sabato 2 luglio 2011

FESTA DRUIDI BAJARDO 2011

 

Riti magici, conferenze e anche il fumetto di Bajardix:

ecco tutte le novità della Festa dei Druidi 2011

 

 

C’è grande attesa per l’ottava edizione della Festa dei Druidi, la “due giorni” dedicata al mondo dei Celti e ai suoi sacerdoti, i Druidi appunto, che si svolgerà sabato 23 e domenica 24 luglio a Bajardo, suggestivo borgo medioevale nell’entroterra di Sanremo.

 

La manifestazione, ideata da Pepi Morgia nel 2004, si presenta come un intreccio di conferenze, mostre, libri, musica, danze, laboratori e riti magici per affascinare ancora una volta tutti quei residenti e quei turisti che amano riscoprire le affascinanti radici del mondo celtico.

 

Tra le tante le novità di quest’edizione, spicca il fumetto di Bajardix ideato da Claudio Porchia e disegnato da Tiziano Riverso.

 

Realizzato sulle orme del famosissimo Panoramix, il druido di Asterix, Bajardix presenta una diversa personalità con uno stile rivolto ai grandi e ai piccini, offrendosi anche come un inedito e divertente strumento per catturare le atmosfere magiche e misteriose di questa tradizione.

 

Grande attenzione anche al mondo delle erbe e delle piante utilizzate dai Druidi: dalle conferenze di Libereso Guglielmi e di Alfredo Moreschi, alla mostra dedicata al calendario celtico di Domenico Musci con disegni di Dino Gambetta; dai laboratori multimediali di danza, musica e artigianato, al mercatino druidico e ai diversi laboratori di animazione curati dall’associazione Il Parcheggio delle Nuvole.

 

Da non dimenticare i menù druidi offerti dai ristoranti del paese, l'accensione del sacro fuoco poco prima della mezzanotte di sabato e la festa finale “Cos playar Druid Contest” dove ognuno potrà cimentarsi nell’interpretazione di un famoso druido.

 

PROGRAMMA FESTA DRUIDI

 

SABATO 23 LUGLIO

 

ore 17, centro storico: alla scoperta del magico mondo di Bajardix, il fumetto realizzato da Tiziano Riverso. Un percorso a tappe per le vie del paese con animazione, laboratori musicali, di fumetti, creativi per la realizzazione dell'amuleto di Bajardix e concerto pomeridiano con laboratorio danzante, multi visioni.

 

ore 17,  centro storico:  giochi di ruolo dal vivo con lo Stregatto.

 

ore 17.30, oratorio di piazza De Sonnaz: inaugurazione mostra “Calendario Celticodi Domenico Musci e con illustrazioni di Dino Gambetta.

 

ore 18, oratorio di piazza De Sonnaz: “La Quercia, albero sacro ai Druidi”. Incontro con Libereso Guglielmi. Conduce Claudio Porchia.

 

ore 20, Chiesa Vecchia: buffet druidico (menù a tema nei ristoranti del paese).

 

ore 21, Chiesa Vecchia: concerto con Davide Baglietto (cornamuse, flauti, percussioni), Emanuela Bellis (ghironda ) e Alex Raso ( bouzouki, chitarra)

 

ore 23, Terrazza delle Alpi: accensione del Sacro Fuoco insieme alla Corporazione Druidica Nazionale. A seguire jam session ardica: arpe, flauti e bodram suoneranno fino a notte fonda!

 

DOMENICA 24 LUGLIO

 

ore 10.30, oratorio di piazza De Sonnaz: “Le piante dei Druidi”. Incontro con Alfredo Moreschi. Conduce Claudio Porchia.

 

ore 15,  Chiesa Vecchia: “Giochi di Ruolo dal vivo e un accampamento dove tutti potranno essere protagonisti delle mirabolanti avventure di Bajardix! A cura dell’Associazione Ludo Ergo Sum.

 

ore 16, centro storico: “Cos playar Druid Contest”. Ognuno potrà cimentarsi nell’interpretazione di un famoso druido e - perché no?- di Baiardix! Al più bel vestito, un premio forgiato per l’occasione!

 

Per tutta la durata della manifestazione “Mercatino a tema druidico” nelle vie del paese.

 

Animazione a cura dell'Associazione Il Parcheggio delle Nuvole con Associazione Ludo Ergo Sum, Corporazione Druidica Nazionale, Stregatto e Compagnia Aerea di Teatro e del Teatro Impertinente.

 

Laboratorio di Fumetti a cura Tiziano Riverso.

 

Direzione artistica a cura di Paola Bergamini, Claudio Porchia e Il Parcheggio delle nuvole.

 

 



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 6259 (20110702) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it

Il Maestro Bacchetti inaugura ETna in scena 2011

Zafferana Etnea inaugura la kermesse estiva “Etna in Scena” venerdì 8 luglio alle ore  21.15 con il concerto del pianista Andrea Bacchetti e l’Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Stato Vincenzo Bellini di Palermo. La direzione dell’orchestra è affidata al Maestro Carmelo Caruso, nonché direttore del Conservatorio di Stato Vincenzo Bellini di Palermo. Il concerto è frutto della volontà della direzione artistica, del maestro Gianfranco Pappalardo Fiumara, e della collaborazione tra la società e20 srl di Marco Grimaldi e l’Associazione musicale Etnea, il cui direttore artistico è il maestro Emanuele Casale, docente e compositore. Il maestro Andrea Bacchetti, noto ai più per la partecipazione quale ospite fisso del programma “Chiambretti night” di Piero Chiambretti, è da moltissimo tempo sulla scena nazionale ed internazionale per la sua grande qualità artistica come pianista. Conosciuto nel settore della musica classica quale enfant prodige per le sue performance al pianoforte già in tenerissima età ha realizzato un percorso artistico di respiro internazionale esibendosi frequentemente in festival internazionali, centri musicali e con direttori ed orchestre di rilievo internazionale. È lo stesso Bacchetti che dichiara il suo amore per la musica con queste parole “Amo della musica la capacità di dare emozioni a chi la fa e a chi la ascolta.” L’8 luglio, l’anfiteatro comunale di Zafferana Etnea sarà pervaso da note di importanti opere della musica classica, il programma musicale della serata prevede infatti un concerto dedicato a Mozart e a Beethoven. Un’occasione unica per lasciarsi coinvolgere da opere immortali in un contesto naturale unico. Si darà inizio al concerto con l’ouverture di Egmont di Ludwig van Beethoven per orchestra seguita dal concerto di Mozart K415 per pianoforte ed orchestra. In conclusione la celebre sinfonia n° 5 di Beethoven. Circa 50 gli elementi dell’orchestra del conservatorio di Stato Vincenzo Bellini di Palermo che accompagneranno il celebre pianista sotto la prestigiosa bacchetta del Direttore Carmelo Caruso, noto artista con vastissima esperienza di direzione di orchestre in Italia.

La prevendita è già disponibile sui circuiti: www.ctbox.it - www.circuitoboxofficesicilia.it -
Per ulteriori informazioni sulla disponibilità dei biglietti è possibile contattare il numero 3357843298.

Per interviste agli artisti (telefoniche prima da effettuarsi prima della data del concerto), accrediti stampa e informazioni contattare Elisa Toscano

Responsabile comunicazione per Etna in scena

E per conto di Salvo Coco Responsabile comunicazione del Comune di Zafferana Etnea

logo Elisa 2008++

Elisa Toscano

Relazioni Pubbliche e Marketing

tel. ufficio 095 8363299

Cell. 3737568363

Fax. 0952937685

www.parlareinpubblico.it

www.elisatoscano.it

 

6/7 Musica anni '90, voice Francesco Sarzi @ Ombre Summer Garden, Viadana (Mn). Nb: Luca Argentero non sarà presente

6/7 Musica anni '90, voice Francesco Sarzi @ Ombre Summer Garden, Viadana (Mn). Nb: Luca Argentero non sarà presente


Confermata la serata di mercoledì 6/7 all'Ombre Summer Garden di Viadana (Mn). Purtroppo non sarà presente Luca Argentero, impegnato all'estero in progetti lavorativi.

FOTO OMBRE
files.me.com/lorenzo.tiezzi/6vpxcb


Per informazioni tel. 392.1037734
Via Pangona, 76 Viadana (Mantova)
Aperto ogni mercoledì, venerdì e prefestivi
http://www.ombresummergarden.it

Mercoledì: musica anni '90, voice Francesco Sarzi
Venerdì: house music & fashion... 

Orari: dalle 21 alle 04
Ingresso: 8/5 €
Ristorante: € 25, formula a buffet con l'aggiunta di piatti serviti
Dj resident: Stefano Burra
Live performer: Mark Lanzetta (Relight Orchestra)
Regular guest: Gianni Morri (Pineta Milano Marittima), Samuele Sartini, Frankie P, Luca Cassani, 
Voice: Faber, Francesco Sarzi, Danilo, Ruben


BIO FRANCESCO SARZI
Francesco Sarzi, classe 1981, ad oggi è senz'altro uno dei vocalist più richiesti del circuito fashion. In altre parole, è un professionista che da anni con la sua energia fa ballare i migliori club italiani e non solo. Infatti Francesco non è solo un animale da palcoscenico che vive di notte e si accende davanti a una pista che balla. E' anche speaker radiofonico, presentatore, consulente artistico di locali importanti. A fare la differenza sono è il suo background. Ad esempio, la laurea in Giurisprudenza conseguita a pieni voti nel 2006 presso l'università di Parma, il diploma in dizione ottenuto frequentando il CTA di Milano, una delle migliori scuole di teatro Italiane… Inoltre, da tempo fa parte degli artisti gestiti da Clan Agency, un'agenzia che recluta talenti per produzioni pubblicitarie e cinematografiche.


★ photo hi res: www.lorenzotiezzi.it



★ Mail sent by Lorenzo Tiezzi (pr, journalist, etc)
★ mob. +39 339 3433962





resoconto stampa - presentazione Etna in Scena 2011

"ETNA IN SCENA 2011"

Zafferana Etnea

 

 

Presentato oggi al Palazzo della regione siciliana di Catania il cartellone degli eventi estivi organizzati dal Comune di Zafferana Etnea.

"Etna in scena 2011", una delle più interessanti kermesse dell'estate siciliana, promette eventi e spettacoli di notevole spessore, grazie a nomi di spicco del panorama culturale ed artistico nazionale. Gli spettacoli andranno in scena dall'8 luglio al 30 agosto e riguarderanno: danza, musica, teatro.

Il calendario sintetizza il lungo lavoro d'equipe, durato circa un anno, che ha visto impegnati in prima linea il Sindaco del Comune di Zafferana Etnea, Alfio Russo; l'Assessore al Turismo Enzo Leonardi; il noto pianista catanese Gianfranco Pappalardo Fiumara, il quale ne ha curato la direzione artistica; e Marco Grimaldi, per il coordinamento organizzativo.

Il Sindaco Russo ha puntato sulla qualità della manifestazione, grazie a personaggi di valenza nazionale. "Ci stiamo scommettendo affinché la nostra comunità possa fare dello sviluppo turistico il proprio fiore all'occhiello - ha detto Russo - non solo sfruttando l'opportunità dell'anfiteatro con i suoi spettacoli, ma dando risalto anche ai prodotti enogastronomici e all'offerta turistica del Palaghiaccio".

Alla presentazione è intervenuto anche il Presidente della Regione, Raffaele Lombardo, il quale ha espresso gratitudine e ammirazione nei confronti dell'Amministrazione zafferanese, per aver organizzato l'ammirevole cartellone estivo volto alla "valorizzazione del patrimonio culturale e all'attrazione turistica".

Promuovere le attività commerciali e turistiche è l'obiettivo principale su cui ha puntato l'Assessore al Turismo di Zafferana, Vincenzo Leonardi, il quale ha proposto "Etna in scena" come evento appetibile per zafferanesi e non solo, nel rispetto delle risorse territoriali.

Il direttore artistico, Gianfranco Pappalardo Fiumara, ha poi elencato e descritto i singoli eventi che comporranno la stagione estiva dicendo: "Quest'anno il cartellone inizia a diventare specialistico, con artisti di spicco del teatro tradizionale e d'avanguardia. La musica è la nostra scommessa, a cominciare dall'Opera lirica di Ruggero Leoncavallo, "Mameli", opera del 1916 non più replicata perché ritenuta troppo rivoluzionaria, ma che vogliamo riprendere nel centocinquantesimo dell'Unità d'Italia. Si vuole così avvicinare il pubblico giovane all'Opera classica, proponendo anche la "Carmen". Spazieremo dalla musica classica alla musica leggera, con Gianluca Grignani, fino a toccare con mano le vibranti note del violoncellista Giovanni Sollima.

Questo cartellone ha tutta la dignità per essere definito Festival. Speriamo di farlo diventare presto un Festival di produzione".

Marco Grimaldi, per il coordinamento artistico, ha voluto precisare: "Abbiamo scelto i più grandi interpreti sul territorio nazionale. Sono tutti numeri uno. Abbiamo anche alcuni appuntamenti singolari, come quello con Marco Travaglio, Eleonora Brigliadori, Andrea Bacchetti. Questo è l'anno della svolta. Abbiamo pensato anche ai bambini con un teatro dedicato a loro".

L'Assessore regionale Giuseppe Arena ha aggiunto: "Zafferana dà dimostrazione di come si riesca a rispondere in maniera ineccepibile anche ai momenti di crisi. Questo cartellone conferma Zafferana capitale del turismo e dello spettacolo in Sicilia".

Ad esprimere stima e ammirazione, anche il commissario delle Terme di Acireale, Margherita Ferro e il sindaco Spitaleri di Riposto.

Grande la partecipazione dei musicisti, attori, cantanti e produttori che hanno preso parte all’incontro.

 

Responsabile comunicazione per Etna in scena

E per conto di Salvo Coco responsabile comunicazione del Comune di Zafferana Etnea

Elisa Toscano

 

logo Elisa 2008++

Elisa Toscano

Relazioni Pubbliche e Marketing

tel. ufficio 095 8363299

Cell. 3737568363

Fax. 0952937685

www.parlareinpubblico.it

www.elisatoscano.it

 

News appuntamenti estivi

banner 700x150



Pietra Ligure (Sv)auto-mutuo-aiuto

Gruppo di Auto Mutuo Aiuto "A.M.A. papà e mamma"

Lunedì 5 luglio a Pietra Ligure (Sv), in via Borro (ex campo sportivo) presso i locali del volontariato dalle 20,30 alle 23,00

Sarà l'ultima serata prima della pausa estiva , gli incontri riprenderanno il 5 settembre con le stesse modalità

 


 

·Savonaauto-mutuo-aiuto

Gruppo di Auto Mutuo Aiuto "A.M.A. papà e mamma"

Gli incontri riprenderanno giovedi 1 settembre con le stesse modalità·

 


 

Genovaauto-mutuo-aiuto

Abbiamo trovato una sede accessibile anche alla sera a Quarto , per le nostre riunioni e che apriremo prossimamente

Il 15 settembre ci sarà la presentazione della prima stesura del nostro libro che deriva dalle storie di ognuno di noi, si accettano ancora scritti entro il 30 luglio

il 23 settembre ci sarà la presentazione del libro di G.Luigi Schiavon " il bambino del mercoledi'"


Imperiaauto-mutuo-aiuto

Abbiamo trovato una sede accessibile anche alla sera  per le nostre riunioni e che apriremo prossimamente


 


 

SavonaP5070020

DAL 6 al 17 lUGLIO SAREMO PRESENTI CON IL NOSTRO BANCHETTO INFORMATIVO SUL PIAZZALE GARIBALDI PRESSO LA FESTA DEL PD A SAVONA

 


 

Zinola-SavonaP5070020

DaL 5 al 16 AGOSTO SAREMO PRESENTI CON IL NOSTRO BANCHETTO INFORMATIVO SUL LUNGOMARE DEI CERAMISTI A ZINOLA (SV) PRESSO LA FESTA DI RC


Ti AUGURIAMO DI PASSARE UN BUON PERIODO ESTIVO CON CHI AMI DI PIÙ

SPERANDO DI VEDERTI IN UNO DEI BANCHETTI A DARE LA TUA PRESENZA

TI RICORDIAMO CHE SIAMO COMUNQUE ATTIVI E REPERIBILI PER QUALSIASI NECESSITÀ·

Se non vuoi più ricevere notizie da Papà Separati Liguria  Unsubscribe

Hotel del Salento

Stai cercando un hotel nel Salento? Vieni a visitare il portale turistico Salentobooking.net, primario punto di riferimento per tutti coloro che hanno intenzione di trascorrere le vacanze nella stupenda penisola salentina. Il Salento è una terra ricca di storia, la prova di questo sta nella Grecia Salentina, ad esempio, territorio che in un lontano passato fù nel possesso delle colonie greche. In questo parte di Salento, nel territorio dei comuni di Melpignano, Martano, Galatina ecc, è possibile ancora oggi toccare con mano la profonda contaminazione greca magari ascoltando i più anziani parlare il griko, una sorta di greco antico mischiato al greco moderno. Ma il Salento è molto apprtezzato anche per le sue bellissime coste, sia jonico che adriatiche, dove è possibile apprezzare le ampie spiagge salentine di sabbia bianca e pulita, il tutto contornato da una rigogliosa macchia mediterranea. Per una visione d'insieme delle proposte per le vacanze in Salento non esitare a venire a trovarci su Salentobooking.net.

LA PADANIA 3 LUGLIO T'AMAVO PIO BOVE ASINO CHI LEGGE

 

LA PADANIA 3 LUGLIO T'AMAVO PIO BOVE ASINO CHI LEGGE

Finalmente!

Inizia il primo sistematico viaggio giornalistico nei palii di cui  nessuno parla, un viaggio nelle corse barbare in nome della tradizione.(sic!)

Primo resoconto sugli asini felici di farsi trascinare, sui buoi ancora più felici che corrono più veloci dei cavalli trainando carri, circondati da ali festanti  di cavalieri muniti di bastoni appuntiti.

Qualche bovino stramazza al suolo, esausto di gioia, felice di rendere sacrificio alla tradizione dei palii, dei carresi, delle feste "benedette", sulle quali nessuno aveva ancora osato alzare il velo di un'inchiesta.

Ma rompe il silenzio, come sempre d'abitudine ormai, la Padania, offrendoci un tormentone estivo.

Ecco la prima puntata del sagace quanto atteso "Gioco dell'oca" versione brubru ,"giocato" da Stefania Piazzo, che ci accompagna nelle sagre (in)civili delle regioni (in)civili.

Puglia, Umbria, Campania, Sardegna, Molise, Sicilia come primo assaggio di rispetto della legge della costumanza.

Ci mancava questo tassello, alternativo alla legge 189. Ora la lacuna è colmata.  

Ministero della Salute, Direzione generale, Task Force, Nas, che ne pensano, si interroga la Piazzo, assieme a Chiliamacisegua e a tutte le persone che si battono per l'affermazione del rispetto della vita?

Ecco allora su la Padania tutti i riferimenti per "divertirsi" su youtube e assaporare il delirio della folla, l'esaltazione del..popolo bue.
Ancora una volta, grazie Piazzo.

Buona lettura e come sempre, buona indignazione.

Chiliamacisegua

www.chiliamacisegua.org

 

VIAGGIO NELL'ITALIA BESTIALE……………..


T'AMAVO PIO BOVE ASINO CHI LEGGE
" Questa volta bisogna armarsi anche di youtube. E allora se le parole non  bastano, armiamoci di computer e di questo benedetto youtube e guardiamo le  stringhe che riportiamo in pagina.

L'adrenalina salirà, l'eccitazione della  corsa farà il resto, l'euforia per la competizione degli zoccoli che sfidano la  loro stessa natura faranno il resto.

Che momenti! Ancora, ancora, ne vogliamo ancora.
Se affondi gli occhi nelle corse degli asini, dei maiali, dei buoi, dei
palmipedi, di tutta la specie più o meno divertente per ammazzare la noia e  rinverdire l'identità, secondo il gusto della tradizione che usa la vita degli  animali, sovvertendo le loro caratteristiche etologiche, in nome della  superiorità dei diritti dell'uomo di forzare la natura, allora c'è da augurarsi  che gli animali siano meno civili di quanto già siano, e provino un po' ad essere barbari.
Perché, come acutamente scriveva Nietzsche, «solo i barbari sanno difendersi».
Ma barbari, non sono. Proveremo ad esserlo allora noi, barbari, per difendere  chi da solo non ce la fa.

Iniziamo così, nel nostro ruolo di barbari difensori di una civiltà senza cittadinanza.


CHIEUTI
Guarda come corrono i buoi. Che belli. Sbavano, sfiniti, zoccolo su zoccolo, al  trotto, al galoppo. Gli occhi allucinati di chi non sa più perché sia al mondo,  e se merita di esserci, nel mondo di Chieuti, provincia di Foggia, ogni 22 aprile.

Se non ci credi, guarda:
http://www.geapress.org/corse-palii-giostre/buoi-da-corsa-succede-in-molise-video/14628
ma anche "Corsa buoi 2007 Chieuti(FG) - APRI GLI OCCHI", su youtube.

Che accade? Nel primo filmato... che dire, un bue stramazza al suolo, forse collassato. Forse chissà, magari nella vita è nato per fare altro.

Li pungono, i miti buoi, con bastoni appuntiti, accerchiati da cavalieri che fanno da ala al carro che loro, buoi predestinati, devono trascinare sino al traguardo, pungolati per non perdere il ritmo. Olè. Non si sa mai si ribellino, e mandino mitemente a quel paese i loro cavalieri, fermandosi e chiedendosi quale follia umana possa obbligarli a divertire un paese, una comunità.

Si chiedono quale tradizione abbia il diritto di usarli così in nome di una storia che aizza la corsa. Si chiedono quale sindaco, quale prefetto, quale carabiniere, nonostante il divieto eventuale dell'asl, conceda ancora che lì come altrove i buoi debbano uscire dalla stalla per far ridere, divertire, scommettere.

Altro che "mite un sentimento, di vigore e di pace al cor m'infondi, o che solenne come un monumento Tu guardi i campi liberi e fecondi".
Il monumento all'umiliazione dell'umanità e della animalità si erge su tutto.
Anche se non tutti sono d'accordo, anzi.

Ancora su youtube, un filmato di poche immagini fa scorrere questa angusta scritta. Angusta per la legge che decreta il rispetto degli esseri senzienti e dell'etologia degli animali: "I nostri buoi dopo aver finito la loro felice carriera come "buoi da corsa", terminano i loro giorni al pascolo".

Certo, la felicità che esprimono nella corsa è così evidente
che non paghi ricomincerebbero.

Che fortuna nascere bue a Chieuti se guardi "VIVA LA CORSA DEI BUOI-CHIEUTI (FG)".PORTOCANNONE


Altra corsa, altro regalo. Si va a Portocannone (Campobasso), vedi "Corsa dei Carri - Portocannone, 5 giugno 2006... by Daniela", in onore della Madonna di Costantinopoli, s'intende... che non vede l'ora di godersi lo spettacolo dei buoi lanciati dall'alto. "In paese - si legge - i cuori palpitano e sperano che il primo ad arrivare sia il carro armato. Il carro dei giovani entra trionfante, la gente è in delirio». E va beh.

S. MARTINO PENSILIS
Il Molise fa scuola. Anche a San Martino in Pensilis in provincia di Campobasso è un altro delirio di.... folla ogni 30 aprile, come attesta su youtube "CORSA DEI CARRI 2011 - IL CAMBIO". Oppure "Carrese 2011".

Buoi che corrono su una specie di biga, altri che si liberano dal carro e si scagliano sugli uomini, altri ancora che riprendono la corsa sull'asfalto mentre piove a dirotto accompagnati da cavalieri "armati" di lunghe lance. Una grazia per gli occhi, un fior fiore di benessere animale. C'è infine la concitazione per un incidente, l'arrivo dell'ambulanza. La corsa di un cavallo fuori controllo sulla strada.
Studiare, studiare bene la tradizione.

URURI
E Ururi? Il 3 maggio in questo Comune, un'altra volta in provincia di
Campobasso, corrono ancora i buoi. E si legge: «Tutta la comunità è coinvolta in questa manifestazione, nessuno si sente escluso è la festa per eccellenza, il momento straordinario che evoca ricordi ed emozioni. Il giorno della corsa dei carri tutti possono avvertire un'atmosfera particolare quasi irreale, in cui parole e gesti sono cariche di emotività e di tensione. C'è una spontanea predisposizione a liberarsi dei condizionamenti quotidiani, a lasciarsi prendere dall'impeto naturale che trasmette la potenza dei buoi lanciati in corsa da decine di cavalieri che li circondano, li incitano ad andare sempre più veloci.
Il rumore dei carri, le grida dei cavalieri che si mescolano con le invocazioni, i pianti, l'euforia, l'esaltazione della gente che partecipa in maniera viscerale agli intensi minuti in cui si consuma la corsa sembrano quasi rapirti, cancellano l'indifferenza dello spettatore, lo coinvolgono interamente.

È la dimensione naturale della vita che esplode nella sua dimensione più potente è nella corsa dei carri va oltre il puro spettacolo, diventando rappresentazione storica e simbolica». Insomma, una catarsi collettiva.

 Vedi su youtube "carrese
di ururi 2008", ad esempio, oppure "Ururi La Carrese 2008", con una trepidante attesa mentre i carri irrompono nel centro del paese, annunciati dalla gazzella dei carabinieri a sirene spiegate.

Oppure mentre si rincorrono e sorpassano sprezzanti in strade aperte di campagna. La storia, la tradizione, l'identità.
Vedere e riflettere.
Una volta i buoi trainavano l'aratro. Ora devono riscattare questo sorpasso della tecnologia e sorpassare i propri simili per essere felici e fare felice la tradizione.
È naturale, no? Se il trattore li ha sgominati sul campo, almeno siano utili per altro.

CAMPOSANO
Come a Camposano (Napoli), palio del Casale questa volta con gli asini che non vedono l'ora che arrivi maggio per correre. Felici anche loro come i buoi. Come documenta un altro illuminante filmato postato su youtube, "PALIO DEL CASALE.wmv".

Bello, proprio bello. Vieni qui asino che decido che fare di te.

E più ci riesco più sono bravo. Che momenti, che gioia.

Asino chi manca.


ALVIANO
Ma più tradizionale e identitario per l'asino è il palio di Alviano (Terni)
(guardarsi sempre su youtube "Alviano - Palio degli Asini 2010"). Tirati,  strattonati, trascinati per il morso dove vuole il conduttore, che piaccia o non  piaccia.

E come si divertono, gli asini. E anche gli umbri ternani.

Bello anche  questo. La civiltà tirata per la corda.

Asino chi legge il contrario,  ovviamente.


CAMPOBELLO
E altrove? Cambiamo genere, andiamo sul tradizionale, siamo a cavallo. Andiamo a  Campobello di Licata, in provincia di Agrigento.

A fine giugno si corre in onore  del santo patrono S. Giovanni Battista. In contrada Gessi si svolge il "Trofeo  equestre".

Ma toh, ma va là, sono così controllati i cavalli che dal benessere  per aver divertito una femmina, alla fine delle prove di abilità, cade stremata.
Un malore.

Ma toh, ma va là, era gravida.


SUPERSANO
Dal 1° al 5 luglio invece a Supersano (Lecce), ci si divertirebbe un mondo a far  trainare ai cavalli dei carretti stracolmi di pietre e sassi per ricordare la  Madonna di Coelimanna.

Il percorso? Dicono montagne russe, e a ogni giro, giù  con altri sassi, così vediamo chi resiste di più.

Il benessere della tradizione, signor prefetto.

Il benessere della stoica resistenza, cara asl, mentre si  aiuterebbe chi eventualmente cade a tirarsi su in modo rigoroso e pungente.



ORISTANO
Polemiche a non finire per la Sartiglia di Oristano (si corre l'ultima domenica  e il martedì di carnevale), in cui nell'ultima edizione ai primi di marzo, un cavallo è stato vittima di un classico incidente.


E una spettatrice, per destino, è stata colpita dalla ferratura di un cavallo.
Classica anche la ferrura, pare. Vuoi mettere gli altri però come si sono
divertiti.

Ma le evoluzioni, le piramidi mascherate dei cavalieri con i cavalli  che corrono appaiati, è tradizione. È identità correre il rischio di fare  acrobazie in corsa, a rischio e pericolo di uomini e cavalli.

 Ma è la tradizione. Se il cavallo si spacca è incidente. E se cade l'acrobata?
Guardiamoci youtube, "Sartiglia di Oristano: acrobazie dei cavalieri alle pariglie", oppure se non cade "06-03-2011 Sartiglia 2011 - Le pariglie - Spettacolare Piramide!!!".

 Finché dura. Ma che spettacolo, che abilità.


ARDIA
Andiamo poi alla corsa dell'Ardia, ancora in Sardegna. Dopo l'ordinanza Martini,  meno cavalli.... ma andiamo a curiosare quel che si consentiva prima: digitate  "Sardegna S' Ardia spettaccolare corsa di cavalli", youtube documenta la civiltà  di una gara tra muri a secco, fondi polverosi, assenza di protezioni, folla  attorno.

Fucili che sparano a salve a ripetizione. Un vanto in pendenza, un  vanto accidentato, irto, ma un vanto.
E se non basta l'ordinanza Martini per dare la certezza che il rischio non  giustifichi la corsa, c'è la tradizione, la difesa della consuetudine che non  teme di violare la legge, che non si interroga sull'esistenza della 189 che dal 2004 e degli articoli 544 bis e 544 ter e 544 quater, laddove si punisce "Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale", o "chiunque organizza o promuove spettacoli o manifestazioni che comportino  sevizie o strazio per gli animali".

Ma è chiaro che nelle corse dei buoi o degli  equidi o degli asini, non c'è strazio, e se la lesione c'è, la necessità è la  tradizione.

Dove sta il problema? (1-segue)
s.piazzo@lapadania.net
(93 - continua)

 

03 luglio

*NOVANTATREESIMA PUNTATA

*T'AMAVO PIO BOVE ASINO CHI LEGGE

      clip_image002              clip_image004 

PALII E CARRI, TRADIZIONE CHE TRAVOLGE. MINISTERO CHE NE PENSI?

Vendola, l’acqua pubblica e l’inutile stupore post referendario

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/articolo/vendola+acqua+pubblica+inutile+stupore+post_19264.php
---------------------------------


Vendola, l'acqua pubblica e l'inutile stupore post referendario

Firenze, 2 Luglio 2011. Hanno fatto discutere nei giorni scorsi le affermazioni del governatore della Puglia sulla tariffa dell'acqua. Nichi Vendola ha affermato che"e' indispensabile fare i conti con la realta' per non precipitare nei burroni della demagogia: sull'Acquedotto Pugliese abbiamo deciso di intraprendere la strada dell'efficientamento e su quella proseguiremo. Per questo non abbasseremo le tariffe". Eppure una spinta al trionfo della demagogia aveva contribuito anche lui a darla. La campagna referendaria sull'acqua, infatti, lungi dallo basarsi sulle effettive conseguenze legate alla vittoria del SI o del NO, e' scivolata come, spesso accade, sul binario degli slogan e della mistificazione della realta'. La vittoria di una o dell'altra delle opzioni in campo, questa era l'impressione comune, avrebbe schiuso le porte ad un mondo migliore o alla peggiore delle prospettive. Ad ogni modo cio' che pareva certo e' che la vittoria dei due SI avrebbe
tolto
dalle mani dei privati sia le gestione dell'acqua sia, probabilmente la cosa piu' importante, la famigerata "remunerazione del capitale investito". Il tanto vituperato 7% di guadagno assicurato e slegato da ogni logica sarebbe scomparso. Il pubblico avrebbe trionfato ai danni del maligno privato. L'enfasi propagandistica e' quasi arrivata a intravedere nella diversa visione della gestione d'un servizio, uno scontro di civilta'. Il classico manicheismo dove bene e male sono contrapposti e la ragione rappresenta il terzo incomodo da tenere ben lontano. L'affermazione dei SI aveva spianato la strada a entusiastiche affermazioni del genere "riscossa popolare", "vittoria della gente comune" ed altre amenita' simili che solo la sbornia del successo rendeva credibili. La politica, naturalmente, non ha fatto da spettatrice ma soprattutto negli ultimi giorni della campagna elettorale ha cannibalizzato il confronto. Il presidente Vendola non e' stato da m
eno. La
sua politica di ripublicizzazione dell'acquedotto pugliese e' stata venduta come la punta di diamante di un processo di collettivizzazione del bene acqua che pareva non dover trovare ostacoli. Agli accessi d'entusiasmo del periodo pre e post referendario va a sostituirsi, adesso, la normale amministrazione degli acquedotti. Le parole del governatore di Puglia, allora, suonano bislacche in relazione alle sue promesse ma non alla realta' dei fatti. Il referendum ha abrogato norme e parti di esse contenute nel decreto Ronchi. Partendo da questo dato e' sfuggito un concetto. La consultazione referendaria riguarda specifici testi di legge. I suoi effetti, dunque, possono estendersi agli atti che ne rappresentano una conseguenza e che in virtu' dell'abrogazione dei primi non hanno motivo di essere applicati. Nel caso dell'acqua, pero', la famosa maggiorazione del 7% e' contenuta in un decreto ministeriale dell'agosto 1996 (d.m. 1 agosto 1996) che sebbene si oc
cupi
delle modalita' di determinazione della tariffa per il servizio idrico, non era formalmente collegato con la legge oggetto della consultazione referendaria. Risultato: una vittoria vana visto che i suoi effetti per ora e chissa' per quanto tempo non saranno tangibili. Le prodezze retoriche di Vendola saranno servite alla causa del SI ed i suoi comportamenti successivi restano pienamente rispettosi della legge. Al governatore e' riuscito di avere la botte piena e la moglie ubriaca.

Alessandro Galluci, legale Aduc

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it Email: aduc@aduc.it
Tel.055290606
Ufficio stampa: Tel.055291408

Dal 5 al 10 luglio Nichi Vendola, Marcherita Hack, Anna Mazzamauro, Rita Pelusio e Loredana Errore ospiti della prima settimana del Padova Pride Village

 

Padova Pride Village

Il programma del Village dal 5 al 10 luglio 2011

Dopo la tre giorni dell'inaugurazione,  il Padova Pride Village, festival di cultura, musica e divertimento, organizzato dal Circolo Tralaltro Arcigay Padova in collaborazione con PadovaFiere S.p.a in Fiera a Padova, entra nel vivo proponendo una settimana ricca di ospiti e di eventi d'eccezione: dalla scienziata Margherita Hack all'attrice Anna Mazzamauro, dalla comica Rita Pelusio di Colorado Cafè alla cantante Lodedana Errore.

Si parte con una evento unico.  Lunedì 4 luglio, in via del tutto eccezionale,  il Padova Pride Village rimarrà aperto per Nichi Vendola che, alle ore 18.00, sarà ospite speciale della "festa di tutti" in occasione della sua visita a Padova. Verrà intervistato dalla giornalista Rai Francesca Ferrari alla presenza dell'Assessore all'Ambiente del Comune di Padova Alessandro Zan. Un' occasione per fare il punto sull'attualità politica italiana e sullo stato dei diritti civili nel nostro paese.

La normale programmazione riprenderà il martedì 5 giugno alle ore 19.00, serata che vedrà l'astrofisica e intellettuale di fama mondiale Margherita Hack presentare,  insieme a Omar Monestier direttore de Il Mattino di Padova,  il suo ultimo libro: Libera Scienza in Libero Stato (Rizzoli, 2010). L'opera tenta di dare una risposta ad un interrogativo di forte attualità: perché i nostri cervelli scientifici sono costretti a fare le valige ed andare all'estero per continuare le loro spesso geniali ricerche? La scienziata individua due principali responsabili: da un lato lo Stato che, pur decantando l'importanza dell'innovazione per la crescita del Paese,  nei fatti ostacola chiunque dovrebbe produrla attraverso i tagli sistematici alla ricerca e il precariato dei ricercatori che spesso si trovano a scontrarsi con concorsi macchinosi e stipendi da fame; dall'altra parte la Chiesa che, da Galileo in poi non solo si fa portavoce di una cronica e quasi inspiegabile paura nei confronti della scienza, ma anche rivela il suo costante vizio di influire nelle scelte di un Paese che sulla carta si professa laico. Attraverso un'analisi lucida e ricca di esperienze vissute in prima persona, la Hack cerca di trovare una soluzione per una Ricerca che non ha più né uno Stato né una Chiesa su cui contare.

La serata prosegue con un registro più leggero. Alle 20.30 l'appuntamento è con la speaker di Radio Company, Loredana Forleo e il suo "Radio Village, mentre alle 21.30 per il ciclo "L'altro Teatro" il duo comico Le Allegre Brontolone presenta "Donne dell'altra sponda": Una coppia ben assortita di amiche, una nordestina l'altra napoletana, si misurano con varie problematiche lesbiche. Ne nascono situazioni esilaranti, recitate in lingua italiana ed in dialetto che toccano la politica, il rapporto con il mondo etero, il matrimonio e la famiglia, gli stereotipi e l'acidità di una parte del mondo lesbico.

Chiude la serata, dalle 23.30 in poi, Vittorio DJ che inviterà alle danze l'intero boulevard della Fiera.

All'indimenticabile attrice Anna Magnani è dedicato, mercoledì 6 luglio, ore 22.00, lo spettacolo dell'attrice Anna Mazzamauro, "Comunque Nannarella", con la regia di Pino Strabioli. Racconti, aneddoti, canzoni si uniscono in un atto d'amore: "Sono entrata, ho tentato di entrare nelle pieghe della tua nera sottoveste dì donna (un costume, chissà o forse un modo per sentire subito sulla pelle un abbraccio grande di chi avesse saputo offrirtelo), ma con delicatezza, senza mostrare mai la presunzione dì chi vuol far credere dì aver fatto suoi i grandi sentimenti degli altri. Ma delicatezza non vuol dire nascondere i suoi punti esclamativi: "nannarella", gatta randagia e selvatica, tramuta in comicità i graffi dati e ricevuti. E allora ecco, come per magia, riascoltare, riamare la voce di Totò che, insieme ad Anna, sporca di carbone le facce dei benpensanti mentre il palcoscenico si anima per accogliere il vero avanspettacolo in tutto il suo spassoso, magro splendore di paillettes e di boa spelacchiati. Ma vicini, come ombre, Luca il suo bimbo di dolore, l'Oscar, il suo pupazzo di stupore. E poi Visconti, De Sica, Pasolini. Tutti uniti in una cordata d'amore".

Il ciclo di incontri organizzati nello "Spazio Tralaltro" vedrà invece come protagonista, alle ore 21.00 l'ex senatore Giampaolo Silvestri, storico esponente del movimento gay, che terrà una conferenza dal titolo "I diritti tra identità e fondamentalismi", ovvero come, e se, sia possibile coniugare il rispetto delle libertà e dei diritti con l'accoglienza delle culture che si intersecano sul nostro territorio.

Dalle 23.30 in poi sul boulevard si balla con la musica di Jack DJ.

Giovedì 7 luglio alle ore 21.00 altro importante incontro con esponenti dell'università e della cultura. Vittorio Lingiardi- psichiatra, psicoanalista, docente della Facoltà di Psicologia 1 della Sapienza, autore del libro "Citizen Gay. Famiglie, diritti negati e salute mentale" (Il Saggiatore, Milano 2009)- terrà un incontro sul tema "Dal Disgusto all'umanità: il lungo viaggio della cittadinanza gay". In questa occasione discuterà insieme ai presenti le tesi sostenute nell'ultimo libro di Martha C. Nussbaum "Disgusto e umanità. L'orientamento sessuale di fronte alla legge" (il Saggiatore, Milano 2011). Due donne che si baciano, due uomini che fanno l'amore. Disgusto. Nei confronti delle omosessualità la nostra società ha sempre manifestato un'avversione viscerale, che Martha Nussbaum collega al fastidio provato di fronte alle secrezioni corporee, ai rifiuti organici, alla materia in decomposizione. Proprio sul disgusto si sono fondate, nel tempo, discriminazioni giuridiche e sociali nei confronti degli individui omosessuali: carcerazione, deportazione in campi di sterminio, leggi antisodomia, interdizione al matrimonio. Oggi la politica del disgusto incontra due avversari sempre più influenti: il rispetto e l'empatia. Nella vita sociale e giuridica, commenta Nussbaum, si fa strada la politica dell'umanità, costruita attorno al riconoscimento dell'altro, della sua soggettività, delle sue ragioni, percezioni, emozioni.

Alle ore 22.00 sul Bulevard di PadovaFiere salirà sul palco, direttamente da Colorado Cafè e Markette,  Rita Peluso con il suo spettacolo "Pianto tutto", scritto in collaborazione con Riccardo Piferi e Marianna Stefanucci. Dello spettacolo, che affronta il tema del pianto in chiave comica esso l'autrice ha affermato: "Questo spettacolo mi ha colto all'improvviso come la voglia di piangere che arriva quando meno te l'aspetti e non puoi mandarla via… e allora cosa fai? Ci giochi. Saltello, come dentro a una pozzanghera, e trovo aspetti comici e grotteschi, incontro donne, le fuoriclasse della lacrima, le amiche care con le quali ho condiviso molti fazzoletti …e decido di portare in scena una reazione alla vita. Come si piange? Quando si piange? Perché si piange? Per gli stessi motivi per i quali si ride, e allora capovolgo il pianto e rido …fino a che non mi vengono le lacrime agli occhi."

Chiude la serata il Disco Boulevard di Vittorio DJ.

Il fumetto e i lustrini saranno invece il filo conduttore della serata di venerdì 8 luglio.

Il fumettista e designer Massimo Fenati e i suoi pinguini innamorati ci terranno compagnia, alle ore 21.00 con "Il libro del sesso di Gus & Waldo" (TEA, Milano 2011)  Divenuti famosissimi in Inghilterra, Gus & Waldo, pinguini gay, sono diventati sinonimo di vita di coppia. Si sono incontrati, si sono innamorati, si sono scelti per la vita: quello di Gus e Waldo è un amore da favola. Ma cosa succede dopo il fatidico «vissero felici e contenti»? Nella routine quotidiana, anche la passione più incandescente può raffreddarsi fino a spegnersi. Il pinguino però è una creatura fedele e tenace, e Gus e Waldo sono pronti a tutto per riaccendere la scintilla perduta: Tantra, burlesque, film a luci rosse, cibi afrodisiaci, scambi di coppia… Tra esperimenti avventurosi e comici imprevisti, i nostri teneri eroi scopriranno che la soluzione ai loro problemi era proprio sotto il loro becco: il segreto di una passione inestinguibile è l'amore!

Alle ore 21.00 largo a lustrini, paillettes, tacchi vertiginosi e tanta ironia per Drag Queen Awards Veneto 2011, selezione regionale del concorso Miss Drag Queen Italia. Presentate da Nanà Staturno e Cataldo Todaro le selezioni vantano la presenza in qualità di giurata di Regina Miami, personaggio più famoso della Marina di Torre del Lago, da dodici anni padrona di casa del celebre locale Mamamia. Miss Drag Queen Italia è l'unico concorso nazionale dedicato al mondo delle drag queen. La manifestazione, giunta alla ottava edizione, è uno degli eventi principali e il più colorato dell'estate toscana e nasce con l'obiettivo di dare visibilità ad un fenomeno che viene valutato come un lato importante e fondamentale della cultura espressa dalla comunità gay e lesbica e contribuisce in tal modo al percorso di conquista di visibilità e dignità delle persone omosessuali italiane.

A partire dalle ore 24.00, all'interno del Palavillage, inizierà Disco Village con il Dj Gianluca Pacini, accompagnato dal performer Paolo Tuci. Talento poliedrico, Paolo Tuci inizia la sua carriera come ballerino, affacciandosi ben presto al mondo della musica. Da perfomer dell'Ibiza Summer Tour ad animatore delle feste GLBT più glamour diventa poi testimonial per me2.

Sabato 9 luglio vedrà due appuntamenti dedicati all'Agedo, l'Associazione Genitori di Omosessuali. Nata nel  1993 l'associazione è costituita da genitori, parenti e amici di uomini e donne omosessuali, bisessuali e transessuali che si impegnano per l'affermazione dei loro diritti civili e per l'affermazione del diritto alla identità personale.

Per il ciclo Cinema Palavillage alle ore 21:15, verrà presentato il film documentario "Due volte genitori" (Italia, 2009, 94') del regista Claudio Cipelletti. Prodotto da Agedo col finanziamento della Commissione Europea, Progetto Daphne II, il documentario ha vinto il premio come miglior documentario al 14° Festival Pink Apple di Zurigo 2011, al Festival Gay & Lesbien de Belgique 2011, al Festival Cinhomo 2010 di Valladolid, e al 23° Festival Mix di Milano 2009. "Due volte genitori" è un viaggio in sei capitoli che parte da "quel giorno, quell'ora e quell'istante" in cui tutto è cambiato, il momento della rivelazione dell'omosessualità di un figlio o di una figlia. Un viaggio che traversa territori interiori impervi: all'inizio quelli della perdita, della colpa, poi quelli del bisogno di capire; i territori della conoscenza, dell'indignazione, del sesso, e quelli del confronto, della esposizione di sé, del cambiamento. Fino a quelli inattesi del "crescere da adulti" e del rinascere. Ma anche un viaggio nel nostro Paese, tra le mura domestiche delle famiglie italiane, dai figli e fratelli ai genitori, dai genitori ai nonni e poi di nuovo ai figli. Un viaggio in treno di una madre che si misura col pregiudizio, e un viaggio circolare dal family day a Roma, al gay pride nella  stessa piazza dove tutto è cambiato.

Al termine della proiezione, alle 23.30 presso lo spazio Tralalto è previsto l'incontro con i genitori membri dell'Associazione Agedo.

Il sabato sera del Padova Pride Village non dimentica il divertimento. Alle ore 22.30 sul Boulevard le spumeggianti e spericolate a artiste del Tralaltro  lanceranno il loro Drag Attack. La missione: raccontarci il mondo del musical dalle vette vertiginose dei loro tacchi a spillo. Seguirà la frizzante musica dl Dj Residen Jack.

All'interno del Palavillage sarà protagonista il dj internazionale Therry Vietheer. Partito nel 2005 da un piccolo locale di Sydney, si è velocemente affermato, con il suo suono house, come protagonista dei dance club internazionali: Superclub, Danlstone Superstore, Shoreditch, East Block, Heaven Barcode.

Domenica 10 luglio protagonista assoluta del Padova Pride Village sarà la musica live con il concerto dell'artista Loredana Errore. Nata a Bucarest ma trasferitasi ad Agrigento si dedica al canto in modo semiprofessionale sin dai tempi delle scuole superiori. Nel 2001 partecipa al Festival di Napoli, vincendo una borsa di studi, l'anno successivo partecipa alle selezioni per l'Accademia idi Sanremo, dove si classifica poco sotto la cinquantesima posizione. Nel 2005 realizza una canzone per uno spot della Bialetti, nello stesso anno è anche finalista al concorso Mia Martini giovani. Nel settembre del 2009 entra nella scuola della trasmissione Amici, proseguendo il percorso sino alla finale. Grazie al programma ha la possibilità di cantare un inedito scritto per lei da Biagio Antonacci: Ragazza Occhi Cielo, titolo del suo primo album. Recentemente è uscito il suo secondo lavoro "L'errore".

 

Padova Pride Village
Programma 5 - 10 luglio 2011

Martedì 5 luglio 2011

Ore 19.00 (Boulevard): Margherita Hack intervistata da Omar Monestier, Direttore De Il Mattino di Padova
Ore 20:30 (Boulevard): Radio Village con Loredana Forleo
Ore 21:30 (L'altro Teatro): "Donne dell'altra sponda" con Le allegre Brontolone
Ore 23:30 (Boulevard): Disco Boulevard con Vittorio DJ

APERTURA ORE 19!

Ingresso gratuito

 

Mercoledì 6 luglio 2011

Ore 20:00 (Boulevard): Radio Village con Loredana Forleo
Ore 21:00 (Incontri Tralaltro): Giampaolo Silvestri in "I diritti fra identità e fondamentalismi"
Ore 22:00 (Boulevard): Anna Mazzamauro in "Comunque Nannarella".
Ore 23:30 (Boulevard): Disco Boulevard con Jack DJ

Ingresso € 5

 

Giovedì 7 luglio 2011

Ore 20:00 (Boulevard): Radio Village con Loredana Forleo
Ore 21:30 (Incontri Tralaltro): Vittorio LIngiardi in "Dal disgusto all'umanità; il lungo viaggio della cittadinanza gay"
Ore 22:00 (Boulevard): Rita Pelusio, da Colorado Cafè, in "Pianto Tutto"
Ore 23:30 (Boulevard): Disco Boulevard con Vittorio DJ

Ingresso gratuito

 

Venerdì 8 luglio 2011

Ore 20:00 (Boulevard): Radio Village con Loredana Forleo
Ore 21:00 (Tralaltro d'Autore): Massimo Fenati, vignettista presenta "Il libro del sesso di Gus e Waldo", storia di due pinguini innamorati.
Ore 22:00 (Boulevard): Drag Queen Award Veneto 2011, presentano Nanà Saturno e Cataldo Todaro. In giuria Regina Miami
Ore 23:30 (Boulevard): Disco Boulevard con Jack DJ
Ore 24.00 (Palavillage): Performer Paolo Tuci, resident DJ Gianluca Pacini.

Ingresso gratuito dalle ore 20.00 alle ore 21.00
Ingresso € 5 dalle ore 21.00 in poi

Sabato 9 luglio 2011
Ore 20:00 (Boulevard): Radio Village con Loredana Forleo.
Ore 21.15 (Cinema Palavillage): Due volte genitori (Italia, 2009, 94') di C. Cipelletti.
Ore 22:30 (Boulevard) Drag Attack!-Missione Musical. Le spumeggianti e spettacolari artiste del Tralaltro.
Ore 23:00 (Incontri Tralaltro): Incontri con i genitori Agedo, Associazione Genitori di Omosessuali.
Ore 23:30 (Boulevard): Disco Boulevard con Jack DJ
Ore 00:30 (Palavillage): Terry Vietheer. Guest DJ from London, Resident Dj
Lucas Marshall Fent.

Ingresso gratuito dalle ore 20.00 alle ore 21.00
Ingresso € 5 dalle ore 21.00 alle ore 23:30
ingresso €15 (consumazione inclusa) dalle ore 23.30.

 

Domenica 10 luglio 2011

Ore 20:00 (Boulevard): Radio Village con Loredana Forleo.
Ore 22:00 (Palavillage Concerto): Loredana Errore
Ore (Boulevard): Disco Boulevard con Vittorio DJ.

Ingresso €10.

 

 

Ufficio Stampa Padova Pride Village 2011 Giuseppe Bettiol
Tel. 349.1734262
stampa@padovapridevillage.it

Ufficio Stampa PadovaFiere  - Roberta Voltan
Tel. 049.840-556 Mob.338 8670108
roberta.voltan@padovafiere.it

 
Ufficio Stampa Padova Pride Village 2011
Giuseppe Bettiol
349.1734262
 
 

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota