sabato 5 giugno 2010

Otto per mille statale. Lettera al Presidente Berlusconi: piu' soldi contro fame nel mondo, meno a Vaticano

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/articolo/otto+mille+statale+lettera+al+presidente+berlusconi_17630.php
-------------------------------

Otto per mille statale. Lettera al Presidente Berlusconi: piu' soldi contro fame nel mondo, meno a Vaticano

Firenze, 5 Giugno 2010.
Egregio Presidente Berlusconi,
sono una contribuente che dal 2001 segue le vicende dell'Otto per mille (OPM), pubblicando nel Dossier Otto per mille (1) , sul sito dell'Associazione per i Diritti Utenti e Consumatori (ADUC), le informazioni, di cui entra in possesso, e le proprie considerazioni al fine di fornire un contributo alla conoscenza più precisa di questo importante e controverso settore.
Mi rivolgo a Lei, nella Sua veste di Presidente del Consiglio dei Ministri, per attirare la Sua attenzione su un paio di aspetti dell'OPM a diretta gestione statale, a proposito dei quali anche la Commissione Bilancio della Camera ha fatto interessanti considerazioni.
Prima però di entrare nel merito, desidero chiedere un Suo autorevole intervento affinché l'Agenzia delle Entrate (o il Ministero dell'Economia) torni a mettere a disposizione di chi è interessato le tabelle della "Ripartizione delle scelte espresse", che, dal 2007, sembrano essere diventate un segreto di Stato, e affinché sul sito del Governo siano aggiornate all'indirizzo http://www.governo.it/Presidenza/USRI/confessioni/intese_indice.html#5 le tabelle di ripartizione OPM per gli anni 2008, 2009 e 2010.
Sperando nell'accoglimento di questa richiesta, passo al tema specifico dell'OPM a diretta gestione statale. Le cause che brevemente intendo perorare sono tre:
1. Mantenimento, a partire dall'OPM 2010, dell'integrità della somma OPM assegnata allo Stato da parte dei contribuenti, senza alcun tipo di storno;
2. Maggiori finanziamenti alla voce "Fame nel mondo".
3. Abolizione dei finanziamenti di opere legate a confessioni religiose alla voce "Conservazione beni culturali", o, se non è possibile, loro drastica riduzione (non oltre il 5-8% del totale OPM statale).

Sul punto 1), cioè sulla rinuncia da parte del Governo a considerare l'OPM statale come un pozzo a cui attingere a proprio piacimento per i bisogni più svariati fuori dalle sue finalità istituzionali, che sono oltre tutto legate a doppio filo a un atto internazionale quale la revisione del Concordato del 1984 e alla relativa legge di attuazione (la 222/1985), desidero innanzitutto ricordarLe che fu proprio Lei a destinare integralmente l'OPM statale ai suoi scopi istituzionali (L.222/1985 e DPR 76/98) per la prima volta in assoluto nel 2002, confermando questa scelta lodevole, anche se per me doverosa, pure nell'anno seguente.
Perché, Le chiedo, non tornare a questo atteggiamento virtuoso fin dalla presente gestione? Comprendo che proprio in questo momento, con i problemi finanziari attuali, grande possa essere la tentazione di usare questa riserva, ancorché modesta rispetto alle necessità, per tappare qualche falla del bilancio statale, ma Le chiedo di valutare se non possa essere molto più vincente, sul piano morale ed esemplare, un atteggiamento di rispetto della volontà dei contribuenti, e soprattutto, della Legge (222/1985 e conseguente DPR 76/98).
Semmai, a mio avviso, sarebbe doveroso, da parte di un Governo attento, rivedere radicalmente il meccanismo dell'OPM, togliendo lo Stato dal novero dei percettori di questo beneficio e attribuendo alle confessioni beneficiarie dell'OPM la sola quota espressa (come prevede, del resto, il  disegno di legge (2) , presentato il 21 settembre 2009 dai senatori Donatella Poretti e Marco Perduca). Infatti, la presenza dello Stato quale percettore OPM non serve più allo scopo per cui fu "inventata", cioè quello di giustificare il finanziamento della Chiesa cattolica mediante la "libera" scelta dei contribuenti (ma il ministro Tremonti, uno dei "padri" dell'OPM, glielo può spiegare meglio di me); infatti, fin dal 17 aprile 1985, quando fu accolto all'unanimità dalla Camera l'o.d.g. dei Radicali, che impegnava i Governi ad ammettere alla distribuzione dell'OPM anche le confessioni firmatarie di un'Intesa ex art. 8 Costituzione, è ampiamente assicurata all
a
Chiesa cattolica la concorrenza necessaria per almeno smorzare l'impressione che essa goda di un privilegio ormai illecito.
Se esiste davvero un'esigenza di risparmio da parte dello Stato e di razionalizzazione della spesa pubblica, la revisione dell'OPM sarebbe una strada percorribile, cominciando a utilizzare in modo serio e concreto lo strumento della Commissione paritetica prevista dall'art. 40 della L. 222/1985. Con la correzione appena suggerita, per esempio, nel 2009 (denuncia redditi 2006), lo Stato avrebbe distribuito soltanto il 38,93% dell'OPM messo a disposizione, incamerando quindi euro 648.081.243, circa otto volte quanto ha introitato col taglio degli 85 milioni, che avviene dal 2004 (e dovrebbe essersi concluso proprio col 2009).

Per quanto attiene al punto 2), cioè l'aumento dei finanziamenti alla voce "Fame nel mondo", richiamo la Sua attenzione su due fatti. Il primo è che questa voce è sempre stata la più negletta, in termini assoluti e percentuali. All'eccezione del 2006, quando le fu assegnata l'intera disponibilità dell'OPM statale di circa 5 milioni di euro, fanno riscontro gli anni 2000 e 2008, quando fu completamente ignorata. Al tempo della Sua conduzione virtuosa dell'OPM statale, lo stanziamento per questa voce raggiunse il picco di due milioni e mezzo di euro, che, però, in percentuale restò al 2,62%.
Desidero qui riproporre alla Sua attenzione un passaggio contenuto nel "Parere" (3) della Commissione Bilancio della Camera (27.10.2009), e cioè la richiesta della "garanzia di un migliore equilibrio fra le indicate finalità, con particolare riferimento alla finalità 'Fame nel mondo', alla quale nello schema di decreto [2009] vengono attribuite risorse finanziarie alquanto modeste, a fronte di richieste di finanziamento di importo limitato che avrebbero potuto essere integralmente accolte, diminuendo percentualmente le risorse destinate alle altre finalità".
Quando, fra breve, dovrà operare la distribuzione dei fondi dell'OPM, La prego di ricordare la citazione appena fatta e di tenere presente, al contempo, il secondo fatto, a cui accennavo, cioè che l'Italia è all'ultimo posto (con la Grecia) nel settore degli aiuti alla cooperazione e lo sviluppo del Sud del mondo, contravvenendo a solenni impegni internazionali assunti parecchio tempo fa. In particolare, nel 2009 ha stanziato appena lo 0,22% del PIL, che è ben lungi dall'obiettivo dello 0,51% fissato dalla Unione Europea per il 2010 (che alcune nazioni hanno già superato), in attesa di arrivare allo 0,70% del 2015.
Non pensa che privilegiare la voce "Fame nel Mondo" nella distribuzione OPM statale sarebbe un doveroso risarcimento a questa nostra eclatante mancanza di sensibilità (e di credibilità) internazionale?

Sul punto 3), cioè sull'abolizione dei finanziamenti di opere confessionali con i fondi dell'OPM statale, desidero ricordarLe un'altra raccomandazione della Commissione Bilancio della Camera, contenuta nel già citato "Parere"  della Commissione Bilancio della Camera (27 ottobre 2009), che chiede la "destinazione prioritaria delle risorse destinate agli interventi riferiti alla finalità 'Conservazione dei beni culturali' a progetti presentati da enti locali".
E' vero che la Presidenza del Consiglio, in data 20 ottobre 2009, ad un'analoga osservazione di alcuni membri della suddetta Commissione, aveva risposto, fra l'altro, che "il Codice dei beni culturali e del paesaggio di cui al decreto legislativo 22-1-2004 n. 42, con espresso riferimento all'articolo 9 della Costituzione prevede che la Repubblica tutela e valorizza il patrimonio culturale, considerato come un unicum di cui fanno parte a pieno titolo e con pari dignità i beni degli enti pubblici e quelli degli enti privati compresi gli enti ecclesiastici". Cosa giustissima, in generale. Ma con l'OPM siamo di fronte a fondi che lo Stato ottiene in un modo particolare; cioè l'OPM viene assegnato allo Stato dai contribuenti in diretta concorrenza con delle confessioni religiose, e quindi non è lontano dal vero asserire che tale indicazione è di tipo prettamente laico, vale a dire orientato a beni civili e non religiosi. Quando si chiede di non usare l'OPM stat
ale per
finanziare opere di tipo confessionale (ancorché di grande valore artistico), non si intende dire che lo Stato non debba assolutamente occuparsi della "salvaguardia di beni che, accanto al valore religioso, rivestono importante interesse storico artistico", ma semplicemente che non è politicamente opportuno farlo con i fondi dell'OPM statale, proprio per rispetto della volontà dei contribuenti (che, fra l'altro possono appartenere anche a confessioni religiose ancora in attesa della ratifica di un'Intesa già firmata oppure della firma di una nuova Intesa). Inoltre, Le faccio osservare che ancora oggi nell'OPM statale confluiscono le quote non espresse dei Valdesi e delle Assemblee di Dio in Italia (circa 10 milioni di euro), e anche questo fatto dovrebbe trattenere il Governo dal finanziare opere confessionali cattoliche, come avviene ogni anno massicciamente (nel 2009 la percentuale dell'OPM statale destinato a opere cattoliche –compresa la Pontificia
Università Gregoriana e la Compagnia di Gesù- è stata del 48% dell'intera somma distribuita, mentre alle opere civili è andato appena l'11,37%). Per completare l'informazione, desidero ricordare che delle 394 domande riconosciute valide nel 2009, aventi per oggetto opere cattoliche, è stato finanziato (sia pure parzialmente) il 12,18%, mentre delle 267 richieste per opere civili ne sono state finanziate, sempre parzialmente, solo il 5,6% (le due richieste dei Battisti sono state ignorate). Anche qui, come si nota, vi è una sproporzione fra l'ambito civile e quello religioso-cattolico, a tutto vantaggio di quest'ultimo.
E' altresì vero che l'indicazione della Commissione Bilancio di finanziare prioritariamente, per la "Conservazione dei Beni culturali", i progetti presentati da Enti locali non cancellerebbe del tutto i finanziamenti a opere confessionali, perché a volte sono gli stessi Comuni (o i Ministeri) a presentare progetti di restauro di chiese o conventi (72 sempre nel 2009), ma un'eventuale loro accoglimento metterebbe comunque un argine all'attuale straripamento a favore della chiesa cattolica, che ha veramente dell'intollerabile, specialmente considerando che la stessa Chiesa cattolica, col proprio OPM che sfiora da tempo il miliardo di euro, destina solo il 6-7% alla conservazione dei beni culturali.

La ringrazio dell'attenzione accordata alle mie considerazioni e richieste, che peraltro ritengo non siano irrilevanti per una vita civile e politica giusta e rispettosa delle leggi e delle persone, e, in attesa di un segnale concreto di ricezione delle medesime, Le invio distinti saluti. Annapaola Laldi

NOTA
** Per avere presenti gli stanziamenti dell'OPM statale dal 1998 al 2009 si può consultare la relativa Tabella riassuntiva: http://avvertenze.aduc.it/info/opmtabelle.php
** Per la proposta di distribuire soltanto l'OPM espresso, vedere anche lo scritto del 25 settembre 2009:
Otto per mille: note a margine del Disegno di Legge Poretti/Perduca, all'interno del quale vi sono i link al relativo disegno di legge: http://avvertenze.aduc.it/lapulce/otto+mille+note+margine+disegno+legge+poretti_16336.php
** Sul sito del Governo, attualmente, si possono consultare:
- Un'informativa generale sull'OPM: http://www.governo.it/Presidenza/DICA/2_CONCERTAZIONE_AMMINISTRATIVA_MONITORAGGIO/Servizio_2/ottoxmille/ottopermille.html
- Un archivio di leggi e decreti sull'OPM statale: http://www.governo.it/Presidenza/DICA/2_CONCERTAZIONE_AMMINISTRATIVA_MONITORAGGIO/Servizio_2/ottoxmille/normativa_ottopermille/normativa_aggiornata.html
- Le tabelle di ripartizione OPM dal 2002 al 2007 (per le quali ho chiesto nella lettera l'aggiornamento fino al 2010): http://www.governo.it/Presidenza/USRI/confessioni/intese_indice.html#5
- Un DOSSIER che fa da guida alla presentazione delle domande per l'OPM statale 2010: http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/ottopermille_2010/


(1) http://avvertenze.aduc.it/info/dossieropm.php
(2) http://parlamento.aduc.it/proposta/modifica+alla+disciplina+dell+otto+mille_16317.php
(3) http://www.aduc.it/generale/files/file/allegati/20100604-PARERE%20CAMERA%20OPM%20STATO.pdf

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email aduc@aduc.it
Tel. 055290606
Ufficio stampa: Tel. 055291408

Lotta al lavoro sommerso: in tabaccheria voucher per giovani

Lotta al lavoro sommerso: arrivano in tabaccheria i voucher per i giovani che lavorano in estate  

Novità  per gli studenti che vogliono lavorare in estate. Arrivano infatti i voucher lavoro in diversi settori come il turismo, l'agricoltura, l'organizzazione di eventi, il commercio. Si apre quindi per i giovani la possibilita' di ricevere i voucher come modalita' di pagamento (sono documenti emessi da agenzie di viaggio su fornitori per la prestazione dei servizi in essi indicati e pagati ai fornitori medesimi mediante la semplice cessione del titolo) giacchè rientrano nelle categorie che possono svolgere prestazioni occasionali (come i pensionati, le casalinghe, i cassintegrati, i lavoratori part-time e i disoccupati. Ma c'è una particolarità: gli studenti di età compresa tra i 16 e i 25 anni possono lavorare solo nei weekend e durante i periodi di vacanze come quello che va dal 1° giugno al 30 settembre. Lo strumento dei voucher, introdotto per la prima volta nel 2008, e' stato gia' utilizzato per pagare circa 20mila giovani che rappresentano ben un quarto del total di 80mila lavoratori che hanno usufruito di questo sistema di pagamento.

Il 46 per cento dei voucher sono serviti per remunerare il lavoro in campagna, il 14 per cento per manifestazioni sportive, culturali o di solidarieta', il 9 per cento nel commercio, l'8 per cento nei servizi, il 4 per cento per attivita' turistiche.

L'importo stampato sul voucher comprende anche i contribuiti Inps e la copertura assicurativa e non sono soggetti a ritenute fiscali.

A tale proposito il componente del Dipartimento Tematico Nazionale "Tutela del consumatore" di Italia dei Valori Giovanni D'AGATA ritiene che si tratta di una opportunita' che attraverso la semplificazione delle procedure ha permesso di ottenere importanti risultati nella lotta al lavoro sommerso..

    Lecce, 05 giugno 2010                        

Giovanni D'Agata Componente del dipartimento Nazionale " TUTELA DEL CONSUMATORE " di Italia Dei Valori.



Novità Progedit maggio 2010

Progedit editore

Via De Cesare 15 - 70122 Bari
Tel. 0805230627 Fax 0805237648
e-mail info@progedit.com website www.progedit.com

Gentili amici,

la casa editrice Progedit desidera segnalare alla Vostra attenzione le

Novità di maggio 2010
:


1. Massimo Melpignano, Ho vinto una causa sui bond Argentina

2. Onofrio Pagone, Per un giorno

3. Qwerty. Rivista interdisciplinare di tecnologia cultura e formazione, anno 5, n.1/2010


Ristampe:


1. Leonardo Rinella, La Costituzione della Repubblica Italiana


I volumi possono essere richiesti alla casa editrice per via telefonica, via mail (info@progedit.com) o via fax. Nel nostro sito www.progedit.com potrete scorrere il nostro catalogo.

Vi inviamo i più cordiali saluti
Progedit


SCHEDE DEI VOLUMI








Massimo Melpignano


Ho vinto una causa sui bond Argentina




Collana: Reti

2010, pp. 96, € 12.00
ISBN: 978-88-6194-083-3













Il libro

"Credo che la prima cosa che un avvocato debba mettere nel suo mestiere sia il cuore; la testa viene subito dopo. Faccio l'avvocato perché ho dentro di me queste cose da sempre: è il mio modo di lottare per il riequilibrio di diritti lesi." Massimo Melpignano appartiene alla schiera di coraggiosi, intraprendenti, inusuali paladini sempre più rari ma, proprio per questo, tanto più affascinanti. E vi racconta in questo libro un decennio di battaglie, paladino a difesa dei consumatori, con la semplicità comunicativa di chi è abituato ad avere a che fare con la gente, con la cura argomentativa di chi è solito scrivere il giusto per non dare adito a fraintendimenti. Una storia di uomini e di banche, di soprusi e di rivincite, di progetti di vita spezzati da truffe sottilmente congegnate e da difficili e coraggiose cause riparatorie di giusti equilibri tra diritto e danno. La causa (vinta) dei bond Argentina come le altre sono, in tal senso, oltre che un evento di nazionale rilevanza giuridica, un paradigma, per i più e meno giovani, a monito del senso che oggi può avere la giustizia e una professione come quella dell'avvocato.


L'autore


Massimo Melpignano è nato a Bari il 24 giugno 1964. Laureato cum laude, è avvocato cassazionista. Difende nei Tribunali di tutta Italia i consumatori, in particolare contro i soprusi del sistema bancario. Ha ottenuto molti importanti provvedimenti di rilevo nazionale per la promozione dei diritti dei consumatori, quali il primo decreto ingiuntivo in Italia contro una banca per la consegna di documentazione relativa a investimenti finanziari, la rimessione alla Corte costituzionale del c.d. "Decreto salva compagnie", il pignoramento di una banca per ottenere la restituzione di somme investite in bond Argentina, la prima consulenza tecnica preventiva in Italia a tutela degli obbligazionisti di Banca Lehman Brothers. È responsabile della associazione di consumatori Adusbef e componente del Consiglio regionale consumatori e utenti (Crcu). È mediatore e conciliatore accreditato presso CCIAA Bari e Poste Italiane. È stato consulente legale ed esperto fisso in studio del programma televisivo "SalvaDiritti". I suoi interventi a tutela dei diritti dei consumatori sono richiesti da trasmissioni televisive e radiofoniche e dalla carta stampata. Docente in convegni e seminari, è citato come fonte in varie monografie su problematiche consumeristiche. Autore di testi giuridici, dal febbraio 2010 è responsabile nazionale del Dipartimento consumatori e risparmiatori dell'Italia dei Valori. È molto attivo sul web. Cura il portale dedicato alla tutela dei consumatori www.studiomelpignano.it









Onofrio Pagone


Per un giorno




Collana: Racconti

2010, pp. 128, € 14.00
ISBN: 978-88-6194-084-0













Il libro

Sette storie, tutte vere eppure trasfigurate e rielaborate fino a diventare immaginarie: non più vere ma verosimili, filtrate dalla fantasia e dai sentimenti. Come nella giostra degli specchi deformanti, la realtà viene trasformata ed esasperata pur rimanendo sempre quella che è. In Per un giorno lʼautore - un giornalista abituato a raccontare fatti di cronaca - diventa così cronista dellʼanima, voce narrante e protagonista di vicende umane che durano un giorno o in un giorno trovano la propria chiave di volta. Ora surreale. Ora ironica. Ora grottesca. Ora drammatica. La narrazione oscilla tra la realtà e la fantasia; ma ogni racconto lascia emergere emozioni e sensazioni, il profumo della vita e il sapore delle amarezze. In queste storie quotidiane si riconosce tutta lʼavventura umana; si ritrovano il suo ritmo e la sua problematica sociale: dal pizzo sulla sepoltura alla passione distorta per gli animali domestici, dal rapporto con gli immigrati alla nevrosi condominiale, dallʼomosessualità alla maternità esibita, dalla passione per la danza alla relazione padre-figlia, dai dubbi religiosi alla spiritualità monastica. Davanti agli specchi di quella giostra, ciascuno si riconosce. La descrizione minuziosa delle situazioni e dei personaggi catapulta il lettore allʼinterno del racconto e trascina a galla le piccole ossessioni e le inquietudini più profonde, le paure esistenziali e lʼeterna insoddisfazione. Ciò che appare verosimile, a tutti in fondo risulta vero.


L'autore


Onofrio Pagone (Bari, 1960) ha avuto finora una sola passione: il giornalismo. Iscritto allʼOrdine professionale già a ventʼanni, ha cominciato dai tempi del liceo in radio e tv locali, collaborando poi con uffici stampa, periodici, quotidiani e agenzie di informazione. Per quasi quindici anni cronista per lʼAnsa, è stato anche inviato di guerra in Somalia e poi in Albania. Dopo una parentesi romana, dal 2000 vive a Bari e lavora per "La Gazzetta del Mezzogiorno". Al Quirinale nel ʼ98 gli è stato conferito il "Premio Saint Vincent di Giornalismo" per i suoi servizi sullʼesodo biblico di profughi albanesi lungo le coste pugliesi; nel 2006 è stato segnalato come cronista dellʼanno al "Premio Michele Campione" per articoli sullʼalluvione nel Barese nellʼautunno precedente. La fotografia è il suo hobby; la musica la sua musa.











Qwerty 1/10
Rivista interdisciplinare di tecnologia cultura e formazione




Collana: Riviste

2010, pp. 80, € 15.00
ISSN: 1828-7344-51













Il libro

Questo nuovo numero della rivista "QWERTY", intitolato "Tecnologie, Individui e Comunità: le sfide per un cambiamento culturale", comprende un articolo ad invito e 3 studi. Nell'articolo ad invito Kennet Gergen focalizza la sua attenzione sugli effetti dalla comunicazione mobile, con particolare riferimento all'utilizzo nella vita quotidiana del telefono cellulare. Nel primo dei tre studi Sanne Akkerman and Äli Leijen affrontano il tema di come i futuri studenti universitari potranno affrontare le ambiguità del mondo on line. Eleonora Brivio e Francesca Cilento, nel secondo studio, analizzano il ruolo della percezione dellʼautoefficacia rispetto al divario digitale tra giovani, con riferimento al genere e alle modalità di utilizzo del computer. Nell'ultimo studio, infine, Annarita Celeste Pugliese esplora i processi di categorizzazione in-group implicati nei messaggi di un leader politico e dei suoi elettori scritti nel blog ufficiale delle elezioni amministrative comunali.


Gli autori


Il comitato scientifico comprende più di trenta docenti delle maggiori università di ogni angolo del mondo.









Leonardo Rinella


La Costituzione
della Repubblica Italiana




Collana: Strumenti

2010, pp. 64, € 5,00
ISBN: 978-88-6194-059-8













Il libro

La Costituzione della Repubblica italiana è una sorta di stella polare della vita civile e del dibattito sul futuro del paese. Non passa giorno che non venga richiamata, tanto da indurre a una sua reintroduzione nei programmi scolastici. Ma che cosa è la Costituzione? Come è articolata? Quali sono i suoi dettati principali e imprescindibili? Con l'ausilio di un ex magistrato, forte della sua quarantennale esperienza, ripercorriamo articolo per articolo la Carta costituzionale. Il linguaggio è semplice, rivolto ai giovani, che rappresentano la principale risorsa del paese per l'avanzamento dei diritti e dei doveri del cittadino. Per questo lo slogan può essere "La Costituzione su ogni cattedra. La Costituzione in ogni casa".


L'autore


Leonardo Rinella (Bari 1937) è stato magistrato fino al 2000. Autore di numerose monografie giuridiche in tema di armi, stupefacenti e polizia giudiziaria, nonché di articoli apparsi su riviste giuridiche specializzate, ha scritto tre volumi sulle sue esperienze in magistratura: "Retrocessioni" (1994), "Pedalando senza scorta" (Bari 1996) e "Scrivo…quindi sono" (2001). Per i nostri tipi ricordiamo "Dieci anni di mafia a Bari e dintorni. Dal Conte Ugolino al Canto del cigno" (2006), "Il processo a Gesù. Un processo ingiusto in violazione dei diritti fondamentali dell'uomo" (2004). "Un nodo da sciogliere" (2006), il giallo della scomparsa di una bambina.



Il Salento...una terra tutta da scoprire!

Questo lembo di terra al confine del Bel Paese, situato all'estremo sud, è caratterizzata dalle tantissime influenze delle popolazioni che, in passato, hanno scelto questa terra come loro casa; come non capirli! Per innamorarsi del Salento è sufficiente fare una passeggiata sulle lunghe spiagge, presenti lungo la costa, e tuffarsi nel mare sempre cristallino e dalle tantissime tonalità dell'azzurro e del blu.
 
Oppure ci si può innamorare dell'entroterra del Salento, dei suoi paesaggi sempre variegati, della sua campagna incontaminata e caratterizzata dalle distese di alberi di ulivo, tradizionale coltura del luogo, da cui si ricava l'olio di oliva, una delle tantissime eccellenze alimentari della Puglia e soprattutto del Salento. Inoltre, come non innamorarsi dei tanti colori dei fiori selvatici che la natura regala soprattutto nella stagione primaverile.
 
Soggiornare durante le vacanze nel Salento è come vivere in un vero e proprio paradiso terrestre a pochi chilometri da casa. Il Salento, con il suo mare, le sue spiagge, le sue coste rocciose, il suo entroterra dominato da una natura incontaminata, non ha nulla da invidiare alle destinazioni turistiche più ricercate del panorama internazionale.


 




Messenger Radio. La radio che si fa cliccare!

Attività didattica a Topos

 

Dopo la pausa estiva, riprenderà l'attività didattica presso TOPOS, lo spazio corsi di Via Pinelli 23, a Torino.

Saranno attivati: i corsi di OASI sullo spettacolo (laboratorio teatrale IL SOGNO ANIMANTE e corso di tecnica vocale IO CANTO!) e sulla comunicazione (dizione, lettura ad alta voce, uso della voce, public speaking, comunicazione efficace, storytelling) ed i corsi di TOPOS sul movimento e benessere (yoga, ling tai chi chuan, autodifesa femminile) e sulle discipline olistiche (costellazioni familiari, metodo Bates, reiki, divinazione).

Inoltre, gli spazi di Topos sono a disposizione per attività ospiti in affitto (affrettarsi! Ultime disponbilità in orari preserali e serali).

Per informazioni: tel. 011.76.00.736 oppure 011.669.95.94, mail oasi@oasitopos.eu oppure topos@oasitopos.eu.

 
 
 
Tullio Lucci
OASI SPETTACOLI E CORSI
Via Saluzzo 23, 10125 Torino
tel./fax 011.669.95.94
cell. 380.512.86.08
e mail oasi@oasitopos.eu
www.oasitopos.eu

Comunicato stampa "iLibri" del 10 giugno 2010. Presentazione del libro Abitare. Un viaggio nelle case degli altri

Giovedì 10 giugno alle 17, nella Sala Goldoniana dell'Università per Stranieri di Perugia avrà luogo l'ultimo appuntamento de "iLibri. Scrittori e critici di Stilos alla Stranieri", organizzato dalla Fonoteca regionale "Oreste Trotta", da "Umbrialibri" e dal magazine librario "Stilos", in collaborazione con l'ateneo perugino.

"iLibri" è un ciclo di cinque presentazioni pubbliche di altrettanti libri italiani diversi per genere, accomunati dal fatto di essere stati recensiti e selezionati da "Stilos", la rivista siciliana a tiratura nazionale che ha ripreso le sue pubblicazioni lo scorso gennaio. Fondata nel 1999 da Gianni Bonina, vanta tra i suoi collaboratori: Antonio Debenedetti, Enzo Golino, Seia Montanelli, Benedetta Centovalli, Arnaldo Colasanti, Guido Conti, Andrea Cortellessa, Filippo La Porta, Giulio Mozzi, Sergio Pent, Silvio Perrella, Vanni Ronsisvalle. Dal primo incontro del 19 marzo, "iLibri" ha presentato gli ultimi romanzi di Alberto Ragni e di Arnaldo Colasanti, il trattato di Massimo Onofri su Pellizza da Volpedo, la recentissima biografia di Jean Claude Izzo scritta da Stefania Nardini.


Giovedì 10 giugno Seia Montanelli presenterà "Abitare. Un viaggio nelle case degli altri" (edito da Terre di Mezzo) assieme ai curatori Giulio Mozzi e Clementina S. Ammendola.


"Abitare. Un viaggio nelle case degli altri" è frutto di un progetto realizzato dalla cooperativa sociale "Progetto Muret" di Torino, con il contributo di Fondazione Vodafone, che ha coinvolto in laboratori di scrittura creativa un gruppo di disabili psichici ed alcuni cittadini torinesi. Sotto la supervisione di Mozzi e della Ammendola, il gruppo di autori ha condotto una serie di interviste a persone "comuni" all'interno delle loro abitazioni. Ad ognuno è stato chiesto di spiegare il proprio concetto di "abitare": una domanda apparentemente semplice, che ha portato a riflessioni sorprendenti. Pentolini che risvegliano ricordi d'infanzia, cassettoni enormi in cui ci si nascondeva da piccole, pattine che non ci si può togliere neanche da seduti: la casa è il luogo della memoria e delle piccole ossessioni quotidiane, di fantasie e storie quasi epiche di conquista. Gli intervistatori hanno convinto gli abitanti di Torino ad aprire le porte delle loro case, a condividere una vulnerabilità, a rilevare gli infiniti modi in cui ci si prende cura dei propri spazi, trasformando i loro racconti nelle voci di un grande e variegato dizionario affettivo.

Giulio Mozzi è scrittore, docente di scrittura e consulente editoriale. Ha lavoratore per le edizioni "Teoria" e ha curato la narrativa italiana per "Sironi". È consulente di "Einaudi Stile Libero". Cura il blog "Vibrisse Bollettino". È noto per i suoi libri di racconti: Enzo Siciliano lo inserì nel Meridiano "Racconti italiani del Novecento". Come talent scout letterario ha promosso gli esordi di Vitaliano Trevisan, Laura Pugno, Tullio Avoledo, Leonardo Colombati, Giorgio Falco.

Clementina Sandra Ammendola, sociologa, ha conseguito un Master sull'Immigrazione all'Università di Venezia. Ha pubblicato racconti su varie riviste ed antologie. È stata membro del comitato editoriale di "El Ghibli. Rivista ondine di letteratura della migrazione".

Seia Montanelli è critica letteraria e redattrice di quotidiani e di riviste come "Stilos" e il "Corriere Nazionale". È stata editor e redattore di "Origine", ha collaborato a "La Tribuna", "Medicine Show", "No tag", "Il sottoscritto". Si occupa di consulenza editoriale e di editing. Cura le relazioni pubbliche di "Stilos" ed il blog letterario "Paese d'ottobre".


Come per i precedenti incontri, la Fonoteca regionale realizzerà una colonna sonora e delle videoproiezioni "a tema" per accompagnare l'incontro.

Ingresso libero.

 

Info: 075.5723308

fonotecatrotta@tiscali.it

www.frot.regioneumbria.eu

www.facebook.com/people/Fonoteca-Trotta/1175214880

www.stilos.it

http://www.facebook.com/event.php?eid=128061497211738&ref=mf

http://www.facebook.com/find-friends/index.php#!/pages/Perugia-Italy/iLibri-Scrittori-e-critici-di-Stilos-alla-Stranieri/353126357909?ref=mf

http://www.facebook.com/#!/pages/Stilos/318668156012?ref=ts


invio comunicato 5 giugno 2010

COMUNICATO STAMPA

Il Piano Strutturale e il futuro di Bagno a Ripoli - Incontro con i cittadini

        Il Comune di Bagno a Ripoli organizza l'iniziativa "Il Piano Strutturale e il futuro di Bagno a Ripoli", incontro pubblico sulle strategie definite nel Piano Strutturale dopo i passaggi in Regione Toscana e Provincia di Firenze, che si svolgerà lunedì 7 giugno 2010, alle ore 21.30, presso la Biblioteca Comunale, in via di Belmonte, a Ponte a Niccheri (Bagno a Ripoli/Firenze).
        Saranno presenti:
        il Sindaco Luciano Bartolini
        l'Assessore al Governo del Territorio Claudio Tonarelli
        gli altri Assessori
        La cittadinanza è invitata a partecipare. Informazioni: Call Center Linea Comune, tel. 055.055, da lunedì a sabato, ore 8-20.
        "L'incontro di lunedì e il successivo Consiglio Comunale di mercoledì – hanno dichiarato il Sindaco Luciano Bartolini e l'Assessore al Governo del Territorio Claudio Tonarelli – sono gli ultimi due appuntamenti prima dell'importante passaggio dell'adozione del Piano Strutturale del nostro Comune, una tappa fondamentale per ridisegnare la Bagno a Ripoli del futuro. L'incontro di lunedì servirà a riportare ai cittadini gli esiti della concertazione con la Regione e con la Provincia e a discuterne pubblicamente. Dopo i tempi tecnici in cui il Piano adottato sarà stato pubblicato e saranno state raccolte e vagliate le ulteriori osservazioni, si andrà alla definitiva approvazione da parte del Consiglio Comunale".

L'ADDETTO STAMPA e PORTAVOCE
Enrico Zoi

Bagno a Ripoli, 5 giugno 2010
L'ente locale deve un'informazione chiara e corretta al Cittadino (Art. n. 10 Decreto Legislativo 18.8.2000, n. 267, 'Testo Unico delle Leggi sull'Ordinamento degli Enti Locali').

www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it - E-mail: urp@comune.bagno-a-ripoli.fi.it
In caso di errata trasmissione chiamare Ufficio Stampa (tel. 055/6390.218)



Enrico Zoi

Addetto Stampa

Comune Bagno a Ripoli
Piazza della Vittoria n. 1
50012 Bagno a Ripoli (FI)
tel 055 6390.218 fax 055 6390.210 cell. 335.7632.243
e-mail enrico.zoi@comune.bagno-a-ripoli.fi.it



 _____  


Il presente messaggio, allegati inclusi, è personale, ed è rivolto unicamente alla persona a cui è indirizzato. Chiunque ricevesse questo messaggio per errore o comunque lo leggesse senza esserne legittimato è avvertito che trattenerlo, copiarlo, divulgarlo, distribuirlo a persone diverse dal destinatario è severamente proibito ed è pregato di rinviarlo immediatamente al mittente distruggendone l'originale. Grazie.








venerdì 4 giugno 2010

eventi in calabria

>>C'ERA UN VOLT ARRIVA IN CALABRIA PER RACCONTARE LA STORIA DELL'ENERGIA
>>
>>Il camper di "C'era un volt" (progetto sviluppato dall''Archivio Storico
>Enel
>>e Memoro - la Banca della Memoria) è in arrivo nella centrale Enel di
>>Castrovillari, domani 5 giugno, e in Piazza Duomo a Reggio Calabria , il
6
>>giugno.
>>Chiunque lo vorrà, potrà rilasciare una breve video intervista che sarà
>>pubblicata sul sito web per poi andare ad integrare l'Archivio storico
Enel
>di
>>Napoli. Gli operatori di "C'era un volt" saranno a disposizione per
>catturare
>>la memoria della diffusione dell'energia in Italia. Il tour prevede 40
>tappe
>>nelle centrali Enel e nei capoluoghi in tutte le regioni, quarantasei
giorni
>di
>>lavoro, quasi 10mila chilometri da percorrere e più di trecento persone da
>>intervistare. Le tappe di raccolta di memoria sono suddivise secondo due
>>tipologie: all'interno degli stabilimenti di produzione Enel (20 giornate)
>e
>>piazze pubbliche (20 giornate). Gli eventi nei centri di produzione hanno
>come
>>obiettivo la raccolta di testimonianze storiche sull'impianto produttivo
>(la
>>costruzione dell'impianto, l'evoluzione processi produttivi, l'impatto
>>ambientale); gli appuntamenti nelle più belle piazze dei capoluoghi di
>regione,
>>invece, vanno a coinvolgere la popolazione locale nella raccolta di
>>testimonianze sul concetto di energia elettrica quale vettore di progresso
>e
>>modernizzazione. Parallelamente al tour, come previsto dal progetto "C'era
>un
>>Volt", è online il sito web www.ceraunvolt.it per la fruizione dei
contenuti
>e
>>la partecipazione degli utenti sfruttando i principi del Web 2.0. Già oggi
>sono
>>disponibili tutte le video-interviste finora realizzate durante il Tour,
ma
>non
>>solo: sono infatti visibili anche contenuti multimediali inseriti e
>condivisi
>>dagli utenti. La presentazione dei risultati avverrà infine presso
>l'archivio
>>Storico Enel nella seconda metà di settembre 2010, con un evento
conclusivo
>per
>>commentare i lavoro. Per chi desidera raccontare la sua storia
'energetica'
>>agli operatori di "C'era un volt" è invece aperta una sezione di
>prenotazione
>>sul sito internet www.ceraunvolt.it e un numero verde 800913789.
>>
>>
>
>

richiesta attivazione account

Gentili Signori,
come da indicazioni presenti sul vostro sito,
chiedo l'attivazione di un account per la pubblicazione di comunicati su

http://comunicatostampa.blogspot.com

Cordiali saluti,
Antonio Aprile

Grande successo di Terre di Romagna all'Ambasciata in Olanda




"Terre di Romagna" in Olanda

Cucina e sapori di Romagna trionfano all'Ambasciata d'Italia

Nella Festa della Repubblica organizzata dall'Ambasciatore italiano a L'Aia, primi piatti e prodotti romagnoli hanno ammaliato i prestigiosi ospiti; la missione in Olanda del progetto Terre di Romagna, prosegue nel fine settimana a Utrecht alla fiera di pubblico presso il Castello di Haar

L'Aia, 3 giugno 2010Lasagne di Romagna, risotto con gamberi ed asparagi, penne al pesto: sono state tre le minestre richieste dall'Ambasciatore S.E. Franco Giordano, per presentare primi piatti italiani ai Corpi diplomatici di Stati di tutto il mondo, esponenti della Casa Reale, autorità militari europee, rappresentanze commerciali e culturali italiani in Olanda, in occasione della "Festa della Repubblica italiana" che si svolge ogni anno presso le Ambasciate d'Italia nelle capitali mondiali.

Nel tardo pomeriggio del 2 giugno, sino a sera inoltrata, l'Ambasciatore Franco Giordano e consorte hanno personalmente ricevuto sulla soglia della sede diplomatica, ciascuno degli oltre 700 ospiti, che dopo l'aperitivo raggiungevano la sala ove lo chef Sergio Canducci, il maitre Antonio Purificato con i collaboratori della Scuola di Ristorazione di Cesenatico, curavano il servizio degli apprezzatissimi primi piatti.

Nell'attiguo giardino allestito dell'ambasciata, si potevano invece degustare selezioni di eccellenze enogastronomiche italiane, curate dalla CIA- Confederazione Italiana Agricoltori. Solo la Romagna – come singolo territorio - godeva eccezionalmente di un grande spazio riservato, "Terre di Romagna", gestito da Romagna Terra del Sangiovese: e così le collaboratrici dello staff romagnolo hanno potuto e saputo fare assaggiare e degustare – raccontando caratteristiche e peculiarità dei prodotti ad un pubblico qualificato ed attento- ottimi vini di Romagna (Sangiovese, Albana, Pagadebit, Centesimino), confetture e prodotti delle tradizioni (savor, fichi caramellati, scalogno, miele, ciccioli, formaggio di fossa, squaquarone, piadina, ciambella romagnola), olio extravergine di oliva, salumi nostrani, e bellissime ciliegie ed albicocche del cuore della Romagna… Non mancava naturalmente anche lo spazio promozionale, con folder e depliant sulle offerte turistiche della Romagna "quattro stagioni": arte, mare, enogastronomia, terme, divertimento…

I responsabili degli enti promotori del progetto "Terre di Romagna" presenti in Ambasciata (Antonio Nannini - Camera di Commercio Forlì-Cesena, Giovanni Casadei Monti - Camera di Commercio di Ravenna, Angelo Lobianco - SEAF aeroporto di Forlì) hanno potuto intessere – grazie all'Ambasciatore italiano - conoscenze e contatti (con Edoardo Francati ENIT Olanda, Francesco Pagnini ICE Amsterdam, Teo Pace importatore Delicatessen en Wijnen) che saranno proficui per lo sviluppo delle relazioni turistiche e commercio di prodotti agroalimentari: attraverso l'individuazione di workshop tematici, e la organizzazione in Olanda di iniziative e presentazioni costruite in sinergia coi citati partner, nonché eductour in Romagna per opinion leader olandesi.

Il ragguardevole successo di Terre di Romagna ed i partner della C.I.A. a questo prestigioso ricevimento, è testimoniato dal vivo ringraziamento finale dell'Ambasciatore Giordano, e della Sua gentile consorte, che ha avuto parole ammirate e lusinghiere per la qualità enogastronomica del ricevimento.

La missione romagnola in Olanda proseguirà dal 4 al 6 giugno con la presenza alla Fiera "De Smaak van Italie", nel pittoresco Castello de Haar nei pressi di Utrecht. Qui sarà allestito lo stand "Terre di Romagna" con punto di degustazione eno-gastronomico, ricco di tanti prodotti tipici e tutta la varietà dei vini della Romagna centrale. Saranno altresì pubblicizzate e distribuite alle migliaia di visitatori della fiera, proposte, temi e spunti di viaggio, pacchetti ed itinerari, da parte di club di prodotto, Enti ed associazioni del territorio romagnolo , che testimoniano e segnalano varietà, ricchezza e convenienza delle offerte dei territori di Ravenna e Forlì-Cesena, nel cuore della Romagna

La mission romagnola in Olanda è significativa iniziativa del Piano di Marketing allargato per le due province di Forlì-Cesena e di Ravenna, promosso dalle rispettive Camere di Commercio e dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì. Due Camere di Commercio, un unico territorio da promuovere con azioni comuni, secondo un'ottica di collaborazione e un disegno strategico di valorizzazione delle singole peculiarità, con ente attuatore la SEAF (aeroporto di Forlì). Attraverso l'esperienza passata si è venuto consolidando un programma che non è solo di promozione turistica in senso stretto, ma di marketing del territorio, dei suoi prodotti e delle eccellenze nei più svariati aspetti, dal turismo alla cultura, dall'enogastronomia all'artigianato. I Paesi verso i quali sono rivolte le attività sono l' Olanda, il Belgio, la Svezia, la Danimarca, la Germania, il Regno Unito, la Polonia. In questo contesto il Piano può contribuire a rilanciare la struttura aeroportuale di Forlì, in posizione strategica per il flusso turistico di Forlì, Cesena e Ravenna


_____________________________________

Roy Berardi

Giornalista - turismi emergenti - marketing territoriale

roybera@tin.it

Relazioni pubbliche

"Romagna Terra del Sangiovese"

Membro

Commissione per la promozione ed il sostegno

del turismo enogastronomico - Ministero del Turismo

__

Michele Cennamo: Attraverso un vetro


La poesia diventa "digitale": nel mondo dell'editoria elettronica, la casa editrice Liber Iter si rivolge all'estero e pubblica in inglese e spagnolo.

 

La casa editrice Liber Iter, ormai da anni impegnata alla promozione del libro elettronico, affronta il grande passo di rivolgersi al pubblico estero. Questa decisione è conseguente alla forte richiesta di poter leggere alcune opere, da essa pubblicate, anche in altre lingue. Da qualche settimana infatti è stato pubblicato il lavoro di Leonardo Echeoni 'I segreti della pittura e del suo mercato' prima in spagnolo e poi in inglese e da qualche giorno è disponibile anche il poema 'Attraverso un vetro' di Michele Cénnamo.

Lo sforzo fatto dalla Liber Iter per accontentare il pubblico d'oltralpe è in linea anche con certe scelte della casa editrice stessa che propone la diffusione della cultura italiana nel mondo grazie alle potenzialità che la telematica consente. Difatti ogni opera può raggiungere qualsiasi parte del mondo ove si trovi un computer e quindi la possibilità di tradurre le opere consente di soddisfare l'interesse della popolazione estera per altro più ben disposta  verso le innovazioni nel campo librario degli Italiani.

Le due opere pubblicate sono state scelte proprio perché meglio propongono la figura dell'Italia all'estero portando con se la bandiera dell'arte e della poesia così sentite e importanti per la cultura del nostro paese.

Il testo di Leonardo Echeoni è un piccolo trattato concettuale di come realizzare e leggere un quadro, con una ricca spiegazione di come muoversi nel campo del mercato dell'arte.

Il poema di Michele Cénnamo invece è la testimonianza di come certa vena poetica non muore mai e sa  parlare  ad ognuno con delicatezza e sensibilità.

Due opere di sicuro valore che la Liber Iter ha deciso di far diventare internazionali per poter portare al mondo la ricchezza del patrimonio culturale italiano.

 

 posted by www.corrieredelweb.it



Amanda Nebiolo e Ignazio Visconti esportano l'arte in Corea del Sud

Palermo, 04/06/2010

Sempre più di frequente il Sud Corea si rivolge con interesse al mondo
dell'Arte Moderna e Contemporanea. Molte le iniziative promosse da istituzioni
ed enti pubblici e privati, ma anche da appassionati e mercanti in cerca di
affari e di talenti. In questo vivace spirito di ripresa e di orgogliosa
attività culturale si inserisce "Quarter", evento internazionale che vede
coinvolti artisti da ogni parte del mondo. Tra i nomi presenti, c'è quello di
Ignazio Sabini Visconti (scultore italo-francese), affiancato a quello di
Amanda Nebiolo (scrittrice e artista intrigante e dallo stile pittorico basato
su immagini di grande impatto emozionale) e di Mara Masella (fotografa
surrealista salernitana). Sede dell'evento è la città di Anyang, nella
provincia a sud di Seul.




Ufficio Stampa Katia Venturino
Collezioni d'arte

katia.venturino@libero.it

Fai shopping e parti in vacanza: da oggi è possibile con Tripper.

La nota Travel Agency ha creato un nuovo servizio che permette, a chi fa shopping presso dei negozi affiliati al programma, di ricevere il 100% di quanto speso in buoni vacanze o in buoni shopping.
Per questo è nata Tripper Card, la card che presenta un doppio vantaggio: per i consumatori, quello di premiare il loro piacere di fare shopping con la possibilità di ricevere il 100% della spesa in buoni vacanze o in buoni shopping; per gli esercenti, quello di potersi promuovere in maniera originale e accattivante nei confronti dei consumatori, con effetti positivi in termini di vendite e fidelizzazione e allargamento della clientela.
Per l'occasione è stato appositamente registrato presso l'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi il marchio "Credito Vacanze®", al fine di contraddistinguere le particolari caratteristiche e i benefici dei servizi offerti, nonché di tutelare i termini di utilizzo da possibili contraffazioni.
Tripper è stato presentato ufficialmente fra gli applausi: il 12 maggio 2010 alla Confcommercio di Roma, durante un seminario ad hoc presso la Sala Salemi, c'è stato il battesimo ufficiale del servizio. Decisi i consensi per una modalità di promozione brillante e rivoluzionaria, vantaggiosa per gli esercenti e allettante per i consumatori.
Premiare il tuo shopping con la vacanza che sogni da oggi è possibile: basta fare un salto su www.trippercard.it.
Con Tripper più compri, più risparmi.

Viaggia in Web.

Viaggi, disagi e truffe. Stasera alle 23 l'Aduc su Tv7, settimanale del Tg1

Viaggi, disagi e truffe. Stasera alle 23 l'Aduc su Tv7, settimanale del Tg1

Firenze, 6 Giugno 2010. In vista delle partenze estive e dopo i disagi procurati dal vulcano islandese e le assurde prese di posizione di Ryanair (che ha definito bastardi i clienti che reclamano un rimborso - 1), Il settimanale del Tg1-Rai, Tv7, ha realizzato un servizio sui disservizi provocati da tour operator, vettori aerei e alberghi che andra' in onda stasera venerdi' 4 giugno alle ore 23. Oltre alle testimonianze dei viaggiatori vessati, interverra' il presidente dell'Aduc, Vincenzo Donvito.

(1) http://www.aduc.it/vignetta/ryanair+clienti+sono+bastardi_17645.php

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email aduc@aduc.it
Tel. 055290606
Ufficio stampa: Tel. 055291408

Scotch Ale: esce "Brivido", nuovo singolo e nuovo video per la band indie!

 

 

 


 

Scotch Ale: esce “Brivido”, nuovo singolo e nuovo video per la band indie!


Il nuovo singolo della band trevigiana,

ispirato a “Viaggio in occidente” classico della letteratura cinese…

 


 

 “Brivido” è il nuovo video estratto dal fortunato album “R+R” (uscito in versione italiana e inglese), ispirato al classico della letteratura cinese “Viaggio in occidente” (http://it.wikipedia.org/wiki/Viaggio_in_Occidente), che la band riadatta in chiave moderna, strizzando l’occhio anche alla cultura “Usa on the road”. Nel romanzo 3 personaggi (il Re Scimmia, personaggio famoso quanto Topolino in Cina che tra le altre cose ha ispirato “Son Goku” nella serie “Dragon Ball”, il Demone Fluviale e il Maiale), intraprendono un lungo e tortuoso cammino attraversando degli ostacoli, per raggiungere dei Sacri Testi.

Secondo la band, questa è un po’ la metafora del “fare musica” ai giorni nostri.

 

Nel solo 2009, Paramount Pictures Hollywood ha voluto la loro “Close my eyes”, privilegio che pochi artisti italiani (che cantano in inglese e non) hanno avuto;

sono stati selezionati da Rock Tv come uno dei migliori progetti rock emergenti;

hanno vinto il premio per il “miglior inedito” al concorso “Note a Pennello”;

sono stati finalisti di concorsi nazionali come Gmp @ Mei 2009 e Sanremo.59 (grazie alla quale sono saliti sul palco del Teatro Ariston);

“Least but not last”, si sono fatti conoscere sul Web per le popolari iniziative “viral” (in particolare “Scotch Ale vs Tband” e “Scotch Ale saves Xmas 2”).


 

Nel 2010 il singolo VOLA VIA, in rotazione nelle più importanti Web Tv e in alcuni dei principali Network musicali, ha permesso alla band trevigiana di ricevere apprezzamenti dalle radio.

Oozer.com li ha selezionati come vincitori del contest “Share the Stage” e il loro Mini Tour ha toccato i live Club più importanti della penisola, dando loro la possibilità di aprire i concerti di band come LINEA 77, IL TEATRO DEGLI ORRORI e di artisti come PAOLO BENVEGNU’.

 

 

Paolo Meneguzzi : dal 1° giugno "Miami", il nuovo album.

 
Paolo Meneguzzi : dal 1° giugno “Miami”, il nuovo album.
 
 
A due anni dall’ultimo fortunato “Corro via”, esce nei negozi il nuovo album di inediti (il decimo) di Paolo Meneguzzi intitolato “MIAMI”, proprio come la nota città della Florida scelta come base logistica dallo stesso Paolo negli ultimi due anni, ma anche come il verbo che è da sempre il comune denominatore dei più grandi successi di questo artista che ha venduto nel mondo oltre un milione di copie.
“Durante gli ultimi due anni ho vissuto a MIAMI per promuovere il mio album “MUSICA”  in USA e LATIN AMERICA...L’ho potuto fare grazie alla collaborazione con l'etichetta di Ricky Martin , la RM Entertainment, ed anche grazie al manager Bruno Del Granado che ha deciso di promuovere la mia musica oltre oceano. E’ stato un lavoro intenso ma denso di grandi emozioni e di soddisfazioni: sono passato dagli studi di MTV a TIME SQUARE - New YORK, alle radio piu' importanti che in tutta America si rivolgono preferibilmente al mercato Spagnolo. Ho promosso il disco in tutta l'AMERICA del Sud.. Dal Cile fino a PORTO RICO.. E nel 2009 sono tornato persino come ospite al Festival di Vina del Mar in Cile insieme a Carlos Santana e ai Simply Red”.
L’album “Musica” raccoglie il meglio della recente produzione italiana dell’artista ed è anticipato dal grande successo radiofonico dell’omonimo singolo “Tu eres musica”, già in alta rotazione a Miami, Los Angeles e New York. 
Vogue inoltre ha incoronato Meneguzzi come uno dei trend setter del mondo latino. 
Il canale musicale di maggior rilevanza del mondo spanglish, MTV tr3, lo pubblicizza con grande convinzione inserendolo al secondo posto della sua classifica.
Il nuovo album “Miami” è stato anticipato dal singolo “Imprevedbile”, (in tutte le radio a partire da venerdì 30 aprile), che staziona ai vertici delle charts italiane.
“Il singolo “Imprevedibile” e' rivolto ad una persona semplice ma solo all'apparenza, ma che anzi non tarderà a mostrarsi stravagante, costantemente alla ricerca di qualcosa di nuovo, un’abile stratega, provocante e a volte velenosa...
 

 

 

 

 

Crisi Edilizia: Associazioni e Sindacati insieme

 COMUNICATO STAMPA

 

CRISI DELLE COSTRUZIONI NEL LAZIO: ASSOCIAZIONI E SINDACATI INSIEME

 

Roma, 4 giugno 2010

 

Si è svolto presso la sede della Federlazio un incontro tra i rappresentanti delle principali Associazioni imprenditoriali e dei Sindacati dell'edilizia di Roma e del Lazio. Presenti all'incontro, oltre al Presidente della Federlazio Maurizio Flammini e a quello di Federlazio Edilizia Antonio D'Onofrio, il Presidente dell'Acer Eugenio Batelli, il Presidente di Ance Lazio Urcel Stefano Petrucci, il Presidente dell'Unione Costruzioni e Restauro di Cna Roma Alessandro Maruffi, il Coordinatore di Lega delle Cooperative produzione e lavoro Maurizio Giachi. Per i Sindacati erano presenti il Segretario di Fillea Cgil Roberto Cellini, i Segretari di Filca Cisl Stefano Macale e Andrea Cuccello, il Segretario di Feneal Uil Francesco Sannino.

 

L'incontro è stato organizzato per discutere dell'attuale grave crisi che ha colpito l'economia romana e laziale, con particolare attenzione al comparto dell'edilizia in quanto uno dei settori trainanti della nostra economia: l'edilizia è infatti il settore economico che produce il Pil più elevato.

 

Nel corso dell'incontro si è costituito ufficialmente un "Tavolo di concertazione" tra le Associazioni e i Sindacati presenti che avrà lo scopo di evidenziare tutte le criticità e di individuare insieme le possibili soluzioni da percorrere per rendere meno critica la situazione economico-occupazionale nel breve e medio periodo nel settore delle costruzioni, mettendo sotto osservazione gli investimenti per lo sviluppo regionale infrastrutturale in relazione con le altre regioni.

 

I partecipanti al Tavolo appena costituito hanno annunciato che subito dopo le ferie estive sarà organizzata una manifestazione con lo scopo di proporre a tutte le parti interessate (Regione, Provincia, Comune e Governo nazionale), non solo i problemi del comparto, ma anche le proposte per affrontare una crisi che sta mettendo quotidianamente alla prova la resistenza di imprenditori e lavoratori: in estrema sintesi, incontrarsi e discutere per "produrre concretamente lavoro".

 

Nei prossimi giorni sarà organizzata una conferenza stampa per illustrare nel dettaglio obiettivi e proposte che si intendono portare all'attenzione delle Istituzioni.

 

 
Uff Stampa FEDERLAZIO
Tel: 06.54912362
 

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota