lunedì 31 dicembre 2012

PROGETTO CITZENS OF THE EUROPEAN ALLA EUROPEAN COMMISSION CITZENSHIP


E' STATO PRESENTATO IL PROGETTO CITZENS OF THE EUROPEAN  ALLA  EUROPEAN
COMMISSION CITZENSHIP IN OCCASSIONE DELL' EUROPEAN YEAR OF CITZENSHIP  2013
PROGETTO IDEATO DA MAURO DELLE CHIAIE IDEATORE DELLA WEBRADIO
RADIOMAURODELLECHIAIE E IDEATORE DI SEARCHRADIOMAURODELLECHIAIE MOTORE DI
RICERCA ITALIANO ESCLUSIVAMENTE  SU LICENZA CREATIVE COMMONS.
IL PROGETTO PREVEDE INANZITUTTO UNO STATUS DEFINENDO PER LA PRIMA VOLTA
CITTADINI DELLA RETE E COINVOLGENDO GLI STESSI NEL CITZEN JOURNALISM O
GIORNALISMO PARTECIPATIVO SECONDO L'EUROPEAN CHARTER OF FREEDOM DI AMBURGO O
"Carta Europea del giornalismo partecipativo"
European Charter on Freedom of the Press in Hamburg NELLA QUALE GIORNALISTI ED
EDITORI HANNO FIRMATO LA CARTA CHE Dà IL VIA AL NUOVO GIORNALISMO PARTECIPATIVO
O DELLA RETE NELLA QUALE VENGONO DEFINITI ACCORDI ,NORME ,CAMPI NEL QUALE IL
CITTADINO PùO INTERVENIRE.
iL PROGETTO VEDE IL COINVOLGIMENTO DI TUTTE LE REALTà DELLA RETE .


Il progetto mira a coinvolgere "cittadini della rete" e coinvolgendoli nella
definizione di tali giornalismo citzen o giornalismo partecipativo, la
creazione di un 'interazzione tra loro e le iniziative delle politiche
dell'Unione europea di indicizzazione dell'UE e il loro impatto per il
coinvolgimento in una serie di attività di notizie e di conoscenza con cui l'UE
prevede di far conoscere le proprie attività siano essi informativi, sia il
lavoro,sia progettuali.
Attuazione attraverso la creazione di un sito web, comunicati stampa,
interrazione citizen media




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Lotta al bracconaggio, l'Ue da 2 milioni all'Interpol



La Commissione europea ha deciso di stanziare quasi due milioni all'Interpol per combattere i reati contro le specie selvatiche. Zanoni (IdV): "Segno tangibile di voler combattere l'assurdo bracconaggio di chi taglia il corno ai rinoceronti per i presunti effetti afrodisiaci. Adesso ci vogliono controlli sul posto e pene esemplari per i trasgressori"


"La Commissione europea intende destinare un contributo di quasi due milioni di euro all'organo di polizia internazionale INTERPOL per sostenere i suoi sforzi volti a combattere i reati contro le specie selvatiche e proteggere le risorse naturali mondiali dal commercio internazionale illegale di flora e fauna selvatiche". Lo fa sapere Andrea Zanoni, eurodeputato IdV e vice Presidente dell'intergruppo Benessere degli Animali al Parlamento europeo.

"Questo finanziamento non sarà forse risolutivo ma aiuterà certamente ad arginare questa piaga che colpisce soprattutto l'Africa. Non passa giorno, infatti, che non venga data notizia di stragi di rinoceronti per tagliare loro il corno, creduto capace di potere afrodisiaco, e di sequestri di zanne di elefanti - commenta l'Eurodeputato - Spero che l'Ue possa mettere a disposizione maggiori cifre ma che soprattutto invii degli ispettori sul posto per vedere da vicino quello che sta accadendo e capire come meglio intervenire".

Nei prossimi tre anni, un importo di 1,73 milioni di euro sarà versato a favore del progetto di lotta ai reati contro le specie selvatiche promosso dall'INTERPOL nell'ambito del Consorzio internazionale per la lotta ai reati contro le specie selvatiche (ICCWC), di cui fanno parte anche il Segretariato della Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e di fauna selvatiche minacciate di estinzione (CITES), l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC), la Banca mondiale (BM) e l'Organizzazione mondiale delle dogane (OMD).

BACKGROUND

Fondato nel 2010, l'ICCWC è il risultato di uno sforzo di collaborazione che fornisce un sostegno coordinato alle forze di sicurezza nazionali e alle reti regionali e subregionali responsabili delle specie selvatiche per contribuire alla conservazione e all'uso sostenibile della biodiversità e promuovere una migliore governance per la gestione delle risorse naturali nei paesi in via di sviluppo.

Nel quadro dei suoi sforzi nella lotta ai reati contro le specie selvatiche, la Commissione europea ha inoltre deciso di destinare 2 milioni di euro alla proroga del programma MIKE, un meccanismo unico finalizzato a monitorare e combattere il bracconaggio degli elefanti in tutto il continente africano.

La Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e di fauna selvatiche minacciate di estinzione (CITES) limita e, in alcuni casi, vieta il commercio internazionale delle specie a rischio di estinzione e dei prodotti da esse derivati. L'Unione europea si sta adoperando per rafforzare la convenzione CITES, che viene applicata tramite i regolamenti sul commercio delle specie di flora e di fauna selvatiche. La convenzione CITES, cui aderiscono 176 paesi, disciplina il commercio internazionale di circa 30 000 specie di flora e di fauna selvatiche minacciate di estinzione. Le conferenze delle parti della CITES si svolgono ogni tre anni; la prossima riunione si terrà a Bangkok nel marzo 2013.



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


sabato 29 dicembre 2012

comunicato 5-01

Con preghiera di diffusione

Comunicato del 29/12/2012

Relativo all'evento

Hansel e Gretel fratelli di cuore del 05/01/2013 ore 17 a Spilimbergo, Teatro Miotto

e Fiabe di Natale del 06/01/2013 a Pordenone, Auditorium Concordia


Doppio appuntamento con la befana a teatro!

Dolci spettacoli nella rassegna di Ortoteatro


Ricomincia un nuovo anno e come da tradizione è in arrivo la befana, per salutare in allegria il periodo natalizio col suo carico di dolci per i bimbi buoni. Si fermerà a Spilimbergo il 5 gennaio al Teatro Miotto, dopo lo spettacolo “Hansel e Gretel fratelli di cuore” che rientra tra le recenti produzioni di Ortoteatro, ma che ha già girato l'Italia riscuotendo ovunque un grande successo.

Il testo di Fabio Scaramucci che dà vita a questa storia ripercorre la fiaba classica dei Fratelli Grimm in una nuova veste che non toglie il fascino antico di una fra le storie più amate dai bambini di ieri e di oggi. Gli splendidi pupazzi in gommapiuma realizzati da Ada Mirabassi, la casa/baracca ideata da Paolo Pezzutti, che diventa rifugio e dolce attrattiva, e le musiche composte con rara sensibilità da Fabio Mazza, rendono questo spettacolo godibile da ogni tipo di pubblico.

Federica Guerra, sola in scena, come nella tradizione dei vecchi burattinai e contastorie, dà vita a tutti i personaggi di questa bella storia, una storia per ridere, per avere paura, per crescere, una storia che fa battere il cuore. 

C’erano una volta due fratelli, Hansel e Gretel, che si volevano molto bene, e quando stavano insieme si sentivano così forti che nessuno avrebbe potuto far loro del male. Così inizia la nostra storia. Lo spettacolo prende spunto dal lavoro di un anno con insegnanti e bambini sul "dare un nome alle emozioni, dare un nome ai sentimenti". Ed ecco due bambini che conoscono l'importanza del condividere. Assieme a loro una mamma (non matrigna), che vuole bene con tutto il cuore ai suoi due figli e che, come tutte le persone del mondo, vive la gioia e la felicità, ma anche la malinconia e, a volte, quando la fanno proprio spazientire, la rabbia di un momento. Siccome "è difficile fare il bambino della propria mamma", Hansel e Gretel partono per un'avventura nel bosco, dove incontreranno alberi parlanti, animali affamati di briciole, fate e folletti. E, naturalmente, la perfida strega Rosicchia.

Il giorno seguente la befana passerà all'Auditorium Concordia di Pordenone dove alle 17 continua la rassegna “A teatro anch'io”, organizzata da Ortoteatro con il contributo di Provincia e Comune di Pordenone.

Lo spettacolo che andrà in scena si intitola “Fiabe di Natale” della compagnia emiliana Teatro Evento.

Sulla scena ci sono due attori che, con i pennelli dell’immaginazione, dipingono atmosfere intense e coinvolgenti. Con l’ausilio di pochi oggetti essenziali ci raccontano di come Babbo Natale e la talpa salvarono l’oca canterina dalle grinfie del perfido troll. O di quando accade, forse perché è Natale e a Natale le notti sono magiche, che il calzolaio  Giuseppino e sua moglie Mariuccia, poveri in canna, scoprirono che  era il piccolo popolo di gnomi di buon cuore a confezionare di notte le scarpe già fatte e pronte per essere vendute. Ispirato alle più belle fiabe di Natale, lo spettacolo ripropone con creatività l’atmosfera del giorno più bello dell’anno per ogni bambino. Un magico spettacolo con tre fra le più belle storie dedicate al periodo natalizio per concludere con allegria questo momento. Alla fine dello spettacolo la Befana arriverà col suo carico di caramelle.


Ingresso € 5 per tutti dai tre anni in su.

Potete trovare il calendario completo degli spettacoli sul sito www.ortoteatro.it.



Per info:


Ortoteatro

0434/932725

348/3009028

info@ortoteatro.it


Prossimi appuntamenti:

12 gennaio 2013 ore 17

Teatro Aldo Moro Cordenons

Una giornata con Giulio Coniglio




--
ORTOTEATRO Soc. Coop.


Clio Campagnola

t. 0434/932725
f. 0434/961052
c. 366/7203619
www.ortoteatro.it

Termini Imerese. Mercato del Contadino Domenica 30 dicembre in C.so Umberto e Margherita promosso da Mondoconsumatori


Comunicato Stampa

 

Termini Imerese. Mercato del Contadino Domenica 30 dicembre in C.so Umberto e Margherita promosso da Mondoconsumatori

 

Mercato del contadino Domenica 30 dicembre, a partire dalle ore 16,00 fino alle ore 21,00, in C.so Umberto e Margherita a Termini Imerese promosso dall'Associazione Nazionale dei Consumatori Mondoconsumatori in collaborazione con il Consorzio Italiano Agricoltori (CIA) e il Consorzio di Produttori Isola dei Sapori.

L'obiettivo della iniziativa è promuovere la filiera corta per favorire la vendita diretta dei prodotti agricoli. Lungo il corso saranno realizzati appositi spazi attrezzati che verranno messi a disposizione dei produttori agricoli e artigiani dell'agroalimentare tipico siciliano che effettueranno la vendita diretta dei propri prodotti. Le produzioni esposte e messe in vendita, esclusivamente siciliane, saranno le seguenti: ortofrutta, olio ed olive, vino IGT, DOC, DOCG, prodotti trasformati (conserve salate e dolci), prodotti biologici, prodotti tipici e tradizionali, formaggi, salumi, dolci. Saranno anche proposte delle ceste natalizie ricche di vari prodotti della filiera agroalimentare e a prezzi vantaggiosi. Uno stand sarà dedicato all'associazione Mondo Consumatori con lo scopo di avviare il tesseramento per i GAS di Termini Imerese.




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Radiomaurodellechiaie

Inventa una webradio e finisce in un libro insieme a radio di grande spicco...viene inserita radiomaurodellechiaie come radio di qualità
ed esclusiva

 capitolo "antonella beccaria la musica ribelle ai tempi di internet"

(Il testo che segue è contenuto nell'antologia Il software libero in Italia, appena pubblicata dalla Shake Edizioni con licenza Creative Commons.

descrizione il... libro offre una panoramica dello stato dell'arte del FLOSS (Free, Libreand Open Source Software) in Italia. Dalla realtà della pubblica amministrazione alla ricerca scientifica, dalla sicurezza informatica alla produzione audio-musicale, il libro restituisce uno spaccato aggiornato di questo mondo complesso e variegato. Le testimonianze di chi ha visto nascere e crescere il Software Libero in Italia si accompagnanoad analisi legali ed economiche e a proiezioni dei principi di base di questa nuova modalità di produzione e di distribuzione ad altri settori, come l'Open Content. Un tassello decisivo per comprendere appieno il mosaico della rivoluzione informatica che in poco più di vent'anni ha cambiato profondamente la Società
dell'Informazione, anche in Italia..








--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Nasce Searchradiomaurodellechiaie

Nasce Searchradiomaurodellechiaie motore di ricerca italiano di materiale
creative commons appartiene alle categorie opensource e metamotori per
definizione è un aggregatore di motori di ricerca al cui interno è possibile
accedere a tutte le risorse che la rete ha in fatto di creative commons sia
esso testo immagini video audio o altro parte dall' idea che "Un giorno ci
collegheremo alla rete in un solo indirizzo e dà lì avremo a portata di click
tutto ciò che ci serve senza andare oltre " L'ideazione parte dall'idea che è
inutile andare oltre se si può realizzare il tutto in un unico sito.




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


venerdì 28 dicembre 2012

UNIONE SINDACALE DI BASE - USB - COMUNICATO L'AGENT SEGRETO DELL'INPS

L' AGENT SEGRETO DELL'INPS

 

Con la circ. 135 del 3/12/2012 l'Istituto ha dettato un "disciplinare per l'utilizzo degli strumenti informatici" a cui sono tenuti ad attenersi tutti i soggetti in attività presso l'INPS, siano essi dipendenti, siano essi collaboratori temporanei.

Il dichiarato intento è quello di proteggere le infrastrutture informatiche che possono essere messe a rischio da un uso improprio della posta elettronica e della navigazione Internet da parte dei Lavoratori abilitati.

Per questa protezione l'Istituto ha messo già in atto strumenti tecnici specifici, come l'installazione di firewalls, antivirus e controlli sui server di rete, che sono tanto efficaci da rendere superflue gran parte delle raccomandazioni dettate: nessun PC già adesso può incappare neanche per errore in qualcuno dei siti WEB considerati "non di interesse aziendale". Né ad esempio si può navigare collegandosi con una chiavetta Internet, perché l'antivirus in agguato ne rileva la presenza e disabilita subito la porta USB su cui è collegata.

Tutte le attività in rete sono monitorate e registrate in "log" che, come prescrive la normativa sulla privacy, dovrebbero essere anonimi, finalizzati al solo utilizzo di protezione e venire cancellati dopo un certo periodo di conservazione.

 

Tutto appare chiaro e regolare, anche se leggendo questa circolare alcune domande vengono spontanee, per esempio:

 

  • in considerazione di tutte le precauzioni e di tutti i controlli effettuati come mai l'accesso ad Internet rimane un "privilegio" a vantaggio solo di alcuni dipendenti?
  • perché non si è colta l'occasione di chiarire la posizione dell'Amministrazione per l'utilizzo della posta elettronica da parte del Lavoratore in riferimento a contenuti di carattere sindacale?
  • che significa che, in caso di assenza del dipendente, un responsabile "può accedere alle comunicazioni nella mailbox dell'utente"? Vuol dire che non solo i tecnici preposti, ma anche i dirigenti possono leggere il contenuto della email dei Lavoratori?
  • come si concilia il divieto di installare software non autorizzato con le innumerevoli applicazioni, sviluppate ufficiosamente in sedi periferiche, che divengono strumenti di lavoro quotidiani promossi dalle direzioni locali per aumentare la produttività?

 

Ma a fronte di tutte le cose che con la circolare ci rivela, con dovizia di spiegazioni terminologiche, l'Amministrazione sembra nascondercene una importante.

 

Sembra che ogni PC della nostra rete sia stato installato un software spia.

Il suo nome sarebbe Agent Digital Guardian.

Esso viene caricato sulla macchina prima della partenza dello stesso sistema operativo, come se fosse un driver, e quindi non risulta rilevabile dall'utente.

 

Tutti abbiamo sperimentato che, alcune volte, i nostri PC di lavoro non completano l'avvio al mattino e continuano inutilmente a mostrare il logo di Windows che gira all'infinito: sarebbe l'Agent che, non essendosi caricato correttamente, impedisce al Sistema Operativo di partire senza di lui!

Il compito di questo programma è di registrare tutte le attività effettuate sulla macchina, in modo dettagliato e completo: ciò che si vede sullo schermo, ciò che si digita, i programmi usati, le chiavette o i CD che vengono introdotti, persino i documenti inviati alla stampante! Tutti i dati verrebbero raccolti e trasmessi ad un indirizzo che li archivia in gran segreto per scopi non dichiarati.

Naturalmente tutta questa attività nascosta rallenta fortemente le prestazioni delle macchine, ma per il controllo dei propri dipendenti l'Amministrazione non sembra badare a spese e sarebbe disposta non solo a tollerare un calo produttivo, ma anche a sostenere il peso economico della licenza di questo sofisticato software che sarebbe il più caro tra quello acquistato finora per la "sicurezza informatica".

 

L'USB non è nuovo ad occuparsi di questioni del genere. Già nel novembre 2009, con il comunicato n.23/09, il nostro coordinamento regionale del Lazio aveva lanciato l'allarme sull'installazione di questo software in via sperimentale su alcune postazioni di lavoro a Roma.

L'anno scorso l'USB ha portato in tribunale l'Agenzia delle Entrate che, basandosi sui dati raccolti con un analogo software spia, aveva cominciato ad avviare richiami disciplinari sulla produzione ai propri dipendenti.

In quell'occasione il tribunale di Cagliari ha dato pienamente ragione al nostro Sindacato per la palese violazione dell'art.4 dello Statuto dei Lavoratori, che vieta il controllo a distanza da parte del datore di lavoro. Una sentenza importante, che riafferma che i diritti dei Lavoratori non possono essere prevaricati dalle necessità organizzative.

Ma con la complicità di alcuni presunti "sindacati" presto le garanzie normative potrebbero cambiare: il recentissimo "Accordo sulla Produttività" firmato da CISL, UIL e UGL, prevede non a caso (tra le altre scellerate deroghe) "…l'affidamento alla contrattazione collettiva delle modalità attraverso cui rendere compatibile l'utilizzo di nuove tecnologie con la tutela dei diritti fondamentali dei lavoratori…"!

 

Come sempre, l'INPS funge da sperimentatore di tutte queste belle "novità" e si è attrezzato per tempo ad applicarle, se la legge glielo consentirà, a danno dei suoi dipendenti.

O meglio: di alcuni di loro!

Perché, ciliegina sulla torta, sembra che l'"Agent segreto" sui PC della Direzione Generale non sia in attività, mentre lavorerebbe a pieno regime sulle Sedi periferiche di produzione…

 

In attesa di avere riscontro dalla nostra Amministrazione su queste notizie ufficiose, riteniamo doveroso informarne i Lavoratori perché siano consapevoli del rischio che ormai corrono quotidianamente semplicemente lavorando!

 

 

        Milano, 17 dicembre 2012                                                  

 

 

Coordinamento Regionale

                                                                     USB Inps Lombardia

Enel Green Power: entrano in esercizio tre nuovi parchi eolici in Romania

Gentile  Redazione,
vi segnaliamo il seguente comunicato di Enel.

Cordiali Saluti,

Redazione Enelsharing


Enel Green Power (EGP) ha collegato alla rete tre nuovi impianti eolici in Romania, Elcomex EOL (Zephir I), Targusor (Zephir II) e Gebelesis, nella regione di Dobrogea, per una capacità installata totale di 206 MW e una produzione, a regime, di circa 560 milioni di kilowattora all'anno.

In particolare, il parco eolico di Elcomex EOL è costituito da 52 turbine eoliche da 2,3 MW ciascuna, per una capacità installata totale di circa 120 MW, e sarà in grado di produrre, a regime, circa 340 milioni di Kwh all'anno. 

L'impianto di Targusor, costituito da 26 turbine eoliche da 2,3 MW ciascuna, per una capacità installata totale di circa 60 MW, potrà produrre, a regime, oltre 170 milioni di Kwh all'anno. 

Gebelesis, nel nord della Dobrogea, è costituito da 5 turbine eoliche da 3 MW ciascuna e da 6 turbine eoliche da 2 MW ciascuna, per una capacità installata totale di 27 MW. Il nuovo impianto potrà produrre a regime circa 50 milioni di Kwh all'anno. 

Il valore complessivo degli investimenti per la realizzazione degli impianti è pari a circa 340 milioni di euro, a testimonianza della strategia di Enel Green Power di rafforzamento della produzione di energia rinnovabile in Romania.

Enel Green Power ha infatti raggiunto in soli due anni circa 500 MW di capacità totale installata nell'eolico in Romania.

 

Enel Green Power è la società del Gruppo Enel interamente dedicata allo sviluppo e gestione delle attività di generazione di energia da fonti rinnovabili a livello internazionale, presente in Europa e nel continente americano. Con una capacità di generazione di energia da acqua, sole, vento e calore della terra pari, nel 2011, a 22,5 miliardi di kWh – una produzione in grado di soddisfare i consumi di oltre 8 milioni di famiglie e di evitare l'emissione in atmosfera di più di 16 milioni di tonnellate di CO2 - Enel Green Power è leader di settore a livello mondiale, grazie a un mix di tecnologie ben bilanciato, con una produzione largamente superiore alla media del settore.  L'Azienda ha una capacità installata di oltre 7.800 MW, con un mix di fonti che comprende l'eolico, il solare, l'idroelettrico, il geotermico e le biomasse. Attualmente, gli oltre 700 impianti operativi di EGP sono collocati in 16 paesi in Europa e nel continente americano.


--
Enel Sharing è la voce di Enel sui Social Media

Informazioni


Salve, mi è stato riferito questo sito per il buon servizio di comunicati stampa.
vorrei sapere cosa devo fare per pubblicare, le regole o se basta che vi invio un email con il testo da pubblicare e Se sono ammessi video e foto nel servizio di comunicato stampa

Grazie mile
--
Dr. Posada
Marketing Services for Hypnotherapists

Enel: un modello energetico a basse emissioni

Pur nel difficile momento economico che stiamo vivendo, con la necessità di perseguire ogni spunto per accrescere la competitività delle imprese, resta più che mai valida l'esigenza di rilanciare l'economia in un'ottica di sviluppo sostenibile, intensificando gli sforzi per salvaguardare l'ambiente e ridurre le emissioni.
L'industria elettrica europea è consapevole della centralità di questa sfida e, sulla base dell'iniziativa autonomamente assunta da Euroelectric (l'Associazione dell'industria europea di settore), si è data l'obiettivo di rendere carbon neutral la generazione di elettricità entro il 2050.
Il Gruppo Enel è già da tempo impegnato verso questo traguardo, dandosi come primo obiettivo intermedio quello di ridurre entro il 2020 del 15% le proprie emissioni rispetto ai livelli del 2007.
La strategia scelta fa perno in primo luogo sull'innovazione, sia per lo sviluppo delle fonti rinnovabili, sia per abbattere le emissioni e accrescere l'efficienza di impianti e processi.
I risultati raggiunti hanno del resto già consentito a Enel di acquisire una leadership mondiale in vari settori. Per esempio nelle tecnologie del carbone efficiente, dove le innovazioni introdotte per l'efficientamento delle centrali sono prese ad esempio in numerosi Paesi e consentono ad Enel di svolgere un ruolo da protagonista in importanti programmi internazionali di ricerca. È il caso, per citarne uno, del programma europeo ENCIO, di cui Enel è capofila e che entro la fine del 2013 porterà alla realizzazione in Italia del primo impianto dimostrativo con tecnologia ultrasupercritica.
Altrettanto importanti sono le attività mirate allo sviluppo industriale delle tecnologie di cattura e stoccaggio della CO2 (CCS - Carbon Capture and Storage). Senza dimenticare l'eccezionale dinamismo manifestato da Enel nel settore delle Smart grids, che rappresentano la chiave di volta per un futuro energetico efficiente e sostenibile non solo sul fronte della generazione di energia, ma soprattutto su quello dei consumi finali da parte di imprese, servizi  e famiglie.

giovedì 27 dicembre 2012

Comunicato settimanale 29 dic 12 gennaio

ORTOTEATRO notizie

COMUNICATO SETTIMANALE (per organi di stampa) 29 dicembre 2012 / 12 gennaio 2013

 


sabato 29 dicembre 2012

ore 17.00 – Sala Convegni - Piancavallo di Aviano (Pn)

ORTOTEATRO BAMBINI E FAMIGLIE

Comune e Biblioteca Civica di Aviano in collaborazione con ORTOTEATRO organizza

Compagnia Arrivano dal Mare in

L' UOMO CHE RACCONTA LE FAVOLE

di e con: Sergio Diotti musica dal vivo: Andrea Branchetti (organetto diatonico)

Sergio Diotti, il Fulesta, prosegue nel suo lavoro di recupero del patrimonio di storie popolari dell'Emilia-Romagna, ma parte da tempo anche all'incontro con culture, narrazioni, repertori "altri".

In questi ultimi anni infatti ha presentato con successo gli spettacoli del "Ciclo del Fulesta" in molte programmazioni italiane e all'estero (Francia, Belgio, Spagna, Svizzera, Canada, Brasile, Argentina…).

"Racconto storie, immagini e personaggi della mia regione, proponendole al mondo.

Ripesco storie e modi di raccontare da una tradizione quasi scomparsa, direi impalpabile, senza neanche l'appoggio di un "maestro" o predecessore cui fare riferimento;

ma vivo questa tradizione come un qualcosa di concreto e importante anche oggi, nel suo farsi e disfarsi, rinnovarsi, autoalimentarsi…

la narrazione è oggi, dal punto di vista teatrale, ma non solo, un esercizio indispensabile di ascolto e comprensione dell'altro che è in noi e fuori di noi".

Una scelta tra le tante storie, fiabe e leggende raccolte in questi ultimi anni, tra viaggi e tournée, attività di formazione, incontri, ricerche sul campo.
Dalla "Leggenda sulla nascita del primo Romagnolo" alla "Favola di Zizarcì", uno degli eroi popolari più minuscoli e simpatici,alla;

dalla "Favola del pidocchio e della Pulce", che Italo Calvino collocava tra i "must" della favolistica italiana,

a una surreale "Gara di indovinelli" che rinnoverà per qualche minuto i fasti del tempo in cui l'oralità interpretava il mondo con fantasia e rigore al tempo stesso.

Hanno scritto:

Che fulesta magico è Augusto Baioni, al secolo Sergio Diotti, capace di sciogliere nel suo paiolo di alchimista dialettale le favole di un tempo antico, il tesoro della tradizione orale ...

Favole, racconti veloci e intriganti, dedicati all'infanzia e agli adulti, senza distinzione, nel segno del ricordo e della scoperta.

Con queste storie è possibile far sprofondare il pubblico di oggi nelle atmosfere di una volta, quelle dei casolari rurali,

dove il fuoco di un camino e le cose semplici del quotidiano cancellavano le paure suscitate dall'inverno e dall'oscurità notturna..

Claudia Rocchi, CORRIERE DI CESENA

Nella penombra recitavano gli occhi, le mani, i muscoli del volto, la voce...

Non è facile oggi trovare quei racconti, se non nei testi votati a tenere in vita un mondo scomparso, ed è ancora meno frequente trovare chi sappia restituirli.

GAZZETTA DI MANTOVA

Il lavoro di Diotti non è però solo volto a conservare e riproporre vecchie storie e rievocare figure e ambienti della cultura contadina.

La riscoperta della tradizione non impedisce di innovarla; la fedeltà al suo spirito non rinuncia ad adattare la forma tradizionale a un mondo diverso da quello contadino e popolare originario,

per restituirci quella tradizione fresca e ancora viva, fruibile secondo i moduli di rappresentazione e recezione possibili oggi…

Gian Piero Nosari, L'ECO DI BERGAMO

E' raro vivere rappresentazioni semplici e vere come quella messa in scena da Sergio Diotti.

Sergio Spada, IL MESSAGGERO

Ingresso libero


sabato 29 dicembre 2012

ore 21.00 – Auditorium - Centro Culturale Aldo Moro - via Traversagna 4 - Cordenons (Pn)

MUSICA

Città di Cordenons e Associazione Carpe Diem organizzano

Cavalleria Rusticana

melodramma in un atto di Pietro Mascagni libretto di Targioni -Tozzetti e Menasci

Con questa opera, tratta dall'omonima novella di Giovanni Verga, presto assunta a manifesto del verismo musicale, Mascagni nel 1889 vinse il primo premio di un concorso bandito dall'editore Sonzogno.

L'immediato, entusiastico successo lo portò di colpo alla fama.

Cavalleria, nell'arco di un'ora e un quarto, offre una sintesi magistrale di effusione melodica ed impeto drammatico, di spontaneità, di eloquio e di unità stilistica.

L'ambiente è un paese della Sicilia, alla fine del XIX secolo.

E' il mattino di Pasqua, Turiddu, tornato dal servizio militare, ha appreso che Lola, della quale è perdutamente innamorato, è andata sposa al carrettiere Alfio.

Ha allora tentato di consolarsi con Santuzza, ma dopo averla sedotta ora la trascura: la ragazza non si rassegna e lo affronta disperata, ma è spavaldamente respinta.

Santuzza accecata dalla gelosia e dal dolore, rivela ad Alfio che Lola gli è infedele.

All'uscita dalla chiesa Turiddu invita gli amici a bere un bicchiere di vino nell'osteria della madre Lucia e lì Alfio lo sfida a duello mortale.

Prima di allontanarsi Turiddu chiede alla madre di benedirlo e di proteggere Santuzza.

Poco dopo, dietro la chiesa i due rivali si battono: il grido di una popolana annuncia il tragico esito del duello rusticano.

Personaggi ed interpreti:

Santuzza / Gabriela Thierry; Turiddu / Daniele Gaspari, Alfio / Oscar Garrido, Lola / Gina Ianni, Lucia / Maria Pia Moriyon

Coro Lirico Voci del Piave

Orchestra dell'Associazione Voci del Piave

Maestro concertatore e Direttore: Maurizio Baldin

Regia: Miguel Hernandez Bautista

Scenografia e costumi: Coro Lirico Voci del Piave

L'opera verrà introdotta dalla lettura della novella originale di Giovanni Verga a cura di Michela Fonti

Informazioni: 0434/932725- 0434/586939

Biglietteria: Centro Culturale Aldo Moro, via Traversagna 4.

Date ed orari prevendite:

20, 21, 27 e 28 dicembre: ore 10.00-12.00 e 16.00-19.00

22 dicembre: ore 10.00-12.00

29 dicembre: ore 10.00-12.00 e 16.00-20.30

Prezzo biglietto posto unico: € 15,00


fino a sabato 29 dicembre 2012

Sala Appi - Centro Culturale Aldo Moro - via Traversagna 4 - Cordenons (Pn)

MOSTRE

Città di Cordenons - Assessorato alla Cultura e Associazione Media Naonis

presentano la Mostra d'Arte di

Bruno Aita

Inaugurazione sabato 15 dicembre 2012 ore 18.00

Intervento critico di Chiara Tavella

Apertura mostra dal 15 al 29 dicembre ore 16.00 - 19.00 mart. ven. sab. esclusi i giorni festivi

ingresso libero


mercoledì 2 gennaio 2013

ore 18.00 – Sala Convegni - Piancavallo di Aviano (Pn)

ORTOTEATRO BAMBINI E FAMIGLIE

Comune e Biblioteca Civica di Aviano in collaborazione con ORTOTEATRO organizza

Compagnia Teatro Invito in

GIANGATTO E LA STREGA GIUSEPPINA

di Luca Radaelli

con Matteo Binda e Giusi Vassena

È vero quanto si dice delle streghe? Che siano brutte e cattive?

Giuseppina è una strega distratta e un po' pasticciona, ma non mangia i bambini. Preferisce i cioccolatini. Il suo assistente Giangatto, un gattone musicista e apprendista stregone, la sta aiutando a preparare una pozione magica: ci va una lunga cottura, è la pozione per vincer la paura.

Ma occorrono degli ingredienti un po' speciali e per quelli chiederanno l'aiuto dei piccoli spettatori. Sputo di rospo, unghia di babbuino, dente di topo, capello di bambino

Così tra filastrocche in rima un po' rap, Giangatto e Giuseppina racconteranno tre fiabe dal punto di vista della strega: per dimostrare che le streghe e le loro magie possono essere benefiche e non c'è niente di cui aver paura.

Lo spettacolo va nel solco della ricerca di Teatro Invito sulla fiaba classica.

Il testo, in buona parte in rima, va nella direzione del divertimento scanzonato.

La scena è caratterizzata da oggetti apparentemente semplici ma utilizzati in modo ingegnoso.

I bambini vengono coinvolti nella storia e nell'approntamento di vere e proprie piccole magie.

Ingresso libero


venerdì 4 gennaio 2013

ore 17.00 – Sala Info Point - Piancavallo di Aviano (Pn)

ORTOTEATRO BAMBINI E FAMIGLIE

Comune e Biblioteca Civica di Aviano in collaborazione con ORTOTEATRO organizza

ORTOTEATRO in

STORIE DI VECCHIETTE, VECCHIETTI E BEFANE

Spettacolo di narrazione e musica dal vivo con un finale di gustose caramelle

con Fabio Scaramucci e la musica dal vivo di Fabio Mazza

Tre divertenti e gustose storie popolari dedicate ad arzilli vecchietti in grado di sconfiggere i personaggi più cattivi delle fiabe.

Naturalmente non potrà mancare la vecchietta più amata dai bambini, la befana!

Ingresso libero


venerdì 4 gennaio 2013

ore 20.45 – Auditorium - Centro Culturale Aldo Moro - via Traversagna 4 - Cordenons (Pn)

MUSICA

Città di Cordenons e Associazione Filarmonica organizzano

Concerto di Inizio Anno e Consegna Premio dell'Anzul

Ingresso libero

Info: ORTOTEATRO Centro Culturale Aldo Moro 0434/932725


sabato 5 gennaio 2013

ore 17.00 – Teatro Miotto - viale Barbacane 15 - Spilimbergo (Pn)

ORTOTEATRO BAMBINI E FAMIGLIE

A TEATRO ANCH'IO! Stagione di Prosa a Misura di Bambino

ORTOTEATRO e Comune di Spilimbergo organizzano

SPECIALE: ARRIVA LA BEFANA A TEATRO!

Un magico pomeriggio per tutti i bambini per salutare il periodo natalizio con uno spettacolo strepitoso e con l'arrivo della befana che porterà caramelle per tutti!

ORTOTEATRO in

HANSEL E GRETEL FRATELLI DI CUORE

spettacolo con pupazzi, burattini e attori

con Federica Guerra

musiche originali: Fabio Mazza; pupazzi: Ada Mirabassi; scenografia: Paolo Pezzutti; disegni di scena: Andrea Venerus; costumi: Lucia Peressin;

e con le voci di Davide Venerus, Marta Zomero, Clio Campagnola, Federica Guerra, Fabio Mazza, Paolo Pezzutti, Fabio Scaramucci, Roberta Tossutto.

Testo e regia: Fabio Scaramucci

Il testo di Fabio Scaramucci HANSEL E GRETEL FRATELLI DI CUORE, ripercorre la fiaba classica dei Fratelli Grimm, in una nuova veste che non toglie il fascino antico di una fra le storie più amate dai bambini di ieri e di oggi.

Gli splendidi pupazzi in gommapiuma realizzati da Ada Mirabassi, la Casa/Baracca ideata da Paolo Pezzutti, che diventa rifugio e dolce attrattiva, e le musiche composte con rara sensibilità da Fabio Mazza, rendono questo spettacolo godibile da ogni tipo di pubblico.

Federica Guerra, sola in scena, come nella tradizione dei vecchi burattinai e contastorie, dà vita a tutti i personaggi di questa bella storia...

...Storia per ridere, storia per avere paura, storia per crescere, storia che fa battere il cuore.

HANNO SCRITTO:

IL GAZZETTINO 28 dicembre 2010 Hansel e Gretel contemporanei alle prese con la fame di attenzioni PORDENONE - Ottimo debutto per il nuovo spettacolo per ragazzi targato Ortoteatro, un "Hansel e Gretel fratelli di cuore" rivisitato in modo fresco e convincente, avvalendosi del lavoro di un anno nella scuola materna Rodari fatto da Fabio Scaramucci (regista e autore dei testi) assieme a bambini, insegnanti e genitori. Ne è nata un'interpretazione moderna, interessante da diversi punti di vista. Se non siamo più nel Medio Evo, quando scarsità di cibo e fame facevano dell'infanticidio una pratica comune (motivo per il quale nella fiaba originaria i genitori decidono di abbandonare i due fratellini nel bosco), il problema ora è all'opposto: i bimbi sono ben nutriti e ben curati, ma i genitori hanno poco tempo di occuparsi di loro. E non è solo la «caccia al cibo» che li tiene occupati e magari li innervosisce, ma anche tutte le incombenze domestiche che spesso per le donne diventano un problema da gestire. Ecco dunque spiegato perché le mamme sono a volte, stanche, nervose o tristi. A loro ha dato amabilmente corpo e voce Federica Guerra, nei panni di una mamma sempre di corsa tra lavoro, cura dei figli e della casa, una simpatica casetta/baracca per burattini realizzata da Paolo Pezzutti. Hansel e Gretel sono due pupazzi, ma le loro voci sono di due bambini veri e anche molto bravi: Marta Zonero e Davide Venerus. Coinvolgenti ed efficaci le musiche composte da Fabio Mazza, che aiutano a dare un bel ritmo. La parte centrale della storia resta quella originale della prova iniziatica dei bambini persi nel bosco con momenti anche poetici e suggestivi come con gli alberi parlanti. La riconciliazione finale invita alla comprensione reciproca.

Clelia Delponte

Per tutti!

Ingresso unico euro 5.00 (i bambini fino a 2 anni non pagano).

Info: ORTOTEATRO 0434/932725 o 348/3009028

info@ortoteatro.it

www.ortoteatro.it


domenica 6 gennaio 2013

ore 17.00 – Auditorium Concordia - via Interna - Pordenone

ORTOTEATRO BAMBINI E FAMIGLIE

A TEATRO ANCH'IO! Stagione di Prosa a Misura di Bambino

ORTOTEATRO, Provincia di Pordenone e Comune di Pordenone organizzano

SPECIALE: ARRIVA LA BEFANA A TEATRO!

Un magico pomeriggio per tutti i bambini per salutare il periodo natalizio con uno spettacolo ricco di storie e con l'arrivo della befana che porterà caramelle per tutti!

Compagnia Teatro Evento in

FIABE DI NATALE

teatro d'attore, figure ed oggetti animati

testo: Cristina Bartolini

scene e regia: Sergio Galassi

con: Cristina Bartolini, Massimo Madrigali

oggetti e animazioni in scena: Tzvetelina Tzvetkova

Un magico spettacolo con tre fra le più belle storie dedicate al periodo natalizio.

Ecco quindi Babbo Natale alle prese con oche canterine e furbe talpe e il povero calzolaio Giuseppino passare un magico Natale grazie a gnomi dal cuore d'oro.

Alla fine dello spettacolo la Befana arriverà col suo carico di caramelle.

Per tutti!

Ingresso unico euro 5.00 (i bambini fino a 2 anni non pagano).

Info: ORTOTEATRO 0434/932725 o 348/3009028

info@ortoteatro.it

www.ortoteatro.it


martedì 8 gennaio 2013

ore 17.00 Sala Consiliare - Centro Culturale Aldo Moro - via Traversagna 4 - Cordenons (Pn)

LEZIONI CONFERENZE UTEA

La repubblica di Weimar: economia, politica e cultura

Il novecento: storia

prof.Stefano Nonis

Informazioni Presso la sede dell'U.T.E.A. in via Traversagna 4 a Cordenons

Tel. e Fax: 0434.930707

E-mail: uteacordenons@virgilio.it

www.uteacordenons.it


venerdì 11 gennaio 2013

ore 17.00 Sala Consiliare - Centro Culturale Aldo Moro - via Traversagna 4 - Cordenons (Pn)

LEZIONI CONFERENZE UTEA

Gli elementi chimici si raccontano

Scienza e tecnica

dott. Lucio Dell'Anna

Informazioni Presso la sede dell'U.T.E.A. in via Traversagna 4 a Cordenons

Tel. e Fax: 0434.930707

E-mail: uteacordenons@virgilio.it

www.uteacordenons.it


venerdì 11 gennaio 2013

ore 21.00 – Auditorium - Centro Culturale Aldo Moro - via Traversagna 4 - Cordenons (Pn)

TANGO

Associazione Punto Musicale

con il sostegno di Pro Cordenons e Regione Friuli Venezia Giulia

con il patrocinio di Città di Cordenons organizza

Festival Tango da pensare

Recordando Astor Piazzolla

il rivoluzionario del Tango nel ventennale dalla morte

Con la straordinaria partecipazione di Laura Escalada, moglie di Astor

Quartetto Neotango

Bandoneon Massimiliano Pitocco

Pianoforte Carla Agostinello

Violino Alexander Dorsmann

Contrabbasso Giovanni Rinaldi

Ballerini Margarita Klurfan Y Walter Cardozo

Musiche di Astor Piazzolla

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti

Info www.puntomusicale.org


sabato 12 gennaio 2013

ore 17.00 – Auditorium - Centro Culturale Aldo Moro - via Traversagna - Cordenons (Pn)

ORTOTEATRO BAMBINI E FAMIGLIE

ORTOTEATRO in collaborazione con Provincia di Pordenone, Comune di Cordenons

ed ERT Ente Regionale Teatrale nell'ambito del progetto teatroescuola

e con il contributo di Regione Friuli Venezia Giulia organizza

INAUGURAZIONE DI

BURATTINI - il teatro della meraviglia

mostra - spettacoli - eventi

Il teatro di burattini è antico come l'uomo ed ha cittadinanza e storia in ogni parte del mondo.

Burattini e marionette sono nell'immaginario di oggi immediatamente collegati al mondo infantile, ma il teatro di figura ha la sua collocazione naturale nell'alveo del teatro con la T maiuscola, il teatro tout court, quello senza aggettivazioni legate ai generi o all'età del pubblico.

D'altro canto fino ai primi anni cinquanta gli adulti costituivano il pubblico abituale degli spettacoli di burattini e marionette.

La mostra si propone di avvicinare il pubblico, un pubblico misto - dai tre ai novantacinque anni - come recitavano un tempo le locandine di richiamo agli spettacoli dei burattinai, alle tante e diverse tecniche e linguaggi di questa forma teatrale.

L'idea è di presentare i vari e diversificati repertori, i temi e gli stili per rendere il carattere autenticamente popolare del teatro di burattini e per far comprendere come l'arte burattinaia abbia la rara capacità d'essere profondamente trasversale ai ceti e alle classi e sia capace di rivolgersi e parlare a tutti.

Struttura della mostra

PRIMO MODULO: i burattini a guanto Verranno esposti alcuni burattini della tradizione italiana: in particolare burattini di Giorgio Unterveger, burattinaio trentino attivo a cavallo tra '800 e '900 e burattini di Domenico Baldi e Mario Perozzi, attivi nelle zone a cavallo tra Piemonte e Lombardia agli inizi del '900.

Tra i burattini esposti ci saranno molte maschere della Commedia dell'Arte (Gioppino, Fagiolino, Dottor Balanzone, Sandrone, etc.) oltre a una baracca di Mario Perozzi e ad una baracca costruita dal maestro Gualberto Niemen;

SECONDO MODULO: le marionette a filo Verranno esposte alcune marionette a fili (alcuni pezzi esposti sono opera della Compagnia Sogolon del Mali) a illustrare alcune forme del teatro di figura nei paesi africani;

TERZO MODULO: le marotte, marionette a bastone o a stecca Si esporranno marionette a bastone e a stecca (con alcune marionette a stecca africane e altre provenienti da Giava e dalla Cina) a illustrare alcune forme del teatro di figura asiatico;

QUARTO MODULO: le ombre Verranno esposte alcune ombre turche e ombre di origine orientale per illustrare questa specifica forma teatrale;

QUINTO MODULTO i pupazzi Si esporranno diversi pupazzi in gommapiuma a illustrare i nuovi materiali e le nuove tecniche in particolare legate all'uso televisivo dei pupazzi; verrà esposto tra l'altro l'originale del Dodò protagonista dell'Albero Azzurro;

SESTO MODULO (presso le Sale Espositive della Provincia di Pordenone in corso Garibaldi): il teatro di figura nella provincia di Pordenone Esposizione delle marionette storiche donate da una famiglia dell'800 al Museo d'Arte di Pordenone, e dei materiali delle compagnie professionali attualmente residenti e operanti nel territorio pordenonese. Grazie a queste presenze, alla loro funzione artistica e culturale, (in particolare all'opera della Compagnia Ortoteatro) il territorio provinciale di Pordenone può vantare oggi una proposta di attività legate al teatro di figura tra le più ampie e qualificate a livello nazionale. Presentare alcuni materiali delle compagnie provinciali ci pare un giusto riconoscimento alla loro operosità e una preziosa occasione per farle conoscere ad un ancor più largo pubblico.

Alla mostra sono legate numerose attività collaterali pensate per illustrare la ricchezza di quest'arte teatrale e le sue potenzialità legate all'uso dei burattini in ambito educativo, come

• visite guidate per le scuole di ogni ordine e grado, con incluse attività laboratoriali pratiche di costruzione e animazione dei burattini tenute in uno spazio appositamente predisposto e attrezzato all'interno della mostra;

• organizzazione di un ciclo di spettacoli di burattini in varie forme e tecniche, rivolti al pubblico delle scuole e delle famiglie

• corsi e laboratori di formazione per insegnanti, educatori e altre figure sull'utilizzo del teatro di figura in ambito educativo, riabilitativo e nel sociale;

• attività culturali legate al teatro di figura, con incontri di studio, conferenze, presentazioni di volumi e collane editoriali del settore;

• seminari e stages di qualificazione e specializzazione per operatori che già esercitano professionalmente nel teatro di burattini.

La mostra sarà aperta tutti i giorni dal 12 gennaio al 12 febbraio 2013.

Per informazioni, prenotazione di visite guidate animate, partecipazione a spettacoli, laboratori e incontri contattare

ORTOTEATRO 0434/932725 o 348/3009028

info@ortoteatro.it

www.ortoteatro.it


sabato 12 gennaio 2013

ore 17.00 – Auditorium - Centro Culturale Aldo Moro - via Traversagna - Cordenons (Pn)

ORTOTEATRO BAMBINI E FAMIGLIE

BURATTINI - il teatro della meraviglia mostra - spettacoli - eventi

ORTOTEATRO e Comune di Cordenons

ed ERT Ente Regionale Teatrale nell'ambito del progetto teatroescuola organizzano

Teatro dell'Archivolto in

UNA GIORNATA CON GIULIO CONIGLIO

di Nicoletta Costa

drammaturgia e regia Giorgio Scaramuzzino

con Gabriella Picciau

musiche Paolo Silvestri

scene Nicoletta Costa

pupazzi e realizzazione scene Lorenza Gioberti

luci Pietro Ferraris

assistente alla regia Laura Testa

Tratto dalle storie di Nicoletta Costa, una delle autrici più note dell'illustrazione e della letteratura per l'infanzia, ecco un nuovo spettacolo che ha per protagonista il coniglio più amato dai bambini.

Giulio vive in un bosco insieme ai suoi amici - l'oca Caterina, il topo Tommaso e molti altri - e deve affrontare la vita di tutti i giorni come un normale bambino, tra avventure e riti quotidiani nei quali i piccoli spettatori possono identificarsi.

In scena un'unica straordinaria attrice, che fa vivere i molteplici personaggi animando coloratissimi pupazzi.
Per tutti!

Ingresso unico euro 5.00 (i bambini fino a 2 anni non pagano).

Info: ORTOTEATRO 0434/932725 o 348/3009028

info@ortoteatro.it

www.ortoteatro.it


 

Alla prossima mail!

 

p.Ortoteatro

Fabio Scaramucci

 

ORTOTEATRO

Centro Culturale Aldo Moro

Via Traversagna 4 CORDENONS (Pn)

 

Telefono

0434.932725

348.3009028

 

Fax

0434.961052

 

Posta elettronica

info@ortoteatro.it

 

Abbiamo una pagina Web!

www.ortoteatro.it

 

 

In conformità con le nuove disposizioni in materia di invii telematici in vigore dal 1° gennaio 2004 (Testo Unico sulla tutela della privacy emanato con D.Lgs 196/2003 pubblicato sulla G.U. n. 174),

con la presente chiediamo l'autorizzazione a spedirVi e-mail riguardanti la nostra attività.

La Vostra autorizzazione si intende approvata tramite silenzio assenso.

Al contrario, se vorrete essere cancellati dalla nostra mailing list inviate un messaggio vuoto all'indirizzo di posta elettronica info@ortoteatro.it scrivendo semplicemente nell'oggetto CANCELLAMI.

Grazie fin d'ora per la Vostra attenzione.

 

 

 

 

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota