venerdì 31 dicembre 2010

FIAIP BERGAMO, VIDEO E COMUNICATO STAMPA - CONSUNTIVO 2010

FIAIP BERGAMO , COSA ABBIAMO FATTO - E CAPITO - NEL 2010  
 

http://www.youtube.com/watch?v=gYzY_Ngad7k&feature=player_embedded 

 

 

 "Abbiamo fatto fatica a ricostruire tutte le inziative messe in cantiere nel 2010", afferma Giuliano Olivati, presidente provinciale Fiaip Bergamo, la federazione italiana agenti immobiliari professionali. "Abbiamo postato un video su Youtube con un breve consuntivo per spiegare "Cosa abiamo fatto - e capito - nel 2010", riassumendo in una manciata di minuti i nostri 70 comunicati stampa, ripresi da giornali, siti web, TV locali e nazionali, di settore e generalisti, oltre a social network come Facebook e Twitter. Per la formazione l'elenco dei convegni, corsi e seminari gratuiti per i nostri associati è lungo: manovra finanziaria e riflessi sul real estate, mutui bancari, prestiti personali e cessione del quinto, accertamenti fiscali, studi settore e redditometro, locazione, proposte d'acquisto e preliminari, modulistica per agenzie immobiliari, certificazione energetica e influenza sulle valutazioni immobiliari, marketing immobiliare e multimedia, risparmio e riqualificazione energetica, sicurezza sui luoghi di lavoro, antiriciclaggio, normativa mediazione creditizia, normativa agenti immobiliari, standard EN 15733 "Servizi degli agenti immobiliari", nuova normativa sulla conformità catastale nei rogiti, vendita di immobili provenienti da donazione, Dia e Scia in edilizia, Scia e nuova procedura di attivazione delle agenzie immobiliari".

 

"Un altro fronte sul quale siamo sempre presenti è l'urbanistica - prosegue Olivati - con l'Osservatorio immobiliare Fiaip Bergamo come punto di riferimento per le amministrazioni pubbliche. Siamo entrati a pieno titolo nel dibattito sul Pgt di Bergamo, successivamente siamo stati chiamati come "parte ecomnomica" a collaborare al Pgt di Dalmine e Treviglio".

 

"In generale siamo interlocutori istituzionali a 360 gradi - conclude il presidente Fiaip Bergamo - e dialoghiamo costantemente con l'Agenzia del territorio, i Comuni e le pubbliche amministrazioni, la Camera di commercio con la quale siamo sempre in contatto. Gli ultimi due importanti accordi di collaborazione, interscambio e consulenza, con il Consiglio notarile distrettuale e con il Movimento Consumatori, dimostrano che Fiaip Bergamo è una casa di vetro che vuole confrontarsi con tutti gli attori del real estate per essere fedele al suo slogan: "dal 1976 lavoriamo per la vostra tranquillità".

 

 

 

Capodanno: dopo la nottata un gran mal di testa i rimedi

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/comunicato/capodanno+dopo+nottata+gran+mal+testa+rimedi_18564.php
------------------------------

Capodanno: dopo la nottata un gran mal di testa i rimedi

Roma, 31 dicembre 2010. Il primo dell'anno con un gran mal di testa, nausea e sudore. Poche ore di sonno, una grande abbuffata, soprattutto un bella bevuta e gli effetti sono garantiti. Come si fa a togliere o a diminuire, il mal di testa da alzata di gomito senza ricorrere ai farmaci? L'alcool ha diversi effetti:
* diuretico, con effetto disidratante, bocca secca ed eliminazione di elementi essenziali come il potassio, con senso di spossatezza;
* ipoglicemico, con diminuzione dei livelli di glucosio e conseguente stanchezza;
* dilatante, con aumento del lume dei vasi sanguigni che tra l'altro da' luogo all'effetto "occhi iniettati di sangue";
* tossico, per la formazione della aldeide formica e altre sostanze nocive, che inducono mal di testa e nausea.

Che fare il giorno dopo? Occorre reidratare l'organismo con bevute di..... acqua. Anche il latte e' utile perche' reintegra gli elementi minerali e, cosi' sostengono alcuni scienziati, le uova, che contengono un amminoacido, la cisteina, la quale aiuta ad eliminare le tossine. Il caffe', vasocostrittore e tonico, puo' aiutare a sentirsi meglio. Quello che consigliamo dunque, appena svegliati con il mal di testa, e' un bel bicchiere di latte e gelato (acqua, zucchero e minerali), banana (potassio), caffe' (caffeina) e in aggiunta un bell'uovo fresco (cisteina).
Il tutto ben frullato.

Primo Mastrantoni, segretario dell'Aduc

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email aduc@aduc.it
Tel. 055290606
Ufficio stampa: Tel. 055291408

Chirurgia plastica al seno sempre più richiesta

Le operazioni di chirurgia plastica al seno sono tra gli interventi di medicina estetica più diffusi al mondo insieme alla liposuzione e al lifting del viso-collo. Negli ultimi 10 anni le richieste di mastoplastica sono inoltre aumentate quasi del 100%, le donne non rinunciano ad un bel decoltè considerato il punto forte della seduzione femminile. Il fenomeno sta coinvolgendo sempre più donne al punto che è dovuto intervenire il Ministero della Sanità che ha bandito l'operazione di chirurgia plastica al seno per le minorenni, tranne che non si tratti di mastectomia, e istituendo un registro delle protesi per tracciarne il "funzionamento" nel tempo

L'intervento di mastoplastica è piuttosto facile, risolutivo e non ha particolari controindicazioni (con le dovute cautele, si tratta sempre di operazione chirurgica che comprende un'anestesia, quindi non adatta a tutte le pazienti). Si tratta di inserire protesi mammarie di silicone o di soluzione salina sotto al muscolo toracico praticando delle incisioni o sull' areola del capezzolo oppure sotto al seno. 

C'è la possibilità di aumentare il seno anche senza l'utilizzo del bisturi, in questo caso vengono praticate delle iniezioni di acido ialuronico sulla mammella che aumentano il volume del seno. In questo caso però gli effetti sono temporanei dato che l'acido ialuronico viene riassorbito dal corpo umano nel giro di 6-8 mesi, in ogni caso non si può aumentare più di una taglia.

Se invece si vuole un intervento che duri nel tempo bisogna ricorrere proprio alla mastoplastica. Le protesi possono durare tutta la vita anche se la certezza di non metterci mano non è data. Alcune case produttrici di protesi danno una garanzia decennale, in ogni caso il "ritocco" potrebbe rendersi necessario in caso di abbassamento di un seno (ptosi) o correzione dell'armonia tra le due mammelle. 


Calvizie: le possibili cause e le soluzioni alla caduta dei capelli

La caduta dei capelli è a tutti gli effetti una patologia che colpisce uomini e donne di diverse fasce d’età. Tale malattia del cuoio capelluto viene chiamata Calvizie, cioè la condizione di mancanza dei capelli in un soggetto.

Nel corso degli anni, gli studi sulle cause che portano alla caduta dei capelli sono stati molteplici ed hanno fatto chiarezza su credenze popolari che distoglievano lo sguardo da quello che è la realtà: la Calvizie si manifesta secondo una predisposizione genetica. Oltre a questa causa, ve ne sono altre che non sono di origine genetica ma derivata da malattie del cuoio capelluto che la provocano.

L’aspetto importante e di cui bisogna tener conto è l’inizio del manifestarsi della caduta dei capelli e quindi della comparsa dei primi diradamenti. Risulta quindi fondamentale osservare attentamente lo stato del proprio cuoio capelluto e di valutare l’ereditarietà della Calvizie all’interno della propria famiglia. L’eredità tricologica gioca un ruolo fondamentale in quello che è il patrimonio genetico di ogni soggetto, agendo direttamente anche sullo stato di salute della propria capigliatura.

Possiamo quindi riassumere che l’origine della Calvizie è prevalentemente da imputare a due fattori: quello genetico e quello patologico.

Sottovalutare o prestare poca attenzione alla presenza di Forfora, a pruriti, a capelli grassi e ad altri fenomeni di natura ignota potrebbe portare al proliferarsi di qualche patologia sfociando poi in una caduta inaspettata dei capelli.

Prontocapelli – Hair Center dal 1979 mette a disposizione dei propri clienti l’innovazione e la continua ricerca nel campo delle soluzioni al problema dei capelli. Richiedi subito un check-up gratuito del capello.

 

L'ultima versione gratuita di Free Studio 5.0 di DVDVideoSoft

DVDVideoSoft ha rilasciato un ulteriore aggiornamento di Free Studio 5.0 il programma di successo recentemente rivisitato in toto e reso fruibile in rete all’indirizzo http://www.dvdvideosoft.com/free-dvd-video-software.htm

Con Free Studio 5.0, l’utente è in grado di gestire 39 applicazioni diverse, tutte con un’interfaccia semplice ed intuitiva, infatti il design del software è stato interamente ridisegnato dagli sviluppatori che lo hanno reso ancora più accattivante ma al contempo di facile fruizione grazie alla nuova interfaccia grafica che rende possibile l’accesso a vari programmi contenuti con un solo click.

L’applicativo, infatti, raggruppa ed organizza tutti i software che sono stati nel tempo rilasciati dall’azienda e che riguardano ben 8 sezioni diverse, YouTube, MP3 e Audio, CD-DVD-BD, DVD e Video, Foto ed Immagini, Dispositivi Mobili, Dispositivi Apple, 3D.

Com’era nei piani aziendali, l’aggiornamento di Free Studio 5.0 sarà l’ultimo offerto gratuitamente alla rete, infatti a partire dalla versione 6.0 i programmi potranno essere scaricati solo a pagamento.

DVDVideoSoft, intende comunque comunicare ai propri fan che verrà premiata la loro fedeltà e la loro passione, tant’è che potranno richiedere un codice di attivazione per il download gratuito di Studio 6.0 con una semplice e veloce iscrizione al sito www.dvdvideosoft.com.

L’azienda progetterà a questo scopo, una sezione dedicata all’interno del proprio sito web nel quale sarà sufficiente lasciare la propria mail per ricevere il codice omaggio.

Si sottolinea che DVDVideoSoft ha deciso di rendere gli ulteriori aggiornamenti di Free Studio 5.0 gratuiti ancora per diversi mesi, questo significa che i piccoli aggiustamenti che sarannò resi disponibili potranno essere scaricati senza alcun costo per i fruitori.

DVDVideoSoft ha quindi deciso di “ringraziare” i propri utenti più affezionati che nel tempo hanno seguito e deciso di utilizzare i programmi che sono stati rilasciati, contribuendo al successo, ormai riconosciuto a livello internazionale, della società.

Per qualsiasi novità sull’argomento e per gli aggiornamenti sui programmi, DVDVideoSoft vi consiglia di registrarvi alla newsletter gratuita disponibile all’indirizzo http://www.dvdvideosoft.com/subscription.htm

 

 

Informazioni sulla società:

DVDVideoSoft è uno sviluppatore indipendente di software multimediali per l’elaborazione di video e audio, che non solo sono gratuiti, ma ciò che è più importante, sono semplici e davvero utili. La società è stata fondata alla fine del 2006. Ad oggi, DVDVideoSoft offre 36 applicazioni gratuite che girano su XP, Vista, Windows 7, propone guide “passo-a-passo” per gestire le diverse esigenze multimediali con l’aiuto dei propri programmi e, se necessario, fornisce gratuitamente un supporto completo in inglese, tedesco, francese, spagnolo, italiano, russo, cinese e giapponese.

 

Contatti:

Aline Terry

Support.it@dvdvideosoft.com

NUOVA STRAGE DI INNOCENTI IN PUGLIA PER ALLARME DIOSSINA - ADESSO BASTA!!!!

NUOVA STRAGE DI ANIMALI INNOCENTI IN PUGLIA PER ALLARME DIOSSINA - ADESSO BASTA!!!! che vergogna!!!!

giovedì 30 dicembre 2010

Angelo Plessas | Opening on January 14th

 
 
 
Angelo Plessas
"Every website is a monument"
January 14th - March 10th, 2011
Opening January 14th  7 - 9pm



 
For further information, press release and exhibition text by Caroline Corbetta please follow the link:
 
 
 
 
Gloria Maria Gallery
Via Watt 32 | 20143 Milan
pr@gloriamariagallery.com
www.gloriamariagallery.com


NUOVA STRAGE DI INNOCENTI IN PUGLIA PER ALLARME DIOSSINA - ADESSO BASTA!!!!

CHIEDIAMO AI POLITICI E AGLI AMMINISTRATORI LOCALI DI PROVVEDERE A QUESTA
GRAVISSIMA SITUAZIONE.

Questa disgustosa assenza di etica e responsabilità nei confronti della vita,
non è degna di un paese civile. Povere creature saranno condannate a morte per
la noncuranza di politici ed amministratori e per il cinismo con cui questi
hanno dimostrato di affrontare questo problema, non ci rimane che pensare che
non hanno abbattuto anche le persone contaminate da diossina solo perchè sono i
loro potenziali elettori????

CHIEDIAMO DI OCCUPARSI IMMEDIATAMENTE DI QUESTO GRAVISSIMO PROBLEMA PERCHè
ALTRIMENTI DIMOSTRATE AL PAESE E ALL'EUROPA DI ESSERE INDEGNI DEL RUOLO
POLITICO E AMMINISTRATIVO CHE RICOPRITE!!!


VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA

MARIANNA PICCOLELLA CASANDRINO NAPOLI 80025


Questa disgustosa assenza di etica e responsabilità nei confronti della vita, non è degna di un paese civile. Povere creature saranno condannate a morte per la noncuranza di politici ed amministratori e per il cinismo con cui questi hanno dimostrato di affrontare questo problema, non ci rimane che pensare che non hanno abbattuto anche le persone contaminate da diossina solo perchè sono i loro potenziali elettori????

Tribute to Bill Evans: Gabriele Bolcato 4et @ Universo Jazz Club Lucca

Il jazz di Bill Evans e Miles Davis a Lucca

Gabriele Bolcato 4et in concerto all'Universo Jazz Club

 

Riparte sabato 8 gennaio 2011 con un concerto del Gabriele Bolcato 4et la stagione musicale all'Universo Jazz Club di Lucca. Alle 21.30, nel salone dell'Hotel Universo in piazza del Giglio, il quartetto di jazzisti veneti si esibirà nell'ambito di "Tribute to Bill Evans", la rassegna che l'Associazione Culturale Universo ha organizzato – con il patrocinio della Casa del Jazz di Roma e in collaborazione con ComunicarèCultura – per celebrare i trent'anni dalla morte del grande pianista americano.

La serata proporrà un'originale interpretazione dell'esperienza musicale di Bill Evans, vista in filigrana attraverso l'opera dello straordinario trombettista Miles Davis. Storicamente, la collaborazione tra i due artisti durò solo nove mesi, ma generò dei veri e propri capolavori (confluiti in Kind of Blue nel 1959) ed ebbe un'influenza profonda sullo stile e sulla consapevolezza artistica di entrambi.

Gabriele Bolcato, leader dell'omonimo quartetto, è diplomato in tromba e laureato in musica jazz presso il Conservatorio di Rovigo, dove ha studiato con Marco Tamburini. Allievo di Kenny Wheeller a Siena Jazz, ha fatto parte di formazioni di vario tipo (quartetti, sestetti, big band...) e ha suonato in studio e dal vivo con artisti come Tullio De Piscopo, Paolo Birro, Tony Scott, Mauro Negri, Gianni Basso, Franco Cerri, Emilio Soana, Dino Piana, Francesco Bearzatti e molti altri. Attualmente la sua ricerca stilistica è concentrata sull'interpretazione e la reinvenzione del repertorio di Miles Davis alla tromba e al flicorno.

Del Gabriele Bolcato 4et, che si è già esibito con successo in numerosi festival, fanno parte inoltre: Beppe Guizzardi (pianoforte), Nicola Ferrarin (contrabbasso) e Adelino Zanini (batteria).

La stagione di "Tribute to Bill Evans" all'Universo Jazz Club continuerà il 12 febbraio 2011 all'insegna della contaminazione fra generi, con Puccini Moods feat. Piero Odorici e un interessante dialogo tra jazz e musica classica; il 12 marzo 2011 il Francesca Bertazzo Trio proporrà il suo repertorio di jazz-bebop vocale; la rassegna terminerà il 9 aprile 2011 con un seminario di Mirko Guerrini sul tema "L'improvvisazione nel jazz" e il concerto dei Triodegradabile.

Il prezzo del biglietto per il concerto di sabato 8 gennaio è di € 10. Lo spettacolo avrà inizio alle 21.30 e sarà preceduto da un aperitivo di benvenuto alle ore 20.00 riservato ai membri dell'Associazione Culturale Universo.

 

Per informazioni, prenotazioni o per associarsi:

Hotel Universo, Piazza del Giglio, 1 - 55100 Lucca - Toscana - (Italy). Tel. +39 0583/493678

Attenzione all'acquisto del 2011 - vignetta

Acquista il 2011
Firenze, 30 dicembre 2010. Ecco la vignetta di Joshua Held
http://www.aduc.it/vignetta/acquista+2011_18562.php

Aduc- Osservatorio Padova. Riuscirà AcegasAps a ottenere altri soldi?

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/comunicato/aduc+osservatorio+padova+riuscira+acegasaps_18560.php
-------------------------------


Aduc- Osservatorio Padova. Riuscirà AcegasAps a ottenere altri soldi?

Padova 30.12.2010. Tanto ferro e fuoco nei mesi scorsi per limare gli aumenti della Tia, il costo dei servizi sull'asporto rifiuti, per fissarla a un 3%. L'ex municipalizzata AcegasAps chiedeva al comune di Padova il 6,5%. Ora, con il diluvio di aumenti delle tariffe che si abbatteranno sui bilanci delle famiglie padovane, l'azienda ci riprova, e infila, con gli auguri di fine anno, la richiesta al Comune di imporre un aumento di un altro 3%. Come dire: già che ci siamo con le mazzate, una più una meno. E il pretesto con cui si giustifica la richiesta d'aumento è riconducibile anche ai costi della cosiddetta raccolta porta a porta dei rifiuti, che il Comune attiverà dal prossimo anno in due piccole zone limitate ai quartieri 3 e 4.

Vorremmo capire, viste le premesse, a quanto lieviteranno i costi della Tia nel momento in cui la raccolta porta a porta sarà estesa a tutte le utenze della città. Perché ci pare scontato che l'obiettivo del Comune sia questo. E noi dal prossimo anno ci attiveremo, con tutti i gruppi e partiti che lo condividono, per una iniziativa popolare sulla città per accompagnare l'assessore all'ambiente Zan in questa operazione virtuosa. Perché la raccolta porta a porta consente di eliminare i cassonetti, che diventano troppo spesso delle piccole puzzolenti discariche a cielo aperto. Tanta materia si può recuperare, perché la separazione dei rifiuti è praticata al massimo, e quindi si riduce la necessità di impianti di smaltimento come inceneritori e discariche. Di conseguenza, insieme all'assessore Zan, chiederemo la chiusura della prima e seconda linea dell'inceneritore di Padova.

Ci pare pertanto immotivata la richiesta di aumento della Tia da parte di AcegasAps attribuita al porta a porta. Recenti studi di regioni limitrofe al Veneto, come Lombardia ed Emilia, confermano l'equivalenza sostanziale dei costi. Sappiamo altresì che chi gestisce discariche e inceneritori non ha interesse a praticare la raccolta porta a porta perché non può fare buoni guadagni sostenuti dal contributo pubblico. E puntualmente invocano il basso gradimento dei cittadini e paventano l'aumento dei costi. Ma ci adopereremo per smentirli.

Maria Grazia Lucchiari
ADUC Associazione per i diritti degli utenti e consumatori – Padova
http://www.aduc.it
lucchiari@aduc.it
Tel.347 4041133

Nevi e rimborsi. Tra bufale e autopubblicita', chi ci rimette e' l'utente. Fare da se'!

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/comunicato/nevi+rimborsi+bufale+autopubblicita+chi+ci+rimette_18558.php
-------------------------


Nevi e rimborsi. Tra bufale e autopubblicita', chi ci rimette e' l'utente. Fare da se'!

Firenze, 30 Dicembre 2010. Il caos neve dello scorso 17 dicembre e' stato foriero di tanta disponibilita' per venire incontro ai malcapitati che ne sono stati vittime.
Ma tra il dire e il fare c'e' di mezzo un mare in cui navigano tanti furbetti che le bufale, invece di mangiarsele nel desco delle feste, cercano di rifilarle a chi credono sia uno sprovveduto.
Vediamo la situazione.
- Il presidente della Regione Toscana, con la neve ancora per strada, annuncia che promuovera' una class action contro tutti i responsabili. I cattivi consiglieri di Enrico Rossi, aggiornando la famosa frase di una volta con cui si minacciavano i presunti fedifraghi -"ti faccio causa"- con la piu' -ritenuta tale- minacciosa "ti faccio una class action", fanno esprimere il governatore a sproposito: proceduralmente la class action e' improponibile.
- Il Sindaco di Firenze fa il "mea culpa" e annuncia che il giorno dopo Natale sara' pronto tutto perche' i fiorentini danneggiati abbiano il dovuto. Siamo a Capodanno e non e' ancora noto come e dove fare queste richieste.
- Un gruppo di fiorentini facenti riferimento al consigliere comunale Ornella De Zordo, annuncia una class action... vale quanto gia' detto per il governatore toscano.
- Alcune associazioni di consumatori stringono un accordo con Autostrade spa per un rimborso massimo di 300 euro (1), ma solo per gli intrappolati nel tratto fiorentino dell'Autostrada tra Arezzo e Firenze. E gli altri sulle autostrade a nord e ad ovest di Firenze? Ognuno per se'. Comunque, come si dice in gergo "meglio di un dito nell'occhio". Vedremo, poi, quanti e come saranno rimborsati.
- Un gruppo di danneggiati autorganizzati, che dicono essere un centinaio, contesta questo accordo di Autostrade e chiede, nello specifico, rimborsi danni tra 500 e 1000 euro e come? Ovviamente con una class action... vale quanto gia' detto per il governatore toscano.
- Per i danneggiati sulla superstrada Fi-Pi-Li, nonostante le dichiarazioni di fuoco del presidente della Provincia fiorentina, Andrea Barducci, che ha promesso mare e monti, al momento tutto tace.
- Per i danneggiati sui treni bloccati, Trenitalia fa sapere che, da dopo le feste, potra' essere applicato il loro regolamento per i rimborsi sui ritardi (2), non un centesimo in piu' per il danno. Il comunicato di Trenitalia riporta che l'iniziativa "e' stata adottata come segno di attenzione verso i propri clienti, sebbene le normative italiane e comunitarie non prevedano indennita' per i ritardi provocati da avverse condizioni meteorologiche" (3). Trenitalia prende per i fondelli, perche' quelle da loro ricordate sono le norme per -neve o non neve- qualunque tipo di ritardo.

Su questa débacle del sistema di prevenzione e soccorso, sono in tanti a mangiarci facendosi belli, con facce di tolla e demagogia populista che non credevamo si sarebbero spinte a tanto. Si va dalle finte class action (governatore Toscana, gruppo di fiorentini, insoddisfatti accordo Autostrade) agli annunci di impegno a cui segue il nulla (Sindaco Firenze e Presidente Provincia Firenze) fino al minimo indispensabile per farsi vedere tanto bravi e buoni (Autostrade). Il top, pero', e' quello di Trenitalia, che spaccia l'applicazione del proprio regolamento come "segno di attenzione" che altrimenti non sarebbe dovuto....

Evidentemente, gli utenti danneggiati, senza aspettare i comodi dei responsabili (come se un condannato a morte che, potendo evitare la pena, chiedesse prima il permesso al boia), e' bene che facciano da se': precisando e circostanziando il danno subito e intimando il rimborso con una raccomandata A/R di messa in mora (4).

(1) http://www.aduc.it/notizia/maltempo+firenze+autostrade+rimborsa_121518.php
(2) http://sosonline.aduc.it/scheda/treni+diritti+dei+passeggeri+regole_18518.php
(3) http://www.aduc.it/notizia/caos+neve+rimborsi+trenitalia_121573.php
(4) http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora_8675.php


Vincenzo Donvito, presidente Aduc

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email aduc@aduc.it
Tel. 055290606
Ufficio stampa: Tel. 055291408

Stasera e domani a Capodanno su Jolly Sat - SKY 898 con la trasmissione "Pianeta Biancoforno Volley"

       

?Stasera 30 dicembre 2010 dalle ore 21,00 su Jolly Sat SKY 898,  andrà in onda la seconda trasmissione televisiva "PIANETA BIANCOFORNO VOLLEY", l'appuntamento settimanale sul campionato nazionale di pallavolo femminile di "Serie A2. Una trasmissione ideata e condotta da Maurizio Zini (www.mauriziozini.com) con la presenza in studio di Giancarlo Campinoti
Presidente del Volley Santa Croce; di Stefano Sassi vice allenatore della Biancoforno Volley e di Francesco Mian voce ufficiale delle nostre telecronache oltre all'intervento istituzionale del Sindaco di Santa Croce s/Arno Osvaldo Ciaponi, dove i presenti della società sportiva Volley Santa Croce e addetti ai lavori, si alterneranno ad analizzare la gara disputata a Pomezia del campionato 2010-2011, con uno sguardo al calendario delle partite successive oltre a servizi, interviste e tante rubriche inedite sul variegato mondo del volley femminile. Ogni giovedì dalle ore 21,00 alle ore 22,00 tutti i telespettatori, appassionati della pallavolo, avranno così a disposizione un programma sportivo esclusivo su Jolly Sat SKY 898 - dichiara Maurizio Zini - per seguire dibattiti, commenti, giudizi sulle prestazioni della propria squadra del cuore, con la possibilità di interagire direttamente con i vari ospiti presenti in studio attraverso sms, e-mail e linee telefoniche dedicate. Il programma "PIANETA BIANCOFORNO VOLLEY" vedrà nelle prossime puntate, in studio la presenza di esperti, giornalisti e tecnici del settore, che si alterneranno settimanalmente alla partecipazione della trasmissione. Un "forum sulla pallavolo" che la DM News di  Santa Croce s/Arno (PI) intende produrre, per colmare "quel vuoto" di informazione televisiva - continua Zini - e che sarà visibile in streaming in modalità on-demand 24 ore su 24, sul sito ufficiale www.volleysantacroce.it e poi anche in differita sulla web-tv di www.dmnews.it e sul canale 21al link www.streamit.it in IPTV. Inoltre il 31 dicembre 2010 dalle ore 23 alle ore 01,00 del nuovo anno, andranno in onda le prime due puntate del programma con ospiti i massimi esponenti della società sportiva ovvero il Presidente Giancarlo Campinoti e il DG Giuseppe Calò oltre a tutto lo staff tecnico di Mister Baraldi e gli esclusivi auguri di buone feste da parte di tutte le atlete biancorosse. Ringrazio per questa opportunità professionale la direzione di Sky 898, che premia con questa nuova replica, per passare insieme in TV l'arrivo del 2011, la bontà del nostro prodotto professionale sia a livello video con la regia di Daniele Papini sia a livello di informazione giornalistica - conclude Maurizio Zini - e per la fattiva collaborazione lo staff di Radio Bruno Toscana, di DM News e di Easy-News Press Agency (www.easynewsweb.com) oltre all'ufficio stampa della Biancoforno Volley Femminile e tutti gli addetti e tifosi. 

 
 

 


-- 
EASY NEWS PRESS AGENCY
Il Direttore
MAURIZIO ZINI
+39.335.6573037

Per non ricevere piu' questa Newsletter, Clicca qui.

Fiat e sindacati (saggi?): il dibattito novecentesco dell'Italia dimentica i cittadini

Qui il comunicato online
http://www.aduc.it/articolo/lavoro+fiat+sindacati+saggi+dibattito+novecentesco_18553.php

-------------------------------------

Fiat e sindacati (saggi?): il dibattito novecentesco dell'Italia dimentica i cittadini

Firenze, 30 dicembre 2010. A leggere le cronache del lavoro, quelle che fanno le prime pagine e animano il dibattito politico e sindacale, sembra che l'Italia sia in pieno '900. Il contratto collettivo nazionale dei metalmeccanici è al centro di polemiche ideologiche che contengono contraddizioni grosse quanto il nostro debito pubblico, ma che raramente vengono evidenziate.
Primo punto: è il settore metalmeccanico il fulcro attorno al quale costruire il futuro?
I metalmeccanici sono circa il 10% della forza lavoro, che danno un forte contributo alla produzione di Pil e alle esportazioni (non c'è solo la Fiat). Ciò nonostante è paradossale che l'unico grande dibattito avvenga in questo settore, mentre il magmatico mondo dei cosiddetti lavori atipici (collaborazioni, partite Iva, ecc.), è lasciato ai margini, salvo aumentargli sempre più l'imposizione previdenziale.
La fabbrica automobilistica era sicuramente emblema del sistema produttivo del secolo scorso, industria innovativa che trascinava la ricerca in altri ambiti.
Ma oggi è così? No, la centralità è in altri settori, ed ha al centro Internet, e tutto ciò che ne deriva. Si pensi solo alle società a maggior capitalizzazione in borsa: una volta dominavano i costruttori di automobili, oggi in quella statunitense Google, Apple e Microsoft la fanno da padroni.
Secondo punto: il settore metalmeccanico è quello che più necessita di flessibilità e stimoli alla produttività?
Nessun dibattito serio, invece, sul settore meno produttivo in Italia quello pubblico. E non è il caso di fare polemichette a tratti popolari scimmiottando il ministro Renato Brunetta (che scimmiotta se stesso). L'improduttività non dipende dai 'fannulloni', ma dalla politica che ha più interesse a piazzare lavoratori (per catturare consensi), piuttosto che erogare servizi di qualità ai cittadini: giustizia, istruzione, sicurezza, ecc.. Una propensione ideologica, non solo in malafede.
Tale pratica continua anche in regime di blocco delle assunzioni nel pubblico: basta creare società municipalizzate che sfuggono a questo blocco (vedi il recente caso che ha coinvolto diverse società del Comune di Roma).
Terzo punto: i sindacati più 'moderati' sono realmente quelli più saggi?
Ci limitiamo a constatare che le due confederazioni che da anni sono considerate più moderate ed aperte ai cambiamenti (Cisl e Uil, in contrapposizione all'ideologica Fiom-Cgil) hanno diversi scheletri nell'armadio. La Cisl ha la sua roccaforte di iscritti (oltre che tra i pensionati) tra i dipendenti pubblici, e in quest'ambito è sicuramente più conservatrice e meno propensa all'innovazione. Per quanto riguarda la Uil, basti ricordare come ha contribuito a devastare la società statale Tirrenia, compagnia navale dove Uiltrasporti è dominante e detta legge, in barba a tutti i soldi buttati a mare dai contribuenti.

Domenico Murrone, direttore Avvertenze online – http://avvertenze.aduc.it


(1) http://www.aduc.it/comunicato/sciopero+tirrenia+sindacato+irresponsabile+creare_17998.php


COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email aduc@aduc.it
Tel. 055290606
Ufficio stampa: Tel. 055291408

In edicola Più Sani Più Belli Magazine

Milano Dicembre 2010 - La donna che ricerca l’armonia psico-fisica da oggi ha un complice vincente. È in edicola Più Sani Più Belli Magazine, il nuovo giornale dedicato alla salute, alla bellezza e al benessere con la firma d’eccezione di Rosanna Lambertucci, edito dal Gruppo Edizioni Master e distribuito nelle edicole di tutta Italia al prezzo di lancio di 1,00 euro. Ad arricchire l’offerta, inoltre, è prevista una versione del magazine per iPad.

 

Più Sani Più Belli Magazine si pone come obiettivo quello di informare e consigliare in modo completo e puntuale, presentando tutto quello che può aiutare a rendere migliore la qualità della vita. A cominciare dall’Alimentazione, con le diete e i cibi che danno energia e mantengono giovani. Il Benessere, con gli accorgimenti alternativi alla medicina tradizionale che possono aiutare a star bene, dall’omeopatia allo sport e al fitness. E poi la Bellezza, con i segreti per migliorare il proprio aspetto fisico e le ultime novità sulla medicina estetica. Ampio spazio è riservato ai consigli per le mamme e i bambini e alle tematiche legate alla psicologia e alla sessualità.

 

Nel primo numero del Magazine Rosanna propone una nuova dieta per mettersi presto in forma dopo le feste: dopo aver trasgredito a tavola, per recuperare bastano due settimane grazie al metodo molecolare. I suggerimenti per disintossicarsi con i benefici delle tisane, per rigenerare l’organismo dopo un periodo di alimentazione esagerata, attraverso le proprietà salutari di alcune piante. Ancora tanti utili consigli per la corretta idratazione del viso e del corpo, grazie alle indicazioni per proteggere la salute della pelle dall’aria inquinata e dal freddo dell’inverno, che mette a dura prova anche la bellezza dei capelli. Il Magazine dedica, poi, un’ampia inchiesta sulla valutazione dei pro e contro del parto naturale o cesareo, analizzando le diverse problematiche delle due strade che si possono intraprendere per dare alla luce un figlio. Tante altre le news, gli speciali e le curiosità che Più Sani Più Belli Magazine offre: dall’oroscopo della salute, per conoscere la classifica segno per segno del 2011 ai consigli per un seno al top grazie alla chirurgia estetica e ai trattamenti di cosmesi che possono dare una mano, dai metodi naturali per combattere il mal di testa ai consigli degli esperti per una vita sessuale sana e soddisfacente.

 

La divulgazione scientifica in Più Sani Più Belli Magazine avviene non solo attraverso i consigli degli esperti e gli approfondimenti redazionali, ma soprattutto grazie allo scambio di consigli tra la community dei lettori e Rosanna Lambertucci, che sulle pagine della rivista incontra il pubblico, anima i dibattiti, risponde alle richieste sui temi che più stanno a cuore ai lettori.

Per quanto riguarda Più Sani Più Belli iMag per iPad, grazie all’applicazione creata ad hoc, i lettori hanno un accesso istantaneo alla rivista in una versione digitale che presenta, oltre agli stessi contenuti di quella stampata, ulteriori approfondimenti di notizie (video, testi extra, link e fotogallery).

 

 

 

 

 

Spumanti e champagne. Come sceglierli

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/comunicato/spumanti+champagne+come+sceglierli_18554.php
-------------------------


Spumanti e champagne. Come sceglierli

Roma, 30.12. 2010. Puo' essere considerato spumante o champagne un vino bianco al quale e' stato aggiunto gas (anidride carbonica) e confezionato con tappo a fungo e gabbietta metallica? No, certamente ma in commercio se ne trovano a prezzi piuttosto bassi, il che puo' ingannare il consumatore convinto di aver fatto un affare! Come fare per evitare fregature? Come al solito occorre leggere l'etichetta e in questo senso qualche consiglio e' utile. Un buon spumante deve indicare le dizioni:
* metodo classico (significa che e' fatto con il metodo champenois);
* Doc (denominazione di origine controllata), Docg (denominazione di origine controllata e garantita) o l'analoga sigla europea VSQPRD, il che assicura che il vino e' di una determinata area geografica;
* Prodotto e imbottigliato da... (un produttore corretto tiene a garantire la qualita' del proprio prodotto);
* la data della sboccatura, cioe' della eliminazione del deposito che si forma nelle bottiglie.
Per la scelta degli champagne in genere il consumatore guarda piu' alla marca che all'etichetta, anche perche' nessun commerciante si sente obbligato a fornire informazioni precise, spesso si limita a decantarne le qualita'. Per lo champagne valgono in sostanza le stesse indicazioni dello spumante. In piu' sulle etichette degli champagne dovrebbe essere indicata:
* la sigla Ay che sta ad indicare la zona con i vigneti migliori;
* la sigla R.M (lo champagne e' fatto con uve dei produttori);
* la sigla N.M (lo champagne e' fatto con uve di diversa provenienza);
* la dizione "pas dosé" o "nature" (non e' stato aggiunto sciroppo zuccherino);
* l'indicazione dell'annata (champagne millesimato).

Primo Mastrantoni, segretario dell'Aduc.

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email: aduc@aduc.it
Tel.055290606
Ufficio stampa: Tel.055291408

31 Dicembre: i Narcotango in concerto per il 6° MeditangoFestival


6° MeditangoFestival. Vieni, Ascolta, Danza.


La sesta edizione del MeditangoFestival riserva per il 2010 un ulteriore bellissimo appuntamento con la musica: il 31 Dicembre, presso la Milonga della Stazione, si terrà, infatti, il concerto dei Narcotango, gruppo tra i più acclamati del Tango Elettronico.

Una fantastica festa di Capodanno inserita all'interno del loro tour mondiale avrà dunque per protagonisti una delle band più importanti della nuova generazione del Tango, nominati per il Latin Grammy 2010 con il loro nuovo album Limanueva.

A detta del loro direttore musicale, Carlos Libedinsky, i Narcotango sono "un profondo abbraccio tra il Tango e l'atmosfera musicale elettronica dei nostri tempi".
Avvicinatosi al Tango nel 2000, Libedinsky si è posto il problema di coniugare il Tango che ascoltava nelle milonghe con i dirompenti suoni Trip Hop di gruppi come i Massive Attack, i Portishead, i Morcheeba e Bjork, dando vita, nel 2003, al cd Narcotango, il cui genere musicale è stato definito Tango Elettronico.
Da allora, il Tango Elettronico ha avuto ampia diffusione dapprima in Europa e poi nella stessa Buenos Aires, anche grazie all'avvicinamento ai suoni proposti dai Narcotango di gruppi quali i Gotan Project, i Bajofondo Tango Club, i Tanghetto, gli Otros Aires e gli Electrocutango.

Il MeditangoFestival, dopo aver proposto negli anni passati i concerti degli Otros Aires, degli Electrocutango e dei Tango Crash, si presenta ancora una volta promotore di innovazione e tradizione insieme, proponendo per il sesto anno consecutivo un ricchissimo cartellone di eventi.
La sera del 31, dunque, i Narcotango si esibiranno in un concerto sicuramente innovativo ed emozionante, all'insegna della tradizione ma anche del futuro, sotto i migliori auspici di un anno che sia ricco di tradizione e di novità.

Programma:
- Inizio cena alle 20.30
- Dalle 22.30 al mattino Gran Veglione di Capodanno con concerto, all'1.30, dei Narcotango
- Prima e dopo il concerto, serata di milonga con la musica di Ivajla da Sofia

Costi:
CENA a buffet + Brindisi + CONCERTO + Gran Milonga  €60ì
Gran Milonga con CONCERTO dei NARCOTANGO + Brindisi  €35 (se lo acquisti online €35+2). 

Dove:
Milonga della Stazione
Via Casalina 96 Roma


Da questa edizione i biglietti possono essere acquistati con un semplice click sul sito meditangofestival.com 



Ufficio Stampa Meditango
Cristina Loizzo
+39.333.5081325

mercoledì 29 dicembre 2010

Bracciano(Rm): Giovedi 30 dicembre "Racconti sotto l'albero", storie per tutta la famiglia.

COMUNICATO STAMPA

Bracciano(Rm): Giovedi 30 dicembre "Racconti sotto l'albero", storie per tutta la famiglia.
Per la rassegna "Natale e.. oltre", patrocinata dall'Assessorato alle Attivita' Culturali del Comune di Bracciano, l'associazione TEARTE propone un Reading con musiche a tema natalizio e non solo. Presso la Sala Conferenze dell'Archivio Storico alle 21.00, ingresso libero.
"Racconti sotto l'albero" fa parte di una serie di Reading che l'ass. TEARTE ha proposto e sta realizzando proprio per riconquistare il gusto della narrazione e dell'ascolto, per donne e uomini di ogni eta'. 
- E' il piacere di condividere storie ed emozioni in una sorta di rito collettivo, la nostalgia nel rivivere quelle serate trascorse ad ascoltare gli adulti che ci raccontavano storie piu' o meno vecchie, piu' o meno tristi, piu' o meno conosciute, ma sempre cariche di fascino. - riferiscono Gianni D'Ianni e Laura Laurini, ideatori e interpreti insieme al musicista Alessandro Mezzasalma - L'idea, come suggerisce il titolo della rassegna, e' di andare oltre il tema classico natalizio. E' vero, la maggior parte dei titoli tocca l'argomento, ma lo fa con misura, ironia e, soprattutto, originalita'. Inoltre, abbiamo aggiunto brani di forte intensita' emotiva, che completano quello che noi intendiamo per spirito natalizio, invitandoci a prolungare i buoni propositi oltre lo scadere delle festivita'. I testi sono di I.Calvino, D.Buzzati, G.Rodari, O.Wilde, maestri indiscussi, a cui noi abbiamo cercato di rendere onore con la nostra recitazione e con l'ausilio imprescindibile di suggestive atmosfere musicali. Una vera fusione fra parole e musiche molto coinvolgente, che trasporta lo spettatore in un piacevole sogno, senza trascurare qualche doverosa riflessione -.
Un spunto interessante per  un classico bilancio di fine anno.
Appuntamento, dunque, per giovedi 30 dicembre ore 21.00 alla Sala Conferenze dell'Archivio Storico Comunale di Bracciano, piazza Mazzini 5.


SCHEDA RIASSUNTIVA EVENTO:
TEARTE Ass.Cult
con
Ass.to alle Politiche Culturali del Comune di Bracciano
presentano
"Racconti sotto l'albero"
reading con musiche da testi di
I.Calvino, D.Buzzati, G.Rodari, O.Wilde
ideato ed interpretato da
Gianni D'Ianni e Laura Laurini
improvvisazioni musicali eseguite da 
Alessandro Mezzasalma

Bracciano, 30 dicembre 2010 ore 21:00
Sala Conferenze Archivio Storico Comunale
 p.zza Mazzini,5
Ingresso libero

Allegato : locandina
Per info e approfondimenti : Gianni D'Ianni cell. 328/3818151 - asscult.tearte@libero.it

Nasce PI Libri, il nuovo servizio gratuito di Punto Informatico

Milano – Da oggi online PI Libri, il nuovo servizio gratuito offerto da Punto Informatico, la più autorevole testata italiana d’informazione tecnologica su Internet.
Grazie a PI Libri, gli utenti registrati di Punto Informatico possono scaricare o sfogliare interi libri sui temi più interessanti dell’ICT, attraverso un semplice clic: basta disporre di una connessione ad Internet e di un visualizzatore di file PDF.

 

Nato per favorire la condivisione della conoscenza e la libera circolazione delle idee, PI Libri prevede, oltre ai volumi scritti dai principali esperti del settore, una serie di  Approfondimenti tematici - veri e propri ‘Quaderni dell’ICT’ -  che approfondiscono, con stile semplice e informale, i temi e le problematiche più attuali per i professionisti del settore. Dal web design al networking, dalle tematiche SEO e SEM al web marketing, a tutto ciò che riguarda la Rete. Si potrà fin da subito, ad esempio, imparare a creare la prima applicazione per iPhone e iPad, far proprie le tecniche per portare siti e blog in testa ai motori di ricerca ma, anche, apprendere i principali linguaggi di base per sviluppare le proprie applicazioni sul Web.

 

PI Libri, in linea con la filosofia che caratterizza da sempre Punto Informatico, primo quotidiano online italiano a offrire tutti i suoi contenuti con licenza Creative Commons, non solo offre una vera e propria libreria digitale gratuita ma vuole fare della community un punto di forza. Chiunque, infatti, può prendere parte attivamente alla crescita di questo progetto, pensato per essere continuamente arricchito con nuovi libri e approfondimenti  e migliorato tramite i consigli e le indicazioni della community e dei lettori, da sempre inclini a interagire con la redazione. Collaborare è semplicissimo: basta inviare una mail a pilibri@edmaster.it offrendo segnalazioni e suggerimenti sugli argomenti o, addirittura, proponendo la pubblicazione di un testo o un e-book (proprio o di terze parti) che sarà vagliato dalla Redazione e dagli esperti di Punto Informatico per il possibile inserimento nelle sezioni e categorie di competenza.

Per accedere a PI Libri: www.punto-informatico.it/PILibri

Buona lettura!

 

 

 

Cenone di Capodanno. Zampone o cotechino?

Qui il comunicato online:
http://www.aduc.it/comunicato/cenone+capodanno+zampone+cotechino_18550.php
--------------------------

Cenone di Capodanno. Zampone o cotechino?

Roma, 29 Dicembre 2010. Zampone o cotechino? La vexata questio si ripropone ogni volta che si avvicina la fine dell'anno perche' e' "obbligo di legge" il consumo di questi prodotti, accompagnati dal tradizionale contorno di lenticchie. Si sa che del maiale non si butta nulla, cosi' nacque l'idea (nel 1511 durante un assedio) di utilizzare anche le parti meno nobili per poterle consumare in tempi successivi. Il contenuto dello zampone e del cotechino e' sostanzialmente identico, si tratta infatti di parti del maiale (muscoli di spalla, cotenna, lardo, musetto, orecchie) macinate, con aggiunta di condimenti e spezie (sale, pepe, noce moscata, cannella, salnitro, ecc.). Il valore nutritivo e' piuttosto elevato (42% di grasso e 17% di proteine). La differenza sta nell'involucro che nello zampone e' costituito dalla cotenna della zampa (mangiabile) e nel cotechino dal budello, che un tempo era naturale ed oggi puo' essere sintetico, quindi non commestibile. Attenzione comunque all
a dieta
perche' 100 grammi di cotechino o zampone fanno 450 kilocalorie!!

Primo Mastrantoni, segretario Aduc.

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC
Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
URL: http://www.aduc.it
Email: aduc@aduc.it
Tel.055290606
Ufficio stampa: Tel.055291408

martedì 28 dicembre 2010

FIAIP BERGAMO: CHE COS'E' E COME FUNZIONA LA FIAIP

FIAIP BERGAMO: CHE COS'E' E COME FUNZIONA LA FIAIP

STRUTTURA DELLA FEDERAZIONE

 

La Federazione italiana agenti immobiliari professionali (Fiaip) venne fondata a Viareggio nel 1976, ad opera di un gruppo di agenti immobiliari che intendevano affermare la natura professionale del mediatore immobiliare, che allora era considerato un semplice ausiliario del commercio e non un professionista vero e proprio. Da allora la federazione ha raggiunto una rappresentanza capillare sul territorio, strutturandosi in Consigli provinciali e regionali. Gli associati sono attualmente 12mila, e Fiaip rappresenta mediatori immobiliari e creditizi. Lafederazione è completamente indipendente e autogestita in base al proprio Statuto. Aderisce liberamente a Confedilizia e Confindustria. La sede nazionale è a Roma, Piazzale Flaminio 9.

 

Struttura della Fiaip

 

La base associativa è rappresentata dall’Assemblea provinciale degli iscritti, che si riunisce in seduta ordinaria due volte l’anno ed elegge ogni 4 anni il Presidente provinciale e il Consiglio provinciale, motore dell’attività sul territorio. Il Consiglio provinciale elegge il Vicepresidente e il Segretario provinciale, oltre ai Delegati provinciali di settore, per coprire tutti gli ambiti dell’azione sindacale. Tra le iniziative caratterizzanti la formazione, con corsi di aggiornamento professionale; la comunicazione interna ed esterna, con particolare interesse alla stampa, la televisione e il web; la rappresentanza politica e istituzionale, in rapporto con enti locali, camere di commercio, parti economiche e sociali, professioni afferenti al settore real estate e mondo politico; la lotta all’abusivismo e il dialogo costante con il Notariato e le associazioni dei consumatori. Almeno una volta l’anno viene convocata l’Assemblea dei Presidenti provinciali, presieduta dal Presidente nazionale, con funzioni informative e propulsive.

 

I Consiglieri provinciali eletti dalla base territoriale compongono il Consiglio regionale, che opera anch’esso in base ad un mandato quadriennale: Il Consiglio regionale elegge Presidente, Vicepresidente e Segretario regionale, oltre ai Delegati regionali di settore, e ha funzioni di coordinamento dell'attività dei Consigli provinciali.

 

I Presidenti regionali a loro volta costituiscono la Giunta nazionale, organo di controllo e sintesi politica, che supervisiona l’operato del Comitato esecutivo e ha funzioni d’indirizzo e programmatiche verso lo stesso, oltre che di verifica del perseguimento degli indirizzi politici della federazione fissati dal Congresso e dal Consiglio Nazionale.

 

Il Consiglio nazionale è il parlamentino della Fiaip, organo supremo della Federazione, ed è costituito da tutti i Presidenti provinciali e regionali e dal Comitato esecutivo (membri di diritto) e da “almeno un consigliere nazionale per ogni regione, oltre ad ulteriori 40 Consiglieri nazionali eletti dai Consigli regionali in proporzione agli associati di ciascuna regione” (Statuto Fiaip, Art. 29 c. 1). Il Consiglio nazionale ha potere di deliberazione della linea politico – sindacale della federazione, e si riunisce in seduta ordinaria ogni 4 mesi.

 

Il Comitato esecutivo costituisce l’organo operativo centrale della Fiaip, paragonabile ad un Consiglio d’amministrazione con precisa ripartizione dei compiti. Esso è costituito dal Presidente nazionale, il Vicepresidente vicario, il Segretario e il Tesoriere, oltre a 6 Vicepresidenti di settore, con delega a Cultura e formazioneSettore turisticoSettore estero,Mediazione creditizia, Comunicazione – editoria – informatica, Previdenza e contrattazione collettiva. Questi 6 settori operativi corrispondono a quelli dei Delegati di settore provinciali e regionali, e costituiscono le categorie di ripartizione dell’attività federativa dalla periferia al centro.

 

Il Comitato esecutivo è eletto ogni 4 anni dal Congresso nazionale, composto dai Consiglieri nazionali (con voto capitario) e dai Delegati congressuali, eletti dai Consigli provinciali in ragione del numero degli iscritti, con rappresentanza proporzionale perfetta. Il Congreso nazionale, oltre ad eleggere il Comitato esecutivo, elabora la linea politica, economica e organizzativa della federazione, che poi verrà declinata storicamente dalle deliberazioni del Consiglio nazionale.

 

Lo Statuto è modificabile ogni 4 anni ad opera del Congresso nazionale. Grazie ad una modifica statutaria deliberata dal Congresso di Taormina (2009), lo Statuto è modificabile, senza vincoli temporali, anche dal Consiglio nazionale con una procedura speciale in cui i Presidenti provinciali votano con voto ponderato, in ragione del numero degli associati dei rispettivi Collegi provinciali, conseguendo così in questo caso rappresentanza proporzionale assoluta.

 

Per l'articolo su Immobilio  clicca qui

Per l'articolo su Wikio  clicca qui

Per l'articolo su Blog Immobilare Bergamo  clicca qui

GIULIANO OLIVATI
PRESIDENTE PROVINCIALE FIAIP BERGAMO

 

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota