sabato 28 aprile 2007

+++ DUE CAVALLI FERITI AL PALIO DI ACATE (RAGUSA) - ANCORA MATTANZA ++++


Comunicato Stampa LAV Sicilia:

 

PALIO DI ACATE (RAGUSA), ENNESIMA MATTANZA:  

DUE CAVALLI  STRAMAZZANO AL SUOLO CON

LE ZAMPE DISTRUTTE

 

LA LAV: ANCORA SANGUE IN ASSURDI PALII PAESANI, MA

PREFETTURA E COMUNE NON FERMANO LA FOLLE CORSA

 

 

Orrore al Palio di Acate, che oggi e fino a domani si corre nella cittadina in provincia di Ragusa, dove poche ore fa due cavalli lanciati nella corsa in una strada del paese sono rovinosamente caduti per terra ferendosi in maniera irreparabile alle zampe. Uno mostrava la zampa visibilmente spezzata ed è stato brutalmente caricato su un camion per destinazione ignota; per l'altro cavallo si è trattato di una vera carneficina: l'asfalto della strada si è macchiato di sangue subito lavato via dagli organizzatori mentre il cavallo, agonizzante, è stato portato via lontano dalla vista del pubblico. Nonostante questa ennesima mattanza né la Prefettura di Ragusa né il Comune di Acate hanno avuto il buonsenso di fermare questa assurda e folle corsa, che continua a svolgersi come se nulla fosse!

 

Durante le prove a cronometro, inoltre, altri episodi hanno confermato l'assoluta pericolosità della corsa ed i maltrattamenti subiti dagli animali: cavalli, imbizzarriti per lo stress e le condizioni di trattamento; fondo stradale assolutamente inadatto, coperto da mattonelle di pece, ecc. Si tratta di palesi e gravissime infrazioni ed irregolarità: l'articolo 8 del DPCM 28 febbraio 2003, infatti, impone la copertura con adeguato terriccio di tutto il percorso; Perché ASL e Prefettura hanno consentito questa macroscopica violazione della legge?

 

La LAV da anni chiede invano al Prefetto di Ragusa di vietare questa folle corsa che, come dimostrano gli ultimi avvenimenti, costituisce una vergognosa ed incivile forma di sfruttamento e di maltrattamento dei cavalli, costretti a correre in un circuito stradale urbano assolutamente pericoloso. Prima dei gravi fatti di oggi la LAV aveva già inviato una diffida al Sindaco di Acate ed al Prefetto, chiedendo l'annullamento del Palio : "Le inidonee caratteristiche, qualità, stratificazione e modalità di posa del substrato bituminoso del percorso della gara ippica - si legge nel documento della LAV - costituiscono un elemento di grave pericolo per l'incolumità dei cavalli nonché, conseguentemente, per fantini, spettatori e addetti. Tali condizioni non sono conciliabili con le esigenze e le caratteristiche di movimento degli animali".

 

Già lo scorso anno l'Osservatorio Zoomafia della LAV, inoltre, ha inviato un articolato dossier ai vertici provinciali del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica di Ragusa ed alle Direzioni Distrettuale ed Investigativa Antimafia di Catania, competenti per territorio, denunciando che – dichiara Ciro Troiano, responsabile dell'Osservatorio Zoomafia - "storicamente le organizzazioni criminali dedite alle scommesse clandestine abbiano sviluppato, in queste manifestazioni, una sicura attività lucrativa consolidata dal controllo del territorio venuto meno alla legalità. In particolare si sottolinea come le corse di cavalli organizzate per le feste religiose vedano la costante presenza di elementi malavitosi direttamente coinvolti nell'organizzazione di corse clandestine che si svolgono in circuito improvvisati. Tale evidenza risulta dalle stesse dichiarazioni rilasciate dalle Forze dell'Ordine a seguito degli interventi compiuti per reprimere le corse clandestine".

 

Ormai in quasi tutta la Sicilia le Autorità di pubblica sicurezza hanno vietato i palii; solo nell'area iblea taluni comuni continuano ad autorizzarli. Proprio per le corse di cavalli della provincia di Ragusa, inoltre, è stata attestata la presenza di soggetti criminali di altre province (Caltanissetta, Catania, Siracusa); in proposito basti citare le operazioni della Polizia di Stato nella zona di Ispica (RG) che ha bloccato una corsa clandestina di cavalli (aprile 2003), segnalando alla Procura di Modica decine di pregiudicati catanesi e siracusani; un anno prima (ottobre 2002) a Modica la Polizia blocca un'altra gara organizzata da fantini e "cavaddari" delle province di Siracusa e Catania, alcuni dei quali noti pregiudicati "indagati in passato anche per reati particolarmente gravi". Nel 2003, in particolare, i Carabinieri hanno denunciato 5 individui che erano sfuggiti alla cattura durante una precedente corsa abusiva ma che sono stati individuati durante il "Palio di S. Vincenzo" di Acate, a dimostrazione della forte "attrazione criminale" di tali manifestazioni rispetto al mondo dell'ippica clandestina.

 

 

28.04.2007

___________________________________________


LAV Ragusa: 340.0031368 – 333.2210604

sito web www.lavsicilia.it - www.infolav.org

venerdì 27 aprile 2007

LA COMUNICAZIONE ON-LINE SI IMPARA SUL CAMPO

Il 7 maggio 2007 si chiudono le iscrizioni del Corso a numero chiuso
per diventare Comunicatori Multimediali in Rete.

La Web-Comunicazione si apprende infatti con la pratica e con
l'esercizio e, meglio ancora, sotto la diretta supervisione degli
"addetti ai lavori", di universitari (Bruno Tellia), di professionisti
che operano a pieno ritmo nel settore, con giornalisti professionisti
della stampa locale (Letterio Scopelliti e Guido Surza), nazionale
(Roberto Bonin, Massimo Gianvito e Alessia Sironi) e Angelo Perrino,
direttore di Affari Italiani, il primo quotidiano nazionale on-line.

A prometterlo è il Primo Corso nazionale di Comunicazione
multimediale on-line (18-20 maggio), organizzato a Udine da
G.S.A.(Giornalisti Specializzati Associati) - Sezione friulgiuliana,
per fornire ai partecipanti gli strumenti teorici, soprattutto
pratici, per conoscere e approfondire il complesso "mestiere" del
comunicatore on line.

Con i patrocini di ANSO, ASSODIGITALE, ANGIWEB.e come mediapartner
dell'iniziativa Affari Italiani, Friulinews, Piccoli giornalisti.it,
Radio Alzo Zero, Prima Press.it, Friulitv.net, Videoregione e
Telepordenone.

Con 25 ore complessive tra lezioni in aula di informatica, all'interno
di un apposito sito web, esercitazioni pratiche, "giri" di nera ed in
pronto soccorso, interviste sul campo e conferenze stampa, per
comprendere le modalità di reperimento e gestione delle notizie, il
Corso si chiuderà negli studi televisivi di Telepordenone e
Videoregione, con la cerimonia della consegna degli attestati ai
corsisti da parte del Presidente Nazionale e del Segretario generale
di G.S.A.

Per ulteriori informazioni ed iscrizioni:

0432/233.006 (presidenza nord Italia) e friuliveneziagiulia@gsaitalia.org

__________________________
brand manager di
www.comunitazione.it
luca@comunitazione.it

skype: lvrluca
gsm: +39 3391349151

il Social network della
comunicazione e del marketing
www.lagrandeagenzia.it

Nella vita ci vuole un pizzico di Arrogance.

In questi giorni è tornato a far parlare di sé il celebre profumo Arrogance,
per uomo e per donna, con una campagna pubblicitaria sulle radio e su
Internet.
Provocante, deciso, beffardo, lo stile Arrogance continua a essere attuale e
vivace più che mai. Oggi questo brand, nato negli anni ottanta, torna a
farsi sentire, per continuare ad esprimere il suo carattere pungente e
goliardico.
Inconfondibile nel pack e nella fragranza, che è rimasta fedele al gusto di
una clientela affezionata. Arrogance va oltre la scelta dei nostalgici e
punta a tutti quelli che vivono i nostri tempi con la fermezza e il
temperamento necessari.
Anche Arrogance si inserisce nel piano di comunicazione dell'azienda The
First, che muove le sue azioni sul principio dello "Yearning for beauty".
Il marchio continua ad essere distribuito nelle migliori profumerie e mira a
farsi conoscere anche dalle nuove generazioni.

www.thefirst.it

[Axura srl] Richiesta di correzione del comunicato stampa pubblicato

Gentile redazione,
vi ringraziamo per aver accolto la nostra richiesta di pubblicazione del comunicato stampa  "RICAMBI AUTO: TREND IN CRESCITA PER LA RETE EUROREPAR ITALIA" pubblicato su ilcorrieredelweb.blogspot.com [http://ilcorrieredelweb.blogspot.com/2007/04/ricambi-auto-trend-in-crescita-per-la.html].
 
Vi chiediamo, però, cortesemente di correggere il testo in quanto è stata pubblicata anche la firma presente sulle mie e-mail, che non dovrebbe comparire nel comunicato:
e.g. Manuela Sacco
-------------------------------------
Axura S.r.l.
+39 039 667486
+39 02 700568121
www.axura.com
-------------------------------------.
 
In attesa di un vostro gentile riscontro, vi ringrazio per la collaborazione. 
 
 

Cordiali saluti.

 

Manuela Sacco
-------------------------------------
Axura S.r.l.
+39 039 667486
+39 02 700568121
www.axura.com
-------------------------------------

Italy-florence.com: il nuovo portale turistico che presenta Firenze e le città vicine.

27.04.2007 – Noventa di Piave (VE)
 
Circondata da paesaggi affascinanti e da panorami mozzafiato, la città sorge sulle rive di un fiume di rara bellezza, l'Arno; la città risulta affollata da numerosi edifici di stile rinascimentale ed è diventata la città perla dell'arte italiana grazie ai capolavori di famosi artisti italiani che ha gelosamente conservato da sempre nei suoi musei e gallerie d'arte.

Durante il processo di unificazione italiana, la città è stata eletta capitale per un periodo di 5 anni ed è soprattutto in questo periodo che Firenze diventa famosa come una delle più importanti città artistiche e storiche di tutta la penisola italiana.

Le grandi piazze che abbelliscono la città sono ogni giorno tra le mete più gettonate dalla maggior parte dei turisti sia italiani che stranieri, molto spesso luoghi di feste e giochi paesani, circondate da numerosi monumenti storici, come chiese e palazzi, e da affascinanti statue.

Il nuovo portale turistico della città - www.italy-florence.com - presenta Firenze in maniera molto ordinata in un menù di selezione, classificando tutti i musei, piazze, giardini, monumenti, palazzi, chiese e altri argomenti in modo da orientare il navigatore verso la categoria di maggior interesse.

Il portale segue la politica non-profit e suggerisce al pubblico del web gli hotel e gli alloggi in generale dove poter dormire a Firenze, sia in centro che nei sobborghi, e propone le principali occasioni di svago e divertimento che la città offre ai visitatori. Un gran numero di pub e locali notturni costellano la città ed ogni notte sono i centri in cui i giovani possono dare libero sfogo al proprio divertimento.

Per quelli che non vogliono visitare solo Firenze, ma desiderano trascorrere una vacanza indelebile in Toscana alla scoperta delle città che la compongono, il portale riserva un'area apposita per descrivere le principali località toscane, ideali per gite fuori porta da fare in giornata.

 

Ufficio stampa Promozione-Online

Corrieredel Web.it, il giornale comunicatori on line ha superato le 1700 visite giornaliere

Ieri, giovedì 26 aprile 2007, il contatore delle visite uniche di Shinistat si è bloccato al numero massimo di visitatori per i blog di nicchia, pari a mille unità.

I click registrati da Google Adsense hanno registrato oltre 1700 impressions sugli annunci contestuali, il che fa immaginare che i visitatori effettivi siano stati molti, molti di più!

E così per il secondo mese consecutivo il CorrieredelWeb.it si appresta ad arrivare all'ultimo giorno con oltre 10.000 lettori unici.

Un piccolo, grande record per un blog ideato come agorà degli utenti della Rete e trasformatosi sempre in più in un mezzo di comunicazione digitale per gli addetti ai lavori della comunicazione, così come per i comunicatori per passione.

I social digital media crescono sempre più velocemente rispetto alle media relations tradizionali.

Numerose ricerche e studi affrontano nuovi stili e professionalità della comunicazione elettronica.

Una comunicazione spesso ancora bistrattata rispetto a quella che trova visibilità sui tradizionali Mass Media.
Ma si tratta di una comunicazione  può essere davvero biunivoca e dialettica, offrendo la possibilità di feedback immediati.

Inoltre le "e-news" hanno caratteristiche di tempestività, "durata di freschezza", rintracciabilità ed archivio che le rendono particolarmente efficaci rispetto alle tradizionali notizie pubblicate su quotidiani, radio e tv.

Si affermano nuove metodologie di accreditamento degli agenti di comunicazione e di disseminazione dell'informazione.

Rivoluzione, moda, convergenza multimediale...

I temi su cui riflettere e magari aprire un dibattito sono molti, senza nessun trionfalismo tecnologico o atteggiamenti apocalittici da neo-luddisti.

Personalmente, come sempre è avvenuto nella storia dei mezzi di comunicazione, ritengo che stiamo assistendo ad un riposizionamento di ogni singolo medium.

Ed è nella scoperta delle possibili integrazioni e sinergie che si possono scoprire nuove modalità per una comunicazione di successo.

Intanto ringrazio di cuore i tanti redattori virtuali che credono nel progetto del CorrieredelWeb.it e pubblicano decine di comunicati tra il centinaio ricevuto ogni giorno e i tanti "corrispondenti" che, in forma del tutto indipendente, dopo essersi accreditati, "postano" in massima autonomia, nonostante i difetti tecnici del blog, le loro notizie.

--
Andrea Pietrarota
Web Editor, www.corrieredelweb.it

giovedì 26 aprile 2007

E’ in vendita il primo manuale di servizi specialistici PR per autori indipendenti

Milano – E' in vendita a partire da oggi la "Piccola guida per autori al crisis management", il nuovo manuale del Dott. Stefano Calicchio che mostra agli autori indipendenti come utilizzare i principi del marketing editoriale per superare situazioni critiche rispetto la propria opera d'autore.

"Quando si pubblica un libro auto-prodotto si affrontano numerosi rischi, tra i quali spiccano possibili ripercussioni sulla propria reputazione professionale nel caso di recensioni e commenti non positivi dei lettori", afferma Calicchio.

La guida appena pubblicata è la naturale evoluzione di Promuovere il proprio libro on line, divenuto in breve tempo Best Seller di sempre tra i TOP 100 titoli più venduti dell'editore indipendente americano Lulu.com (Lulu.com, leader per i contenuti digitali su Internet che ospita oltre 100.000 contenuti creativi).

Come racconta il Dott. Calicchio, la guida è nata dal basso e dalle reali esigente degli autori. "Grazie al mio primo manuale centinaia di autori sono stati in grado di scrivere e pubblicizzare con successo la loro opera editoriale, facendosi conoscere e creando goodwill, sia essa un libro, un audio, un film autoprodotto o un calendario. Molti di loro hanno così cominciato a porre domande su come gestire le situazioni complesse e problematiche che sono la naturale conseguenza di un alto numero di lettori".


Il libro è stato redatto in collaborazione con lo staff del sito www.marketingeditoriale.com, che ne sponsorizza la pubblicazione. Per un breve periodo di tempo la guida è disponibile ad un prezzo promozionale particolarmente accattivante (2.50 € per il download e 7.09 € per il libro stampato).

Collegamento al libro: http://www.lulu.com/content/805048

RAEE: tecno-spazzatura, Italia ai box di partenza

LA "TECNO-SPAZZATURA" ELETTRICA ED ELETTRONICA

Frigoriferi, congelatori, lavastoviglie, lavatrici, piccoli e grandi elettrodomestici in genere, ma anche televisori, computer, monitor, lampade al neon e a risparmio di energia, telefonini, giochi elettronici: tutti prodotti che una volta giunti al termine del loro ciclo di vita diventano rifiuti, in molti casi rifiuti pericolosi.

Vista la proliferazione di questi rifiuti, ci troviamo di fronte ad una sovrabbondanza di una nuova forma di 'tecno-spazzatura' elettrica ed elettronica, troppo spesso ancora erroneamente smaltita in discarica alla pari dei normali rifiuti solidi urbani.

In attesa dei decreti attuativi del Dlgs 151/05 l¹industria italiana non è stata in passiva attesa, anzi sono nati diversi Consorzi che avranno il compito di raccogliere, trattare e riciclare tutti questi rifiuti hi-tech ed anche il Centro di Coordinamento RAEE.

Stato dell'arte sui RAEE
•    Il 2007 vedrà l'entrata in vigore di una nuova legge, il Dlgs 151/05, che regola la raccolta e il riciclo dei prodotti elettrici ed elettronici, con una serie di ripercussioni, economiche e non, per tutti i soggetti del mercato: dai produttori ai consumatori finali. Questa nuova legge introduce il concetto di "responsabilità dei produttori" per i prodotti immessi nel mercato, che sono così chiamati ad implementare e gestire un sistema di raccolta dei prodotti a fine vita, e la possibilità per i cittadini di consegnare gratuitamente, presso il punto vendita, i vecchi prodotti elettrici a fronte di un nuovo acquisto;
•    L'entrata in vigore di questa Normativa andrà a coinvolgere un range di prodotti pressoché infinito che comprende al suo interno frigoriferi, lavatrici, computer e monitor, tv, radio e prodotti di illuminazione; ovvero sostanzialmente tutti quei prodotti che utilizzano congegni elettrici per funzionare;
•    Il Decreto Legislativo che recepisce la Direttiva sul riciclo delle apparecchiature elettriche ed elettroniche è il 151 del 2005, la cui entrata in vigore è già stata prorogata 2 volte. L'ultima proroga risale al dicembre scorso e dà come termine ultimo luglio 2007, previa – però – emanazione dei principali decreti attuativi. Questi decreti, usciti dal Ministero dell'Ambiente hanno recentemente ricevuto il parere favorevole anche da parte degli altri Ministeri competenti (Ministero dell'Interno, Min. delle Finanze, Min. della Salute, e per ultimi i Ministeri dello Sviluppo Economico e dei Trasporti) e sono attualmente al vaglio della conferenza Unificata Stato-Regiorni
•    Con questo passaggio di consegne si concludono di fatto le fasi più impegnative dell'iter legislativo. L'approvazione ai Decreti da parte della Conferenza unificata, prevista a meno di ulteriori sorprese per fine aprile, aprirebbe la strada alla pubblicazione dei Decreti sulla Gazzetta Ufficiale e all'inizio operativo del "sistema RAEE".
•    A spingere perché si accelerino i tempi, o quanto meno non si dilatino ulteriormente, sono entrati in gioco persino la Camera dei Deputati e gli stessi produttori di AEE (Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche). La Commissione Ambiente della Camera ha approvato all'unanimità a metà marzo una risoluzione che impegna il Governo alla pubblicazione dei Decreti in materia di riduzione dell'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). entro i tempi previsti dal Decreto 300/2006;
Il ruolo dell'industria
•    L'industria e i Produttori di AEE si stanno muovendo per evitare di farsi trovare impreparati all' entrata in vigore del sistema di raccolta e trattamento dei RAEE. Ad oggi sono nati 9 consorzi di produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche proveniente da utenze "domestiche" ed è probabile che qualche altro consorzio si aggiunga ancora nei prossimi mesi.
•    A questo proposito, in anticipo rispetto a quanto previsto dalla Normativa stessa, nel mese di marzo è stato costituito il Centro di Coordinamento: l'organismo multi-consortile con il compito di "ottimizzare le attività di competenza dei sistemi collettivi di gestione dei RAEE" e rappresentare i consorzi dei RAEE domestici nei confronti degli interlocutori di riferimento. Il primo atto del nuovo organismo è previsto per la metà di aprile con l'elezione del presidente e del comitato esecutivo, composto da 5 membri eletti direttamente dai consorzi stessi.
•    Tra i sistemi collettivi della "filiera RAEE"  si distinguono alcuni già pronti per diventare pienamente operativi, quali Ecodom, Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Elettrodomestici ed Ecolamp, Consorzio per il Recupero e lo Smaltimento di Apparecchiature di Illuminazione. Il primo, Ecodom, è il Consorzio competente di circa il 70% degli elettrodomestici bianchi, ossia quasi la metà di tutti i RAEE in peso (tra cui frigoriferi, congelatori etc). il secondo, Ecolamp, ha una delle attività più delicate perché, occupandosi delle moderne lampade a basso consumo energetico ed apparecchiature luminose, è chiamato a gestire e trattare rifiuti pericolosi (come le polveri fluorescenti e il mercurio presenti all'interno delle lampade a risparmio energetico) per l'ambiente e la salute collettiva.
Come funzionerà a livello operativo la raccolta dei RAEE
•    Le piazzole ecologiche messe a disposizione dai comuni riceveranno i RAEE dai cittadini e della distribuzione. Una volta raccolta, il Centro di Coordinamento istituito presso i consorzi dei produttori smisterà i "ritiri" dei RAEE dalle piazzole da parte dei singoli consorzi sulla base ad un sistema "algoritmico" che terrà conto della tipologia di RAEE trattati da ogni consorzio e delle loro quote di mercato;
•    I Consorzi dei produttori sosterranno i costi della logistica, dalle piazzole in poi, e i costi del riciclo. Saranno i Consorzi ad attivare contratti con le imprese private di trasporto e con gli impianti di riciclo, e a garantire l'effettivo riciclo. In questo senso i produttori si sostituiscono ai comuni nella gestione/smaltimento/riciclaggio dei rifiuti elettrici ed elettronici;
•    i cittadini potranno conferire i RAEE presso le piazzole ecologiche e anche presso la distribuzione (qualora acquistino un prodotto nuovo equivalente);
•    il finanziamento del sistema verrà assicurato da un eco-contributo che verrà applicato su tutti i prodotti nuovi, e che potrà essere reso visibile (dunque separato dal prezzo del prodotto) oppure invisibile, ovvero nascosto nel prezzo totale.
I numeri
L'entrata in vigore della Normativa sui RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) coinvolge uno dei settori più importanti dell'economia nazionale. Ad oggi:
o    11.000 le aziende in Italia che producono apparecchiature elettriche ed elettroniche;
o    Un fatturato annuo di 32 miliardi di euro;
o    212.000 addetti ai lavori - secondo per dimensioni alla sola industria automobilistica;
o    40 gli impianti di riciclo dei RAEE attivi in Italia (considerando tutte le tipologie dei RAEE);



Per informazioni:
Hill&Knowlton Gaia
Giorgio Scappaticcio 06-441640309
 scappaticciog@hkgaia.com
Andrea Pietrarota
06-441640327
/ 335-5640825
pietratoraa@hkgaia.com


Ecodom: Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Eletrodomestici


Il consorzio Ecodom: mission e attività

Ecodom - Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Elettrodomestici – è il consorzio volontario, senza fini di lucro, costituito nel novembre del 2004 dai principali produttori che operano nel mercato italiano dei grandi elettrodomestici, dalle cappe e degli scalda-acqua, identificati come Categoria 1 nella Direttiva 2002/96/CE dell'Unione Europea sullo smaltimento e il riciclo degli apparecchi elettrici ed elettronici a fine vita.
Il consorzio Ecodom, insieme ai propri soci fondatori e alle aziende consorziate, intende "coniugare l'eccellenza nel rispetto dell'ambiente e l'efficienza nei processi di trattamento", nell'interesse non solo delle aziende consorziate ma soprattutto dei consumatori.
Con l'entrata in vigore della normativa sui rifiuti elettrici ed elettronici (RAEE) Ecodom sarà responsabile della gestione delle attività di trasporto,  trattamento, riciclo, recupero e smaltimento di grandi elettrodomestici non professionali (freddo, cottura, lavaggio, cappe, scalda-acqua) immessi sul mercato prima del 13 agosto 2007, cioè quelli definiti RAEE "storici", nel pieno rispetto del Decreto Legislativo 151 del 2005, "Attuazione delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE".
Al fine di offrire un servizio completo alle aziende consorziate, oltre ai grandi elettrodomestici non professionali, Ecodom potrà gestire anche i piccoli elettrodomestici e i climatizzatori.
A livello operativo, Ecodom intende massimizzare l'efficienza operativa del sistema di raccolta e trattamento attraverso accordi con i migliori partner in tutti i settori interessati (logistica, trattamento, riutilizzo delle materie prime seconde etc.) e la ricerca di tutte le sinergie possibili con altri settori e filiere interessate ai RAEE.
Attraverso la definizione di una fitta rete di accordi con aziende partners specializzate nel settore dei rifiuti, Ecodom offre ai propri consorziati una gamma completa di servizi connessi al processo di trasporto,  trattamento, riciclo, recupero e smaltimento degli elettrodomestici a fine vita:
o    raccolta degli elettrodomestici a fine vita presso i punti di raccolta presenti su tutto il territorio nazionale;
o    trasporto degli elettrodomestici presso gli impianti di trattamento;
o    trattamento, riciclo, recupero e smaltimento dei grandi elettrodomestici presso impianti appositamente selezionati;
o    supervisione su tutte le attività di trattamento degli elettrodomestici al fine di garantire il raggiungimento degli obiettivi di recupero e riciclo delle componenti e dei materiali presenti all'interno degli apparecchi come previsto dal Decreto 151.
A due anni dalla costituzione, il consorzio Ecodom si è dotato di uno staff "snello" in termini quantitativi, anche in relazione ai corrispettivi consorzi europei, ma con competenze specifiche in grado di implementare e gestire il sistema di trattamento, riciclo, recupero e smaltimento degli elettrodomestici a fine vita, rispondendo adeguatamente agli obblighi previsti dal Decreto Legislativo 151.

Insieme al Direttore Generale, Giorgio Arienti, il management del consorzio Ecodom è composto da figure professionali chiamate a presidiare tre aree fondamentali: l'area logistica, l'area dell'information tecnology e l'area della finanza e controllo.

Completano l'organizzazione del Consorzio: il Consiglio di Amministrazione, costituito nel dicembre del 2004 con Piero Moscatelli nominato Presidente, l'Assemblea dei Consorziati e il Collegio dei Probiviri.
Tra i propri soci fondatori il consorzio Ecodom annovera i principali produttori, nazionali e internazionali, di grandi elettrodomestici non professionali (freddo, cottura, lavaggio, cappe e scalda-acqua) operanti nel mercato italiano: Antonio Merloni, B/S/H/ Elettrodomestici, Candy Elettrodomestici, Faber, Franke, Haier Europe Trading, Hoover, Indesit Company, MTS Group-Merloni Termosanitari, Miele Italia, Nardi Elettrodomestici, Smeg, Tecnogas e Whirpool Europe. A questi si aggiungono, in qualità di Consorziati Ordinari, altre 22 aziende produttrici di grandi elettrodomestici in rappresentanza di circa il 70 % del mercato italiano del bianco.
Oltre alle aziende fondatrici, hanno aderito al consorzio Ecodom in qualità di Consorziati Ordinari le seguenti aziende: Baxi, BSD, Gorenje Korting Italia, Frigo 2000, Bompani, Daewoo Electronics, I & D, Best, Terim, Brandt, Falmec, LG Electronics, Elco Italia, Bertazzoni, Boschetti, Idropi, Solisa, Styleboiler, Tecnowind, Evoluzione, F.lli Barazza e Arcelitalia.
L'inizio delle attività di raccolta e recupero da parte dei sistemi collettivi, inizialmente prevista dal Decreto 151/2005 per il 13 agosto 2006, è stata recentemente prorogata al 30 giugno 2007 a causa della necessità di procedere con l'emanazione dei Decreti Ministeriali previsti dal Dlgs. n. 151/05.


Per informazioni:
Hill&Knowlton Gaia
Giorgio Scappaticcio 06-441640309
 scappaticciog@hkgaia.com
Andrea Pietrarota
06-441640327
/ 335-5640825 
pietratoraa@hkgaia.com

RAEE: Ecolamp, Consorzio per il recupero e lo smaltimento di apparecchiature di illuminazione



Il consorzio Ecolamp, Consorzio per il recupero e lo smaltimento di apparecchiature di illuminazione, è stato costituito il 19 ottobre del 2004 per volontà delle principali aziende del settore illuminotecnico nazionale.
Scopo del consorzio Ecolamp è l'implementazione di un sistema di raccolta e smaltimento dei rifiuti derivanti da apparecchiature di illuminazione, oltre che la corretta informazione e sensibilizzazione su questo argomento, nel pieno rispetto del Decreto Legislativo 151 del 2005, "Attuazione delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE".
Il consorzio Ecolamp, che non ha fini di lucro, è costituito con lo scopo di offrire ai Consorziati e agli altri soggetti interessati un servizio di raccolta e riciclo dei rifiuti su basi eque, trasparenti e non discriminatorie. A tutti i soggetti sarà così consentito di operare in conformità alla normativa nell'esecuzione delle politiche ambientali inerenti lo smaltimento dei rifiuti.
Il consorzio Ecolamp metterà a disposizione in modo capillare in tutto il Paese soluzioni logistiche efficaci ed efficienti per il recupero delle apparecchiature di illuminazione a fine vita, organizzando processi di raccolta, trasporto e smaltimento in una logica di ottimizzazione dei costi e di rispetto per l'ambiente.
Al fine di raggiungere gli obiettivi di raccolta e recupero previsti dal Decreto Legislativo 151 del 2005, il consorzio Ecolamp affianca al già citato sistema logistico una comunicazione mirata e coordinata. Ecolamp si pone, infatti, come obiettivo anche la sensibilizzazione degli operatori del settore illuminotecnico, dei soggetti coinvolti nella filiera del riciclo e dell'opinione pubblica in generale circa i vantaggi derivanti dal riciclo e recupero delle apparecchiature di illuminazione.
Attraverso la definizione di una fitta rete di accordi con aziende partners esperte e qualificate nel settore del trasporto e trattamento dei rifiuti, Ecolamp offre ai propri consorziati una gamma completa di servizi connessi al processo di raccolta, trattamento, recupero e riciclaggio delle apparecchiature di illuminazione:
o    interazione con i punti di raccolta preposti al conferimento dei RAEE di apparecchiature di illuminazione sul territorio nazionale; le attività connesse con la logistica che Ecolamp sta studiando prevedono, con ogni probabilità, la fornitura di appositi contenitori standard;
o    ritiro delle apparecchiature di illuminazione presso i punti di raccolta presenti sul territorio nazionale;
o    trasporto delle apparecchiature di illuminazione raccolte presso selezionati centri di stoccaggio temporanei e successivo trasferimento presso impianto di riciclo;
o    selezione e predisposizione di centri di stoccaggio intermedi;
o    riciclo e trattamento delle apparecchiature di illuminazione presso impianti appositamente selezionati.
A due anni dalla costituzione, il consorzio Ecolamp si è dotato di uno staff sufficientemente "snello" in termini quantitativi, anche in relazione con le altre realtà europee.
Insieme al Presidente e al Direttore Generale, il consorzio Ecolamp è composto da figure professionali chiamate a presidiare tre aree fondamentali: l'area logistica, l'area del marketing e l'area della finanza e controllo.
Un team con competenze specifiche in grado di implementare e gestire il sistema di recupero e smaltimento, e rispondere adeguatamente alle direttive del Decreto Legislativo 151 del 2005.

Tra i propri soci fondatori il consorzio Ecolamp annovera le maggiori aziende, nazionali e internazionali, del settore illuminotecnico, che operano nel mercato italiano: General Electric, La Filometallica, Leuci, Osram, Philips e Sylvania, in rappresentanza di una quota di mercato che si attesta circa al 70%.
Le aziende fondatrici sono accomunate dalla ferma volontà di rispettare le normative emanate a salvaguardia dell'ambiente e di ricercare soluzioni tecnologicamente innovative, economicamente sostenibili ed operativamente efficaci per l'impostazione e la gestione di un corretto sistema di raccolta e smaltimento dei rifiuti di apparecchiature di illuminazione.
General Electric Lighting fa parte dell'omonima multinazionale statunitense fondata nel 1878 all'interno della divisione Consumer & Industrial. Con un fatturato annuale di 13 miliardi di dollari e circa 300.000 collaboratori impiegati in oltre 100 paesi nel mondo, GE è uno dei leader mondiali nel settore elettrodomestici ed illuminazione.
La Filometallica, fondata nel 1932, è un'azienda italiana specializzata nella produzione di sorgenti luminose quali lampade ad alogeni, fluorescenti e a scarica. Proprietaria dello storico marchio Imperia, La Filometallica distribuisce in Italia marchi stranieri come MegaMan, Feelux e Fooz.
Leuci, fondata a Lecco nel 1919, è specialista nella produzione e commercializzazione di lampade e apparecchi di illuminazione. Con un fatturato di oltre 52 milioni di euro, Leuci produce oltre 140 milioni di pezzi ogni anno commercializzati in Italia e nei maggiori mercati esteri.
Osram, il cui marchio è stato registrato a Berlino nel 1906, è una delle più antiche aziende di sorgenti luminose in Europa. Oggi Osram è una multinazionale nel settore illuminotecnico con più di 38.000 collaboratori in tutto il mondo ed un fatturato complessivo nel 2005 di 4,3 miliardi di euro.
La Royal Philips Electronics è una delle più grandi società al mondo nel settore elettronico con 159.200 dipendenti in oltre 60 paesi. In Italia dal 1923, Philips conta oggi 1.100 dipendenti e un fatturato di oltre un 1 miliardo di euro.
L'azienda Nord Americana Sylvania, con sede in Massachusetts, è oggi tra i principali produttori al mondo di sorgenti luminose operando in oltre 100 paesi.
L'inizio delle attività di raccolta e recupero da parte dei sistemi collettivi, inizialmente prevista dal Decreto 151/2005 per il 13 agosto 2006, è stata prorogata al 31 dicembre 2006 per la necessità di procedere con l'emanazione dei Decreti ministeriali. La mancata emanazione dei Decreti attuativi previsti dal Decreto n. 151/05 ha determinato una seconda proroga al 30 giugno 2007.
Il consorzio Ecolamp è attualmente impegnato nel perfezionamento del sistema di raccolta con l'obiettivo di diventare subito operativo non appena la normativa sui RAEE entrerà in vigore.

Per informazioni:
Hill&Knowlton Gaia
Giorgio Scappaticcio 06-441640309
 scappaticciog@hkgaia.com
Andrea Pietrarota
06-441640327
/ 335-5640825
pietratoraa@hkgaia.com

[Axura srl] Richiesta di pubblicazione comunicato stampa

Gentile redazione,
Vi inoltro richiesta di pubblicazione del seguente CS :
 
 

RICAMBI AUTO: TREND IN CRESCITA PER LA RETE EUROREPAR ITALIA


Eurorepar, la rete di riparazione ed assistenza multimarca nata da un'idea della casa automobilistica Citroën, dopo aver aperto 1.500 officine in Francia allarga il mercato anche in Spagna, Germania ed Italia.


In Italia sono più di 230 le officine che negli ultimi due anni sono entrate a far parte della rete di Eurorepar, un risultato che testimonia l'apprezzamento per il valore offerto dal network grazie alla struttura logistica predisposta, alle numerose iniziative di marketing ed al supporto commerciale offerto agli operatori del settore.


Per essere sempre più vicina alla propria rete di riparatori ed in previsione di un'ulteriore crescita (entro la fine dell'anno si stima il raggiungimento di quota 300 officine in Italia), Eurorepar parteciperà anche a questa edizione dell'Autopromotec, biennale internazionale di attrezzature e prodotti per l'assistenza ai mezzi di trasporto, che si terrà dal 23 al 27 maggio presso il quartiere fieristico di Bologna.


Se nel 2005 lo scopo era quello di far conoscere alle officine indipendenti il nome ed il progetto della rete, quest'anno lo "spazio eventi Eurorepar" (allestito nel padiglione 16 allo stand B10) sarà dedicato ad un piacevole confronto con i riparatori già acquisiti sui risultati raggiunti e sulle iniziative di marketing in corso ed inoltre i nuovi potenziali aderenti avranno un'ottima occasione per scoprire tutti i vantaggi a disposizione delle officine affiliate.

L'azienda accoglierà i partecipanti alla fiera con uno stand decisamente "sopra le righe", ricco di proposte, incontri formativi e molte altre sorprese.


Il 2007 ha rappresentato per Eurorepar l'anno di svolta anche sul web: il sito www.eurorepar.it, già online dal 2005, negli ultimi mesi ha registrato un notevole incremento di visitatori grazie alle iniziative di web marketing realizzate in stretta collaborazione con Axura S.r.l. (www.axura.com)

Le migliaia di persone che ogni mese visitano il sito www.eurorepar.it sono uno stimolo per il team di Eurorepar a far crescere la propria presenza su internet sia come offerta di servizi che di contenuti, sempre più utili ed interessanti per gli automobilisti ed i riparatori.###



EUROREPAR ITALIA

Via Gattamelata 41

20149 Milano

Italia

E-mail eurorepar-italia@eurorepar.com

www.eurorepar.it



AXURA SRL

Via Fiume 13

Vimercate (MI)

E-mail info@axura.com

www.axura.com

 
 
 

In attesa di un Vostro gentile riscontro Vi ringrazio.

 

Cordiali saluti.

 

Manuela Sacco
-------------------------------------
Axura S.r.l.
+39 039 667486
+39 02 700568121
www.axura.com
-------------------------------------

RAEE: tecno-spazzatura, Italia ai box di partenza

LA ³TECNO-SPAZZATURA² ELETTRICA ED ELETTRONICA

Frigoriferi, congelatori, lavastoviglie, lavatrici, piccoli e grandi
elettrodomestici in genere, ma anche televisori, computer, monitor, lampade
al neon e a risparmio di energia, telefonini, giochi elettronici: tutti
prodotti che una volta giunti al termine del loro ciclo di vita diventano
rifiuti, in molti casi rifiuti pericolosi.

Vista la proliferazione di questi rifiuti, ci troviamo di fronte ad una
sovrabbondanza di una nuova forma di ³tecno-spazzatura² elettrica ed
elettronica, troppo spesso ancora erroneamente smaltita in discarica alla
pari dei normali rifiuti solidi urbani.

In attesa dei decreti attuativi del Dlgs 151/05 l¹industria italiana non è
stata in passiva attesa, anzi sono nati diversi Consorzi che avranno il
compito di raccogliere, trattare e riciclare tutti questi rifiuti hi-tech ed
anche il Centro di Coordinamento RAEE.

€ Il 2007 vedrà l¹entrata in vigore di una nuova legge, il Dlgs 151/05,
che regola la raccolta e il riciclo dei prodotti elettrici ed elettronici,
con una serie di ripercussioni, economiche e non, per tutti i soggetti del
mercato: dai produttori ai consumatori finali. Questa nuova legge introduce
il concetto di ³responsabilità dei produttori² per i prodotti immessi nel
mercato, che sono così chiamati ad implementare e gestire un sistema di
raccolta dei prodotti a fine vita, e la possibilità per i cittadini di
consegnare gratuitamente, presso il punto vendita, i vecchi prodotti
elettrici a fronte di un nuovo acquisto;
€ L¹entrata in vigore di questa Normativa andrà a coinvolgere un range di
prodotti pressoché infinito che comprende al suo interno frigoriferi,
lavatrici, computer e monitor, tv, radio e prodotti di illuminazione; ovvero
sostanzialmente tutti quei prodotti che utilizzano congegni elettrici per
funzionare;
€ Il Decreto Legislativo che recepisce la Direttiva sul riciclo delle
apparecchiature elettriche ed elettroniche è il 151 del 2005, la cui entrata
in vigore è già stata prorogata 2 volte. L¹ultima proroga risale al dicembre
scorso e dà come termine ultimo luglio 2007, previa ­ però ­ emanazione dei
principali decreti attuativi. Questi decreti, usciti dal Ministero
dell¹Ambiente hanno recentemente ricevuto il parere favorevole anche da
parte degli altri Ministeri competenti (Ministero dell¹Interno, Min. delle
Finanze, Min. della Salute, e per ultimi i Ministeri dello Sviluppo
Economico e dei Trasporti) e sono attualmente al vaglio della conferenza
Unificata Stato-Regiorni
€ Con questo passaggio di consegne si concludono di fatto le fasi più
impegnative dell¹iter legislativo. L¹approvazione ai Decreti da parte della
Conferenza unificata, prevista a meno di ulteriori sorprese per fine aprile,
aprirebbe la strada alla pubblicazione dei Decreti sulla Gazzetta Ufficiale
e all¹inizio operativo del ³sistema RAEE².
€ A spingere perché si accelerino i tempi, o quanto meno non si dilatino
ulteriormente, sono entrati in gioco persino la Camera dei Deputati e gli
stessi produttori di AEE (Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche). La
Commissione Ambiente della Camera ha approvato all¹unanimità a metà marzo
una risoluzione che impegna il Governo alla pubblicazione dei Decreti in
materia di riduzione dell¹uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature
elettriche ed elettroniche (RAEE). entro i tempi previsti dal Decreto
300/2006;
Il ruolo dell¹industria
€ L¹industria e i Produttori di AEE si stanno muovendo per evitare di
farsi trovare impreparati all¹ entrata in vigore del sistema di raccolta e
trattamento dei RAEE. Ad oggi sono nati 9 consorzi di produttori di
apparecchiature elettriche ed elettroniche proveniente da utenze
³domestiche² ed è probabile che qualche altro consorzio si aggiunga ancora
nei prossimi mesi.
€ A questo proposito, in anticipo rispetto a quanto previsto dalla
Normativa stessa, nel mese di marzo è stato costituito il Centro di
Coordinamento: l¹organismo multi-consortile con il compito di ³ottimizzare
le attività di competenza dei sistemi collettivi di gestione dei RAEE² e
rappresentare i consorzi dei RAEE domestici nei confronti degli
interlocutori di riferimento. Il primo atto del nuovo organismo è previsto
per la metà di aprile con l¹elezione del presidente e del comitato
esecutivo, composto da 5 membri eletti direttamente dai consorzi stessi.
€ Tra i sistemi collettivi della ³filiera RAEE² si distinguono alcuni
già pronti per diventare pienamente operativi, quali Ecodom, Consorzio
Italiano Recupero e Riciclaggio Elettrodomestici ed Ecolamp, Consorzio per
il Recupero e lo Smaltimento di Apparecchiature di Illuminazione. Il primo,
Ecodom, è il Consorzio competente di circa il 70% degli elettrodomestici
bianchi, ossia quasi la metà di tutti i RAEE in peso (tra cui frigoriferi,
congelatori etc). il secondo, Ecolamp, ha una delle attività più delicate
perché, occupandosi delle moderne lampade a basso consumo energetico ed
apparecchiature luminose, è chiamato a gestire e trattare rifiuti pericolosi
(come le polveri fluorescenti e il mercurio presenti all¹interno delle
lampade a risparmio energetico) per l¹ambiente e la salute collettiva.
Come funzionerà a livello operativo la raccolta dei RAEE
€ Le piazzole ecologiche messe a disposizione dai comuni riceveranno i
RAEE dai cittadini e della distribuzione. Una volta raccolta, il Centro di
Coordinamento istituito presso i consorzi dei produttori smisterà i ³ritiri²
dei RAEE dalle piazzole da parte dei singoli consorzi sulla base ad un
sistema ³algoritmico² che terrà conto della tipologia di RAEE trattati da
ogni consorzio e delle loro quote di mercato;
€ I Consorzi dei produttori sosterranno i costi della logistica, dalle
piazzole in poi, e i costi del riciclo. Saranno i Consorzi ad attivare
contratti con le imprese private di trasporto e con gli impianti di riciclo,
e a garantire l¹effettivo riciclo. In questo senso i produttori si
sostituiscono ai comuni nella gestione/smaltimento/riciclaggio dei rifiuti
elettrici ed elettronici;
€ i cittadini potranno conferire i RAEE presso le piazzole ecologiche e
anche presso la distribuzione (qualora acquistino un prodotto nuovo
equivalente);
€ il finanziamento del sistema verrà assicurato da un Eco-contributo RAEE
che verrà applicato su tutti i prodotti nuovi, e che potrà essere reso
visibile (dunque separato dal prezzo del prodotto) oppure invisibile, ovvero
nascosto nel prezzo totale.
I numeri
L¹entrata in vigore della Normativa sui RAEE (rifiuti di apparecchiature
elettriche ed elettroniche) coinvolge uno dei settori più importanti
dell¹economia nazionale. Ad oggi:
o 11.000 le aziende in Italia che producono apparecchiature elettriche ed
elettroniche;
o Un fatturato annuo di 32 miliardi di euro;
o 212.000 addetti ai lavori - secondo per dimensioni alla sola industria
automobilistica;
o 40 gli impianti di riciclo dei RAEE attivi in Italia (considerando
tutte le tipologie dei RAEE);

Per informazioni:
Hill&Knowlton Gaia
Giorgio Scappaticcio 06-441640309
scappaticciog@hkgaia.com
Andrea Pietrarota
06-441640327
/ 335-5640825
pietratoraa@hkgaia.com

martedì 24 aprile 2007

5° Premio di giornalismo “Francesco ed Elio Bruno”: cerimonia di consegna dei riconoscimenti e presentazione del libro “Giambattista Vico e le favole poetiche” di Francesco Bruno

Gentili Amici,
vorrei chiederVi di pubblicare sul Vs. sito e dare ampia diffusione, cosi'
come avete fatto egregiamente l'anno scorso, al comunicato
riguardante il 5° Premio nazionale di Giornalismo "Francesco ed Elio Bruno".
Grazie mille e saluti,
Francesco (Segreteria organizzativa 5^ Premio nazionale di Giornalismo "Francesco ed Elio Bruno")


5° Premio di giornalismo "Francesco ed Elio Bruno": cerimonia di consegna dei riconoscimenti e presentazione del libro "Giambattista Vico e le favole poetiche" di Francesco Bruno.

Giunge alle fasi finali la quinta edizione del Premio di giornalismo "Francesco ed Elio Bruno", dedicato alla memoria di Francesco Bruno, giornalista, critico letterario, narratore e poeta fra i maggiori e più noti del Novecento, e di suo figlio Elio, critico letterario, giornalista, saggista e conferenziere. L'organizzazione dell'evento, promosso da Maria Novi, moglie di Elio e dai figli Francesco ed Enrico, è stata curata come di consueto dal dal Centro Studi " Maria Franciulli Battagliese" dell'Associazione ONLUS "Parco del Cilento" di Ascea.
Quest'anno la manifestazione si articolerà in due eventi. Sabato 5 maggio 2007 alle ore 11.00, a Marina di Ascea (Sa) presso la Fondazione Alario, sarà presentato il volume postumo di Francesco Bruno "Giambattista Vico e le favole poetiche", con nota al testo di Elio Bruno, a cura e con postfazione di Francesco D'Episcopo, edito da Guida. Interverranno Francesco Battagliese e Francesco D'Episcopo, con il coordinamento di Francesco Battagliese.
Sabato 12 maggio 2007 alle ore 10.30, sempre a Marina di Ascea (Sa) presso la Fondazione Alario, avverrà la cerimonia di consegna dei riconoscimenti, che sarà preceduta da una tavola rotonda sulle figure di Francesco ed Elio Bruno nel contesto della letteratura meridionale cui parteciperanno, con il coordinamento di Giuseppe e Francesco Battagliese, i docenti universitari Giuseppe Acone e Luigi Reina, ed il giornalista Carmelo Pittari.
La premiazione vedrà la partecipazione dei vincitori delle due sezioni del concorso: una è rivolta a studenti delle scuole superiori che hanno prodotto elaborati sulla figura e le opere di Francesco Bruno nell'ambito della letteratura meridionale, l'altra è aperta a giornalisti che si sono particolarmente segnalati nel trattare argomenti di cultura meridionalistica nelle premesse e nella prospettiva dell'opera di Francesco ed Elio Bruno.
Francesco Bruno è stato giornalista e scrittore fra i maggiori e più noti del Novecento. Ha lavorato e scritto nelle maggiori testate come critico letterario, inviato speciale e columnist culturale oltre che nelle più diffuse riviste letterarie. Le sue opere saggistiche finora pubblicate sono una ventina con più di diecimila articoli giornalistici. Suoi, inoltre, sono tre volumi di narrativa ed una silloge di poesie di " stile neoclassico", secondo la definizione del quotidiano torinese " La Stampa". Suoi scritti sono stati tradotti in varie lingue.
Elio Bruno è stato critico letterario, giornalista, saggista e conferenziere. Si è occupato puntualmente di attualità e problemi culturali, specificatamente letterari, su numerose testate e nel giornale "Roma" di Napoli, nel quale ha seguito, recensendo assiduamente, la folta produzione culturale e letteraria italiana e straniera. Dette alle stampe, giovanissimo, una breve raccolta di poesie, che ebbe un notevole successo di pubblico e di critica. Sue composizioni liriche sono apparse su antologie e periodici culturali.
Per ulteriori informazioni: premiofrancescobruno@libero.it

------------------------------------------------------
Leggi GRATIS le tue mail con il telefonino i-mode™ di Wind
http://i-mode.wind.it/


------------------------------------------------------
Leggi GRATIS le tue mail con il telefonino i-mode™ di Wind
http://i-mode.wind.it/

Seminario: Economia della Conoscenza ed Innovazione Competitiva


Bologna - Come adattare il proprio modello di business per competere sullo scenario internazionale

Lo sviluppo di business da parte delle aziende passa attraverso un'ottimale gestione della conoscenza e una strategia per portare innovazione. Cofimp ha organizzato un seminario dedicato a questo tema in programma a Bologna in data 8 maggio 2007.

La gestione della conoscenza gioca un ruolo fondamentale nei sistemi ad economia avanzata che fondano la loro competitività sulla produzione, la diffusione e l'utilizzo di nuove conoscenze. L'incontro promosso da Cofimp vuole approfondire un tema diventato cruciale per le aziende che vogliono espandere il proprio business a livello internazionale. Attraverso il seminario in programma l'8 maggio 'Economia della Conoscenza ed Innovazione Competitiva' si vogliono fornire utili indicazioni sulla gestione dei saperi legati all'innovazione, alla ricerca, alla disponibilità di capitale umano qualificato. La vera sfida di oggi per l'azienda è avere la capacità di utilizzare le nuove conoscenze in funzione dello sviluppo e della tenuta dell'apparato produttivo.

08 Maggio 2007 dalle ore 9.00 alle ore 13.00 presso Centro Congressi Savoia Hotel Regency Via Del Pilastro, 2 Bologna
Interverranno:

Dott. Maurizio Sarmenghi - Responsabile Servizi di Consulenza Cofimp Dott. Duccio Campagnoli - Assessore alle attività produttive della Regione Emilia Romagna Professor Thomas Andersson - Rettore della Jonkoping University Professor Piero Formica - Dean della International Entrepreneurship Academy alla Jonkoping University

Programma degli interventi

Dott. Maurizio Sarmenghi Come stanno cambiando le competenze nelle imprese. Assessore Duccio Campagnoli Le Politiche di intervento dei prossimi anni a favore dell'Innovazione. Professor Thomas Andersson Innovazione e competitività delle piccole e medie imprese in Europa Professor Piero Formica Innovazione, circolazione dei talenti e creazione di reti internazionali alla base dello sviluppo del business per le Piccole e Medie Imprese.


L'incontro s'inserisce all?interno del progetto "Incontri d'Autore", il cui intento è fornire un servizio a beneficio delle imprese. L'obiettivo è sensibilizzare le aziende al confronto sui temi dell'innovazione di prodotto e di processo e sullo sviluppo competitivo del sistema economico regionale.
Gli incontri, tenuti in forma di seminari, prevedono la partecipazione di autorevoli esperti nazionali e internazionali. A supporto della formazione delle aziende locali è stato creato il sito 'www.incontridautore.eu' sul quale si possono trovare tutte le informazioni necessarie per partecipare agli appuntamenti in programma. Sempre sullo stesso si possono scaricare i materiali dei seminari e partecipare alle discussioni del Forum oltre a chiedere chiarimenti o sollevare dibattiti.

Cofimp Ente di Formazione e consulenza per giovani e imprese. Cofimp sostiene l?impresa sviluppando business e producendo conoscenza. Cofimp investe nella formazione e nella specializzazione delle risorse umane. Per informazioni: giuliani@cofimp.it 051 4165711 Web site: http://www.incontridautore.eu/economia-della-conoscenza-ed-innovazione-competitiva.htm

Postato da
Ufficio Stampa M&B Eurorunner
Strategie di Web marketing Bologna, Emilia Romagna, economia della conoscenza, innovazione competitiva, business impresa, formazione
Paolo Gioachin_ufficio stampa

Mollusco & Balena S.r.l.- Euro.runner
Web Consultancy
via Croce Coperta, 11 Bologna 40128 Italia
t. +39.051.5871676   f. +39.051.74507942
www.molluscobalena.it
www.eurorunner.com
www.carnivalsuperstore.net


Rome-Tour: custom itineraries for groups and individuals for tours in Rome and Vatican.

24.04.2007 – Noventa di Piave (Venice)

Rome Tour suggests to tourists a large number of standard tours but it can propose also a personalized service for who wants to see particular parts of Rome or Vatican and have a different trip from the other people. Its staff is a group of professional guides, qualified to organize private sightseeing tours in Rome and other customized itineraries in the outskirts of the city, according to satisfy each client needs.

Rome Tour plans both half and full day tours, giving the opportunity to do them simply by walking through the city or using confortable air-conditioned licensed cars or minibus that the company has in management.

The Rome Tour web site - www.rome-tour.com - presents a particular section that explains how team works, specially the main tour guide who has a reserved area that illustrates her profile and her duty; in fact, Carla Maria Viti has a professional experience increased over the years in different fields like Art, History, Archeology and Languages. All team was selected by her, who educated it to transmit to visitors all the “human feeling” of history that you can find through the ways of city during your excursions in Rome.

The web site offers also information about what kind of transport you can use to arrive to places you like to visit and all transfer services that allow you to reach the centre of the city from the port of Civitavecchia or from the airport. For all other requests, a contact area places to visitors's disposal an email, a telephone number and a fax number, useful to put tourists in touch with Rome Tour staff to receive other informations.

lunedì 23 aprile 2007

CorrieredelWeb: 11 applicazioni gratis scaricando Google Pack


Seleziona località:


Google Pack è disponibile solo per Windows XP

Disponi già di alcune di queste applicazioni?
Il software verrà aggiornato solo se è disponibile una versione più recente.
Google Pack è:

  • Essenziale: software sicuro e utile per il tuo computer
  • Semplice: scarica e installa tutto con pochi passaggi
  • Personalizzabile: scegli solo il software che desideri
  • Aggiornato: ottieni aggiornamenti e nuovi software mediante Google Updater
  • Ulteriori informazioni
  • Requisiti di sistema
    • Windows XP o Vista con privilegi di amministratore ( Che cos'è?)
    •Firefox 1.0 o versione successiva oppure Internet Explorer 6.0 o versione successiva


     Software Google Inclusi
    Google Earth - Browser 3D della Terra
    • Ingrandisci l'immagine dallo spazio fino al livello della strada, esplora il mondo
    • Individua mappe, indicazioni stradali, hotel, ristoranti e altro ancora
    Ulteriori informazioni
    Google Desktop - Utilità per il desktop
    • Individua tutti i messaggi di posta, i file, la cronologia Web e altro ancora
    • Accedi a tutte le tue informazioni personalizzate da un unico punto con la sidebar
    Ulteriori informazioni
    Picasa - Utilità di gestione delle immagini
    • Trova, modifica e condividi le tue foto in pochi secondi
    • Rimuovi facilmente l'effetto occhi rossi e correggi le foto
    Ulteriori informazioni
    Google Toolbar per Internet Explorer - Barra degli strumenti di ricerca
    • Esegui ricerche con Google da qualsiasi pagina Web
    • Blocca i pop-up indesiderati
    Ulteriori informazioni
     Altre applicazioni incluse
    Mozilla Firefox con Google Toolbar - Browser Web
    • Esplora il Web in modo rapido e sicuro
    • Passa rapidamente da una pagina all'altra grazie alla navigazione a schede
    Ulteriori informazioni
    Ad-Aware SE Personal - Utilità antispyware
    • Rileva e rimuovi spyware in modo sicuro
    • Proteggi la tua privacy con funzionalità avanzate
    Ulteriori informazioni
    Norton AntiVirus 2005 Special Edition - Utilità antivirus
    • Proteggi il tuo PC da virus, worm e Trojan horse
    • Comprende un abbonamento di 6 mesi per gli aggiornamenti della protezione
    Ulteriori informazioni
    Adobe Reader - Applicazione per la lettura di file PDF
    • Visualizza, stampa ed esegui ricerche in file PDF
    • Avvio più veloce del 50% rispetto a Reader 6.0
    Ulteriori informazioni
     Applicazioni opzionali
    RealPlayer - Lettore multimediale
    • Riproduci i più diffusi formati multimediali, organizza musica e filmati
    • Trasferisci la tua musica sull'iPod e altri lettori multimediali portatili
    Ulteriori informazioni
    GalleryPlayer HD Images - Immagini
    • Illustrazioni e foto di alta qualità
    • Perfetto per il tuo salvaschermo o il desktop
    Ulteriori informazioni
    Skype - Voce, video e chat
    • Chiama e videochiama gratuitamente gli utenti Skype™
    • Chiama e videochiama i telefoni fissi e i cellulari a costi davvero bassi
    Ulteriori informazioni


    Google Pack è disponibile solo per Windows XP

    Tutte le news della Rete le trovi sul:


    Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

    Disclaimer

    www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

    Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

    L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

    Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

    Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

    Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

    CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

    indirizzo skype: apietrarota