sabato 21 maggio 2011

Due giorni tra scienz, conoscenza e ambiente con Legambiente , enel, coldiretti ,federparchi

SABATO E DOMENICA 21 E 22 MAGGIO, DUE GIORNI DI SCIENZA, CONOSCENZA E
AMBIENTE.
CON CENTRALI APERTE 2011 ENEL TI INVITA A VISITARE LA CENTRALE DEL MUCONE 1
SALTO PER FARTI CONOSCERE LE "FABBRICHE DELL'ENERGIA".

Sabato 21 maggio 2011 la centrale idrolettrica del Mucone 1 salto, in località
Caprarizzi di Acri, ospitera' l'edizione 2011 di Centrali Aperte.
Un'occasione unica per visitare i nostri impianti, conoscere i progetti a
tutela dell'ambiente attraverso le tante attività dedicate a tutte le famiglie:
sport, spettacoli e eventi ricchi di emozioni.
Visitare l'impianto idroelettrico del Mucone significa scoprire uno degli 80
luoghi dove si "fabbrica" l'energia, conoscere il grande patrimonio tecnologico
ed umano di Enel.
Un gioello di tecnologia che accoglierà quanti vorranno arrampicare in
stile free le pareti appositamente attrezzate, tirare d'arco o scorazzare
(condotti da espertissimi istruttori) con super tecnologiche mountain bike
nelle valli adiacenti l'impianto idroelettrico alla scoperta della genuinità
del prodotti locali, da quelli caseari a quelli degli ottimi salumifici,
oppure, molto più semplicemente, pedalare alla scoperta di angoli di rara
bellezza.
L'accoglienza degli ospiti, la cura dei luoghi che ospiteranno la
manifestazione sono affidate ai tecnici di Enel che guideranno i visitatori
nei percorsi di conoscenza dell'impianto e li accompagneranno a degustare i
migliori prodotti della gastronomia calabrese, a godere dei suoni degli
strumenti della tradizione popolare.
La festa continua Domenica 22 maggio sul lago Cecita in località Cupone.
Enel, Legambiente, Coldiretti, Parco Nazionale della Sila, Federparchi
festeggiano la Giornata Internazionale della Biordiversità dedicata alla
conoscenza dei progetti di tutela ambientale sviluppati da Legambiente e dal
Parco Nazionale della Sila, dei prodotti locali e per divertirsi con le Dragon
Boat di Davide Tizzano, l'atleta olimpionico 16 volte campione italiano di
canottaggio, che permetterà agli ospiti di provare il fascino delle regate
sulle acque del Cecita.

LA PADANIA 22 MAGGIO PADRINI, DI VOLO CANI DA ISCHIA ALLA GERMANIA E NESSUNO FERMA IL CHECK-IN

 

LA PADANIA 22 MAGGIO PADRINI DI VOLO CANI DA ISCHIA ALLA GERMANIA E NESSUNO FERMA IL CHECK-IN

Questo non è un becero, diffamatorio, procurato allarme, vomitato alla cieca, che mette nel mucchio qualsiasi si dice che….".attenzione …, quella tizia e quel tipo sono da mettere in lista nera…., vendono randagi a….. "

Questa è la prima inchiesta seria, documentata sul traffico dei randagi verso l'inferno.

L'ha scritta Stefania Piazzo che ho ha svolto un minuzioso lavoro di indagine, per mettere insieme le tessere di un osceno puzzle dell'orrore, del lucro, della indifferenza, della "amicizia" tra coloro che per carica e coscienza avrebbero dovuto controllare e denunciare.

Quis custodiet custodes?

Chiliamacisegua si appella al Dottor Gaetano Penocchio,  Presidente della FNOVI - Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani, affinchè li custodisca questi …custodi,  affinchè  richiami al dovere e all'etica, sparse e disperse lungo questi anni di inapplicazione delle Leggi a Tutela Animale, i veterinari, i primi (angeli) custodi dei randagi a loro affidati.

Che compatti  i medici della Sanità Animale Pubblica, che metta al bando i veterinari indegni, che indichi la strada per una collaborazione atta a stroncare qualsiasi malaffare.

Che i veterinari, sono i primi testimoni dell'inciviltà, spalmata ovunque in Italia, sotto la cecità di molti Sindaci. Che i veterinari sono i primi a poter denunciare le cose storte.

Il vento è mutato dall'insediamento dell'on Francesca Martini, che già si è appellata ai medici, il tessuto sociale a trama stretta che può e deve impedire di allargare le maglie alla malasanità e  dall'arrivo della giornalista Stefania Piazzo che su  La Padania, ogni domenica con i suoi dossier,  scopre cadaveri imbalsamati, negli armadi che non hanno effettuato fino ad ora…… il cambio delle stagioni.

Le Associazioni e i volontari vigilano, denunciano, protestano,si ribellano, tengono alta l'attenzione e Chiliamacisegua divulga ogni vergogna.

No, non si può più dire: "Io non sapevo!"

No, non si può più far finta di niente.

Buona lettura Presidente e dia un cenno, per favore, che il mondo ha bisogno di empatia, di umanità, di legalità.

Di amore e di rispetto per la vita!

Chiliamacisegua

www.chiliamacisegua.org

 

LA PADANIA 22 MAGGIO DALLA PARTE DEGLI ANIMALI A CURA DI STEFANIA PIAZZO

VIAGGIO BESTIALE

OTTANTASETTESIMA PUNTATA

PADRINI, DI VOLO CANI DA ISCHIA ALLA GERMANIA E NESSUNO FERMA IL CHECK-IN

clip_image002  clip_image004

Sotto processo a Ischia due veterinari dell'Asl Napoli 2 con i gestori e i collaboratori del canile di Forio.

Dalle intercettazioni telefoniche all'accusa più grave per gli organizzatori: associazione a delinquere

Un'altra base possibile ad Assisi, in Umbria. Intanto i "tour operator" continuano la loro attività

 

"E sempre lì si cade, nell'eccellenza della vigilanza veterinaria campana. Con
uno strascico persino umbro ad Assisi e, per le origini di uno dei veterinari
imputati, Todi. Una coincidenza... Ma che ambo.
Questa volta però la sintesi è più complessa del solito. Perché guardi il
passato e guardi il presente e non comprendi cosa sia cambiato. E ti chiedi
quindi se sia tutto vero.
Sul tavolo c'è il traffico di animali che passavano per il canile di Panza,
gestito dalla Fondazione tedesca Ernst, canile convenzionato allora col Comune
di Forio e molti altri. La Fondazione a seguito delle indagini si è sciolta e al
suo posto è nata l'associazione Pro Animale, pare con medesima partita Iva.
Iscritta all'albo regionale prima di completare l'anno di attività di
volontariato. La Regione, visti i requisiti e l'eredità, ha accelerato i tempi
di legge.
Sul tavolo della cronaca di oggi? Ci sono gli stessi veterinari asl sotto
processo e al loro saldo posto di lavoro. Fino a prova contraria non hanno fatto
niente.
Sul tavolo ci sarebbe ancora l'uscita di animali da Ischia verso la Germania.
Sul tavolo, infine, c'è una controversa storia che vedrebbe la struttura
utilizzata dalla Fondazione come struttura abusiva. E per la quale sarebbero
state emesse ordinanze di demolizione, ad oggi non eseguite. È mai possibile che
un Comune, anzi, più Comuni, si fossero convenzionati, oltre che con quelli che
nel gergo delle adozioni verso l'estero si chiamano "padrini di volo", si
fossero convenzionati appunto con chi non avrebbe potuto neppure star lì?
Impossibile, ci sarà un errore, sono paradossi incredibili.
E geograficamente allargati alla struttura "Il Sorriso di San Francesco", che
sarebbe riconducibile alla Pro Animale, nella quale la titolare dichiara
candidamente (vedi "Il Corriere dell'Umbria" del 19 giugno 2009) che "Il
trasporto di cani a Ischia via Assisi, in Germania o Austria, si è svolto in
maniera assolutamente legale e con i documenti di espatrio previsti dalla
legge». Cosa che egregiamente avrà controllato l'asl 2 di Assisi.
Quadro destabilizzante. Vuoi perché le accuse per le quali sono a giudizio due
veterinari dell'Asl Napoli2 e un'agguerrita squadra italo-tedesca di persone
accusate di traffico di cani dall'Isola di Ischia verso la Germania dal 2001
sono di una gravità eccezionale, col peso delle intercettazioni telefoniche....

Sconcertante. Vuoi perché sono macigni i reati contestati a diverso titolo agli
indagati: per gli organizzatori del "giro" in particolare si va
dall'associazione a delinquere al concorso in reato al reato continuato, per
arrivare al falso ideologico e al falso materiale che sarebbe stato consumato
da pubblici ufficiali.
Vuoi perché in tutta questa vicenda, e questo è il cuore vero del problema, che
va oltre l'inchiesta e il processo, ci si chiede cosa sia cambiato dal 2006,
anno d'avvio della bufera giudiziaria, ad oggi. Quasi nulla. Allora, non era
successo nulla anche prima, il processo è una farsa.
Perché i cani, da Ischia alla Germania, sono partiti ancora. E c'è chi, come
Giacomo Bellezza, veterinario libero professionista e direttore sanitario del
canile della Pro Animale, è anche impegnato per l'asl per il servizio di pronto
soccorso, in un ambulatorio a Serrara Fontana. Ma c'è chi giura che i cani non
finirebbero solo lì. Illazioni isolane, ovvio.
Avvilente. Perché l'Asl Napoli2, a firma del dr. Massimo Barbato, rispondeva ad
un'associazione che l'invio dei cani in Germania nel 2005 risultava regolare.
Anzi. «Lo scrivente ufficio ha dato corso alle procedure d'ufficio presso gli
organi istituzionali competenti per il controllo delle adozioni sul territorio
germanico». Che dicevano gli esiti delle procedure? I vertici superiori
interpellati non rispondevano. Quindi è vero, non è vero niente quello che è
successo.
Apocalittico. Perché le associazioni animaliste, che, come la magistratura,
sostengono che il movimento verso la Germania risalga persino al 2001, si sa
che non saranno ammesse a costituirsi parte civile nel procedimento. Non c'è
danno, secondo una lettura di chi giudica in questa fase dibattimentale. Ma già
ambienti del ministero della Salute guardano con interesse agli sviluppi
processuali, senza escludere a priori di valutare una presa di posizione come
quella intrapresa a Cicerale.
Affezionato. Perché dopo lo scandalo, tutti i Comuni convenzionati con il canile
di Panza dell'allora Fondazione Ernst poi scioltasi e, come da statuto, "rinata"
come associazione Pro Animale, hanno detto addio, tranne che il Comune di Forio
e di Serrara Fontana. Fino a convenzione scaduta, nel 2008. Ma con dei ma.
Edificante. Perché a tallonare l'inchiesta si aggiunge la denuncia della
presidente dell'Una di Ischia, Maria Pagano che, con un atto stragiudiziale di
diffida, sostiene che la struttura sia persino abusiva. Giacerebbe solo una
richiesta di sanatoria. Sembra impossibile che il Comune di Forio non si sia
accorto di nulla, deve esserci un errore.
Barattante. Perché il Consiglio comunale di Forio il 30 luglio scorso deliberava
all'unanimità, come "cambio merce" del mancato pagamento del mantenimento di 51 cani,

per un controvalore di 62.500 euro, l'autorizzazione da parte
dell'associazione Pro Animale a far adottare tutti i cani dalla struttura. Verso
dove? Le destinazioni di cui sopra.
Ambivalente. Perché a costituirsi parte offesa nel processo si sono presentati
il Comune di Forio e l'Asl Napoli2.

Tanti interrogativi, nonostante tutto. Ovvero nonostante un processo e il peso
di una ricostruzione giudiziaria minuziosa dell'Ufficio X del Gip del Tribunale
di Napoli, che potrebbe andare bene come sceneggiatura per un "romanzo criminale
animale". Se tutto fosse confermato.
È solo una questione di false adozioni internazionali di cani e gatti, messe in
corso, secondo alcuni, da un'organizzazione che già in Germania si sarebbe vista
chiudere un proprio rifugio all'estero, con una condanna per maltrattamento
mentre a Ischia vive serena?

È solo fango o "leggerezza" italica? E l'Asl? Mai un dubbio sul massiccio esodo
di animali e di protagonisti, spesso sempre gli stessi, i "padrini di volo", a
bussare? Secondo la procura, non ha comunque vigilato. Sta agli atti di una
reprimenda uscita persino dalla penna del magistrato. Che figura per
l'eccellenza della veterinaria pubblica campana, «servizio , ad onor del vero -
si legge - non particolarmente sollecito nel sondare la veridicità delle
indicazioni riportate sulle richieste di affido (…). I veterinari asl, pubblici
ufficiali, avrebbero dovuto, secondo la normativa in vigore, accertare
l'effettiva identità in sede di sottoscrizione della richiesta di adozione».

In cinque anni, mai un sospetto? Mai. Come oggi.
Vediamo i fatti contestati. Il meccanismo è più o meno sempre lo stesso,
spiegano gli atti che hanno portato al dibattimento il gestore, i veterinari
dell'Asl e i collaboratori dell'associazione: trasferimento di animali dal
rifugio Ernst di Forio in località Panza verso la Germania in località diverse
da quelle dichiarate all'atto del trasferimento.

Due le strade: o attraverso finti adottanti, quasi sempre tedeschi, che avevano
ottenuto l'affido in Italia. Oppure... oppure riempiendo abusivamente alcuni
moduli per le richieste d'affido firmati in bianco con l'inganno.
In ogni caso, secondo l'accusa, false o fittizie erano le richieste di adozione,
false le pratiche, esibendole ai veterinari e ottenendo da loro il rilascio di
passaporti in cui l'indicazione del proprietario dell'animale risultava non
vera.
Insomma, una serie, definita addirittura «indeterminata di delitti di falso di
autorizzazioni amministrative..., di induzione del pubblico ufficiale al
rilascio di passaporti ideologicamente falsi....».
Personaggi e interpreti di questo presunto romanzo criminale: Nicola
Cacciapuoti, direttore del rifugio; Ciro Pontone e Karin Mundt, considerati
"istigatori" del gruppo dai magistrati poiché principali gestori della
Fondazione Annemarie Ernst; il veterinario dell'Asl Napoli 2, Mario Mariani,
originario di Todi. Uno dei casi contestati, ad esempio, che lo riguarda
nell'imputazione, tratta l'adozione di un randagio da parte di S.D.D. che
avrebbe dovuto firmare il modulo contenente la richiesta d'adozione.

Ma gli sarebbe stato sottoposto per la firma anche un modulo in bianco con
un'ulteriore richiesta di adozione. Richiesta che veniva completata con i dati
identificativi di un ulteriore cane che S.D.D. non aveva affatto chiesto di
adottare. Il veterinario Asl firmava, in calce alla richiesta, l'autorizzazione
dell'Unità operativa veterinaria alla consegna dell'animale. «Tutti così
formando - si legge nel rinvio a giudizio - una falsa richiesta di adozione
(datata 12/10/2005 e priva di numero), una falsa autorizzazione dell'Unità
operativa veterinaria alla consegna del cane e la falsa scheda di affido del
cane». Dopo la formazione di questa serie di falsi, «per realizzare l'illegale
trasferimento in Germania del cane, confezionavano il passaporto per animali
materialmente rilasciato dal Mariani e nel quale S.D.D. risultava falsamente
proprietario».
Il meccanismo si ripeteva ogni volta, anche con soggetti diversi, con l'aggiunta
di un altro veterinario della stessa Asl Napoli2, Ciro Di Sarno. Situazioni
simili, cui si aggiungono i nomi di altri "collaboratori" indagati come Else
Scheurlein, persona fidata di Cacciapuoti. Lo stesso gruppo d'azione, stando
all'accusa, approfittando della richiesta di adozione di una cittadina
austriaca, M.B., sottoponevano alla donna per la firma altri tre moduli in
bianco contenenti altrettante richieste di adozione. In seguito, li completavano
con i dati di altri tre cani mai richiesti dall'adottante austriaca e, in calce,
Di Sarno firmava l'autorizzazione dell'Unità operativa veterinaria.
Incredibile. Alla schiera degli indagati ad un certo punto compare anche il
nome di Alessandro Impagliazzo, amministratore e direttore sanitario del
rifugio dal 2001 al 2005.

Ma tutte le adozioni, a centinaia per anni e anni, non hanno mai destato
sospetto all'Asl? In alcuni casi, addirittura, il magistrato in questo giro di
carte false, accusa persino i membri dell'associazione di aver indotto «in
errore Ciro Di Sarno» nell'attribuire a presunti adottanti la proprietà di
numerosi cani. Tante erano le carte e le adozioni che si ripetevano sui tavoli
dell'asl... che confusione per i poveri ignari veterinari. Vero?
Fondamentali per la svolta nell'inchiesta le intercettazioni, legate alle
indagini che la polizia aveva posto in essere fermando nel 2006 una spedizione
di animali trasportare in condizioni peraltro fuorilegge, bloccando la
spedizione al momento dell'imbarco dopo la segnalazione di una guardia
ecozoofila del posto, Giovanni Esposito, dell'associazione Pro Natura. Gli
indizi erano stati d'altra parte disseminati come i sassi di Pollicino… In
particolare i passaporti plurimi di M.R.B. , sui cui passaporti dei cani veniva
indicata Vienna come località sita in Germania. All'asl era sembrato tutto
regolare? Vienna... la Sacher... Berlino... Ma Ischia è troppo lontana.

Persino Impagliato, direttore sanitario del canile, che risulta tuttavia
indagato, si era recato in Germania al canile "Renate Lang" di Horb e a fronte
di 51 animali che sapeva di aver inviato, verificava che di 50 si erano perse
completamente le tracce e non risultava fossero andati in adozione. Forniva poi
la tabella riepilogativa dei trasferimenti dal 2001 al 2005, confermando il
massiccio trasferimento autorizzato dall'asl. Perplessità erano state espresse
anche dal direttore pro-tempore dell'asl di Ischia, Massimo Barbato, che
dichiarava di aver scritto nel 2002 al consolato tedesco, nel 2003 al direttore
sanitario dell'asl di Napoli2 e alla Regione Campania in ordine alla regolarità
delle procedure, senza ricevere però risposta.
Le intercettazioni, che sono esemplificative, documentano le organizzazioni di
più viaggi. Diversi voli il 29 luglio 2006, curando di evitare automezzi in
dotazione dell'ente preferendo mezzi privati. Ma dalle intercettazioni
comprendono che è in atto il pedinamento. E si interrogano se la soffiata sia
arrivata dal canile, da chi conosce i movimenti, ad esempio l'asl.
Ciro (Pontone): "Le signore si sono accorte che un bel giovanotto è venuto con
la vespa".
Nicola (Cacciapuoti): "Non ci hanno fatto più caso all'aeroporto dopo aver fatto
il check-in".
Ciro: "La polizia ha fatto chiamare. Sono stati chiamati dalla polizia i due che
avevano accompagnato… Quindi adesso da Ischia qualcuno ha dovuto sapere che
questi partono il giorno "tot" e questo ragazzo è andato appresso… chi può dire
a questi qua che adesso partono…una domanda… Di Sarno sapeva quando dovevano
partire queste?".
Nicola: "No, non lo sapeva nessuno."
Ciro: "Non lo sapeva nessuno?"
Nicola: "C'è un fatto importante invece… Io penso che il furgone… qua fuori qua…
proprio il furgone è visionato e sorvegliato da qualcuno…nel momento in cui già
sanno tutta la prassi… già sanno tutto come si fa… perché in quattro…cinque anni
che sono state fatte queste cose… sanno che quando Giuseppe va a preparare i
box… capito… e chiaramente è l'unica spiegazione…".
Ancora Nicola: "E poi ti voglio dire…basta una telefonata a quelli di Napoli… e
quelli si mettono là…."
Ciro: "Io pensavo che caso mai all'asl…"
Nicola: "Niente l'asl…quando fa i passaporti… quello ci dà i passaporti…non sa
quando partono…non lo possono sapere …perché non è che mai gli diciamo… guarda
anzi la scheda di ritorno che io devo dare all'asl con la firma…della seconda
firma di consegna non gliela facciamo neanche firmare lì… Adesso la Hunday non
si muoverà fino a quando non… ho protocollato il caso del…permesso".
Ciro: "Per gli animali però…"
Nicola: "Per gli animali è chiaro…se poi uno vuole trasportare quello che vuole
quello è proprietà privata, uno può portare quello che c. vuole, quello è poco
ma sicuro…".
Dal 4 aprile 2006 la Fondazione era stata inibita a dar luogo alle adozioni in
seguito ad un provvedimento in via cautelare del distretto 57 di Ischia in
seguito al sequestro di 27 animali e al procedimento penale per maltrattamento.

Sospetti anche sulle vaccinazioni antirabbiche le associazioni le sollevano, non
essendo presenti le fustelle della vaccinazione bensì delle indicazioni a penna.

Dalla intercettazione dell'8 agosto 2006 tra Karin Mundt ed Else Scheurlein.
Karin: "Dovremo facerla".
Else: "Sicuramente dovremmo farcela, anche con le vaccinazioni antirabbiche,
questo è il problema minore".
Interessante anche la telefonata del 17 agosto 2006 tra Cacciapuoti e Massimo
(di cui sopra, si legge negli atti, quindi si fa riferimento al Massimo citato
nei documenti).
Nicola: "Mi fai quella lettera…perché Mario ha fatto quelle due righe, però io
voglio che mi fai tu… (…). Il cane sta qui dentro, è un bel rottweiler grosso"
Massimo: "Senza microchip".
Nicola: "Senza microchip… senza niente, come al solito".
Si legge nelle carte processuali ancora della telefonata. «Cacciapuoti contatta
direttamente tale Massimo (poi identificato - si legge - in Barbato Massimo,
dell'ASL Napoli 2 di Ischia, ndr), perché ha la necessità di ottenere due
passaporti, ricevendo dall'interlocutore una disponibilità ad una richiesta
-scrive persino il giudice - alquanto anomala, atteso che, a quella data, la
Fondazione era ancora interdetta dal poter dar corso a nuove adozioni e
affidamenti, proprio in ossequio al provvedimento dell'asl di Ischia».
Altre intercettazioni, ancora Karin ed Else.
Else: "Sicuramente staranno intercettando la telefonata".
Karin: "Davvero, allora scoprono tutto, dovrebbero occuparsi sicuramente di
altre cose".
Altra telefonata ritenuta interessante per gli investigatori è quella tra Ciro
Pontone e Giacomo Bellezza, il libero professionista convenzionato con l'asl di
Ischia e direttore sanitario del canile di Panza che lavora per il pronto
soccorso asl. Bellezza viene illuminato circa l'importanza di Jutta Heinemann.
Ciro: "La signora Heinemann (...) è una delle persone più importanti...ed è lei
che il 90% dei singoli che partono li piazza".
Il 24 novembre 2006 venivano perquisiti gli uffici dell'asl di Ischia. «Si aveva
modo così di vedere - spiega il magistrato - i diversi casi di adozioni in
relazione alle quali risultavano adottanti persone diverse da quelle cui gli
animali erano realmente destinati e i casi di adozioni completamente fasulle,
ossia disconosciute dalle persone che figuravano nella documentazione quali
adottanti (...)».
Due le rogatorie avanzate dalla Procura di Napoli: la prima - accolta - per
accertare la destinazione reale degli animali. La seconda - respinta - per
approfondire i profili sul sostentamento della Fondazione.

Ma non è finita qui."
s.piazzo@lapadania.net
(87 - continua)

FERRAIOLI (IDV): REFERENDUM 12-13 GIUGNO 2011

La Spezia,lì 21 Maggio 2011
 
Spettabile Redazione,
di seguito Vi trasmetto una nota stampa.
Nel ringraziarVi per la Vostra gentile attenzione,
colgo l'occasione per salutarVi cordialmente.
Maurizio Ferraioli
Tel.329-8256232
 
NOTA STAMPA 
 
FERRAIOLI (IDV): REFERENDUM 12-13 GIUGNO 2011
UNA BATTAGLIA PER LA LEGALITA' E PER LA VITA.
 
Il 12 e 13 giugno 2011 i cittadini Italiani sono chiamati alle urne per votare i 4 referendum e precisamente i 2 sulla privatizzazione dell'acqua, 1 sul nucleare ed 1 sul legittimo impedimento.
I referendum proposti diventano, non solo simbolicamente, una grande battaglia per la Vita e per la Legalità e la Giustizia. I primi 3, privatizzazione dell'acqua e nucleare, diventano fondamentali per noi e per le generazioni future alle quali dobbiamo poter garantire la disponibilità di una risorsa essenziale e primaria "l'acqua" e un mondo pulito, privo di scorie radioattive da smaltire e di rischi indescrivibili per la salute umana e per l'intero pianeta.
L'Italia potrebbe dare un segnale forte e diventare la bandiera per le energie alternative e contro il nucleare. Ai miei coetanei ed ai più giovani, non desidero ricordare l'immane recente tragedia giapponese, ma il disastro del 1986 di Chernobyl che ancora oggi offre scenari sanitari terrificanti. Non desidero fare del terrorismo mediatico ma spesso la memoria gioca cattivi scherzi e diventa importante rammemorare quando anche per noi quel lontano periodo era vissuto con ansia e preoccupazione indicibile. Ora appare tutto affievolito ed il Governo tenta di nascondere nel cassettino della memoria questi timori dando dimostrazione di serenità e cercando di traferirla ai suoi elettori . Anche a loro dico, andate a votare e votate con la consapevolezza guardando prima di uscire di casa i vostri figli o i vostri nipoti, è a loro che dovete garantire il futuro.
Il quarto quello sul "legittimo impedimento" è un referendum che pone il problema della Giustizia uguale per tutti, senza distinzioni di casta e si pone come momento per la diffusione della cultura della Legalità. Anche questo è un altro grande insegnamento per le generazioni future,oltre che per noi, ed abrogandone la norma difenderemo questo sacrosanto diritto che rientra più che in una corretta interpretazione delle Leggi in un corretto insegnamento di un etica morale che deve essere comune a tutti indipendentemente dall'appartenenza partitica.
L'invito è ad andare in massa a votare il 12 e 13 giugno 2011 ed a diffondere questo messaggio fra i vostri parenti, amici e conoscenti affinche si compia un grande atto di civiltà a beneficio di tutta la Cittadinanza.

RomExpo Franchising 2011: obiettivo raggiunto

RomExpo Franchising 2011: obiettivo raggiunto
Grande affluenza di pubblico e 2.500 i contatti qualificati
75 marchi franchising, 5 internazionali, 32 relatori, 7 workshop,
15 ore di dibattiti

Obiettivo raggiunto con successo per la nona edizione del RomExpo Franchising, la due giorni romana interamente dedicata al franchising. Il percorso continuerà ora sulla rete, attraverso il sito www.ref-franchising.it, che continuerà a svolgere un ruolo di vetrina e luogo virtuale di incontro tra franchisor, franchisee e chi vuole fare impresa in un modo innovativo.

75 i marchi franchising presenti alla manifestazione, tra cui anche 5 brand internazionali, a dimostrazione del ruolo ricoperto da Roma nel panorama internazionale, 32 i relatori che sono intervenuti nel corso dei 7 workshop, per un totale di circa 15 ore di dibattiti sul franchising. I video dei workshop saranno caricati sul sito web www.ref-franchising.it per dare modo di ascoltare quanto è stato detto anche a coloro che non sono potuti essere presenti alla manifestazione.

Al RomExpo Franchising anche l'anteprima assoluta dell'ingresso nel mondo del franchising di Bibenda, con BIBENDA Galleria del vino® , una rete selezionata di enoteche di alta qualità.

Numerosi i visitatori della manifestazione, di cui molti stranieri, in maggioranza persone interessate al settore o che già ne fanno parte. Dai questionari compilati dagli espositori è emerso un bilancio positivo, a dimostrazione della validità del nuovo format adottato in questa edizione, tutto puntato all'effettivo incontro tra la domanda e l'offerta del fare impresa. Il salone è stata un'interessante occasione per fare networking. I contatti commerciali raccolti durante la manifestazione dai
vari imprenditori sono stati in totale circa 2.500.

"Siamo molto soddisfatti di come sono andate le cose. – ha dichiarato Francesco Sorgoni, progect manager di RomExpo Franchising – Il pubblico era motivato e realmente interessato ai temi trattati e a trovare un'alternativa per fare impresa. I workshop sono stati una ricca occasione di dibattito nel corso dei quali sono stati presentati numerosi casi di eccellenza da prendere come esempio. Il format che abbiamo scelto per questa edizione, basato sulla multimedialità e sulla predisposizione di un
percorso guidato, si è rivelato vincente, segnando un evidente cambio di passo che ci proietta con fiducia verso il decennale dell'edizione del 2012".

Nel corso della manifestazione si è svolta, inoltre, la premiazione del concorso 'Vinci con il franchising', il contest che metteva in palio una borsa lavoro di 10.000 euro alla migliore idea impresa. La vincitrice è la giovane scrittrice di Matera Maria Simonetta Sciandivasci, con la sua idea d'impresa 'cook-sharing', uno strumento che consente di condividere all'interno di un ristorante ricette e suggerimenti, per avvicinare il cliente al cuoco e per condividere sia concretamente che sulla
pagina web del ristorante le ricette.


Ufficio stampa
Alessandro Maola - T. 339.233.55.98
Arianna Fioravanti- T. 338.999.33.73
Email: info@inmediarescomunicazione.it

CS: La Terra Santa, da oggi a pieno titolo "capitale mondiale dell'extravergine".

In allegato, comunicato stampa relativo alla manifestazione TerraOlivo 2011.
Ulteriori informazioni sul blog: http://primolio.blogspot.com/
Antonio G. Lauro


Gerusalemme. Conclusa la seconda edizione del concorso "TerraOlivo Gerusalemme" che ha visto la partecipazione di oltre 302 oli extravergine finalisti provenienti da Argentina, Cile, Croazia, Israele, Palestina, Italia, Spagna, Grecia, Giappone, Turchia, Tunisia, Libano, Sud Africa, Algeria, Stati Uniti d'America, Uruguay, Perù, Slovenia e Portogallo.
A premiare gli oli del concorso internazionale sull'olio extravergine d'oliva, sono chiamati giudici assaggiatori professionisti che hanno composto quattro qualificati panel internazionali. 
I panel di assaggio, diretto da Antonio G. Lauro, hanno effettuato gli assaggi degli oli in concorso in conformità con i dettati del Consiglio Oleicolo Internazionale (COI), organismo leader, a livello mondiale, per la valorizzazione, tutela e promozione dell'olio extravergine d'oliva.
Tra gli eventi di TerraOlivo anche la seconda edizione de una conferenza internazionale, degustazioni guidate aperte al pubblico, azioni di marketing ed una 'Serata di Gala' ove l'ospite d'onore è stato l'Olio Extravergine di Oliva, sia quello d'Israele e sia quello di tutto il mondo olivicolo internazionale. A far da cornice alla serata di gala, la cerimonia di premiazione e l'esposizione al pubblico degli oli vincitori.
Queste le categorie premiate dal TerraOlivo 2011 Award: Primo premio assoluto ed International Grand Champion Trophy and International Champion of TerraOlivo; Premio Gran Prestige Gold; Premio Prestige Gold e Premio Gold.
Quest'anno il primo premio assoluto è andato all'azienda Oleoestepa S.C.A, con l'olio "Oleoestepa Hojiblanco Api" - Spagna, mentre ottimo è stato il comportamento delle aziende italiane, riccamente premiate nell'edizione 2011 (risultati completi su www.terraolivo.org).
Primo, tra tutti gli oli provenienti dalla penisola italiana, l'olio extravergine di oliva proposto dall'
Azienda Agricola Il Brolo di Patrizia Rampa (Il Brolo Monocultivar Casaliva) con sede in Piazza G. Bortolotti, 5 - 25080 Polpenazze del Garda (BS), Tel. 335 747 9584, e-mail: patrizia@il-brolo.it. All'azienda va il "TerraOlivo Best Italy Award 2011". L'olio gardesano porta via per un soffio il premio al Frantoio Romano di Alberto Romano (Romano Monocultivar Ortice) con sede in Via Staglio - 82030 Ponte (CB), Tel. 0824 874332, e-mail: info@frantoioromano.it che porta a casa la prestigiosa medaglia "TerraOlivo Grand Prestige Gold 2011". 
L'Azienda Il Brolo, inoltre, colleziona con il Monocultivar Casaliva anche il meritatissimo diploma "TerraOlivo Gran Prestigie Gold 2011" e con il Blend Garda Bresciano, conquista anche la menzione "TerraOlivo Prestige Gold 2011".
Le due aziende, già premiate nel 2010 con la medaglia "TerraOlivo Prestige Gold 2010", consolidano e rafforzano la propria posizione nel ranking mondiale degli oli di alta gamma.
Ad un'incollatura, con la medaglia "TerraOlivo Prestige Gold 2011", si sono posizionati altri 18 dei 29 oli extravergine di oliva italiani premiati; precisamente quelli delle società:
- Az. Agricola Podere Lucano (Olio Extravergine di Oliva Biologico);
- Az. Agraria Viola
 S.R.L. (Viola Colleruita - Dop Umbria Colli Assisi Spoleto);
- Az. Agricola Buonamici di Cesare Buonamici (Moraiolo Biologico);
- Az. Agricola Decimi (Emozione Olio Extra Vergine di Oliva);
- Olearia San Giorgio dei F.lli Fazari (L'Aspromontano)
- Az. Agricola Elvira de Leo (Olio Kouvala Monocultivar Ottobratica);
- Az. Agricola Il Brolo (Il Brolo Blend Garda Bresciano);
- Az. Agricola il Cervo Rampante ARL (Il Cervo Rampante Sabina Dop);
- Az. Agricola La Rosciola dei F.lli Tariciotti (La Rosciola 100% Alta Qualità Italiana);
- Frantoio Franci (Villa Magra Blend Fruttato Intenso);
- Frantoio Guadenzi (Frantoio Guadenzi Dop Umbria);
- Giachi Giovanni S.R.L. (Colle De Giachi Dop Chianti Classico 2010);
- Frantoio Figoli Tommaso (Frantoio Figoli da Agricultura Biologica);
- La Mola Oli A. M. Billi Soc Agr S.S. (La Mola - Sabina Dop);
- Oleficio Torchia Federico di Torchia F.lli sas (Olio Extra Vergine di Oliva Torchia);
- Società Agricola Carbone S.A.S (Olio Extra Vergine di Oliva "Ter");
- Tenuta Zimarino Masseria Don Vincenzo (Don Vincenzo Colline Teatine Vastese Dop);
- Villa Igea S.R.L. Azienda Agricola Igea (Biologico).
Prestigiose, ed ampiamente meritate, le medaglie "TerraOlivo Gold 2011" che sono andate alle aziende:
- Az. Agricola Ardito Felice (Org.Olio Olio Extra Vergine D'oliva);
- Az. Agricola Elvira de Leo (Olio Kouvala Condimento al Cedro);
- Az. Agricola Podere di Pieve di Mori Giorgio e Andrea s.s (Oliolio);
- Az. Agr. Ferruccio Romano (Olio Extravergine di Oliva Biologico);
- Giachi Giovanni S.R.L. (Primolio Olio Extra Vergine Di Oliva Saporito);
- Oleificio Perrone S.A.S (Perrone Condimento Aromatizzato al Bergamotto);
- Fattoria San Sebastiano S.r.l. (San Sebastiano Olio Extravergine di Oliva Biologico).
Le statistiche della competizione.

Come detto, oltre alle aziende Il Brolo e Frantoio Romano, che rafforzano la propria posizione, quest'anno riconfermano gli ottimi risultati conseguiti nel "TerraOlivo Award 2010" le società: Olearia San Giorgio, Azienda Giachi Giovanni, Az. Agricola Buonamici di Cesare Buonamici e Frantoio Gaudenzi, premiate anche l'anno passato con le medaglie "TerraOlivo Prestige Gold". Migliora la posizione dell'Oleificio Torchia (da Gold 2010 a Prestige Gold 2011), mentre perde un gradino sul podio l'olio della Fattoria San Sebastiano che passa da "Prestige Gold 2010" al riconoscimento "Gold 2011". 

New entry, quest'anno, per le compagnie Az. Agricola Podere Lucano (Olio Extravergine di Oliva Biologico), Az. Agraria Viola S.R.L. (Viola Colleruita - Dop Umbria Colli Assisi Spoleto), Az. Agricola Decimi (Emozione Olio Extra Vergine di Oliva), Az. Agricola Elvira de Leo (Olio Kouvala Monocultivar Ottobratica e Condimento aromatizzato al Bergamotto), Az. Agricola il Cervo Rampante ARL (Il Cervo Rampante Sabina Dop), Az. Agricola La Rosciola dei F.lli Tariciotti (La Rosciola 100% Alta Qualità Italiana), Frantoio Franci (Villa Magra Blend Fruttato Intenso), Frantoio Figoli Tommaso (Frantoio Figoli da Agricultura Biologica), La Mola Oli A. M. Billi Soc Agr S.S. (La Mola - Sabina Dop), Società Agricola Carbone S.A.S (Olio Extra Vergine di Oliva "Ter"), Tenuta Zimarino Masseria Don Vincenzo (Don Vincenzo Colline Teatine Vastese Dop), Villa Igea S.R.L. Azienda Agricola Igea (Biologico), Az. Agricola Ardito Felice (Org.Olio Olio Extra Vergine D'oliva), Az. Agricola Podere di Pieve di Mori Giorgio e Andrea s.s (Oliolio), Az. Agr. Ferruccio Romano (Olio Extravergine di Oliva Biologico) e Oleificio Perrone S.A.S (Perrone Condimento Aromatizzato al Bergamotto).
L'appuntamento è quindi alla terza edizione 2012 del premio che, preannunciano gli organizzatori, conterrà molte sorprese e novità.
Dr Antonio G. Lauro
------------------------------
Dr Agr. Antonio G. Lauro
- Organizzazione TerraOlivo Italia -
- Panel Leader -

Via Giotto n° 11
89015 PALMI (RC) - Italy
Mobile: +39 333 2313151
e-mail: aglauro@tiscali.it
web: primolio.blogspot.com

Il Teatro Armonico diretto da Michael Radulescu in concerto domenica 22 maggio presso il Teatro Olimpico di Vicenza

 

 

Settimane Musicali al Teatro Olimpico

Festival Internazionale di musica da camera e lirica

membro dell'EFA (European Festival Association)

 

 

XX edizione - Vicenza, 18 maggio/13 giugno 2011

“Ambasciatori di note. Musicisti italiani nelle capitali d'Europa. Seconda tappa: Praga”

 

Progetto Bach: Michael Radulescu a Vicenza, ospite delle Settimane Musicali
Il Teatro Armonico diretto da Michael Radulescu in concerto domenica 22 maggio presso il Teatro Olimpico di Vicenza

Prosegue la XX edizione delle Settimane Musicali al Teatro Olimpico di Vicenza con il Progetto Bach: secondo appuntamento in cartellone, dedicato alla musica del compositore di Eisenach. Frutto della collaborazione tra il festival vicentino e l’Associazione Mousikè, il concerto si terrà domenica 22 maggio2011, alle ore 21.00, presso il Teatro Olimpico di Vicenza.

Protagonista del concerto sarà Michael Radulescu, uno dei più grandi esperti della musica di Johann Sebastian Bach. Già ospite nelle passate edizioni del festival, Radulescu è organista, compositore e direttore d’orchestra. Ha tenuto concerti in tutta Europa, negli USA, in Canada, Australia e Giappone. Dal 1968 al 2007 è stato Professore d’organo all’Università per la Musica di Vienna e dal 1990 è Direttore dell’Accademia Bach a Porrentruy in Svizzera.  

Al M° Radulescu spetterà il compito di dirigere l’Ensemble Strumentale Il Teatro Armonico. Fondata da Margherita Dalla Vecchia, affermata organista e clavicembalista vicentina, la formazione riunisce cantanti e strumentisti, giovani interpreti e affermati musicisti nel repertorio antico e barocco con strumenti originali. Dal 2002 propone il Progetto Bach, unico nel suo genere in Italia, in forma di laboratorio. Il Progetto ha portato il gruppo ad esibirsi per festivals e associazioni concertistiche in prestigiose basiliche e teatri, in Italia e all’estero. Dell’opera bachiana sono stati eseguiti tutti i Mottetti, 22 Cantate per diversi organici e la Messa in Siminore.

Filo conduttore del concerto sarà la musica di Johann Sebastian Bach. Due le Suites per orchestra in programma: la n. 3 in remaggiore BWV 1068 e la n. 4 in re maggiore BWV 1069. Le composizioni, articolate in tempi di danza, risalgono agli anni che Bach trascorse a Lipsia e, più precisamente al 1729-1731, periodo durante il quale fu direttore delCollegium musicum della città. Tra le composizioni bachiane si inserirà il Concerto Grosso n. 12 in sol maggiore Propitia Sydera di Georg Muffat. In cinque  movimenti, il concerto fu composto dal musicista francese nel 1701.

L’appuntamento sarà preceduto da una conferenza introduttiva tenuta dallo stesso Michael Radulescu, presso l’Odeo del Teatro Olimpico, alle ore 19.30.

Le Settimane Musicali al Teatro Olimpico fanno parte dal 2007 del circuito dell’EFA - European Festival Association, la più antica e prestigiosa associazione di festival europei - unico festival veneto tra i dieci italiani ad aver ottenuto questo prestigioso riconoscimento.

Per informazioni/biglietti/immagini:
www.olimpico.vicenza.it
info@olimpico.vicenza.it

tel. 0444-302425

Ufficio stampa

Studio Pierrepi

Via del Vescovado, 79 – 35141 Padova

tel. 049 – 8753166

canella@studiopierrepi.it

www.studiopierrepi.

 

Emergenza ambientale sulla Spiaggia della Dolce Vita


PESCI MORTI, PUZZA DI FOGNA E PESTICIDI, ANGUILLE IN FUGA

sulla Spiaggia della Dolce Vita

Grave emergenza ambientale sul Rio Tre Denari, nell'area della Riserva Naturale del Litorale Romano, a Passoscuro (Comune di Fiumicino).

Proprio nel luogo sabato 28 maggio si terrà la Giornata Nazionale di Spiagge Pulite con Legambiente, ieri alle 15.00 l'acqua del fiume è diventataufficio.stampa@fiumicino.net improvvisamente scura, le anguille hanno cominciato a scappare verso il mare, e i pesci sono stati decimati. Carpe, cefaletti, panzarotti hanno cominciato a contorcersi sulle rive e sulla battigia, per poi morire. Una puzza acre e disgustosa, come di letame misto a pesticidi, ha invaso l'aria. L'evento, in periodo di ovodeposizione, significa morte del fiume per anni.

E' stato allarme subito per la gente del posto: chi faceva fotografie e video con i telefonini, fino a sera inoltrata, chi cercava di trarre in salvo qualche pesce, chi raccoglieva campioni di acqua, e anche piccoli cadaveri, per poi farli analizzare. Recurate grosse carpe di di-5 chili. Sono stati chiamati i Carabinieri, la Protezione Civile e la Polizia Municipale, la Forestale che hanno fatto i loro verbali.

Il grande impegno accorato e commosso della comunità di Passoscuro è un segno forte di richiesta di attenzione per l'ambiente e di legalità. Accanto allo sconcerto, c'è anche l'indignazione. Un senso di impotenza di fronte a questi soprusi, il timore che i reati ambientali restino impuniti.


Anna Longo
Coordinatrice di DOLCE SPIAGGIA
Giornalista di Radio Rai
335.7802338

Ps:
E pensare che l'anno scorso Legambiente aveva monitorato il nostro "Fiumicello" - come lo chiamava Fellini - e aveva riscontrato un livello di inquinamento sotto la media… Povero Rio Tre Denari! Povera Spiaggia della Dolce Vita!

Vi mando comunque anche la locandina di DOLCE SPIAGGIA- SPIAGGE PULITE 2011
E appena ho la documentazione fotografica e i video, ve li invio.



Bomboniere per battesimo e matrimonio: le idee più originali

Matrimonio, nascita e battesimo sono alcuni dei momenti più mportanti della nostra vita. Eventi che abbiamo l'abitudine di festeggiare nei modi più svariati. Ricevimenti, piccoli festeggiamenti, serate con amici e parenti. Unica costante, almeno in Italia, è la bomboniera che lasciamo in dono ad amici e parenti intervenuti alla festa. Un ricordo, un simbolo e soprattutto un modo per contraccambiare il piacere della loro presenza. Il problema per le future mamme o per le fidanzate prossime al matrimonio è proprio quelo di scegliere la bomboniera giusta. Non tanto quella che soddisfa il proprio gusto ma quella che mette d'accordo un pò di esigenze diverse: la mamma, la suocera il fidanzato o il marito e poi i parenti stessi. Potremmo definirla una scelta condizionata dalle diverse pressioni circostanti, tanto da creare anche situazioni davvero molto 'simpatiche'. L'unico modo per soddisfare tutti e al tempo stesso stupirli e scegliere modelli originali, il più possibile originali. In giro, a dire il vero, di creatività ed innovazione nel settore delle bomboniere ce n'è davvero poca. Sarà perchè il settore soffre dell'influenza della tradizione, sarà perchè vige la regola che con il classico non si sbaglia mai. O quasi. Soprattutto quando si è giovani il desiderio di novità e di creatività è chiaramente superiore. Una delle innovazioni più recenti è la torta di bomboniere. Le torte bomboniere rappresentano un modo assolutamente nuovo di presentare le bomboniere per matrimonio, battesimo, nascita, ma anche per comunione e cresima, laurea, per anniversario - nozze d'oro e d'argento - come pure  per un compleanno o per un evento importante. Ciascuna bomboniera viene posizionata su uno scatolino a forma di triangolo. Una vera e propria fettina che andrà poi a comporre la torta bomboniera in tutto e per tutto simile ad una torta di pasticceria. E' difficile trovare negozio che si occupino di torte bomboniere. Un esempio, a Pandino, in provincia di Crema, vicino Bergamo e Milano, è L'Angolo delle bomboniere. Un negozio specializzato nella realizzazione e nella vendita di bomboniere personalizzate, economiche, fatte a mano per matrimonio, battesimo, laurea, cresima e comunione, anniversario, nascita e compleanni. Una piccola specialità dell'Angolo delle bomboniere è la realizzazione delle bomboniere Hello Kitty: piccole Hello Kitty in carta pesta contenute da un'Hello Kitty a dimensioni più grandi e a bordo di un'auto. La Hello Kitty che funge da contenitore resta alla festeggiata, naturalmente, e stupirà gli ospiti. Le bomboniere hello Kitty possono piacere tanto alle bambine quanto alle adolescenti, tanto è diventata un personaggio di culto e alla moda.


Elena Arzillo
SEO&Advertising Copywriter, Web Editor
328 3068513
http://elenaarzillo.wordpress.com/
http://it.linkedin.com/in/elenaarzillo

Ref:I giovani romani vincono con le idee di impresa e con il franchising

I giovani romani vincono con le idee di impresa e con il franchising

Il 64% dei giovani romani guarda al futuro con ottimismo


Giovani come risorsa per il sistema del franchising ed impresa. Questa la tendenza che ha dominato i dibattiti del RomExpo Franchising.

Nell'ambito della manifestazione è stato bandito il concorso 'Vinci con il franchising' che ha messo in palio 10.000 euro alla migliore idea di impresa. L'idea vincitrice è una proposta di cook sharing, presentata da Maria Simonetta Sciandivasci. Il contest ha riscosso notevole successo, a riprova del forte e radicato desiderio di fare impresa dei giovani romani.

I 100 finalisti per la maggior parte risiedono nel Lazio, hanno tra i 18 ed i 37 anni ed il 67% viene da forme di precariato, come anche la vincitrice. Il contesto economico della Capitale sembra, però, essere ostile ai giovani. Il tasso di disoccupazione giovanile è aumentato ancora rispetto allo scorso anno, superando il 30%, al di sopra della media nazionale che si attesta al 27,8%. Tra le principali paure denunciate dai giovani che vogliono fare impresa c'è il timore di non riuscire ad aver
accesso al credito e il rischio di rimanere bloccato dal sistema burocratico.

Nonostante i numeri, il 64% degli intervistati dichiara di essere ottimista riguardo al proprio futuro lavorativo, una percentuale che stupisce, soprattutto se confrontata con quella degli anni precedenti.

Questa mattina al RomExpo Franchising sì è continuato a parlare di giovani e impresa nell'ambito del workshop "Franchising come risorsa per i giovani imprenditori", durante il quale sono state illustrate non solo le opportunità che questo settore offre ai giovani, ma anche il valore aggiunto che questi ultimi hanno da offrire.

All'incontro era presente anche il professor Paolo Grassi, docente di diritto europeo all'Università di Teramo e titolare della catena di studi legali Grassi, che ha illustrato un esempio di successo del binomio franchising – giovani. "Il franchising appartiene ai giovani - ha dichiarato il professore – bisogna dare loro fiducia, credere nelle loro capacità." Il franchising degli uffici legali del prof. Grassi è partito proprio da questa fiducia. "Ogni anno accolgo nel mio studio romano alcuni
studenti per il praticantato. Una volta terminato, il periodo, alcuni restano nel mio ufficio, altri tornano nelle loro città. Una volta lì, offro loro la possibilità di usare la mia insegna, e con essa, la mia reputazione, o di inserire all'interno di un ufficio che portasse il loro nome una sede dislocata dell'Ufficio legale Grassi."

Il sistema del franchising minimizza i rischi di impresa, ma non li annulla del tutto. Prima di decidere di intraprendere questo percorso è importante approcciarsi bene nei confronti del mercato e maturare una conoscenza approfondita del franchisor.

Ufficio stampa
Alessandro Maola - T. 339.233.55.98
Arianna Fioravanti- T. 338.999.33.73
Email: info@inmediarescomunicazione.it

APRONO LE OASI WWF: "IL RICHIAMO DELLA FORESTA E' QUI" - I PROGRAMMI



DOMENICA 22 MAGGIO
TRA POCHE ORE APRONO LE OASI WWF: "IL RICHIAMO DELLA FORESTA E' QUI"

Poche ore all'appuntamento di  Domenica 22 nelle 100 aree naturali protette
dal Panda per celebrare la natura con visite gratuite e feste all'aperto

Continua la grande campagna popolare per salvare tre preziosi boschi in
LOMBARDIA, LAZIO e PUGLIA Fino al 29 MAGGIO SI DONA AL NUMERO 45507** o
presso gli oltre 7800 sportelli automatici (ATM) UniCredit su tutto il
territorio nazionale
 Tutti i programmi su www.wwf.it

Domenica 22 maggio circa 100 Oasi aperte gratuitamente al pubblico in tutte
le regioni italiane, un vero mosaico di meraviglie naturali di cui oltre 40
costituite da boschi. L'occasione, in piena stagione primaverile e di
migrazioni degli uccelli, è speciale per l'osservazione di animali rari e
protetti, per partecipare a iniziative speciali e passare una giornata di
relax insieme agli esperti del WWF.

Tra le tante iniziative quest'anno c'è il Tree Listening ovvero ascolto dei
suoni di un albero, un'opera creata dall'artista - designer inglese Alex
Metcalf in Italia per la prima volta in assoluto, dove sarà possibile
indossando le cuffie e immergersi nelle sonorità della vita di un albero,
ascoltando in maniera amplificata i suoni prodotti durante le sue quotidiane
attività al Cratere degli Astroni a Napoli.
Inoltre laboratori di costruzione di maschere degli animali dell'oasi di
Marmirolo in Emilia Romagna, una minimaratona nell'oasi si Macchiagrande nel
Lazio che compie 25 anni, conoscere e riciclare il sughero per salvare le
sugherete grazie al laboratorio allestito a Vanzago in Lombardia,
riconosciamo gli alberi dalle foglie a Villa Paolina in Piemonte,
lavorazione della ceramica ai Calanchi di Atri in Abruzzo,  costruiamo
aquiloni a Le Cesine in Puglia,  facciamo la ricotta sarda a Monte Arcosu,
escursione botanica alla scoperta del ginepro fenicio a Torre Salsa in
Sicilia, in Toscana passeggiata lungo il nuovo "Sentiero Natura" a Orti
Bottagone, incontro con le api e il miele al Bosco San Silvestro a Caserta,
prime cavalcate su docili cavalli a Valpredina nella bergamasca, liberazione
di rapaci dai Centri di Recupero animali selvatici, passeggiate
ornitologiche e moltissime degustazioni di prodotti tipici locali attendono
famiglie e gruppi nel ricco programma consultabile sul sito www.wwf.it  .

ANCORA UNA SETTIMANA PER CONTRIBUIRE A 3 NUOVE 'OASI' PER SALVARE I BOSCHI
ITALIANI
    Proprio in omaggio all'Anno delle Foreste il WWF  ha lanciato la grande
raccolta fondi "Una nuova oasi per te" (fino al 29 maggio al numero 45507**)
per tutelare e gestire  a beneficio di tutti tre boschi italiani di valore
naturalistico: i Boschi di Marzagaglia in Puglia, dove querce rare, ulivi
secolari, vigneti e masserie sono inframmezzati da strade e minacciati da
tagli e pascoli; il bosco umido di Foce dell'Arrone, sul litorale laziale,
sopravvissuto all'urbanizzazione devastante dell'area ed uno degli ultimi
esempi di com'era un tempo la costa tirrenica e in Lombardia un'area
prossima alla Riserva naturale di Valpredina, sulle Prealpi bergamasche, un
cuore verde di roverelle e carpini dove nidificano oltre 50 specie di
uccelli, minacciata dall'ampliamento delle aree di caccia circostanti.

Si riconferma inoltre l'impegno della RAI accanto al WWF, con il patrocinio
del Segretariato Sociale RAI e domenica 22 su Rai3 con lo "Speciale Oasi" di
Ambiente Italia curato da Beppe Rovera – dalle 9.00 alle 11.00 – in diretta
dal Bosco di San Silvestro in Campania e in collegamento con l'Oasi di
Valpredina, in Lombardia. La puntata sarà visibile in streaming anche su
www.wwf.it/tv.

FMI e Lagarde. Quando non si e' all'altezza

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/comunicato/fmi+lagarde+quando+non+si+all+altezza_19090.php
---------------------

FMI e Lagarde. Quando non si e' all'altezza

Roma, 21 Maggio 2011. La Grecia e' a rischi di default, ha dichiarato Cristine Lagarde, Ministro dell'Economia francese e candidata alla guida dell'FMI. Insieme alla valutazione negativa di Fitch, la dichiarazione della Lagarde ha avuto effetto un effetto devastante: giu' le borse, titoli di stato greci al 25%, fuga verso i piu' stabili bund. Se la Lagarde e' la candidata alla guida dell'FMI non possiamo che preoccuparci. E' irresponsabile che un ministro dell'Economia faccia questi apprezzamenti a mercati aperti e comunque che li faccia. Ci sono gli organismi preposti a cio' e, comunque, sarebbe stato opportuno una consultazione, anche rapida, dei ministri dell'Economia europei prima di rilasciare dichiarazioni. Ci pare che la Lagarde non sia proprio la persona adatta a ricoprire il delicato ruolo di direttore generale del Fondo Monetario Internazionale.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email: aduc@aduc.it
Tel.055290606
Ufficio stampa: Tel.055291408

COMUNICATO STAMPA | Fiaip Bergamo: Convegno "Cedolare secca, la nuova stagione delle locazioni"

Fiaip Bergamo: Convegno "Cedolare secca, la nuova stagione delle locazioni"


SERVIZIO FORMAZIONE PERMANENTE FIAIP BERGAMO
 
CONVEGNO: "CEDOLARE SECCA, LA NUOVA STAGIONE DELLE LOCAZIONI"
 
Giovedì 26/05/11 h. 9.45 – 12.00
Sede provinciale Fiaip, Bergamo Via Milano 1/A  
 
PROGRAMMA
  • h. 9.45: accreditamento per gli associati
  • h. 10.00: inizio lavori
  • h.12.00: fine lavori
Introduzione: La cedolare secca come svolta epocale nella tassazione della rendita immobiliare  
                Giuliano Olivati, Presidente Fiaip Bergamo
                                               Del. Cultura e Formazione Fiaip Lombardia
  
Relazione: L'operatività nella prassi quotidiana della cedolare secca sui canoni delle locazioni immobiliari    
       
                Ezio Sangiovanni Gelmini, Vicepresidente Fiaip Bergamo
                                                                   Del. Informatica Fiaip Lombardia
Da tutti auspicata in lunghi anni di attesa, è ora finalmente realtà la tassazione separata dei redditi da locazione, l'ormai celebre "cedolare secca". Alcune domande emergono dall'analisi della novità normativa, e dalle procedure pratiche di applicazione: perché questo provvedimento di semplificazione fiscale è reso burocraticamente così complicato? Per qual motivo la cedolare secca è limitata alle locazioni residenziali, e ai proprietari-persone fisiche? Qualcuno ha forse paura della cedolare secca?

A questi quesiti cercheremo di dare risposta alla luce della recente circolare esplicativa dell'Agenzia delle Entrate, e in attesa di ulteriori chiarimenti ufficiali sui dubbi interpretativi della nuova normativa. Al tempo stesso lanceremo un preciso segnale politico sull'importanza strategica della cedolare secca per l'intero sistema immobiliare italiano, quindi anche per la filera degli immobili non abitativi.
Il convegno formativo è conforme allo Standard europeo UNI EN 15733 "Services of real estate agents - Requirements for the provision of services of real estate agents" ("Servizi degli agenti Immobiliari - Requisiti per la fornitura di servizi degli agenti immobiliari"), Art. 6.2.1.7.
A tutti i partecipanti associati Fiaip Bergamo che avranno prenotato la loro presenza al convegno e si saranno accreditati in aula verrà inviato via mail un attestato di frequenza. Si prega di inviare una mail a info@fiaipbergamo.itcon indicazione di nome, cognome e codice Fiaip. Il convegno è aperto al pubblico: per ragioni organizzative legate alla capienza della sala, si prega di inviare una mail all'indirizzo di posta elettronica indicato.
 
***********************

Per approfondimenti:

Giuliano Olivati

Presidente provinciale Fiaip Bergamo

Email: olivati@fiaip.it

www.fiaipbergamo.it

Cell. +39 335 6069107

________________________________________

ATTENZIONE: Privacy Policy - D.L.gs. 196/2003
Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica sono di carattere privato e confidenziale ed esclusivamente rivolte al destinatario sopra indicato. Nel caso aveste ricevuto questo messaggio di posta elettronica per errore, vi comunichiamo che ai sensi di Legge è vietato l'uso, la diffusione, distribuzione o riproduzione da parte di ogni altra persona. Siete pregati di segnalarlo immediatamente, rispondendo al mittente e distruggere quanto ricevuto (compresi i file allegati) senza farne copia o leggerne il contenuto. Il messaggio ed i suoi allegati sono protetti e scansionati con Sistema Antivirus NOD 32.

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota