sabato 1 aprile 2006

Non sei raggiunto dall'ADSL? Ci pensa Include

Venerdì 24 marzo nella sede torinese di Anti Digital Divide www.antidigitaldivide.org è stata costituita di fronte ad un notaio la cooperativa Include.
Erano presenti 24 soci fondatori, in rappresentanza dei Sindaci, dei Comuni, di Anti Digital Divide, delle comunità montane, dei provider e della società civile.
La neonata cooperativa funzionerà come un gruppo d’acquisto per quanto riguarda la banda larga e i servizi informatici a valore aggiunto, provvederà a gestire il roaming sulle reti dei provider aderenti (anche per permettere il voip gratuito tra gli utenti Include) e potrà partecipare alle gare e ai bandi che le regioni e le province stanno emanando per ridurre il divario digitale. Nel direttivo sono rappresentati tutti i soggetti fondatori, è stato designato quale presidente Maurizio Gotta, per Anti Digital Divide e quale vicepresidente Alessandro Pianta, della società Wave-Tech, in rappresentanza dei provider. L’idea della Cooperativa, partorita da Anti Digital Divide, accomuna le esperienze maturate dai diversi soggetti, che si sono seduti ad un tavolo di confronto per trovare una soluzione che nascesse dai diversi punti di vista ed interessi in gioco.
 
La cooperativa non sarà un cerchio chiuso, nel prossimo futuro potranno aggiungersi partecipazioni di altri rappresentanti eticamente compatibili con lo scopo della stessa, per garantire ancora più "potere" mediatico e fisico, capillarità territoriale e nuove energie per portare avanti progetti innovativi, mirati ad annullare le discriminazioni che stringono in una morsa il futuro degli italiani, di TUTTI i cittadini italiani.
Proprio le persone saranno il centro del progetto Include, le stesse persone che hanno subito per anni il digital divide, che hanno dovuto fare i conti con ingiustizie e abusi delle compagnie. I principi su cui si basa la cooperativa mettono in primo piano la tutela degli utenti e la loro libertà di scelta tra i servizi, il rispetto dei principi di obiettività, trasparenza e non discriminazione. Si tratta di una cooperativa a mutualità prevalente il che vuol dire che i suoi clienti potranno essere sia soci che non soci, ma che il fatturato dovrà essere almeno per il 50 per cento costituito da prestazioni ai soci. Più soci ci saranno più zone si potranno coprire e maggiori saranno le possibilità degli utenti digital divisi di essere raggiunti dalla banda larga. Quindi grande importanza per la riuscita del progetto, hanno gli utenti, sia attraverso l’azione di sottoscrizione delle quote sia attraverso quella di divulgazione di notizie sul progetto Include, in modo da coinvolgere il più ampio numero di cittadini. Se tutte le persone non raggiunte dall’adsl sottoscrivessero anche solo un’azione si riuscirebbe a ridurre in maniera considerevole il digital divide.
 
Dal 25 marzo 2006 è possibile sottoscrivere le pre-adesioni per diventare soci della cooperativa i dettagli su come aderire sono presenti sul sito dedicato al progetto Include.
http://progettoinclude.antidigitaldivide.org
Il taglio minimo delle quote azionarie sarà di 25 euro.
Essere soci comporta diversi vantaggi, oltre ad aumentare la possibilità che la vostra zona sia coperta dalla banda larga, ad esempio, vi è la possibilità di ricevere utili (secondo quanto stabilito dalla legge) sulle quote sottoscritte, inoltre quando la vostra zona sarà coperta potrete risparmiare sulla bolletta telefonica, non pagando più il canone Telecom (circa 200 euro/anno) e telefonando gratis con gli utenti Include attraverso il Voip. Quindi si può considerare la sottoscrizione delle azioni come un investimento che porterà diversi vantaggi.
 
Questa iniziativa nata dal basso è un esempio di come la volontà e le buone idee possano pagare ed essere portatrici di speranze troppo spesso lungi dall'esser scorte. Include ha trasformato la protesta in azione, un’importante iniezione di fiducia in un paese che crede poco al valore delle energie dei singoli cittadini. Cinque persone hanno fondato un’associazione per protestare e chiedere attenzione sul problema del digital divide, sono riuscite a coinvolgere migliaia di persone e ad ottenere diversi risultati, ora si passa dalla protesta alla soluzione del problema, attraverso il progetto Include. Il successo di Include dipenderà dalla volontà degli utenti, che fino ad ora sono stati penalizzati e dimenticati, di non fermarsi solo alle proteste e lamentele ma, di passare all’azione sostenendo questo progetto.
Questo giorno è motivo di orgoglio per chi ha partecipato e lavorato per arrivarvi, ma è anche un grande successo di tutta la comunità di utenti Internet, l'entità motivatrice di Anti Digital Divide.
 

venerdì 31 marzo 2006

CNR: La salute si controlla sul telefonino


Grazie ad un software messo a punto dall'Ifc-Cnr, che consente il monitoraggio continuo e in tempo reale di alcune funzioni dell'organismo: dalla frequenza cardiaca alla pressione, dalla glicemia all'ossigenazione del sangue
 
 
Roma, 31 marzo 2006 - Le attese dal medico per effettuare un elettrocardiogramma o per il
controllo della pressione potrebbero presto diventare solo un brutto ricordo. Sarà infatti il nostro telefonino a dirci se la frequenza cardiaca è regolare o se ci sono rischi di ipertensione. A consentirlo un software per il monitoraggio remoto (continuo e in tempo reale) su telefono cellulare di segnali fisiologici, messo a punto dall'Istituto di fisiologia clinica (Ifc) del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa.
 
"Perchè il sistema funzioni", spiega Fabrizio Conforti dell'Ifc-Cnr, "serve un dispositivo medico interfacciabile via bluetooth (la tecnologia capace di far interagire dispositivi diversi senza collegamenti via cavo), portatile, meglio se indossabile, e capace di acquisire i segnali di interesse per il protocollo clinico; un telefono cellulare fa il resto. In pratica un cardiografo, un glucometro, uno sfigmomanometro (lo strumento per la misurazione della pressione), un pulsossimetro (apparecchio che consente d i misurare l'ossigenazione del sangue) o un'altra apparecchiatura medica possono interfacciarsi con un terminale mobile, il telefonino appunto, sul quale  stato installato il software di ricezione, visualizzazione, memorizzazione ed eventuale trasmissione (via Gprs o Umts) del segnale o di parametri da questo derivati. A questo punto", prosegue Conforti, "non resta che
installare, lato desktop, un'opportuna applicazione di monitoraggio per avere un controllo costante delle condizioni cliniche, da un punto di vista strumentale".
 
Basterà quindi avere con s un cellulare munito del software realizzato dall'Ifc-Cnr, collegato a un dispositivo medico specifico per la patologia da monitorare, per raccogliere costantemente dati sul proprio stato di salute; il telefonino, inoltre, in caso di anomalie e di alterazioni funzionali, sarà in grado di inviare un segnale di allarme, via sms, e-mail o altro, direttamente allo specialista o alla struttura medica collegata al sistema.
 
Attualmente gli strumenti medici disponibili per questa applicazioni non sono molti anche se cardiografi, sfigmomanometri, glucometri e pulsossimetri con le caratteristiche necessarie iniziano a comparire sul grande mercato del web.
 
Molti i vantaggi offerti dal ricorso a questo sistema. In presenza di problemi cardiaci, di diabete o di altri disturbi diventa ad esempio possibile sottoporsi ad un controllo continuo senza doversi recare in strutture ospedaliere o dal medico.
 
Per informazioni: Fabrizio Conforti, tel. 050/3152424,
cell. 3485175485 e-mail: conforti@ifc.cnr.it
 
Ufficio Stampa Cnr: Rita Bugliosi, tel. 06/49932021-3383,
e-mail: rita.bugliosi@cnr.it
 
Capo Ufficio Stampa
Marco Ferrazzoli
tel. 06.49933383 - 320/4328820
marco.ferrazzoli@cnr.it
www.stampa.cnr.it
piazzale Aldo Moro 7 - 00185 Roma

TURISMO: STANCA PRESENTA ITALIA.IT, LA VETRINA DIGITALE E INTERATTIVA SUL MONDO

TURISMO: STANCA PRESENTA "ITALIA.IT",

VETRINA DIGITALE INTERATTIVA SUL MONDO



Già disponibili on-line circa 20 mila schede e 32 mila strutture ricettive

A regime sarà in otto lingue: italiano, inglese, tedesco, francese, russo, spagnolo, cinese e giapponese




Roma, 31 mar - Il Belpaese si affaccia sul mercato turistico mondiale con una vetrina digitale interattiva che non solo mostrerà tutto il proprio enorme ed inimitabile patrimonio, ma aiuterà anche a recuperare le quote di mercato perse. Si chiama "Italia.it" il nuovo Portale Nazionale del Turismo che il Governo mette a disposizione anche delle Regioni, affinché lo implementino grazie anche ad un finanziamento statale di 21 milioni di €, presentato oggi in anteprima da Lucio Stanca, Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie, in un incontro a Palazzo Chigi, alla presenza del sottosegretario alla Presidenza, Gianni Letta, del Segretario generale della Presidenza del Consiglio, Mauro Masi, dei rappresentanti dei ministeri interessati, dell'Enit, del Comitato Nazionale del Turismo, di Sviluppo Italia e dei soggetti coinvolti.
"Con questa infrastruttura digitale, che a regime sarà in 8 lingue, l'Italia colma una lacuna e, soprattutto, si riposiziona in modo competitivo nel nuovo filone del web-turismo, che sta registrando notevoli tassi di crescita, mettendo in mostra nel mondo tutti i suoi 'gioielli' turistici, artistici, culturali, ambientali ed anche eno-gastronomici, un 'tesoro' che non ha eguali", ha detto il Ministro Stanca, ricordando che "il Portale Nazionale del Turismo si incastona nel più complesso Progetto Scegli Italia, deciso nel 2004".
Il ministro ha poi sottolineato che "il turismo è il nostro petrolio: rappresenta circa il 12% del Pil-prodotto interno lordo, coinvolge direttamente 270 mila imprese e altre 420 mila con l'indotto  ed occupa almeno 2,3 milioni di persone. Ma in questi anni l'Italia ha perso posizioni: dal primo posto al mondo per arrivi del 1970, ora siamo scesi al 4° (con una quota del 5%), dietro alla Francia (10%) alla Spagna (7%). Non solo, ma il 27% dei 'vacanzieri' italiani sceglie altri Paesi come meta delle proprie ferie, contro il 10% di francesi e spagnoli. E questo nonostante il nostro Paese disponga di un notevole potenziale attrattivo e del più ricco patrimonio culturale del mondo. Tra le diverse cause di questa perdita di competitività", ha aggiunto Stanca, "c'è anche il non aver colto appieno le rilevanti potenzialità delle nuove tecnologie digitali e di Internet, che hanno raggiunto una grande diffusione nei Paesi dai quali provengono i principali flussi turistici. Tanto che ormai il valore complessivo del mercato mondiale del turismo on-line si sviluppa con tassi di crescita annui del 30-40% e con un volume che per il 2005 è stato stimato in oltre 100 miliardi di €".
Per far fronte a questa situazione, in cui "pesa" la limitata dimensione degli operatori turistici nazionali (solo il 5% delle infrastrutture ricettive italiane è presente nei circuiti telematici mondiali), il Comitato dei Ministri per la Società dell'Informazione, presieduto dal ministro Stanca, ha avviato il programma "Scegli Italia" per aumentare l'attrattività del Sistema Italia anche attraverso una più ampia e strutturata offerta di contenuti digitali sulla Rete. Si tratta di una grande iniziativa di sistema fra Amministrazioni centrali, Regioni, Enti locali, Enit, Comitato Nazionale per il Turismo, associazioni di categoria, operatori del turismo, della cultura, ambiente, produzioni agro-alimentari e Made in Italy, che prevede la realizzazione del Portale Nazionale del Turismo, affidata ad Innovazione Italia, la società di Sviluppo Italia costituita per sostenere l'azione del Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie.
Stanca ha poi rilevato che Italia.it è contraddistinto da :
q      una vocazione internazionale con una impostazione multilingue che, per ora, comprende italiano ed inglese ma che, a regime, sarà anche in cinese, tedesco, francese, spagnolo, russo e giapponese, con la peculiarità che i contenuti di ciascuna versione linguistica vengono redatti ed esposti tenendo conto delle caratteristiche delle diverse culture;
q      una elevata integrazione e interoperabilità con tutti i portali delle Regioni arricchendoli di contenuti digitali e, quindi, elevando a livello internazionale la loro visibilità;
q      un modello aperto di possibile gestione dei contenuti con l'accesso da parte delle amministrazioni e degli operatori per la conduzione diretta dei propri contenuti;
q      un ricco patrimonio informativo di interesse turistico presentato sia in chiave geografica, sia in base ai vari temi di interesse per i potenziali turisti, soprattutto stranieri;
q      funzionalità interattive per consentire ai 'navigatori' un'effettiva utilità e la possibilità di individuare le proprie scelte di vacanza e di viaggio.
"Il Portale Italia.it", ha spiegato ancora il Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie nella presentazione in anteprima, "raccoglie il meglio delle esperienze internazionali".
Così, grazie ad una tecnologia leader a livello europeo, esso tra l'altro consentirà:
q      accesso fino a 110 mila operatori per l'aggiornamento dei loro contenuti digitali;
q      una ricerca avanzata delle disponibilità presso le strutture ricettive e l'integrazione con altri sistemi per la prenotazione on-line;
q      una cartografia dei punti di interesse;
q      mappe e itinerari (router planner) anche per percorsi tematici;
q      l'uso di un motore di ricerca evoluto basato su parole chiave per il suggerimento di contenuti e percorsi preferenziali;
q      orari e prenotazioni di viaggi aerei e ferroviari;
q      connessione con link esterni per approfondimenti a siti specializzati;
q      l'accessibilità e di scaricare gratuitamente strumenti assistivi per disabili (Legge Stanca);
q      la possibilità per gli operatori del settore turistico e gli enti locali di presentare la propria offerta e di aggiornare il calendario di spettacoli, manifestazioni ed eventi.
Il Ministro Stanca ha inoltre detto che, dopo che "il Governo ha costruito questa determinante e rilevante base documentale digitale ed interattiva con 20 mila schede e 32mila strutture ricettive on-line già disponibili, il futuro di Italia.it passa al Comitato Nazionale per il Portale Italia.it, a cui partecipano, oltre ai ministeri interessati, anche l'Enit, le Regioni e le associazioni di categoria".
Il 7 marzo scorso è stato firmato il decreto che stanzia 21 milioni di € per co-finanziare i contenuti digitali delle Regioni e che ha stabilito che la governance del Portale venga definita attraverso uno specifico Accordo di Programma tra il Ministro per l'innovazione e le tecnologie ed il Presidente della Conferenza dei Presidenti delle Regioni, atto già approvato il 28 marzo. Inoltre è stato pure sottoscritto il Protocollo d'intesa con l'Enit per consentirle di gestire direttamente il Portale al massimo entro due anni".
Insomma, ha concluso Stanca, "abbiamo finalmente colmato una evidente lacuna con gli altri Paesi concorrenti sulla scena turistica internazionale e oggi si è conclusa la prima fase e le decisioni future saranno prese dagli organismi appositamente predisposti per la gestione del Portale Nazionale del Turismo".

 
 
Testo e schede di presentazione del Portale sono disponibili sul sito www.innovazione.gov.it


MADE IN ITALY - URSO: ACCORDO CON ENEA PER INTERNAZIONALIZZAZIONE PMI

Si punta ad area Balcani e Nuova Europa

Al via comitato tecnico: finanziati progetti delle pmi su innovazione e ricerca

Roma, 31 marzo 2006 -Avviare interventi promozionali di partnership per l'internazionalizzazione delle imprese, elaborando e realizzando progetti integrati, anche attraverso attività di formazione professionale, prevalentemente mirati agli scambi, all'acquisizione di sistemi e tecnologie innovative, nonché alla realizzazione di joint-venture su mercati esteri di particolare interesse, soprattutto nell'area balcanica, nei Paesi di nuova adesione all'Unione Europea e nell'area del Mediterraneo. È questa la base dell'Accordo triennale sottoscritto dal Vice Ministro alle Attività Produttive con delega al Commercio Estero, on. Adolfo Urso e dal commissario straordinario dell'ENEA, Prof. Luigi Paganetto. Un accordo che dà il via anche alla nascita di un comitato tecnico paritetico che si muoverà su tre linee di indirizzo: definire il piano annuale degli interventi, monitorare l'andamento delle attività e valutare i risultati raggiunti.

"Un protocollo strategico" ha spiegato Urso "che completa il panorama degli accordi di settore che in questi anni abbiamo siglato con le associazioni di categoria e gli istituti di ricerca più avanzati. Con l'Enea il made in Italy si lancia con forza e determinazione sulla strada dell'internazionalizzazione puntando soprattutto sull'innovazione e la ricerca, due capisaldi che stanno alla base del futuro delle nostre PMI". Dal canto suo Paganetto, ha sottolineato che: L'ENEA può mettere a disposizione del MAP e del sistema produttivo italiano le sue competenze tecnico-scientifiche, energetiche, ambientali e di trasferimento tecnologico e l'esperienza maturata nella gestione di progetti complessi per iniziative in grado di favorire l'internazionalizzazione delle imprese nazionali, con l'obiettivo di rafforzarne la competitività promuovendo scambi di conoscenze, di innovazione e di tecnologia con istituzioni di ricerca ed industrie di altri Paesi".

"Il Protocollo d'Intesa ENEA-MAP  - ha concluso Paganetto -  consentirà di realizzare progetti internazionali in grado di coinvolgere le piccole e medie imprese italiane, favorendone l'aggregazione tra loro, rivolgendosi ai mercati esteri, in particolare ai Paesi che si affacciano sul Bacino Mediterraneo, compresa l'area Balcanica, ed i Paesi di nuova adesione all'Unione Europea".

-----------------------------------------------------
Dott.ssa Elisabetta Pasta
Responsabile Ufficio Stampa e Rapporti con i Media
Funzione Centrale Relazioni Esterne ENEA
Lungotevere Thaon di Revel, 76 - 00196 Roma

TEL.06/36272806 – 36272945 * FAX 06/36272286 * E-MAIL: uffstampa@sede.enea.it
 

giovedì 30 marzo 2006

CIPSI: CONVEGNO CHIAMA L'AFRICA


L’AFRICA E’  IN PIEDI CON VOLTO DI DONNA
Convegno, Ancona, 21 – 23 aprile 2006
convegno@chiamafrica.it - www.chiamafrica.it

Melandri, Chiama l’Africa: “Donne africane: è  tempo di imparare da loro, di ascoltarne le esperienze e i racconti di vita”.


Roma, 30 marzo 2006 – Si svolgerà ad Ancona dal 21 al 23 aprile 2006 il V Convegno Internazionale “L’Africa in piedi con volto di donna”. “L’Africa si muove e sono le donne spesso a garantire il cammino. Nell’organizzazione sociale, nelle istituzioni, nella società civile, il ruolo delle donne sta crescendo, nei paesi africani in modo ancora più evidente. E le  donne in Africa stanno prendendo coscienza del loro ruolo, fondamentale nel portare avanti la vita. Non considerare le donne africane vuol dire non capire niente di Africa. E’ tempo di imparare da loro, di ascoltarne le esperienze e i racconti di vita”, dichiara Eugenio Melandri, coordinatore nazionale della Campagna Chiama l’Africa, che organizza il convegno con il CIPSI –coordinamento di 35 Ong e associazioni di solidarietà internazionale-  la Provincia di Ancona, l’Università Politecnica delle Marche,  e altre organizzazioni e istituzioni locali e nazionali.  

Come nelle precedenti edizioni, la caratteristica del convegno è “dare voce alle dirette protagoniste del sud del mondo”,  quindi  la maggior parte delle relatrici è africana.   Arriveranno dalle differenti aree africane e si confronteranno con le centinaia di partecipanti che tradizionalmente partecipano a questo importante appuntamento.  Il convegno si aprirà venerdì 21 aprile con una prolusione dal titolo “Donne d’Africa”, con la partecipazione di Josephine Ouedraogo del Burkina Faso.
Sabato 22 aprile si svolgeranno tre sessioni: “Dire donna in Africa”, “Il fuso e la tela”, “Dire Dio al femminile in Africa”.  Domenica 23 aprile tavola rotonda “incontro tra donne europee ed africane”.
Durante il convegno sono previsti momenti musicali, culturali, di costume, con un Canto del griot – Pape Kanoutè e la sua kora-, uno spettacolo teatrale “Un giorno in Nigeria: 10 novembre 1995” degli Isola Quassud, un concerto del gruppo Mande e Pape Kanoutè.
 
Riportiamo alcune dichiarazioni delle partecipanti al convegno.
Jane Muguku Kenia:
“Noi in Africa diciamo che se educhi un bambini educhi un uomo, se educhi una bambina educhi una nazione. Nonostante questo, c'è ancora una forte discriminazione di genere in ambito educativo”.

Matilde Muhindo Mwamini, Repubblica Democratica del Congo: “Non vogliamo più la manipolazione maschile, vogliamo rivestire cariche perché ne abbiamo le competenze. La donna deve convincere per la sua serietà e per le sue capacità”.
Odile Sankara, Burkina Faso: “Oggigiorno in Africa si va diffondendo l'idea che, senza presenza di donne, non c'e' sviluppo economico, culturale, politico”.
Terezinha da Silva, Mozambico: “Il futuro in Africa è donna, a motivo dell’impegno che le donne svolgono in maniera partecipativa nella società civile».
Fatima Mahfoud Popolo Sahrawi:  "Le donne hanno un ruolo importante per il nostro popolo quando gli uomini erano in guerra contro il Marocco, sono state loro a dare vita ai campi, loro a organizzare scuole, ospedali, orti, insomma a garantire la sopravvivenza. Sono il cuore e il ventre della nostra gente. Sono riuscite a resistere al deserto interiore che qui, facilmente, ti può assalire”.

Josephine Ouedraogo Burikina Faso  “Il lavoro informale delle donne non è considerato nel prodotto interno lordo dei paesi africani; le politiche e le strategie dello sviluppo in vigore nella maggioranza dei paesi africani non ha lo stesso impatto sugli uomini e sulle donne”.

Scaricate il  programma definitivo e la scheda d’iscrizione … vi aspettiamo! www.chiamafrica.it

ORGANIZZATO DA
Provincia di Ancona, Agesci, Beati i costruttori di pace, Chiama l’Africa, Cipsi,  Comunità Volontari per il mondo, Conferenza Istituti Missionari in Italia, Emmaus Italia,  Misna, Centro Missionario Diocesano di Ancona, Missionari Scalabriniani, Pax Christi,  Rivista Solidarietà Internazionale

CON LA COLLABORAZIONE DI
Università Politecnica delle Marche e Centro Comunità africane della Regione Marche

V Convegno Internazionale
L'Africa in piedi con volto di donna
21/23 aprile 2006 -  Aula Magna Università Politecnica delle Marche
Segreteria organizzativa:  Cristina Formica, vl Baldelli 41 - 00146 Roma  065415730 - fax
0659600533 Mail: convegno@chiamafrica.it
Nicola Perrone
| Ufficio Stampa |  T 06.5415730 | F 06.59600533 | E ufficiostampa@cipsi.it | W www.cipsi.it   | M 3290810937

 

SCUOLA: DA SETTEMBRE PER 33 MILA STUDENTI STRUMENTI DIGITALI PER LE LEZIONI DI MATEMATICA E ITALIANO


Emesso con l’Ufficio Stampa del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

 

SCUOLA: DA SETTEMBRE PER 33 MILA STUDENTI STRUMENTI DIGITALI PER LE LEZIONI DI MATEMATICA E ITALIANO

La scuola digitale per gli studenti del nuovo millennio


30 marzo ’06 - Dal prossimo settembre 33 mila studenti potranno imparare la matematica e l’italiano anche con i supporti digitali, molto simili ai videogiochi. Si è conclusa infatti la procedura organizzativa di “DiGi Scuola”, la piattaforma digitale su cui saranno disponibili i contenuti digitali (learning object) in 550 scuole secondarie di secondo grado del Sud. Le nuove tecnologie dell’informazione hanno infatti modificato il modo di interagire, conoscere e comunicare. I giovani di oggi crescono in questa realtà: giocano, imparano e parlano usando il linguaggio digitale. La scuola fa suo questo linguaggio per comunicare meglio con gli studenti e offrire una didattica più efficace. Il progetto è stato promosso da Lucio Stanca, Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie e da Letizia Moratti, Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, per creare un ponte fra didattica tradizionale e nuove generazioni. “DiGi Scuola”, finanziato con 26 milioni di € dal CIPE e realizzato da Innovazione Italia, si propone di usare e sviluppare le nuove tecnologie a supporto della nuova didattica. La sperimentazione interesserà 550 scuole secondarie di secondo grado di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, coinvolgendo 3.300 docenti e 33 mila studenti.
Introducendo una nuova didattica basata sui learning objects, “Digi Scuola” interviene in modo sistematico sulle diverse componenti e sugli attori del processo di apprendimento, puntando anche alla formazione e alla dotazione informatica per gli insegnanti e per la classe, anche allo scopo di diffondere l’alfabetizzazione digitale nel Paese. I contenuti didattici digitali verranno pubblicati sulla piattaforma “DiGi Scuola” - la cui realizzazione è stata aggiudicata ad Engineering Ingegneria Informatica SpA - che costituisce un vero e proprio mercato elettronico di contenuti digitali.
L’introduzione dei contenuti digitali nella scuola è una innovazione paragonabile a quella determinatasi con l’adozione dei pc negli anni ‘90 e questo progetto di scuola digitale per gli studenti del nuovo millennio è la chiave di volta dell’innovazione nella didattica”, ha detto il ministro Lucio Stanca, ricordando che “la diffusione delle tecnologie digitali nel mondo della scuola rappresenta una delle più importanti sfide nel processo riformatore del mondo scolastico, che deve essere realizzato attraverso il rafforzamento della centralità del ruolo del docente. Con la creazione del ‘mercato elettronico’ si sviluppa un'industria italiana di contenuti digitali di qualità. Il mercato elettronico’ promosso da ‘DiGi Scuola’ costituisce inoltre per i fornitori di contenuti digitali una significativa ‘vetrina’ in tempo reale, ove porre gli aggiornamenti e le novità digitali, rispettando opportuni standard tecnologici ed assicurando la tutela dei diritti d’autore”, ha precisato il ministro.
Con questa iniziativa”, ha dichiarato il ministro Letizia Moratti, “prosegue il nostro programma di ammodernamento tecnologico per la scuola italiana, che già ci colloca con le numerose azioni finora intraprese ai primi posti a livello europeo. Le nuove metodologie didattiche digitali sono per i docenti un importante strumento di supporto all’insegnamento e, al tempo stesso, una metodologia di apprendimento stimolante per gli studenti, per i quali la cultura informatica rappresenta un passaporto indispensabile per il mercato del lavoro. Voglio ricordare”, ha aggiunto, “che in questi anni abbiamo realizzato circa 25.000 nuovi laboratori di informatica, distribuiti in 29.000 sedi scolastiche con un incremento del 35% rispetto al 2001, mettendo a disposizione degli studenti oltre 560.000 computer e incrementando il rapporto computer/studenti da 1/28 a 1/10, superando dunque la media europea di un computer ogni 13 ragazzi”.

Saranno i singoli docenti a scegliere, durante l'anno scolastico, un numero predefinito di learning object, sufficiente ad integrare la didattica e le attività in classe. Il progetto consentirà agli insegnanti di raggiungere più facilmente una serie di obiettivi quali: l’arricchimento dei contenuti; la diversificazione delle modalità di comunicazione e l’interazione con gli studenti; il rafforzamento della multimedialità della comunicazione grazie all’uso di computer, lavagna elettronica e videoproiettore digitale; la realizzazione di un ambiente di esercitazione gestibile direttamente dallo studente in classe, nelle aule informatiche della scuola oppure da casa.

La gestione dei contenuti digitali non rappresenterà per le scuole un aggravio burocratico in quanto gli “acquisti” on-line al “mercato elettronico” avverranno semplicemente “spendendo” i bonus messi a loro disposizione nell’ambito di “DiGi Scuola”.

Nell’ambito del progetto “DiGiScuola”, una specifica linea d’azione riguarda l’e-inclusion che, in linea con la Legge n.4 del 2004, nota come Legge Stanca, grazie all'impiego delle nuove tecnologie favorisce l'integrazione e l'inclusione nella vita scolastica degli studenti svantaggiati o stranieri, con particolare attenzione per gli alunni con difficoltà cognitive.
 
Informazioni dettagliate sul progetto sono reperibili nel sito : www.digiscuola.it <http://www.digiscuola.it>

 
 
Testo disponibile nel sito :www.innovazione.gov.it

 

Arriva Mobility Show, prima mostra-convegno delle tecnologieà urbana sostenibile.

I problemi connessi agli spostamenti sono enormi e condizionanti rispetto alla vita quotidiana ed alla salute dei cittadini: è necessario affrontarli con strumenti nuovi ed una “governance” adeguata. Su questi presupposti nasce Mobility show, in programma a Carrara dal 21 al 23 settembre; l’evento metterà in primo piano le politiche della mobilità e dell’ambiente presentando strumenti, servizi, infrastrutture e prodotti per la realizzazione della mobilità urbana.
“ Un’iniziativa alla quale la Regione Toscana guarda con grande attenzione– afferma l’Assessore ai trasporti Riccardo Conti – Siamo ben coscienti delle problematiche del TPL e della mobilità, che dev’essere sostenibile sul piano ambientale, economico e sociale, e garantita dal servizio pubblico. Mobility show sarà un’ottima occasione per riflettere sul quadro generale dei trasporti e sulle risposte tecniche e normative che gli Amministratori devono dare su di un settore ad altissima priorità.”
Il mercato della mobilità cresce di pari passo con lo sviluppo economico, e crescono le difficoltà di circolazione, la congestione del traffico e i problemi di inquinamento; d’altra parte la mobilità, singola e collettiva, è un diritto inalienabile.
“ Sulla base di queste criticità nasce la richiesta di infrastrutture, tecnologie e prodotti specifici che verranno mostrati nell’ambito della manifestazione” spiega il direttore di CarraraFiere Paris Mazzanti.
Un universo complesso, da affrontare insieme ai due Comitati - Scientifico e Promotore - che sono stati costituiti per la messa a punto di convegni ed altre iniziative di approfondimento su temi di grande attualità, quali: risparmio energetico e qualità dell’aria, nuovi sistemi di trasporto e veicoli a basso impatto ambientale, sistemi per la gestione integrata della mobilità urbana, diritto alla mobilità .
Mobility attiverà anche un “Forum permanente” di alto livello, per un confronto costante fra le diverse realtà – accademiche, istituzionali, produttive - interessate al settore della mobilità urbana.
Il Forum riporterà gli atti dei convegni presentati nell’edizione 2006, inclusi i contributi che perverranno successivamente. Agli Espositori sarà possibile prendere parte al Forum comunicando proprie esperienze ed attività di ricerca ed usufruire, al contempo, di una vetrina virtuale permanente.

Fonte: Uff Stampa Mobility Show

CONVEGNO SULLE LISTE DI ATTESA IN SANITA’:INTERVENGONO L’ASSESSORE REGIONALE BATTAGLIA E L’ON.LE CURSI

VENERDI’ 31 marzo, a partire dalle ore 15.30, presso l’hotel Holiday Inn Rome (via Castello della Magliana, 65), U.R.S.A.P. (Unione Regionale Sanità Privata della FEDERLAZIO) e ANISAP Lazio organizzano il Convegno:

“Liste di Attesa in Sanità: il ruolo della Medicina Specialistica Accreditata”

Interverranno, tra gli altri, il Presidente della Federlazio MASSIMO TABACCHIERA, il Presidente della URSAP-Federlazio CLAUDIA TULIMIERO MELIS, il Presidente dell’Anisap VITTORIO CAVACEPPI.
Concluderanno i lavori, alle 18.30 circa, l’Assessore alla Sanità della regione Lazio AUGUSTO BATTAGLIA e il Sottosegretario alla Sanità CESARE CURSI.

UFFICIO STUDI E COMUNICAZIONE
(Resp. Roberto Battisti – tel. 06.549121)

mercoledì 29 marzo 2006

Mash International: Universal Pictures Italia e Google Earth insieme per la campagna di marketing virale di lancio del DVD di King Kong

Mash International: Universal Pictures Italia e Google Earth insieme
per la campagna di marketing virale di lancio del DVD di King Kong

E' on line il sito www.findskullisland.com/it

Londra, 28 Marzo 2006 - Universal Pictures Italia presenta una
pionieristica campagna di marketing virale per celebrare il lancio del
blockbuster di King Kong in dvd - l'uscita più attesa dell'anno -
collaborando con Google Earth, nuovissimo tool di mappe e immagini
satellitari.

Dopo aver scaricato il programma Google Earth (all'indirizzo:
http://earth.google.com), come intrepidi esploratori gli utenti
potranno partire alla ricerca dell'enorme gorilla "in persona" su
scala globale, attraverso un minisito appositamente creato per
l'occasione e raggiungibile all'indirizzo
http://www.findskullisland.com/it. Gli esploratori si imbarcheranno
per un lungo viaggio, da New York fino ad uno dei luoghi più
inesplorati della terra - la mistica e insidiosa Skull Island -
fedelmente riprodotta utilizzando dettagliate immagini fornite
direttamente dallo Weta Digital Studio di Peter Jackson. Cercando i
"punti caldi", le zone sensibili all'interno di Skull Island, si
potranno scovare contenuti esclusivi del dvd di King Kong: una volta
trovato il "punto caldo" finale, gli esploratori che avranno
acquistato il DVD, avranno l'opportunità di inserire il loro codice a
barre per scoprire nuove, eccitanti e inedite clip esclusive.

Joao Queiroz, Direttore Marketing della Universal Pictures
International spiega: "Volevamo riflettere sia gli effetti visivi
rivoluzionari che le dimensioni epiche di King Kong e questa
partnership innovativa con Google Earth ci ha dato i mezzi per
realizzare il nostro proposito."

King Kong, uno dei blockbusters più acclamati dai box-office, ricco di
azione che colpisce al cuore e di effetti speciali mozzafiato, arriva
in Italia nei negozi il 29 Marzo 2006, distribuito dalla Universal
Pictures Italia.

per maggiori informazioni: Ufficio stampa Universal Pictures Italia:
Alessandra Migliorini/Manuela Plati
MN Srl, Gruppo Mediante
ROMA - Via Aniene, 14 - PH. +39-06-853763 FAX +39-06-8416192
MILANO - Corso Garibaldi, 50 - PH. +39-02-89015519 FAX +39-02-72018651
WWW.MNITALIA.COM

Francesca Pellegrini
Ufficio Stampa MASH INTERNATIONAL
francesca@mashinternational.com
Tel. 06 55301400

E' nata l'Associazione Ateneo Impresa NETwork


È NATA ATENEO IMPRESA NETWORK

L’Associazione che rappresenta oltre 3000 professionisti di Marketing e Comunicazione, ex Allievi della Business School Ateneo Impresa


Da un’esperienza condivisa di formazione nella Business School Ateneo Impresa..
Roma, 29 marzo 2006. Oggi presso la prestigiosa cornice di Palazzo Giannelli Viscardi a Roma è stata tenuta a battesimo Ateneo Impresa Network, Associazione degli ex Allievi di Ateneo Impresa, la nota Business School, che dal 1990 è punto di riferimento per l’alta formazione manageriale in Italia.
La nostra scuola è da anni leader nella formazione post lauream specializzata in Marketing e Comunicazione – osserva Romolo De Stefano, Presidente di Ateneo Impresaed è un osservatorio privilegiato sulle evoluzioni in atto nel mercato del lavoro che ci consente di cogliere segnali e cambiamenti con particolare riferimento alle professioni emergenti”.

..nasce A.I.NETwork: oltre 3.000 giovani talenti e professionisti di marketing e comunicazione
In questi anni, nei diversi Master e Corsi di Alta Specializzazione dell’Istituto sono stati formati e quindi avviati alla carriera professionale oltre 3.000 giovani talenti provenienti da tutte le regioni italiane.
Oggi molti ex Allievi sono diventati professionisti apprezzati nel mondo della comunicazione integrata, del marketing, e non solo.
Un medesimo passato formativo, simili competenze ed expertise hanno dato vita ad un ‘sentire comune’, da cui è nata la volontà di costituire un'Associazione Non Profit, che ha il fine di sviluppare interazioni e collaborazioni, lavorative e solidali, per una comune e continua crescita professionale, relazionale e umana.

Obiettivo: sviluppare collaborazioni e la continua crescita professionale, relazionale e umana.
Proprio da questa condivisione di esperienze prende il via il nuovo ‘net-work’, una ‘rete per il lavoro’, dove gli ex Allievi di Ateneo Impresa diventano protagonisti di un fitto intreccio di connessioni.

Tra i primi obiettivi dell’Associazione – ha affermato Cristina Massara Presidente di A.I.NETwork - c’è la volontà di promuovere un rapporto osmotico e interattivo tra i manager e i professionisti d’impresa già affermati e i loro colleghi più giovani, nonché i ragazzi appena usciti dai Master e Corsi di Alta Specializzazione di Ateneo Impresa, individuando un comune terreno di cooperazione professionale e reciproco scambio di conoscenze”.

A.I.NETwork promuove un ciclo di conferenze sulle professioni emergenti: il CSR Manager.
Subito dopo la presentazione del logo dell’Associazione, nella giornata si è tenuta la prima di una serie di conferenze che mirano all’individuazione di nuove figure professionali emergenti.

Al seminario su “La Responsabilità Sociale come Strumento di Governo d'Impresa e di Comunicazione” hanno partecipato Pierfrancesco Baldassarri, uno dei maggiori esperti in Italia di CSR (Corporate Social Responsibility) Management, Ilaria Catastini, Vice Presidente di Hill & Knowlton Gaia e Socio fondatore di Anima – Unione Industriali di Roma, Armando Barone, Media Relation and Corporate Communication di Vodafone e Nicoletta Vulpetti, CSR Consultant e consulente aziendale del progetto futuro@femminile realizzato da Microsoft Italia, in collaborazione con Hewlett Packard Italia e Accenture.

La Corporate Social Responsibility
La responsabilità sociale d’impresa, è emerso nel convegno, è innanzitutto cambiamento culturale del fare impresa che orienta la strategia aziendale anche alla luce delle istanze sociali e ambientali.
Francesco Baldassarri ha evidenziato come “dal punto di vista della comunicazione la CSR rappresenta un vero e proprio cambiamento di paradigma e in questo contesto la ricerca del consenso diviene una conseguenza e non l’obiettivo della comunicazione”.

La comunicazione della Corporate Social Responsibility – ha ribadito Ilaria Catastini - deve servire a mettere in contatto il mondo imprenditoriale con la società civile. Ed è in questo senso che i professionisti della comunicazione devono lavorare”.

Futuro@lfemminile è un ottimo esempio di quello che per un’impresa significhi una strategia improntata alla CSR. - ha affermato Nicoletta Vulpetti - Il progetto, nato per iniziativa di Microsoft e realizzato in collaborazione con Accenture e Hewlett Packard, vuole valorizzare il contributo che le nuove tecnologie possono dare nell’aiutare le donne ad esprimere il loro potenziale, un territorio non più solo maschile, ma alleata e al servizio delle donne”.

Il ruolo del CSR Manager – ha concluso Baldassarriè quello di dialogare con i professionisti delle singole are aziendali, cogliere le informazioni rilevanti e portare il suo contributo per la definizione di un piano di sostenibilità che valorizzi i piani industriali delle singole aziende”.

Ateneo Impresa Network
Palazzo Giannelli Viscardi - C.so Vittorio Emanuele II, 18 - 00186 Roma
tel.: 06.69920231 – fax: 06.69922515
email: network@ateneoimpresa.it
sito: www.ateneoimpresanetwork.it

Responsabile Relazioni Esterne
Andrea Pietrarota, cell.: 347.8271841 email: apietrarota@gmail.com skype apietrarota

FreeForumZone entra del network Leonardo.it


Comunicato del 27 Marzo 2006

FreeForumZone è lieta di annunciare a tutti i suoi utenti che è entrata a far parte del network Leonardo.it.
Un portale ricco di servizi che, grazie anche a FreeForumZone, acquisirà una maggiore rilevanza nazionale di cui anche voi ne farete parte.
Presto potenzieremo le nostre macchine guadagnando sinergicamente in efficienza e traffico disponibile specialmente negli orari più intensi della giornata.
Su FreeForumZone tutto diventerà più ricco ed ancor piu' efficiente, fermo restando quello che è stato costruito fino adesso. Difatti la proprietà ed i referenti resteranno i medesimi, soprattutto per quanto riguarda il vostro ruolo fondamentale nella comunità: i vostri suggerimenti saranno sempre ben accetti e, come riteniamo, fondamentali per lo sviluppo di FreeForumZone. Anche i layout e la grafica dei forum resteranno invariati.
Per una perfetta integrazione il dominio diventerà http://freeforumzone.leonardo.it <http://freeforumzone.leonardo.it> . Resterà comunque funzionante per alcuni giorni anche http://www.freeforumzone.com permettendo l'adeguamento graduale a questa nuova realtà. Dopodiché i vecchi link saranno automaticamente reindirizzati sul nuovo dominio.

Come abbiamo già accennato in alcuni messaggi, è già iniziato lo sviluppo della nuova versione dei forum. Le novità saranno importanti, e coinvolgeranno ogni aspetto della comunità. Analizzando ogni vostra proposta ed ogni vostro suggerimento, stiamo introducendo molte innovazioni che aumenteranno i servizi a disposizione degli utenti, e gli strumenti per poter amministrare al meglio i forum. Tra questi ricordiamo una gestione completamente rivista e rinnovata degli utenti che partecipano al forum, di tutte le opzioni di amministrazione e moderazione. Ci sarà poi una maggior funzionalità per quanto riguarda le categorie interne ai forum, con la possibilità di creare anche sottocartelle, una gestione dei permessi di accesso molto più completa, la possibilità di iscriversi alle discussioni per ricevere la notifica via email degli aggiornamenti, una ricerca interna molto potenziata, e molto altro ancora.
Saremo in grado di offrire più servizi tra cui: album fotografici; calendari sui quali inserire propri eventi; spazi per news e tagboard; giochi e sondaggi ristrutturati per una perfetta integrazione con la comunità.

Siamo entrati insieme a far parte di una grande realtà ed il merito è tutto vostro!

Grazie per aver fatto di FreeForumZone la piu' grande comunita' virtuale in lingua italiana.
Abbiamo ancora della strada da fare in termini di novita' e di servizi, ma tutti insieme possiamo sicuramente farcela.

Per informazioni o domande cliccate qui <http://www.freeforumzone.com/viewmessaggi.aspx?f=1&idd=29338>


RIASSUMENDO:

- Il dominio diventerà http://freeforumzone.leonardo.it (già funzionante)
        Es. Forum Assistenza      ->   http://freeforumzone.leonardo.it/viewforum.aspx?f=1
                                                     http://freeforumzone.leonardo.it/?1
   (i vecchi indirizzi saranno reindirizzati sui nuovi in maniera automatica e comunque resteranno funzionanti per molto tempo)

- Nessun cambiamento per quanto riguarda LAYOUT e GRAFICA del proprio forum.

- Il server delle immagini resterà il medesimo http://img.freeforumzone.it <http://img.freeforumzone.com>

NOTE PER GLI ADMIN:

- Avvisare gli utenti di accettare i cookie dal nuovo dominio http://freeforumzone.leonardo.it
- Aggiornare i codici


 

Questo messaggio è stato inviato alla vostra email in ottemperanza al Decreto legislativo 196/03 in quanto utente registrato a www.freeforumzone.com <http://www.freeforumzone.com>  e amministratore di forum.
Per non ricevere altre newsletter, effettuate il login, accedete al "Profilo", impostate "No" accanto alla voce "Mailing list FFZ Admin". Per cancellarvi da Freeforumzone, effettuate il login e dal "Profilo" cliccate sul pulsante "Cancellati" a fondo pagina.



------ Fine del messaggio inoltrato

WORKSHOP ENEA: ENERGIA, AMBIENTE E MEZZOGIORNO. Politiche e tecnologie per i distretti ed il territorio

                                                                                   

WORKSHOP ENEA

ENERGIA, AMBIENTE E MEZZOGIORNO
Politiche e tecnologie per i distretti ed il territorio
 
ENEA
Lungotevere Thaon di Revel 76, Roma

5 Aprile 2006  

Le politiche tese ad incentivare l’efficienza energetica ed il ricorso alle fonti rinnovabili possono divenire leve per l’innovazione tecnologica delle imprese e offrire opportunità di sviluppo socio-economico, incrociando fabbisogni e opportunità inespresse.
In Italia la bassa intensità energetica, dovuta a  ragioni strutturali e climatiche, rende difficile e oneroso il perseguimento di innovazioni volte all’ulteriore miglioramento dell’efficienza energetica, a differenza di altri paesi europei che con i progressi raggiunti stanno erodendo spazi di competitività alle nostre produzioni. Le piccole e medie imprese risentono più direttamente di questi problemi che si sommano all’elevato costo dell’energia da esse sostenuto e, nel Mezzogiorno, alla carenza di avanzati servizi energetici e ambientali. La sfida sul futuro si gioca pressoché interamente sulla capacità e tempestività delle Regioni nel cogliere le opportunità che offre la futura programmazione alla luce delle potenzialità di fabbisogni dei rispettivi territori. Sono quindi le Regioni le prime protagoniste di questa sfida.
Il workshop, organizzato dall’ENEA e dal Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione del Ministero dell’Economia e delle Finanze, intende promuovere un confronto sulle iniziative in atto e sulle prospettive programmatiche, anche alla luce della recente normativa sui distretti produttivi.
Obiettivo dei lavori, infatti, è quello di fare emergere le strategie e i modelli di maggiore successo, che abbiano valenza innovativa e tecnologica e che contribuiscano allo sviluppo sostenibile dei sistemi economici locali meridionali esaltandone le vocazioni territoriali.


PROGRAMMA PRELIMINARE

14,00     Introduzione - Fabrizio Barca, MEF e  Luigi Paganetto, ENEA
 
14,30    L’energia come priorità dello sviluppo sostenibile nella programmazione 2007-2013 - Paola De Cesare, MEF
 
14,50     Opportunità tecnologiche e di contesto - Giorgio Palazzi, ENEA
 
15,10 Storie di successo dai distretti e dal territorio

15,40 Le politiche regionali nel settore delle fonti rinnovabili - Luciano Calvarese, Coordinamento interregionale per l’energia
 
16,00 Aspetti ambientali e territoriali - Domenico Lemma, Coordinamento interregionale per l’ambiente
 
16,20 Ambiente e Mezzogiorno – Corrado Clini, MAP
 
16,40  Intervento di Alessandro Porta, Presidente Distretto Produttivo di Bari
 
17,00 “Made in Italy dei distretti produttivi e tecnologia - Beniamino Quintieri, Cabina di regia per il “Made in Italy”

17,20  Dibattito

17,50  Conclusioni - Fabrizio Barca, MEF e  Luigi Paganetto, ENEA
 
18,30  Chiusura dei lavori  

martedì 28 marzo 2006

Ufficio Stampa Aethra: La videocomunicazione entra nel mondo del golf

Ufficio Stampa Aethra: La videocomunicazione entra nel mondo del golf

Aethra e Absolute Golf insieme esportano golf e videocomunicazione in Cina

Due aziende italiane leader di mercato, uno degli sport più apprezzati
negli ultimi anni e il Paese più popolato al mondo: sono questi gli
ingredienti che hanno permesso di porre i vantaggi della
videocomunicazione al servizio del Visa China Golf Challenge 2006, il
Circuito di golf iniziato in questi giorni (dal 18 marzo al 27 maggio
p.v.) tra Shanghai, Shenzhen e Pechino. E' la prima volta che la
videocomunicazione è utilizzata all'interno di un circuito di golf,
riflettendo come questa tecnologia non sia più prerogativa di ambienti
business ma uno strumento efficace in qualsiasi contesto e tipologia
di evento in cui sia utile comunicare a distanza in modo completo -
ossia a livello video, audio, dati - e professionale.

Organizzato da Absolute Golf, www.absolutegolf.it, la più importante
società italiana di golf e tra i principali punti di riferimento
mondiali per questa disciplina sportiva, Visa China Golf Challenge
2006 prevede dodici tappe durante le quali è possibile per i
partecipanti utilizzare la tecnologia di videocomunicazione per
collegamenti con i propri uffici e i propri collaboratori presso
l'ufficio di Shanghai di Absolute Golf che si trova a Room 1701, floor
17, Huai Hai China Tower, 885 Ren Min Road.

La collaborazione tra Absolute Golf e Aethra, leader nazionale per la
videocomunicazione e tra i principali player internazionali nel
settore, è nata dall'esigenza di far comunicare quotidianamente gli
uffici di Padova e Shanghai di Absolute Golf per organizzare attività,
eventi internazionali e circuiti mondiali. Oggi la possibilità di
effettuare meeting in videoconferenza è disponibile anche per tutti i
soci e clienti di Absolute Golf cha da Padova o da Shanghai possono
collegarsi in qualsiasi momento senza dover lasciare i campi da golf
per videocomunicare con i propri collaboratori a distanza.

Absolute Golf è la prima società europea che ha organizzato eventi
amatoriali di golf in Cina per i manager cinesi e ora, la possibilità
di fornire videoconferenze con altri uffici nel mondo con cui i
manager soci possono avere necessità di comunicare tempestivamente,
offre un vantaggio in più che permette di coniugare nella stessa
giornata, meeting di lavoro a distanza con l'attività sportiva sui
campi da golf. Oltre all'alta qualità dei prodotti e alla lunga
esperienza nelle telecomunicazioni, la scelta della tecnologia Aethra
di videocomunicazione è stata anche legata alla possibilità di
usufruire di supporto e installazioni tempestive grazie al link
diretto della sede centrale di Aethra, ad Ancona, con le proprie sedi
cinesi a Pechino, Shanghai e Shenzhen.

Molteplici sono i progetti che le due società italiane stanno
elaborando insieme per usufruire dei vantaggi offerti dalla
videocomunicazione in altri circuiti internazionali di golf e, in
particolare, per la finale del World Corporate Golf Challenge che si
svolgerà a ottobre su una nave da crociera dove saranno presenti tutti
i manager finalisti del circuito.

Per maggiori informazioni: Ufficio Stampa Aethra
Francesca Galeazzi
francesca.galeazzi@aethra.com
+39-071 2189742

Il nuovo esecutivo della Federazione Ipasvi: Annalisa Silvestro riconfermata alla Presidenza

Il nuovo esecutivo della Federazione Ipasvi: rinnovamento nella continuità

Annalisa Silvestro è stata riconfermata alla Presidenza della
Federazione Nazionale dei Collegi Ipasvi per il prossimo triennio. E'
Direttore del servizio Assistenziale tecnico sanitario e riabilitativo
dell'Azienda Usl di Bologna.

Sarà affiancata da Gennaro Rocco (Roma) alla Vicepresidenza, da
Barbara Mangiacavalli (Pavia), alla segreteria e da Franco Vallicella
(Verona) alla Tesoreria. Del nuovo Comitato centrale fanno parte
Marcello Bozzi (Ancona), Danilo Massai (Firenze) e Loredana Sasso
(Genova).
Il Collegio dei Revisori dei conti è composto dea Saverio Andreula
(Bari), Michele Fortuna, (Lecce) e Vincenzo Gargano (Palermo); membro
supplente Pier Paolo Pateri (Cagliari).

"Rinnovamento nella continuità: è questo il segnale che ci indicano
con forza i risultati delle elezioni per il rinnovo degli Organismi
dirigenti della federazione - ha commentato Annalisa Silvestro - i
Presidenti dei nostri collegi provinciali, nel riconfermarci la
fiducia, hanno espresso il loro consenso al lavoro svolto nel
precedente triennio, che è stato coronato da risultati tangibili,
quali la recente approvazione della legge sugli Ordini delle
professioni sanitarie.
Infatti siamo tutti consapevoli che le conquiste ottenute sul piano
normativo siano da consolidare, da sviluppare e da tradurre in
concrete applicazioni che migliorino gli standard assistenziali, i
modelli organizzativi e la valorizzazione professionale e contrattuale
degli infermieri. Il contributo che ci aspettiamo dai colleghi oggi
impegnati nel loro primo mandato è un investimento in tale direzione.
Al lavoro, dunque, nell'interesse della professione, ma soprattutto
dei cittadini".

per maggiori informazioni: Alina Pinelli
ADN Kronos Comunicazione
Tel 06 5807567 cell 338 7408884

Mash International/Medita: Universal presenta King Kong in DVD dal 29 marzo

Mash International/Medita: Universal presenta King Kong in DVD dal 29 marzo

La più straordinaria e spettacolare avventura dei nostri tempi!

- Disponibile in disco singolo, in UMD e nella Limited Edition a 2
dischi, in una confezione speciale contenente scene inedite ed un
ricchissimo dietro le quinte.

Dal prossimo 29 marzo arriva in DVD l'avventura epica per eccellenza,
uno dei più straordinari successi al Box-office internazionale: KING
KONG.

Il tre volte Premio Oscar(r) Peter Jackson, regista di una pietra
miliare come la Trilogia de "Il Signore degli Anelli", ha firmato una
storia carica di emozioni, di suspance, di azione, pericolo e con
effetti speciali da togliere il fiato.

Il DVD è disponibile in disco singolo e nella Limited Edition a 2
dischi, arricchita da un artwork appositamente realizzato dalla Weta,
società di produzione Premio Oscar(r) che ha curato gli effetti
speciali del film. La Limited Edition offre al pubblico la possibilità
di vedere Kong anche da nuovi e inediti punti di vista, portando lo
sguardo dentro la realizzazione di due fantastici mondi - Skull Island
e la New York City del 1933 – e rappresenta un'opportunità
interessante di condividere la visione di Peter Jackson.

"King Kong è uno di quei rari capolavori che ci ricordano il grande
potere immaginifico e visionario del cinema", sono le parole di Craig
Kornblau, Presidente degli Universal Studios Home Entertainment. "Dal
primo fotogramma Peter Jackson e il suo team ci trascinano in una
indimenticabile avventura che non solo crea suspance ma tocca
profondamente a livello emotivo. Siamo orgogliosi di portare questo
film unico al pubblico dell'home entertainment".

"E' quando ho visto King Kong sul grande schermo per la prima volta
che ho desiderato diventare un filmmaker". Così Peter Jackson racconta
il fascino che King Kong ha sempre esercitato su di lui fin da quando
era soltanto un bambino. Nel 1970, infatti, a 9 anni, Peter vede il
film nella versione classica del '33 e decide di diventare regista.
"Quella di King Kong è una storia che ha avuto su di me un impatto
profondo e l'idea di riportarla sul grande schermo è stata un sogno a
lungo accarezzato e che ora è diventato realtà. Il lavoro che ho
realizzato per la edizione DVD mi ha permesso di condividere con il
pubblico questa incredibile esperienza e di dare rilievo allo
straordinario apporto del cast artistico e tecnico".
King Kong presenta un cast eccezionale che include Naomi Watts
(Nomination all'Oscar(r) per "21 grammi"), Jack Black ("School of
Rock"), il premio Oscar(r) Adrien Brody ("Il Pianista"), Colin Hanks e
Andy Serkis (Trilogia de "Il Signore degli Anelli"), che ha prestato
il suo corpo al gigantesco gorilla.

Peter Jackson ha riadattato la sceneggiatura originale del 1933
insieme alle amiche e fedeli collaboratrici, le Premio Oscar (r) Fran
Walsh e Philippa Boyens.
King Kong, oltre ad avere incassato più di 500 Milioni di dollari in
tutto il mondo, ha conquistato 4 Nomination agli Oscar(r) 2006
(Miglior Scenografia – Miglior Sonoro – Miglior Montaggio Sonoro –
Effetti visivi), e ne ha vinti 3 (Miglior Sonoro – Miglior Montaggio
Sonoro – Effetti visivi) .

Un film epico da non perdere, per tutti gli amanti dell'avventura, di ogni età.

Rivisitazione in chiave moderna della favola de La Bella e la Bestia,
King Kong racconta di una giovane attrice in cerca di lavoro e di
successo, Ann Darrow (Naomi Watts) e di un produttore cinematografico
ambizioso e senza scrupoli, Carl Denham (Jack Black), che partono alla
volta di una misteriosa isola in Estremo Oriente. Lì scoprono un mondo
dimenticato e inesplorato dove vive Kong, un gigantesco e selvaggio
gorilla che si innamora della ragazza proteggendola dai molti pericoli
dell'isola. Anche Ann inizia a nutrire affetto per il gigantesco
animale, ma la loro reciproca empatia è destinata ad un tragico
epilogo.

DIETRO LE QUINTE DEL FILM

La Limited Edition (2 dischi) permette allo spettatore di condividere
il mondo fantastico di Peter Jackson e la realizzazione della grande
avventura epica di King Kong insieme a tutto il cast tecnico e
artistico del film.

- Introduzione speciale di Peter Jackson

- I diari della post-produzione del film (152 minuti circa)
Peter Jackson ci porta in un indimenticabile viaggio insieme a Naomi
Watts, Jack Black, Adrien Brody e l'intera troupe di King Kong. Oltre
3 ore di visione per questo esclusivo backstage!

- La natura dell'isola del teschio (17 minuti circa)
Nella misteriosa isola del teschio con Peter Jackson e la sua troupe.
Alla scoperta dell'origine dei suoi abitanti e delle mostruose
creature che la popolano.

- 1933. la New York di King Kong (28 minuti circa)
Vaudeville, grattacieli, l'Empire State Building e molto altro ancora
nella splendida New York degli anni '30.

SINOSSI

Il regista Premio Oscar(r) Peter Jackson (Trilogia de Il Signore degli
Anelli) regala a King Kong il suo grandioso immaginario
cinematografico. Naomi Watts, Adrien Brody e Jack Black sono
protagonisti di questo film spettacolare pieno di azioni mozzafiato,
creature terrificanti ed effetti speciali incredibili, mai visti
prima! Preparati all'emozionante azione di questa avventura epica sul
gorilla leggendario catturato su un'isola infida e portato nella
civiltà, dove dovrà affrontare la lotta finale per la sopravvivenza.

Per maggiori informazioni visitate il sito www.kingkongmovie.com
CAST TECNICO E ARTISTICO

Regia: Peter Jackson
Sceneggiatura: Fran Walsh & Philippa Boyens & Peter Jackson
Basato su una sceneggiatura di: Merian C. Cooper, Edgar Wallace
Prodotto da: Jan Blenkin, Carolynne Cunningham, Fran Walsh, Peter Jackson
Co-Prodotto da: Philippa Boyens
Direttore della fotografia: Andrew Lesnie, ACS, ASC
Scenografia: Grant Major
Montaggio: Jamie Selkirk, ACE con Jabez Olssen
Costumi: Terry Ryan
Musiche: James Newton Howard
Interpreti: Naomi Watts, Jack Black, Adrien Brody, Thomas Kretschmann,
Colin Hanks, Andy Serkis, Evan Parke, Jamie Bell

CARATTERISTICHE TECNICHE DISCO SINGOLO:

Aspect ratio: 2.35:1 – Anamorphic Widescreen
Audio: Italiano Surround 5.1 – Inglese Surround 5.1
Sottotitoli: Italiano – Inglese – Croato - Sloveno
Durata: 180 min c.a

CARATTERISTICHE TECNICHE LIMITED EDITION 2 DISCHI:

Disco 1: Il Film
Aspect ratio: 2.35.1 - Anamorphic Widescreen
Audio: Italiano Surround 5.1 – Inglese Surround 5.1
Sottotitoli: Italiano – Inglese – Croato - Sloveno
Durata: 180 min c.a

Disco 2: Contenuti speciali
Oltre 3 ore di materiale per scoprire i segreti degli effetti speciali
più all'avanguardia e la magia delle ricostruzioni dell'Isola del
Teschio e di New York.

- Introduzione speciale di Peter Jackson
- I diari della post-produzione del film dal n. 55 al 90 (152 minuti circa)
- 1933. la New York di King Kong (28 minuti circa)
- La natura dell'isola del teschio (17 minuti circa)

Aspect Ratio: 1.77 – Anamorphic Widescreen
Audio: Inglese Dolby Surround
Sottotitoli: Italiano – Inglese – Croato - Sloveno

Data di uscita: 29 marzo 2006

Disponibile in noleggio in DVD singolo e in vendita in DVD singolo,
UMD e Limited Edition a 2 dischi.

CURIOSITA'

- Il grido di King Kong è stato creato combinando il ruggito di un
leone con quello di una tigre.
- Andy Serkis è l'attore che ha dato le movenze a King Kong grazie
alla tecnica di animazione digitale MOTION CAPTURE. Per rendere più
realistica la sua interpretazione ha speso più di tre mesi a osservare
e imitare i gorilla.
- Adrien Brody ha personalmente interpretato le scene di stunt
dell'inseguimento in automobile.

per maggiori informazioni: Francesca Pellegrini
Ufficio Stampa MEDITA - MASH INTERNATIONAL
Tel. +39 06 55301400
E-mail francesca@mashinternational.com
pellegrini@medita.com

Turin Hotels International e Coopsette

Un nuovo hotel a cinque stelle nel cuore di Genova
 
Dopo oltre vent’anni di assenza la città riavrà un albergo di lusso: Coopsette promuove la riconversione del palazzo ex-Ilva di via Corsica
 
Un investimento da 30 milioni di euro, la cui gestione sarà affidata a
“Turin Hotels International”: apertura prevista a settembre 2007

Genova, 28 marzo 2006

                                                                                                                                                    
E’ dal 1985, con la chiusura dell’hotel Columbia di Principe, che Genova non ha più un albergo a cinque stelle: l’attesa è destinata a finire l’anno prossimo. E’ prevista infatti nel settembre 2007 l’apertura del nuovo hotel “Bentley” di via Corsica, nel quartiere di Carignano, all’interno dell’edificio che per anni ha ospitato la sede dell’Ilva.
 
Il promotore dell’intervento di riqualificazione dello storico palazzo, in disuso da tempo, è Coopsette, mentre a gestire la nuova struttura sarà Turin Hotels International azienda torinese che opera nel settore alberghiero e della ristorazione, rivolta in particolare al segmento lusso, su scala internazionale.
 
Verrà così finalmente colmata una grossa lacuna della città, che da oltre un ventennio non dispone di un albergo ad elevato standard qualitativo, rivolto a una clientela di alto livello.
 
L’investimento complessivo per il nuovo albergo categoria “cinque stelle lusso” ammonta a circa 30 milioni di Euro. I contenuti dell’iniziativa sono stati presentati oggi a Palazzo Tursi, sede del Comune di Genova, dal sindaco Giuseppe Pericu, dall’assessore all’Edilizia privata Roberta Morgano, dal presidente di Turin Hotels International Amato Ramondetti e dal direttore commerciale di Coopsette Gianluigi Lino.

 
Un po’ di storia
Il palazzo di via Corsica venne realizzato nel 1929 come sede per la società Ilva da Giuseppe Crosa di Vergagni, architetto genovese di nobili origini, autore anche della fontana di piazza De Ferrari (1934, poi modificata nel 2001) della sede del Regio Yacht Club Italiano, e di vari palazzi, in particolare in via Fieschi e piazza Dante, e ville cittadine.
L’intera opera di Crosa di Vergagni, che fu allievo di Gaetano Moretti e anche presidente del Sindacato Architetti durante il regime fascista, viene ritenuta conservatrice, razionalista e “gradevolmente tradizionalista”, pur nell’adesione ai modi decò tipici del primo Novecento.
Nel caso del palazzo Ilva intento del committente, la più grande industria siderurgica italiana, fu quello di avere una sede prestigiosa che sottolineasse, anche nel suo aspetto estetico, l’importanza della nascente industria siderurgica di Stato. Il progettista realizzò quindi un palazzo tradizionale di proporzioni eleganti, arricchito da decorazioni e elementi architettonici tipici dell’ambiente genovese.
Le due facciate principali su via Corsica e via Ilva (tracciata appunto all’epoca della costruzione della sede della società, e ad essa intitolata) hanno una struttura classica e si rifanno alla tradizione modernista tedesca. Rivestite in marmo verde, con lesene e fregi scolpiti, ispirati ai temi del lavoro operaio e delle acciaierie, presentano finestrature sottolineate da elementi in marmo chiaro.
 
La ristrutturazione
L’intervento di ristrutturazione dell’edificio di via Corsica non sarà un’operazione invasiva e ne manterrà comunque l’unitarietà, con il ripristino dell’aspetto originario e, addirittura, l’eliminazione delle trasformazioni apportate in passato.
La ristrutturazione prevede la realizzazione di camere e suite, dotate di particolari standard di comfort e arredamento: in particolare le suite, situate al piano attico, saranno dotate anche di terrazze.
Gli interventi saranno effettuati nel rispetto dei valori architettonici dell’edificio, nella salvaguardia dei canoni stilistici dell’epoca originaria, in particolare per le facciate principali che rimarranno pressoché inalterate. All’interno verrà mantenuto il parziale riempimento del cavedio ai piani più bassi, effettuato durante le modifiche degli anni passati per ottenere nuovi locali.
Particolari impegno e cura verranno dedicati nella scelta e nella realizzazione di impianti e finiture, fondamentali per il raggiungimento degli standard qualitativi richiesti da strutture alberghiere di alto livello.

 Il sindaco Pericu: “Genova sarà migliore e più attrattiva”

“Sono molto lieto della prossima realizzazione di un nuovo hotel a Genova, negli spazi di quello che in città è noto come l'ex palazzo dell'Ilva, in via Corsica” dichiara il sindaco di Genova, Giuseppe Pericu. “La città di Genova in questi ultimi anni ha rinnovato la propria immagine e l'ha saputa rilanciare a livello internazionale. Il turismo - sia tradizionale sia congressuale - sta assumendo sempre maggiore importanza, e conseguentemente la nostra ricettività deve adeguarsi ai nuovi target e alle mutate esigenze. Un positivo miglioramento in questo senso è stato registrato in occasione del ruolo di Genova ‘Capitale europea della cultura’ nel 2004; ma occorre fare di più. Genova deve poter essere in grado di fornire un'accoglienza adeguata a tutti i livelli. Per questo siamo particolarmente soddisfatti di questo progetto che doterà nuovamente Genova di un hotel a cinque stelle. L'ultimo albergo di questa categoria, il Columbia, aveva cessato l'esercizio alla fine degli anni '80. L'apertura del nuovo Bentley hotel costituisce un ulteriore passo in avanti per rendere la nostra città migliore e sempre più attrattiva.”
 
Come sarà l’albergo
 
·       99 camere, di cui 10 suite ed una suite presidenziale

·       ristorante ‘a la carte’ da 100 coperti

·       lounge bar

·       3 sale convegni da 25, 50 e 70 posti

·       centro benessere da 150 mq

·       circa 100 dipendenti

·       garage


La strategia di sviluppo di Turin Hotels International è caratterizzata da due aspetti fondamentali” spiega il presidente Amato Ramondetti: “la scelta di strutture in Italia, facenti parte del nostro patrimonio storico e artistico, e la volontà di diffondere all'estero il prestigioso marchio ‘Made in Italy’ nel settore dell’ospitalità.
 
Il binomio ‘tradizione e riconversione’, ha avuto un esordio positivo per noi con il Golden Palace di Torino, ricavato nel palazzo che fu sede della Toro Assicurazioni: riteniamo di poter ripetere lo stesso successo a Genova…”.
 
Per informazioni:
CHIAPPE REVELLO ASSOCIATI Tel. 010.566334 - Riccardo MASNATA (cell. 328.6654792)
TURIN HOTELS INTERNATIONAL Tel. 011.5151911 - Paola PIACENZA
 
 

 

TURIN HOTELS INTERNATIONAL COLLECTION


GOLDEN PALACE”, Torino TURIN PALACE HOTEL”, Torino GRAND HOTEL SITEA”, Torino LOCANDA DEL SANT’UFFIZIO”, Cioccaro di Penango (AT) BENTLEY HOTEL”, Genova EXCELSIOR PALACE HOTEL, RapalloGRAND HOTEL SANTA LUCIA”, Napoli GRAND HOTEL ORIENTE”, Napoli SAN DOMENICO PALACE HOTEL”, Taormina EXCELSIOR GRAND HOTEL”, Catania, “RISTORANTE SAVINI”, Milano.

VICINI A VOI, LONTANI DAI LUOGHI COMUNI






Peliti Assocociati: ACE, Macchie e Maccheroni

Peliti Assocociati: ACE, Macchie e Maccheroni.

      10 vincitori e 1 “superchef” riscoprono i sapori italiani.


 Con un verdetto unanime della giuria presieduta dagli esperti di enogastronomia Beppe Bigazzi e Luigi Cremona, si è concluso il concorso ACE, Macchie e Maccheroni che invitava tutti gli italiani, aspiranti chef e amanti della buona cucina a creare e inviare una ricetta originale, ispirata alla tradizione culinaria regionale.

Al concorso hanno partecipato centinaia di consumatori di tutte le regioni italiane e di ogni età che con molta simpatia e voglia di mettersi in gioco hanno accettato la sfida di Ace. L'amore e la passione per la cucina regionale, tendenza affermata tra i grandi chef italiani che si sta esprimendo con rivisitazioni stimolanti, trova conferma nei risultati del concorso, ricette più o meno originali confermano il mito del Belpaese da sempre simbolo della buona cucina.

“I risultati del concorso sono stati positivi con tante ricette di qualità dagli antipasti ai primi, insieme alla conoscenza delle tradizioni regionali; ci ha sorpreso in particolare, la grande partecipazione da parte degli uomini” afferma Gianluca Iannelli marketing manager di ACE, “confermando che la cucina casalinga non è più solo appannaggio delle donne. Altra curiosità emersa nella selezione delle ricette è che la maggior parte di partecipanti al concorso ha puntato su un primo piatto a base di pasta a conferma del fatto che tra gli italiani, nonostante le tentazioni etniche e l'affermazione crescente dell'abitudine al piatto unico, i maccheroni sono intramontabili”. Accanto alle ricette culinarie, sono state proposte molte ricette curiose e fantasiose del pulito. “Creatività e fantasia” aggiunge Iannelli, “non mancano agli italiani. In cucina quando si tratta di creare un manicaretto e in casa quando si tratta di restituire il pulito dopo un' allegra mangiata”.

Tra tutte le ricette culinarie ricevute, la vincitrice assoluta, per qualità, tipicità regionale e originalità è firmata da Claudia Rubin, piemontese di Trofarello in provincia di Torino che ha proposto “Bignè con patate ai funghi porcini e tartufo d'alba”.

Molte delle ricette sono state degne di nota, infatti solo dopo attente riflessioni i giurati all'unanimità hanno scelto la ricetta piemontese. “Abbiamo apprezzato la precisione della ricetta nella descrizione della preparazione, l'aderenza al territorio per la scelta degli ingredienti e la sua facile riproducibilità anche per una cucina di casa” afferma Luigi Cremona, ed inoltre “quello che ci ha colpito è che in tutte le ricette inviate emerge una cultura gastronomica improntata sul principio della semplicità e della salvaguardia degli aromi e dei sapori, una tradizione gastronomica che ultimamente sembrava più facile lodare e amare che praticare. Leggendo le ricette si è invece rafforzata la nostra convinzione che è iniziato un nuovo rinascimento gastronomico fatto di attenzione per la qualità e la genuinità delle materie prime” conclude Beppe Bigazzi.



Gli altri 10 vincitori sono, in ordine di provenienza geografica:
-       Henry Binder da Gorizia con Gnocchi Antica Carnia,
-       Graziella Pippione Pomello di Asti con Lasagnette alla Bagna Cauda,
-       Norma Carminati di Bergamo con Polenta Bergamasca e coniglio,
-       Anna Lusa di Ravenna con Bassotti,
-       Alberto Ambrogi di Macerata con Calcioni,
-       Marilena Tallini di Frosinone con Sagne e fagioli,
-       Sonia Virgilio da Foggia con Minestra di fave e cicoria,
-       Antonella Lozito di Bari con Tubettini patate e cozze alla tarantina,
-       Barbara Sottile di Messina con Melenzane alla Garibaldina,
-       Maria Rita Massidda da Sassari con Lumache con le patate.

Dal 31 marzo al 30 giugno 2006 ACE continua il suo viaggio alla scoperta dei sapori italiani e lancia la seconda edizione del concorso “Macchie e Maccheroni”.
Gli aspiranti chef questa volta sono invitati ad inviare la loro ricetta culinaria “preferita” e una ricetta del pulito per eliminare la gamma infinita di macchie più o meno ostinate che si producono cucinando e… gustando! Il concorso premierà 10 vincitori a livello nazionale e darà un riconoscimento ad altri 10 fortunati estratti a sorte.

I vincitori, selezionati a insindacabile giudizio di una giuria saranno proclamati entro luglio 2006 e riceveranno un soggiorno di due giorni in un agriturismo per due persone a scelta tra sei strutture disponibili in Piemonte, Toscana e Puglia; ai dieci vincitori estratti a sorte verrà regalata una fornitura di prodotti assortiti ACE.

Per Partecipare al concorso ACE, MACCHIE E MACCHERONI basta inviare la ricetta preferita e il rimedio del pulito unitamente ai dati personali a: Concorso Ace “Macchie e Maccheroni” c/o Full Service - Via Laurentina km 22,400 - 00040 Pomezia (Roma).
Il regolamento completo del concorso è consultabile sul sito www.ace.info.





Per informazioni

Procter & Gamble                                                        Peliti Associati
Relazioni Esterne                                                       Ufficio Stampa
Stefano Chiarazzo                                                       Claudia Trillo
Tel. 06 50972481                                                        Tel. 02 20480015 chiarazzo.s@pg.com                                             infopeliti@peliti.it

per maggiori informazioni: Claudia Trillo
Peliti Associati
0220480015
infopeliti@peliti.it

T-Systems Italia, protagonista di Innovation Forum 2006

T-Systems Italia: la necessità di pensare all’innovazione


   
(IMMEDIAPRESS) - Roma, 28 marzo 2006 – T-Systems Italia partecipa, in qualità di Platinum Sponsor, a Innovation Forum 2006 - il primo learning show nazionale dedicato all’impatto dell’innovazione tecnologica, allo sviluppo dell’occupazione e alla nuova competitività del Sistema Paese.

“In un mondo in continua evoluzione, in cui la tecnologia riveste un ruolo sempre più importante, l’innovazione diventa una leva strategica cui Imprese e Management devono guardare con sempre maggior interesse”, afferma Ferenc Szelényi, CEO di T-Systems Italia. “Una Società come T-Systems, che ha messo al centro del proprio business il concetto di innovazione, non può certo mancare a un appuntamento di tale portata” continua Szelényi. “Personalmente, ritengo sia fondamentale riflettere sull’andamento economico di un Paese al fine di individuare nuove soluzioni che siano sempre più evolute ed efficaci, così da consentire un ripresa forte del mercato, anche in termini di investimenti ICT”.

In questa direzione va la case study che sarà illustrata all’interno del Panel “Convergenza e Multicanalità”, relativa alla doppia convergenza tra VoIP e soluzioni di mobilità. “Questo progetto rappresenta lo stato dell’arte delle TLC ed è un vero e proprio fiore all’occhiello per T-Systems”, commenta Federico Protto, Telecommunications Services Director di T-Systems Italia. “Siamo, infatti, riusciti a combinare la convergenza tradizionale – composta, com’è noto, dal flusso di dati e fonia, tra cui il VoIP, su un’infrastruttura IP in ambiente Campus – con la convergenza fisso mobile basata su modalità “dual mode” GSM/UMTS-WiFi. Questa soluzione business è stata pensata per offrire un servizio di altissimo livello ai clienti, ottimizzando i costi e massimizzando i risultati”, conclude.

T-Systems in Italia
T-Systems, oggi attiva in Italia con 682 dipendenti nelle sedi di Assago-Milanofiori, Mestre, Mirandola (MO), Napoli, Roma e Vicenza, ha espresso nel nostro Paese nel 2004 un fatturato di 188,3 milioni di Euro, 175 dei quali generati da T-Systems Italia e 13,3 da T-Systems Spring Italia.

T-Systems è oggi riconosciuta come uno dei maggiori Outsourcer Globali, contando su uno dei più grandi Data Center in Italia (il primo del Gruppo Deutsche Telekom fuori dai confini tedeschi): 25.000 MIPS, 270 TB, 5.500 server, 13.000 client e 50.000 Utenti SAP gestiti.

Capace di coniugare standard tecnologici all'avanguardia grazie ad una profonda conoscenza dei processi di business nei diversi settori di mercato, T-Systems mette a disposizione dei propri Clienti capacità uniche nel campo dello "strategic sourcing" unite ad innovativi modelli di misurazione dei Service Level Agreement.

Per rispondere con successo alle nuove sfide che l'attuale mercato delle telecomunicazioni pone, la Società offre inoltre soluzioni e servizi di connettività caratterizzati da altissima qualità, sia a livello nazionale sia internazionale. Grazie all’infrastruttura proprietaria TGN (Telekom Global Network), basata sulla più moderna tecnologia al mondo, T-Systems si posiziona come uno dei principali player in Italia per l’offerta di VPN (Virtual Private Network).

T-Systems
T-Systems è uno dei maggiori provider europei che opera nel settore delle tecnologie informatiche e delle telecomunicazioni (ICT).  All’interno del Gruppo Deutsche Telekom, T-Systems si occupa del segmento dei clienti business che comprende sia le medie e grandi imprese, sia le multinazionali nonché le istituzioni pubbliche. L’azienda conta 52.000 dipendenti in oltre 20 Paesi in tutto il mondo e ha registrato nel 2005 un fatturato di circa 12,9 miliardi di Euro.
T-Systems ottimizza i processi e riduce i costi per i propri clienti, assicurando loro una maggiore flessibilità funzionale ai relativi core business, grazie all’uso mirato della propria esperienza e all’utilizzo di tecnologia all’avanguardia. I servizi offerti abbracciano tutti i livelli della catena di valore delle tecnologie informatiche e delle telecomunicazioni, dalle infrastrutture e dalle soluzioni ICT fino alla gestione dei processi aziendali.
Per ulteriori informazioni sull’azienda ed i suoi servizi, visitate il sito www.t-systems.com.

per maggiori informazioni: Contatti T-Systems Italia S.p.A.:
Press and Media Relations
Tel:    +39 (0) 2 8924 8255
Fax:    +39 (0) 2 8924 8469
E-mail: paola.pavero@t-systems.it

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota