venerdì 9 giugno 2006

Carnival Super Store ti veste per i Mondiali!

 
Carnival Super Store, il negozio on-line leader in Italia nella vendita di maschere, parrucche e accessori per le feste, vi prepara a tifare in modo divertente e spumeggiante! E' infatti online la nuovissima sezione "Mondiali 2006".

Vuoi rendere più divertenti gli appuntamenti coi tuoi amici davanti alla partita?
Carnival Super Store (www.carnivalsuperstore.net) ha ideato una serie di accessori per sostenere l'Italia ai Mondiali con passione ed originalità!
Parrucche tricolore, trombe da stadio, trucchi per il viso, raganelle, maracas, pon pon, bandieroni dell'Italia e tanti altri gadgets per tifare come se foste allo stadio.
Tutto comodamente a casa vostra in 48 ore!

Sei un tifoso sfegatato? Per te c'è il kit da supertifoso!
Sei una ragazza e vuoi sfoggiare un look da vera “azzurra”? Il kit donna con un'elegante parrucca lamè azzurra e divertenti pon pon fa al caso tuo!

E a chi non si sente “azzurro” Carnival Super Store dedica una sezione con kit da tifoso per tantissime squadre europee e internazionali:
Argentina - Brasile - Francia - Inghilterra - Giappone - Germania - Korea - Spagna - Svizzera

Preparati per l'evento sportivo più importante dell'anno! Non è troppo tardi!Vieni a visitare il catalogo su www.carnivalsuperstore.net

Vestiti e gioca da tifoso!

 

----------------------------------------------------------

Ufficio Stampa e Comunicazione
Mollusco & Balena - Euro.runner srl

Laura Giampaoli
e- mail: press@eurorunner.com
web: www.molluscobalena.it 
    
www.eurorunner.com

 
 

giovedì 8 giugno 2006

COBAT: REGIONE PIEMONTE IN PRIMA LINEA NELLA TUTELA DELL'AMBIENTE

FIRMATO IL PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL COBAT E LA REGIONE
PER IL RECUPERO DELLE BATTERIE AL PIOMBO ESAUSTE

La sigla del Protocollo di intesa
Torino, 8 giugno '06 - Quest'oggi, a Torino, presso la sede della Giunta
regionale del Piemonte, Michele ZILLA, Direttore Generale del COBAT,
Consorzio Obbligatorio Batterie Esauste, e Nicola DE RUGGIERO, Assessore
all'Ambiente della Regione Piemonte hanno siglato il Protocollo di Intesa
per la raccolta e il riciclo delle batterie al piombo esauste in tutto il
territorio del Piemonte.

Si tratta di uno dei primissimi accordi in cui un'intera Regione
sottoscrive un Protocollo di intesa con il COBAT: un risultato molto
importante ai fini della salvaguardia dell'ambiente.
Le batterie al piombo esauste (utilizzate per avviare i mezzi di
trasporto) possono trasformarsi in potenti agenti d'inquinamento, se
abbandonate per strada, disperse in natura o peggio gettate nei laghi o
nel mare.
Per questo con la legge L. 475/88 in Italia è stato istituito il COBAT,
che ha il compito di assicurare la raccolta e il corretto riciclo delle
batterie al piombo esauste e di monitorarne qualsiasi attività di
raccolta, commercializzazione e riciclo che emerga sul territorio
nazionale.

Obiettivo del Protocollo di intesa: mai più batterie esauste abbandonate
nel territorio piemontese
Mai più batterie esauste disperse nelle Regione Piemonte! È quanto si
prefigge il Protocollo di intesa, stabilendo che i consorzi obbligatori di
bacino piemontesi competenti per l'organizzazione della raccolta dei
rifiuti (previsti dalla legge regionale n. 24/2002) ed il COBAT, tramite
la cooperazione della Regione Piemonte, collaboreranno per favorire la
raccolta ed il successivo riciclo delle batterie esauste contenute nei
rifiuti solidi urbani o abbandonate sui territori comunali.

La leadership italiana nella raccolta e riciclo delle batterie
Attualmente, il COBAT vanta in ambito internazionale una leadership, che
fa dell'Italia un caso d'eccellenza ambientale nella raccolta e nel
riciclo di questa tipologia di rifiuti pericolosi. L'alto tasso di
raccolta delle batterie sull'immesso al consumo, le quantità assolute di
batterie recuperate, l'elevata raccolta pro-capite, il più basso
sovrapprezzo sulla vendita di nuove batterie (solo 76 centesimi
sull'acquisto di batterie per auto) sono gli elementi che hanno permesso
al Consorzio italiano di raggiungere un primato che gli viene unanimemente
riconosciuto.
Dal 1991, (anno di inizio della sua attività), ad oggi il COBAT ha
raccolto e riciclato quasi 2,5 milioni di tonnellate di batterie esauste,
recuperando più di 1,3 milioni di tonnellate di piombo.

Solo nel 2005 sono state recuperate oltre 200 mila tonnellate di batterie
(di cui poco meno di 19.000 tonnellate solo nella Regione Piemonte, che
risulta essere una delle regioni più virtuose in questa attività).

Con il riciclo delle batterie esauste non solo sono state sottratte
sostanze tossiche e nocive per ambiente e salute collettiva, ma sono stare
recuperate anche importanti risorse. Basti pensare che ogni anno il 40%
del fabbisogno nazionale di piombo è soddisfatto con il piombo secondario,
e vengono risparmiati otre 90 milioni di euro sulle importazioni di questo
metallo.

La sostituzione fai-da-te e la dispersione delle batterie nell'ambiente
Gli studi condotti dal COBAT hanno appurato che l'attività del fai-da-te,
ossia la sostituzione in proprio della batteria d'avviamento, è la
fondamentale causa della dispersione di questo rifiuto pericoloso. Proprio
con la finalità di contrastare il fenomeno dell'abbandono delle batterie
provenienti dall'auto-sostituzione, il COBAT propone agli Enti Locali la
stipula di una Convenzione, mediante la quale si impegna, attraverso un
proprio raccoglitore incaricato, a consegnare gratuitamente, presso le
isole ecologiche per la raccolta differenziata, adeguati contenitori dove
depositare le batterie esauste abbandonate o consegnate direttamente dai
cittadini, e successivamente ad avviare un servizio, anch'esso gratuito,
di ritiro. Attualmente il COBAT ha attivato questo servizio in 3.515
Comuni italiani, corrispondenti ad una popolazione ivi residente pari al
64% della popolazione nazionale.
Con il Protocollo di intesa firmato oggi, il COBAT e la Regione Piemonte
hanno deciso di collaborare per arrivare a dotare quei Consorzi, ancora
sprovvisti, di appositi punti di conferimento, e recuperare in questo modo
il maggior numero possibile di batterie esauste.

Le dichiarazioni
Michele Zilla, Direttore Generale COBAT: “Il nostro impegno è di ottenere
gli stessi risultati, consolidati nel mondo professionale, anche nel
settore fai-da-te. L'obiettivo che vogliamo perseguire attraverso il
Protocollo di intesa con le amministrazioni regionali, provinciali e
comunali è di moltiplicare sul territorio i punti di raccolta per
agevolare cosi il cittadino nel momento della cessione del rifiuto e
renderlo attore dell'educazione ambientale del nostro Paese”.

Nicola DE RUGGIERO, Assessore all'Ambiente della Regione Piemonte: Il
Protocollo di intesa con il COBAT, promuove azioni che incentivano la
raccolta dei rifiuti pericolosi. In questo caso si tratta di favorire ogni
tipo di attività e di iniziativa per la raccolta capillare sul territorio
delle batterie al piombo esauste non prodotte nell'ambito di attività
imprenditoriali, così da ridurre la pericolosità di tale tipologia di
rifiuto, garantendo la massima tutela ambientale. La Regione Piemonte mira
inoltre, con un reciproco scambio di informazioni e il monitoraggio del
COBAT, a disporre dei dati relativi alla raccolta delle batterie al
piombo esauste provenienti dal territorio per garantire la completa
tracciabilità del percorso del rifiuto dal singolo produttore al recupero
finale”.

COBAT Ufficio Stampa: Hill & Knowlton GAIA
Andrea Pietrarota, tel. 06.441640327, 335/5640825 pietrarotaa@hkgaia.com
Alessia Calvanese, tel 06.441640328, calvanesea@hkgaia.com
Ufficio Stampa Regione Piemonte
Luis Cabases tel. 011 4321670, luis.cabases@regione.piemonte.it

Degustarte: Pietro Pasquali Tetsuro Shimizu

Degustarte 3° appuntamento: Oli su tela di Pietro Pasquali e Tetsuro Shimizu

Ubicazione
Symposium
Via Passerera, 15
24060 Chiuduno (BG)
Tel. 035 833616
 
Organizzazione e coordinamento
 
Artisti
Pietro Pasquali, Tetsuro Shimizu
 
In degustazione
Scoglio del Tonno IGT Salento 2005, Tenuta del Barco,
215 Scudi IGT Toscana 2003, Poderi di Ghiaccioforte
 
Titolo
Degustarte: incontri fra vino e arte, a cura di Riccardo Zelatore
 
Date
10 giugno – 8 luglio 2006
 
Orari
Da mar. a sabato 9.00-12.30/15.00-20.00 lun. pomeriggio
 
Inaugurazione 10 giugno ore 18.30
 
Il 10 giugno alle 18.30, presso Symposium, troviamo a confronto due artisti che, all’osservatore frettoloso,
appariranno in antitesi fra loro. Shimizu usa un linguaggio irruente e impetuoso. Pasquali parla invece sottovoce,
usa il pigmento puro stemperato in olio, per creare un linguaggio poetico, fatto d’affini cromie di luce.
La persona attenta noterà invece molte assonanze. Entrambi proseguono l’approfondimento di una specifica
tematica. La loro ricerca non si compone di varie e distinte fasi pittoriche, ma insiste nel perfezionare un
linguaggio ben preciso. Entrambi danno molta importanza alla preparazione del supporto. Pasquali prepara la
tela da entrambi i lati, in modo da donarle la trasparenza necessaria a far vibrare ogni minima traccia. Pasquali
concepisce la tela come pelle, magico luogo d’incontro fra l’individuo e il mondo, ma la calma è solo apparente,
la tela racconta anche di tormento e domande sospese. Anche le ritmate pennellate di Shimizu originano dal
fermento di forze opposte: sprigionano forze centripete e centrifughe che generano nuove forme nello spazio.
L’atto pittorico di Shimizu non è però gesto spontaneo ma frutto di un progetto ben preciso. Nel lavoro di
Shimizu nulla è lasciato al caso, per questo non esiste un telaio uguale all’altro. Ogni singolo supporto (corpo
della pittura), viene pensato e sagomato per dar maggiore forza all’intervento pittorico (che rappresenta l’anima).
Le dominanti dei quadri di colore rosso, blu e giallo, non vogliono ricordare nulla di naturalistico, ma esprimono
precisi stati mentali.
 
Pasquali è nato a Paratico nel 1967. Si è diplomato in pittura all’Accademia BB.AA. di Brera. Dalla fine degli
anni ’80 partecipa a varie mostre in Italia e all’estero. Ricordiamo le personali allo Studio d’Arte H. Zellweger di
Lugano, alla Galleria Alter Markt di Halle e Galleria Cavenaghi di Milano. Shimizu è nato a Tokio nel 1958. Dopo
gli studi artistici in Giappone, nel 1987 si trasferisce a Milano, dove si diploma in pittura all’Accademia di Brera.
Ha esposto in varie gallerie in Italia e all’estero. I suoi lavori sono presenti, da diverse edizioni, alle più importanti
fiere del settore (Artefiera di Bologna e Miart di Milano). Per approfondimenti biografici, suggeriamo di visitare il
nostro sito internet: www.cinquesensi.com/artisti.html
 
In degustazione un Bianco del Salento IGT che preannuncia l’estate: profumo di pesca matura e passiflora (il
frutto della passione), ottimo per accompagnare cene al lume di candela con crostacei, piatti a base di pesce e
dolci alle mandorle. Per chi preferisce le merende in compagnia, suggeriamo il rosso Toscano IGT 215 Scudi.
Caldo, morbido e speziato. Ottimo con salumi, formaggi e carni rosse.
 
Degustarte vi da appuntamento al 16 settembre alle 18.30 con l’inaugurazione della mostra di Marco Grimaldi e
Vincenzo Marsiglia e la degustazione del Franciacorta Brut, Barone Pizzini e del Verdicchio DOC 2005, Pievalta

convegno su rapporto scienza e diritto - brevettare la vita

<center><bold><fontfamily><param>Arial</param>COMUNICATO STAMPA

<smaller><smaller>

</smaller></smaller></fontfamily></bold><fontfamily><param>Arial</param><smaller><x-tad-smaller>

</x-tad-smaller></smaller></fontfamily></center><center><bold><fontfamily><param>Arial</param><bigger><bigger>Scienza
e diritto in un dialogo tra Nord e Sud del mondo

</bigger></bigger></fontfamily></bold><fontfamily><param>Arial</param><bigger>All’ICGEB
di Trieste scienziati e giuristi internazionali a confronto

</bigger></fontfamily></center><flushboth><fontfamily><param>Arial</param><bigger>

</bigger>Il diritto alla proprietà intellettuale, il trasferimento
tecnologico nelle scienze della vita, le possibilità di accesso alle
innovazioni, la tutela della biodiversità e il legame tra scienza e
diritto.

Saranno questi i temi della Prima Conferenza Internazionale “Proprietà
intellettuale e trasferimento tecnologico nelle scienze della vita: un
dialogo tra Nord e Sud del mondo”, organizzata dal Centro
Internazionale di Ingegneria Genetica e Biotecnologia (ICGEB) a
Trieste dal 12 al 14 giugno 2006, presso il centro congressi di AREA
Science Park.

La Conferenza intende offrire ai partecipanti provenienti dai paesi
industrializzati e dai paesi in via di sviluppo un’opportunità di
confronto sulle sfide che nascono dalla possibilità di accedere e di
commercializzare le scienze della vita e le biotecnologie.

Il diritto alla proprietà intellettuale, specialmente attraverso i
brevetti, svolge un ruolo fondamentale per lo sviluppo e
l’applicazione delle moderne biotecnologie. Attualmente infatti il
sistema dei brevetti viene utilizzato dalle istituzioni pubbliche, dai
centri di ricerca e dalle università per trasferire i risultati
raggiunti e le invenzioni al settore privato. La cessione di un
brevetto aumenta la probabilità che una determinata tecnologia trovi
un’applicazione industriale o commerciale e, allo stesso tempo,
permette di garantire un’ulteriore fonte di finanziamento
all’istituzione che ha sviluppato la tecnologia.

Il tema dei brevetti però risulta particolarmente delicato nei paesi
in via di sviluppo e nelle economie in transizione. Oltre a dover
affrontare i problemi legati alla loro inadeguatezza tecnologica e
alla relativa difficoltà ad acquisirla, i paesi in via di sviluppo
infatti devono confrontarsi anche con il diritto alla proprietà
intellettuale, così come disciplinato dall’Organizzazione
Internazionale per il Commercio (WTO) mediante gli “Accordi relativi
agli aspetti legati ai diritti di proprietà intellettuale” (TRIPS).

Dagli incontri preparatori all’adozione di tali accordi, che prevedono
che ogni paese membro del WTO disciplini il diritto alla proprietà
intellettuale, sono già emerse differenze sostanziali tra i paesi
industrializzati e i paesi in via di sviluppo. «I recenti sviluppi
della scienza e l’ampia portata del commercio mondiale hanno reso
necessaria una revisione a carattere internazionale del diritto alla
proprietà intellettuale attraverso l’adozione e l’entrata in vigore
dei TRIPS» spiega Decio Ripandelli, organizzatore della conferenza e
direttore delle relazioni internazionali dell’ICGEB, un organismo
intergovernativo fondato nel 1983 con il mandato di offrire ai paesi
in via di sviluppo un centro d’eccellenza per la ricerca e la
formazione nell’ingegneria genetica e nelle biotecnologie. «Dai
recenti dibattiti però, è emersa la necessità di decidere se rendere
più blande le restrizione dei TRIPS a beneficio dei paesi in via di
sviluppo, per permettere loro di aver accesso a materiale genetico
eventualmente protetto, nonché lanciare dei programmi di cooperazione
globale per permettere ai paesi in via di sviluppo di essere in grado
a loro volta di proteggere i prodotti e i processi innovativi da loro
stessi sviluppati. Il nostro Centro, che promuove per statuto la
cooperazione internazionale e la ricerca di possibili soluzioni ai
problemi di sviluppo delle economie in transizione – continua
Ripandelli - ha voluto pertanto organizzare questa prima conferenza
internazionale per permettere a legislatori, scienziati, avvocati e
giuristi di confrontarsi e di prendere in considerazione i bisogni e
le richieste dei paesi in via di sviluppo».

Nel corso dei tre giorni, dunque, a Trieste si confronteranno i
massimi esperti del settore e personalità di fama mondiale che
ricoprono cariche di eccezionale rilievo internazionale, quali Ismail
Serageldin, Direttore della Biblioteca di Alessandria d’Egitto,
Cynthia Cannady, Direttore dell’Organizzazione Mondiale per la
Proprietà Intellettuale (WIPO), Harald Kreid, Direttore Generale
dell’Iniziativa Centro-Europea (CEI), Dimitri Piskounov, Vicedirettore
generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo
Industriale (UNIDO), Amedeo Santosuosso, Giudice della Corte d’Appello
di Milano, Carlo Alberto Redi, Direttore del Laboratorio di Biologia
dello Sviluppo dell’Università degli Studi di Pavia.

Saranno, inoltre, presenti scienziati provenienti da Australia, Cuba,
India, Israele, Italia, Messico, Montenegro, Polonia, Regno Unito,
Serbia, Stati Uniti,  Svezia, Svizzera e Sudafrica.

Durante la terza giornata di lavori, infine, verrà simulato un
processo legale per un caso di presunta violazione di brevetto, con la
partecipazione di giudici e avvocati internazionali esperti in
materia.

<x-tad-smaller>080606

Ufficio Stampa: Monica Rio - Globo divulgazione scientifica

</x-tad-smaller><bold><x-tad-smaller> 3479304484</x-tad-smaller></bold><x-tad-smaller>

</x-tad-smaller></fontfamily></flushboth><fontfamily><param>Times</param>

</fontfamily>

mercoledì 7 giugno 2006

INSIEME PER LA SICUREZZA: CATANIA PER 2 GIORNI CAPITALE DELLA SICUREZZA STRADALE

INSIEME PER LA SICUREZZA

 

SICUREZZA STRADALE NELL'AUTOTRASPORTO: DOPPIO EVENTO A CATANIA

 

Doppia manifestazione per la sicurezza stradale il 6 e il 7 giugno a Catania. Nella città etnea si incontrano due iniziative parallele, volute dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, attraverso la Consulta generale per l'Autotrasporto e la Logistica e il Comitato Centrale dell'Albo degli autotrasportatori, per propagandare i temi della conoscenza del rispetto reciproco sulle strade italiane, come presupposto di una circolazione più sicura ed elemento essenziale nella lotta agli incidenti stradali.

 

Le due iniziative, che si presentano a Catania sotto il titolo "Insieme per la sicurezza", sono la campagna di sensibilizzazione "La sicurezza stradale come sistema per l'autotrasporto merci" e i l road-show dei sei Tir attrezzati che sono in giro dallo scorso novembre per l'Italia diffondendo lo slogan della 2ª campagna di informazione per la sicurezza nell'autotrasporto: "Siamo tutti sulla stessa strada – TIRispetto ".

 

Martedì 6 giugno. Gli studi, i progetti e gli obiettivi per la governance

La prima manifestazione (martedì 6 giugno, ore 16.00, Hotel Nettuno, viale Ruggero di Lauria ) consiste in un dibattito sul tema: " Il sistema di sicurezza nell'autotrasporto: gli studi, i progetti, gli obiettivi e  le politiche di governance " ed è volta a diffondere anche a Catania, così come avvenuto in altre città italiane, i risultati delle ricerche sugli incidenti stradali attivate dal Comitato centrale dell'Albo dell'autotrasporto, nel quadro di un'iniziativa di "disseminazione" su tutto il territorio nazionale delle conoscenze finalizzate ad una riduzione degli incidenti.

 

Nel dibattito, dopo il saluto del presidente della Provincia di Catania, Raffaele LOMBARDO, interverranno il presidente del Comitato Centrale dell'Albo degli Autotrasportatori Raffaele Maria DE LIPSIS, il responsabile studi e ricerche dello stesso Comitato Centrale Rocco GIORDANO, il Comandante della Polizia Municipale di Catania Aldo TORRISI, il presidente della Camera di Commercio di Catania Stefano Maria RIDOLFO, il presidente della Socitras Andrea COSTANZO, nonché Carlo ALAMPI (Anas), Giandomenico FIORETTI (Iveco) e i rappresentanti delle associazioni dell'autotrasporto Luigi SESTIERI (Anita), Enrico BOSSA (Fita-Cna), Francesco DEL BOCA, (Confartigianato Trasporti), Ferdinando PALANTI, (Ancst/Lega Coop), Pino BULLA (Conftrasporto). Modera il Direttore della Rivista Tir, Fabio MONTANARO.


 

Mercoledì 7 giugno. Le politiche e le azioni per la sicurezza nell'autotrasporto.

La seconda manifestazione si svolgerà nell'ambito della 2° Campagna per la sicurezza stradale " Siamo tutti sulla stessa strada – TIRispetto", promossa dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, attraverso il Comitato Centrale dell'Albo degli Autotrasportatori e la Consulta Generale dell'Autotrasporto e della Logistica, con la collaborazione di Aiscat, Anas, Inail, Iveco, Mercedes-Benz , su progetto dall'Istituto Cuniolo (laboratorio dell'Associazione Nazionale Sociologi – ANS).

 

Si tratta di un road-show di quattro Tir (due Iveco e due Mercedes), con il logo della campagna sulle fiancate che convergeranno fin dal pomeriggio del 6 giugno su Catania, nella cui area portuale, davanti alla capitanerie di porto e la via Dusmet, saranno esposti al pubblico, mentre un Centro mobile di revisione (uno dei veicoli speciali del ministero per i controlli dei Tir su stada) effettuerà una serie di dimostrazioni per le scolaresche.

 

La mattina di mercoledì 7 giugno, alle ore 09.00, sempre all'Hotel Nettuno, si svolgerà poi il convegno conclusivo sul tema: "L'intermodalità, le aree di sosta attrezzata, i controlli e le politiche per la sicurezza nell'autotrasporto merci", con la partecipazione del vice presidente del Comitato Centrale dell'Albo degli Autotrasportatori, Giorgio COLATO, del coordinatore della campagna, Rocco GIORDANO, dei rappresentanti di Aiscat, Anas, Iveco, Mercedes-Benz, di Clara RICOZZI, Direttore Generale Autotrasporto – Dipartimento Trasporti Terrestri del ministero delle Infrastrutture, di Antonio SIRIECI, Comandante della Polizia stradale della Regione Sicilia, di Giovanni ARENA, presidente di Confcommercio, Sergio CASTIGLIONE presidente dell'Autorità Portuale di Catania, Eugenio MUZIO della Cemat, e gli stessi rappresentanti delle associazioni degli autotrasportatori del precedente dibattito: Luigi SESTIERI (Anita), Enrico BOSSA (Fita-Cna), Francesco DEL BOCA, (Confartigianato Trasporti), Ferdinando PALANTI, (Ancst/Lega Coop), Pino BULLA (Conftrasporto), moderati dal giornalista Umberto CUTOLO.

 

 

Ufficio stampa: Hill & Knowlton Gaia

Andrea Pietrarota, cell. 347.8271841, tel 06.441640327, fax 06.4404604,

email pietrarotaa@hkgaia.com , skype apietrarota

 

 

 

inaugurazione mostra di fotografia - Ritorno all'acqua - di Michele Fornasero - Sabato 10 Giugno 2006


 

 ARTèVISION

Nell’ambito della manifestazione

Plaza del Pueblo 2006

All’interno della rassegna

ARTèVISION si mette in mostra

 

presenta

 

Ritorno all’acqua

fotografie di

Michele Fornasero

Inaugurazione

Sabato 10 Giugno 2006

alle ore 22

 

 

La mostra resterà aperta al CIRCOLO PUEBLO in c.so Palestro 3 dal 10 al 17 giugno 2006 dal mercoledì alla domenica dalle ore 19.00 alle ore 24.00


L’acqua rappresenta il primo elemento di contatto dell’uomo, nasciamo immersi in essa e da essa veniamo cullati.

L’acqua è nutrimento, colore, suono. L’acqua è energia, essa ci protegge nei primi mesi della nostra vita.

Inevitabilmente ognuno di noi ad essa ritorna, con approcci differenti. Chi per gioco, chi per sport, chi con amore, chi con interesse, chi con terrore.

Nessuno meglio dei bambini è in grado di esprimere al massimo queste sensazioni.

Dalle loro espressioni, dai loro gesti  ho cercato di cogliere l’alchimia che si instaura tra chi, come i neonati, dall’acqua non si è mai separato e tra chi invece, già più grandicello, vede l’imparare a nuotare come una vera e propria sfida con se stesso e con le proprie paure.

 

Michele Fornasero nasce a Torino il 19 ottobre 1980. Ha frequentato il corso base di fotografia e stampa in b/n presso Artèvision. Ha sempre avuto una passione per il video e per il cinema che lo ha portato ad appassionarsi inevitabilmente anche al mondo della fotografia. Utilizza prevalentemente una fotocamera reflex 35mm e stampa personalmente le proprie foto presso la sede di Artèvision. Attualmente lavora in una società di video produzioni e collabora con alcune associazioni culturali impegnate nel settore.

 


Cordiali saluti

Maria Barletta

ARTèVISION

338 4114264

011 5187392

fotografia@associazionekoine.it

www.associazionekoine.it

Beppe Grillo rilancia la richiesta di Anti Digital Divide

 
Beppe Grillo. ha rilanciato sul proprio blog la lettera con cui l'associazione Anti Digital Divide chiede lo scorporo della rete di Telecom Italia. Segue il testo della lettera.
 
Le illecite intercettazioni di dati attuate da Telecom Italia ai danni degli operatori alternativi e di migliaia di utenti, sono la conferma di un mercato delle Telecomunicazioni in cui non sono presenti ne' una concorrenza effettiva ne' regole efficaci per difendere utenti e operatori alternativi da possibili abusi.

Anti Digital Divide chiede un interevento immediato del governo e delle autorità garanti per risolvere tale situazione, non più sostenibile.

Quello che è chiaro è che siamo di fronte a questioni gravissime, sia per quanto riguarda l’aspetto della violazioni delle norme sulla concorrenza sia per le questioni delle intercettazioni. Pare quindi evidente che le politiche fin ora attuate per garantire un mercato delle Telecomunicazioni che rispetti i principi di correttezza, concorrenza e trasparenza siano state errate o comunque non sufficientemente idonee. La decisione di una mera divisione contabile della società Telecom Italia, al fine di garantire il rispetto della concorrenza, si è rivelata del tutto inadatta ed anche le procedure sanzionatorie non sono servite a far cessare le condotte scorrette dell’incumbent. Tattiche di concorrenza scorretta che Telecom ha perpetrato con costanza per anni, tanto che è stato possibile schematizzarle. Una delle tattiche scorrette è costituita dall’esclusione dei concorrenti da un nuovo mercato, l’ultimo esempio, è di pochi giorni fa con la violazione della delibera 34/06 e il tentativo di non far accedere alla nuova rete IP (adsl 2+) di Telecom i suoi competitor.

E’ chiaro quindi che si debbano assumere seri provvedimenti affinché il mercato venga finalmente liberalizzato e venga garantita una reale concorrenza. Condizione necessaria perché questo avvenga è lo scorporo della rete di Telecom Italia, chiesto in passato da Mario Monti ex presidente dell’Antitrust europea, da Giuseppe Tesauro ex presidente dell’antitrust italiana, da illustri economisti, dalla corte dei conti e addirittura nel 2001 da Gasparri, ma "stranamente" mai posto in essere.  Deve quindi essere attuata la divisione di Telecom Italia in due società distinte, sul modello inglese, una che si occupi della rete e della vendita all’ingrosso, con tariffe uguali per tutti gli operatori, l’altra della vendita dei servizi al dettaglio, servizi che acquisterebbe alle stesse condizioni dei competitor, dalla prima società.

Altro provvedimento fondamentale consiste nel far tornare ultimo miglio e centrali telefoniche di proprietà statale. Si parla solo di doppini e centrali telefoniche, quindi la rete di trasporto rimarrebbe di Telecom, così come tutti gli apparati montati in centrale e le nuove reti costruite dall’incumbent, anche tutti i clienti attuali rimarrebbero di Telecom, passerebbero invece alla stato le centrali, il doppino e l’obbligo del servizio universale. Tutti gli operatori, alle stesse condizioni, riscatterebbero all’ingrosso il canone telefonico dallo stato, che dovrà fissarne l’entità calcolandolo con il metodo cost plus cioè basandosi sui costi effettivi sostenuti per fornire il servizio di accesso. In questo modo si premierebbero gli operatori che hanno investito nella costruzione di una rete di accesso proprietaria e si incentiverebbero tutti gli operatori a investire in una propria infrastruttura, questo porterebbe ampi benefici agli utenti, che avrebbero maggiori possibilità di scelta, con tariffe minori e qualità dei servizi più elevata, grazie all’aumento della concorrenza. Naturalmente Telecom continuerebbe a dover essere notificato come operatore dominante almeno finché la sua quota di mercato non risulti inferiore al 50%.

ADD da tempo si batte perché ci sia lo scorporo della rete, in seguito agli ultimi avvenimenti che coinvolgono Telecom Italia e palesano l’inadeguatezza degli interventi fin ora attuati dalle autorità garanti, ritiene che questa decisione non sia più rimandabile. Diffide, multe, divisione contabile di Telecom Italia, non sono servite a far rispettare le norme per una corretta concorrenza, per Telecom regna l’anarchia, anche l’ultima delibera la 34/06 che doveva portare ad una maggiore concorrenza nel mercato adsl è stata palesemente violata, Anti Digital Divide ha scritto per questo all’AGCOM da cui però non è arrivata risposta quindi l’associazione di provider AIIP ha presentato ricorso al TAR perché venga fatta rispettare tale delibera.

Nei prossimi giorni scriveremo alle autorità garanti ed al nuovo ministro delle comunicazioni Paolo Gentiloni, proprio per chiedere di attuare questo provvedimento.

La versione integrale del documento di ADD in merito ai nuovi abusi di Telecom Italia, può essere visionata a questo indirizzo.

 

Cordiali saluti      
Pierluigi Di Bartolomeo
Consigliere Ass. Anti Digital Divide 
www.antidigitaldivide.org 

 

martedì 6 giugno 2006

La bandiera blu sventola sulle spiaggie di Bellaria Igea Marina


Bellaria Igea Marina, 6 giugno 2006 - Lo scorso 4 giugno si è svolta sul
Porto Canale di Bellaria Igea Marina la cerimonia di posizionamento della
Bandiera Blu della FEE alla presenza del Sindaco Gianni Scenna,
dell’Assessore Rosanna Rizzo, del Presidente di Ambiente in Club Daniele
Baronio e delle autorità militari e marittime.
La manifestazione rientra nel programma di attività tese a celebrare la
Giornata Mondiale dell’Ambiente 2006.
La collaborazione tra il Comune di Bellaria Igea Marina ed Ambiente in
Club ha portato ad un calendario di iniziative che vedranno, tra l’altro,
in serata la consegna del premio VELAMBIENTE al prodotto cinematografico
che maggiormente è meritevole per la sua testimonianza, documentazione e
promozione a favore dell’ambiente.
“Quest’anno e per la seconda volta consecutiva la FEE, che è il massimo
organismo internazionale in materia di tutela e valorizzazione ambientale,
ha consegnato la bandiera blu a Bellaria Igea Marina – ha commentato il
Sindaco Scenna al momento dell’alzabandiera – Ne siamo tutti quanti
orgogliosi perché questo riconoscimento attesta il buono stato di salute
delle nostre acque e di quelle marine in particolare e cioè la salubrità
del nostro ambiente e vivere in un contesto sano è un valore assoluto in
primo luogo perché costituisce di per sé indice di alta qualità della
vita di tutti.
In secondo luogo perché questo premio è un buon indicatore della direzione
che da diversi anni ha preso il nostro turismo ed uno stimolo a continuare
su quel versante. Mi riferisco alla strada che abbiamo fatto tutti insieme
per coniugare turismo ed ambiente, turismo ed ecologia, turismo e sviluppo
sostenibile e compatibile nella comune consapevolezza che il mare è e deve
rimanere la risorsa fondamentale per il nostro futuro turistico.
Ma non da ultimo la bandiera blu ha una connotazione culturale legata
all’attenzione che ognuno di noi deve avere nei confronti dell’ambiente a
partire dalle scelte personali grandi piccole che siano.
Per queste ragioni avere ottenuto ancora una volta la bandiera blu è un
merito che va attribuito a tutta la città: la condizione migliore per
affrontare e vincere le tante sfide della qualità della vita e della
vacanza.
Ufficio stampa Bandiere Blu Andrea Pietrarota, 347 8271841

x animazioni e spettacoli

Questo anno proponiamo:
Compagnia di teatro di strada BUDA PASCIA' ORKESTAR: Musicisti su trampoli...
www.controtempo.toscana.it/buda
ed ancora altri spettacoli consultabili da:
 
 
Ai sensi dell'art.13 del nuovo codice sulla privacy (D.Lgs 196 del
30 giugno 2003), le e-mail informative e le newsletter possono
essere inviate solo con il consenso del destinatario.
Il suo indirizzo si trova nel database della nostra
Associazione, avendolo reperito da pubblici registri, elenchi,
atti o documenti che l'hanno reso pubblico o a seguito di
una vostra mail a noi indirizzata.
Sperando che le nostre comunicazioni, le siano per Lei
interessanti, Le assicuriamo che i Suoi dati saranno
trattati con estrema riservatezza e non verranno divulgati. Le
informative hanno carattere periodico e sono comunicate
individualmente ai singoli interessati, senza che altri possano
accedere al nostro indirizzario.
In ogni momento sarà possibile chiedere di essere rimossi
dall'elenco dei destinatari delle Newsletter informative inviando
una e-mail all'indirizzo canc.controtempo@alice.it, specificando
nell'oggetto “CANCELLAMI”.

lunedì 5 giugno 2006

Prometeo n. 22, la newsletter-webzine di Comunicazione Italiana

   

contatti | home | archivio

comunicazione italiana

se non visualizzi correttamente la newsletter clicca qui

Acpi Adico Aidim Aism Ascai Assodigitale Assintel Assorel Compubblica Federpubblicità Ferpi Unicom TP Popai
In Primo Piano

» a cura di Comunicazione Italiana

In Primo Piano

IL DATO È TRATTO.
La comunicazione è l'area privilegiata delle immagini e delle parole. Perché parlare allora di dati in una newsletter dedicata alla comunicazione? Non è forse merito dell'Art e del Copy se una campagna pubblicitaria ha successo? Al massimo i dati che gli strateghileggi »

Community

» a cura di Fabrizio Cataldi

Community

INVITO AL TARGET CUP.
Comunicazione Italiana organizza la prima competizione tra i manager della Community che hanno come obiettivo la Relazione. Il campo, l'arco ed il bersaglio, le metafore protagoniste di un evento esclusivo tutto dedicato alle tematiche del Customer Relationship Management. L'incontro avràleggi »

Community

INVITO AL .DOC EXPERIENCE.
Comunicazione Italiana organizza .DOC Experience, un evento frutto di un'inedita alchimia tra enologia, tecnologia e gastronomia. Durante l'incontro, che si terrà a Roma il 27 Giugno presso lo Sheraton Golf, si affronterà sia la più attuale tematica dell'Archiviazione Otticaleggi »

Community

INVITO AL GOLF CUP.
Comunicazione Italiana organizza la prima competizione golfisitca tra i manager della Community che hanno come obiettivo la Relazione. Il gioco del golf, protagonista di un evento esclusivo tutto dedicato alle tematiche del Customer Relationship Management. L'incontro che avrà luogo il 28leggi »

Community

COMUNICAZIONE ITALIANA & ITINERA: DB PARLAMENTO IN EDIZIONE SPECIALE.
A partire dal 15 giugno sarà disponibile per tutto il Network della Communication Community, un'edizione speciale di DB Parlamento. DB Parlamento è uno strumento di relazione che non può mancare sulla scrivania dei professionisti della comunicazione, delle relazioni pubbliche eleggi »

il Diretto

» a cura di Mattia Camellini

il Diretto

ASSEGNATI I "BIG BROTHER AWARDS" 2006.
Il BBA è un premio in negativo che viene assegnato ogni anno alle persone, alle aziende e agli enti che si sono particolamente distinti nel danneggiare la privacy in una nazione. Di questo argomento mi ero già occupato nel n° 19 di Prometeo, citando i vincitori del 2005. Ileggi »

il Diritto

» a cura di Marco Maglio

il Diritto

E SE LA POSTA SPAZZATURA NON FOSSE SOLO QUESTIONE DI LEGGE?
Quando la nostra casella di posta si riempie di messaggi spazzatura, siamo abituati ad invocare la lesione del nostro diritto alla privacy. Ma spesso reagire con gli strumenti legali contro queste invasioni è un ottimo affare solo per gli avvocati. E allora ecco - da un appartenente allaleggi »

la Sfida

» a cura di Vittorio Correale

la Sfida

ORGOGLIO & STORY-BOARD.
L'unità di crisi venne subito convocata. Gli ultimi accadimenti avevano completamente tramortito il Direttore Marketing Livio De Nutis, trasformandolo in un incrocio tra un vegetale segregato in una camera oscura ed un invertebrato tra i più pigri dell'intero regno animale. Era benleggi »

Compubblica

» a cura di Alessandro Rovinetti

Compubblica

CHE SINDACO 6?
Ormai è del tutto evidente che la comunicazione pubblica ha nel territorio uno dei propri punti di forza. Infatti, se la comunicazione significa fondamentalmente la capacità di stabilire relazioni, chi più delle Amministrazioni locali sente forte ed impellente questa esigenza?leggi »

il Pubblico

» a cura di Manuela D'Alessio

il Pubblico

PRIVACY. UN CASO DI CAOS.
Ebbene sì, alla fine, gira che ti rigira, cado anch'io nella rete-matassa della privacy. Ma non lo faccio citando leggi, articoli, modelli, no. Parlo di privacy nella vita di tutti i giorni, perché si sa che una cosa è fare la legge un'altra cosa è riuscire ad applicarlaleggi »

Comunicato Stampa

» a cura di Comunicazione Italiana

Comunicato Stampa

GRANDE CONVENIENZA PER GRANDI TIRATURE, SOTTO IL SEGNO DELLA NATURA.
Uno Light New è una carta Film Coated Offset con il 100% di fibre riciclate in impasto, ideale per la stampa roto-offset di cataloghi, stampati commerciali per la grande distribuzione, riviste specializzate e volantini. Buona rigidità, ottima opacità e buon grado di biancoleggi »

Comunicato Stampa

10 CONSIGLI PER OTTENERE IL MASSIMO DALLA VOSTRA CAMPAGNA DI VIRAL MARKETING.
Ogni nuovo mercato che si sviluppa velocemente si trova prima o poi davanti ad un punto critico: un punto in cui diventa difficile orientarsi e distinguere i ruoli e le specializzazioni dei soggetti che ne costituiscono l'offerta. Se per qualcuno questa nebbia rappresenta un vantaggio, una breccialeggi »

Comunicato Stampa

CINZIA LIGAS E LA POLISEMANTICA.
di Alessandro Diletto intervista a una docente e studiosa di comunicazione Intervistiamo Cinzia Ligas, titolare, insieme a Fausto Crepaldi di Blumedia Art, casa di produzione video di Milano che si occupa anche di web, comunicazione tradizionale e multimedia - Cinzia Ligas, insieme a Faustoleggi »

Comunicato Stampa

GLI STATI GENERALI DEL MARKETING E DELLA COMUNICAZIONE IL 15 GIUGNO A BARI. PRESENTI ANCHE I VERTICI DI UNICOM, FERPI E ASSOREL.
Bari, 29 maggio 2006. Si terrà a Bari il prossimo 15 giugno.ACCAPO [punto|accapo] (www.accapo.com), la prima edizione degli stati generali del marketing e della comunicazione. L'evento, organizzato dal Club del Marketing e della Comunicazione Puglia in collaborazione con la FERPI (Federazioneleggi »

EDITORE
- chi siamo
- cosa facciamo
- iscrizione gratis
- edizioni
- shop area


PARTNER
- Consodata
- ContactLab
- Ergo
- esCogito
- Gruppo Pro
- Inalto srl
- Intarget
- Iperclub
- Telepa Com
- Club Mktg


CONTATTI
Comunicazione Italiana
via Alessandro Trotter, 3
00156 Roma (RM)
tel. 06.40043140
tel. 06.82004173
fax 06.82004181

REMOVE
clicca »

Distributori libri
leggi »

Dir. Generale
Fabrizio Cataldi
scrivi »

Web Developer
Guido Cataldi
scrivi »

Marketing Developer
Felice d'Endice
scrivi »

Community Developer
Mario Morales
scrivi »

Ufficio pubblicità
scrivi »

Redazione
scrivi »


Informativa per il trattamento dei dati personali legge 196/2003 (codice privacy) per consultare l'informativa collegarsi a: www.comunicazioneitaliana.it Qualora non desideriate ricevere in futuro comunicazioni da Comunicazione Italiana, potete opporvi tramite il seguente link. Potete altresì esercitare i diritti previsti dall'art. 7 del codice della privacy inviando un messaggio di posta elettronica all'indirizzo mittente, indicando gli indirizzi da cancellare. Un messaggio vi confermerà l'accoglimento della vs. istanza.

Html ottimizzato per browser Mozilla/Firefox
© Comunicazione Italiana by esCogito srl - riproduzione vietata

contactlab
   

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota