sabato 4 dicembre 2010

La Padania 5 dicembre 2010 "La Gomorra campana contro il "pericoloso" asse del Nord"

La Padania 5 dicembre 2010

"La Gomorra campana contro il "pericoloso" asse del Nord"

Per chi suona la Campan(i)a?

Ne la Padania del 25 novembre, Stefania Piazzo lanciava un appello:

…………APPELLO AGLI ONESTI
Se questo non è il momento perché la veterinaria pubblica onesta alzi la testa e gridi il proprio disagio, quale momento occorre attendere? Se non è questo il momento per trovare alleati nella legalità, in questa fase di accelerazione ispettiva che trova piena legittimazione nelle indicazioni del sottosegretario alla Salute, Francesca Martini, che oltre ad avere le deleghe sulla medicina veterinaria e l'alimentazione, ha aperto il nuovo corso di una battaglia di trasparenza e collaborazione con la categoria, facendone  un punto imprescindibile per una vera e propria battaglia di civiltà e legalità con i Nas, quale può essere il treno che passa ancora? È vero, molti attendono e sperano nel Palazzo che la marziana bionda se ne vada presto e tutto torni come prima, per riorganizzarsi come prima, ma ormai un varco si è aperto e l'opinione pubblica non fa marcia indietro. Si è aperta un'altra pagina di storia. Indietro non si torna.

Link di riferimento

http://www.chiliamacisegua.org/2010/11/24/la-padania-25-novembre-veterinaria-campana-servono-i-caschi-blu/

VETERINARIA CAMPANA......SERVONO I CASCHI BLU

Quadro surreale nel Rapporto del ministero della Salute: «Le attività in ambito di sanità veterinaria e sicurezza alimentare non sono assicurate con evidenti rischi per la salute pubblica»

….Dio che disastro…..

clip_image001

Qualcuno ha sentito un onesto alzare la voce e rispondere?

Dire:" Presente!, "Si. È arrivato il momento, è' ora di  divellere le ragnatele dell'impudicizia e della inefficienza?"," Io ci sono, quando cominciamo?"

O siamo sordi oppure la palese evidente malasanità campana è una coperta di ferro, una coltre che non si sfilaccia, ma che riscalda facce  di bronzo inossidabili.

Un manipolo di arroganti  figure istituzionali tiene in scacco la Giustizia e la Legge, con la connivenza di chi ha, al posto delle natiche, lo stampo del cadreghino.

E invece del senso del dovere si bea del senso del potere.

Che una giornalista, Stefania Piazzo, abbia aperto un vaso di Pandora che lascia fluttuare un olezzo insopportabile e che sia lasciata sola con la sua penna  a sbrindellare una vergogna incistata da anni di tolleranza, beh, è quantomeno significativo che questa Italia, questa Campania di cambiare non ne ha nessuna voglia.

Noi di Chiliamacisegua, invece si. Ne abbiamo di voglia. Eccome. E anche di rabbia!

Tutti con Stefania Piazzo.

Giù le mani da Stefania.

……………Le inchieste de la Padania e l'attività del sottosegretario Francesca Martini contro la malasanità in Campania disturbano alcuni vertici del sistema: «Vanno fermate». L'ordine arriva da un tavolo "segreto" dei colletti bianchi per smontare il cosiddetto asse del Nord che mette il naso negli affari della Regione più disastrata, dai rifiuti all'insicurezza alimentare, al territorio non indenne da tbc alla gestione da malaffare del randagismo………

Tutti con l'on Francesca Martini.

Giù le mani da Francesca.

Ed ora tuffatevi, con la maschera da sub per evitare l'asfissia da indignazione, nei liquami della (mala) sanità campana.

Per chi suona la Campan(i)a?

Per i cittadini e per gli animali suona a morto. Per i malfattori continua a suonare... a vivo!

VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA

Chiliamacisegua

www.chiliamacisegua.org

 

 

 

La Padania 5 dicembre 2010

Viaggio nell'Italia bestiale   Sessantaduesima puntata

di Stefania Piazzo

"La Gomorra campana contro il "pericoloso" asse del Nord"

Le inchieste de la Padania e l'attività del sottosegretario Francesca Martini contro la malasanità in Campania disturbano alcuni vertici del sistema: «Vanno fermate». L'ordine arriva da un tavolo "segreto" dei colletti bianchi per smontare il cosiddetto asse del Nord che mette il naso negli affari della Regione più disastrata, dai rifiuti all'insicurezza alimentare, al territorio non indenne da tbc alla gestione da malaffare del randagismo

Che succede in Campania? Niente. La terra dell'impunibilità veterinaria detta legge. Non garantisce un territorio indenne da tbc e brucellosi, ma fa niente.
Non garantisce la tutela della sicurezza alimentare e della salute pubblica. Ma fa niente. È la patria del randagismo. E dei canili holding sotto eterna inchiesta. Ma fa niente.

FRONTE  SILENTE
In compenso, dopo la pubblicazione del rapporto del ministero della Salute (la Padania del 25 novembre 2010) su questa sconcertante realtà, è calato un
silenzio di piombo, nonostante l'appello agli onesti di alzare la voce.
Ha taciuto chi rappresenta e si fa garante della deontologia, dei diritti sindacali e professionali dei veterinari pubblici e di libera professione.
Non una flebile reazione ufficiale. Facciamo passare la buriana.


AMNVI A SAVIANO

Solo Amnvi, l'Associazione medici veterinari, ha lanciato l'appello con l'on. Mancuso (al quale, senza successo, avevamo inviato l'inchiesta pubblicata dal
nostro quotidiano), appello spedito al programma di Fazio e Saviano, in cui si fornisce l'elenco dei casi di minaccia e intimidazione verso i veterinari.
Insomma, ecco la Gomorra veterinaria: si sostanzia nelle minacce ai giusti. E il resto? Zitti.


IDEM FNOVI
Silenzio su quelli che non fanno e compromettono l'immagine della professione e gran denuncia per quelli che, poveretti loro, sono sotto scacco sul territorio e
ai quali va tutta la nostra solidarietà. Due pesi, due misure. Imbarazzante  metro. Lo stesso appello per sostenere la veterinaria attaccata dalla criminalità è stato ripreso  dal sito della Fnovi, la Federazione dell'Ordine  dei veterinari. Bene, sacrosanto. Ma anche in questo caso, silenzio sulla  veterinaria pubblica  catastroficamente catalogata nel rapporto di via Ribotta. Che stranezza. Pubblica acclamazione degli eroi. Pubblico oblio delle mele marce.

VERTICE  SEGRETO
E così, anziché fare il punto contro la deriva della legalità, ci tocca registrare invece, da meri cronisti, la notizia di un vertice ufficioso, "segreto" tra uomini delle istituzioni, pezzi di Stato, contro un presunto asse del Nord, che infastidisce lo status quo dei colletti bianchi dentro il sistema veterinario.
Ma come... Anziché denunciare, ci si coalizza contro chi denuncia? Che brutta storia.
E quale sarebbe l'asse del Nord che infastidisce la Gomorra campana? La buttiamo lì o si può indovinare?
Questa è stata la sola risposta ufficiosa di vertici ufficiali di pezzi di Stato, alterati dalle impertinenti inchieste del nostro quotidiano che, piaccia o non piaccia, sta svelando i meccanismi di un apparato  inefficiente, inadeguato per mille ragioni (non siamo magistrati, registriamo i fatti), che si sono messi a tavolino per smontare, con i loro potenti mezzi, chi pubblica rapporti e chi, dentro al ministero, come il sottosegretario Francesca Martini, e alcuni suoi stretti collaboratori, lavora per dare trasparenza e la dovuta dignità al sistema veterinario, che è il cuore della medicina e della sicurezza sanitaria per tutti i cittadini.


OBIETTIVOI NSABBIARE
Il nostro appello per trovare alleati si è trasformato in piano per fermare e  insabbiare. L'attacco alla Gomorra parte dal Nord? È vero, ma dietro c'è il  Paese sano. Che cerca sponde nella sanità sana, da Nord a Sud. Un'altra  occasione persa, che non fa certo onore all'immagine di una categoria che, sul territorio, nelle aree a rischio, ha sì capitani coraggiosi, ma altrettanti capitanfindus, capibastoncino, di un sistema che si chiama malasanità. On.  Mancuso, onorevoli dottori delle categorie suindicate, perché qualcuno ne renda  conto con i propri iscritti, interrogandosi una volta di meno di cunicoltura e una volta di più di malaffare sul territorio, del deprecabile stato di deficit  di legalità ed efficienza che attanaglia il Sud del Paese, perché non inviate a  Saviano e Fazio anche quanto è stato scritto e fotografato  nel rapporto di via  Ribotta sulla salute pubblica non garantita, e magari su Cicerale, sulle eccellenze delle solite asl?


L'ASL SALERNO 3

La più grande Asl d'Italia ha preso la parola nel corso dello stupefacente recente convegno sul randagismo a Salerno. E che è andato a dire il massimo
dirigente  dell'Asl più grande d'Italia, che è anche quella che sterilizza meno cani in Italia, la disciolta Asl Salerno 3, l'Asl di Cicerale?
Il 27 novembre scorso, e la cronaca è stata abbondantemente riportata  sui network, si è svolto a Salerno un convegno per discutere, attenti bene, "Il fenomeno del randagismo in provincia di Salerno". Un fenomeno, appunto. Ovvio che la più attesa relazione era quella dell'"ammiraglio", dal titolo encomiabile: "L'anagrafe canina e gli interventi di sterilizzazione nell'Asl di Salerno: esperienze a confronto".
A confronto con chi? Sentiamo il fine e sottile intervento dell'"ammiraglio" della corazzata. Poi, per chiudere, prenderemo in esame la parte del rapporto
del ministero inviato al commissario della Regione Campania, Stefano Caldoro, in cui questa Asl è al  centro di una attenta catastrofica disamina, né più né meno come il fronte della veterinaria campana: sta scritto sul rapporto che «le attività in ambito di sanità veterinaria e sicurezza alimentare, non sono assicurate, con evidenti rischi per la salute pubblica». Anche questo, magari, da inviare a Fazio e Saviano. Le associazioni veterinarie  non si disturbino, provvediamo noi a questo.

 

RISORGE L'ETICA
Dice l'ammiraglio: «In questa giornata sicuramente è stato affermato che il fenomeno del randagismo è un problema etico, un problema igienico-sanitario, di sicurezza ed economico. Allora, se tutto questo è un problema, come tutti i problemi ha una soluzione e per risolvere questo problema, i principali artefici, consentitemi, siamo noi veterinari.

RICCA OPPORTUNITÀ
Noi veterinari che il randagismo, in questo momento attuale, secondo me, è un'opportunità: non dobbiamo farcela sfuggire, perché attraverso il nostro
impegno e combattendo e riducendo il randagismo, sicuramente avremo pure il risparmio di risorse finanziarie, risorse finanziarie che noi possiamo benissimo utilizzare per scopi molto più utili, molto più etici (...). Nell'ambito dunque della SA3, il randagismo è un problema. È un problema soprattutto perché, a differenza... innanzitutto il randagismo, io ritengo che è diverso da zona a zona, da città a città, da territorio a territorio. Certamente il randagismo che  abbiamo alla SA3 non è il randagismo che ha la città di Napoli.


COLPA DEI MASSARI

Questo territorio, ed è un territorio prevalentemente di tipo rurale, quindi di conseguenza con una disseminazione di masserie, di aziende coloniche su tutto il territorio, e quindi abbiamo dei cani, soprattutto dei cani da lavoro, e quindi questi cani soprattutto alla guardia del gregge, alla guardia delle mandrie, alla guardia dell'azienda stessa, oppure sono cani da caccia, e quindi sono dei cani robusti, grandi, sicuramente molto più resistenti di un cane da compagnia ma oltre a questo, questi cani disseminati nelle masserie, vi assicuro che ce ne sono tantissimi, però sono dei cani di proprietà, hanno un proprietario, e comunque bene o male gli danno da mangiare, però vivono in libertà o in regime di semi-libertà, quindi sono liberi di allontanarsi, sono liberi di accoppiarsi e quindi di conseguenza... immaginate che una cagna può tranquillamente
partorire due volte all'anno ed abbiamo una decina, quindici cuccioli  disseminati sul territorio, e che succede?

LA CAGNA S'ACCOTA
Succede che quando (...) quando questi cani si allontanano o per mancanza di cibo o per seguire il proprio istinto sessuale, allora possono aggredire pollai,
vitelli, agnelli, capretti,  e allora i massari chiamano, chiamano il comando dei Vigili Urbani e dicono «sentite, una cagna si è "accota" nella mia masseria,
ha partorito, venitevi a piglia' i cani». (...) Secondo dato: noi della SA3 avevamo un canile che è andato alle cronache mondiali, che tutti conoscete,
fortunatamente siamo riusciti a chiuderlo, ma questo perché le autorità, i Sindaci, l'altro punto dolente, nonostante il nostro continuo ogni giorno sollecitare, hanno fatto orecchie da mercanti (...) i Sindaci... scelgono la linea molto molto più semplice, cioè consumare i soldi nostri, arricchire le
tasche di quei pochi avveduti privati che costruiscono i canili (...). Ed io sono perfettamente in disaccordo con la realizzazione di canili indiscriminati (..). io credo che ne basta uno, è più che sufficiente (...).


SEGUIRE VIRTUTE
E a qualche collega che ancora recalcitra sull'argomento, io dico a questi colleghi "abbassiamoci, siate piuttosto umili ed accettate chi ne sa più di voi
e ci porta la conoscenza", infatti da qualche parte si diceva "nati non foste a vivere come bruti, ma per seguire virtute e conoscenze". (...) Abbiamo stabilito
chi in un modo, chi in un altro, di realizzare un canile sanitario ad Albanella. (...) Noi miriamo all'eccellenza, perché  mediocrità ce ne sono tante, l'eccellenza ne sono poche, e quindi noi vogliamo le eccellenze, e quindi andremo là, e quindi secondo punto del progetto: la sterilizzazione. La sterilizzazione che faremo momentaneamente in questi centri, ricovereremo il tempo necessario i cani per guarirli e poi successivamente li riportiamo sul territorio (...). Quindi faremo la gioia dei cani, perché anch'io ho un cane a casa che dorme affianco al lettino di mio figlio, e lo vedo contento (...).

100 STERILIZZATI
Ho in mente di attivare sicuramente, i controlli, dobbiamo attivare tutti i controlli, informare, educare ed agire (...). Quest'anno pur senza mezzi, pur senza strutture, pur senza sostentamento, soltanto con la loro buona volontà, siamo riusciti a microchippare più di mille cani, siamo riusciti a sterilizzare cento cani...(...)

VIVA TORRE ORSAIA
In modo particolare si è appoggiato, quindi vi parlavo di buona volontà, presso il canile Oasi Felix, abbiamo un ambulatorio privato che pure si è prestato, e pure presso il canile della comunità montana di Torre Orsaia dove c'è canile ed ambulatorio. (...).


TUTTI COL CRIUV

Ho proposto, credo che ci riuscirò perché poi sono determinato quando decido di farlo, di avere uno o due ambulatori o camper mobili dove ci recheremo noi dal proprietario a fare dunque la sterilizzazione. (...) un'altra cosa interessante ed eccellente, è quello che   fa il CRIUV, perché il CRIUV mi serve, perché io veterinario voglio che sia un'eccellenza nel campo medico.

TESTA TRAPIANTATA
Perché ripeto, le mediocrità ce ne so' tante, io voglio dire che a quel cane ho sostituito la testa, e che i veterinari sanno sostituire e trapiantare la testa a quel cane, quindi ben venga... E nella gara di accalappiamento metteremo che il recupero delle carcasse, anziché andare direttamente all'inceneritore, passa prima per il CRIUV  e poi va all'inceneritore, perché ci dobbiamo dare quel ruolo di cui oggi si dice. Quindi il randagismo, io ritengo, per concludere, è una grande opportunità,
un'opportunità per noi veterinari,  è un'opportunità anche per degli sfortunati, utilizzando e sfruttandolo come fonte anche per la pet therapy». Stupefacente,vero? È il direttore dell'asl veterinaria. Un intervento di alto profilo.


MINISTERO SU AS3
Vediamo allora il rapporto del ministero sulla veterinaria campana. Vi si legge di «inadempienze riguardanti sia deficit strutturali che cattive condizioni di
mantenimento degli animali», con denuncia all'autorità giudiziaria per l'ipotesi di maltrattamento e uccisione di animali. Sotto sequestro sono finite Cicerale, Marigliano, Vitulano, Luogosano e Altavilla. Veniamo a Cicerale, sotto la vigilanza dell'Asl Sa3 senza dimenticare che il direttore sanitario della struttura " mondiale" era il fratello del direttore della stessa asl.

SENZA AUTORIZZAZIONI
«Le gravissime carenze e la situazione di maltrattamento hanno riportato alla richiesta di svuotamento del canile e di revoca dell'autorizzazione sanitaria».
Che, va detto, è stata più volte chiesta di essere però riattivata dalla stessa asl. Altro che canile chiuso. «Nonché ha spinto il ministero a costituirsi parte civile nel processo nei confronti del titolare del canile», che è lo stesso che gestisce oggi Torre Orsaia, benevolmente citata dal direttore della Sa3 al convegno.
Allora, vediamo che grande opportunità rappresenta oggi il randagismo per l'Asl Sa3. Lo diciamo a Saviano e Fazio, Amnvi, Mancuso e Fnovi? Massì.

VIGILANZA DISATTESA
«Malgrado la revoca dell'autorizzazione sanitaria e il procedimento in corso, l'Asl Sa3, che ha disatteso il suo compito di vigilanza sul canile di Cicerale, ha ad oggi ancora in essere una convenzione col suddetto titolare per il servizio di cattura dei cani vaganti sul territorio.

MEZZI FUORILEGGE
Tale servizio, come documentato in maniera chiara e inconfutabile, viene effettuato con modalità e mezzi non idonei non per il trasporto di animali vivi
ma per lo smaltimento dei sottoprodotti di origine animale». La legge dice che cade l'appalto. Che fa, ammiraglio, revoca?
«Inoltre, nonostante lo svuotamento imposto, diversi comuni non hanno ancora provveduto. Si sottolinea che lo stesso titolare di Cicerale ha ottenuto, sempre dall'Asl Sa3, l'autorizzazione definitiva all'utilizzo di un impianto di incenerimento per lo smaltimento delle carcasse animali, aggiungendo un ulteriore inquietante elemento a questa già complicata situazione».

ANAGRAFE BASTARDA
Anagrafe canina... Non parliamo di cani delle masserie ma di animali sotto il controllo dell'Asl: «Per Cicerale, il mancato allineamento della banca dati, oltre a comportare la presenza di cani di cui non si conosce la provenienza, ha portato all'impossibilità di rintracciare più di 1.700 cani, tutt'ora registrati in anagrafe come soggetti ospitati, dei quali tuttavia non si conosce il destino».

LE FASCETTE AV1
Sterilizzazione. Oltre alle 100 sbandierate sterilizzazioni (ma anche meno,  volendo), «i servizi veterinari delle asl risultano spesso inadeguati. Moltesegnalazioni suffragate a volte da dichiarazioni delle asl stesse, riferiscono  di scarsa attività nonostante la finanziaria del 2007 preveda che il 60% dei fondi siano destinati al controllo delle nascite». Il servizio? Scarso e inadeguato: «Sono giunte segnalazioni corredate da foto che denunciano l'esecuzione di interventi di sterilizzazione di cani in un ambulatorio pubblico  di competenza dell'Asl Av1 effettuati con tecniche chirurgiche discutibili sia sul piano etico che dal punto di vista prettamente medico-veterinario. La stessa Asl Av1, alla quale è stata chiesta una relazione in merito (dopo inchiesta de la Padania del 5 settembre 2010, ndr), ha addirittura confermato l'impiego di fascette di nylon per le sterilizzazioni delle cagne. Tale tecnica, oltre a non essere risolutiva, mette a repentaglio la salute degli animali. In merito sono attualmente in corso indagini».

 

MA QUALE PREMIO!
E allora? Se l'ordinario fa pena, si premi lo straordinario: «È oggetto di attenzione il piano straordinario di sterilizzazione, volto ad aumentare il
numero degli interventi previo incentivo, per aumentare l'attività dei veterinari ufficiali. Si ritiene tuttavia che i livelli di attività ordinaria non siano adeguati e che quindi non debbano essere promossi ulteriori incentivi se non viene raggiunto un livello base accettabile». Insomma, è tutto vero. Il randagismo è una grande opportunità per i veterinari. Ha ragione l'ammiraglio.

E gli altri? Tutti zitti ancora?
Troppo banale un commiato con "chi tace acconsente". Chi tace forse ha solo paura di esporsi. L'asse del Nord allora ha un messaggio da inviare a tutti,
nell'idioma che il tavolo antinord di cui sopra può comprendere: «Dicette 'o pappice 'nfaccia a noce: damme 'o tiempo ca te spertoso».
s.piazzo@lapadania.net
(62-continua)


_______________________________________________
Chiliamacisegua mailing list
Chiliamacisegua@lists.chiliamacisegua.org
http://lists.chiliamacisegua.org/listinfo.cgi/chiliamacisegua-chiliamacisegua.org

errata corrige su incontro editoria locale

L'INCONTRO PREANNUNCIATO SI APRE ALLE ORE 17

Progedit srl
Via De Cesare n. 15 Bari
Tel 0805230627 Fax 0805237648
cellulare 3476493211
www.progedit.com

Martedì 7 dicembre, ore 17, alla Fiera nazionale della piccola e media editoria di Roma (Palazzo dei Congressi dell'Eur), presso lo spazio Associazione editori sardi - L'Isola dei libri, dibattito sul tema "L'editoria locale nel mercato globale: idee e prospettive".
Hanno preannunciato la loro presenza, tra le altre, le associazioni regionali editori di Sardegna (Ivan Botticini), Abruzzo (Nicoletta Di Gregorio), Campania (Maurizio Cuzzolin), Puglia (Angela Schena e Gino Dato), Umbria (Fabrizio Fabbri), Veneto (Danilo Zanetti, Rosy Silvestrini), Latina (Fabrizio Forte), di Modena (Elis Colombini), insieme a esponenti delle istituzioni regionali e delle Associazioni editori. Coordina il direttore dell'Ufficio Studi Associazione editori sardi Mario Argiolas.
La discussione verterà su proposte di coordinamento tra le associazioni regionali per promuovere l'attività delle piccole e medie case editrici, rapporto con le Istituzioni locali, leggi di sostegno, eventi a carattere interregionale. L'intento è quello di acquisire, attraverso il coordinamento, una maggiore forza e una maggiore visibilità per affrontare problemi comuni del mercato, della concorrenza di grandi superfici e libri in abbinamento ai giornali, della distribuzione, delle nuove tecnologie; infine, realizzare una legge del libro.



--
Questo messaggio vi è stato inviato perché, in un modo diretto o indiretto, siete entrati in contatto con la nostra attività di informazione. Ai sensi dell'art. 13 del nuovo codice sulla privacy (D.Lgs 196 del 30 giugno 2003) ci teniamo a chiarire che gli indirizzi e-mail sono stati prelevati da conoscenze personali, da contatti avuti sulla rete, da elenchi e servizi di pubblico dominio pubblicati su internet o da un messaggio che ha reso pubblico il Vostro indirizzo di posta elettronica. Spesso riceverete una e-mail come questa per essere informati sull'attività della casa editrice Progedit.
Se non siete interessati a ricevere le nostre informazioni, ci scusiamo per il disturbo e Vi facciamo presente che è possibile cancellare il nominativo dalla nostra mailing list, semplicemente cliccando questo link
powered by phplist v 2.10.12, © tincan ltd

Notte mediterranea - Nazzareno Antinori: un grande concerto di musica napoletana e Flamenco dal 9 al 13 dicembre

 

Volantino Manifesto 01"NOTTE MEDITERRANEA" AL TEATRO GRECO

9, 10, 11 e 13 dicembre 2010

Ore 21

 

UN PONTE DI MUSICA E DANZA FRA NAPOLI E SPAGNA: IL REPERTORIO CLASSICO NAPOLETANO CANTATO DAL TENORE  NAZZARENO ANTINORI E IL FLAMENCO DANZATO E RITRATTO SUL PALCO DALLA PITTRICE MARIA LUISA D'EBOLI

Napoli raccontata in musica e canto e la Spagna con un intenso Flamenco danzato e dipinto in un quadro prodotto in diretta sul palcoscenico del Teatro Greco, dove il 9, 10, 11 e 13 dicembre sarà rappresentata "Notte mediterranea".

La gioia, il dolore, la sensualità e il vortice della musica e dei corpi dei danzatori vivono e vengono interpretati e trasferiti su tela in diretta da un'autentica pittrice che  se stessa. La prima parte dello spettacolo, intitolata "Cuadro Flamenco", è affidata alla compagnia "Arte Danza Espanola": nella finzione scenica, la pittrice romana Maria Luisa D'Eboli entra in una taverna dove viene affascinata dalla figura sinuosa di una ballerina di Flamenco, e ne cattura l'energia, il ritmo, i colori con pennellate fluide e vigorose confezionando, sul palcoscenico del Teatro, un quadro forte e sensuale.

Lo spettacolo "Notte mediterranea" crea un ponte ideale fra le due sponde del Mediterraneo occidentale: la seconda parte racconta Napoli, con il repertorio classico delle canzoni napoletane e la grande voce del tenore Nazzareno Antinori con il soprano Nunzia Santodirocco e un corpo di ballo di 13 giovanissimi danzatori, accompagnati dalla musica dal vivo del Quartetto Parthenope.

 

 

 

Biglietti: €30,00 (intero) -  €20,00 (ridotto Cral) - €15,00 (giovani fino a 26 anni)

Info e prenotazioni:

 

Teatro Greco
Via R. Leoncavallo 10 - 00199 Roma
Tel - Fax 06 8607513

e- mail: promozione@teatrogreco.it

sito: www.teatrogreco.it

 

Ufficio Stampa: Guido Scialpi – Mob. 3479823727 – guidoscialpi@tiscali.it

Veronica Rocco – T. 06 8608047 – Mob. 328 8961461 – info@teatrogreco.it

 

 



 



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 5673 (20101204) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it

Incontro su l'editoria locale nel mercato globale alla Fiera di Roma

Progedit srl
Via De Cesare n. 15 Bari
Tel 0805230627 Fax 0805237648
cellulare 3476493211
www.progedit.com

Martedì 7 dicembre, alla Fiera nazionale della piccola e media editoria di Roma (Palazzo dei Congressi dell'Eur), presso lo spazio Associazione editori sardi - L'Isola dei libri, dibattito sul tema "L'editoria locale nel mercato globale: idee e prospettive".

Hanno preannunciato la loro presenza, tra le altre, le associazioni regionali editori di Sardegna (Ivan Botticini), Abruzzo (Nicoletta Di Gregorio), Campania (Maurizio Cuzzolin), Puglia (Angela Schena e Gino Dato), Umbria (Fabrizio Fabbri), Veneto (Danilo Zanetti, Rosy Silvestrini), Latina (Fabrizio Forte), di Modena (Elis Colombini), insieme a esponenti delle istituzioni regionali e delle Associazioni editori. Coordina il direttore dell'Ufficio Studi Associazione editori sardi Mario Argiolas.

La discussione verterà su proposte di coordinamento tra le associazioni regionali per promuovere l'attività delle piccole e medie case editrici, rapporto con le Istituzioni locali, leggi di sostegno, eventi a carattere interregionale.

L'intento è quello di acquisire, attraverso il coordinamento, una maggiore forza e una maggiore visibilità per affrontare problemi comuni del mercato, della concorrenza di grandi superfici e libri in abbinamento ai giornali, della distribuzione, delle nuove tecnologie; infine, realizzare una legge del libro.


 

 



--
Questo messaggio vi è stato inviato perché, in un modo diretto o indiretto, siete entrati in contatto con la nostra attività di informazione. Ai sensi dell'art. 13 del nuovo codice sulla privacy (D.Lgs 196 del 30 giugno 2003) ci teniamo a chiarire che gli indirizzi e-mail sono stati prelevati da conoscenze personali, da contatti avuti sulla rete, da elenchi e servizi di pubblico dominio pubblicati su internet o da un messaggio che ha reso pubblico il Vostro indirizzo di posta elettronica. Spesso riceverete una e-mail come questa per essere informati sull'attività della casa editrice Progedit.
Se non siete interessati a ricevere le nostre informazioni, ci scusiamo per il disturbo e Vi facciamo presente che è possibile cancellare il nominativo dalla nostra mailing list, semplicemente cliccando questo link
powered by phplist v 2.10.12, © tincan ltd

* Cedolare secca affitti - Milano impatto zero - Colombo Clerici : coerenza e responsabilita' da parte del Governo.

COMST



A s s o e d i l i z i a



La cedolare secca per gli affitti, che il Governo si appresta a varare, avra' impatto zero nella citta' di Milano.


Questa misura, infatti, nella forma che sta assumendo in questi ultimi giorni, si dovrebbe applicare solo ai contratti di locazione abitativa agevolati stipulati dalle persone fisiche: esclusi quindi i contratti abitativi liberi, quelli ad uso diverso ( negozi, uffici, studi professionali, botteghe artigiane, magazzini ), quelli stipulati dalle persone giuridiche.

La griglia combinatoria di questi limiti porta dunque a concludere che per la cedolare secca si avra' a Milano, almeno fino al 2014 e se non interverranno modifiche nel frattempo, un impatto zero.

Piena invece sara' la portata sanzionatoria contemplata dalla normativa.

Dichiarazione del presidente di Assoedilizia e vice presidente di Confedilizia Achille Colombo Clerici:

« La cedolare secca gia' non era prevista per la gran parte delle locazioni in essere nella nostra citta'.

Ora, rinviare al 2014, salve proroghe e modifiche, l'applicazione della normativa per i contratti liberi equivale a vanificarne totalmente l'effetto.

Ancora una volta i conti economici dell'intero Paese con la proverbiale "media di Trilussa" penalizzano fortemente la nostra citta'.

Il provvedimento della cedolare secca, se poteva avere un qualche significato, era nel senso originario secondo lo schema di legge dell'agosto scorso.

Il Governo abbia dunque il coraggio e la responsabilita' di portarlo a termine con coerenza. »


Sent from my BlackBerry® wireless device

venerdì 3 dicembre 2010

premio di poesia inedita "Satura - Città di Genova"

SATURA arte letteratura spettacolo

1^ Edizione  Premio di Poesia  Inedita "Satura - Città di Genova"

Palazzo Stella / Genova - Premiazione sabato 11 dicembre 2010 ore 17:00

 

 

 

 

 

 

 

 

GIURIA: Giorgio Barbéri Squarotti, Milena Buzzoni, Giuseppe Conte, Rosa Elisa Giangoia, Mario Napoli, Mario Pepe, Giuliana Rovetta, Stefano Verdino, Guido Zavanone.

 

 

POETI PREMIATI:

 

 

  • PRIMO PREMIO alla poesia di                 Antonio De Marchi Gherini     

 

  • SECONDO PREMIO alla poesia  di          Loriana Capecchi

 

  • TERZO PREMIO alla poesia di                 Gian Luigi Sacco

 

  • QUARTO PREMIO  alla poesia di             Maria Luisa Gravina 

 

  • QUINTO PREMIO alla poesia di               Daniela Raimondi

 

  • SESTO PREMIO alla poesia di                 Luciana Amisano

 

  • SETTIMO PREMIO alla poesia di             Cheikh Tidiane Gaye

 

  • OTTAVO PREMIO alla poesia di              Maria Maddalena De Franchi

 

  • NONO PREMIO alla poesia di                  Mariangela De Togni

 

  • DECIMO PREMIO alla poesia di               Fabio Delucchi

 

 

POETI SEGNALATI:

 

Pia Bandini, Anna Bani, Fabio Barbon, Gianluigi Bavoso, Paolo Borsoni, Franco Castellani, Francesco Colloca, Giada Colombi, Maria Romana Dellepiane, Maricla Di Dio Morgano, Paola Farah Giorgi, Franco Fiorini, Emilia Fragomeni, Lucetta Frisa, Giulio Fumagalli D'osnago, Roberto Gennaro, Edoardo Genzone, Margherita Janin, Sergio La China, Francesco Macciò, Eliana Maffei, Alberto Mainardi, Rossella Maiore Tamponi, Luigi Paraboschi, Renzo Piccoli, Clelia Pierangela Pieri, Marco Polidori, Jacopo Ricciardi, Marilina Severino, Orietta Tosi.

Fiere di Parma - Forum Internazionale Creatività tessile: al via i concorsi

5° Forum Internazionale della Creatività Tessile

Aperte le iscrizioni ai concorsi di Italia Invita 2011

Dal 13 al 15 maggio 2011 alle Fiere di Parma

 

(Parma, dicembre 2010) - Work in progress per Italia Invita 2011 che procede nei preparativi del 5° Forum Internazionale della Creatività Tessile. Ricamo, merletto, patchwork, quilting, feltro, punto croce, uncinetto, tessitura, maglia: ben nove le sezioni che saranno protagoniste  nell’ambito dell’atteso appuntamento biennale del settore. Le innumerevoli tecniche di lavorazione presenti per ciascuna realtà saranno un’occasione di scambio culturale, dove le esperienze e l’abilità manuale trovano la massima espressione e applicazione, incrociando il passato e il presente. Veri e propri prodotti d’arte che vanno ben al di là dell’immaginario collettivo fatto non  solo, per quanto preziose,  di coperte o tende che ricordano le nostre nonne.

Per sottolineare ancor più la perizia tecnica e la fantasia che vengono espresse da milioni di appassionate, di ogni età, di ogni territorio, che conservano, raccolgono e trasferiscono le preziose pratiche di lavorazione, sia passate sia attuali, Italia Invita 2011 ha programmato anche due concorsi a premi: Herbarium e Bandiere.

 

La partecipazione ai concorsi è gratuita e le schede di adesione insieme ai lavori dovranno pervenire all’organizzazione entro i termini previsti dai regolamenti scaricabili dal sito internet www.italiainvita.it: tutte le opere ammesse ai concorsi saranno esposte al Forum Internazionale Italia Invita 2011. Il 15 maggio 2011, ultimo giorno della manifestazione, una giuria selezionata attribuirà i premi ai primi due classificati per ciascuna categoria dei concorsi.

 

La prima competizione, HERBARIUM, Concorso Internazionale di Patchwork&Quilting,  è rivolta a quiltiste singole o gruppi, chiamate ad interpretare un erbario contemporaneo con lavori realizzati nel 2010/2011 e assolutamente inediti, realizzati con le tecniche del Quilt tradizionale, Quilt contemporaneo o Art Quilt.

BANDIERE, Concorso Nazionale di Ricamo, Merletto e Intreccio, invece, è stato ideato per celebrare il 150° anniversario della fondazione dello Stato Italiano e della sua Bandiera, si rivolge a tutti i residenti in Italia. L’invito è quello di dichiarare la propria appartenenza ad un colore, ad un simbolo, ad una cultura attraverso la creatività tessile con qualsiasi tecnica o combinazione di tecniche.

 

I partecipanti ai concorsi troveranno sul sito www.italiainvita.it tutte le modalità di partecipazione, la scheda di adesione, le tecniche e gli specifici requisiti che dovrà avere ciascuna opera.

 

Italia Invita 2011 sarà un’alternanza di eventi, mostre, corsi, novità commerciali e, soprattutto l’opportunità di incontro tra la tradizione e storicità del  merletto e del ricamo italiano con “nuove tecniche” fra cui il patchwork e quilting, una realtà giovane in Italia ma in forte espansione che raccoglie sempre più appassionate. Ed è proprio a quest’ultima tecnica che saranno dedicati workshop e una sezione particolare: il colorato mondo di stoffe sarà animato dalla presenza di artiste di fama internazionale che con le loro opere descriveranno il tema della manifestazione 2011, Herbarium.

Ricamo, Merletto e Tessitura costituiranno, invece, l’esposizione storica di Italia Invita, quella che rappresenta la cultura tessile italiana e che la caratterizza nel mondo. Ciascuno stand di quest’area sarà attrezzato per ospitare atelier di 2 ore, ai quali i visitatori potranno accedere gratuitamente per testare nuove tecniche con insegnanti esperte, mentre workshop di ricamo e merletto di 12 ore sono stati già programmati per l’approfondimento di tecniche tipiche italiane legate a tradizione. Un’ampia area di Italia Invita è stata dedicata da Fiere di Parma alle mostre: Arte Tessile con laboratori e performance ai quali il pubblico sarà invitato a partecipare; Collettiva degli espositori sul tema Herbarium; Merletti Antichi e Contemporanei dalla Collezione Rita Bargna; Artisti internazionali di  Patchwork&Quilting e di Punto Croce.

Le innumerevoli proposte di acquisto presenti nell’Area Commercianti con articoli relativi a tutte le sezioni completeranno la tre giorni riservata alla creatività tessile.

 

Per ulteriori informazioni:

Fiere di Parma SpA

Ufficio Stampa Italia Invita

Anna Feola

333 2135978 - e-mail: anna_feola@libero.itwww.italiainvita.it

http://www.facebook.com/pages/Italia-Invita-Forum-Internazionale-della-Creativita-tessile/109610252441407

 

 

 

10/12/10 Fulvio Binetti Trio presenta: "Tenco, Gaber... e poi" al Noy Concept Restaurant Café di Milano (ore 21, ingresso libero)

10/12/10 Fulvio Binetti Trio presenta: "Tenco, Gaber... e poi" al Noy Concept Restaurant Café di Milano (ore 21, ingresso libero)

Alla lunga serie di eventi realizzati con successo al Noy Concept Restaurant & Café di Milano (laboratori di Cabaret con artisti di Zelig & Colorado, concerti acustici, dj set, degustazioni), si aggiunge l'evento del 10 dicembre, un appuntamento imperdibile per gli amanti del jazz e della musica d'autore. 

Venerdì 10/12/10 sul palco del locale suona il Fulvio Binetti Trio (ore 21, ingresso libero). Il gruppo interpreta in chiave acustica e con spunti jazz brani del repertorio della canzone d'autore italiana. Si tratta un viaggio tra melodia e improvvisazione in cui sono protagonisti capolavori senza tempo scritte da Luigi Tenco, Giorgio Gaber, Sergio Endrigo e altri ancora. Con Fulvio Binetti alla voce, tromba e chitarra, suonano Roberto Binetti al pianoforte e Tito Mangialajo al contrabbasso. 

Fulvio Binetti, protagonista di lungo corso della scena musicale milanese dagli anni '90, poi impegnato come autore, interprete di canzoni e produttore di colonne sonore per cinema e televisione a capo dell'etichetta Bintmusic e come editore del portale Bintmusic.it. E' proprio la passione e l'attenzione alle sfumature di tutti i generi musicali che spingono Fulvio a pensare ad una formazione acustica capace di raccontare, sulla falsariga di un comune gusto per la buona musica, storie e canzoni vicine a un vissuto musicale condiviso da tutti.



Fulvio Binetti: voce, tromba, chitarra
Roberto Binetti: pianoforte
Tito Mangialajo: contrabbasso

OSA SUCCEDE OGNI SETTIMANA AL NOY

Martedì: Noy Lab | Arte & Sperimentazione. Cabaret… e dintorni
Mercoledì: Noy Per Lei | Il Mercoledì Noy si tinge di rosa... Girl, you are welcome! (presente una truccatrice professionista al servizio di ragazze e signore, al posto del calcio in tv…)
Giovedì: Noy Live! | Musica unplugged, band a rotazione
Venerdì: Noy Elegance | Stile, sapori, sensazioni (menù degustazione)
Sabato: Noy Event | Visual Arts/ DJ Sets/ Presentazioni di opere letterarie ed iniziative culturali
Domenica (dalle 12:00 alle 15:00): brunch. Ogni prima Domenica del mese animazione dedicata ai bambini.

Noy Concept Restaurant Cafè

Via Soresina 4, 20144 Milano (MM1 Conciliazione)
Tel. 02 48110375 - Fax. 02 48100806
www.noymilano.com info@noymilano.com
Foto in hi res del locale:
files.me.com/lorenzo.tiezzi/8yjuc0
Aperto ogni giorno tranne il lunedì dalle 8 e 30 alle 01.00
La cucina è aperta dalle 12.00 alle 15.00 e dalle 18.30 alle 23.00
Cena: 35/40 euro a persona, vini esclusi (menù degustazione 27-35 euro, vino compreso)
//////// photo hi res: www. lorenzotiezzi.it

Mail sent by Lorenzo Tiezzi (pr, journalist, etc)
mob. +39 339 3433962




Bracciano (Rm): Giovedì 9 dicembre, "Buon compleanno Anton! ", la Biblioteca ospita il Teatro.

COMUNICATO STAMPA
 

Bracciano (Rm):  Giovedì 9 dicembre, "Buon compleanno Anton! ", la Biblioteca ospita il Teatro.
Per i 150 anni dalla nascita di A. Cechov,
reading  teatrale di tre atti unici con musiche,  a cura di Gianni D'Ianni e Laura Laurini, per il ciclo Aperitivo con l'autore programmato dalla Biblioteca Comunale.

Alla Biblioteca Comunale di Bracciano, giovedì 9 dicembre alle 17:00 (ingresso libero), si celebrerà Anton Cechov, uno dei massimi autori teatrali di tutti i tempi. In occasione dei 150 anni dalla sua nascita, Gianni D'Ianni e Laura Laurini dell'ass.ne TEARTE, hanno voluto rendere un tributo ad Anton Cechov e alla sua scrittura, ironica e arguta, ricca di personaggi e situazioni che rivelano l'acuto spirito d'osservazione di un artista unico e fra i maggiori esponenti del teatro e della letteratura mondiale. 
"Fa parte di un nostro progetto, che abbiamo denominato appunto Biblioteatro, quello di portare il teatro nelle biblioteche." Riferisce Gianni D'Ianni, attore e presidente dell'ass. Tearte, "Perché è possibile gustare e apprezzare i grandi commediografi e drammaturghi anche soltanto leggendoli. La letteratura  teatrale non vive un buon momento, noi vogliamo dimostrare che il teatro, anche solo letto, può appassionare proprio come con un buon libro". "Abbiamo selezionato tre atti unici gustosissimi," aggiunge Laura Laurini, anche lei attrice e anima artistica dell'ass.Tearte,  "brani diversi fra loro, ma con un unico filo conduttore: il rapporto uomo-donna, a volte complice, altre controverso, che può riservare anche risvolti inaspettati."
Ad arricchire il quadro alcune musiche popolari russe, e non solo, eseguite dal pianista Omar Darder.
Un rendez-vous d'eccezione, dunque, questo Aperitivo con l'autore offerto dalla Biblioteca Comunale che, ricordiamo, dispone di una sezione specializzata in Storia del Teatro. 
L'associazione Tearte, con sede a Ladispoli, non è nuova a questo genere di iniziative, in cui la musica e la letteratura (tutta, dalla poesia alla prosa al teatro) si unisce alle suggestioni musicali, contaminando i generi e attingendo alle più diverse tradizioni. Il pubblico sembra aver molto apprezzato e, dunque, non rimane che verificare se anche questa volta hanno colto nel segno.
Appuntamento, dunque, alle ore 17:00, presso la Biblioteca Comunale di Bracciano, Piazza dei Pasqualetti per dire tutti insieme Buon compleanno Anton!

SCHEDA RIASSUNTIVA EVENTO:

TEARTE Ass.Cult
con
Ass.to alle Politiche Culturali del Comune di Bracciano
Sistema Bibliotecario Ceretano Sabatino
presenta
"Buon compleanno Anton!"
tre atti unici di A.Cechov
reading teatrale curato e interpretato da
Gianni D'Ianni e Laura Laurini
pianista 
Omar Darder

Bracciano, 9 dicembre 2010 
ore 17:00
Biblioteca Comunale
 p.zza dei Pasqualetti
Ingresso libero


Allegato : locandina
Per info e approfondimenti : Gianni D'Ianni cell. 328/3818151 - asscult.tearte@libero.it
  - Biblioteca: 06/99816267


Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota