sabato 24 aprile 2010

Quadrilocale Montesilvano: con un click si sceglie la casa ideale

Chi cerca un quadrilocale a Montesilvano può trovarlo in modo facile e veloce senza muoversi dalla propria scrivania, grazie al sito di Italia Affitti che offre numerose proposte sempre nuove e molto interessanti. Fra tante offerte di appartamenti Montesilvano sarà facile trovare l’immobile desiderato.

Oggi, in particolare, c’è una proposta da non perdere: un quadrilocale a Montesilvano ad un prezzo molto contenuto. Si tratta di un appartamento molto ampio in via Vestina completamente arredato. Il quadrilocale a Montesilvano è così composto: uno spazioso ingresso, un luminoso soggiorno, una piccola cucina, due ampie camere, una spaziosa cameretta, un comodo ripostiglio e due bagni, di cui uno con doccia e l'altro con vasca. Per conoscere il prezzo dell’immobile appena descritto e visionare tutte le foto occorre solo collegarsi al sito di Italia Affitti e inserire il codice di Riferimento 1023 nel motore di ricerca presente in fondo alla home page. Poi, per richiedere una visita senza alcun impegno del quadrilocale a Montesilvano è possibile chiamare al numero presente sul sito o inserire i propri dati personali nella scheda di contatto presente in fondo alla descrizione stessa. Nel giro di 24 ore al massimo un esperto di Italia Affitti contatterà gli interessati e sarà a loro disposizione per chiarire ogni dubbio.

Se il quadrilocale a Montesilvano non soddisfa le proprie esigenze non c’è da preoccuparsi: sul sito ci sono centinaia di offerte di appartamenti di diversa tipologia e prezzo in tutte le città d’Abruzzo. Numerose sono infatti le offerte di appartamenti Pescara, appartamenti a Francavilla al mare, appartamenti a Città Sant’Angelo e molte altre occasioni in tutte i comuni della Regione. E poi visto che l’estate è vicina Italia Affitti ha selezionato per tutti i suoi utenti le migliori proposte di case vacanza Abruzzo.

Nel caso in cui, fra i tanti annunci di affitto Pescara o di affitto a Montesilvano o in qualsiasi altra città, non è presente un appartamento adatto è possibile iscriversi alla newsletter. Si tratta di un comodo servizio che consente di essere sempre aggiornati direttamente con una e-mail ogni volta che un immobile corrispondente alle caratteristiche indicate al momento dell’iscrizione sarà disponibile.


Anna Angelica Serra
Area Web Marketing
anna.serra@italiaaffitti.com

Italia Affitti s.a.s
Corso Umberto I, n.18
65100 Pescara PE
Tel: 0854219081
www.italiaaffitti.it

invio comunicato 24 aprile 2010


COMUNICATO STAMPA

Terza corsia dell'A1: l'esito dell'incontro pubblico del 22 aprile

        Il Comune di Bagno a Ripoli informa dell'esito dell'incontro pubblico sul tema "Terza corsia dell'A1: presentazione del nuovo progetto modificato in base alle osservazioni inviate", svoltosi giovedì 22 aprile 2010 presso il Circolo Crc Antella.
        Erano presenti oltre 200 persone. Per il Comune c'erano il Sindaco Luciano Bartolini e tutta la Giunta al completo, nonché i tecnici della Società Autostrade. Era presente il Presidente del Consiglio Comunale Rosauro Solazzi, altri Consiglieri Comunali di Maggioranza ed Opposizione, e il Consigliere Provinciale Franco Pestelli.
        "Si è trattato di un incontro molto partecipato – ha dichiarato il Sindaco Luciano Bartolini – con circa 25 interventi da parte dei cittadini, oltre alle spiegazioni e alle risposte dei tecnici della Società Autostrade, nonché l'intervento del Presidente Solazzi, a nome di tutti i gruppi consiliari di Maggioranza ed Opposizione che hanno approfondito questo tema. È stata un'assemblea utile, nel corso della quale i cittadini hanno posto temi molto concreti, riguardanti principalmente un ulteriore affinamento del progetto per quanto riguarda l'impatto acustico e ambientale, andando oltre gli stessi limiti di legge e vedendo la problematica in un'ottica di più lungo respiro. È stata richiesta un'attenzione estrema alle fonti idriche, soprattutto per la costruzione della galleria, con l'invito ai cittadini a segnalarne la presenza e la localizzazione: fonti da non disperdere o danneggiare, anzi da conoscere e tutelare. Abbiamo chiesto anche una riflessione sulla galleria di Antella, non tanto per allungarne la copertura, quanto per realizzare strutture che consentano una protezione acustica ed ambientale la più efficiente possibile nel tratto terminale di Antella verso Osteria Nuova. Ci aspettiamo molto dall'Osservatorio tra Autostrade ed enti locali, e anche per questo invitiamo i cittadini a presentare le osservazioni sul progetto quando sarà il momento (le osservazioni che scadevano il 9 aprile erano relative solo agli espropri). Ci sarà poi da parte nostra un'attenzione estrema nei tempi e nelle modalità  degli espropri, soprattutto verso le famiglie che vedranno la loro abitazione demolita. L'amministrazione comunale ha dato la propria disponibilità a non abbandonare a loro stesse queste famiglie, come pure a stare vicina a quanti dovranno abbandonare per alcuni mesi le abitazioni durante i lavori (decine di nuclei familiari). I lavori dureranno 54 mesi, dall'apertura dei cantieri all'apertura della strada. Anche per loro abbiamo chiesto di sapere con il maggiore anticipo possibile la data di inizio dell'intervento in modo da prepararsi adeguatamente. Il tempo c'è, ma va usato saggiamente".

L'ADDETTO STAMPA e PORTAVOCE
Enrico Zoi

Bagno a Ripoli, 24 aprile 2010
L'ente locale deve un'informazione chiara e corretta al Cittadino (Art. n. 10 Decreto Legislativo 18.8.2000, n. 267, 'Testo Unico delle Leggi sull'Ordinamento degli Enti Locali').

www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it
E-mail: urp@comune.bagno-a-ripoli.fi.it
In caso di errata trasmissione
chiamare Ufficio Stampa (tel. 055/6390.218)
Enrico Zoi

Addetto Stampa

Comune Bagno a Ripoli
Piazza della Vittoria n. 1
50012 Bagno a Ripoli (FI)
tel 055 6390.218 fax 055 6390.210 cell. 335.7632.243
e-mail enrico.zoi@comune.bagno-a-ripoli.fi.it



 _____  


Il presente messaggio, allegati inclusi, è personale, ed è rivolto unicamente alla persona a cui è indirizzato. Chiunque ricevesse questo messaggio per errore o comunque lo leggesse senza esserne legittimato è avvertito che trattenerlo, copiarlo, divulgarlo, distribuirlo a persone diverse dal destinatario è severamente proibito ed è pregato di rinviarlo immediatamente al mittente distruggendone l'originale. Grazie.








Comitato educatori penitenziari: per "alternative al carcere" servono più educatori.


Comitato educatori penitenziari: per "alternative al carcere" servono più educatori.

 

Ai deputati di Commissione Giustizia

della Camera e Senato



Egregio Onorevole, in occasione dell'esame riguardante il Ddl proposto dal Governo in cui si prevede che le pene detentive, non superiori a un anno, possano essere scontate in casa o presso altro luogo pubblico o privato di cura, assistenza e accoglienza e la sospensione del processo con messa alla prova, chiediamo che, ancora una volta, in tale occasione Lei voglia farsi latore di questa nostra, ricordando al Ministro che, vista la Sua intenzione di operare un massiccio ricorso alle misure alternative alla detenzione, il crescente numero di ingressi in carcere, gli altrettanti suicidi, gli atti autolesionistici e le numerosissime denunce provenienti da operatori penitenziari e non, il primo problema da affrontare è l'emergenza del sovraffollamento in cui versano le nostre carceri e che il primissimo, urgentissimo e ormai improcrastinabile passo da muovere è quello dell'assunzione di ulteriori unità di educatori penitenziari.

È ormai terminato il tempo degli annunci ed è giunto il momento di affrontare, il problema del sovraffollamento partendo proprio dalla componente umana per poi passare eventualmente a problematiche di carattere strutturale. Infatti, vogliamo anche ricordare che, come emerso da un articolo pubblicato su Girodivite.it del 20 gennaio 2010, in Italia esistono ben 40 istituti non utilizzati o occupati per una minima parte come ad esempio - citiamo testualmente- "ad Agrigento la sezione femminile che potrebbe ospitare cento detenute ne contiene solo sei!

A Pinerolo c'è un carcere chiuso da dieci anni, ma è stata già individuata l'area ove costruirne uno nuovo; a Mantova il carcere è in costruzione da 17 anni; a Codigoro il carcere è pronto dal 2001, ma non viene utilizzato; a Pontremoli l'istituto femminile è pronto dal 1993 ma attualmente chiuso; ad Ancona 180 posti sono stati inaugurati nel 2005 e oggi ci sono solo 20 detenuti. E poi ancora in Abruzzo, vicino a Pescara, dove c'è un carcere pronto da 15 anni ed oggi utilizzato solo da cani, pecore e mucche; a Monopoli dove il carcere è occupato abusivamente da famiglie di sfrattati e potremmo continuare ancora per molto senza dimenticare Gela dove il carcere è stato progettato nel 1959 e terminato nel 2007."

Senza contare, poi, che la costruzione di altre carceri richiederebbe un certo numero di anni e quindi non si farebbe altro che creare una nuova "carceri d'oro" senza risolvere minimamente nell'immediato il problema dei detenuti.

Siamo, dunque, fermamente convinti che data l'esistenza già di queste strutture debba essere attuata una seria indagine ricognitiva dell'esistente che potrebbe essere riadattato, qualora fosse necessario, con una spesa sicuramente inferiore rispetto ad una costruzione ex-novo e pertanto si potrebbe e si deve procedere immediatamente all'assunzione di ulteriori unità di educatori.

Tali assunzioni è quanto questo Comitato e numerosissimi parlamentari, operatori del settore, esperti, giuristi e associazioni vanno chiedendo da parecchio, a cui però è stata data una frettolosa e superficiale risposta dall'On. Caliendo all'interrogazione parlamentare n. 5-02550 dell'On. Ferranti e altri, il quale ha asserito l'impossibilità di effettuare altre assunzioni a causa di una mancanza di fondi ed ha nuovamente rimandato la questione al prossimo anno, qualora ci fossero fondi utilizzabili a tali scopi.

Simile risposta, che scarica ad un indefinito futuro e ad una fortunosa quanto mai improbabile concomitanza di eventi che si dovrebbero tra loro casualmente combinare affinché si possa almeno cominciare a pensare di assumere proprio coloro che la giurisprudenza vuole fautori dei processi rieducativi, non può costituire la risposta seria di un Governo che ha la volontà di affrontare coscientemente, celermente e definitivamente le questioni del pianeta carcerario.

Riteniamo, infatti, che rispetto alla stessa denuncia circa lo stato emergenziale delle carceri italiane fatta da quel medesimo Governo che poi nega l'assunzione proprio degli educatori argomentando con una penuria economica non possa reggere, poiché se si vuole, come abbiamo appena suggerito, i fondi ci sono e sono ricavabili da più parti!

Ma c'è un fatto ancora più tragico e grottesco, poiché proprio in questo periodo di estrema emergenza nelle carceri, veniamo a conoscenza che è stato approvato dalla Commissione Affari Costituzionali del Senato, un emendamento sul Ddl n. 1955, volto alla conversione in Legge del D.L. 194-2009, in cui si stabilisce la riduzione del 10% delle dotazioni organiche della PA, che ovviamente andrà ad investire anche la già esigua pianta organica degli educatori.

Pertanto, l'estrema chiarezza dei fatti e degli intenti del Governo, fa sorgere un'altra miriade di domande e perplessità, purtroppo sempre più pesanti, ma soprattutto restiamo basiti rispetto alla ritrosia all'assunzione proprio di quella figura professionale che rappresenterebbe il primo è più naturale e giusto atto concreto che un Ministro possa realizzare nell'ottica di un repentino miglioramento dell'attuale condizione emergenziale, qualora si voglia procedere nel rispetto dell' articolo 27 della nostra Costituzione.

Alla luce di quanto appena esposto, il Comitato vincitori e idonei del concorso per educatori penitenziari, senza più indugio o vacuo proclama, visto il riconoscimento dell'esattezza di quanto sostiene anche da parte dello stesso Ministro Alfano che con l'approvazione di ben cinque specifiche mozioni nei giorni 11 e 12 gennaio 2010 - in particolare la n. 1-00301 a firma dell'On. Di Stanislao, conveniva con le richieste da noi presentate,



Chiede



1) l'assunzione immediata di ulteriori unità di educatori almeno fino a completare la già esigua pianta organica prevista per tale profilo professionale, attingendo tali educatori dagli idonei della vigente graduatoria risultata dal concorso indetto con Pdg 21 novembre 2003 e bandito nella Gazzetta Ufficiale n. 30 del 16 aprile 2004, affinché anche costoro possano partecipare ai previsti corsi di formazione che il Dap deve attivare per questi operatori prima dell' ingresso nelle carceri a cui sono destinati, onde evitare sprechi di danaro per doverli riattivare in seguito;

2) che tutto l'iter per l'assunzione degli educatori al punto 1) venga investito della massima urgenza e celerità;

3) un concreto impegno fin da ora che all'atto della sua scadenza venga prontamente prorogata di almeno un quinquennio la validità della graduatoria di merito del concorso citato al punto 1 -stando agli odierni orientamenti dettati dal Ministro Brunetta e del progetto di legge 2462 presentato il 21 maggio 2009, nonché alle disposizioni in materia di razionalizzazione delle spese pubbliche in vigore - per permetterne un graduale scorrimento parimenti all'avvicendarsi dei fisiologici turnover pensionistici, al fine di evitare l'indizione di nuovi concorsi per il medesimo profilo che comporterebbero inutili oneri pubblici;

4) che venga bloccato il processo per la citata riduzione degli organici della P.A., almeno per il settore afferente alla professionalità in questione.

Certi dello spessore umano, della sensibilità e della professionalità con cui accoglierà queste nostre imprescindibili richieste, oggettivamente indispensabili per affrontare l'emergenza in atto nel mondo carcerario, confidiamo in un Suo celere interessamento e restiamo in attesa di risposta.



Avv. Anna Fasulo

Membro del Comitato vincitori e idonei concorso educatori



Novità dai Social Network e i tuoi account di posta... Tutto su Hotmail!

venerdì 23 aprile 2010

Marco Lodola alla Amstel Gallery in "Futur Amstel"

Amstel Gallery, galleria d'arte moderna e contemporanea di Leandro Amstel Grasso, è lieta di annunciare l'apertura della nuova mostra di pittura e sculture luminose di Marco Lodola: "Futur Amstel". La mostra avrà inizio alla presenza dell'artista il prossimo giovedì 29 aprile alle ore 18:30, presso Amstel Gallery a Milano, in viale Campania 5, angolo Corso XXII Marzo, dove sarà visitabile con ingresso libero fino al prossimo 30 giugno, con orario continuato dalle ore 11,30 alle ore 20,30, tutti i giorni ed anche la domenica su appuntamento. In occasione del vernissage che si terrà giovedì 29 aprile alle 18,30, per festeggiare il compleanno del gallerista delizieremo anche il vostro palato con una degustazione di vini e prodotti tipici. Per maggiori informazioni: www.amstelgallery.it  info@amstelgallery.it 0291531510 o 3343311885


 

Trilocali in affitto a Francavilla: sul nuovo sito Affitti Abruzzo le migliori offerte del web

Affitti Abruzzo è il nuovissimo sito creato per trovare in modo facile e veloce annunci di affitto in Abruzzo. Ci sono

tantissime proposte immobiliari molto vantaggiose divise in tre sezioni: Affitti Residenziali, Affitti Commerciali e Case

Vacanza.

Chi è alla ricerca di un appartamento a Francavilla al Mare potrà consultare tutti gli annunci in un click. Basta collegarsi

sul sito, scegliere la città, poi selezionare la sezione " Residenziali" e infine si può restringere ancora di più il campo

della ricerca cliccando direttamente sulla tipologia dell'immobile di cui si ha bisogno. Chi cerca trilocali in affitto a

Francavilla potrà cliccare sulla tipologia "Trilocale" per consultare, in un semplice gesto, tutte le proposte di trilocali in affitto a Francavilla presenti sul sito.
Ci sono tante offerte sempre nuove e descritte in modo dettagliato compreso il canone di locazione, perciò sarà facile

trovare l'appartamento ideale.
Se si desidera poi visionare l'immobile o conoscere ulteriore informazioni basta telefonare al numero presente in ogni

annuncio.

Oltre ai trilocali in affitto a Francavilla sul sito ci sono altre interessanti proposte in tante altre città d'Abruzzo.

Numerosi sono infatti i monolocali, i bilocali, i trilocali e i quadrilocali in affitto a Pescara  tutti in diverse zone

della città, dal centro alle zone più periferiche. Tanti sono anche gli annunci di bilocali in affitto a Montesilvano, a

Città Sant'Angelo e in tanti altri comuni abruzzesi.
Il nuovo sito Affitti Abruzzo consente di trovare qualsiasi soluzione abitativa senza muoversi dalla scrivania!




Doriana Gallifuco
Affitti Abruzzo
http://www.affitti-abruzzo.blogspot.com/

CLOSING PARTY/ FINISSAGE MOSTRA TERZO RINASCIMENTO A PALAZZO DUCALE, URBINO


      Urbino-Stemma.jpg               provinciaurbino.jpg              logo URBANIA con dicitura.jpg   




Famiglia Margini in Collaborazione con il Comune di Urbino

presenta:

 

Festa di Chiusura

della Grande Esposizione d'Arte Contemporanea

"TERZO RINASCIMENTO"

 

SABATO 1 Maggio ore 18:00  Palazzo Ducale di Urbino

 

 

 

Palazzo Ducale Sale del Castellare,

Piazza Duca Federico, 61029 - Urbino 

Info turismo tel. 0722-2631

Assessorato alla cultura tel. 0722-309222

email. urbino.cultura@comune.urbino.ps.it

 

 

Si conclude l'Esposizione d'Arte Contemporanea "Terzo Rinascimento" che l'Associazione Culturale Famiglia Margini ha portato a Palazzo Ducale di Urbino.

Con oltre 30.000 visite nel periodo di apertura, la Mostra ha ricevuto un plauso generale sia dalla Grande Critica sia da un pubblico più semplicemente turistico.

 

Famiglia Margini, soddisfatta dei risultati ottenuti nella Capitale dell'Utopia, a fronte delle numerose richieste di collaborazione da parte dei Comuni della Provincia di Pesaro e Urbino proporrà nel 2011 nuove esposizioni sul territorio marchigiano.

 

Il Territorio ha aperto le braccia con entusiasmo all'interattività che l'Associazione ha cercato di instaurare e si è dimostrato estremamente fertile sia dal punto di vista del coinvolgimento delle proprie strutture e del parterre artistico, sia da quello dell'accoglienza.

 

Lo Straordinario Evento di Chiusura del Primo Maggio vedrà Azioni Artistiche Live animare ulteriormente il fermento culturale che per un mese ha ruotato attorno a Palazzo Ducale.

 

Sono previsti in programma:

 

- La proiezione del Video "Your Girl" di Alessandro Sciarroni

- Il reading poetico della Scrittrice Bibiana La Rovere

- La performance di Dilated Electro-Acoustic Impro

- Il Progetto AudioVideo Human Nature

- La Consegna all'Istituzione dell'Opera con cui Famiglia Margini omaggia il Comune di Urbino e che entrerà a far parte della Collezione del Museo della Città.

 

Questo animato Cocktail di auspicio per una rinata attenzione alla bellezza della contemporaneità vuole essere anche un omaggio ai grandi maestri che con il loro passaggio nel Montefeltro hanno contribuito alla Magia di cui tutt'ora Urbino risplende.

Terzo Rinascimento è l'esigenza di una rinata fiducia verso il potenziale artististico che da sempre l'Italia ha avuto, a partire da quella che per eccellenza è la Capitale di tutte le Utopie.

 

La città di Urbino per tutta la giornata farà da sfondo alle installazioni e alle performance degli artisti. Le sculture, le foto, le pitture della mostra tenute insieme dalla comune ricerca di rinascita in risposta al catastrofismo del nostro tempo saranno in esposizione fino al 3 maggio, la data del Primo Maggio è simbolica: "Rappresenta il nostro impegno nel sociale e nella cultura" affermano Grace Zanotto e Angelo Cruciani, curatori ed ideatori della Mostra.

 

 

ARTISTI che intervengono al  FINISSAGE:

 

 

ALESSANDRO SCIARRONI presenta: YOUR GIRL

 

Proiezione del Video d'Arte.

 

"Your Girl" è un lavoro sul desiderio, sull'ispezione di un sentimento, video che si preannuncia "FORTE": la bellezza non è soltanto un'immagine.

Il "bello" è una poetica che supera la condizione prettamente estetica e raggiunge il massimo della sua esaltazione nella comprensione del difetto.

 

Your Girl è un lavoro sul desiderio e sull'ispezione di un sentimento. Nasce dallo studio di Madame Bovary di Flaubert e dalla traduzione fatta da Giovanni Giudici nella raccolta poetica La Bovary c'est moi.

 

 

-- DILATED ELECTRO-ACOUSTIC IMPRO --

 

La performance tramite tecniche improvvisative di live electronics e circuit bending, con l'utilizzo di looper, software di propria creazione,"object trouvè",strumenti preparati, field recordings, nastri e "cyber-object" mira alla creazione di ambienti sonori, che dialogano con trame visive astratte, proiettate e manipolate in tempo reale.

 

Alessandro Martinelli

(circuit bending, chitarra, oggetti, field recordings, nastri)

 

Stefano Vinciarelli

(Live electronics (self-made sftwr),"cyber-object", oggetti, strumenti)

 

Tiziano Ruggia

(Visual)

 

 

HUMAN NATURE (AUDIOVIDEO PROJECT)

 

Human Nature (Audiovideo Project) nasce nel 2009 dalla collaborazione tra il musicista Plusensure e la visual artist ErikaPax.

L'indagine del progetto è rivolta alla natura umana e alle sue svariate sfaccettature. Sagome di ibridi umani-animali appaiono in continua trasformazione, dove il suono analogico-digitale frantuma ogni traccia di umanità residua.

Ambientazioni postatomiche, sintesi sonore e grafiche aprono allo spettatore un percorso percettivo in continua trasformazione.

 

Il duo Plusensure/ErikaPax partecipa a progetti ed eventi internazionali.

Nel 2008/2009 fanno parte dell' ODDSTREAM #2/ #3 a Nijmegen in Olanda, realizzando cortometraggi e audiovideo presentati al Go Short Film Festival in Olanda. Sempre nel 2009, collaborano con il progetto WOP (Wall Of Perception) in Berlino, per il ventennale della caduta del muro, realizzando Performance Audiovideo.

The Human Nature Project è stato presentato per la prima volta all' Apnea Festival (Rocca Costanza a Pesaro), insieme al progetto audiovideo Tappezzerie Sonore.

Fanno parte inoltre del collettivo Z.I._Evento Anonimo (arte Fotografica, Dj, Vj set), progetto indipendente di Bologna.

 

4ANGOLAZIONI

 

VOCE E CORPO DELLA BELLEZZA

L' AMORE

di

BIBIANA LA ROVERE

 

La parola non è mai sola. Così come un'immagine o un suono, un colore, la percezione non è mai

elemento scisso ma emana senso di completezza. È un valore, che rende decifrabili i misteri le

emozioni, nel suo essere pieno e non frammentato.

È per questo che la mia parola mostra tutto. Si fa preda e cacciatrice.

Qui la poesia è come l'albero, per eccellenza, della libertà a foglie d'oro. Il dettaglio è irripetibile

nella sua forma. Esprimo con lei, la mia passione per la vita, l'inquietitudine universale in maniera

assoluta e personale. La poesia è principio di vita, di una bellezza senza eguali. Come un sogno più

lungo della notte. Elegante e sofisticata. Si accosta leggera come un cambio di vento.

Così la vivo. Così la respiro.

Così l'Amore

 

 

DOVE VUOI CHE IO SIA

PER PRIVILEGIO DEL MOTO

SE FOSSI IN TE

FUSIONE NELL'ESSERE

 

Bibiana La Rovere

 

Poeta, performer e critico letterario ha condotto le ultime edizioni della Rassegna di Editoria Abruzzese, nel suo percorso esplorativo Niente che conti intorno edito da TRACCE, è stata la sua prima raccolta di poesie.

Con Plinio Perilli, curatore della prefazione ha realizzato la performance La parola cucita. Tra le opere di Sandro Visca, itinerario poetico per la mostra antologica dell'artista ( opere 1962 - 2008 ), al Museo d'Arte Moderna Vittoria Colonna, Pescara.

Ha ricevuto riconoscimenti di critica e premi nazionali ed internazionali tra i quali il Premio Internazionale " Poseidonia – Paestum 2008".

E' tra gli autori, con la silloge B.L.R. to M.A. , dell'antologia di Ladri d'emozioni della collana DieciLune ( BEL-AMI Edizioni 2009 ), la sua poesia è presente in varie antologie non ultima Pescara Poesia del Mediterraneo ( Edizioni TRACCE 2009 ) e La parola che ricostruisce - poeti italiani per l'Aquila (Edizioni TRACCE 2010 ).

Ha partecipato a festival letterari, convegni e come voce recitante, interprete di vari autori. Cura corsi di scrittura creativa e laboratori poetici.

La sua ultima pubblicazione Cuore Cavato ( Edizioni TRACCE 2010 ) come opera inedita, ha ricevuto il Premio "Scriveredonna 2008".

 

SPONSOR:

Spazio Misael, Argenti Sovrani, Edil Market, Apicoltura Maggie Damiani,

Edil Quattro, Il Gelsomino Fiori e Piante, Giusy Tessuti, Astoria, Morelli, Hotel San Domenico, Hotel Raffaello e Caffè del Sole, Colleverde Country House.

 

Con la collaborazione di Fabbrica Eos

 

logofamigliamargini.jpg                                                           LOGO TERZO RINASCIMENTO.jpg

 

                                      

 

Associazione Culturale Famiglia Margini                             

 

Via Simone D'Orsenigo 620135 Milano

cell: 328 7141308

tel: 02 55199449

www.terzorinascimento.com

email:famigliamargini@gmail.com

 

 

Per ulteriori informazioni:

 

Flavia Lanza

Art Project Manager Famiglia Margini

Contatti:

www.famigliamargini.com

email: flavialanza6@gmail.com

ph: +39 340 9245760

 

 

 

 

Ai sensi della Legge 675/1996, in relazione al D.Lgs 196/2003, La informiamo che il Suo indirizzo e-mail è stato reperito attraverso: fonti di pubblico dominio pubblicate in Internet; e-mail ricevute dagli account di posta del portale Famiglia Margini






Comunicato Stampa: "Livemi, grande successo per la rassegna di musica emergente che supera i mille iscritti".

Livemi, grande successo per la rassegna di musica emergente che supera i mille iscritti.

Milano, 23 Aprile 2010

LiveMi, la rassegna di musica emergente voluta dal Sindaco Letizia Moratti, promossa dal Comune di Milano in collaborazione con ATM e diretta da Red Ronnie, ha raggiunto questa settimana l’inaspettato traguardo di mille iscritti registrati fra artisti e gruppi emergenti provenienti da tutta Italia.

 

Le iscrizioni sono ancora aperte: basta registrarsi sul sito ufficiale www.livemi.it seguendo le istruzioni. Gli artisti e gruppi emergenti entreranno in questo modo a far parte della community LiveMi su internet, che ha lo scopo di creare un movimento di aggregazione e avranno la possibilità di esibirsi su un palco professionale durante gli eventi che si svolgono nella Metropolitana di Milano Duomo tutti i sabati dalle ore 14.00 alle 18.00, ai quali partecipano anche grandi ospiti big della musica italiana.

 

I video delle loro esibizioni saranno trasmessi negli schermi della Metro e sul canale LiveMi di YouTube e i loro brani potranno entrare a far parte delle compilation LiveMi in vendita ogni settimana su iTunes. E’ operativo il canale personalizzato di LiveMi all'indirizzo http://www.itunes.com/livemi dov'è possibile visualizzare ed acquistare le 4 compilation pubblicate finora.

 

Per informazioni: www.livemi.it oppure info@livemi.it

 

26 aprile: Firma Accordo tra Federlazio e La Sapienza

COMUNICATO STAMPA

 

26 APRILE - ORE 11

FLAMMINI E IL RETTORE FRATI FIRMANO ACCORDO TRA FEDERLAZIO E LA SAPIENZA

 

Roma, 23 aprile 2010

 

Lunedì 26 aprile, alle ore 11, presso il Rettorato dell'Università La Sapienza di Roma (P.le Aldo Moro, 5 – Sala Senato, 1° piano), il Presidente della Federlazio MAURIZIO FLAMMINI e il Rettore de La Sapienza LUIGI FRATI firmeranno l'accordo quadro tra l'Associazione e l'Università.

 

Scopo dell'accordo è quello di sviluppare tra Università e sistema della Pmi rapporti di collaborazione su progetti di ricerca, sviluppo ed innovazione, con l'obiettivo di rafforzare il sistema produttivo della regione da un lato, e fornire un supporto industriale alle attività di ricerca dell'Università, dall'altro.

 

Nel corso dell'incontro il Presidente Flammini e il Rettore Frati approfondiranno i dettagli dell'accordo entrando nel merito delle varie aree tematiche interessate dall'accordo stesso.

 

 

Ufficio Stampa FEDERLAZIO

Davide Bianchino

06.54912362

Mens sana in corpore sano: le terme per curare il corpo e lo spirito

Le proprietà curative delle acque termali sono conosciute da migliaia di anni: si pensi alle terme romane, che erano edifici pubblici e venivano inclusi tra i luoghi di ritrovo delle città.

Le terme romane potevano essere dei veri e propri edifici monumentali, se destinate ai ricchi, oppure più piccole, per la plebe, ma non escludevano nessuno: erano considerate un bene per tutti. All’inizio le si costruivano in corrispondenza delle sorgenti naturali di acque termali, per poi essere portate anche all’interno delle città, una volta che le tecniche di riscaldamento vennero migliorate.

La struttura termale romana prevedeva una suddivisione in zone: frigidarium, tepidarium e calidarium. Il frigidario era la parte delle terme in cui si facevano bagni in acqua fredda, in piscine solitamente rettangolari rivolte verso nord e con poche finestre, in modo da evitare quanto più possibile il riscaldamento da parte del sole. Dopo il frigidario si passava al tepidario, in cui la temperatura era moderata e leggermente riscaldato da correnti d’aria che venivano fatte passare sotto il pavimento, sollevato per mezzo delle suspensure, ovvero dei piccoli pilastri di mattoni su cui poggiava il pavimento che permettevano la circolazione dell’aria. Infine, si passava al calidario, nel quale si ritiene la temperatura si aggirasse attorno ai 50° C: era, in pratica, la parte della sauna; veniva esposta a sud per sfruttare al meglio il calore del sole, e inoltre era riscaldata grazie alle suspensure, come il tepidario, e attraverso le pareti. Insomma, il prototipo di un moderno centro benessere Abano, Fiuggi e Montecatini conservano ancora i resti di queste antiche strutture.

Era abitudine dei romani mettere nell’acqua dei profumi e vini speziati, e utilizzare oli profumati per i massaggi, con il duplice scopo di profumare e idratare la pelle: un po’ come si usa oggi nelle saune, nelle quali spesso si utilizzano legni aromatici, e naturalmente nei massaggi, per i quali vengono utilizzati, come nei tempi antichi, oli profumati.

Le terme romane avevano delle funzioni sociali, igieniche e curative, e quelle odierne mantengono all’incirca gli stessi obiettivi: possono essere un ritrovo, ma soprattutto servono a purificare l’organismo dalle impurità che assume a causa dello smog e a curare dolori reumatici, articolari e problemi respiratori, siano essi passeggeri o cronici. Per le articolazioni e i dolori ossei in generale è molto utilizzata la fangoterapia: i fanghi vengono applicati ad una temperatura tra i 40 e i 45°C e di solito sono seguiti da bevande che servono a ripristinare la perdita di sali minerali avvenuta a causa della sudorazione. Talvolta, i bagni in acqua termale e i massaggi sono disponibili presso il vostro stesso albergo Abano Terme, Castrocaro Terme e Chianciano Terme sono solo alcuni esempi.

Le terme sono molto utili per la riabilitazione post-operatoria e post-traumatica: in particolare, le proprietà curative delle acque di Abano Terme offerte a prezzi agevolati a chi presenta ricetta medica, sono molto benefiche in questi casi, come anche nei casi di dolori reumatici. Le cure termali possono seguire terapie inalatorie o balneoterapie, di solito sono accompagnate da massaggi, e sono utili per curare disturbi e patologie osteoarticolari, muscolari e respiratori. Ma c’è anche un altro ambito nel quale le terme sono considerate utilissime: il rilassamento. Qualche giorno alle terme, o anche solo uno, danno la possibilità di immergersi completamente nella cura del proprio corpo, eliminando i pensieri e i problemi quotidiani con una piacevolissima cura per il corpo che si rivela anche un ottimo anti-stress per la mente.

A cura di Lia Contesso - Indicizzazione sito

 

SAPPE: Ennesimo detenuto suicida, nel carcere di Firenze Sollicciano: è il 21^ dall'inizio dell'anno.


 

"Abbiamo saputo pochi minuti fa dell'ennesimo suicidio in carcere, il 21° caso dall'inizio dell'anno: un detenuto italiano si e' impiccato a Firenze Sollicciano. Anche Sollicciano, come le altre 200 prigioni italiane, è un carcere sovraffollato all'inverosimile, con oltre 960 detenuti presenti al 31 marzo scorso rispetto ai circa 500 posti letto regolamentari, in cui mancano in organico oltre 220 agenti di Polizia penitenziaria ed in cui le unità attualmente in servizio fanno davvero grandi sacrifici quotidiani per garantire sicurezza e umanità in carcere. E' tempo di intervenire con urgenza per deflazione il sistema, che altrimenti rischia ogni giorno di più di implodere. Il personale di Polizia Penitenziaria è stato ed è spesso lasciato da solo a gestire all'interno delle nostre carceri moltissime situazioni di disagio sociale, 24 ore su 24, 365 giorni all'anno. Non si può e non si deve chiedere al Personale del Corpo di "accollarsi" la responsabilità di tracciare profili psicologici che possano eventualmente permettere di intuire l'eventuale rischio di autolesionismo da parte dei detenuti. Torniamo a sollecitare l'urgente attuazione delle previsioni contenute nel Piano carceri del Governo, potenziando maggiormente il ricorso all'area penale esterna e limitando la restrizione in carcere solo nei casi indispensabili e necessari. Una cosa è certa: se non fosse per la professionalità, l'attenzione, il senso del dovere dei poliziotti penitenziari le morti per suicidio in carcere sarebbero molte di più di quelle attuali."

E' quanto dichiara Donato CAPECE, Segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE – il primo e più rappresentativo della Categoria -, a commento della morte per suicidio di un detenuto nel carcere di Firenze Sollicciano.

 

 

 

 

Roma, 23 aprile 2010

 

Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria

Segreteria Generale: Via Trionfale, 79/A – 00136 Roma

Tel. 06.3975901 (6 linee r.a) Fax 06.39733669 – Email: stampa@sappe.it

Casa vacanza a Francavilla: l’occasione più conveniente sul sito di Italia Affitti

Chi è alla ricerca di una casa vacanza può trovare un valido aiuto: il sito internet di Italia Affitti l’agenzia che offre centinaia di annunci di affitto appartamento Abruzzo. Il sito dell’agenzia è facile da usare, studiato per andare incontro anche agli utenti meno esperti. Basta un semplice click per trovare la casa vacanza ideale per le proprie ferie estive.

In particolare, chi ha scelto Francavilla al Mare come meta turistica oggi sul sito di Italia Affitti trova una proposta davvero interessante. Si tratta di una casa vacanza a Francavilla in zona Viale Alcione di 75 mq, a due passi dal mare. L’appartamento è un trilocale così composto: ingresso, un ampio soggiorno, una cucina abitabile, una camera matrimoniale, una cameretta, un servizio e un comodo ripostiglio. La casa vacanza a Francavilla al Mare è dotata anche di un balcone perimetrale e di un ampio giardino condominiale. Per conoscere tutti i dettagli dell’offerta appena descritta è semplicissimo: basta collegarsi al sito italiaaffitti.it e digitare nel box di ricerca presente in fondo alla home page il codice di riferimento ESTIVO064. In questo modo, si potranno visionare tutte le foto della casa vacanza a Francavilla, leggere la descrizione delle caratteristiche dell’immobile e conoscere il canone di locazione. Per avere ulteriori informazioni poi basta contattare l’agenzia Italia Affitti al numero indicato sul sito: un esperto sarà a completa disposizione degli interessati.

Se l’offerta appena proposta non si adatta alle proprie esigenze, sul sito si possono trovare molte altre occasioni di case vacanza Francavilla. Il sito infatti offre una vasta serie di annunci affitto mare Abruzzo tutti molto vantaggiosi selezionati con cura per coloro che hanno deciso di trascorrere la propria vacanze riviera Adriatica.

Anna Angelica Serra
Area Web Marketing
anna.serra@italiaaffitti.com

Italia Affitti s.a.s
Corso Umberto I, n.18
65100 Pescara PE
Tel: 0854219081
www.italiaaffitti.it

Salvamamme: aperto Centro per la Nutrizione Bambino

Comunicato stampa

Salvamamme: apre il Centro per la Nutrizione del Bambino per essere davvero al fianco dei più piccoli e delle loro famiglie nelle situazioni di emergenza

Più di 1000 utenti si sono già rivolti al Centro, il 23% è costituito da famiglie italiane

Si è svolta oggi, in Via degli Olimpionici 19, l'inaugurazione ufficiale del Centro per la Nutrizione del Bambino, un progetto fortemente voluto e sostenuto dall'Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Roma in collaborazione con il Municipio Roma II ed affidato a Salvamamme.

"Ancora oggi nel 2010 a Roma ci sono persone che soffrono la fame e che non sanno cosa dare da mangiare ai loro bambini - ha dichiarato l'On. Sveva Belviso, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Roma - il Centro per la Nutrizione del Bambino, nato da un progetto tra il Comune di Roma e l'Associazione Salvamamme, vuole essere una risposta istituzionale concreta a tali problematiche".

"Fatti e non burocrazia - ha sottolineato l'On. Roberta Angelilli, Vice Presidente del Parlamento Europeo e Delegata del Sindaco di Roma per i Diritti dei Minori - il Centro costituisce un esempio di buona prassi da esportare anche in Europa, con questa struttura Salvamamme è in grado di offrire Servizi anche di tipo legale e psicologico".

"Avere un punto di riferimento come questo è essenziale - ha aggiunto Sara De Angelis, Presidente del Municipio Roma II – e siamo ben lieti di ospitare sul nostro territorio questa struttura, perché il Centro di Nutrizione offre servizi a tutti i bambini e, nello stesso tempo, rappresenta è un servizio per il territorio".

Nel corso della inaugurazione sono stati presentati i dati delle moltissime famiglie e dei bambini assistititi dal Centro nella fase iniziale del progetto. Da dicembre 2009 ad oggi sono stati più di 1000 gli utenti si sono rivolti alla Centro, circa 400 mamme e 600 bambini di 45 nazionalità diverse, il 23% di queste famiglie è italiana.

Il Centro è intitolato alla memoria di Matteo Bonetti, Consigliere del Municipio Roma II e Presidente della Commissione Affari Sociali, scomparso il 25 settembre 2009, che si impegnò per l'apertura del Centro. Alla conferenza stampa era presente la famiglia, che attraverso una Onlus ha contribuito alla raccolta fondi per la sistemazione del giardino adiacente.
Presente anche il Rotary International Distretto 2080.

" Il Centro in questi 3 mesi di avvio è già diventato una realtà straordinaria, già sono decine i residenti della zona che si sono offerti di fare volontariato, centinaia le mamme ed i bambini che sono assistiti con tanto materiale, cibo, prodotti per l'igiene, assistenza medica e psicologica, grazie a tante imprese che hanno donato materiale ed al Comune che ci sostiene con convinzione. Una realtà che da adesso in poi è destinata a crescere ed a dare risposte concrete a situazioni di emergenza
e povertà. Una realtà unica in Italia che può rappresentare una vera "buona prassi" da replicare in altre città italiane" – ha dichiarato Grazia Passeri, Presidente dell'Associazione Salvamamme.

Ufficio stampa
In Media Res Comunicazione srl
www.inmediarescomunicazione.it

Alessandro Maola Tel: 339.233.55.98
Arianna Fioravanti Tel: 338.999.33.73

Sul sito di Italia Affitti una casa vacanza Montesilvano da non perdere

L’estate è vicina e molti iniziano ad organizzarsi per le prossime vacanze estive. Chi ha scelto di trascorrere le proprie ferie sul mare Adriatico potrà trovare un valido aiuto: il sito internet di Italia Affitti. L’agenzia specializzata in locazioni immobiliari infatti ha selezionato, per tutti gli utenti interessati, le migliori case vacanze riviera Adriatica dove trascorrere giorni in pieno relax e senza spendere grandi cifre.

Fra le tante offerte di casa vacanza Montesilvano , sul sito di Italia Affitti oggi c’è una proposta molto interessante: una casa vacanza a Montesilvano ad un prezzo molto contenuto. Si tratta di un bilocale arredato a due passi dal mare e dalla strada parco: un luogo tranquillo, lontano dal traffico ideale per trascorrere le vacanze. La casa vacanza a Montesilvano proposta è ubicata in un piccolo condominio ed è così composta: un ingresso, un soggiorno, una piccola cucina, una camera matrimoniale e un servizio con doccia. L’abitazione è dotata anche di un balcone e di un posto auto riservato.

Chi è interessato a conoscere tutti i dettagli dell’offerta e vuole visualizzare anche le foto della casa vacanza a Montesilvano, può collegarsi sul sito italiaaffitti.it e digitare il codice di riferimento Estivo58 nel box di ricerca presente sulla home page. In un click, sarà possibile consultare la scheda informativa della casa vacanza appena descritta. E poi, se si è interessati ad avere maggiori dettagli e a visionare di persona l’appartamento occorre solo compilare con i propri dati la scheda di contatto presente sotto ogni annuncio. In questo modo, un esperto di Italia Affitti contatterà gli interessati nel giro di 24 ore e sarà a loro completa disposizione.

Se invece l’offerta appena descritta non si adatta alle proprie esigenze non c’è da preoccuparsi: su Italia Affitti ci sono tanti altri annunci di affitti Montesilvano per l’estate, tutti molto interessanti. Le offerte di Italia Affitti comunque non riguardano solo la città di Montesilvano: ci sono numerosissime occasioni di case vacanze Mare Adriatico.


Anna Angelica Serra
Area Web Marketing
anna.serra@italiaaffitti.com

Italia Affitti s.a.s
Corso Umberto I, n.18
65100 Pescara PE
Tel: 0854219081
www.italiaaffitti.it

Alla Fiera di Milano la cucina fa bella mostra di sé

 

Si è appena conclusa a Milano Eurocucina, la fiera dedicata alla cucina, ai complementi d'arredo e alla stampa di settore.

Dal 14 al 19 aprile 2010 gli spazi espositivi della Fiera di Milano hanno ospitato uno degli eventi più importanti, a livello europeo, per quanto riguarda le cucine, i complementi d'arredo ad esse collegati, la stampa e le associazioni di settore: Eurocucina, fiera che si svolge in concomitanza col Salone Internazionale del Mobile con cadenza biennale (la prossima edizione è già stata fissata tra il 17 e il 22 aprile 2012), è ormai diventata un punto di riferimento per tutti i produttori, non solo italiani, di cucine moderne, classiche, in stile e design. Come è successo anche nelle passate edizioni, il numero di visitatori stranieri è stato più che soddisfacente e, secondo gli organizzatori, si sarebbero potuti raggiungere risultati anche più significativi se la nube provocata dal vulcano islandese, che ha paralizzato il traffico aereo, soprattutto in nord Europa, non avesse bloccato molti altri possibili visitatori.

Nonostante la nube, e nonostante il periodo di crisi che continua a gravare su vari settori (anche se sembra che quello delle cucine abbia tenuto meglio rispetto ad altri settori del mobile), Eurocucina ha rispettato le attese, e ha fatto registrare anche quest'anno numeri di tutto rispetto: 155 gli espositori provenienti da tutta Italia ma anche dalla Germania (ancor più presente che negli anni passati), dall'Austria, dalla Francia, dalla Repubblica di San Marino, dalla Russia, dalla Spagna, dalla Svezia, dall'Ucraina e dagli Stati Uniti; 32.500 metri quadrati di spazio espositivo; 4 padiglioni interamente dedicati alla fiera. Come in ogni edizione Eurocucina si è presentata come un'immensa vetrina per i produttori di cucine di tutti i tipi (da quelle classiche a quelle ultramoderne, dalle cucine in muratura a quelle in legno), ma anche per i produttori di complementi d'arredo. Un appuntamento sempre più importante per tutte le aziende produttrici, che è anche su eventi di portata internazionale come questo che puntano per un rilancio del settore, oltre che per continuare ad esportare sui mercati stranieri le cucine made in Italy, forti di un valore, sia estetico che qualitativo, unico al mondo.

Un'offerta, quella di Eurocucina, che mira anche a sottolineare come questo spazio della casa abbia moltiplicato le proprie funzioni, passando da semplice ambiente adibito alla preparazione dei pasti e, eventualmente, al loro consumo, ad un vero e proprio luogo di socializzazione, pensato anche per accogliere gli ospiti e per svolgervi altre attività quotidiane. Dai padiglioni di Eruocucina è infatti emersa una tendenza a cercare nuove soluzioni per la cucina, soluzioni che siano in grado di stare al passo con i mutamenti che stanno interessando la concezione di spazio cucina e di rispondere alle diverse esigenze di diversi clienti: spazio dunque a cucine sempre più moderne e di design, a cucine componibili e personalizzabili a seconda delle esigenze, a materiali diversi e innovativi.

In concomitanza con Eurocucine si è svolta anche FTK (Technology For the Kitchen), evento dedicato agli elettrodomestici da incasso e alle cappe d'arredo, che ha visto la partecipazione di 26 tra le più importanti aziende del settore. Un'occasione unica per conoscere i prototipi degli elettrodomestici che non sono ancora in commercio ma che potremmo usare in un prossimo futuro.

Articolo a cura di Francesca Tessarollo
Prima Posizione Srl - marketing distribuzione

 
 
 
Prima Posizione Srl
Viale dell'Industria, 60 - 35129 Padova PD
Tel. 049 776196 - Fax. 049 8087806
www.prima-posizione.it- francesca@prima-posizione.it

Ritrovate da Nauticom la gamma completa di valigie rinforzate Explorer Cases.

Nauticom <cid:part1.08040209.05090105@Nauticom.fr>

*Le valigie Explorer Cases sono indistruttibili, stagni e garanzie a
vita. Proteggono già il materiale fragile di molti navigatori, raiders
4x4, giornalisti, pompieri... intorno del mondo !*

*Queste valigie di trasporto resistono a tutti gli elementi : acqua
(limite di galleggiabilità definita dal fabbricante per tutti i modelli
in funzione del volume e della capacità), polveri, sabbia, corrosione,
(anche le parti metalliche come l'interno delle cerniere sono trattate
anti-corrosione), pressioni intense, urti, cadute, vibrazioni grazie al
loro materiale di costruzione ultra robusto, ad loro giunto in néoprène
perfettamente stagno e alla loro valvola di evacuazione automatica
dell'eccedenza di aria.*

*La gamma Esplorare Capanne propone di numerosi formati per adattarsi ai
bisogni i più particolari : dal trasporto delle carte di identità fino
ai bauli potendo contenere 150 litri di materiale, il tutto proposto in
molti colori: Nero, Arancioni e Kaki sono disponibili in serie:
consultarci per altri colori.*

*Le valigie sono proposte vuote o con una schiuma interiore pre-tagliata
e con gli accessori varie : tracolla, pannelli di sistemazione
coperchio, borse interiori imbottite per computer portatile o altro
materiale, flessibilità dell'organizzatore, serrature esterne
supplementari, pannelli di fissaggi interni...*

Caso Cucchi: il buon lavoro della Commissione del Senato rischia di andare in fumo e di... intralciare la Giustizia

Qui il comunicato online:
http://blog.donatellaporetti.it/?p=1358
---------------------

Caso Cucchi: il buon lavoro della Commissione del Senato rischia di andare in fumo e di... intralciare la Giustizia

Intervento della senatrice Donatella Poretti, Radicali/Pd, membro della commissione sul caso Cucchi

La paura della trasparenza e la mancata collaborazione con la Procura della Repubblica rischiano di mandare in fumo il buon lavoro della Commissione del Senato sul caso Cucchi. Di cosa ha paura la maggioranza nel non voler mandare in Procura e rendere pubblici gli atti? Vuole difendere qualche audito o qualche membro di commissione per domande troppo inquisitorie? Dietro a dubbi di legittimita' giuridiche inesistenti, si rischia di portare la Commissione del Senato davanti alla Corte Costituzionale per conflitto di poteri con la Procura per mancanza di leale collaborazione, o peggio intralcio alla giustizia. La Commissione potrebbe avere raccolto testimonianze e informazioni utili all'inchiesta e utilizzabili parimenti dalla Procura come anche dagli indagati e dai parenti della vittima, dalla parte civile. Chiudendo tutto in un cassetto non si fa un buon servizio ne' alla giustizia ne' alla politica e alle istituzioni. Si seminano dubbi, perplessita', si alzano fumi per nasco
ndere
non e' chiaro cosa. Nei fatti, inoltre, si rende impraticabile qualsiasi altra inchiesta.

Vediamo i fatti e ricostruiamo gli eventi. A pochi giorni dalla morte del signor Stefano Cucchi la Commissione d'inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del Servizio sanitario nazionale del Senato presieduta dal senatore Ignazio Marino decide di aprire una inchiesta sulla vicenda. La commissione nel giro di poche settimane riesce ad audire praticamente tutto il personale medico, sanitario e che a vario titolo ha incontrato Cucchi dopo l'arresto. I tempi per arrivare alla conclusione dell'indagine si allungano solo per i tempi della perizia dell'autopsia necessaria per capire le cause della morte, le altre responsabilita' emergono fin da subito e chiare. Vengono, infatti auditi subito i medici del Fatebefratelli e di Regina Coeli, come pure il medico della Cittadella Giudiziaria e i paramedici del 118 chiamati subito dopo l'arresto dai Carabinieri, e ovviamente i medici e il personale del Pertini. Le prime audizioni del 6 e 11 novembre sono pubbliche, ma in realta' non access
ibili
visto che i tempi della pubblicazione online sul sito del Senato dei resoconti stenografici non sono immediati come per l'aula. Il 12 novembre arriva la richiesta di Radio Radicale di registrare e mandare in onda le audizioni dei medici del Pertini, i membri della commissione, con la mia sola contrarieta', decidono per la secretazione dei lavori anche delle sedute precedenti, decidono infine di rimandare la decisione se rendere tutto di nuovo pubblico solo al termine dell'indagine. Anche del dibattito di oltre un'ora sulla pubblicita' dei lavori non c'e' traccia, vengono redatte solo due righe con la decisione finale: tutto secretato. Il 4 dicembre 2009 arriva una richiesta da parte della Procura della Repubblica di avere tutta la documentazione raccolta dalla Commissione e degli atti esperiti, quindi anche delle audizioni. La commissione il 22 dicembre decide di consegnare tutto il materiale acquisito e ottenuto con sopralluoghi dei Nas, ma il solo elenco dei nomi degli aud
iti,
riservandosi un eventuale invio dei resoconti delle audizioni solo a conclusione dell'inchiesta parlamentare e a seguito delle deliberazioni sul regime definitivo di pubblicita' degli atti.
Il 17 marzo la commissione, in seduta pubblica, vota all'unanimita' la relazione finale sul caso Cucchi in cui si auspica che la Procura chiarisca le responsabilita' penali delle lesioni e della inadeguata assistenza sanitaria. In quella seduta vengono sollevate perplessita' sull'invio in Procura di tutto il materiale e della pubblicita' dei lavori della commissione. Interviene in particolare il senatore del Pdl Michele Saccomanno chiedendo di rimandare ad altra data la decisione. In mancanza di accordo unanime il presidente convoca un ufficio di presidenza integrato per il 31 marzo dove si decide di trasmettere alla Procura la relazione e i soli resoconti delle audizioni dei consulenti tecnici prof. Vincenzo Pascali e prof. Rodolfo Proietti che hanno curato l'autopsia per la commissione. Nell'invio si chiede alla Procura di metterla a disposizione anche delle difese degli indagati che ne facciano richiesta. Manca ancora l'accordo per l'invio di tutto il materiale in Procura
e la
pubblicizzazione dei lavori. Viene convocato cosi' un ufficio di presidenza allargato a tutti i componenti della commissione il 14 aprile a questo scopo. Il fatto che sia un ufficio di presidenza fa si' che di nuovo il dibattito non sia pubblico e senza resoconto. Resta agli atti solo che manca ancora l'unanimita'. Io chiedo, e cosi' viene stabilito, che la decisione venga presa in seduta pubblica e con votazione.
Si arriva alla data del 21 aprile. La seduta e' pubblica, ma ancora una volta occorrera' aspettare settimane prima che il resoconto stenografico sia disponibile. Il presidente Ignazio Marino propone alla commissione di votare sia sulla richiesta della Procura del 4 dicembre 2009 per l'invio di tutta la documentazione, che per la pubblicita' dei nostri lavori. La senatrice del Pdl Laura Bianconi chiede altri 7-10 giorni per studiare attentamente con un collegio di consulenti giuridici la questione, anche per il futuro, e la possibilita' di audire testimonianze in regime di segretezza e poi di renderle pubbliche successivamente. Il capogruppo del Pd Lionello Cosentino accetta la richiesta con spirito di collaborazione auspicando che possa anche essere consultato il presidente del Senato Renato Schifani. Proposta quest'ultima tuttavia subito scartata dal presidente Marino che ricorda come nella eventualita' di un nostro rifiuto alla Procura della documentazione, sarebbe la Comm
issione
stessa in base all'art. 82 della Costituzione, e non il Senato, a doverne rispondere per un conflitto di attribuzione di poteri davanti alla Corte Costituzionale. Una eventualita' che poteva essere scongiurata fin dall'inizio della seduta per le assenze della maggioranza: erano solo cinque i senatori di maggioranza presenti all'inizio della seduta, che dopo aver vista accettata la proposta di rimandare la decisione hanno lasciato la commissione con gesto di palese mancanza di collaborazione istituzionale e di rispetto delle opinioni altrui. Nel dibattito a favore della pubblicita' dei lavori e dell'invio in Procura degli atti, oltre alla sottoscritta si sono infatti espressi anche i senatori del Pd Albertina Soliani, Franca Biondelli, Vincenzo Galioto, il capogruppo dell'Idv Alfonso Mascitelli e la senatrice di Io Sud Adriana Poli Bortone. Resteranno agli atti le perplessita' e i dubbi dei senatori del Pdl Salvatore Mazzaracchio e Luigi D'Ambrosio Lettieri. La commissione con
nove
esponenti di opposizione, anche se ancora in presenza del numero legale per votare, si trova in evidente difficolta': il Pd per bocca del suo capogruppo aveva accettato di rimandare la decisione come proposto dalla maggioranza. Il presidente, quindi, non procede nella votazione e decide di rimandare ancora di una settimana una decisione dopo che ciascuno avra' fatto gli approfondimenti politici e giuridici.
Dal 4 dicembre ad oggi non sara' una settimana ad intralciare il corso della giustizia, certo che risulta difficilmente comprensibile perfino a me che ne sono componente il percorso della commissione in questo frangente. E la trasparenza per arrivare a chiarire e individuare le responsabilita' in merito alla morte del signor Stefano Cucchi non e' un dettaglio secondario.


Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicali -Partito Democratico
Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83, tel.0667063265, fax 0667064771
Firenze, via Cavour 68, Tel. 0552302266 Fax 0552302452
Cellulare: 336252221
mailto: poretti_d@posta.senato.it
Sito Internet: www.donatellaporetti.it

Agenzia delle Entrate dice no all'Iva su tassa rifiuti. Rimborso cittadini - petizione Altroconsumo

 
Trovate qui la nota di Altroconsumo
 
 
23.4.2010
 
COMUNICATO STAMPA
 
L’AGENZIA DELL’ENTRATE DICE NO ALL’IVA
SU TASSA RIFIUTI
 
RIMBORSO CITTADINI
PETIZIONE ALTROCONSUMO
 
La tariffa sui rifiuti (Tia) ha natura tributaria e come tale non può essere assoggettata all’Iva. Lo ha scritto l’Agenzia delle Entrate rispondendo a un interpello della società Trevisoservizi.
Dunque gli utenti a Treviso saranno esentati dal pagamento dell’Iva sulla Tia. Il concetto è lo stesso affermato anche dalla Corte Costituzionale con la sentenza del luglio 2009. Mentre il Governo continua a tacere su questo buco normativo.
 
Altroconsumo lancia sul proprio sito la petizione per chiedere che la situazione si sblocchi per tutti i cittadini in tutti i Comuni italiani e poter riavere indietro l’Iva pagata gli anni scorsi. Su www.altroconsumo.it è scaricabile anche il modulo di rimborso messo a punto dall’associazione.
 
Altroconsumo aveva già scritto a gennaio al ministro dello Sviluppo economico Scajola e al ministro dell’Economia Tremonti chiedendo la modifica del testo unico dell'Iva e di convertire in credito d’imposta (da usare in compensazione di altri tributi da pagare) quanto pagato indebitamente fino a quel momento.
 
L’associazione indipendente di consumatori scrive oggi di nuovo al ministro Tremonti chiedendo il rimborso di quanto pagato e che la risposta dell’Agenzia delle entrate sia pubblicata come risoluzione ministeriale, rendendola così applicabile su tutto il territorio.
 
 
 
Buon lavoro,
liliana cantone
 
-----------------------------------------
Liliana Cantone
responsabile relazioni esterne ufficio stampa
Altroconsumo
tel. 0039.02.66890205-279-334
gsm 0039.335.7372294
 

  ________________________________  
Rispetta il tuo ambiente, pensa prima di stampare questa e-mail. Grazie.
Please consider the environment before printing this email. Thank you.

invio comunicato 23 aprile 2010

COMUNICATO STAMPA

Installate le colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici

        Il Comune di Bagno a Ripoli informa che sono state installate le colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici nelle seguenti località: area parcheggio i Ponti (Bagno a Ripoli); piazza Umberto I (Grassina); parcheggio Costa al Rosso (Grassina); area Parco della Resistenza (Antella, angolo via Carnia).
        Le colonnine sono realizzate secondo le nuove normative di sicurezza per evitare atti vandalici ed usi impropri e sono sicure perché riconoscono se il mezzo collegato è un veicolo elettrico (solo in questo caso, la presa darà energia). I mezzi devono essere adeguati alle nuove norme di sicurezza che prevedono prese a 4 poli. Se il mezzo ha una presa di tipo diverso gli utenti devono rivolgersi ai rivenditori di mezzi elettrici che provvederanno all'adeguamento: solo così il veicolo potrà prelevare energia dalle colonnine comunali di nuova installazione.
        I mezzi che possono essere ricaricati sono: biciclette a pedalata assistita; scooter elettrici; veicoli a tre e quattro ruote (fino ad un massimo di 3 kw). Per usare le colonnine di ricarica occorre: recarsi in Comune, comunicare i propri dati e ritirare le chiavi per l'apertura/chiusura delle colonnine.
        Uso degli erogatori. Le prescrizioni particolari per l'utilizzo dell'erogatore, riportate anche sull'etichettatura, sono le seguenti:
        per il collegamento: aprire il portello in policarbonato utilizzando la chiave in dotazione; aver cura di collegare il cavo flessibile alla presa dell'erogatore solo dopo averlo fatto passare dentro la staffa antistrappo (in basso), come indicato chiaramente sull'etichettatura dell'erogatore; collegare la presa del veicolo alla spina dell'erogatore assicurandosi, tramite la spia di segnalazione, che la stessa sia attiva; richiudere il portello in policarbonato usando la chiave in dotazione.
        per lo scollegamento: aprire il portello in policarbonato con la chiave in dotazione; staccare la presa del veicolo dalla spina dell'erogatore; richiudere il portello in policarbonato usando la chiave in dotazione.
        Informazioni qui. Informazioni anche: Call Center Linea Comune, tel. 055.055, da lunedì a sabato, ore 8-20.
        "Le colonnine sono state inaugurate sabato scorso, in occasione di quello che abbiamo definito il nostro 'Capodanno dell'Ambiente' – hanno dichiarato il Sindaco Luciano Bartolini e l'Assessore all'Ambiente Francesco Casini -. Invitiamo i cittadini ad acquistare veicoli elettrici, che rappresentano uno degli scenari futuri possibili di mobilità sostenibile. Con le nostre realizzazioni pensiamo di contribuire concretamente alla diffusione di una tipologia importante di mezzo di trasporto privato. In particolare, desidero spendere qualche parola in più per la bicicletta elettrica, grazie alla quale anche chi, buon ciclista, ha difficoltà nelle salite (e nel nostro territorio, come negli itinerari da e per Firenze, le salite non mancano!) può essere incentivato a fare sport su due ruote: la bicicletta elettrica infatti lo sosterrà nei tratti di strada collinari, consentendogli comunque lo spostamento 'senza barriere' e una maggiore e più completa attività motoria. Meno inquinamento, più salute".

L'ADDETTO STAMPA e PORTAVOCE
Enrico Zoi

Bagno a Ripoli, 23 aprile 2010
L'ente locale deve un'informazione chiara e corretta al Cittadino (Art. n. 10 Decreto Legislativo 18.8.2000, n. 267, 'Testo Unico delle Leggi sull'Ordinamento degli Enti Locali').

www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it - E-mail: urp@comune.bagno-a-ripoli.fi.it
In caso di errata trasmissione chiamare Ufficio Stampa (tel. 055/6390.218)


Enrico Zoi

Addetto Stampa

Comune Bagno a Ripoli
Piazza della Vittoria n. 1
50012 Bagno a Ripoli (FI)
tel 055 6390.218 fax 055 6390.210 cell. 335.7632.243
e-mail enrico.zoi@comune.bagno-a-ripoli.fi.it



 _____  


Il presente messaggio, allegati inclusi, è personale, ed è rivolto unicamente alla persona a cui è indirizzato. Chiunque ricevesse questo messaggio per errore o comunque lo leggesse senza esserne legittimato è avvertito che trattenerlo, copiarlo, divulgarlo, distribuirlo a persone diverse dal destinatario è severamente proibito ed è pregato di rinviarlo immediatamente al mittente distruggendone l'originale. Grazie.








Incontinenza. Efficaci i cannabinoidi, cioe' la Cannabis

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/comunicato/incontinenza+efficaci+cannabinoidi+cioe+cannabis_17411.php
-------------------------


Incontinenza. Efficaci i cannabinoidi, cioe' la Cannabis

Roma, 23 Aprile 2010. La cannabis offre sollievo ai pazienti affetti da incontinenza. I ricercatori della clinica universitaria dell'Università di Monaco di Baviera (Germania), hanno dimostrato che i cannabinoidi sintetici possono infatti alleviare efficacemente gli indesiderati effetti dell'incontinenza. Gli urologi tedeschi, in uno studio pubblicato sulla rivista scientifica European Urology, hanno provato come i cannabinoidi agiscano sui recettori della vescica, abbassando la frequenza delle minzioni e aumentando il volume della vescica. I farmaci utilizzati per l'incontinenza hanno effetti collaterali sgradevoli come la mancanza di salivazione e risultano poco efficaci a lungo termine. Insomma, farsi una "canna" potrebbe portare sollievo alle persone con problemi urinari.
In Italia, 5 milioni di persone, di cui 3 donne, soffrono di vescica iperattiva, tant'e' che fin dal '99 si e' costituita la Federazione Italiana Incontinenti, che il 28 Giugno celebra la giornata nazionale per la prevenzione e la cura dell'incontinenza.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it – Email: aduc@aduc.it
Tel.055290606
Ufficio stampa: Tel.055291408

Aduc Immobili – L’amministratore uscente non consegna la documentazione? Si puo’ chiedere il risarcimento

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/comunicato/aduc+immobili+amministratore+uscente+non+consegna_17410.php
-----------------------

Aduc Immobili – L'amministratore uscente non consegna la documentazione? Si puo' chiedere il risarcimento

Firenze, 22 aprile 2010. Il Tribunale di Bari, con la sentenza 967 del 17 marzo 2010, conferma quello che e' un consolidato orientamento giurisprudenziale: l'amministratore uscente (dimissionario o revocato) e' obbligato a restituire la documentazione condominiale e la cassa in suo possesso; se dal ritardo ne consegue un danno, il condominio, che ne' puo' dare prova, e' legittimato a chiedere il risarcimento.
Secondo il giudice, infatti, "l'amministratore del condominio configura un ufficio di diritto privato assimilabile al mandato con rappresentanza, con la conseguente applicabilita', nei rapporti tra l'amministratore e ciascuno dei condomini, delle disposizioni sul mandato. Pertanto, a norma dell'art. 1713 c.c., alla scadenza l'amministratore e' tenuto a restituire cio' che ha ricevuto nell'esercizio del mandato per conto del condominio" (Trib. Bari 17 marzo 2010 n. 967).
Come agire per tutelarsi? Il neo amministratore, d'ufficio, o anche uno dei condomini, nel caso d'inerzia del legale rappresentante, puo' agire in giudizio innanzitutto con un procedimento d'urgenza (il cosi' detto ricorso ex art. 700 c.p.c.) per l'immediata restituzione di documenti e quanto di pertinenza del condominio e successivamente con una causa ordinaria per ottenere il risarcimento del danno eventualmente subito.

Alessandro gallucci, legale Aduc

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email aduc@aduc.it
Tel. 055290606
Ufficio stampa: Tel. 055291408

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota