sabato 23 settembre 2006

ORRORE AL PALIO DI BELPASSO (CATANIA): UN CAVALLO SI FRACASSA LA TESTA CONTRO UN'AUTOMOBILE

Comunicato stampa LAV:

ORRORE AL PALIO DI BELPASSO (CATANIA): UN CAVALLO CORRE TRA LA FOLLA
E SI FRACASSA LA TESTA CONTRO UN'AUTOMOBILE. MUORE TRA ATROCI
SOFFERENZE MA LE CORSE CONTINUANO!

LAV: L'ENNESIMA STRAGE ANNUNCIATA, IL SINDACO SI DIMETTA
E IL PREFETTO DI CATANIA VIETI LE CORSE IN PROGRAMMA DOMANI


Anche il palio di Belpasso si tinge di sangue: oggi pomeriggio uno dei 16
cavalli in corsa disarciona il fantino e prosegue la corsa in mezzo la folla
lungo la via Roma, trasformata in pista per il palio; prosegue oltre la
linea di arrivo e si schianta contro un'automobile parcheggiata. Il cavallo
si fracassa la testa e cade a terra esanime, causando anche il ferimento di
alcuni spettatori travolti dall'animale in fuga.

Uno spettacolo vergognoso e sanguinario, un'altra morte annunciata: da
tempo, infatti, la LAV aveva denunciato che il palio di Belpasso era
pericolosis simo e si sarebbe trasformato in una mattanza per gli animali. La
LAV aveva anche chieto al Prefetto di Catania di vietarlo per le note
infiltrazioni criminali nel settore delle corse ippiche, ottenendo
l'appoggio di ben 6 parlamentari bipasrtisan. Ma l'appello e' rimasto
incredibilmente inascoltato ed ora la morte orribile di quel cavallo e'
il drammatico risultato di questa scelta.

La LAV chiede le dimissioni del Sindaco di Belpasso, che aveva trattato con
disprezzo chi chiedeva più tutela per gli animali. Al Comune, infatti, va
addebitata la responsabilita' politica e morale di quanto accaduto. Al
Prefetto, inoltre, la LAV chiede di vietare immediatamente le altre corse di
cavalli in programma domani per il terzo giorno del palio di Belpasso.

Infatti, e' vergognoso che mentre la strada era ancora sporca del sangue del
cavallo, il Sindaco abbia contentito di proseguire la manifestazione con
altre gare di cavalli, come se nulla forse. Quanto accaduto, oltre ad essere
gravissimo anche da un punto di vista delle responsabilita' penali degli
organizzatori, dimostra la totale assenza di minime garanzie di sicurezza
pubblica e per gli animali che la LAV aveva gia' denunciato anticipatamente.

Nelle prossime ore la LAV si riserva altre azioni, anche legali ed
ecltatanti, per fermare queste ignobili torture legalizzate e per chiedere
giustizia per la morte del cavallo mandatao al macello per il divertimento
umano.


23.09.2006

_________________________________________________________
LAV Sicilia: 349.5750285  - 333.2210604 - LAV Nazionale: 06.4461325
www.lav.it


----
Email.it, the professional e-mail, gratis per te: clicca qui

Sponsor:
Crea il tuo sito web dinamico con ASP e ACCESS - VideoCorso professionale direttamente nel tuo computer. Trucchi e segreti
Clicca qui

venerdì 22 settembre 2006

Il Cobat alla domenica ecologica: incontri con gli inventori dei veicoli a basso impatto ambientale


Settimana della Mobilità Sostenibile

Nella Domenica Ecologica del 24 settembre i cittadini incontrano gli inventori dei veicoli a basso impatto ambientale
Via dei Fori Imperiali dalle ore 10.00 alle ore 17.00

Nell’ambito della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma ha organizzato 2 incontri dedicati ai sistemi di trasporto a basso impatto ambientale per ripensare a come muoverci in città senza traffico e rumore. Primo: la “Festa della Bicicletta”, promossa dal Comune in collaborazione con il Coordinamento Roma Ciclabile, Regione Lazio, Provincia di Roma, Università Roma Tre e il centro commerciale I Granai, che si terrà venerdì 22 settembre in concomitanza con la giornata europea “In città senza la mia auto”.
Secondo turno domenica 24 settembre: la “Domenica Ecologica” l’evento ricorrente per riscoprire il gusto di girare per le strade libere dalle auto e per conoscere più da vicino i programmi di sviluppo del trasporto pubblico, del car-sharing, della mobilità ciclabile e per presentare nuovi veicoli a basso impatto ambientale.

In entrambi i giorni dalle ore 10 alle 18, saranno pedonalizzate la ZTL del Centro Storico, il settore G di Trastevere, via dei Fori Imperiali, via Appia Antica e alcune piazze e strade in 16 Municipi. Durante la chiusura al traffico si svolgeranno attività di informazione e sensibilizzazione sulle opportunità di muoversi con mezzi ecologici per alleggerire il traffico e ripulire l’aria.

Tra queste segnaliamo il primo dei due appuntamenti “Incontri Con i Creatori”, in cui i cittadini potranno confrontarsi con gli ideatori, costruttori e produttori di mezzi a basso impatto ambientale, organizzati dalla Associazione Culturale Cosmoroma con il patrocinio del COBAT, Consorzio Obbligatorio Batterie al Piombo Esauste.

Ad aprire la kermesse degli ospiti nell’infopoint Cosmoroma/COBAT, situato in via dei Fori Imperiali, l’ing Fabrizio Tomei, amministratore delegato della Microbike, la prima fabbrica italiana con sede a Roma, di biciclette a pedalata assista, diffuse in tutta Europa, che illustrerà le potenzialità delle due ruote come mezzo alternativo all’auto privata. Presso il punto informativo di Cosmoroma e COBAT inoltre saranno distribuiti gadget e materiali informativi e didattici del Consorzio.

L’Associazione Culturale Cosmoroma, sin dalla sua fondazione, avvenuta nel 2002, ha tra i compiti statutari la diffusione delle tematiche ambientali, e su questi temi, realizza iniziative coordinate di sensibilizzazione a favore di un utilizzo dei veicoli a basso impatto ambientale come quelli a trazione elettrica in ambito urbano, diventando partner autorevole per le maggiori case produttrici di mezzi a basso impatto ambientale, nonché consulente di Amministrazioni ed Enti Pubblici, nazionali e locali. Per contatti: Presidente Vito Paolo Quinto, cell 338/8125012, email: assocosmoroma@libero.it

Il COBAT è stato istituito per legge (L. 475/88) con il compito di raccogliere e riciclare le batterie al piombo esauste. Oggi è ai primi posti nel mondo per tassi di recupero (prossimi alla totalità) e quantità di raccolta di questi rifiuti pericolosi (solo nel 2005 oltre 200.000 tonnellate di cui solo nella Provincia di Roma 8.000 tonnellate, pari al 50% di tutte quelle raccolte nel Lazio). N° verde 800.869120, www.cobat.it

UFFICIO STAMPA COBAT: Hill & Knowlton Gaia
Andrea Pietrarota, cell 335/5640825 email pietrarotaa@hkgaia.com skype apietrarota

Comunicato LAV: ANIMALI, WEEK-END DI FESTE CON SFRUTTAMENTO DI ANIMALI IN SICILIA: PALIO DEGLI ASINI E FESTA MEDIEVALE


Comunicato Stampa LAV Sicilia:

 

ANIMALI, WEEK-END DI FESTE CON SFRUTTAMENTO DI ANIMALI

IN SICILIA:  ‘’PALIO DEGLI ASINI’’ A CANICATTINI (SIRACUSA)

E FESTA MEDIEVALE CON CAVLLI E FALCHI

A PATERNO’ (CATANIA)

 

LA LAV DIFFIDA I SINDACI: ANIMALI SPAVENTATI E MORTIFICATI PER UNO SPETTACOLO INACCETTABILE E FINANZIATO ADDIRITTURA CON FONDI DELL’UE!

 

 

In Sicilia week-end all’insegna delle ‘feste’ che sfruttano gli animali: tra sabato e domenica, infatti, il Comune di Canicattini Bagni (Siracusa) organizza il ’Palio degli asini’, una gara di asini costretti a superare degli esercizi presso il campo sportivo cittadino, mentre a Paternò (Catania) nell’ambito delle feste medievali sono previste gare ippiche varie e la ‘’caccia col falcone” ed altri rapaci.

 

Con una diffida inviata ai Sindaci dei due comuni ed alle competenti Prefetture e servizi veterinari dello locali ASL, la LAV chiede che vengano sospese tali manifestazioni per le evidenti violazioni della Legge 189/2004 sul maltrattamento degli animali. Gli animali, infatti, vengono costretti ad eseguire esercizi ed assumere comportamenti che producono loro uno stato di stress e li costringono ad innaturali attività e fatiche del tutto intollerabili per l’animale. Nella diffida la LAV evidenzia anche che i luoghi scelti per simili spettacoli (campi sportivi ed altre aree pubbliche cittadine) non sono né destinati ad ospitare simili pubblici trattenimenti né idonei a garantire il benessere degli animali, e vi sono forti dubbi anche per quanto riguarda la sicurezza sia degli animali sia degli spettatori.

 

Il Palio degli asini di Canicattini e le feste medievali di Paternò non solo sono organizzati dalle rispettive Amministrazioni comunali ma - incredibilmente - sono sponsorizzati, com’è il caso di Paternò, persino dalla Regione Sicilia e finanziati con fondi europei del POR! Un così ampio cartello di Istituzioni sarebbe degno di avvenimenti di un livello culturale ben diverso rispetto a queste tristi e diseducative “feste” con uso di animali maltrattati e umiliati!

 

 E’ paradossale – afferma Marcella Porpora, coordinatrice regionale della LAVche località simili, dove il solo contesto naturale e storico è già uno spettacolo, per attirare i turisti abbiano sentito il bisogno di ricorrere a manifestazioni così lesive della dignità di quella stessa natura. Chiediamo ai Sindaci di Canicattini e Paternò di sospendere immediatamente gli spettacoli con animali dove a gareggiare è solo il cattivo gusto e la mancanza di rispetto verso gli altri esseri viventi”. “Invitiamo inoltre gli Enti che sponsorizzano la manifestazione  – conclude Porpora – a ponderare meglio le occasioni per le quali concedere il proprio sostegno, riflettendo sulle implicazioni culturali ed etiche di certe manifestazioni che, organizzate per ottenere facili consensi popolari, stimolano piuttosto reazioni di sdegno nelle persone più sensibili e fra i turisti”.

 

22.09.2006

----------------------------------------------------------------------------------

Ufficio Stampa LAV: 06.4461325 – 339.1742586 www.lav.it

 

 

Invito: Sguardi Altrove Film Festival presenta "Broadcast" cortometraggio che ha come protagonista la show girl Paola Barale

Invito 
 
Sguardi Altrove Film Festival - Borsa Democratica del Cinema

dal 21 al 24 settembre 2006 - Fondazione Antonio Mazzotta - Milano

Sguardi Altrove Film Festival presenta

“Broadcast”

L’Associazione Sguardi Altrove - donne in arti visive, organizzatrice e promotrice della XIVa edizione di Sguardi Altrove Film Festival a regia femminile - che avrà luogo a Milano dal 6 all’11 marzo 2007, presso lo Spazio Oberdan, in collaborazione con la Fondazione Cineteca Italiana - anticipando la tematica portante dell’edizione 2007 che ha come focus il Corpo, ha il piacere di invitarLa alla proiezione di  

 “Broadcast

il cortometraggio realizzato dalla giovane regista italiana Laura Chiossone
che verrà proiettato presso la Scatola Magica del Teatro Strehler

 sabato 23 settembre alle ore 17.30
ingresso libero

“Broadcast”, pellicola realizzata e prodotta nel 2006 della durata di 10’ e girata in 16 mm, ha come attrice protagonista la nota show girl e artista Paola Barale nelle vesti di sopravvissuta in un mondo ormai desolato e privo di vita.

La protagonista, contagiata dal male che ha colpito l’intera umanità, ma unica superstite, racconta la storia delirante della trasformazione che sta avvenendo in lei, la malattia la svuota, i suoi organi si dissolvono, il suo corpo si appiattisce.

L’attraversamento dello schermo è la malattia che decreta la nascita di una nuova razza. Il corpo si fa immagine, la parola diventa sintetica in una realtà che è uno spettacolo costantemente in onda, ma che nessuno ormai può più guardare.

La direzione artistica di Sguardi Altrove ha scelto di presentare in anteprima il lavoro di Laura Chiossone perché sintetizza e anticipa,  sia nel contenuto, sia nella ricerca stilistica,   la riflessione sul tema dell’edizione 2007 del Festival.

Il tema del Corpo (sia maschile che femminile) – inteso come forma e contenuto, punto di incontro e relazione tra evento psichico e significato, tra natura e cultura, economia e società – sarà declinato nelle sue possibili esplorazioni e visto nell’ottica della cinematografia internazionale,  calato nella realtà contemporanea in cui si connota come rappresentazione simbolica di una fisicità in divenire, trasformata e tra(n)sfigurata.
 
Con preghiera di diffusione.
 
 
Ufficio Stampa Sguardi Altrove Film Festival
Silvia Trovato Comunicazione
Ufficio Stampa & Organizzazione Eventi
Via A. Zezon, 10 - 20124 Milano
Tel/fax: 02/45.48.41.90 - 348/0006859
 
Nota: ai sensi della legge 675/1996 e in adempienza al decreto legislativo 196/2003 sulla tutela dei dati personali, la informiamo che, nei nostri database, sono presenti informazioni anagrafiche relative alla sua persona e/o società. Tali informazioni sono state reperite attraverso fonti di pubblico dominio, e-mail che le hanno rese pubbliche o adesioni da noi ricevute. Tutti i destinatari della presente comunicazione sono in copia nascosta. Qualora non desiderasse più ricevere i nostri messaggi, può inviare una e-mail a info@silviatrovato.com, con oggetto: "Cancellami". Grazie.

giovedì 21 settembre 2006

Eventi Vintage - Autunno 2006


Cari lettori,

questa prima parte dell'Autunno si prospetta ricchissima di appuntamenti all'insegna della moda e del Vintage. La nostra redazione, che nello specifico si occupa di eventi, notizie e avvenimenti Vintage, Vi segnala in particolare:
 
FIERAVINTAGE
, La moda che vive due volte a cura di Romagna Fiere e Coinè Eventi: 2a edizione annuale presso il quartiere fiera di Forlì, riesce a raccogliere più di quaranta espositori dislocando un Salone-Mercato Vintage in una città diversa da quelle che comunemente ospitano eventi di questo genere. Sarà un'opportunità, specie per gli appassionati, i collezionisti ma anche addetti al settore moda e design che risiedono o lavorano in Emilia Romagna o nelle attigue regioni, di raggiungere più comodamente e velocemente un raduno Vintage di proposte fresche, giovani e di grande mordente. Oltre ad una grande area dedicata all'abbigliamento ed agli accessori d'epoca, saranno presenti ad alternare e variegare il percorso espositivo anche le categorie merceologiche del modernariato, oggettistica, collezionismo, libri e fumetti ed un settore tutto nuovo dedicato ai dischi in vinile.
Sarà un modo per tuffarsi in un'immersione totale nel passato che non mancherà di stupirvi ed emozionarvi per le infinite idee e gli spunti per la moda del domani con uno sguardo camaleontico al passato in vista del futuro.
Novità di quest’anno anche l’area enogastronomica “VIN…TAGE”, ispirata al significato letterale del termine Vintage: vino d’annata. La direzione tecnica é affidata ad Angela Soncin, della Coiné Eventi, Info: Tel. 0543-798466. Orari:
Venerdì 22 Settembre: 16.00 – 20.00
Sabato 23 Settembre: 10.00 – 23.00
Domenica 24 Settembre: 10.00 – 20.00
Ingresso biglietto intero 5 Euro, ridotto 3. Maggiori informazioni sul sito www.fieravintage.it <http://www.fieravintage.it>  


 
VINTAGE WORKSHOP
®- Milano I ricercatori della moda d'epoca, ha chiuso venerdì scorso i battenti della 6a edizione con il plauso generale degli addetti ai lavori della moda intervenuti. Si é trattato per la prima volta di uno speciale interamente dedicato agli ACCESSORI Vintage. L'associazione culturale "Ricercatori Moda d'Epoca" ha ospitato in soli 4 giorni 230 fra esponenti di spicco di Case di Moda e Produttori di grandi, medie e piccole dimensioni, product managers e stilisti di pelletterie e calzaturifici, designers di gioielli, buyers, uffici di ricerca tendenze, cool-hunters e addirittura esperti di marketing strategico per la moda ed il design. La formula espositiva, ormai collaudata, si é rivelata di grande servizio per tutti gli addetti ai lavori della moda che, oltre ad aver l'esigenza di proposte d'epoca ad alto contenuto stilistico e di ricerca, privilegiano effettuare le loro scelte ed i noleggi di accessori Vintage in un ambiente discreto e riservato. Il 40% dei visitatori/compratori proveniva dall'estero. Moltissimi i compratori che, dopo aver sperimentato l'utilità del Workshop nelle scorse edizioni, non si sono lasciati scappare questa inedita edizione. L'associazione culturale sopra citata desidera ringraziare tutti gli intervenuti e confermare si d'ora la 7a edizione che avverrà a Firenze la prima settimana di febbraio in una location a porte chiuse e solo su invito, nonché l'8 edizione milanese -plenaria- prevista approssimativamente per la metà di febbraio. Maggiori informazioni sono ottenibili nel sito ufficiale: www.vintageworkshop.it <http://www.vintageworkshop.it>


 
ASPETTANDO BELGIOIOSO
: un condensato ampio di proposte Vintage cercate in tutto il mondo. Che dire di più del Fashion Vintage Show alle porte di Pavia? Una manifestazione che ci invidia l'intera Europa, la fiera in-door più estesa e accreditata a livello europeo. Gli stilisti provenienti dall'estero ci danno periodica conferma che si tratta di una manifestazione irrinunciabile, altrimenti non si spiegherebbero le ragioni di tante presenze provenienti proprio da Nazioni bacino di approvvigionamento di capi e accessori Vintage, vedasi Francia, Inghilterra, Paesi nordici, Spagna, Portogallo e addirittura Stati Uniti. Una piccola annotazione personale: nel mio ultimo viaggio di ricerca in Gran Bretagna e Francia, nonostante ottimi contatti sviluppati con fornitori e collezionisti per me insostituibili, son riuscita a trovare solo 7 borse in UK e 9 borse degne in Francia! Cosa vorrà significare?? Attualmente le proposte nei mercatini oltre a scarseggiare arrivano sul banco già fritte e rifritte, così, per potersi assicurare l'inedito a tutti i costi, si viaggia in tutto il mondo impegnando tempo e risorse notevolissime, visitando canali molto più chiusi, circuiti di collezionsisti che ti aprono i loro armadi solo dopo l'ennesima visita, sborsando cifre che non sempre vengono poi comprese nei prezzi applicati all'utente finale e bla bla bla...
Ebbene, Belgioioso é forse il posto che ancora oggi riesce a radunare tantissime proposte valide e qualificate, che Vi evita scorribande di aerei e immense perdite di tempo a trovare ciò che nei mercatini non si trova quasi più. A Belgioioso rimangono, anzi, sarete sorpresi di incontrare addirittura delle "new entries" di espositori qualificati che hanno sviluppato una abilità indiscutibile nel "cacciare", nello studiare approfonditamente epoche e stili di vita del passato, nel selezionare e riconoscere proposte utili per tutti gli addetti ai lavori della moda oltre che, indubbiamente, per i collezionisti, i cultori e gli amanti delle belle cose d'epoca.
Belgioioso, garantito, non mancherà di stupirvi! Per il momento vi segnalo le date ma, come ormai sapete, questo evento merita da solo l'intero contenuto di una newsletter che Vi verrà spedita fra un paio di settimane. Ecco le date: dal 13 al 16 ottobre prossimi (preview il pomeriggio del 12 solo su invito. Gli operatori professionali che non l'hanno mai ricevuto ne possono fare richiesta scritta via e-mail all'indirizzo aeupani@libero.it)
Orari di apertura
dal 13.10.06: dalle 10 alle 20 tutti i giorni (continuato)Costo biglietto: intero 8 Euro/ ridotto 5.
Per maggiori informazioni potete contattare i referenti della manifestazione: D.ssa Spaini o Dr. Bolzoni all'indirizzo di e-mail: info@belgioioso.it oppure visionando il sito www.belgioioso.it/vintage <http://www.belgioioso.it/vintage>  
 

LINK UTILI SUL TEMA FASHION VINTAGE: www.clubdelmarketingedellacomunicazione.com/pages/rassegna/fashion.php

www.bloggers.it/StefanoWolf/

www.vintageworkshop.it/calendario.jsp

www.shopping-idea.com/


CONSIDERAZIONI SUL VINTAGE
(SENZA OBBLIGO DI LETTURA!)
La categoria dei "vintagisti" può sopravvivere solo ottenendo ragione di enormi sacrifici per reperire abiti e accessori sempre più "avanti" e che dal passato anticipino gli orientamenti futuri del consumatore e dell'intero fashion system.
Vi invito dunque a visitare Belgioioso e le altre manifestazioni sul Vintage copiosi ma senza copiare. Questo l'hanno ben imparato coloro che, visti i pezzi che più interessano, li acquistano immediatamente facendoli letteralmente "sparire dai riflettori" così da assicurarsi l'inedito. Chi tenta di fotografare o fare schizzi o radiografare a mente non ha ancora capito che così facendo non riuscirà mai a garantirsi l'unicità di un pezzo trainante da inserire in collezione. Insomma, cose da neo-diplomati sbugettati e di primo pelo. Mah, e i soliti reali problemi di budget? Un mio personale suggerimento: imparare a selezionare comprando meno guardando più alla validità delle proposte che al prezzo. Dietro a un prezzo apparentemente costoso vi é un mondo di idee e spunti da poter sviluppare. E se il prezzo é alto ora forse conoscete qualche ragione in più per non considerarlo tale. Altro consiglio: non limitatevi a rivolgervi a proposte degli anni '70. In quell'epoca nacque la produzione industriale intesa in maniera moderna, vale a dire la produzione in scala, il seriale. La conseguente maggior quantità degli stessi modelli di cui sono ancora pieni gli armadi, le fabbriche in disuso, le pelletterie e i negozi che hanno chiuso, non assicura una sufficiente "rarefazione" dei prodotti a cui ispirarsi. Guardate indietro, cari lettori, affacciatevi agli anni '20, '30, '40 ma anche all'800 e al '700, epoche queste che hanno dato i natali a indumenti, oggetti, prototipi, accessori più unici che rari oltre ad essere assolutamente interessantissimi da "rispolverare". Permettetevi di osare di più, di creare e di ispirarvi a citazioni del passato che ancora oggi sono avanguardistiche. Per esempio, mai come il periodo delle due Guerre Mondiali, da una parte per la penuria di materie prime, dall'altra per le ristrettezze economiche, ha dato sfogo ad un'immensa creatività, fatta di dettagli, di artigianato anche domestico, di soluzioni stilistiche d'escamotage adottate sapientemente per ottenere comunque risultati stilistici poco dispendiosi ma di grande impatto visivo. Guardate a ciò che é avvenuto negli anni '30 con la brevettazione di nuovi materiali plastici che potevano sopperire a materie più nobili ma che, opportunamente sviluppati, hanno dato origine a risultati migliorativi gettando le fondamenta per il successivo nascere dell'industrial design...
Vi chiederete perché sono così ortodossa?? Ebbene, questo approccio al Vintage più preparato e consapevole mi sta dando concretamente e progressivamente ragione di quanto sostengo. Ho trovato una chiave di lettura, un modo di proporre il Vintage essendo di maggior servizio e chi ha sperimentato queste ragioni torna sempre più soddisfatto e convinto che questa é una strada percorribile per ottenere risultati di eccellenza per il futuro della moda, come ebbi un tempo a scrivere:
...Amo tutto quello che ha il sapore dell'epoca, le riedizioni vintage in chiave moderna e le rivisitazioni moderne in chiave vintage per un passato prossimo... Ma quelle le lascio fare agli stilisti, io mi attengo al valore dell'epoca ed il remake lo cedo agli esperti della moda contemporanea; che senso avrebbe che da ricercatrice della moda d'epoca presentassi, come taluni vintagisti han preso l'abitudine di fare, cose rifatte, coperte smontate e rimontate in foggia di cappotti, foulards che diventano cuscini e tende che diventano borsette?

Un saluto cordiale ed un arrivederci alla prossima newsletter eventi Vintage!

Angela Eupani
Comunicazione e Marketing Perla
Tel./Fax +39-0445-851323
comunicazionenuova@libero.it

P.S.: a proposito, pur occupandomi professionalmente di marketing strategico per le Aziende della moda, nutro anch'io la viscerale passione per il vintage. La mia collezione, in continua evoluzione e mutazione, va sotto il nome di Sculture da Indossare e spendo per essa molto più di ciò che guadagno ma, ahimé, folgorata sulla via del Vintage, qualcosa devo pur vendere per permettermi l'insana e dispendiosa passione!

DAVIDE SCABIN A NEW YORK PER STARCHEFS INTL.

20/09/2006

DAVIDE SCABIN ANCORA A NEW YORK
PER STARCHEFS INTERNATIONAL CONGRESS

UNICO CHEF ITALIANO ALL¹APPUNTAMENTO CONSIDERATO
DAI GOURMET DI TUTTO IL MONDO IL PIU¹ ATTESO EVENTO PROFESSIONISTICO
CULINARIO DELL¹ANNO NEGLI USA

Torino, 18 Settembre 2006. I gourmet della Grande Mela si preparano a
riaccogliere calorosamente Davide Scabin, il patron del ristorante
Combal.zero, sito all¹interno del Castello di Rivoli presso Torino, a pochi
mesi dalla sua acclamata partecipazione all¹evento benefico al Rockefeller
Center, ³Citymeals-on-Wheels², nel giugno scorso.

Il simposio newyorkese - 19-20 settembre - viene descritto come
l¹appuntamento con i maestri dell¹alta cucina più influenti e innovativi al
mondo; due giorni fitti di confronti, simposi e dimostrazioni di tecniche ed
esperienze culinarie uniche.

Davide Scabin, unico chef italiano invitato a tenere una presentazione,
rappresenterà quindi l¹Italia in quello che viene considerato uno dei più
importanti eventi mondiali del settore, con un intervento sul tema ³Il gusto
della forma®², che si terrà presso la sede del Congresso in Covenant House,
il 20 settembre alle ore 17.00.

L¹intervento di Davide Scabin partirà da ³Il gusto della forma®², per
passare al tema della serialità in cucina e alle innovative potenzialità
perseguibili attraverso l¹applicazione del concetto di design al mondo del
food.

- Quando parlo di Food Design ­ dice Davide Scabin - mi riferisco a tutto
ciò che è design applicato al food, con l¹accortezza, tuttavia, che in
quest¹ambito non si può prescindere da alcuni elementi che derivano dal
fatto che parliamo di cibo e conseguentemente di gusto. Con il food design,
infatti, si agisce su due canali non separabili: da un lato il canale che si
occupa della progettazione di un gusto, dall¹altro il canale che attiene a
tutto ciò che ruota intorno al gusto, e quindi la fisiologia, l¹ergonomia,
il luogo e il modo con cui si assume il cibo.

³ Il gusto della forma® - afferma ancora Davide Scabin - identifica lo
strumento di ricerca che utilizzo nel mio processo creativo e si occupa di
tutto ciò che attiene la non conoscenza della nostra capacità di percepire e
assumere il piacere che è all¹interno di noi. Il punto di partenza della mia
ricerca è l¹analisi delle componenti di fisiologia, ergonomia e architettura
che compongono il gusto, baipassando - se necessario - la forma, che
suggerisce alcune scelte, anticipando il sapore dei piatti che spesso si
riferisce a modelli precostituiti.²

In particolare, l¹intervento di Davide Scabin si concluderà con la
presentazione di un progetto relativo alla percezione del gusto del sale:
una tipologia del tutto innovativa di sale in forma liquida che, a
percentuali di concentrazione diverse, può essere sparso sulla pietanza in
modo uniforme attraverso un particolare dispenser. Tale progetto dimostra
quanto un intervento di design applicato al food possa dare innovazione
anche alla materia più tradizionale - il sale appunto - rivelandone nuove
forme d¹uso.

Informazioni per la Stampa a cura di:ALISEI COMUNICAZIONE SRL
Referente Ufficio Stampa Alisei Comunicazione Srl Tel.: 0243995555
ali6@ali6.org

NO AL PALIO DI BELPASSO (CATANIA): INIZIATIVA BIPARTISAN DI SEI PARLAMENTARI CHE CHIEDONO L'INTERVENTO DEL PREFETTO PER VIETARLO

 

Comunicato Stampa LAV Sicilia:

 

 

NO AL PALIO DI BELPASSO (CATANIA):

INIZIATIVA BIPARTISAN DI SEI PARLAMENTARI

CHE CHIEDONO L’INTERVENTO DEL

PREFETTO PER VIETARLO

 

LA LAV: “IL MONDO DELLE CORSE IPPICHE INQUINATO DAGLI INTERESSI ILLECITI DELLA ZOOMAFIA, SUBITO LO STOP PER MOTIVI DI PUBBLICA SICUREZZA E PER SCONGIURARE MALTRATTAMENTI AI CAVALLI"

 

 

 

Diventa un caso politico nazionale la contestatissima corsa di cavalli su strada a Belpasso (Ct): ben sei fra deputati e senatori hanno formalmente chiesto al Prefetto di Catania, Anna Maria Cancellieri, di vietare il “Palio Città di Belpasso” in programma da domani fino a domenica 24. Lo rende noto la LAV, che aveva già inviato un dossier al Comitato per l’ordine e la sicurezza ed alla Direzione antimafia catanesi, denunciando i rischi di infiltrazioni criminali e l’inaccettabile sfruttamento degli animali, spesso morti a seguito di tali folli corse in circuiti urbani pericolosi.

 

A chiedere di bloccare il palio sono stati i deputati Claudio Azzolini (FI), Angelo Bonelli (Verdi), Arnold Cassola (Verdi), Gianni Mancuso (AN) ed i senatori Salvatore Bonadonna (PRC) e Anna Donati (Verdi), che hanno inviato un fax al Prefetto: “è stato ampiamente accertato come il mondo dell’ippica e dei palii sia fortemente inquinato da infiltrazioni mafiose che lucrano con un consistente giro di scommesse clandestine. Per questi motivi il Prefetto di Palermo, già nel 2000, vietò tutte le corse di cavalli in occasione di feste paesane. A seguito dell’azione investigativa e repressiva delle Forze dell’Ordine e della DIA, inoltre, sono state acclarate altre preoccupanti connessioni fra la criminalità organizzata e le corse ippiche (clandestine e non), tanto da indurre i Prefetti di Caltanissetta (nel 2003), Agrigento e Trapani (2005) a disporre analoghi divieti. 

 

Nella missiva i sei parlamentari ricordano anche che lo scorso luglio “il Prefetto di Siracusa ha opportunamente vietato il palio di Avola in quanto il Comitato per l’Ordine e la sicurezza pubblica ha riscontrato che tali manifestazioni sono “occasioni di incontro per soggetti che gravitano nell’ambiente della malavita comune e organizzata e incentiva(no) situazioni illegali, quali la diffusa pratica del doping e le scommesse clandestine”. Analogamente, il 15 agosto anche il Prefetto di Trapani ha vietato il palio di Pantelleria, atteso che "le corse di equini sono caratterizzate da interferenze della criminalità organizzata e mafiosa e danno luogo a scommesse ad opera di pregiudicati e soggetti senza scrupoli". Il sen. Bonadonna, in particolare, ha chiesto al Prefetto di intervenire con urgenza per “garantire la tutela dell'ordine pubblico, della legalità e del benessere animale”, sottolineando che “una tale decisione condurrebbe ad una quanto mai opportuna ed importante uniformità di azione con le altre Prefetture siciliane, le cui coraggiose scelte sarebbero ancor più rafforzate e legittimate”. Viceversa, il mancato stop alle corse di Belpasso rappresenterebbe un segnale preoccupante ed un passo indietro ingiustificabile.

 

"Le gravi infiltrazioni della zoomafia nel mondo dei cavalli nella provincia etnea sono un fatto ormai assodato, come testimonia il barbaro episodio – che ha inorridito tutta l’Italia – della lapidazione in spiaggia di un cavallo dopo una corsa clandestina lo scorso agosto, oppure i recentissimi blitz della Polizia nelle stalle abusive di San Cristoforo a Catania, dove sono state scoperte sostanze dopanti e macellazioni illecite”, dichiara Alessio Riggi, responsabile LAV Catania. “Dopo le odierne autorevoli prese di posizione istituzionali, trasversali rispetto a tutti gli schieramenti politici, riteniamo ormai un passo obbligato da parte delle Autorità di pubblica sicurezza quello di vietare qualsiasi corsa e gara di equidi in tutta la provincia per fermare lo sfruttamento ed il maltrattamento dei cavalli e contrastare ogni illecita infiltrazione”.

 

21.09.2006

 

 

Ufficio Stampa LAV : 06.4461325 www.lav.it

 

 

ELENCO DEI PARLAMENTARI FIRMATARI DELL’APPELLO

PER IL BANDO DELLE CORSE DI CAVALLI

 

 

Camera dei Deputati

 

On. AZZOLINI Claudio, Fi (Camera - Commissione Affari Esteri e Comunitari)

 

On. BONELLI Angelo, Verdi (Camera - Capogruppo del gruppo parlamentare)  

http://www.angelobonelli.it/index.asp

 

On. CASSOLA Arnold, Verdi (Camera - Commissione Politiche dell'Unione Europea)

http://www.arnoldcassola.com/

 

On. MANCUSO Gianni, An (Camera - Commissione Affari Sociali)

http://www.giannimancuso.com/chisono.htm

 

 

Senato della Repubblica

 

Sen. BONADONNA Salvatore, Rc  (Senato - Vicepresidente Commissione Finanze e tesoro)

                                                           http://www.salvatorebonadonna.it/

 

Sen. DONATI Anna, Verdi (Senato - Presidente Commissione Lavori Pubblici e Comunicazioni)

                                                           http://www.annadonati.it/

 

 

 

 

 

 

 

CACCIA. CONTRORDINE, IL TAR DA' RAGIONE AGLI AMBIENTALISTI: CALENDARIO VENATORIO ILLEGITTIMO, IL DECRETO SULLA PRE-APERTURA E' INEFFICACE





 

 

 

 

LAV LEGA ANTI VIVISEZIONE – Coordinamento Regionale Sicilia                                    

LEGAMBIENTE – Comitato Regionale Siciliano                                           

CAI CLUB ALPINO ITALIANOSicilia                                                      Comunicato Stampa                                     

WWF ITALIA – Sezione Regionale Sicilia

 

 

 

CACCIA. CONTRORDINE, IL TAR DA’ RAGIONE AGLI AMBIENTALISTI: CALENDARIO VENATORIO ILLEGITTIMO, IL DECRETO SULLA

PRE-APERTURA E’ INEFFICACE

 

 

SCONFESSATE LE DOPPIETTE E SONORAMENTE SMENTITA LA REGIONE.

LAV, LEGAMBIENTE, CAI E WWF: DOPO LA PREAPERTURA BOCCIATA DAL

TAR SI DEVE ANTICIPARE LA CHIUSURA DELLA STAGIONE VENATORIA

 

 

Sconfessate le doppiette e sonoramente smentita la Regione, LAV Legambiente CAI e WWF avevano ragione: l’anticipazione dell’apertura della caccia al 2 settembre anziché alla terza domenica del mese, autorizzata con apposita deroga dal decreto dell’Assessore all’Agricoltura on. Giovanni La Via, era illegittima e violava palesemente il Decreto-legge sulla caccia n. 251/2006 per l’adeguamento dell’ordinamento nazionale alla direttiva 79/409/CEE in materia di conservazione di fauna selvatica. Lo ha stabilito il TAR Catania con l’ordinanza n. 1393 del 15 settembre che, all’opposto, nei giorni scorsi era stata salutata dall’Assessorato e da alcune Associazioni dell’estremismo venatorio con imprudenti quanto non veritieri commenti vittoriosi…

 

Il TAR Catania, infatti, non ha affatto respinto il ricorso delle quattro Associazioni ambientaliste ed animaliste e la loro richiesta di sospensiva cautelare della deroga al calendario di caccia non è stata accolta non perché ingiustificata ma “stante l’inefficacia dell’atto impugnato, ai sensi dell’art. 8 del D.L. 211/2006”. Tale norma, infatti, prevede che decadano automaticamente, perdendo di efficacia, tutti i calendari venatori e le deroghe regionali che, in violazione del decreto legge stesso, consentono la pre-apertura della caccia e l'esercizio venatorio a gennaio nelle ZPS! In altre parole non era necessario sospendere il decreto assessoriale sulla pre-apertura della caccia perché tale atto era già sospeso negli effetti come tutte le “deroghe adottate dalle  regioni in difformità” dal decreto statale.

 

Il TAR ha quindi stabilito che, come sostenuto dalle Associazioni ricorrenti, in Sicilia la stagione di caccia doveva aprirsi come nella altre regioni solo domenica 17, perché la deroga sulla pre-apertura per 11 giorni (dal 2 al 17 settembre) era nulla ed inefficace; ora, conseguentemente a tale decisione del Tribunale amministrativo regionale, per recuperare l’illegittima pre-apertura la stagione deve chiudersi in anticipi di 11 giorni venatori rispetto alla data fissata dal calendario del 31 gennaio.

La decadenza ope legis riguarda ovviamente anche l'esercizio venatorio nelle ZPS per tutto il mese di gennaio, come previsto dall'art. 3, lett. b), del decreto-legge.

 

I legali di LAV Legambiente CAI e WWF – gli avvocati Nicola Giudice, Corrado Giuliano, Marilena Del Vecchio ed Alessio Petrettiprovvederanno a notificare alla Regione una diffida in tal senso e si riservano ulteriori azioni.

 

Ennio Bonfanti (LAV) Angelo Dimarca (LEGAMBIENTE), Gianni Mento (CAI) e Franco Russo (WWF) dichiarano: “Non possiamo che condannare l’atteggiamento dell’Assessore La Via che, invece di leggere il provvedimento dei giudici e farlo applicare, ha preferito rilasciare dichiarazioni avventate e, ora, palesemente smentite. Abbiamo assistito ad una incredibile boutade mediatica che ha portato cacciatori ed amministratori ad esultare (e a continuare a sparare!) per un provvedimento del TAR che, all’opposto, avrebbe bloccato la caccia e scongiurato conseguenze gravissime sulle popolazioni selvatiche, visto che la pre-apertura ha colpito tante specie ancora in piena fase riproduttiva. Siamo soddisfatti che le nostre argomentazioni giuridiche abbiano trovato conferma nell’ordinanza del TAR e, quindi, attendiamo fiduciosi la sentenza di merito sull’intero calendario venatorio siciliano assolutamente illegittimo per le numerose e gravi violazioni delle normative regionali, statali e comunitarie sulla tutela della fauna e che ha ricevuto pesanti critiche anche dall’Istituto Nazionale Fauna Selvatica (INFS)”.

 

 

Palermo, 21 Settembre 2006

 

 

Per informazioni: 

Ufficio Stampa LAV: 06.4461325 - www.lav.it

   

 

 

 

 

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota