomento dichiarando:

"Siamo disponibili ad aprire le contrattazioni sull'applicazione della legge negli ospedali per garantire la funzionalità degli stessi ma la medesima funzionalità non può essere garantita a scapito degli stessi sulla pelle dei lavoratori. Quindi, non siamo disponibili ad alcuna deroga in bianco. Le organizzazioni sindacali che, come noi, sono fra i lavoratori ogni giorno sanno bene come è fatta l'organizzazione del lavoro nel servizio sanitario nazionale e sanno bene che gli ospedali non vanno avanti con gli atti unilaterali delle amministrazioni. Non si può chiedere la disponibilità di chi viene trattato a pesci in faccia. Le amministrazioni, con atti unilaterali, in virtù di una legge ingiuste, e forse illegittima, hanno cercato di negare ai dipendenti del ruolo sanitario il diritto ad evitare eccessi lavorativi prolungati ed a usufruire di riposi nei modi e nei limiti previsti per gli altri lavoratori italiani. Da sei anni non viene rinnovato il contratto e, finanziaria dopo finanziaria, si sta impantanando la sanità pubblica. E ora di dire basta."

FSI ED USAE SONO PER UNA SANITÀ SENZA PADRINI E SENZA PADRONI

Roma li 10 novembre 2015

Ufficio Stampa




--
www.CorrieredelWeb.it

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota