sabato 21 agosto 2010

Immigrazione e rom. Il genocidio culturale del ministro Maroni?

Qui il comunicato online:
http://blog.donatellaporetti.it/?p=1684#more-1684
-------------------------


Immigrazione e rom. Il genocidio culturale del ministro Maroni?

Intervento della sen. Donatella Poretti, parlamentare Radicali

In corso i pesanti interventi del Governo francese che "espelle" (1) dal suo territorio cittadini comunitari che non sono in regola con le norme nazionali sull'immigrazione, il nostro ministro dell'Interno, Roberto Maroni, in un'intervista al quotidiano "Corriere della Sera" ha detto che da noi si fara' altrettanto visto che che i suoi colleghi d'oltralpe stanno solo "copiando dall'Italia" (2).
Se si tratta di applicare la legge, ben venga un governante che dichiara di volerlo fare... sarebbe anomalo il contrario, ma tant'e', uno degli sport di chi governa, soprattutto nel periodo estivo, e' voler apparire piu' realista del re, cioe', nel nostro caso, voler far paura perche' si pretende e si dice di voler applicare la legge. Quindi il ministro Maroni ammette che c'e' e c'e' stato lassismo, irregolarita', incapacita', mancanza di strumenti... perche' questo non ce lo precisa? Perche' bisogna aspettare l'eco di favore e di indignazione per cio' che e' in corso in Francia per evidenziare che anche in Italia si fara' altrettanto e non solo, cioe' dire che al piu' presto in sede Ue verra' riproposta l'abolizione del divieto di espulsione per un cittadino comunitario.
Qualcuno, come il musicista e professore universitario Alexian Santino Spinelli, ha parlato di genocidio culturale (2) e non mi sento di dargli torto. Perche' e' quello che e' in atto contro i popoli rom e sinti, sulla cui accettazione poco si fa mentre si alimenta la loro assimilazione a vagabondaggio e piccola delinquenza: fenomeni che certamente esistono ma essenzialmente come reazione alla mancanza di politiche di ospitalita' e convivenza. E' in questo senso l'annuncio di Maroni di proporre la modifica delle norme europee sulla libera circolazione dei cittadini Ue, volendo creare cittadini comunitari di serie B che -ma guarda un po'- sono proprio quelli che hanno le stimmate di "zingari". E' in questo senso anche la spettacolarita' -per ora francese- con cui si inventano i "rimpatri volontari" a suon di euro, da parte di chi dovrebbe solo fare il proprio dovere applicando la legge. Se questo non e' genocidio culturale, non saprei come altro chiamarlo.


(1) I cittadini comunitari non possono essere espulsi, ma solo invitati ad andarsene, per cui, costretto di fatto dalle autorita', ogni adulto che ha accettato il "rimpatrio volontario" parte con 300 euro in tasca ed ogni minorenne con 100.
(2) http://immigrazione.aduc.it/notizia/espulsioni+clandestini+comunitari+maroni+saremo+piu_119694.php


Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicali -Partito Democratico
Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83, tel.0667063265, fax 0667064771
Firenze, via Cavour 68, Tel. 0552302266 Fax 0552302452
Cellulare: 336252221
mailto: poretti_d@posta.senato.it
Sito Internet: www.donatellaporetti.it

invio comunicato 21 agosto 2010

COMUNICATO STAMPA

Già 800 iscritti per la Newsletter del Comune

        Si informa che gli iscritti alla newsletter del Comune di Bagno a Ripoli hanno raggiunto quota 800 e si invitano altri cittadini ad iscriversi per ricevere all'indirizzo e-mail fornito al momento dell'iscrizione tutte le novità, le informazioni, gli eventi promossi e patrocinati dall'Amministrazione Comunale.
        Iscriversi è facile e veloce: è sufficiente andare a questa pagina web e seguire le poche e semplici istruzioni.
        I dati personali forniti, necessari per usufruire gratuitamente del servizio, saranno utilizzati esclusivamente per l'invio della newsletter e non saranno in nessun caso trasmessi a terzi.
        Informazioni: Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune, tel. 055/6390.222, mail.
Informazioni anche: Call Center Linea Comune, tel. 055.055, da lunedì a sabato, ore 8-20.

L'ADDETTO STAMPA
Enrico Zoi

Bagno a Ripoli, 21 agosto 2010
L'ente locale deve un'informazione chiara e corretta al Cittadino (Art. n. 10 Decreto Legislativo 18.8.2000, n. 267, 'Testo Unico delle Leggi sull'Ordinamento degli Enti Locali').

www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it
E-mail: urp@comune.bagno-a-ripoli.fi.it
In caso di errata trasmissione
chiamare Ufficio Stampa (tel. 055/6390.218)



Enrico Zoi

Addetto Stampa

Comune Bagno a Ripoli
Piazza della Vittoria n. 1
50012 Bagno a Ripoli (FI)
tel 055 6390.218 fax 055 6390.210 cell. 335.7632.243
e-mail enrico.zoi@comune.bagno-a-ripoli.fi.it



 _____  


Il presente messaggio, allegati inclusi, è personale, ed è rivolto unicamente alla persona a cui è indirizzato. Chiunque ricevesse questo messaggio per errore o comunque lo leggesse senza esserne legittimato è avvertito che trattenerlo, copiarlo, divulgarlo, distribuirlo a persone diverse dal destinatario è severamente proibito ed è pregato di rinviarlo immediatamente al mittente distruggendone l'originale. Grazie.








venerdì 20 agosto 2010

Presentazione del CD "IL TANGO DA NAPOLI A BUENOS AIRES" del "GIULIANA SOSCIA & PINO JODICE QUARTET" a NORCIA JAZZ FESTIVAL - CHIOSTRO DELLA CASTELLINA - NORCIA - PG



Martedì 24 Agosto 2010 ore 21.00
CHIOSTRO DELLA CASTELLINA
NORCIA - PERUGIA

GIULIANA SOSCIA & PINO JODICE QUARTET

Concerto
"IL TANGO DA NAPOLI A BUENOS AIRES"
Nella stupenda cornice del chiostro della Castellina di Norcia il Giuliana Soscia & Pino Jodice Quartet,
attraverso un viaggio sonoro a ritmo di Tango,
proporrà una rilettura in chiave jazzistica di alcune note composizioni dei due grandi Maestri Roberto De Simone e Astor Piazzolla;
completeranno il concerto brani inediti di Giuliana Soscia e Pino Jodice, anche questi tratti dal nuovo Album
"Il Tango Da Napoli a Buenos Aires" (AlfaMusic - distr. Egea)
Giuliana Soscia & Pino Jodice Quartet:
accanto alla fisarmonicista, pianista e compositrice Giuliana Soscia, una delle poche fisarmoniciste jazz donne al mondo che la critica segnala: "senza ombra di dubbio possiamo considerare tra i/le più prestigiosi/e fisarmonicisti/e Jazz d'Italia ", Pino Jodice, pianista, compositore, arrangiatore e direttore d'orchestra jazz, jazzista tra i più affermati in ambito internazionale, unico italiano che vanta ben nove premi internazionali di composizione e arrangiamento per orchestra in ambito jazzistico, fondatore e Direttore della "Power Jazz Unusual Orchestra"; collabora anche come pianista, compositore e arrangiatore nell'Orchestra Jazz dell'Auditorium Parco della Musica di Roma la PMJO e come arrangiatore con la Scottish National Jazz Orchestra.
Completano il quartetto Aldo Vigorito al contrabbasso e Giuseppe La Pusata alla batteria.
Il CD "Il Tango da Napoli a Buenos Aires" nasce da un progetto realizzato nel 2008 in occasione del concerto del Giuliana Soscia & Pino Jodice Quartet presso il Teatro dell'Opera di Ankara; ne segue questo particolare lavoro discografico pubblicato lo scorso 14 giugno 2010 per l'Alfamusic (Egea didtribution),
Il Maestro Roberto De Simone si è così espresso in merito: "Non posso esimermi dall'esprimere il mio più sincero placet".
Alfredo Saitto: "…Possiamo pensare alle tradizioni come a degli abiti che ci servono per esprimere la nostra propria identità. Astor Piazzolla e Roberto De Simone, con la loro amorevole creatività, danno una cornice ed un senso alla vita di coesione di culture per certi versi assai simili. I due grandi musicisti hanno capito che le tradizioni possono perdere il loro senso se diventano un'abitudine. Giuliana Soscia e Pino Jodice hanno, invece, capito che è importante rimetterle in questione e di riflettere sulla loro storia. La musica argentina e quella napoletana nascono spesso da tradizioni individuali, ma nel loro viaggio nei cuori di milioni di persone si tramutano in piccole magie comunicazionali spesso simili tra loro…".



Programma concerto
Antiche Pietre (G.Soscia)
Migration (G.Soscia – G.Iodice)
La Camorra III ( A.Piazzolla )
Freedom Tango ( G.Iodice )
Serenata a Pullecenella (I.Bovio- E. Cannio)
SUITE NAPOLI ANTICA
I. Si te credisse (G.B.Basile - R.De Simone)
II. Villanella di Cenerentola – tratto dalla "Gatta Cenerentola" (R.De Simone)
III. Tarantella di Cenerentola – tratto dalla "Gatta Cenerentola" (R.De Simone)
Passaggio dei Delfini ( G.Soscia – G.Iodice )
Tres Minutos con La Realidad ( A.Piazzolla)

Enel Energia: truffatori?

Qui il comunicato online
http://www.aduc.it/comunicato/enel+energia+truffatori_18036.php
---------------------

Enel Energia: truffatori?

Firenze, 20 agosto 2010. L'estate non è finita, ma i venditori porta a porta di Enel Energia sono super impegnati… ad estorcere firme con l'inganno o a falsificare le stesse. L'obiettivo è acquisire nuovi clienti per il gestore del Gruppo Enel (controllato dal Governo e quindi indirettamente di tutti gli italiani) che opera nel cosiddetto libero mercato, al contrario di Enel Servizio Elettrico che invece è il gestore nel mercato a maggior tutela.
Le segnalazioni telefoniche o tramite mail che ci giungono, con richieste di consigli, sono costanti. A volte solo dopo mesi (al ricevimento della prima fattura) l'utente si accorge di avere un nuovo gestore.
La tecnica è quella di introdursi in casa, sfruttando il marchio Enel (identico sia per Enel Energia, sia per Enel Servizio Elettrico), raccontando che devono controllare le vecchie bollette e facendo firmare con varie scuse (dopo aver ricopiato i dati dalle vecchie fatture) dei fogli: un vero e proprio contratto.
L'apparente paradosso è che molti clienti portati con la malafede in Enel Energia erano utenti Enel servizio elettrico. C'è una guerra interna nel Gruppo Enel? Una lotta tra correnti partitiche?
Non siamo in politica, e non è difficile immaginare che al Gruppo Enel convenga di più avere il signor Rossi come cliente del libero mercato e non come un cliente 'a maggior tutela'.
Ricordiamo che Enel Energia, per condotta commerciale scorretta è stata già condannata dall'Antitrust, come pure altri gestori di luce e gas.

Consigli.
Agli utenti vessati, consigliamo di denunciare l'accaduto all'Antitrust e, nei casi più gravi, di procedere con un esposto in Procura della Repubblica (raccontando semplicemente i fatti e chiedendo se in quanto narrato ci siano gli estremi di un reato).
Inoltre occorerà farsi valere con la società, chiedendo il ripristino della situazione preesistente senza oneri, richiedendo un risarcimento danni, tramite una raccomandata ar di messa in mora.
Ricordiamo che, in ogni caso, per i contratti a domicilio esiste il diritto di ripensamento entro 10 giorni.


COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email aduc@aduc.it
Tel. 055290606
Ufficio stampa: Tel. 055291408

Mutui immobiliari. Aiuti dello Stato per chi non ce la fa. Nuova scheda pratica dell'Aduc

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/comunicato/mutui+immobiliari+aiuti+dello+stato+chi+non+ce+fa_18035.php
--------------------------

Mutui immobiliari. Aiuti dello Stato per chi non ce la fa. Nuova scheda pratica dell'Aduc

Firenze, 20 Agosto 2010. Il prossimo 2 settembre entrera' in vigore il decreto del ministero dell'Economia (1) che ha finalmente dato attuazione alla norma che consente di ottenere la sospensione delle rate dei mutui prima casa per le quali si possa dimostrare che non si e' in grado di far fronte.
Un decreto attesissimo, arrivato con un ritardo di piu' di due anni. La norma che ne aveva annunciato l'emissione e che aveva introdotto l'agevolazione costituendo un "fondo di solidarieta'", infatti, e' la Finanziaria del 2008 (2).
Per capire come funziona il nostro Parlamento e come il Governo rispetta le proprie leggi, e' utile ricordare alcune nostre iniziative in merito.
A luglio del 2008, grazie alla sen. Donatella Poretti, avevamo fatto presentare un emendamento al decreto fiscale dell'epoca (dl 93/08) perche' il ministero provvedesse all'emanazione del decreto entro 30 giorni dall'entrata in vigore della legge di conversione (126/2008) (3). L'emendamento non fu accolto. A ottobre sempre di quell'anno abbiamo risollecitato il ministro Giulio Tremonti e siamo stati ignorati (4). L'anno dopo, nel 2009, nella conversione in legge del successivo decreto fiscale (quello di fine anno, Dl 185/08) apparve un comma (art.2 comma 5 sexies) che annunciava l'arrivo del decreto entro il 29 Marzo 2009... data che non fu rispettata.
Siamo arrivati ad oggi dopo che, nel frattempo, l'Abi ha siglato un accordo con alcuni istituti perche', a partire dal 1 febbraio 2010, si prestassero volontariamente alla sospensione delle rate dei mutui in presenza di difficolta' documentate del mutuatario (5). Accordo tutt'ora in vigore a cui si aggiunge il nuovo decreto che, invece, obbliga le banche ad uniformarvisi.
Per aiutare i risparmiatori, abbiamo approntato una scheda pratica: "Mutui per la casa di abitazione: chi puo' ottenere la sospensione delle rate e come". A cura di Rita Sabelli, responsabile dell'associazione per l'aggiornamento normativo- e' consultabile a questo link sul nostro sito web:
http://sosonline.aduc.it/scheda/mutui+casa+abitazione+chi+puo+ottenere+sospensione_18033.php
Una "curiosita'": il link fornito dal ministero per tutte le informazioni non e' ancora attivo (www.dt.tesoro.it/fondomutuiprimacasa) anche se mancano pochi giorni all'entrata in vigore del decreto.
Curiosita' che rende quindi importante la scheda pratica da noi redatta, perche', chi ne avesse bisogno, possa essere pronto subito per ottenere questi benefici creditizi.


(1) n.132 del 21/6/2010 (GU del 18/8/2010)
(2) legge 244/07 art.2 commi dal 475 al 480
(3) http://www.aduc.it/comunicato/fondo+solidarieta+mutui+prima+casa+governo+latita_14013.php
(4) http://www.aduc.it/comunicato/decreto+sulla+crisi+finanziaria+questa+volta_14519.php
(5) http://www.abi.it/jhtml/home/conoscereBanche/rapportiBancaCliente/Piano_Famiglie/SospMutuo/SospMutuo.jhtml


COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email aduc@aduc.it
Tel. 055290606
Ufficio stampa: Tel. 055291408

Tonno in scatola. Consigli per gli acquisti

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/comunicato/tonno+scatola+consigli+acquisti_18034.php
---------------------

Tonno in scatola. Consigli per gli acquisti

Roma, 20 Agosto 2010. Praticissima, una scatola di tonno puo' risolvere il problema di una cena estiva, di ritorno dal mare o dalla montagna, quando manca il tempo e, soprattutto, la voglia di preparare la cena. Gia', ma quale tonno? I piu' pensano che il tonno che consumiamo arrivi dai nostri mari, pescato nelle tonnare e prontamente inscatolato. Non e' cosi' perche' la maggior parte del tonno "nostrano", cioe' il tonno rosso, viene acquistata dai giapponesi che ne sono estimatori e a noi non rimane che consumare il tonno giallo, o meglio a pinna gialla, pescato negli oceani (magari dagli stessi giapponesi). Anche nel tonno ci sono parti piu' o meno pregiate, come puo' essere il filetto e la spalla per il bovino, ma questa informazione non e' riportata nell'etichetta della maggior parte dei prodotti. La parte piu' pregiata e' quella ventrale, detta ventresca, poi quella dorsale, chiamata tonnina, e quella caudale e pinnale, indicata come busonaglia. Il tonno dovrebbe essere
a
trance intere perche' quello sminuzzato puo' provenire da rimanenze di lavorazione. Tutto il tonno è cotto a vapore e l'aggiunta di oli di varia natura e' un indice di qualita': l'olio extra vergine, l'olio di oliva, l'olio di semi rappresentano le scale, a scendere, della bonta', a nostro parere, del prodotto. In sintesi riassumiamo i consigli per acquistare il tonno in scatola (non tutte queste indicazioni sono riportate in etichetta):
* Tonno rosso
* Ventresca
* Olio extra vergine d' oliva
* Trance intere
Quattro semplici informazioni da tener presente nell'acquisto. Non rimane poi che assaggiarlo, ma sui gusti personali non mettiamo bocca.

Primo Mastrantoni, segretario dell'Aduc

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email aduc@aduc.it
Tel. 055290606
Ufficio stampa: Tel. 055291408

Adotta un bambino a distanza con l’Associazione Amici di Adwa Onlus

Sottoscrivi un'adozione a distanza con l'Associazione Amici di Adwa Onlus.
Con un EURO al giorno avrai la possibilità di occuparti di un bambino che ne ha bisogno, lo aiuterai a crescere nella sua comunità, con la sua gente, senza sottrarlo ai suoi affetti ed alla sua cultura.

Fai un gesto d'amore, scopri che a volte una vita può costare poco più di un caffè.

Scopri come donare all'indirizzo http://www.amicidiadwa.org

 

Per maggiori informazioni:

Associazione amici di Adwa ONLUS

C.P. 110 - Via Matteotti, 8 - 44042 Cento (FE)

Web: http://www.amicidiadwa.org

Mail: info@amicidiadwa.org


Amici di Adwa Onlus: adozioni a distanza dal 1996

Siamo un'Associazione di volontari che si occupa dal 1996 di adozione a distanza e di portare aiuti alle popolazioni dell'Etiopia. Dal 1998 siamo diventati una Onlus con sede a Cento di Ferrara.

Tra le principali attività della nostra Associazione:

ü       seguire e sostenere con continuità e priorità il programma di adozione a distanza dei bambini di Adwa.

ü       Fare opera di informazione, formazione e selezione per l'invio di personale volontario, che presterà la propria opera gratuitamente, e di materiale da inviare alla missione

ü       stabilire contatti con Organizzazioni ed Enti aventi gli stessi scopi.

ü       Finalizzare progetti che di volta in volta saranno proposti dalla missione

 

Per avere maggiori informazioni sulle nostre iniziative

Associazione amici di Adwa ONLUS

C.P. 110 - Via Matteotti, 8 - 44042 Cento (FE)

Web: http://www.amicidiadwa.org

Mail: info@amicidiadwa.org

Tel/Fax: 051/6836117


invio comunicato 20 agosto 2010

COMUNICATO STAMPA

Sono arrivati i Cft: nuova formazione professionale più legata al territorio

        Il Comune di Bagno a Ripoli informa che la Provincia di Firenze ha istituito i Centri Formativi Territoriali (Cft), che offrono un servizio di formazione gratuita per tutti i cittadini che vogliono migliorare la propria professionalità e diventare più competitivi sul mercato del lavoro.
        Ciascuno dei 10 Cft è una rete di agenzie formative che fanno riferimento a un'area territoriale ben delimitata e propone un proprio catalogo di corsi professionalizzanti. I cittadini interessati possono accedere gratuitamente ai corsi attraverso i voucher individuali del Fondo Sociale Europeo messi a disposizione dalla Provincia di Firenze, previa valutazione e approvazione delle singole richieste da parte degli uffici provinciali. I finanziamenti saranno così erogati direttamente in funzione delle effettive richieste dei cittadini e sarà possibile rispondere in maniera sempre più efficace ed efficiente alle loro esigenze formative. La suddivisione territoriale dei Cft permette la valorizzazione delle esperienze già esistenti, delle vocazioni territoriali, dei fabbisogni di formazione specifici delle diverse aree della Provincia e dei cittadini che le abitano.
        Il territorio del Comune di Bagno a Ripoli, insieme al Q3 del Comune di Firenze, è servito dal Cft "Area Fiorentina Sud", che ha avviato la sua attività nel mese di luglio ed è gestito da un raggruppamento di agenzie formative espressione di diversi ambiti della società (imprenditoria, parti sociali, associazioni, pubblica istruzione, mondo della cultura): il capofila E-ducation.it e i partner Qualitas Forum, Itcs "A. Volta", ApiFinser, Ial Cisl Toscana, Change, Apab e Maggio Fiorentino Formazione. Il Comune di Bagno a Ripoli ha avviato un rapporto di fattiva collaborazione con i partner gestori che si concretizzerà nel confronto e nella condivisione di analisi e valutazioni del percorso in atto, in funzione del miglioramento del servizio anche in vista di possibili sviluppi futuri. Il catalogo attuale del Cft Area Fiorentina Sud è composto da 38 corsi, che saranno successivamente incrementati fino a un massimo di 50. La ricca e variegata offerta formativa proposta si rivolge sia a chi vuol migliorare la propria professionalità sia a chi vuole acquisire nuove competenze per ripresentarsi con rinnovata fiducia sul mercato del lavoro.
        Informazioni e assistenza: E-ducation.it Spa, via Chiantigiana 62, Bagno a Ripoli (FI), tel 055 6233316, fax 055 6233274, mail; Qualitas Forum srl, via Giusiani 4, Bagno a Ripoli (FI), tel 055 2638388, fax 055 2269286, mail; Istituto Tecnico Commerciale Statale "A. Volta", via Roma 75, Bagno a Ripoli (FI), tel 055 630087, fax: 055 630138. mail.
        "Quella della Provincia di Firenze è stata una scelta coraggiosa – ha dichiarato il Sindaco di Bagno a Ripoli Luciano Bartolini -: grazie ad essa infatti c'è un'opportunità concreta per dare valore ai territori e alle loro Comunità. Il Comune di Bagno a Ripoli si impegnerà a monitorare l'attività del Cft e a sviluppare il lavoro di informazione e di integrazione di questa nuova esperienza, con le imprese e con i lavoratori, in particolare con i giovani. Importante anche il raccordo che in tal senso può garantire la presenza dell'Itcs 'A. Volta'".

L'ADDETTO STAMPA e PORTAVOCE
Enrico Zoi

Bagno a Ripoli, 20 agosto 2010
L'ente locale deve un'informazione chiara e corretta al Cittadino (Art. n. 10 Decreto Legislativo 18.8.2000, n. 267, 'Testo Unico delle Leggi sull'Ordinamento degli Enti Locali').

www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it - E-mail: urp@comune.bagno-a-ripoli.fi.it
In caso di errata trasmissione chiamare ufficio stampa (tel. 055/6390.218)



Enrico Zoi

Addetto Stampa

Comune Bagno a Ripoli
Piazza della Vittoria n. 1
50012 Bagno a Ripoli (FI)
tel 055 6390.218 fax 055 6390.210 cell. 335.7632.243
e-mail enrico.zoi@comune.bagno-a-ripoli.fi.it



 _____  


Il presente messaggio, allegati inclusi, è personale, ed è rivolto unicamente alla persona a cui è indirizzato. Chiunque ricevesse questo messaggio per errore o comunque lo leggesse senza esserne legittimato è avvertito che trattenerlo, copiarlo, divulgarlo, distribuirlo a persone diverse dal destinatario è severamente proibito ed è pregato di rinviarlo immediatamente al mittente distruggendone l'originale. Grazie.








giovedì 19 agosto 2010

richiesta di conferma

Chiedo la conferma per l'iscrizione gratuita al sito "Il Comunicato Stampa" e per l'accredito stampa gratuito

La mancia su Roma - vignetta

La mancia su Roma
Firenze, 19 Agosto 2010. Ecco la vignetta di Joshua Held
http://www.aduc.it/vignetta/mancia+roma_18032.php

Sistema informativo aziendale, il sistema nervoso di ogni azienda

Un buon sistema informativo aziendale è sempre più determinante per il buon andamento di ogni azienda.

Al giorno d'oggi le aziende si trovano a dover gestire moltissimi dati e informazioni, e a dover rispondere alle esigenze del mercato in modo sempre più preciso e veloce. Per poter fare tutto ciò nel migliore dei modi, è essenziale che l'azienda sia dotata di un efficiente sistema informativo aziendale, come il Microsoft Dynamics Nav 2009.

Un buon sistema informativo è essenziale per organizzare e gestire i dati e le informazioni aziendali, dati ed informazioni che devono poter essere resi disponibili in modo tempestivo ogni qualvolta ce ne sia bisogno. Solo in questo modo i dipendenti di un'azienda, soprattutto nel caso di un'azienda grande e complessa, possono accedere alle informazioni che servono in tempo reale e sono messi dunque nelle condizioni ideali per valutare i dati in modo veloce e prendere delle decisioni tempestive.

L'epoca informatizzata in cui viviamo ha reso tutto questo molto più facile e automatico, e anche se la definizione di sistema informativo aziendale tout-court non prevede necessariamente l'uso di strumenti informatici, ormai è impensabile che si possa fare a meno di tali strumenti per la gestione di un'azienda, piccola o grande che sia. Possiamo dunque dire che alla base di ogni sistema informativo aziendale c'è ormai un avanzato sistema informatico, come dimostra il successo ottenuto da strumenti quali l'ERP Dynamics o il Dynamics Navision. Con il termine sistema informatico si intendono le reti informatiche, i calcolatori e tutte le procedure per la memorizzazione e la trasmissione elettronica delle informazioni.

La storia dell'applicazione degli strumenti informatici ai sistemi informativi aziendali inizia negli anni Settanta, quando cominciano i primi studi in materia. I primi risultati importanti si hanno nel corso degli anni Ottanta: è in questo decennio che si sviluppano i Materials Requirements Planning (MRP), concepiti soprattutto come strumenti per l'organizzazione delle informazioni relative all'approvvigionamento, al trasporto e alla consegna dei materiali necessari alla produzione. Un altro passo importante nella storia dei sistemi informativi aziendali informatizzati si è compiuto con lo sviluppo degli ERP (Enterprise Resource Planning), ossia dei sistemi di gestione finalizzati alla pianificazione delle risorse d'impresa in grado di integrare tutti i processi rilevanti per il funzionamento di un'impresa, dalle vendite agli acquisti, dalla gestione magazzino alla contabilità.

Con la crescente esigenza da parte delle aziende di avere a propria disposizione dei sistemi informatici aziendali automatizzati e informatizzati, è cresciuta anche l'offerta di prodotti concepiti a tale scopo. Molte aziende specializzate in produzione di software di vario tipo, dalla gestione di contenuti web ai database, propongono prodotti sempre più aggiornati e utili, in grado di rispondere alle esigenze di ogni tipo di azienda, e cercando di rimanere al passo con i continui sviluppi e cambiamenti del mercato. Una delle aziende più attive in questo settore è la Microsoft, una compagnia che non ha certo bisogno di presentazioni, e che da anni fornisce ad aziende di ogni tipo e dimensione gli strumenti migliori per permettere ai dipendenti di lavorare esprimendo al meglio le proprie potenzialità. Prodotti quali il Microsoft Dynamics ERP e il Microsoft Dynamics CRM, solo per fare qualche esempio, fanno ormai parte dell'organizzazione di molte aziende, che grazie a tali strumenti riescono ad ottimizzare i tempi e a lavorare in modo più preciso e veloce.

Articolo a cura di Francesca Tessarollo
Prima Posizione Srl - posizionamento sito internet

Prima Posizione Srl
Viale dell'Industria, 60 - 35129 Padova PD
Tel. 049 776196 - Fax. 049 8087806
www.prima-posizione.it - info@prima-posizione.it

Zoo di Poppi (Ar). Da chiudere

Qui il comunicato online:
http://blog.donatellaporetti.it/?p=1680
---------------------


Zoo di Poppi (Ar). Da chiudere

Intervento della sen. Donatella Poretti, parlamentare Radicali

Se volete fare una scampagnata in Casentino (provincia di Arezzo) e mostrare ai vostri bambini la fauna europea, evitate di visitare lo zoo di Poppi (Ar). Subito all'ingresso vi vendono sacchetti con delle crocchette di cibo da dare agli animali (tutti mangiano la stessa cosa? A base di cosa sono queste crocchette? Ma di solito non si deve evitare di dare del cibo agli animali?). La prima immagine e' un cortile di cemento dove un orso bruno guarda chi lo osserva e sembra chiedere perche' e' finito li' e non nella foresta intorno che e' enorme. Poi si prosegue un percorso fatto di gabbie piccole, recinti mal messi, animali soli e intontiti.. Infine un prato con animali liberi, asinelli bianchi dell'Asinara e cervi: i bambini li imbottiscono di cibo vario e di mele. Davanti ancora gabbie con scimmie, tacchini e altro.
Quindi un piccolo parco giochi non in sicurezza per bambini. Ancora, un circuito di moto elettriche per bambini dove, acquistato il gettone al bar, i piccoli le montano senza casco e senza un qualche addetto che sorvegli il circuito. Gli unici addetti dell'intera struttura sono intenti, al bar e al ristorante, a preparare cibo per i visitatori.
Una bambina stamane e' caduta spinta da un asinello, un altro gli cammina sopra e lascia il segno dello zoccolo nella spina dorsale. Inutile chiedere aiuto, gli addetti sono impegnati al bar e al ristorante. Con fatica si ottiene del ghiaccio, con urla e minacce del disinfettante. Ma la cassetta del pronto soccorso non e' obbligatoria nei locali pubblici? Possibile che non ci sia un responsabile che vigili sui bambini e sugli animali? Possibile che nessuno si interessi se una bambina viene ferita da un animale?
Allo zoo di Poppi questo e' possibile. Passata la paura per la bambina dopo oltre due ore al Pronto soccorso dell'ospedale di Bibbiena, ecografie e analisi varie, resta solo da denunciare la vicenda e chiedere l'intervento delle guardie zoofile per le condizioni degli animali e per l'Asl per la mancata assistenza sanitaria. La soluzione migliore: la chiusura.

Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicali -Partito Democratico
Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83, tel.0667063265, fax 0667064771
Firenze, via Cavour 68, Tel. 0552302266 Fax 0552302452
Cellulare: 336252221
mailto: poretti_d@posta.senato.it
Sito Internet: www.donatellaporetti.it

12/09: PRE OPENING BOBADILLA AL PORTICO DEL SEMINARIO (Calcinate, Bg)

12/09: PRE OPENING BOBADILLA AL PORTICO DEL SEMINARIO (Calcinate, Bg) 

12 settembre Bobadilla pre - opening @ Portico del Seminario (via Portico del Seminario 1, Calcinate Bg, uscita A4: Seriate info 035561575). Si festeggia con lo staff del Boba per stemperare la malinconia della fine dell'estate in una location da sogno, piena di verde e di storia. Attenzione: la festa è proprio domenica 12 settembre, dalle 19 in poi, non l'11 come erroneamente comunicato in precedenza 

17 e 18 settembre Bobadilla Dalmine (Bg) inaugurazione ufficiale Bobadilla. Nel 2010 il locale ha compiuto 38 anni. E' nato infatti il 9 marzo 1972. Nato moderno e funzionale, una discoteca elegante, innovativa e rivoluzionaria rispetto alle mode del tempo, al di fuori di ogni tendenza è rimasto un luogo di ritrovo per chi ha un certo stile e ha voglia di divertirsi senza per questo mettersi in vetrina. La prima domenica Aperitivo Martini @ Bobadilla è invece in programma per il 3 ottobre 2010.

LO STILE DEL BOBA Entrare al "Boba", così lo chiamano i clienti più affezionati, è un po' come isolarsi in un luogo "vero". Qui non si cerca la tendenza, il divertimento a tutti i "costi". Non c'è la voglia di stupire o di essere stupiti da chissà quali effetti speciali. Qui si sta bene. Qui ci si diverte ancora ballando, bevendo un buon drink e cenando in allegra compagnia. Tutto così normale da essere speciale... Lo stile Boba si evolve e fa tesoro dei 38 anni di storia del locale. Tra le novità una domenica che inizia dall'aperitivo, e un'opening della stagione in una splendida location come il Portico del Seminario. 

LA STORIA DEL BOBA Negli anni '70 il Boba anticipa gli anni della "Febbre del sabato sera" durante i quali si consolida un nuovo concetto di locale: la discoteca. Negli anni dal Boba sono passati personaggi della musica italiana e del cabaret come Gino Paoli, Ornella Vanoni, Claudio Villa, Enrico Montesano, Lucio Dalla, Adriano Celentano, Renato Pozzetto, Walter Chiari, Teo Teocoli… Ma non solo. Ci sono passati jazzisti di fama mondiale come Herbie Hancock, Chet Baker Quartet, Elvin Jones, Gerry Mulligan Quartet, Dave Holland, Max Roach, Sarah Vaughan… 

LE SERATE E LA MUSICA DEL BOBA Sono confermatissime le serate storiche del Boba, ossia il venerdì La Dolce Vita e il sabato Boba Classic e pure i Martedì La Festa del Segno, una volta al mese. La musica è easy house e unisce ritmo e melodia. Ma c'è una novità. La domenica si chiama Aperitivo Martini, una sorta di trasformazione per il locale di Dalmine che diventa uno showroom per gustare tutte le novità del noto drink brand… E soprattutto per scatenarsi in orari perfetti per ripartire in forma il lunedì. Il party inizia alle 19 e finisce all'1. La musica in questo caso è anni '80 e '90. Fino alle 22 e 30 il concerto di una live band con repertorio dedicato al periodo è accompagnato da un buffet in stile Boba (ossia ricco e di qualità assoluta). Chi desidera cenare al tavolo può farlo servendosi al buffet e poi scegliendo alcuni piatti da un mini menù. Al mixer ogni venerdì c'è Corrado Presti (ex F.P.I. Project) con Maurizio Rocco. Ogni sabato Ricky Artistarco di Rtl 102.5. Al microfono spesso c'è Cristian Donati direttamente da Radio Viva Fm. 

IL RISTORANTE DEL BOBADILLA Iniziamo dal vino. A disposizione di chi cena al Boba ci sono ben 200 etichette, una scelta unica o quasi per un ristorante legato ad una disco. La cucina è raffinata, mediterranea e creativa, con proposte di piatti caratterizzati da prodotti italiani soprattutto locali. Lo staff di cucina guidato dallo Chef Francesco Gotti comprende ben 7 cuochi. C'è la carne e c'è il pesce, selezionati in base alla qualità delle materie prime e alla stagionalità dei prodotti. Si sceglie tra una menù alla carta, la proposta del giorno e piatti e menù per celiaci (autorizzazione certificata AIC, Associazione Italiana Celiaci), anche questo un caso unico o quasi per quel che riguarda le discoteche.

BOBADILLA via Pascolo 34 Dalmine (Bg) 035561575 www.bobadilla.it Aperto ogni venerdì, sabato dalle 20 e 30 alle 4 e da ottobre 2010 anche la domenica dalle 19 all'1. Un martedì al mese la festa del Segno, dalle 20 alle 2

KIKO MAKE UP MILANO nuovo sponsor italiano degli MTV Europe

 

Bergamo, 26 luglio 2010- KIKO MAKE UP MILANO nuovo sponsor italiano degli MTV Europe

Music Awards 2010

 

La bellezza incontra la musica: KIKO MAKE UP MILANO sarà il nuovo sponsor degli MTV Europe

Music Awards (EMA) 2010, in scena a Madrid il 07/11/2010. Per la prima volta una casa cosmetica

sponsorizzerà l'importante manifestazione musicale organizzata dall'emittente televisiva MTV, dove

ogni anno, in una diversa città europea, vengono premiati artisti e singoli di maggiore successo.

Lo spirito moderno e accattivante di KIKO – presente in Europa con più di 130 negozi di cosmetica

e online con un sito e-commerce in continua crescita - trova un partner d'eccellenza in MTV Italia,

edizione nazionale dell'importante network televisivo. La sponsorship si propone come momento di

incontro tra le identità cosmopolite dei due brand, entrambi importanti punti di riferimento per il

gusto e lo stile del pubblico giovanile in Italia.

Gli MTV EMA 2010 saranno per KIKO un'occasione di visibilità considerevole a livello internazionale,

un'opportunità unica per rafforzare ulteriormente la notorietà del marchio. A questo proposito, a

partire dal 1 agosto 2010, KIKO MAKE UP MILANO promuoverà una serie di iniziative volte a

conferire massima risonanza all'evento. Tra queste, il concorso "KIKO @ MTV EUROPE MUSIC

AWARDS 2010" che metterà il palio un maxi premio finale e ricchi premi quotidiani.

Valido dal 01/08/2010 al 16/10/2010, il concorso permetterà a tutti gli iscritti al sito

kikocosmetics.com di partecipare all'estrazione di 2 weekend per 2 persone a Madrid, per assistere

dal vivo allo show degli MTV Europe Music Awards. I vincitori potranno beneficiare di uno speciale

pacchetto VIP comprensivo di 2 notti in hotel a 5 stelle, ingresso al concerto e pass per l'esclusivo

After Show Party. Sul sito di KIKO verrà inoltre promosso un concorso "istant win": con un ordine

online di almeno 20 €, i clienti potranno vincere una della 5 gift card del valore di 50€ messe in

palio ogni giorno, da spendere in prodotti KIKO nello store online o nei punti vendita in Italia. Al

termine dell'ordine, un messaggio informerà i partecipanti dell'eventuale vincita.

La sponsorship e il concorso verranno supportati da una campagna di comunicazione multicanale

e da uno spot pubblicitario di 15'' in onda sulla rete TV e sul sito di MTV Italia, all'interno dei

punti vendita KIKO e sul sito kikocosmetics.com.

Ulteriori dettagli disponibili all'indirizzo kikocosmetics.com/MTV.

 

 

Ufficio Marketing KIKO MAKE UP MILANO:

Alice Catalani – 035.280024 – alice.catalani@percassi.it

Roma. Tassa per i cortei? No, meglio il pagamento del servizio. Per tutti

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/comunicato/roma+tassa+cortei+no+meglio+pagamento+servizio_18029.php
---------------------


Roma. Tassa per i cortei? No, meglio il pagamento del servizio. Per tutti

Roma, 19 Agosto 2010. Pagare una tassa a manifestazione? La proposta del Sindaco, Gianni Alemanno, non ci trova d'accordo. Sarebbe piu' opportuno far pagare i servizi, per esempio le pulizie, e l'eventuale risarcimento del danno arrecato dai responsabili. L'idea di una tassa favorirebbe solo le grandi organizzazioni in grado si supportare l'aggravio economico. Ogni manifestazione (a proposito che fine ha fatto l'area di Tor Vergata appositamente predisposta, nel 1999, per ospitare le grandi manifestazioni e che e' costata al contribuente qualcosa come 252 miliardi di lire?), ha un impatto sulla Capitale. Si pensi a quelle che si svolgono in piazza S. Giovanni con centinaia di migliaia di manifestanti che provocano una montagna di rifiuti e danni al verde pubblico. La decisione dovrebbe coinvolgere tutte le tipologie di manifestazioni, anche quelle religiose. Si consideri quelle svolte in piazza san Pietro o nell'attiguo auditorium: decine di migliaia di persone, due volte a
settimana, sono un'influenza consistente sulla citta'. Saremmo ben contenti se il Sindaco Alemanno avesse il coraggio di affrontare la questione con determinazione e senza sconti. Per nessuno.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.itEmail aduc@aduc.it
Tel.055290606
Ufficio stampa: Tel.055291408

Televendite nascoste in quiz fasulli. Continuano imperterrite. Agcom inerme. Utenti fregati

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/comunicato/televendite+nascoste+quiz+fasulli+continuano_18028.php
-------------------------

Televendite nascoste in quiz fasulli. Continuano imperterrite. Agcom inerme. Utenti fregati

Firenze, 19 agosto 2010. Continuano imperterriti i quiz tv fasulli. Denunciati e piu' volte condannati, senza interruzione vanno in onda e fregano soldi agli italiani (soprattutto anziani). Il tutto sempre grazie ai numeri 899, 894 e 895. Si tratta di quelle trasmissioni che invitano a telefonare per indovinare il titolo di una canzone facile facile, per poter vincere fino a dieci mila euro. Tutto finto, non si tratta di un quiz, ma di una televendita di loghi e suonerie per cellulari (ma questo il telespettatore non lo sa).
Le telefonate mandate in onda sono palesemente fasulle. Le domande solo del tipo: Chi canta Non ho l'età? Risposte: Nilla Pizzi, Claudio Villa, Branduardi, Baglioni, Goggi, Mina, e così via. Ovviamente nessuno indovina Gigliola Cinguetti.
E sono tanti che compongono ripetutamente i numeri 899, 894 e 895, pagando uno o due euro ad ogni inutile telefonata, da cellulare o fisso.
Ma non erano stati disabilitate queste numerazioni a sovrapprezzo? Si' e no.
I numeri 899 sono disabilitati in automatico da telefono fisso, ed infatti in evidenza sullo schermo è scritto: 899xxx da cellulare". Per le telefonate da fisso, invece, viene indicato un numero iniziante per 894 o 895. Prefisso anch'esso disabilitato, con delle eccezioni. Nella delibera Agcom, che dopo anni di bollette gonfiate ha sancito il blocco, si legge che se il numero 894 (o 895) è composto complessivamente da 6 cifre (e non da 9) è non è bloccato. Ed infatti il numero che viene indicato (ben in evidenza) per partecipare da telefono fisso è sempre di 6 cifre.
Nel piano di numerazione nazionale messo a punto dall'Agcom, i numeri 894 e 895 sono destinati in teoria a servizi di chiamate di massa (gli 894) e per servizi di assistenza e consulenza tecnico-professionale (gli 895). L'uso effettivo che se ne fa è tutt'altro.
Molte emittenti locali in questi giorni sono sul piede di guerra perché si ritengono discriminate rispetto a Rai e Mediaset nell'assegnazione delle frequenze del digitale terrestre e della loro posizione sul telecomando. Intanto, molte di loro, da anni, fanno soldi grazie a questi trucchetti da baraccone, che producono danni ai loro più affezionati spettatori, gli anziani.
L'Agcom, che dopo anni e anni di bollette gonfiate era riuscita a porre un freno alle bollette gonfiate, si è fermata. Come se i furbi non fossero alla costante ricerca di tutti gli spiragli per continuare a fregare soldi con piccoli rischi: le esigue e -a quanto pare- insufficienti multe dell'Antitrust.
La vigilanza sul corretto utilizzo dei numeri a sovrapprezzo tocca al ministero dello Sviluppo economico, i vari ministri che si sono succeduti hanno sostanzialmente ignorato il fenomeno. E oggi a vigilare, affinché gli italiani non siano truffati grazie a questi numeri, c'è il capo del Governo, ad interim. Una vigilanza teorica.


COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email aduc@aduc.it
Tel. 055290606
Ufficio stampa: Tel. 055291408

Andate in vacanza sicuri: controllate gli pneumatici!

Come ogni estate, moltissimi sono gli italiani che decidono di raggiungere i luoghi di vacanza con la propria auto.

Secondo una stima di Federpneus, l'associazione nazionale rivenditori specialisti di pneumatici, gli italiani che nel corso di questa estate stanno viaggiando in auto sono circa 25 milioni. A questa cifra, di per sé molto alta, si aggiunge un altro dato significativo: la distanza media percorsa dagli italiani è in aumento rispetto all'estate scorsa, passando da 390 a 402 km. A tale tendenza ad utilizzare sempre di più l'auto per spostamenti anche piuttosto lunghi dovrebbe corrispondere anche una maggiore attenzione alle condizioni della propria auto, del proprio camper o della propria moto; in particolare, prima di mettersi in viaggio bisognerebbe appurare lo stato degli pneumatici auto moto.

Il buono stato degli pneumatici è una condizione fondamentale per viaggiare in sicurezza: le gomme sono infatti l'unico punto di contatto tra veicolo e strada, e per evitare pericoli quando si viaggia, sarebbe opportuno sottoporre gli pneumatici della propria moto o vettura a controlli periodici, verificando in particolare la pressione, che può influenzare, tra l'altro, anche i consumi della vettura o del motociclo. Prima di mettersi al volante, dunque, è consigliabile recarsi da un rivenditore specializzato di pneumatici, che ha a disposizione tutti gli strumenti necessari per effettuare un controllo completo e accurato, permettendoci così di viaggiare in condizioni di maggiore sicurezza. I controlli prima delle vacanze sono ancora più importanti nel caso in cui ci si sposti a bordo di camper, roulotte o altri veicoli che vengono usati solo saltuariamente, magari proprio in occasione delle vacanze estive, e che rimangono fermi per gran parte dell'anno.

A testimonianza di quanto la condizione degli pneumatici sia importante quando si viaggia, Assogomma, Federpneus e Servizio Polizia Stradale hanno lanciato quest'anno, in vista dell'esodo estivo, la campagna "Vacanze sicure": tra aprile e giugno in cinque regioni italiane (Trentino Alto Adige, Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Puglia) sono stati effettuati circa 10.000 controlli sulle gomme automobili, mezzi pesanti, mezzi commerciali per il trasporto leggero e camper per verificare la presenza di vetture con pneumatici lisci, non omologati, non omogenei o danneggiati. Per quanto riguarda gli pneumatici lisci, i dati emersi sono stati positivi: mentre un'indagine effettuata nel 2003 aveva registrato una percentuale di pneumatici lisci compresa tra l'8 e il 10%, la percentuale nel 2010 è scesa al 3-5%. Anche gli pneumatici non omologati sono risultati in calo, mentre non poche gomme hanno presentano danni visibili e tagli, che potrebbero compromettere l'efficienza dell'auto e quindi la sicurezza di chi vi viaggia. Se si notano dei danneggiamenti agli pneumatici, è sempre opportuno farli sostituire, soprattutto se si intende intraprendere un viaggio piuttosto lungo. La percentuale relativa agli pneumatici non omogenei è invece in aumento: anche se il codice della strada impone che le caratteristiche e misure pneumatici montati sullo stesso asse siano le stesse, il 4% delle auto sottoposte ai controlli nel 2010 ha presentato delle gomme non omogenee. In particolare, molti sono coloro che viaggiano con pneumatici invernali anche quando la stagione è terminata. Bisogna però tenere presente che le prestazioni delle gomme invernali sono ottimali quando la temperatura scende sotto i 7°, e quando comincia la bella stagione è opportuno recarsi in un centro specializzato in vendita pneumatici e sostituire le gomme.

Articolo a cura di Francesca Tessarollo
Prima Posizione Srl – posizionamento siti internet

 
 
Prima Posizione Srl
Viale dell'Industria, 60 - 35129 Padova PD
Tel. 049 776196 - Fax. 049 8087806
www.prima-posizione.it - info@prima-posizione.it

traffico e maltrattamento di cuccioli al mercato delle cascine (Fi)

Alla cortese attenzione de:
Sindaco di Firenze , dott. Matteo Renzi
Presidente del consiglio comunale: Eugenio Giani
Vicepresidente Vicario: Jacopo Cellai
Vicepresidente: Salvatore Scino -
Dell'assessore Stefania Saccardi
e della Polizia annonaria del comune di Firenze

Egregi signori,

partecipo all'indignazione comune per le immagini che girano sul web e che rigua
rdano un venditore di cuccioli al mercato delle Cascine. A quanto ci risulta il
venditore è in regola col suo esercizio e per questo può tenere queste povere cr
eature giornate intere in una piccola gabbia (senza farle bere per paura che spo
rchino l'abitacolo), senza contravvenire ad alcuna regola!!
La realtà è che regole in merito non esistono o comunque sono superate, visto ch
e per le vigenti leggi che tutelano i diritti degli animali , quanto succede in
quel furgoncino alle cascine è "maltrattamento" a tutti gli effetti!
Gentili signori, le immagini che girano sul web sono tutto dire e Vi chiediamo d
i prendere provvedimenti coerenti con la legge 189. Vi chiediamo che venga emess
a un'ordinanza che disciplini la vendita di queste povere creature in modo che n
e vengano garantiti i diritti come da legge:

- i cani o gatti o coniglietti.. dovrebbero sostare nella gabbia solo al momento
del trasporto. una volta giunti a destinazione dovrebbero poter stare in uno sp
azio comodo e protetto che permetta loro di muoversi, giocare, bere e fare i lor
o bisogni, senza traumi o stress.

Le foto di questi piccoli cani ( col prezzo in saldo), mostrano una postura da e
vidente stato di stress e depressione.

Vi esortiamo a nn tralasciare questo importante dettaglio, ne va dell'immagine e
della reputazione della vostra città, della sua amministrazione e dell'allegro
mercato delle cascine; in questo momento avete i riflettori di tutto il popolo d
el web puntati!

cordiali saluti,
Barbara Glaviano
Milano

invio comunicato 19 agosto 2010

COMUNICATO STAMPA

Area per Rievocazione Storica di Grassina - Ordine del giorno approvato all'unanimità dal Consiglio Comunale

        Il Comune di Bagno a Ripoli informa che il Consiglio Comunale, in una delle sue ultime sedute, ha approvato all'unanimità un ordine del giorno presentato dai Gruppi Pd e Pdl sul tema "Area da destinare in modo durevole al Cat per la manifestazione della 'Rievocazione della Passione di Cristo'".
        Questo il testo del documento:
        "In considerazione della sempre maggiore importanza che negli anni è venuta ad assumere la manifestazione della 'Rievocazione della Passione di Cristo' a Grassina, importanza che ha valicato i confini del nostro Paese fino a farle meritare un livello di prestigio in 'Europassion', organismo europeo che raccoglie tutte le manifestazioni si questo tipo che si svolgono nei vari paesi italiani ed europei;
        Consapevoli dell'importanza che detta manifestazione riveste sul nostro territorio comunale, ed in particolare su Grassina, i cui abitanti in numero di oltre 700 si impegnano in vario modo per la buona riuscita della stessa;
        Rilevato che, in una recente riunione del coordinamento tra associazioni del territorio, è emersa la volontà di presentare un documento, a firma di tutti i presidenti delle associazioni, per la definizione di un'area destinata ad utilizzo stabile e duraturo nel tempo, atta allo svolgimento delle manifestazioni promosse dal Cat, documento che verrà inviato al Sindaco (*);
        Preso atto come nel nuovo piano strutturale, adottato in consiglio comunale in data 9 giugno 2010, sia fatto esplicito riferimento a questa manifestazione ed alla necessità di identificare un'area per il suo svolgimento;
        Si chiede al Sindaco ed alla Giunta di ricercare, nel costruendo regolamento urbanistico, il modo per trovare, nei tempi utili per lo svolgimento della prossima manifestazione della Rievocazione Storica (marzo 2011), una stabile collocazione che nel tempo possa garantire al Cat la possibilità di limitare decisamente le spese per l'allestimento della Rievocazione del Venerdì Santo di Grassina, e creare le condizioni logistiche per organizzare non solo la manifestazione in oggetto ma anche altre attività, legate allo sviluppo turistico del territorio, dotandosi di impianti stabili, per i quali attualmente sono necessari impegni economici onerosi e con lunghi tempi di ammortamento".
        (*) Il documento è stato poi presentato, con la firma, oltre che del Presidente Cat (Centro Attività Turistica), anche dei Presidenti della Fratellanza Popolare, della Smsfc Casa del Popolo, del Circolo Acli, del Calcit, del Consiglio Pastorale di Grassina, del Consiglio Pastorale di San Martino, della Cna e della Confesercenti.

L'ADDETTO STAMPA
Enrico Zoi

Bagno a Ripoli, 19 agosto 2010
L'ente locale deve un'informazione chiara e corretta al Cittadino (Art. n. 10 Decreto Legislativo 18.8.2000, n. 267, 'Testo Unico delle Leggi sull'Ordinamento degli Enti Locali').

www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it - E-mail: urp@comune.bagno-a-ripoli.fi.it
In caso di errata trasmissione chiamare Ufficio Stampa (tel. 055/6390.218)



Enrico Zoi

Addetto Stampa

Comune Bagno a Ripoli
Piazza della Vittoria n. 1
50012 Bagno a Ripoli (FI)
tel 055 6390.218 fax 055 6390.210 cell. 335.7632.243
e-mail enrico.zoi@comune.bagno-a-ripoli.fi.it



 _____  


Il presente messaggio, allegati inclusi, è personale, ed è rivolto unicamente alla persona a cui è indirizzato. Chiunque ricevesse questo messaggio per errore o comunque lo leggesse senza esserne legittimato è avvertito che trattenerlo, copiarlo, divulgarlo, distribuirlo a persone diverse dal destinatario è severamente proibito ed è pregato di rinviarlo immediatamente al mittente distruggendone l'originale. Grazie.








mercoledì 18 agosto 2010

Divieto calciobalilla. Il proibizionismo e' sempre arroganza del potere

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/comunicato/divieto+calciobalilla+proibizionismo+sempre_18027.php
--------------------------


Divieto calciobalilla. Il proibizionismo e' sempre arroganza del potere

Firenze, 18 Agosto 2010. La notizia dei primi giorni d'agosto era incredibile, ma vera: il Sindaco leghista di un paese in provincia di Bergamo, Villa d'Ogna, aveva vietato l'uso del calciobalilla nelle ore serali dopo le lamentele di alcuni residenti per lo schiamazzo. La cosa poteva finire li' e, dopo la meritata notorieta' nazionale, Angelo Bosatelli avrebbe potuto soprassedere e tornare ad amministrare il proprio paese. No! Ecco di nuovo il nostro Sindaco: non contento abbastanza del "muso duro" gia' mostrato, ha voluto concedere una deroga per un bar dove si svolgono gli allenamenti della locale squadra che partecipa al campionato del Centro sportivo italiano... che guarda caso era proprio il bar per i cui schiamazzi era stata emanato il divieto.
A parte la curiosita' di sapere cosa raccontera' a chi si era lamentato provocando il divieto, non era piu' semplice stabilire che il divieto non c'e' piu'? E, come avrebbe fatto qualunque amministrazione di buon senso senza dover per questo far riferimento ad un nuovo divieto, vigilare perche' non ci fossero schiamazzi oltre il consentito dai parametri stabiliti per la quiete pubblica? No! Probabilmente perche' non afferma abbastanza il potere del Sindaco e, soprattutto, quest'ultimo avrebbe dovuto riconoscere di aver fatto in precedenza una fesseria.
Il proibizionismo e' una "brutta bestia". Si afferma sempre con l'arroganza del potere, financo con la violenza. Non solo, ma e' sintomo di un pessimo modo di amministrare e rapportarsi coi propri amministrati, considerati alla stregua di bimbi da condurre con mano e non adulti in grado di rispettare le leggi che gia' ci sono (schiamazzi notturni, per l'appunto). Arroganza che, infine, si manifesta con l'illogicita' e il ridicolo: qualcuno vieterebbe l'uso dei coltelli perche' possibili armi che potrebbero far male a qualcuno? No, di certo. E cosa altro e' il divieto del calciobalilla perche' il suo uso puo' anche essere lesivo del diritto al riposto di qualcun altro?

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email aduc@aduc.it
Tel. 055290606
Ufficio stampa: Tel. 055291408

Erbe: venditori e pozioni 'magiche'

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/comunicato/erbe+venditori+pozioni+magiche_18025.php
-----------------------


Erbe: venditori e pozioni 'magiche'

Roma, 18 Agosto 2010. Fa scalpore la notizia della vendita di erbe in pillole, "afrodisiache", effettuata da "vu cumpra'" nelle affollate spiagge italiane. Le erbe "magiche" hanno sempre accompagnato la nostra fantasia. Ma le pozioni "magiche", lo sono veramente? Certamente no, ma le piante, le erbe e le radici usate hanno un loro effetto perche' contengono sostanze capaci di condizionare il nostro equilibrio psico-fisico. Vediamone alcune.

Aconito: e' un ipotensivo e rallenta il battito cardiaco. Da' la sensazione di volare.
Banisteria: provoca l'impressione di essere dotati di facolta' extrasensoriali.
Belladonna: produce eccitazione, deliri, disturbi visivi e auditivi.
Burundanga: genera ipnosi.
Datura: allucinogeno, crea la sensazione di onnipotenza.
Kawakava: provoca rilassamento ed euforia.
Mandragora: afrodisiaco, provoca ebbrezza.
Peganum harmala: induce euforia.
Stramonio: stessi effetti della belladonna.
Tabernanthe Iboga: provoca estasi.

Come si vede gli effetti di alcune erbe ci sono ma servono soprattutto a chi ce le vende per carpire il portafoglio del malcapitato di turno.

Primo Mastrantoni, segretario dell'Aduc

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email aduc@aduc.it
Tel. 055290606
Ufficio stampa: Tel. 055291408

invio comunicato 18 agosto 2010

COMUNICATO STAMPA

Centro Studi Danza Grassina - Attività Istituzionale 2010/2011

        L'Associazione Centro Studi Danza (Presidente: Franco Cipolla; Direttore Artistico: Maria Grazia Nicosia), presenta la propria Attività istituzionale per il 2010/2011, che è patrocinata dal Comune di Bagno a Ripoli. Le attività del Centro sono le seguenti: danza classica, repertorio, passo a due, danza contemporanea, modern dance, jazz, funky, hip-hop, giocodanza per piccolissimi.
        "Il Centro Studi Danza – ha dichiarato il Presidente del Centro Studi Danza Grassina Franco Cipolla – opera nel settore da oltre 35 anni sotto la direzione artistica di Maria Grazia Nicosia, già prima ballerina del Maggio Musicale Fiorentino, e svolge attività istituzionali di carattere sportivo, educativo, artistico, formativo e ricreativo, sollecitando la partecipazione popolare, l'impegno civile e sociale per assicurare condizioni ambientali favorevoli allo sviluppo della persona. Per tali ragioni, condividiamo l'indirizzo della Regione Toscana, volto a creare un 'terreno di cultura nel quale l'atteggiamento aperto e vitale dell'individuo rispetto al sapere e all'esperienza conoscitiva in tutte le sue determinazioni' è ritenuto fondamentale per la sua crescita".
        Informazioni e iscrizioni: Associazione Centro Studi Danza, piazza Umberto I 14, Grassina, tel. e fax 055/64.44.81, sito internet http://www.danzaprimavera.com; e -mail: infotiscali@danzaprimavera.com.
        Informazioni anche: Call Center Linea Comune, tel. 055.055, da lunedì a sabato, ore 8-20.

L'ADDETTO STAMPA
Enrico Zoi

Bagno a Ripoli, 18 agosto 2010
L'ente locale deve un'informazione chiara e corretta al Cittadino (Art. n. 10 Decreto Legislativo 18.8.2000, n. 267, 'Testo Unico delle Leggi sull'Ordinamento degli Enti Locali').

www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it - E-mail: urp@comune.bagno-a-ripoli.fi.it
In caso di errata trasmissione chiamare ufficio stampa (tel. 055/6390.218)



Enrico Zoi

Addetto Stampa

Comune Bagno a Ripoli
Piazza della Vittoria n. 1
50012 Bagno a Ripoli (FI)
tel 055 6390.218 fax 055 6390.210 cell. 335.7632.243
e-mail enrico.zoi@comune.bagno-a-ripoli.fi.it



 _____  


Il presente messaggio, allegati inclusi, è personale, ed è rivolto unicamente alla persona a cui è indirizzato. Chiunque ricevesse questo messaggio per errore o comunque lo leggesse senza esserne legittimato è avvertito che trattenerlo, copiarlo, divulgarlo, distribuirlo a persone diverse dal destinatario è severamente proibito ed è pregato di rinviarlo immediatamente al mittente distruggendone l'originale. Grazie.








martedì 17 agosto 2010

PRESIDIO RIFUGIO PARRELLI

Carissimi, sabato 2 ottobre, dalle 10.30 alle 16.30 si svolgerà a Roma, in Via Prenestina 1085, un presidio contro il Canile Rifugio LAGER PARRELLI. Sarà un presidio dove ci saranno le testimonianze delle persone che hanno perso il loro amico dentro a quel maledetto posto, che nonostante le tante denunce e una diffida a non prendere più ne cani ne gatti, continua con l'aiuto delle forze dell'ordine, ad accettare ogni richiesta d'abbandono.

I comitati promotori dell'iniziativa vi chiedono di dare la vostra adesione e di invitare i vostri iscritti a partecipare ad una giornata di solidarietà verso i nostri amici rinchiusi là dentro.

Certi di una vostra risposta, inviamo cordiali saluti.

Alessandro Verga (comitato chiudere Parrelli)

Maria Cristina Norelli ( Comitato giustizia per AURA)

Elena Dobici (comitato contro la precarietà città storica)

Potete dare la vs adesione a: edobici@tiscali.it oppure andare sulla pagina facebook http://www.facebook.com/event.php?eid=105001559558068&ref=mfPresidio contro il rifugio LAGER PARRELLI

Tessere sconto fasulle. L'Antitrust interviene, ora le multe

Qui il comunicato online
http://www.aduc.it/comunicato/tessere+sconto+fasulle+antitrust+interviene+ora_18023.php
-------------------

Tessere sconto fasulle. L'Antitrust interviene, ora le multe

Firenze, 17 agosto 2010. L'Antitrust ci riprova e ordina il blocco immediato delle attivita' di vendita delle societa' padovane 'famose' per le vendite ingannevoli di pseudo tessere sconto (1). I venditori di varie societa' padovane si presentano a casa, previa telefonata, regalando una tessera sconto utilizzabile in un centro commerciale in costruzione. Ad una seconda visita, un altro venditore, con mezzi poco ortodossi comunica che c'e' l'obbligo di acquisto, fino a 5 mila euro di merce***.
Nonostante le multe Antitrust, queste continuano imperterrite. E' da cinque anni che denunciamo il fenomeno (2), e purtroppo il sistema italiano permette non solo la reiterazione degli inganni, ma pure l'allargamento del business. Seguendo le tracce forniteci dagli consumatori vessati, abbiamo assistito negli anni al progressivo estendersi delle vendite truffaldine: prima solo nel Nord Italia, poi in Toscana, Marche e Lazio.
Neppure la burocratica magistratura aiuta. Avevamo denunciato nel 2008 alla Procura di Firenze un caso specifico accaduto in Toscana, poi il fascicolo è stato inviato per competenza alla Procura di Venezia. Solo nel 2010 siamo riusciti a 'scoprire' che il procedimento era stato archiviato (3).
Intanto queste aziende, cambiando spesso nome, continuano a prosperare ai danni essenzialmente di donne, spesso pensionate.
Quando il Governo si deciderà a riformare la giustizia civile? Quante vittime di queste truffe e raggiri dovranno arricchire la lobby dei venditori porta a porta padovani? Nell'immediato, speriamo che almeno l'Antitrust le sanzioni adeguatamente.

(1) http://www.aduc.it/notizia/tessere+sconto+fasulle+antitrust+blocca+societa_119633.php
(2) http://www.aduc.it/ricerca/?testo=tessere+sconto+fasulle
(3) http://www.aduc.it/comunicato/giustizia+oscura+inutilmente+burocratica_17403.php

***Un venditore ottiene un appuntamento a casa del consumatore. In questo primo incontro l'agente promette che grazie a una tessera il cliente si garantira' un sconto del 30% per acquisti in un centro commerciale che sta per essere aperto nella zona. A parole, nessun costo e solo l'impegno ad effettuare almeno un acquisto. I prodotti in teoria disponibili sono biancheria per la casa, coperte, lenzuola, ecc.
Quello che, invece, viene fatto firmare e' un complicato e ambiguo contratto.
Prima di andare via viene preannunciato che dopo qualche settimana, passera' un nuovo agente che consegnera' la tessera.
A questo secondo incontro, la musica cambia. Dai toni rassicuranti si passa alle minacce. Se non si acquista per 2/5 mila euro si sara' citati in giudizio e altre frasi "terroristiche" analoghe. E in piu' viene scaricata della merce a casa del cliente. Merce mai scelta, ma imposta.
Come difendersi. Il decreto legislativo 206/2005 permette il diritto di recesso (art.64), senza penale entro 10 giorni, che decorrono dal momento della prima firma, oppure dal momento della consegna della merce.


COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email aduc@aduc.it
Tel. 055290606
Ufficio stampa: Tel. 055291408

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota